Apple e gli sviluppatori liberati

Per la prima volta pubblicate le linee guida sulla revisione delle app adottate a Cupertino. I developer potranno lavorare anche in ambiente Flash. Ma Safari pare resti off limits

Roma – Una serie di linee guida, che dovrebbero rappresentare un significativo passo in avanti sul sentiero della trasparenza intrapreso dal suo App Store. E si tratta di una nuova prima volta per Apple, che ha così deciso di aiutare i vari developer a comprendere meglio il meccanismo di revisione delle applicazioni adottato a Cupertino.

“Il nostro desiderio è di continuare a rendere l’App Store un’esperienza sempre migliore – si può leggere in un recente comunicato diramato dalla Mela – Per questo abbiamo ascoltato i nostri sviluppatori, prendendo in considerazione le loro opinioni e il loro feedback”.

Opinioni finora non troppo morbide nei confronti delle politiche adottate dall’azienda di Steve Jobs. È infatti da circa due anni che i vari developer si lamentano a causa di regole circondate da un alone di mistero, già responsabili di svariati divieti d’accesso verso determinate app. Come ad esempio quelle a sfondo satirico o pornografico.

“Sulla base dei loro suggerimenti – ha continuato il comunicato stampa di Apple – abbiamo deciso di apportare alcuni importanti cambiamenti alla nostra licenza iOS Developer Program , per quanto concerne le sezioni 3.3.1 , 3.3.2 e 3.3.9 , al fine di mitigare alcune limitazioni che avevamo introdotto all’inizio dell’anno”.

La Mela ha quindi sottolineato come verranno modificate tutte le limitazioni relative agli strumenti di sviluppo usati per creare app iOS, purché tali applicazioni non comportino il download di codice . In sostanza, tutti quei developer che lavorino in ambienti Flash o Java saranno in grado di convertire il proprio software in un’app per iPhone, purché quest’ultima non comporti un successivo download di ulteriore codice.

Una prima apertura da parte di Apple, dopo la tempesta di critiche su Adobe da parte del suo CEO Steve Jobs. Flash sarà però accettato soltanto all’interno di App Store, sotto forma di pacchetto finito che non provi a forzare i meandri software della Mela. Che la pubblicazione delle linee guida sia poi anche una risposta agli ambienti più easy dell’Android Market è cosa assai probabile.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti