Android Wear non teme Apple Watch

Google si prepara alla battaglia con lo smartwatch di Cupertino con un aggiornamento corposo della piattaforma Wear: ora è più completa e, soprattutto, offre le stesse funzionalità di Apple Watch. Anche Microsoft guarda ai polsi degli utenti della Mela

Roma – Google ha annunciato l’ arrivo di un update per Android Wear , versione “wearable” dell’OS mobile che ora è in grado di offrire un’esperienza utente più ricca e con maggiori funzionalità. Dopotutto Mountain View se la dovrà presto giocare con Apple Watch , ennesimo successo annunciato della fabbrica dell’hype di Cupertino.

Non a caso, al pari del succitato Watch, la versione aggiornata di Android Wear integra ora il supporto per la connettività WiFi: in tal modo, uno smartwatch Wear può comunicare con uno smartphone Android a più ampia distanza rispetto alle comunicazioni Bluetooth – fermo restando che il telefonino dovrà essere necessariamente connesso a Internet, tramite WiFi o meno.

Il nuovo Android Wear è poi pensato per migliorare l’accesso e l’organizzazione delle app installate sullo smartwatch, per convertire i disegni tratteggiati dagli utenti in emoji pre-renderizzate, accedere alle schede di Google Now con una sola mano (previo un deciso movimento laterale del braccio) e per permettere a certune app di funzionare in modalità “always-on” con consumi della batteria ridotti.

Agli early adopter dei gadget indossabili non resterà ora che attendere la distribuzione dell’update di Android Wear attraverso i vari produttori che hanno sposato la piattaforma, con tempistiche evidentemente molto diverse da un caso all’altro.

Sempre parlando di early adopter e spostando l’attenzione sul fronte corporate, una Microsoft sempre più aperta alle iniziative dei produttori terzi dimostra di voler supportare da subito Apple Watch con un aggiornamento al cloud storage di OneDrive . Gli acquirenti dello smartwatch di Cupertino avranno in questo modo la possibilità di accedere alle fotografie archiviate sullo storage remoto di Redmond pigiando direttamente sul loro nanoschermo da polso. Un nuovo update , sempre dedicato al supporto di Apple Watch, permette di controllare le presentazioni PowerPoint presenti su gadget iPhone.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Giuseppe scrive:
    Algoritmo di Google = (Risparmio Euro)
    Google cambia algoritmo nessun problema e un risparmio di euro per L'Europa tutta chi non ha indicizzato i propri siti web per la visualizzazione non avranno più speranza per la notorietà sul più importante motore di ricerca.
    • Marco scrive:
      Re: Algoritmo di Google = (Risparmio Euro)
      Ricerca su Google più incisiva e rilevante per l'uso di internet con i sistemi mobili giusto in ricerca del risparmio in europa?- Scritto da: Giuseppe
      Google cambia algoritmo nessun problema e un
      risparmio di euro per L'Europa tutta chi non ha
      indicizzato i propri siti web per la
      visualizzazione non avranno più speranza per la
      notorietà sul più importante motore di
      ricerca.
    • iRoby scrive:
      Re: Algoritmo di Google = (Risparmio Euro)
      Vi dirò che è dall'anno scorso che ho visto rinnovare tutto il web Made in USA, al responsiveness e nuovi toolkit html5. Tra i primi i siti di hosting, Godaddy, corrieri e spedizionieri, ecc.Insomma gli USA si sono preparati per il web 2.0 con largo anticipo.Ed ora Google gli da una mano a metterli in cima alle ricerche.Non dico che era premeditato. Ma dico che loro sono i precursori, fanno da apripista in tutte le tecnologie e gli altri devono seguire e se ritardano si ritrovano indietro anche come business e vengono penalizzati, o per obsolescenza o proprio per punizione come in questo caso Google che ne ha avuto diciamo così un "ordine" per volere del mercato e della tecnologia.
  • collione scrive:
    WARNING!!!
    la vera apocalisse è questa http://www.hwupgrade.it/news/sicurezza-software/1500-app-di-ios-soggette-ad-una-vulnerabilita-https_56937.html1500 macaco-app vulnerabilimilioni di macachi a rischio infezione (rotfl)
    • bubba scrive:
      Re: WARNING!!!
      - Scritto da: collione
      la vera apocalisse è questa
      http://www.hwupgrade.it/news/sicurezza-software/15

      1500 macaco-app vulnerabili

      milioni di macachi a rischio infezione (rotfl)io ne ho scoperta un'altra (di apocalisse)... leguleio che commenta su ilpost.it ... ha fatto generare tipo 140 commenti invece dei soliti 30.... e' vero che alcuni hanno gia rilevato lo strawman-furio mode ("Lodevole Leguleio, non posso che esprimere il mio profondo rammarico per il fatto che ogni volta che le rispondo, il problema diventi repentinamente un altro") ma poveracci...... :D
      • Furio scrive:
        Re: WARNING!!!
        - Scritto da: bubba
        io ne ho scoperta un'altra (di apocalisse)...
        leguleio che commenta su ilpost.it ... ha fatto
        generare tipo 140 commenti invece dei soliti
        30.... e' vero che alcuni hanno gia rilevato lo
        strawman-furio mode ("Lodevole Leguleio, non
        posso che esprimere il mio profondo rammarico per
        il fatto che ogni volta che le rispondo, il
        problema diventi repentinamente un altro") ma
        poveracci......
        :D(rotfl)(rotfl)ShhhthhNon nominare Furio che altrimenti ti segnala.
    • bubba scrive:
      Re: WARNING!!!
      - Scritto da: collione
      la vera apocalisse è questa
      http://www.hwupgrade.it/news/sicurezza-software/15

      1500 macaco-app vulnerabili

      milioni di macachi a rischio infezione (rotfl)io ne ho scoperta un'altra (di apocalisse)... leguleio che commenta su ilpost.it ... ha fatto generare tipo 140 commenti invece dei soliti 30.... e' vero che alcuni hanno gia rilevato lo strawman-furio mode ("Lodevole Leguleio, non posso che esprimere il mio profondo rammarico per il fatto che ogni volta che le rispondo, il problema diventi repentinamente un altro") ma poveracci...... :D
  • Leguleio scrive:
    A me pare logico
    " In queste ore Google sta cominciando ad approntare un importante cambiamento agli algoritmi del servizio di ricerca Web, una modifica già annunciata da mesi e che dovrebbe portare a un cambiamento nei risultati delle singole ricerche quando effettuate da terminali mobile ". (grassetto mio).Non è una scelta peregrina se vista dalla prospettiva di possessori di cellulare. Hanno un filtro sui risultati. L'importante è che chi, come me, fa ricerche da un comune PC, riceva i risultati da tutti i siti, ottimizzati per cellulare o meno.
  • ka3rm1x scrive:
    Che tristezza
    Un mondo intero che corre affannato dietro agli algoritmi segreti di un'unica multinazionale.
    • Albedo 0,9 scrive:
      Re: Che tristezza
      - Scritto da: ka3rm1x
      Un mondo intero che corre affannato dietro agli
      algoritmi segreti di un'unica
      multinazionale.Basta che si sia seguito un minimo di buon senso nella realizzazione dei propri siti e il tool test passerà liscio liscio, senza necessariamente dover conoscere alcun algoritmo made in google.
      • Teo_ scrive:
        Re: Che tristezza
        - Scritto da: Albedo 0,9
        - Scritto da: ka3rm1x

        Un mondo intero che corre affannato dietro
        agli

        algoritmi segreti di un'unica

        multinazionale.

        Basta che si sia seguito un minimo di buon senso
        nella realizzazione dei propri siti e il tool
        test passerà liscio liscio, senza necessariamente
        dover conoscere alcun algoritmo made in
        google.Vero. A me questa svolta sta portando nuovi clienti per il redesign dei siti fatti in alcuni casi con poco buonsenso, in altri solo con poca lungimiranza.
      • t a n y s t r o p h e u s scrive:
        Re: Che tristezza

        Basta che si sia seguito un minimo di buon senso
        nella realizzazione dei propri siti e il tool
        test passerà liscio liscio, senza necessariamente
        dover conoscere alcun algoritmo made in
        google.Mi sa che il senso del post a cui hai risponto non l'hai molto afferrato...
        • Albedo 0,9 scrive:
          Re: Che tristezza
          - Scritto da: t a n y s t r o p h e u s

          Basta che si sia seguito un minimo di buon senso

          nella realizzazione dei propri siti e il tool

          test passerà liscio liscio, senza
          necessariamente

          dover conoscere alcun algoritmo made in

          google.

          Mi sa che il senso del post a cui hai risponto
          non l'hai molto
          afferrato...Il senso del post a momenti manco esisteva.Posso capire se avesse puntato il dito contro alcune policy interne dei maggiori browser web (non di rado per scelte aziendali/commerciali), ma qui si sta parlando di un search engine e della sua scelta di promuovere i siti che seguono meglio gli standard web.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 aprile 2015 13.28-----------------------------------------------------------
    • xcaso scrive:
      Re: Che tristezza
      Come si fa a correre dietro a una sola cosa moltomulti??
    • Dumbarton scrive:
      Re: Che tristezza
      Hai ragione.Non è una questione di siti fatti più o meno bene, questo è giusto ma è superficie.Il problema profondo è che una multinazionale decide cosa è giusto e cosa non lo è, e ha il potere di affermare le proprie decisioni.E questo è MOLTO preoccupante per il nostro futuro.
Chiudi i commenti