Anche Infostrada si concentra sulla convergenza

Il gruppo Wind presenta i risultati ottenuti nel corso dell'anno e dichiara: siamo pronti per l'IPTV

Milano – Anche nel dizionario di Wind-Infostrada c’è la parola “convergenza”: l’operatore si dichiara presente all’appello delle aziende in grado di proporre alla propria clientela offerte “triple” e “quad-play”, IPTV compresa.

Khaled Bichara, direttore della Business Unit Fixed & Portal del gruppo Wind, premette però che “i servizi che offriamo servono per migliorare la vita degli utenti, perché possano fare meglio, a casa come in ufficio. Per questo vogliamo caratterizzarci con offerte chiare, competitive e semplici, senza costi nascosti e, soprattutto, scelta di prodotti e tariffe specifiche”.

“È la convergenza voce-internet alla base del nostro successo” precisa Bichara, che snocciola i risultati conseguiti nell’anno non ancora chiuso: le linee in unbundling aumentate del 51% (749mila unità) e i clienti a banda larga a quota 700mila (+ 42%).

Convergenza, spiega l’azienda, si declina in IPTV, triple play, o quad play, vale a dire l’offerta congiunta di voce, dati, video e telefonia mobile. “Ma senza che la tecnologia prenda il sopravvento sui bisogni dei clienti” dichiara il manager, che spiega la filosofia perseguita da Wind: “Ciò che è importante per l’utente non è tanto utilizzare il GSM, l’UMS oppure il WiFi, ma la qualità della chiamata, e che i servizi siano affidabili. Dal nostro osservatorio risulta avere maggior peso la convergenza tra Internet e il fisso, piuttosto che quella tra il fisso e il mobile”.

Infostrada è quindi pronta a partire anche con i servizi di intrattenimento legati all’IPTV, ora in fase di sperimentazione prima del lancio commerciale, “che avverrà nei primi mesi del 2007”. L’azienda precisa che la piattaforma per la televisione su protocollo IP è già stata acquistata “ed è la migliore disponibile sul mercato”. Tra i content provider spicca il nome di Sky , con cui Wind dichiara di aver già realizzato numerosi test e con il quale è in corso di definizione un bouquet di contenuti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • frantavo scrive:
    Telecom Italia, Linea Più e l'ADSL
    Ancora una volta la Telecom ha sfornato una nuova proposta commerciale. Nulla di male in questo, se non che continua a lasciare isolati i piccoli paesi con l'ADSL. Si parla tanto, di servizi integrati, VoIP, banda larga, quando ci sono comunità intere come il mio comune San Benedetto Ullano - Cosenza - che non riesce ad avere l'ADSL. Inutili sono state le richieste scritte e telefoniche da parte dell'amministrazione comunale, aziende e cittadini alla Telecom per la copertura.Insomma, i piccoli paesi, e permettetemi di dire, quelli del Sud in particolare, vengono lasciati alla sbando, ignorati dalle scelte economiche e commerciali della nostra cara vecchia Telecom.
    • Anonimo scrive:
      Re: Telecom Italia, Linea Più e l'ADSL
      ce ne sono molti anche al nord e le percentuali di copertura son completamente FALSE in quanto prendono a titolo di copertura il comune e non le frazioni!!! altro che 10000000 di digital divisi...sono decisamente molti di più gli italiani senza ADSL!!! questo è un paese che non merita più di stare in Europa! E' un paese morto e sepolto!
      • cirifischio scrive:
        Re: LADRI legalizzati...
        - Scritto da:
        ce ne sono molti anche al nord e le percentuali
        di copertura son completamente FALSE in quanto
        prendono a titolo di copertura il comune e non le
        frazioni!!! altro che 10000000 di digital
        divisi...sono decisamente molti di più gli
        italiani senza ADSL!!! questo è un paese che non
        merita più di stare in Europa! E' un paese morto
        e
        sepolto!Sfondate una porta aperta, purtroppo.Ma come avete ben visto neanche questo governo ha avuto le palle per dividere Telecom e l'inciucio con il Mortadella la dice lunga, moooolto lunga.Una soluzione sarebbe il Wi-Fi se avete l'appoggio del Sindaco basterà trovare una società disponibile e così Telecozz va a farsi friggere.Speriamo che fallisca il più presto possibile perché finché resta in vita si alimenta della linfa degli altri.GOVERNANTI! Questa che leggete qui è l'Italia, non quella su cui poggiate il culo a Montecitorio!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 novembre 2006 21.24-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti