Apple mischia le carte ai vertici

Jeff Williams, sollevando Cook da qualche impegno, è stato nominato per il ruolo di COO, mentre Phil Schiller, che finora ha gestito il marketing a livello globale, si posiziona a capo degli App Store

Roma – Apple ha annunciato una serie di cambiamenti che coinvolgono i suoi vertici e che hanno portato Jeff Williams ad occupare la poltrona di Chief Operating Officer e Phil Schiller a capo di App Store.

Williams ricopriva finora il ruolo di vice-presidente senior e andrà dunque ad occupare la posizione finora ufficialmente presieduta ancora da Tim Cook, diventato CEO dopo Steve Jobs nel 2011: è probabile che Williams continuerà ad avere gli stessi compiti, con un titolo migliore.

Più rilevante , dunque, sembra il passaggio di Schiller : l’attuale vice presidente senior al marketing globale passerà infatti a gestire il sistema delle piattaforme App Store su iOS, OS X, WatchOS e tvOS.

Schiller assumerà i compiti finora svolti da Eddy Cue, che rimane nel suo ruolo di Presidente Apple e incaricato dei software e dei servizi Internet e quindi a capo di diversi servizi tra cui Apple Music, iCloud, Apple Pay e Siri: una lista che negli ultimi anni si era particolarmente allungata e che presumibilmente ha spinto l’azienda a prendere la decisione di sollevarlo da una parte degli impegni.

Cambiando i ruoli in testa vi sono naturalmente movimenti anche nelle parti più basse della gerarchia: Johny Srouji, finora al vertice dei programmi per i semiconduttori e l’hardware è diventato vice-presidente senior alle tecnologie hardware e Tor Myhren sarà assunto dall’agenzia di advertising Grey per unirsi al team del marketing di Cupertino.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti