Anche Mailgate tiene fuori VirgilioTIN

Il sistemone Usenet e Computerville concordano con quanto deciso dal GCN per tenere alla larga dai newsgroup posting abusivi provenienti da tin.it e interbusiness.it. Il problema è difendere Usenet, parte vitale della rete


Roma – Tempi duri per VirgilioTIN: dopo la “scomunica” da parte del Gruppo Coordinamento News (GCN) per quella che viene considerata una “malagestione” degli abusi rilevati sui newsgroup della gerarchia.it, a Punto Informatico Mailgate e ComputerVille hanno confermato le proprie policy che, in linea con quanto deciso dal GCN, tendono a bloccare una buona porzione dei posting su Usenet provenienti dai news server del provider del Gruppo Telecom Italia.

ComputerVille – hanno scritto a Punto Informatico i suoi gestori – aderisce già dal 22 dicembre allo schema di configurazione proposto dal GCN, Gruppo di Coordinamento News it.*, per i newsgroup moderati tramite i server news.computerville.it e news2.computerville.it”. Secondo ComputerVille, le proprie politiche antispam “non permettono l’inazione di fronte al comportamento di gestori di server che non si adoperano per mantenere Usenet “usabile”.”

Per questo, a partire dalla vigilia di Natale, i news server di ComputerVille “non processano più i control message provenienti da TIN e Interbusiness, ciò nel quadro di una serie di azioni di difesa dell’intera comunità Usenet, ambito nel quale ciascun sito ha il diritto di escludere dai propri sistemi gli altri siti che risultano non cooperativi rispetto alle esigenze di tutela comune.”

“In accordo con la policy applicata da ComputerVille e con le raccomandazioni del GCN – ha scritto anche Mailgate – dal 1 Gennaio 2002 anche i server news di Mailgate non processano più i control message provenienti dai server news dei domini tin.it e interbusiness.it in attesa di riscontri da parte dei relativi gestori.” Secondo Dario Centofanti, responsabile di Mailgate, “a queste azioni del GCN hanno aderito inoltre, con altri specifici provvedimenti, alcuni dei principali server news italiani ed europei”.

Come si ricorderà, della gestione degli abusi da parte di VirgilioTIN si è parlato a lungo sui newsgroup e la decisione del GCN, presa a ridosso del Natale, era nell’aria da tempo. Nei prossimi giorni Punto Informatico spera di poter pubblicare su queste pagine la posizione del provider Telecom rispetto a questa incresciosa situazione, che si traduce in un mancato servizio per i propri utenti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    CD anticopia e SO "alternativi"
    Ho il CD di Natalie Imbruglia, che mi e' stato reg x natale, e include la famosa protezione cactus.Volevo sapere come mai sotto win mi e' impossibile leggerlo con con il lettore CD di win, ma devo ricorrere al player sul cd mentre sotto linux lo stesso tipo di applicazione lo legge tranquillamente. qualcuno sa il perche'?
    • Anonimo scrive:
      Re: CD anticopia e SO
      - Scritto da: pikappa
      Ho il CD di Natalie Imbruglia, che mi e'
      stato reg x natale, e include la famosa
      protezione cactus.Volevo sapere come mai
      sotto win mi e' impossibile leggerlo con con
      il lettore CD di win, ma devo ricorrere al
      player sul cd Quel player riprocuce un file.cds e non le tracce del cd audio.E' fatto così in modo che win non lo possa riprodurre come cd audio.mentre sotto linux lo stesso
      tipo di applicazione lo legge
      tranquillamente. qualcuno sa il perche'?Linux probabilmente non legge la TOC del cd e quindi legge le tracce audio
  • Anonimo scrive:
    MSG x il webmaster
    Per favore togli i messaggi OT grazie
  • Anonimo scrive:
    Stephen King, scrittore, è morto a 55 anni
    Ho appena sentito una brutta notizia alla radio - lo scrittore Horror/Fantascienza Stephen King è stato trovato morto nella sua abitazione nel Maine questa mattina. Nessun altro dettaglio. Sono certo che mancherà a tutta la comunità di Punto Informatico - anche per chi non ha apprezzato le sue opere, è innegabile il suo contributo alla cultura popolare. Una vera icona di questo tempo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Stephen King, scrittore, è morto a 55 anni
      Ho appena letto su http://www.horror.it/king/200010.htmlche quello che è morto è l'uomo che lo aveva investito.
  • Anonimo scrive:
    Amici...
    AHRArhahra!!!!
  • Anonimo scrive:
    About CD
    Tutto questo invogliare ancora di più le copie illegali, tanto non c'è e non ci sarà mai un sistema infallibile anticopia!E' inutile mettere la museruola a un cane, perchè quando la togli ti becchi un bel morso
  • Anonimo scrive:
    ho capito tutto....
    Le case discografiche voglio rilanciare il NASTRO!La cara e vecchia musicassetta!D'ora in poi i cd saranno solo un'immagine della musica che contengono. Per ascoltare il contenuto si dovra ricopiare su cassetta, e dalla cassetta si potranno fare le copie su CD.Non cambièrà un gran che, ma almeno potranno dire di aver impedito la copia al volo dei CD audio!Ciao!
    • Anonimo scrive:
      Re: ho capito tutto....
      In teoria basterebbe attaccare alla scheda sonora del PC (line in), un lettore CD e utilizzare un software di registrazione comune.HO acquistato l'ultimo di Gazze' e posso ascoltarlo solo in auto... a casa non ho lo stereo ma solo il pc... che nervi!!!!ciao!
      • Anonimo scrive:
        Re: ho capito tutto....
        anche il cd di tiziano ferro e´ protetto ma l hanno scritto ,in piccolino ma l hanno scritto..
      • Anonimo scrive:
        Re: ho capito tutto....
        - Scritto da: Francesco
        In teoria basterebbe attaccare alla scheda
        sonora del PC (line in), un lettore CD e
        utilizzare un software di registrazione
        comune.Si ma così facendo perdi qualità perchè non fai una copia bit per bit e quindi non ottieni un cd uguale all'originale ma fai ben 2 conversioni prima una D/A dal lettore cd alla scheda audio e poi successivamente una A/D fatta dalla tua scheda audio. Se poi aggiungi una perdita dei volumi originali ti ritrovi con una cosa che non suona per nulla come l'originale.
        HO acquistato l'ultimo di Gazze' e posso
        ascoltarlo solo in auto... a casa non ho lo
        stereo ma solo il pc... che nervi!!!!Se non c'è scritto nulla sulla confezione riguardo alla protezione e al fatto che non lo puoi usare sul pc , fossi in te lo riporterei dove l'ho acquistato facendomi rimborsare i soldi
    • Anonimo scrive:
      Re: ho capito tutto....
      - Scritto da: Manuel
      Le case discografiche voglio rilanciare il
      NASTRO!
      La cara e vecchia musicassetta!
      D'ora in poi i cd saranno solo un'immagine
      della musica che contengono. Per ascoltare
      il contenuto si dovra ricopiare su cassetta,
      e dalla cassetta si potranno fare le copie
      su CD.
      Non cambièrà un gran cheE invece cambia se passi il CD sulla cassetta già fai un taglio di banda, la cassetta se buona mi pare arrivi fino a 16,5 khz mentre il CD arriva se non erro a 22 Khz circa, poi mettici pure il tipo di lettore cd che hai, se hai un lettore pessimo fai una cattiva conversione D/A oltre a tutto ciò sballi il volume originale, quindi hai un prodotto per nulla uguale all'originale.
  • Anonimo scrive:
    Direzione sbagliata
    Creare una tecnologia a prova di copia e' un costo che le aziende lasceranno comodamente ricadere sul consumatore. C'erano due strade: diminuire i prezzi e cercare di impedire la copia. Hanno scelto la seconda, che tra l'altro contribuira' ad ALZARE i prezzi, non il contrario. Insomma, vorrete mica che ci perdano, questi signori?Buon 1936,27 a tutti,Koichi
  • Anonimo scrive:
    che effetto ha la protezione ?
    Mi chiedevo ma che effetto ha la protezione del cd sulla qualità dell'audio? Se si sentissero peggio di quanto si sentono ora (a causa della protezione) e ci sono già ora cd senza protezione che sono stati registrati maluccio, che ragione avrei di comprare il cd originale considerata la cifra esosa che costa? Poi se non posso farmi una coppia di backup e il cd originale si riga cosa faccio lo sento male o ne compro un'altro? chi farebbe un'investimento così?Ed ancora mi viene in mente un'altra cosa: le ditte che fanno il sistema di protezione dei cd lavorano gratis o dovremo pagare noi per questo sitema che ci impedisce la copia di backup?Non ci sarebbe una soluzione ottimale per tutti ovvero abbassare il prezzo dei cd ?
    • Anonimo scrive:
      Re: che effetto ha la protezione ?
      Ha l'effetto che io ho deciso di non comprare più CD.O perlomeno non comprare quelli protetti.
      • Anonimo scrive:
        Re: che effetto ha la protezione ?
        - Scritto da: TeX
        Ha l'effetto che io ho deciso di non
        comprare più CD.
        O perlomeno non comprare quelli protetti.bene allora siamo in 2...spero che ce ne siano molti altri...si dovrebbe mettere su una bella pagina dovec'e' l'elenco dei cd protetti, in modo da non farsifregare dalle scrittine...qualcuno ha gia' postato dei msg di cd protetti con tanto di scritta ma invisibile....chissa' come mai, forse hanno paura di perdere clienti...
        • Anonimo scrive:
          Re: che effetto ha la protezione ?
          In effetti una bella lista ci vorrebbe:ad esempio io ho visto in vendita ilnuovo CD di Natalie Imbruglia e incuriosito ho dato un'occhiata allacustodia. Non ho trovato alcuna etichettao scritta che avvertisse del sistemaanticopia. O il sistema non c'è oppurequesti signori stanno defecando sui diritti dei consumatori. Su *tutti* ilettori CD del mondo (ho detto tutti,controllate) c'è un piccolo marchio, sempre uguale (compact disc).Apporre quel marchio è obbligatorio e lesocietà che producono i dispositivi pagano delle royalties a Philips e Sony.Proprio perchè quel dispositivo leggei CD, semplice. Incorpora una datatecnologia. Egualmente, se ci fate caso,tutti i lettori Cd o masterizzatori hanno*sempre* la rotellina del volume ed iljack per le cuffie. Anche questo è*obbligatorio*. Se io compro un Cd audiodevo poterlo ascoltare in un qualsiasidispositivo dotato del marchietto compactdisc.In caso contrario il consumatoredeve essere avvertito, perchè il supportonon é "de plano" compatibile con lespecifiche compact disc.Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: che effetto ha la protezione ?
            Guarda sul retro del cd della Imbruglia le ultime scrittine riportano la seguente dicitura "2001 Cactus Data Shield 200 by ecc ecc"
          • Anonimo scrive:
            Re: che effetto ha la protezione ?
            ...accnon lo avevo visto!Quando ritorno al negozioci farò attenzione.Devono averlo scritto bello piccino :-)Grazie per la segnalazione.Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: che effetto ha la protezione ?
            Però scusa, ripensandoci, come fa un utente comune a capire cosa vuoledire quella scritta?Il 99% della gente non ha la più pallida idea di cosa voglia dire"Cactus data shield".Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: che effetto ha la protezione ?
            - Scritto da: Prospero
            Però scusa, ripensandoci, come fa
            un utente comune a capire cosa vuole
            dire quella scritta?
            Il 99% della gente non ha la più pallida
            idea di cosa voglia dire
            "Cactus data shield".
            Lo sò ma se nessuno si lamenta tutto continua così
  • Anonimo scrive:
    Copiare schifezze?
    Tanto e' da almeno 5 anni che escono solo schifezze!E questo proprio grazie alla filosofia del profitto ad ogni costo delle majors, che pompano gruppi di plastica e lasciano a suonare nei garage chi ha qualche idea nuova... Quindi abbiamo a disposizione almeno 50 anni di buona musica copiabile o perlomeno acquistabile a prezzi decenti, percio' non mi preoccuperei troppo; inoltre qualsiasi sistema di protezione entro 6 mesi massimo vede nascere il relativo crack...
    • Anonimo scrive:
      Re: Copiare schifezze?
      Concordo pienamente con il tuo discorso, tranne che per il fatto del prezzo che anche per le cose vecchie non è così a buon mercato e poi sei sicuro che non proteggeranno anche le ristampe dei cd vecchi?Comuqnue se proteggono le cose nuove se la fanno a loro stessi xchè il ragazzino si accontenta di masterizzare il cd dall mp3 e non compra di certo il cd, chi compra il cd è chi vuole la qualità e vuole mantenerla tale e quale per sempre quindi ad esempio usa la copia di backup da infilare in auto se la copia non si può fare mi sa che non compra neppure il cd.Comunque se continua su questa strada la vedo male per tutti, noi consumatori ci perdiamo ma mi sà che anche molte nuove produzioni verranno ridimensionate.Mi sà che in futuro venderanno molto solo cd di gruppi che fanno musica di qualità e magari ci mettono un anno o più per fare un album, per tutti gli altri che magari fanno 1 cd al mese la vedo dura.
  • Anonimo scrive:
    ma anche sulle cassette c'è il sistema anticopia?
    certo che si, ho comprato di recente la cassetta e non il cd di Natalie Imbruglia sperando di non imbattermi nel famoso sitstema del CactuS..... contro la pirateria, ebbene anche qui c'è questo sistema che produce un trapanante fischio di sottofondo che rovina tutte le canzoni...possoo denunciarli???? mi rovinano Natalie.........
    • Anonimo scrive:
      Re: ma anche sulle cassette c'è il sistema anticopia?

      ebbene anche qui c'è questo
      sistema che produce un trapanante fischio di
      sottofondo che rovina tutte le
      canzoni...possoo denunciarli???? mi rovinano
      Natalie.........Ma dai, mica dirai sul serio?
    • Anonimo scrive:
      Re: ma anche sulle cassette c'è il sistema anticop
      - Scritto da: krank
      certo che si, ho comprato di recente la
      cassetta e non il cd di Natalie Imbruglia
      sperando di non imbattermi nel famoso
      sitstema del CactuS..... contro la
      pirateria, ebbene anche qui c'è questo
      sistema che produce un trapanante fischio di
      sottofondo che rovina tutte le
      canzoni...possoo denunciarli???? mi rovinano
      Natalie.........No. Non c'è nessun sistema anticopia. Probabilmente sono solo cassette registrate alla membro di segugio.
  • Anonimo scrive:
    la ragione se la prendono le maggiors.
    le tecnologie anti-copia non risulteranno effettivamente in contrasto con le leggi statunitensi ....credetemi
    • Anonimo scrive:
      Re: la ragione se la prendono le maggiors.
      ti credo.
    • Anonimo scrive:
      Re: la ragione se la prendono le maggiors.

      le tecnologie anti-copia non risulteranno
      effettivamente in contrasto con le leggi
      statunitensi ....credetemi Oh, io ti credo, ma temo che AT&T non sia dello stesso parere...
    • Anonimo scrive:
      Re: la ragione se la prendono le maggiors.
      in parte ci credo anche io....pero' spero che li colpiscano dove fa' piu' male...cioe' sui guadagni.E forse ci riusciranno perche' chi produce cd vergini masterizzatori ecc...ne approfittera' per non pagare piu' questa famosa tassa, che esiste da anni...e visto il giro d'affari e' molto grossa.Oltretutto una tassa un po'offensiva...difatti fa' passare tutti quelli che acquistano masterizzatori o player mp3 o cd vergini come pirati e i produttori di queste apparecchiature come loro complici....Alla fine spero che riescano a mettere le societa' audio/video contro i produttori di HW/masterizzatori/mp3 player ecc...l'unica cosa e' che forse alla fine si metteranno d'accordo in qualche modo...mah, spero che si scannino per un po'...cmq mi sembra giusta l'abolizione se permetteranno alle case discografiche di produrre cd anticopia...e forse ci penseranno perche' da una parte gli toglieranno un bel po' di soldi e dall'altra si troveranno con una protezione che probabilmente non durera' molto...
  • Anonimo scrive:
    Fatta la legge...
    "... se le case discografiche hanno l'intenzione di adottare tecnologie che precludono ai consumatori la possibilità di effettuare copie di backup, allora queste non hanno più alcun diritto di continuare a incassare royalty per ogni disco o cassetta vergini venduti..."Che a breve diventera':"... le case discografiche hanno l'intenzione di adottare tecnologie che precludono ai consumatori la possibilità di effettuare copie di backup, e inoltre i consumatori non hanno più alcun diritto di protestare per le royalty pagate per ogni disco o cassetta vergini venduti...":-))))))))))
  • Anonimo scrive:
    FP!
    FIRST POST!
    • Anonimo scrive:
      (Score : -1, Troll)
      - Scritto da: f1rst p0st!
      FIRST POST!frost piss
      • Anonimo scrive:
        bhò
        spero che paghino per i macelli che stanno combinando...ma come al solito chi paga saremo noisempre peggioooP.s. msg interno:ciao munehiro ti ricordi di me???su mirc...mi diresti il server ed il canale su cui chatti di solito per fare una chiacchierata?ciao
Chiudi i commenti