Apple, iPhone e il brevetto totale

Cupertino avrebbe rivendicato praticamente tutti i dispositivi mobile touchscreen, oppure tecnologie talmente vaghe da non riguardare praticamente nulla. Un problema di tecnologia, comprensione della materia o dell'Ufficio Brevetti USA?

Roma – Apple si è aggiudicata nove nuovi brevetti, tra cui uno sull’interfaccia originale di iPhone. Che, secondo gli osservatori, potrebbe coprire tutti i device mobile touchscreen , compromettendo lo sviluppo dell’intero settore.

Il titolo di privativa che tra i nove nuovi concessi a Cupertino dall’Ufficio marchi e brevetti statunitense (USTPO) preoccupa gli osservatori è il numero 7,966,578 , depositato da Apple nel 2007.

Gli altri si riferiscono, per esempio, all’applicazione di Apple Front Row (con presentazione via slide dei contenuti), alla cover in vetro degli iMac arrivata sul mercato nel 2010 e un connettore MicroDVI che dovrebbe riferirsi al Mini DisplayPort di Apple.

Ma è quello con cui Apple ottiene l’ esclusiva sull’interfaccia utente del primo iPhone e che descrive l’utilizzo delle icone attivate via touch screen e della tastiera virtuale che preoccupa alcuni osservatori , dal momento che sembra troppo ampio rivendicando quello che sembra un sistema di funzioni negli ultimi anni diventato consuetudine e un’interfaccia utenti tipica di un dispositivo mobile touchscreen: gesti digitali per la navigazione dei contenuti.

Per il resto si limita a collegare tra loro tutte le altre tecnologie già rivendicate a proposito di multitouch e dispositivi mobile da Cupertino stessa.
Si tratta, insomma, di un brevetto che fa da cappello alla tecnologia finora brevettata e che per questo rappresenta in generale l’intero sistema attualmente utilizzato.

Il tutto dovrà poi passare nelle maglie di eventuali azioni legali che ne determineranno l’effettivo valore e la forza a livello di opposizione: da questo punto di vista, insomma, potrebbe rappresentare semplicemente un’arma in più tra gli oltre 200 brevetti di Apple e non l’ultima tessera del domino, quella che fa crollare tutto il sistema dei dispositivi mobile touchscreen.

Ancora una volta, dunque, il problema sembra sorgere con la concessione di un brevetto che nel migliore dei casi è “troppo vago” per avere un valore effettivo di innovazione, e nel peggiore è “troppo vasto” e rischia di rappresentare un’ arma di distruzione di massa nelle mani dei legali di Apple. Quale delle due ipotesi si imporrà, verrà deciso dall’utilizzo che deciderà di farne Apple e dalle valutazioni del giudice che si troverà a dover affrontare la patata bollente lasciatagli dall’USTPO.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Utente Web scrive:
    La vera origine del sistema
    Mah... è sempre più chiaro che i colossi del web (G, FB, ...) non sono la semplice creazione di qualche giovincello genietto, ma ci sono dietro grossi capitali e manovre di mercato (magari l'idea di base viene da un ragazzotto, ma il resto non del tutto). Basti pensare all'enorme necessità in termini di HW che tutti questi sistemi richiedono (tutti con grosse server-farm alle spalle e grandi infrastrutture già alle origini).In questo senso i ragazzini sbattuti in pasto ai media sono solo in parte dei "genietti"... per FB in particolare è evidente che non è tutto così chiaro o non ci sarebbe stato bisogno di alcun accordo: perchè pagare così tanti milioni, altrimenti? Se uno ha ragione non paga niente a nessuno, in un caso del genere!Detto questo, restano degli ottimi servizi sul web da sfruttare con coscienza. Ma ragioniamo sempre con la nostra testa!
Chiudi i commenti