Apple e Amazon, paletti contro l'ingegneria sociale

Amazon "tappa" il buco delle carte di credito fasulle aggiunte via telefono. Apple annuncia una moratoria di 24 ore mentre ci pensa su. In ballo l'affidabilità dei servizi

Roma – L'”epico” caso di hacking subito da Mat Honan fa sentire i propri effetti sulle policy di sicurezza impiegate dalle due aziende coinvolte: sia Apple che Amazon, riferisce Wired , stanno lentamente ma inesorabilmente agendo per limitare i margini di manovra di hacker e cyber-criminali esperti nell’arte dell’ingegneria sociale.

Gli interventi delle due società statunitensi sono naturalmente diretti alle richieste di supporto comunicate via telefono, che è poi la strada impiegata dagli hacker per disintegrare informazioni, device e account dello sfortunato Honan.

La policy di Amazon nella gestione del supporto telefonico è cambiata , e ora la società non accetta più l’aggiunta di carte di credito via telefono: gli hacker avevano usato questo sistema (assieme a informazioni di domicilio carpite online) per penetrare nell’account di Honan con un nuovo indirizzo email e una nuova password.

Per quanto riguarda Apple, invece, più che una soluzione definitiva si può parlare di moratoria temporanea in attesa di soluzioni permanenti: i rappresentanti di Cupertino confermano di aver sospeso il reset delle password di account AppID via telefono per un periodo di 24 ore, giusto il tempo di valutare le nuove policy di sicurezza da applicare alla procedura.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Lorenzo scrive:
    Era ora...
    Ho sempre sognato di avere un salottino in auto e farmi un cuba mentre la mia auto mi porta a destinazione...
  • rikicecchi scrive:
    Ce n'è..
    "C'è ancora molta strada da fare"... letteralmente direi! :D
    • MaximilianPs scrive:
      Re: Ce n'è..
      molto meno di quanto tu possa pensare, il problema casomai sono le conseguenze sociali, le case automobilistiche sono interessate all'uso di robotica quanto sono interessate alla sostituzione della benzina :pTroppi gli interessi dietro, e troppe le conseguenze...
      • claudio scrive:
        Re: Ce n'è..
        infatti, meno incidenti = meno ricambi
        • MaximilianPs scrive:
          Re: Ce n'è..
          Ottimizzazione dei consumi, petrolieri ed assicuratori farebbero la fame.. auto che non sgommano, pneumatici che durano di più... economicamente sarebbe una tragedia :p
Chiudi i commenti