Apple, aggiornamento bis per iOS 9.3

Dopo le mancate attivazioni sperimentate dagli utenti dei dispositivi meno recenti, Cupertino rimedia all'update problematico con un nuovo update

In concomitanza con l’ evento di presentazione per il nuovo iPhone SE e il nuovo iPad Pro, Apple ha rilasciato l’aggiornamento a iOS 9.3, per introdurre funzioni come Night Shift e importanti aggiustamenti di sicurezza . Nel giro di poche ore, le lamentele degli utenti delle versioni meno recenti di iPad e iPhone hanno affollato i forum dedicati all’assistenza: u numero consistente di dispositivi bloccati e inservibili ha costretto Apple ad intervenire.

Cupertino lo ha fatto prima attribuendo i problemi ad un sovraccarico dei server che non avrebbe consentito di portare a termine le operazioni di aggiornamento, poi ripiegando su dichiarazioni nelle quali si spiega che “l’aggiornamento a iOS 9.3 di alcuni dispositivi iOS (iPhone 5 e precedenti e iPad Air e precedenti) può richiedere l’inserimento dell’Apple ID e della password di attivazione per completare la procedura”. Nel caso in cui gli utenti non ricordino la password o la inseriscano sbagliata, “il loro dispositivo rimarrà disattivato fino a quando non recuperino o reimpostino la password”. Coloro che si sono scontrati con il problema soprattutto su iPad 2, però, presso i forum non sembrano far riferimento a questioni di password dimenticate.

Mentre gli utenti si affannavano per trovare una soluzione al problema, Apple ha ritirato temporaneamente l’aggiornamento a iOS 9.3 e ha fornito agli utenti una soluzione altrettanto temporanea per sbloccare i dispositivi inutilizzabili.

Dopo poche ore Cupertino ha avviato il rilascio una nuova build dell’aggiornamento (13E236) per risolvere il problema dei dispositivi bloccati, a partire da iPad 2 WiFi + Cellular, e per distribuire l’aggiornamento senza che il problema si ripresenti: agli utenti dovrebbe bastare collegare il dispositivo bloccato ad un computer per aggiornare a mezzo iTunes.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Lorenzo scrive:
    Son proprio usciti di senno
    questi son usciti fuori di melone ... Fossi in google sostituirei la i servizi .fr con google .fr e' sospeso per colpa di tizio caio e sempronio non dimenticate di ringraziare i responsabili e il .com per i francesi lo manderei sul .fr voglio vedere che succede dopo una settimana ...
    • uffa scrive:
      Re: Son proprio usciti di senno
      - Scritto da: Lorenzo
      questi son usciti fuori di melone ...
      Fossi in google sostituirei la i servizi .fr con

      google .fr e' sospeso per colpa di tizio caio e
      sempronio

      non dimenticate di ringraziare
      i responsabili

      e il .com per i francesi lo manderei sul .fr

      voglio vedere che succede dopo una settimana ...e perdere una nazione che ti frutta montagne di soldi compreso quello che ti portano i cellulari android, sei sicuro? lo dici tu agli azionisti?
      • bubba scrive:
        Re: Son proprio usciti di senno
        - Scritto da: uffa
        - Scritto da: Lorenzo

        questi son usciti fuori di melone ...

        Fossi in google sostituirei la i servizi .fr
        con




        google .fr e' sospeso per colpa di tizio caio e

        sempronio



        non dimenticate di ringraziare

        i responsabili






        e il .com per i francesi lo manderei sul .fr



        voglio vedere che succede dopo una settimana ...



        e perdere una nazione che ti frutta montagne di
        soldi compreso quello che ti portano i cellulari
        android, sei sicuro? lo dici tu agli
        azionisti?in effetti e' sicuramente per quello che sottostanno al ricatto francese... (pur, ovviamente, non rinunciando a ricorrere in appello & co)
  • ... scrive:
    LOL
    Cioè la Francia si sente in diritto di dire cosa un'azienda debba fare fuori dalla Francia?AHAHAHAHAHAHAHAHHAAHAHH!!!!
  • panda rossa scrive:
    Il CNIL dica chi e' che vuole l'oblio
    Il CNIL dovrebbe spiegare pubblicamente chi e' che vuole l'oblio e perche'.Poi saranno le persone a decidere se questo tizio e' un povero mentecatto indegno di essere ricordato o se e' qualche malfattore che non vuole che si sappia che cosa ha combinato.
  • Freddy scrive:
    Prima o poi...
    ...tutto il mondo finirà nell'oblio! HAAAAHAHAHAHAHAHAHA!!![img]http://www.hookah-shisha.com/store/pc/catalog/freddy.jpg[/img]
  • rico scrive:
    fascisti ipocriti
    Una commissione che si definisce "dell' informatica e delle libertà" NON può far togliere i risultati dalle ricerche su richiesta.E' come se un allergico alle patate facesse togliere tutte le patate dal menu del ristorante.
Chiudi i commenti