Apple, tracciamento negli store

In arrivo negli Apple Store iBeacon, la tecnologia che inoculerà nei dispositivi dei clienti informazioni dettagliate sui prodotti in vendita. Un sistema che ha già attirato i grandi brand del mercato

Roma – Nuovo arrivo negli Apple Store: stavolta però la novità non è un dispositivo ma una tecnologia destinata ad ampliare le potenzialità dei vari iPhone, iPad, iPod e a cambiare l’esperienza all’interno dei punti vendita. Si tratta di iBeacon – integrata nell’ultima versione di iOS e passata inizialmente in sordina dinanzi alla rivoluzione grafica e ad altre funzionalità arrivate con iOS 7 – tecnologia che consente di creare una rete a medio-breve raggio per lo scambio di informazioni tra dispositivi che lo supportano. Simile concettualmente al modulo Near Field Communication ( NFC ), ma sulla carta più efficace poiché copre un raggio superiore e, soprattutto, più semplice da implementare poiché basato su standard Bluetooth, che si trova su ogni smartphone, al contrario del NFC.

La rilevanza degli iBeacon è dovuta però alle mire di Cupertino, che punta sull’innovativo sistema per ampliare le vendite dei suoi device portando gli utenti a scoprire le possibilità offerte dai prodotti in listino. Come? Introducendo iBeacon negli store, i clienti presenti negli Apple Store riceveranno avvisi e informazioni sui corsi in programma, sulle caratteristiche dei dispositivi o degli accessori che si stanno osservando e ancora dati sui prezzi, sulle ultime novità giunte in negozio o sullo stato di un device in assistenza per essere riparato. Una serie di informazioni che arriveranno direttamente sul telefono senza dover aprire applicazioni o siti Internet.

Se queste sono le funzioni basilari, iBeacon si presta però a tanti altri possibili usi. Uno dei più interessanti riguarda la creazione di mappe per ambienti interni, che potrebbe fornire ai consumatori un valido, rapido ed efficace sostegno per navigare nel negozio e scoprire dove sono collocati gli oggetti ricercati. Seguendo questa strada, allora, si comprende meglio il recente shopping della Mela, che con Locationary (raccoglie informazioni su negozi e imprese), Embark ed HotSpot (forniscono percorsi, orari, fermate e tutto ciò che c’è da sapere sui mezzi di trasporto pubblici) ha fatto una campagna acquisti mirata per favorire il lancio dell’innovativo sistema.

Un esempio di quello prossimamente si realizzerà è la partnership tra Apple e la Major League di Baseball, che permetterà ai tifosi in procinto di entrare nello stadio di conoscere news e vedere filmati storici sulla struttura, avere l’intera mappatura e il percorso per arrivare al proprio posto. Discorso simile per i musei, che grazie a iBeacon potranno diversificare il percorso dei visitatori veicolando via smartphone informazioni aggiuntive sulle opere in mostra, così come i pendolari che potranno ricevere consigli su percorsi alternativi e informazioni logistiche durante gli spostamenti in metro.

Con la funzione di GPS per interni, che è il primo passo per sviluppare servizi su misura per clienti e visitatori, l’interesse verso il progetto da parte dei negozianti è stato immediato. Per loro infatti le opportunità si moltiplicano con sconti, promozioni e annunci pubblicitari (con possibili variazioni anche in tempo reale) spediti direttamente sullo smartphone dei clienti presenti nel negozio, ma anche di quelli che passeggiano o sostano davanti alle vetrine.

Pur se ancora allo stato preliminare, il tracciamento realizzato da iBeacon ha scatenato subito i difensori della privacy. Un caso simile ha investito i negozi Nordstrom, che rintracciavano la posizione dei visitatori mentre erano all’interno degli store e che dinanzi alle critiche dei clienti è stata costretta a interrompere l’esperimento.

Alessio Caprodossi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ollli scrive:
    Testimonianza
    TestimonianzaHo ricevuto un prestito di 25.000 con il 3% dinteresse senza protocollo grazie allaiuto della Sig.ra lucia PERILLO che il mio accordato questo prestito ed a due (02) dei miei colleghi anche. Allora, se siete nella necessità di un prestito urgente inviare un messaggio al suo indirizzo ed avrete il vostro prestito in meno di 48 ore tuttal più poiché se ho potuto rilanciare nuovamente le mie attività, è grazie a lui. POSTA ELETTRONICA CONTATTARE:luciaperillo8@gmail.com
  • ollli scrive:
    prestiti urgente
    necessità di prestiti urgentegrazie alla Sig.ra perillo ho ottenere i miei prestiti di 200.000.00 volete ne ne beneficiate di quest'offerte vegliate bene la contattate ha suo mail:lperillo69@gmail.com
  • Fabrizio scrive:
    4 Bitcoin
    i Bitcoin il miglior investimento della mia vita,all'inizio 2010 un po' per divertimento è capire come funzionava o fatto un po' di mining all'epoca avevo recuperato 4 bitcoin con una misera CPU AMD e nvidia per qualche ora, sicuramente pochi centesimi energetici.In quel periodo nessuno faceva miglior quindi era molto facile trovarne blocchi da solioggi mi è 4 bitcoin valgono la bellezza 1800.l'unica cosa che non ho capito ancora e come riesco a recuperare questi soldi in contanti.
    • SonoIO scrive:
      Re: 4 Bitcoin
      - Scritto da: Fabrizio
      oggi mi è 4 bitcoin valgono la bellezza 1800.
      l'unica cosa che non ho capito ancora e come
      riesco a recuperare questi soldi in
      contanti.Spero di non portare sfiga ma il gain è tale una volta chiusa l'operazione.Fino a quel momento è un utile "virtuale".Per vendere i bitcoin devi servirti da un exchange, sento parlare bene di uno polacco, magari prova a Googlare.Tieni presente che è come aprire un conto trading, ti chiederanno dei documenti e dovrai attendere svariati giorni prima di essere attivo.Altrimenti potresti usarli per comprare qualcosa di fisico, qualche negozio li accetta.
    • aphex_twin scrive:
      Re: 4 Bitcoin
      Io uso MtGox , anche se ogni tanto preda di attacchi DDOS
    • Sandro kensan scrive:
      Re: 4 Bitcoin
      - Scritto da: Fabrizio
      l'unica cosa che non ho capito ancora e come
      riesco a recuperare questi soldi in
      contanti.Se vuoi venderli fai così: vai su bitcoin.de ti iscrivi e segui le istruzioni che sono in italiano. Devi avere un conto corrente, dare tutti i tuoi dati e verificare il c/c. Alla fine della trafila puoi vendere i tuoi bitcoin.La procedura è semplice, devi trasferire i tuoi bitcoin su un indirizzo di bitcoin.de che fa da intermediario quindi quanti btc (XBT) vendere e il taglio minimo della vendita. Per esempio vendi 4 XBT con taglio di 0.50 XBT che significa 8 accrediti bancari nel tuo c/c da 8 persone diverse o anche meno se vengono acquistate tranche multiple.Più semplicemente puoi vendere direttamente a persona che hanno fatto una offerta di acquisto e che sono elencate nella home page di bitcoin.de.
      • Fabrizio scrive:
        Re: 4 Bitcoin
        Grazie per le informazioni,Mi sa che abbandono l'idea di venderli,E faccio qualche acquisto in bitoin,È molto più sempliceDopo aver visto questo mi sembra una grande pala e sulla criminalità usa questa moneta visto le complicazioni che ci vuole per venderne o acquistarne dei bitconi,mi sa che il contante è molto più efficace.Visto tutto mi sa che dà più fastidio lo Stato che non ha un controllo su una moneta
        • Sandro kensan scrive:
          Re: 4 Bitcoin
          - Scritto da: Fabrizio
          Grazie per le informazioni,
          Mi sa che abbandono l'idea di venderli,
          E faccio qualche acquisto in bitoin,
          È molto più sempliceBenissimo, se vuoi comprare ci sono diversi negozi che accettano bitcoin. Io ti posso consigliare qualche acquisto che ho fatto da me. Se ti interessa un souvenir allora è molto carina la moneta bitcoin che si acquista per 20 dollari comprese le spese di spedizione.La puoi vedere su questa mia piccola recensione dell'acquisto:http://www.kensan.it/articoli/Bitcoin_moneta.phpMa ci sono molti altri negozi dove comprare, tieni conto che comprando materiale in dollari e pagandolo in bitcoin vieni a spendere molto meno anche se hai il rischio dogana:https://www.bitcoinstore.com/Vendono un hard disk Western Digital da 2 tera per:WD RE WD2003FYYS 2 TB 3.5" Internal Hard Drive0.3205 BTC che in dollari fanno 190 ovvero 143 euro meglio del migliore trovaprezzi.
    • droiderCoin scrive:
      Re: 4 Bitcoin
      Oltre alle alternative già segnalate, potresti anche rivenderli sul mercato, ad esempio se hai un account paypal o anche in cash se trovi qualcuno in zona interessato, per venderli bene e subito dovresti chiedere un prezzo un poco più basso della quotazione corrente, vai sui forum specializzati e annuncia che vuoi venderli, informati su come trasferirli al acquirente e come ogni prodotto devi prima ricevere l'accredito sul tuo conto e poi ripassare i bitcoin al portafoglio dell'acquirente.
  • mario scrive:
    tasse
    se gli stati non sono in grado di prelevare le tasse sui pagamenti con i bitcoin, i bitcoin saranno sempre illegali.
    • Dreikan scrive:
      Re: tasse
      Quasi veroBisogna considerare però che le potenze emergenti (leggi Cina) stanno spingendo per una moneta internazionale per disfarsi delle enormi quantità di dollari prima che gli USA svalutino (e prima o poi lo faranno). In questa ottica il Bitcoin potrebbe essere una (non la) soluzione di fatto; evita difficili accordi internazionali ed è fuori dal controllo dagli Stati Uniti.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: tasse
      contenuto non disponibile
      • mario scrive:
        Re: tasse
        - Scritto da: unaDuraLezione
        - Scritto da: mario

        se gli stati non sono in grado di prelevare
        le

        tasse sui pagamenti con in <b

        contanti </b
        , i <b
        contanti
        </b



        saranno sempre

        illegali.


        Fixed con dimostrazione che sei nel torto.
        --------------------------------------------------
        Modificato dall' autore il 19 novembre 2013 14.42
        --------------------------------------------------i contanti passano prima e poi attraverso una banca ed è attraverso la banca che lo stato esercita (male) il suo controllo, i bitcoin non passano dalle banche, lo stato non ha alcun controllo, i bicoin non sono contante.I bitcoin semmai sono un'alternativa al baratto, come fa lo stato a prelevare una tassa da un baratto? (sto parlando per esempio dell'IVA)
        • Stemby scrive:
          Re: tasse
          - Scritto da: mario
          come fa lo stato a prelevare una tassa da un
          baratto? (sto parlando per esempio
          dell'IVA)Come appunto si fa col baratto: si paga l'IVA in euro. Tra l'altro col bitcoin è molto più semplice che col baratto, perché un prezzo (seppure non ufficiale) è tutto sommato semplice stabilirlo; al contrario, col baratto devi stimare il valore di due beni "unici", che quindi non hanno mercato. Bitcoin alla fine è una commodity, ovvero una merce indifferenziata, perfettamente uniforme.L'IVA insomma è proprio il minore dei problemi.Per approfondimenti:https://bitcointalk.org/index.php?topic=25061.0
          • Nome e cognome scrive:
            Re: tasse
            - Scritto da: Stemby
            - Scritto da: mario

            come fa lo stato a prelevare una tassa da un

            baratto? (sto parlando per esempio

            dell'IVA)

            Come appunto si fa col baratto: si paga l'IVA in
            euro. Tra l'altro col bitcoin è molto più
            semplice che col baratto, perché un prezzo
            (seppure non ufficiale) è tutto sommato semplice
            stabilirlo; al contrario, col baratto devi
            stimare il valore di due beni "unici", che quindi
            non hanno mercato. Bitcoin alla fine è una
            commodity, ovvero una merce indifferenziata,
            perfettamente
            uniforme.

            L'IVA insomma è proprio il minore dei problemi.

            Per approfondimenti:

            https://bitcointalk.org/index.php?topic=25061.0Ho letto il link, ora sappiamo che su bitcointalk nel 2011 erano piuttosto saccenti e ignoranti in fatto di finanza, specie quel zeb-qualcosa. Però Il punto mi pare un altro: il bitcoin non è considerato una moneta, quindi perchè dovrei pagare l'IVA? Esistono delle partiche che regolamentano anche il baratto, in queto caso vanno applicate?
          • Stemby scrive:
            Re: tasse
            - Scritto da: Nome e cognome
            Però
            Il punto mi pare un altro: il bitcoin non è
            considerato una monetaLa cosa è discussa, e probabilmente prima o poi anche in Italia si ufficializzerà che Bitcoin è una moneta.
            quindi perchè dovrei
            pagare l'IVA? Esistono delle partiche che
            regolamentano anche il baratto, in queto caso
            vanno
            applicate?Esatto: anche col baratto si paga l'IVA. All'agenzia delle entrate non frega niente di quale controvalore venga accettato come pagamento per una vendita. C'è stata una vendita? Si paga l'IVA. In euro.(ovviamente la cosa non vale se lo scambio è tra privati e per cifre ridotte: 1 mela contro 1 pera o lo scambio di figurine non sono ancora tassati)
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: tasse
          contenuto non disponibile
  • ruppolo scrive:
    I soldi che fanno soldi...
    ...sono sempre un male per l'umanità.Se si vuole fare un passo nella giusta direzione vanno aboliti i tassi di interesse. E quando si trova uno strozzino, gli si da l'ergastolo, senza mezze misure.
    • Leguleio scrive:
      Re: I soldi che fanno soldi...

      ...sono sempre un male per l'umanità.
      Se si vuole fare un passo nella giusta direzione
      vanno aboliti i tassi di interesse. Fai prima a dire che vanno aboliti i prestiti in denaro per somme superiori a euro 250. È l'unico effetto che otterresti.
      E quando si
      trova uno strozzino, gli si da l'ergastolo, senza
      mezze
      misure.Ci sono delle forme di ergastolo con mezze misure? (newbie)
    • caccia gli script e il link sourceforg e scrive:
      Re: I soldi che fanno soldi...
      hai, con un solo post, annullato ogni differenza tra 'appleria' e sharia !complimenti
    • Nome Cognome scrive:
      Re: I soldi che fanno soldi...
      Quindi non hai neanche un conto in banca che ti da degli interessi ruppolo caro?
    • GreenDrake scrive:
      Re: I soldi che fanno soldi...
      A parte la cura che proponi, il concetto base è giusto: i soldi creati da attività finanziarie e non produttive sono il male oscuro di oggi.Mezzo mondo, no anzi quasi tutto, è 'incravattato' dagli interessi (ultracomposti) sui debiti prima e sui meccanismi finanziari malati oggi.Bitcoin ha dei punti di forza, come l'assenza (apparente) di una banca centrale, ma come vengono generati i bitcoin? Con la potenza computazionale!!Una cosa quasi completamente staccata dalla realtà economica reale, per questo alla fine si parla di niente!!
      • collione scrive:
        Re: I soldi che fanno soldi...
        - Scritto da: GreenDrake
        Bitcoin ha dei punti di forza, come l'assenza
        (apparente) di una banca centrale, ma comeno, non è apparente
        Una cosa quasi completamente staccata dalla
        realtà economica reale, per questo alla fine si
        parla di
        niente!!come tutte le valute che usiamo oggi giorno
        • GreenDrake scrive:
          Re: I soldi che fanno soldi...

          come tutte le valute che usiamo oggi giornoAppunto, oramai staccate dalla realtà non più adatte.Tanto per prendere l'Euro come esempio, da dove nascono tutti i XXXXXX?proprio dal distacco dalle economie locali.Il dollaro è un po' meglio ma pur sempre praticamente virtuale.
          • collione scrive:
            Re: I soldi che fanno soldi...
            la truffa la fecero gli americani con la fondazione della FED ( privata ) e il divincolamento del dollaro dal gold standard.Da lì in poi, il valore di una valuta è sempre dipeso dalla potenza militare di chi ci stava dietro.
          • Leguleio scrive:
            Re: I soldi che fanno soldi...

            la truffa la fecero gli americani con la
            fondazione della FED ( privata ) e il
            divincolamento del dollaro dal gold
            standard.Alla fine del 1971, ricordiamolo (termine degli accordi di Bretton Woods).
            Da lì in poi, il valore di una valuta è sempre
            dipeso dalla potenza militare di chi ci stava
            dietro.Ah, quindi il Marco tedesco dagli anni Ottanta in poi era spinto dalla supremazia militare della Germania ovest?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 novembre 2013 18.39-----------------------------------------------------------
          • Zucca Vuota scrive:
            Re: I soldi che fanno soldi...
            - Scritto da: GreenDrake
            Il dollaro è un po' meglio ma pur sempre
            praticamente
            virtuale.Il dollaro è virtuale (senza valore intrinseco) e pure iperinflazionato di proposito dalla FED.
      • Stemby scrive:
        Re: I soldi che fanno soldi...
        - Scritto da: GreenDrake
        come
        vengono generati i bitcoin? Con la potenza
        computazionale!!
        Una cosa quasi completamente staccata dalla
        realtà economica realeNon direi proprio. La potenza computazionale necessita di energia elettrica, la quale è un bene decisamente fisico.È la moneta fiat ad essere quasi totalmente virtuale. Le criptovalute, al contrario, sono assolutamente concrete, seppure impalpabili.
    • cicciobello scrive:
      Re: I soldi che fanno soldi...
      Deposita i tuoi soldi presso una banca islamica, allora
    • Davidoff scrive:
      Re: I soldi che fanno soldi...
      - Scritto da: ruppolo
      ...sono sempre un male per l'umanità.
      Se si vuole fare un passo nella giusta direzione
      vanno aboliti i tassi di interesse. E quando si
      trova uno strozzino, gli si da l'ergastolo, senza
      mezze
      misure.Poi non esistono più le mezze stagioni. Io ho un milione di euro e quale interesse avrei a prestarli a te senza che questa operazione mi porti un profitto? Tanto vale usarli per cavoli miei. Tu invece devi comprare casa, tutta insieme non la puoi pagare ma ti puoi togliere una certa cifra al mese. Io non ti do i soldi (mica sono una onlus) tu non compri la casa che rimane invenduta o non costruita così qualcuno non lavora e tutte le conseguenze del caso. Ora invece io e te ci accordiamo che io ti do i soldi per comprare casa e tu me li ridai a rate in 20 anni, se non volessi indietro di più ci rimetterei l'osso del collo quindi l'accordo prevede che tu me ne ridai un tot in più (sempre spalmati in 20 anni), la casa viene venduta/costruita qualcuno lavora e quei soldi vengono ridistribuiti in giro. Dove sarebbe il male?Ora che le storture vadano corrette è fuori discussione ma sparate idiote demagoghe e populiste come le tue sono degne di un decerebrato.
Chiudi i commenti