Apple fa pulizia tra le app

Cupertino annuncia un cambio di passo nella gestione dell'App Store. Chi non aggiorna il software in vendita se lo vedrà cancellato dal marketplace

Roma – Apple ha inviato una mail agli sviluppatori annunciando l’arrivo di “miglioramenti” all’App Store, un modo per rendere più facile la vita agli utenti della piattaforma di software per gadget iOS ma soprattutto per dare la sveglia ai programmatori più pigri. La corporation dice di voler implementare un processo di revisione continuo per verificare che le app siano sempre aggiornate e corrispondano esattamente alle aspettative dei clienti, una verifica non priva di conseguenze a dir poco drastiche sulle app non al passo coi tempi.

Tutto il software per iOS deve essere sempre aggiornato, spiega Cupertino, e le app che dal prossimo 7 settembre non riusciranno nemmeno a partire sull’ultima versione dell’OS senza andare in crash verranno immediatamente cancellate dallo store.

Agli sviluppatori delle app che risultano invece non aggiornate verranno dati 30 giorni di tempo per il rinnovamento del codice, periodo oltre il quale Cupertino procederà in ogni caso alla cancellazione.

Le app iOS dovranno rispettare certi standard minimi di qualità, spiega ancora Apple , e tra i (nuovi) requisiti fondamentali ci sarà un nome identificativo inferiore a 50 caratteri. La decisione dovrebbe tagliare le gambe ai produttori di shovelware, quando non di vere e proprie app-truffa, che sfruttano tecniche SEO per apparire tra i primi risultati delle ricerche degli utenti sullo store.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti