Apple comanderà la casa intelligente?

Secondo indiscrezioni Cupertino presenterà alla WWDC un sistema di sviluppo che i produttori di elettrodomestici potranno sfruttare per garantirsi la compatibilità con i dispositivi con la Mela. Ma anche Google sta lavorando per la casa

Roma – Secondo il Financial Times Apple starebbe preparando per la Worldwide Developers Conference ( WWDC ) che si svolgerà la prossima settimana a San Francisco la presentazione di una piattaforma per trasformare i dispositivi iOS in controller di dispositivi domotici .

Quello della casa intelligente sembra essere diventato il nuovo argomento caldo dell’ICT e del mercato dell’Internet delle cose in particolare. Tuttavia, per quanto siano innumerevoli le startup sorte su questo fronte e per quanto Mountain View, oltre ad essersi già messa all’opera con l’acquisizione di Nest, stia ora pensando ai sistemi di sicurezza e all’acquisto di Dropcam (un’azienda che produce telecamere di sicurezza connesse alla Rete WiFi), le tecnologie dedicate alla smart home asono ancora ben lontane dall’essere mainstream. L’intervento di Apple potrebbe dunque essere, da questo punto di vista, tempestivo.

Secondo le indiscrezioni, i device con la Mela diverranno i telecomandi per manipolare l’illuminazione, per gestire il sistema antifurto dell’abitazione e per controllare i dispositivi connessi: tutto questo sarà possibile attraverso una piattaforma condivisa che centralizza il sistema di controllo invece di affidarlo a diverse app di terze parti, e che sfrutta uno dei brevetti di Cupertino, il numero 9,577,392 , che descrive un sistema per “controllare le serrande, lo stereo, i sistemi di sicurezza, le luci e gli elettrodomestici da cucina” attraverso iPhone e iPad.

In pratica i produttori di hardware, come Dropcam, Nest e Philips, potranno appoggiarsi ad un sistema di sviluppo simile a quello del programma Made for iPhone per integrare nei propri elettrodomestici sistemi di controllo certificati per operare con la piattaforma di Apple.

Il tutto potrà essere comandato dagli utenti non solo attraverso smartphone e tablet, ma anche attraverso Apple TV: per il momento si parla di connessione Bluetooth, ma alcuni osservatori hanno anche pensato di leggere in questo senso le indiscrezioni circa la possibile integrazione della tecnologia NFC nei prossimi iPhone.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • TonyStark scrive:
    Sentenza assurda
    A me la sentenza pare assurda e conto che sarà annullata. Le foto sono di proprietà dell'autore che ebbe il consenso a prenderle. L'ex non ha alcun diritto su di esse che valga contro quello del proprietario al mero possesso. Un principio giuridico contrario aprirebbe la strada ad assurde aberrazioni: castriamo tutti i maschi tedeschi perchè un giorno potrebbero inventarsi di violentarla??Di fronte alle paturnie della disinibita signora un bel "potevi pensarci prima" è l'unica risposta sensata. Potrà rivalersi contro eventuali responsabili della sua diffamazione (già di fatto iniziata da essa stessa con tale denuncia) quando e se si verificheranno.
  • Leguleio scrive:
    XXXXX per vendetta della giustizia?
    " Ma al contempo c'è chi diffida: come ottenere che un partner furente acconsenta alla rimozioni di immagini che potrebbe disseminare ovunque, su supporti che sfuggirebbero senza difficoltà al controllo della giustizia? "In effetti c'è da chiedersi se simili iniziative da tribunale non siano il corrispettivo della barzelletta dei carabinieri che per uccidere una talpa che rovinava il giardino... la seppellirono viva. Tra l'altro ricordo che in Italia c'è stato un precedente, passato da Mi manda Raitre. Alla fine della relazione le foto intime della donna erano sì finite sul web, con tanto di nome e cognome associato: solo che il responsabile dell'azione aveva già fatto denuncia di furto in casa, la macchina fotografica con relativa memoria non era più nelle sue mani.E che si fa, se prima della pronuncia della sentenza di terzo grado avviene un furto in casa del fotografo tedesco? (newbie)
    • panda rossa scrive:
      Re: XXXXX per vendetta della giustizia?
      - Scritto da: Leguleio
      " <I
      Ma al contempo c'è chi diffida: come ottenere
      che un partner furente acconsenta alla rimozioni
      di immagini che potrebbe disseminare ovunque, su
      supporti che sfuggirebbero senza difficoltà al
      controllo della
      giustizia? </I
      "

      In effetti c'è da chiedersi se simili iniziative
      da tribunale non siano il corrispettivo della
      barzelletta dei carabinieri che per uccidere una
      talpa che rovinava il giardino... la seppellirono
      viva.


      Tra l'altro ricordo che in Italia c'è stato un
      precedente, passato da Mi manda Raitre. Alla fine
      della relazione le foto intime della donna erano
      sì finite sul web, con tanto di nome e cognome
      associato: solo che il responsabile dell'azione
      aveva già fatto denuncia di furto in casa, la
      macchina fotografica con relativa memoria non era
      più nelle sue
      mani.

      E che si fa, se prima della pronuncia della
      sentenza di terzo grado avviene un furto in casa
      del fotografo tedesco?
      (newbie)Niente.Che cosa vorresti fare?
      • ... scrive:
        Re: XXXXX per vendetta della giustizia?
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Leguleio

        " <I
        Ma al contempo c'è chi diffida:
        come
        ottenere

        che un partner furente acconsenta alla
        rimozioni

        di immagini che potrebbe disseminare
        ovunque,
        su

        supporti che sfuggirebbero senza difficoltà
        al

        controllo della

        giustizia? </I
        "



        In effetti c'è da chiedersi se simili
        iniziative

        da tribunale non siano il corrispettivo della

        barzelletta dei carabinieri che per uccidere
        una

        talpa che rovinava il giardino... la
        seppellirono

        viva.





        Tra l'altro ricordo che in Italia c'è stato
        un

        precedente, passato da Mi manda Raitre. Alla
        fine

        della relazione le foto intime della donna
        erano

        sì finite sul web, con tanto di nome e
        cognome

        associato: solo che il responsabile
        dell'azione

        aveva già fatto denuncia di furto in casa, la

        macchina fotografica con relativa memoria
        non
        era

        più nelle sue

        mani.



        E che si fa, se prima della pronuncia della

        sentenza di terzo grado avviene un furto in
        casa

        del fotografo tedesco?

        (newbie)

        Niente.
        Che cosa vorresti fare?quello che farebbe chiunque: scaricare tutte le foto della XXXXXna e aggiungerle alla collezione :-)
    • bubba scrive:
      Re: XXXXX per vendetta della giustizia?
      - Scritto da: Leguleio
      " Ma al contempo c'è chi diffida: come ottenere
      che un partner furente acconsenta alla rimozioni
      di immagini che potrebbe disseminare ovunque, su
      supporti che sfuggirebbero senza difficoltà al
      controllo della
      giustizia? "

      In effetti c'è da chiedersi se simili iniziative
      da tribunale non siano il corrispettivo della
      barzelletta dei carabinieri che per uccidere una
      talpa che rovinava il giardino... la seppellirono
      viva.


      Tra l'altro ricordo che in Italia c'è stato un
      precedente, passato da Mi manda Raitre. Alla fine
      della relazione le foto intime della donna erano
      sì finite sul web, con tanto di nome e cognome
      associato: solo che il responsabile dell'azione
      aveva già fatto denuncia di furto in casa, la
      macchina fotografica con relativa memoria non era
      più nelle sue
      mani.

      E che si fa, se prima della pronuncia della
      sentenza di terzo grado avviene un furto in casa
      del fotografo tedesco?
      (newbie)... ma perche parti dal presupposto, del tutto inventato[*], che il tizio, se vuole le puo diffondere comunque visto che il digitale e' inarrestabile (cosa sostenzialmente vera)?Qua e' un +1 per la Pre-Crime... la tizia aveva le paturnie che l'ex- potesse commettere qualcosa, che allo stato non c'e' e lui ha detto di non voler fare... e viene punito su questa base?? Ok, non e' una punizione terribile (anche se lo scassamento del tribunale e avvocati..) peeero' cacchio...Su queste basi perche' non intimare il sequestro delle foto mentre eri sbronzo all'oktober fest? o mentre cacavi? o quando eri obeso e pelato? o quando facevi l'attivista di forza italia? tutta cose che "possono attentare alla reputazione della persona fotografata"...[*] disclaimer: ho letto SOLO P.I.. e non sto dicendo che e' una tua invenzione... e' p.i. che fa l'accostamento, e tu gli dai corda..
      • Leguleio scrive:
        Re: XXXXX per vendetta della giustizia?

        ... ma perche parti dal presupposto, del tutto
        inventato[*], che il tizio, se vuole le puo
        diffondere comunque visto che il digitale e'
        inarrestabile (cosa sostenzialmente
        vera)?Sostenzielmente è un'influenza da Lino Banfi? ;)Tutti possono diffondere sul web le foto che hanno sul PC, basta un clic, e vista la percentuale di siti XXXXXgrafici hanno solo l'imbarazzo della scelta.E non è nemmeno detto che sia l'autore degli scatti a farlo: se questi ha regalato le immagini piccanti agli amici in epoca non sospetta, potrebbero essere loro a prendere l'iniziativa, magari in buona fede, nemmeno si ricordano chi è la persona nella foto e come hanno avuto i file.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 maggio 2014 08.57-----------------------------------------------------------
        • bubba scrive:
          Re: XXXXX per vendetta della giustizia?
          - Scritto da: Leguleio

          ... ma perche parti dal presupposto, del
          tutto

          inventato[*], che il tizio, se vuole le puo

          diffondere comunque visto che il digitale e'

          inarrestabile (cosa sostenzialmente

          vera)?


          Tutti possono diffondere sul web le foto che
          hanno sul PC, basta un clic, e vista la
          percentuale di siti XXXXXgrafici hanno solo
          l'imbarazzo della
          scelta.ah beh ma per eliminare "questo problema", in via PRELIMINARE come han fatto sti giudici, basta vietare la produzione di CCD e fotocamere. Presto fatto :)
          E non è nemmeno detto che sia l'autore degli
          scatti a farlo: se questi ha regalato le immagini
          piccanti agli amici in epoca non sospetta,
          potrebbero essere loro a prendere l'iniziativa,
          magari in buona fede, nemmeno si ricordano chi è
          la persona nella foto e come hanno avuto i
          file...batti cmq sullo stesso tasto... che c'entra con la pre-crime di cui parlavo?
Chiudi i commenti