Anti-spyware, una truffa da 84mila dollari

Zhijian Chen dovrà pagare una multa salata: vendeva un software anti-spyware terrorizzando gli acquirenti con spam e messaggi d'allarme fasulli per costringerli all'acquisto


Seattle (USA) – Gli inquirenti dello stato di Washington hanno condannato Zhijian Chen, rivenditore del software Spyware Cleaner , al pagamento di una ammenda dal valore complessivo di 84mila dollari. L’accusa è di truffa ai danni dei consumatori : sin dall’anno scorso, Chen ha infatti venduto numerose copie del programma attraverso un abile meccanismo truffaldino, basato su spam ed informazioni fasulle.

Come spiegano gli esperti di AdWare Report , Spyware Cleaner sembra uno strumento pressoché obsoleto nella lotta al malware che infesta milioni di PC. Tuttavia, Chen è riuscito a propinare questo tool terrorizzando gli utenti: attraverso varie finestre pop-up generate col comando net send di Windows, migliaia di persone sono state bersagliate da falsi allarmi del tipo: “Attenzione, il vostro PC potrebbe essere infettato da spyware”.

Lo stesso tipo di messaggio è stato inoltre spedito a migliaia d’indirizzi e-mail casuali. Ma l’ avviso era in realtà uno specchietto per le allodole , che offriva un “controllo anti-spyware gratuito” alle vittime. Il controllo, furbescamente, forniva sempre falsi responsi positivi . Gli utenti, terrorizzati, venivano quindi invitati all’acquisto di Spyware Cleaner. In poco tempo, Chen è riuscito a guadagnare ricche commissioni dalla vendita di Spyware Cleaner. Il 75% del valore di ogni copia venduta, circa 30 euro, è finito nelle tasche del malvivente.

“Il discorso è chiaro”, dice il giudice che ha condotto le indagini, “i rivenditori online devono stare attenti a come si comportano e non è ammissibile, in nessuna maniera, che truffino i consumatori terrorizzandoli, approfittandosi della loro buona fede”. Il download di Spyware Cleaner è stato congelato dalle autorità.

Va ricordato che esistono, peraltro, numerosi software gratuiti per difendersi da certe minacce digitali.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Se successe a Punto-Informatico
    Da un giorno all'altro non fosse accessibile perche' giustamente non pagano il pizzo elettronico a chi che sia.. forse molti di quelli che parlano di esagerazione sarebbero pronti a ricredersi; moltiplicatelo per 1000 o 2000 ed ecco che i siti piu' frequentati italiani, anche se non necessariamente negozi o vetrine di prestigiose SH,sarebbero down e indirettamente noi con loro.. Saremmo o no di fronte ad un sistema che impedisce noi italiani di usurfruire di servizi a noi cari ? Non sara' una bomba che uccide nessuno, ma non si puo' permettere a societa' mafiose di questo genere di dar scacco matto a chi si e' organizzato un proprio spazio su web e a chi fornisce dei servizi gratuiti come PI.
  • Marwa scrive:
    concordo
    perchè non poter navigare in santa pace e lasciare che quei quattro cracker, e stiamo parlando di delinquenti non di hacker, se ne stiano nelle beneamate carceri a pelar patate, magari rinsaviscono un pochino...chi lo sa...:D
  • Anonimo scrive:
    Terroristi !!!!
    Ecco che si rincomincia, bastano un paio di cretini in mezzo ad una popolazione, per dar via libera alla repressione... ovunque è cosi... Come gli sprayer, l'artista (che non imbratta qualsiasi muro) è punito tanto quanto il moccioso che imbratta il muro di casa tua o ti scrive ciao sulla portiera della tua macchina.2 pesi 2 misure... quando non fa comodo ai soliti diventa solo fantascienza
    • Anonimo scrive:
      Re: Terroristi !!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Ecco che si rincomincia, bastano un paio di
      cretini in mezzo ad una popolazione, per dar via
      libera alla repressione... ovunque è cosi... Sei ridicolo. Non hai nemmeno la più pallida idea del giro di affari criminali che c'è intorno al malware, e la Russia (e l'Ucraina) sono forse i Paesi in cui le attività criminali legate ad esso sono più fiorenti. Ma tu probabilmente associ "crackers" con quelli che si copiano i CD o che scaricano film, o al sedicenne che fa un virus per far parlare di sè. SVEGLIATI.
      • Anonimo scrive:
        Re: Terroristi !!!!
        Io invece credo che i cosidetti "crackers" del giro internazionale siano fisiologi. Sono la naturale evoluzione di un mercato che ha strangolato la possibilita' di commerciare liberamente con monopoli enormi e incapaci di realizzare software validi.Non esistono software perfetti per carita', ma la quantita' di bachi contenuti in windows (solo per fare un esempio) e' tale da far pensare:1) che i programmatori sono assolutamente incapaci (ma allora perche' in realta' xp tutto sommato funziona? se windows funzionasse come e' sicuro, non si terminerebbe il boot 2 volte su 3)2) oppure certi bug sono lasciati volontariamente (esistono svariati motivi che renderebbero vantaggioso questo fatto in un mercato monopolizzato)3) c'e' un totale disinteresse da parte del produttore verso aspetti cruciali come la sicurezza e cio' e' dovuto al monopolio. (es: se i sorgenti li abbiamo noi come fanno a scoprire i bug???? e poi li scoprono...)non voglio dire che l'open source sia la soluzione di tutti i mali, ma che forse il vero responsabile di questo stato di cose che porta al famigerato giro di affari illecito e' il monopolio...
        • Anonimo scrive:
          Re: Terroristi !!!!
          C'è una cosa che non capisco, però, ed è l'esagerazione (che sia da un lato che dall'altra).Non credo che sia da criminalizzare chi vuol essere pagato per il proprio lavoro.Sì, le cose come stanno sono ingiuste, sia dal punto di vista legale, che nel modus operandi, ma da qui a vedere tutto nero....Che lascino i bug di proposito mi sembra stupido, visto che la concorrenza....C'è da capire che è comunque un lavoro complesso, e che le cose si evolvono in base alle necessità, e ANCHE in base all'intelligenza di chi tenta di manometterle.Che ci sono milioni di programmi che, creati successivamente allo studio del sistema operativo, modificano quest'ultimo, e comunque creano nuove "necessità".Creare programmi è comunque un lavoro, e non vedo perchè odiare chi si vuole far pagare per questo.Certo, come ripeto, è sbagliata l'esagerazione con cui stanno operando le grandi industrie, ma non commettiamo anche noi lo stesso errore, o l'unico punto a nostro favore (cercare il GIUSTO) viene meno.
  • Anonimo scrive:
    basta con La vodka !!
    Fa male ... Pensate a dar da mangiare ai vostri pensionati...
    • Anonimo scrive:
      Re: basta con La vodka !!
      Ma vai a documentarti CRETINO e IGNORANTE. Coi prezzi del petrolio attuali la Russia ha aumentato pensioni e stipendi statali e Putin è considerato un eroe nazionale. Basta tu con il vuoto nel cervello!
  • Anonimo scrive:
    Esagerati
    Come al solito le solite esagerazioni di chi non può capire.
    • Anonimo scrive:
      Re: Esagerati
      - Scritto da: Anonimo
      Come al solito le solite esagerazioni di chi non
      può capire.quoto......e ora mi mangio una mortadellaccia...
    • Anonimo scrive:
      9 --
    • Anonimo scrive:
      Re: Esagerati
      concordo appieno
    • Anonimo scrive:
      Re: Esagerati
      Come non capiscono? hanno ma ragione ad allarmarsi! non credere che l'arma di distruzione di massa sia per forza una mega bomba, ci sono mille modi per mettere le forze economiche di un paese in ginocchio.Per assurdo se punto informatico non fosse accessibile perche' alcune bande di cracker vogliono soldi da loro ? e se sti tipi lo facessero contemporaneamente ad altre 1000 aziende se non 10000 ? tecnicamente anche 100000 o piu' a rotazione, tanto gli zoombie ce li hanno milioni di persone. Pensa a quante persone potrebbero ritrovarsi economicamente sbancate da loro e con un lavoro che non puo' procedere. E' pur sempre una massa di persone "distrutte", il pizzo elettronico va temuto e combattuto.
Chiudi i commenti