Antipirateria automatica nel dopo-Kazaa

Dopo essersi combattuti ai tempi di Kazaa ora lavorano insieme, per cancellare i contenuti pirata dai sistemi di file sharing. In arrivo il nuovo giochino per ISP e major

Roma – Tra il 2004 e il 2006 Kevin Bermeister era tartassato dalle major discografiche, desiderose di addentarlo alla giugulare o almeno di ottenere milioni di dollari per i presunti danni apportati dal file sharing di Kazaa; in quegli anni Michael Speck era a capo dell’organizzazione Music Industry Piracy Investigations che aveva setacciato il network FastTrack per imbastire le accuse di infrazione del copyright contro Bermeister. Ma il tempo cambia molte cose nella vita, ed oggi gli ex-avversari si ritrovano nella società Brilliant Digital Entertainment , che ha il non poco ambizioso obiettivo di ripristinare la legalità in ogni angolo delle reti di P2P .

Il tool sviluppato dal duo funziona a livello di ISP intercettando le ricerche di contenuti presenti in una apposita tabella di “hash” di riconoscimento, valori alfanumerici univoci con cui i file “pirata” siano stati precedentemente identificati come tali. Una volta individuata la richiesta di una risorsa “illecita”, il tool si incarica di restituire al suo posto informazioni per acquistare il contenuto legalmente e in maniera immediata .

La “conversione istantanea di attività criminali in transazioni di contenuti legittimi”, il santo graal delle etichette discografiche così preoccupate di perseguitare i consumatori piuttosto che dar loro quello che chiedono , passerebbe dunque per una singolare start-up.

Dietro il fumo vi sarebbe anche l’arrosto: secondo l’australiano The Age i primi test tecnici del software sono già stati compiuti e BDE si dice pronta a far partire una prova sul campo , in collaborazione con un ISP locale non meglio specificato, in un tempo non superiore a un mese.

Vivo interesse per la tecnologia (che impatta di un’inezia insignificante le performance di connettività degli ISP, assicurano gli sviluppatori) sarebbe stato espresso anche da provider, agenzie investigative e major negli USA come in Europa. Al momento il tool è in grado di agire solo su network Gnutella , lasciando indisturbati gli scambi sulle maggiori reti di P2P, vale a dire eDonkey2000 e BitTorrent.

Speck assicura poi che non vengono raccolte informazioni sugli utenti-downloader al di là delle ricerche di contenuti “illegali”, e che “c’è un’assoluta protezione della privacy” anticipando in tal modo le critiche e le preoccupazioni che potrebbero sollevarsi facilmente.

Peter Coroneos, CEO di Internet Industry Association , dice di voler guardare molto da vicino le sperimentazioni del tool perché ci sono “potenziali preoccupazioni per la riservatezza” degli utenti. David Vaile, vice-presidente della Australian Privacy Foundation , va ancora oltre definendo il nuovo strumento come un “tesoro” per l’industria musicale e la sua campagna di persecuzione legale contro gli utenti del file sharing.

La società “si sta muovendo verso una sorveglianza onnipresente dove non c’è ragione di sospettare di un individuo in particolare ma dobbiamo comunque monitorare tutto il traffico 24 ore su 24” sostiene preoccupato Vaile.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Infatti scrive:
    Quanti commenti....
    :-)Comunque, l'idea di un talovino/schermo a questi livelli mi piace molto: io preferirei averlo appeso da qualche parte.Il prezzo non è eccessivo (anche se non alla portata di molti).Solo una domanda: sarà possibile installare Linux?? :-)
    • Infatti scrive:
      Re: Quanti commenti....
      PS.Ovviamemte non volevo scrivere talovino (mmm buono il vino) ma tavolino. :-)
    • asdrubale scrive:
      Re: Quanti commenti....
      se fosse possibile, c'è anche già pronto il supporto al multipointerx su compiz, e si potrebbe usare come un pc normale, con le finestre in stile minority report...
      • byz scrive:
        Re: Quanti commenti....
        ma scusate l'HP non ha gia' tirato fuori un pc da 1000 euro che fa la stessa cosa :) magari non 30 pollici ma mi sembra 21 si :)spe che recupero il link...http://notebookitalia.it/hp-touchsmart-iq500-all-in-one-touch-2526.htmlbasta comprare un mobile dell'ikea e mettere 2 viti? :)non capisco la novita'...
Chiudi i commenti