AOL vuole avere un proprio Passport

Nella sua espansione il gigante mediatico AOL Time Warner sfida Microsoft sui servizi di autenticazione


New York (USA) – Mentre qualcuno si domanda se questo pianeta sia sufficientemente grande per contenere la mole di AOL Time Warner e di Microsoft, questi due titani stanno combattendo una cruenta battaglia sul fronte dei servizi Web.

Tenendo nel mirino proprio il servizio Passport di Microsoft, punto d’accesso per i prossimi servizi che il big di Redmond rilascerà con Hailstorm , AOL sta lavorando ad un servizio di autenticazione analogo che faciliterà agli utenti del Web la gestione e la trasmissione dei propri dati su Internet.

Il servizio, che sarà pronto entro sei mesi, potrebbe anche avvalersi di un dispositivo hardware per l’identificazione sicura degli utenti sul Web.

Come Microsoft Passport, che sarà integrato in Windows XP, anche quello di AOL si preoccuperà di tenere al sicuro dati sensibili degli utenti come informazioni personali, indirizzo ed estremi della carta di credito: dati che il sistema potrà utilizzare in automatico, e secondo diversi schemi di privacy, per velocizzare le transazioni on-line ed altri e-service.

Il fatto che i dati sensibili riguardanti milioni di utenti possano essere gestiti da un’unica azienda ha preoccupato non poco il Governo americano , che proprio in questi giorni sta investigando sul servizio Passport di Microsoft per verificare che esso non ponga problemi ancor più gravi per la privacy e la sicurezza di quelli che vorrebbe risolvere.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Java "standard" ?
    ... Com'e' finita quella storia dell'ECMA?
  • Anonimo scrive:
    Troppo tardi
    Se Novell si fosse svegliata prima non staremmo qui a discutere del diavolo e/o dell'acquasanta. E vale la pena ricordare che le reti Novell erano sin dalla versione 4 tecnologicamente anni luce avanti ma questo non ha impedito a responsabili tecnici un po' 'miopi' ( e qui sono misericordioso) di adottare NT solo perche' nel gruppo Games c'era anche il Solitario.Mala temporae currunt.......
  • Anonimo scrive:
    Uno screenshot
    Si può avere uno screenshot, almeno uno, della GUI di Netware. Mi sono sempre chiesto come fosse, ma non sono mai riuscito a trovare nulla.Grazie mille
    • Anonimo scrive:
      Re: Uno screenshot
      per maggiori infohttp://democity.novell.comhttp://ifolder.novell.comhttp://www.novell.com/netwarehttp://www.novell.com/coolsolutions/netware/ciao
  • Anonimo scrive:
    Brava Novell
    Ecco un'azienda che si è sempre dimostrata seria, aperta e sicura. Così si fa. Ricordiamoci che dalla 3.12 la rete non è più un problema.Detto da un grande fan di Microsoft.
    • Anonimo scrive:
      Re: Brava Novell
      - Scritto da: JP
      Ecco un'azienda che si è sempre dimostrata
      seria, aperta e sicura. Così si fa.
      Ricordiamoci che dalla 3.12 la rete non è
      più un problema.

      Detto da un grande fan di Microsoft.Vero. Quando ancora MS aveva Lan Manager sotto dos con tutta una serie di problemi che chi li ha vissuti ricorderà bene, Novell 3.12 era una bomba per quei tempi. Oggi però Netware 6 mi fa sorridere. Quanti sono rimasti in Novell?Quando lavoravo, fino a uno anno fa, per un importante software house nazionale di prodotti gestionali in Novell fino alla versione 4.11 avevamo il 20/30% di clienti che con il passaggio alla NetWare 5 sono diventati 5/10% , gli altri sono passati o a Unix o a Win2000.Non credo che Netware 6 cambierà questo andamento.Comunque ben vengano nuove idee.
  • Anonimo scrive:
    nw6 vs w2k
    non ha solo le carte in regola..diciamo che straccia decisamente microsoft almeno su un paio di punti..prendiamo come esempio active directory?no...troppo infierire..allora, il file system?no....forse sono un po di + di un paio!
Chiudi i commenti