Apple, quanto vale spifferare

Impiegato spione avrebbe passato, dietro tangente, informazioni riservate a fornitori asiatici di accessori per prodotti Apple. Cupertino denuncia
Impiegato spione avrebbe passato, dietro tangente, informazioni riservate a fornitori asiatici di accessori per prodotti Apple. Cupertino denuncia

Un impiegato di Apple è stato accusato di aver ricevuto mazzette da alcuni fornitori asiatici: Cupertino e il suo rapporto con la riservatezza e la capacità degli impiegati di mantenere i segreti sembrano continuare a non essere protetti da una buona stella.

Al centro della vicenda, che ha connotati molto meno casuali dell’ affaire Gizmodo , il manager di medio livello Paul Shin Devine, 37enne e da cinque a Cupertino.
Già arrestato, l’uomo si sarebbe garantito, secondo i 23 capi di accusa contestategli, tangenti per un valore di un milione di dollari : avrebbe raccolto, grazie alla sua posizione, informazioni riservate sui prodotti Apple per rivenderle poi ad alcuni fornitori di accessori iPhone e iPod che le utilizzavano per contrattare condizioni più convenienti con Cupertino.

I soldi venivano ricevuti da Devine sia personalmente, nell’occasione dei suoi viaggi in Asia, sia attraverso una rete di conti off-shore e attraverso una società fittizia.

Coinvolto nel caso anche il cittadino di Singapore Andrew Ang, impiegato di un fornitore di Apple. I nomi delle aziende che erogavano le mazzette, invece, non sono stati divulgati ma secondo il Wall Street Journal coinvolte sarebbero , tra l’altro, la coreana Cresyn, la cinese Kaedar Electronics e l’azienda di Singapore Jin Mould Manufacturing.

“Avendo gli standard etici più alti nel fare il nostro lavoro – ha dichiarato un portavoce di Cupertino – non tolleriamo comportamenti disonesti perpetrati dentro o fuori la nostra azienda”.

Cupertino ha presentato anche una causa civile contro Devine per i danni subiti.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti