Anni di carcere per un cyberdissidente cinese

Giornalista, aveva voluto raccontare le proteste contro le leggi di sicurezza varate ad Hong Kong nel 2003. Ora pagherà per la sua colpa

Pechino – Alza polvere in queste ore un nuovo caso di libertà di espressione negata nella Repubblica Popolare Cinese. Li Jianping, giornalista freelance e imprenditore residente nella provincia orientale di Shandong era stato arrestato con l’accusa di “incitazione alla sovversione dei poteri dello Stato” condotta attraverso la pubblicazione di alcuni articoli su siti cinesi d’oltreoceano durante l’anno 2003. La pena comminatagli è di tre anni di prigione.

Ad informare sull’ennesimo caso che dimostra l’inasprimento dell’azione di censura e contrasto da parte dell’apparato di potere della dittatura comunista nei confronti dei dissidenti cinesi che agiscono nella Rete è l’ Information Centre for Human Rights and Democracy . L’assistente del legale di Li Jianping ha confermato la sentenza, che risale a questo aprile, ma non ha fornito ulteriori dettagli sulla faccenda.

Li, imprenditore quarantenne proprietario di un’azienda di apparati medici nello Shandong, come riporta Reuters , fa parte della generazione di Piazza Tienanmen , e ha partecipato in prima persona alle proteste del 1989 e alla conseguente violenza dell’azione di repressione dell’apparato comunista tutt’oggi al potere nel paese. Come molti suoi coetanei, Li non ha perso la speranza, o almeno la voglia di raccontare i diritti civili negati dal partito comunista e dai suoi apparati di polizia e controllo. La sua produzione include articoli per Boxun , Chinesenewsnet , ChinaEWeekly e The Epoch Times .

L’accusa di sovversione fa riferimento ai suoi scritti in rete riguardanti le proteste verificatesi ad Hong Kong contro la legislazione speciale dell’ Articolo 23 nel 2003. La legge prevedeva la proibizione e la punizione di qualunque atto definibile come una “minaccia” o un possibile gesto sovversivo nei confronti del governo cinese , che aveva riacquistato la sovranità territoriale sull’ex-protettorato britannico nel 1997. Dopo le ingenti manifestazioni popolari contrarie alla legge, la proposta fu accantonata per un tempo indefinito.

Con il caso di Li Jainping, la Cina conferma la sua leadership nell’incarceramento di giornalisti critici con il potere e con la negazione dei diritti civili fondamentali: Reporters sans frontières indica una lista di 52 giornalisti dissidenti imprigionati nelle carceri cinesi. Risale invece al mese scorso l’arresto di Gao Zhisheng , l’avvocato autodidatta promotore di uno dei pochi uffici legali che abbiano avuto il coraggio di interessarsi a problemi legati ai diritti umani nella Cina comunista.

Gao ha pagato il suo interessamento alla persecuzione della Falun Gong , il movimento particolarmente inviso ai vertici di Pechino. Anche nel suo caso, inutile dirlo, le accuse parlano di incitamento alla sovversione, sebbene le autorità non abbiano ancora rilasciato imputazioni specifiche nei suoi confronti.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Libertà?
    se gli alimentari fossero venduti a 100 euro al kilo?
  • Anonimo scrive:
    Re: Libertà?
    non sono statoi loro a vedere i cd a 20 euro ?
  • Anonimo scrive:
    Anche in italia
    anche in italia stanno nascendo organizzazioni che si preoccupano di tutelare i diritti dei cittadini nei confronti delle major.Spero che si riesca a collaborare con i siti internazionali per scambiarsi opinioni, metodi di lavoro e coordinare le attività.
Chiudi i commenti