Apple, una carica di accuse

Le assunzioni di alcuni ingegneri reclutati presso un produttore di batterie per macchine elettriche potrebbero essere lesive della concorrenza. Perché Cupertino starebbe davvero esplorando il settore automobilistico

Roma – Apple dovrà difendersi in tribunale dall’accusa di una particolare forma di concorrenza sleale , definita in Italia “storno”, la sottrazione da parte di un concorrenti di uno o più dipendenti col fine di arrecare un danno al concorrente stesso e al contempo procurarsi un vantaggio.

Ad accusare Apple è il produttore di batterie per macchine elettriche A123 Systems che oltre alla normativa delle concorrenza sleale si appella ai contratti dei suoi (ex) lavoratori che hanno clausole a tutela del know-how aziendale, dei segreti e delle tecnologie cui si è venuti a conoscenza durante l’impiego e che impongono per questo una finestra di tempo di pausa obbligatoria tra l’abbandono di un’azienda e il passaggio ad un’altra.

Apple avrebbe tentato un approccio con gli ingegneri di A123 Systems già nel giugno del 2014, convincendoli a passare a Cupertino per seguire progetti simili a quelli cui avevano finora lavorato: il primo a passare ad addentare la proposta della Mela sarebbe stato l’ingegnere Mujeeb Ijaz, che avrebbe poi aiutato Apple a scegliere chi altro reclutare tra i ranghi della sua ex compagnia.

In questo modo – spiega l’azienda che ha subito il presunto storno di dipendenti – Cupertino avrebbe dato vita “ad una grande divisione dedicata alle batterie entrando in nostra diretta competizione” e costringendola a chiudere i relativi progetti basati in gran parte sulla guida dei suoi ex-dipendenti.

La denuncia non sorprende, in quanto le pratiche di assunzione nella Silicon Valley si sono spesso dimostrate senza scrupoli , ma rafforza dunque le indiscrezioni che si sono accavallate dai giorni scorsi e che vogliono Apple interessata a sviluppare un proprio veicolo elettrico: d’altronde Cupertino ha recentemente incontrato diversi produttori di automobili ed ha raccolto al suo interno manager ed ingegneri specializzati nel settore.

Inoltre, la denuncia dell’azienda produttrice di batterie per macchine elettriche sembra confermare le supposizioni di chi vedeva il vero interessamento di Apple rispetto al mercato delle automobili elettriche proprio nell’ambito delle batterie e nell’elettronica ad esse collegate, tecnologie che potrebbero risultare utili ai suoi dispositivi ed ai relativi progetti futuri.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Trikk scrive:
    Equo Compenso? Copia Personale?
    Equo compenso per il diritto di copia quando i supporti video sono protetti e t'impediscono la copia personale!
  • indignato scrive:
    coerenza
    Beh....se tale presidente fosse coerente con quanto dichiarato, dovrebbe remunerare lo stato fino all'ultimo centesimo evaso + penali e interessi di mora. Ma siamo in italia, il paese della disuguaglianza fiscale dove si detrae in continuazione agli onesti e si condona ai disonesti.
  • Enjoy with Us scrive:
    secondo me è incostituzionale
    Mi piacerebbe avere il parere di Leguleio.Come può essere costituzionale una tassa fondata sulla presunzione di colpa!Il codice penale parla chiaro la colpa è personale e deve essere dimostrata al di la di ogni ragionevole dubbio.Qui si stabilisce una tassa i cui proventi vengono girati ad un privato su una mera presunzione e tale tassa viene applicata anche i situazioni in cui caso mai è pressochè certo che tale azione non venga espletata (es. utilizzo professionale)
    • prova123 scrive:
      Re: secondo me è incostituzionale
      In Italia il fatto che sia incostituzionale non significa nulla.Per il cosiddetto "canone rai" ovvero la tassa di possesso sul televisore alla fine pur essendo incostituzionale hanno sospeso il giudizio (altrimenti la RAI andrebbe a rotoli ... basta leggere la sentenza ...)http://www.altalex.com/index.php?idnot=4820
      • prova123 scrive:
        Re: secondo me è incostituzionale
        Comunque evviva la SIAE ed il suo presidente che combattono l'illegalità, evviva Gino Paoli da prendere come esempio!!
      • Leguleio scrive:
        Re: secondo me è incostituzionale

        In Italia il fatto che sia incostituzionale non
        significa
        nulla.
        Per il cosiddetto "canone rai" ovvero la tassa di
        possesso sul televisore alla fine pur essendo
        incostituzionale hanno sospeso il giudizio
        (altrimenti la RAI andrebbe a rotoli ... basta
        leggere la sentenza
        ...)

        http://www.altalex.com/index.php?idnot=4820Non hanno "sospeso il giudizio", anche perché una corte che sospende il giudizio è come un arbitro che va a prendere un caffè al bar mentre si svolge la partita. Sono pagati per dare giudizi, non per sospenderli.La Corte Costituzionale ha semplicemente dichiarato manifestamente infondata la questione. Sorpreso? Io non più di tanto. La maggioranza delle cause innanzi alla corte costituzionale vengono respinte, come ho mostrato (con link) qui:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=4147589&m=4149222#p4149222Ciò detto, sollevare la questione di costituzionalità di una norma è un diritto, come lo è lo sciopero. Basta non ficcarsi in testa che ad ogni ricorso si vinca, che ad ogni sciopero si ottenga ciò che si vuole, perché è vero il contrario.
    • Leguleio scrive:
      Re: secondo me è incostituzionale

      Mi piacerebbe avere il parere di Leguleio.
      Come può essere costituzionale una tassa fondata
      sulla presunzione di
      colpa!Tanto per cominciare di tasse basate sulla colpa ce ne sono state, in Italia. Si pensi ai vari condoni fiscali, che tradotti in parole povere significavano: "ci paghi un fisso, e noi non veniamo a mettere il naso negli affari precedenti l'anno corrente".Da alcuni anni a questa parte se una legge non piace, per i più svariati motivi, la si accusa di incostituzionalità. Segno dei tempi; appena un decennio fa si sarebbe detto che è una "legge truffa", una "legge dei padroni", un "inciucio DC e PCI". Le quotazione della Costituzione oggi sono al massimo. :DNon so che dire: qualcuno ha scambiato la Costituzione della repubblica italiana per Robin Hood, il mezzo istantaneo per risolvere tutte le iniquità del mondo, in particolare quelle dell'Italia. Ma questo mezzo <B
      non esiste </B
      , semplicemente. Bisogna crescere e rendersene conto.
      Qui si stabilisce una tassa i cui proventi
      vengono girati ad un privato su una mera
      presunzione Ma quale presunzione, e ma quale privato.L'equo compenso è un bilanciamento fra copia privata, per uso personale, concessa dalla legge sul diritto d'autore, e i mancati introiti degli autori il cui CD o DVD è copiato. La pirateria non c'entra nulla.E la SIAE non è un privato: è un ente pubblico a base associativa.
      • Freguleio scrive:
        Re: secondo me è incostituzionale
        e anche per oggi un pochino di necroposting alla chetichella....
        • ... scrive:
          Re: secondo me è incostituzionale
          - Scritto da: Freguleio
          e anche per oggi un pochino di necroposting alla
          chetichella....linka, linka
      • Freguleio scrive:
        Re: secondo me è incostituzionale
        - Scritto da: Leguleio
        Tanto per cominciare di tasse basate sulla colpa
        ce ne sono state, in Italia. Si pensi ai vari
        condoni fiscali, che tradotti in parole povere
        significavano: "ci paghi un fisso, e noi non
        veniamo a mettere il naso negli affari precedenti
        l'anno
        corrente".Tanto per finire non eri obbligato ad aderire al "condono" ne sei obbligato da alcuna legge ad aderire ad alcuna presunzione di colpa.Come al solito siamo alle analogie già in premessa che non stanno in piedi ne giuridicamente ne col buonsenso.Si comincia con una affermazione falsa (assunta come valida) per tirare conclusioni ovviamente campate sul nulla.
        • 777694 scrive:
          Re: secondo me è incostituzionale
          - Scritto da: Freguleio
          - Scritto da: Leguleio


          Tanto per cominciare di tasse basate sulla
          colpa

          ce ne sono state, in Italia. Si pensi ai vari

          condoni fiscali, che tradotti in parole
          povere

          significavano: "ci paghi un fisso, e noi non

          veniamo a mettere il naso negli affari
          precedenti

          l'anno

          corrente".
          Tanto per finire non eri obbligato ad aderire al
          "condono" ne sei obbligato da alcuna legge ad
          aderire ad alcuna presunzione di
          colpa.
          Come al solito siamo alle analogie già in
          premessa che non stanno in piedi ne
          giuridicamente ne col
          buonsenso.
          Si comincia con una affermazione falsa (assunta
          come valida) per tirare conclusioni ovviamente
          campate sul
          nulla.Cosa non farebbe pur di sciacquare il discorso... Alla fine l'opinione non l'ha neppure data.
      • bradipao scrive:
        Re: secondo me è incostituzionale
        - Scritto da: Leguleio
        Le quotazione della Costituzione oggi sono al massimo.Intendevi dire "quotazioni" (plurale di quoazione) o è una parola a me ignota?
        • Leguleio scrive:
          Re: secondo me è incostituzionale


          Le quotazione della Costituzione oggi sono al
          massimo.

          Intendevi dire "quotazioni" (plurale di
          quoazione) o è una parola a me
          ignota?Le quotazioni, sì. Quotazioni ai listini di borsa, non come italianizzazione di <I
          to quote </I
          , che significa semplicemente citare.
      • Funz scrive:
        Re: secondo me è incostituzionale
        come sempre, a te sta bene anche se con la Costituzione ed il suo spirito ci si puliscono il cu*o. L'importante è la forma, l'importante è non intralciare il business.Mi chiedo se sei veramente così o se hai interessi economici, a mantenere certe posizioni.
        • 735040 scrive:
          Re: secondo me è incostituzionale
          - Scritto da: Funz
          come sempre, a te sta bene anche se con la
          Costituzione ed il suo spirito ci si puliscono il
          cu*o. L'importante è la forma, l'importante è non
          intralciare il
          business.
          Mi chiedo se sei veramente così o se hai
          interessi economici, a mantenere certe
          posizioni.E' un povero maniaco...
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: secondo me è incostituzionale
        - Scritto da: Leguleio

        Mi piacerebbe avere il parere di Leguleio.

        Come può essere costituzionale una tassa
        fondata

        sulla presunzione di

        colpa!

        Tanto per cominciare di tasse basate sulla colpa
        ce ne sono state, in Italia. Si pensi ai vari
        condoni fiscali, che tradotti in parole povere
        significavano: "ci paghi un fisso, e noi non
        veniamo a mettere il naso negli affari precedenti
        l'anno
        corrente".
        E questo cosa centra con l'equo compenso? Mica posso scegliere se aderire o meno all'equo compenso! Anzi si se compro su ebay!
        Da alcuni anni a questa parte se una legge non
        piace, per i più svariati motivi, la si accusa di
        incostituzionalità.Ah dimmi tu allora come può essere costituzionale una legge che prevede una tassa su un presunto uso che potrei fare di un supporto, tu presumi che delinqua e quindi mi punisci anticipatamente... siamo alla precrimine?



        Qui si stabilisce una tassa i cui proventi

        vengono girati ad un privato su una mera

        presunzione

        Ma quale presunzione, e ma quale privato.
        L'equo compenso è un bilanciamento fra copia
        privata, per uso personale, concessa dalla legge
        sul diritto d'autore, e i mancati introiti degli
        autori il cui CD o DVD è copiato. La pirateria
        non c'entra
        nulla.Bilanciamento di che, visto che intanto sono ammessi i sistemi che impediscono di fatto l'esecuzione della copia privata? E che in ogni caso aggirare tali protezioni è considerato un reato?Da una parte chiedono soldi per la copia privata e dall'altra ti incriminano se la fai? A me non sembra molto costituzionale tutto questo!
        E la SIAE non è un privato: è un ente pubblico a
        base
        associativa.Verissimo, ma diciamola tutta la storia della SIAE"La SIAE versa in profondo dissesto a causa dell'elevato costo del personale, del fondo pensioni e del suo patrimonio immobiliare.Il conto operativo è da anni in perdita, di 27 milioni di euro nel solo 2013; il risultato di esercizio è positivo di 1 milione grazie a operazioni finanziarie. Il bilancio SIAE riporta debiti per oltre 900 milioni di euro che non ha distribuito ai detentori dei diritti come da suo oggetto sociale.Quanto al diritto d'autore e copia privata, SIAE nel 2013 ha riscosso 589 milioni di euro), di cui liquidati 464 ; ma ha imposto agli associati 101 milioni in quote sociali e provvigioni (p. 61), consumando in costi un totale di 183 milioni pari al 39 % degli ammontari liquidati."Ergo la SIAE è una società a delinquere il cui unico scopo è autoperpetuarsi e pagare una elite di associati a danno di tutti gli altri, grazie all'uso strumentale di tasse e poteri coerciti concessi dallo stato ed in ultimo dal sig franceschini che negava di imporre nuove tasse!Dove sta scritto nella nostra costituzione che devono essere protetti simili poltronifici a detrimento dell'intera collettività?
        • Leguleio scrive:
          Re: secondo me è incostituzionale


          Tanto per cominciare di tasse basate sulla
          colpa

          ce ne sono state, in Italia. Si pensi ai vari

          condoni fiscali, che tradotti in parole
          povere

          significavano: "ci paghi un fisso, e noi non

          veniamo a mettere il naso negli affari
          precedenti

          l'anno

          corrente".



          E questo cosa centra con l'equo compenso? Mica
          posso scegliere se aderire o meno all'equo
          compenso! Mai detto che puoi scegliere di non aderire all'equo compenso.Puoi scegliere di non comprare CD, DVD, file musicali su internet, e di evitare PC con hard disk e smartphone. E l'equo compenso non lo paghi.Pensa che si viveva altrettanto bene quando non c'erano, e non parlo di secoli fa, basta andare a prima del 1981. Adesso sembra che senza musica e film ed elettronica in casa l'uomo muoia di inedia, manco ci fosse una carestia.

          Da alcuni anni a questa parte se una legge
          non

          piace, per i più svariati motivi, la si
          accusa
          di

          incostituzionalità.

          Ah dimmi tu allora come può essere costituzionale
          una legge che prevede una tassa su un presunto
          uso che potrei fare di un supporto, tu presumi
          che delinqua Ma quale delinquere, da premesse sbagliate possono solo discendere conclusioni sbagliate. Come sempre, d'altronde.L'unica cosa presunta, che è anche un diritto, è che tu faccia una copia per uso personale. Fine.

          Ma quale presunzione, e ma quale privato.

          L'equo compenso è un bilanciamento fra copia

          privata, per uso personale, concessa dalla
          legge

          sul diritto d'autore, e i mancati introiti
          degli

          autori il cui CD o DVD è copiato. La
          pirateria

          non c'entra

          nulla.

          Bilanciamento di che, visto che intanto sono
          ammessi i sistemi che impediscono di fatto
          l'esecuzione della copia privata? Questi sistemi sono stati inventati in Paesi come gli Stati Uniti in cui l'equo compenso non esiste, e il diritto alla copia privata non è ammesso, diversamente che in Italia.
          E che in ogni
          caso aggirare tali protezioni è considerato un
          reato?Non è un reato.
          Da una parte chiedono soldi per la copia privata
          e dall'altra ti incriminano se la fai? A me non
          sembra molto costituzionale tutto
          questo!Non è nemmeno reale, se è per questo. È una tua personale fantasia, basata sul nulla.

          E la SIAE non è un privato: è un ente
          pubblico
          a

          base

          associativa.

          Verissimo, ma diciamola tutta la storia della SIAE[...]
          Ergo la SIAE è una società a delinquere il cui
          unico scopo è autoperpetuarsi e pagare una elite
          di associati a danno di tutti gli altri, grazie
          all'uso strumentale di tasse e poteri coerciti
          concessi dallo stato ed in ultimo dal sig
          franceschini che negava di imporre nuove
          tasse!Aboliamo pure la SIAE. La legge sul diritto d'autore è una legge di Stato, compreso il capitolo sull'equo compenso. Se affidiamo questo compito ad altro ente, che sia l'AgCom oppure uno nuovo che si chiama BUGGERO non importa, che cosa cambia?Te lo dico io: non cambia assolutamente niente: anziché sfoghi inconcludenti contro la SIAE si leggerenno su PI sfoghi inconcludenti contro questi enti.
          Dove sta scritto nella nostra costituzione che
          devono essere protetti simili poltronifici a
          detrimento dell'intera
          collettività?Protetti?La SIAE può benissimo fallire, è la politica che ha avuto un occhio di riguardo per il dissesto finanziario e non ne ha caldeggiato l'eutanasia. Ma queste sono scelte, e tra l'altro in Italia è accaduto molte volte, quante grandi aziende e banche sono state salvate, non è mica scritto nella costituzione.
    • Izio01 scrive:
      Re: secondo me è incostituzionale
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Mi piacerebbe avere il parere di Leguleio.
      Come può essere costituzionale una tassa fondata
      sulla presunzione di colpa!Non è fondata sulla presunzione di colpa. Sono stati furbi e la pirateria non l'hanno proprio tirata in ballo nella formulazione, altrimenti il corollario sarebbe stato che la pirateria è lecita e giustificata. Invece paghi per il "mancato guadagno" (???) sulla copia privata che ti fai del materiale che hai acquistato.Detto questo, le lobby forti del paese possono comunque e in ogni caso far risultare costituzionale qualsiasi cosa, lo sappiamo tutti. Il concetto è: la SIAE, magna e magna, è in forte deficit; ha amici nei posti giusti, che foraggia attentamente, ed ecco che leggi su misura e regali stile Franceschini fioccano come nevicasse.
      Il codice penale parla chiaro la colpa è
      personale e deve essere dimostrata al di la di
      ogni ragionevole dubbio.
      Qui si stabilisce una tassa i cui proventi
      vengono girati ad un privato su una mera
      presunzione e tale tassa viene applicata anche i
      situazioni in cui caso mai è pressochè certo che
      tale azione non venga espletata (es. utilizzo
      professionale)
      • Leguleio scrive:
        Re: secondo me è incostituzionale

        Non è fondata sulla presunzione di colpa. Sono
        stati furbi e la pirateria non l'hanno proprio
        tirata in ballo nella formulazione, Anche perché la legge sull'equo compenso è del 1992, e all'epoca la pirateria non era certo un'emergenza all'ordine del giorno. Esisteva, ma non se ne parlava più di tanto.
        ed ecco che leggi su misura e
        regali stile Franceschini fioccano come
        nevicasse.Franceschini è diventato il parafulmine dei travasi di bile dei commentatori di PI. :DNon che lo sappia, perché i commentatori di PI, e la stessa rivista PI, valgono zero. Se ha nemici di cui guardarsi Franceschini, non sono certo quelli con l'ossessione dell'equo compenso.Gli stessi epiteti se li era presi Bondi, il responsabile del precedente adeguamento dei prezzi:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2794487E gli stessi epiteti li prenderà fra 3 anni circa chi sarà ministro al posto di Bondi e Franceschini. Non è un attacco alla persona o alla decisione presa, come si vorrebbe far credere: è che quella tassa proprio non va giù, e ci si inventa di tutto pur di attaccarla.
        • Freguleio scrive:
          Re: secondo me è incostituzionale
          Come "non va giù"? Possibile che su PI ci sia un solo "noto sostenitore" della tassa di quel famoso 50+1% (cit.) di favorevoli.È una tassa popolarissima anzi "nazional popolare" ha un indice di gradimento piuttosto notevole qui mica abbiamo dei Pagnoncelli qualunque qui ci possiamo permettere ben altri luminari. :D
      • Leguleio scrive:
        Re: secondo me è incostituzionale

        Non è fondata sulla presunzione di colpa. Sono
        stati furbi e la pirateria non l'hanno proprio
        tirata in ballo nella formulazione, Anche perché la legge che ha istituito l'equo compenso risale al 1992, e la pirateria non era certo ai primi posti delle discussioni politiche. Esisteva già allora, fuori da internet, ma non ci si faceva troppo caso.
        Invece paghi per il
        "mancato guadagno" (???) sulla copia privata che
        ti fai del materiale che hai
        acquistato.Non c'è da mettere i punti interrogativi: nei Paesi che non hanno l'equo compenso (esempio: USA) la copia privata non è prevista come diritto.A essere ligi alla legge laggiù dovresti comprare tutto in doppia copia. Ed era così anche in Italia prima del 1992.
        Detto questo, le lobby forti del paese possono
        comunque e in ogni caso far risultare
        costituzionale qualsiasi cosa, Aboliamo la corte costituzionale, e mettiamoci un coordinatore delle attività delle lobby, in modo che non si pestino i piedi fra di loro. Si risparmia un sacco di soldi.
        lo sappiamo tutti.Qui su PI tutti conoscono i retroscena di tutto, tranne me. :|
        Il concetto è: la SIAE, magna e magna, è in forte
        deficit; ha amici nei posti giusti, che foraggia
        attentamente, ed ecco che leggi su misura e
        regali stile Franceschini fioccano come
        nevicasse.Le stesse, identiche parole usate contro Franceschini erano state usate contro Bondi, all'epoca del penultimo aumento, aumento sancito dalla legge, non è un capriccio:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2794487E queste stesse parole saranno usate contro il prossimo ministro che fra circa tre anni adeguerà le tariffe. Il punto non è il ministro, è che questi soldi non piacciono e ci si inventa insulti per l'occasione... che invece sono sempre gli stessi.Non c'è analisi politica, non c'è una visione alternativa del diritto d'autore. Solo sbocco di bile.
        • Izio01 scrive:
          Re: secondo me è incostituzionale
          - Scritto da: Leguleio


          Invece paghi per il

          "mancato guadagno" (???) sulla copia privata
          che

          ti fai del materiale che hai

          acquistato.

          Non c'è da mettere i punti interrogativi: nei
          Paesi che non hanno l'equo compenso (esempio:
          USA) la copia privata non è prevista come
          diritto.
          A essere ligi alla legge laggiù dovresti comprare
          tutto in doppia copia. Ed era così anche in
          Italia prima del 1992.
          E infatti le galere americane sono piene di gente arrestata per avcer messo sull'iPod il ripping dei propri CD (rotfl)A parte questo, da quando la musica viene caricata direttamente sul dispositivo con cui la si ascolta, la copia è diventata una necessità. Prima la stessa cassetta te la ascoltavi in soggiorno, in camera, in macchina. Quindi che ci siano mancati guadagni è tutto da dimostrare.


          Detto questo, le lobby forti del paese
          possono

          comunque e in ogni caso far risultare

          costituzionale qualsiasi cosa,

          Aboliamo la corte costituzionale, e mettiamoci un
          coordinatore delle attività delle lobby, in modo
          che non si pestino i piedi fra di loro.

          Si risparmia un sacco di soldi.


          lo sappiamo tutti.

          Qui su PI tutti conoscono i retroscena di tutto,
          tranne me.
          :|



          Il concetto è: la SIAE, magna e magna, è in
          forte

          deficit; ha amici nei posti giusti, che
          foraggia

          attentamente, ed ecco che leggi su misura e

          regali stile Franceschini fioccano come

          nevicasse.

          Le stesse, identiche parole usate contro
          Franceschini erano state usate contro Bondi,
          all'epoca del penultimo aumento, aumento sancito
          dalla legge, non è un capriccio:
          E daje con l'"aumento sancito dalla legge". DOVE si parla di aumento, nella legge? Come ti abbiamo già ripetutamente spiegato, adeguamento non vuol dire automaticamente aumento.L'economia cala a picco, gli stipendi sono fermi a dieci anni fa, ma il compenso SIAE viene aumentato con percentuali a due cifre. Solo chi ci magna non lo trova uno schifo.
          http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2794487

          E queste stesse parole saranno usate contro il
          prossimo ministro che fra circa tre anni adeguerà
          le tariffe. Il punto non è il ministro, è che
          questi soldi non piacciono e ci si inventa
          insulti per l'occasione... che invece sono sempre
          gli stessi.
          Non c'è analisi politica, non c'è una visione
          alternativa del diritto d'autore. Solo sbocco di
          bile.Quando mi rubano la macchina, la difficile giovinezza del ladro non è ai primi posti nei miei pensieri.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 febbraio 2015 11.13-----------------------------------------------------------
          • Leguleio scrive:
            Re: secondo me è incostituzionale


            Non c'è da mettere i punti interrogativi: nei

            Paesi che non hanno l'equo compenso (esempio:

            USA) la copia privata non è prevista come

            diritto.

            A essere ligi alla legge laggiù dovresti
            comprare

            tutto in doppia copia. Ed era così anche in

            Italia prima del 1992.



            E infatti le galere americane sono piene di gente
            arrestata per avcer messo sull'iPod il ripping
            dei propri CD
            (rotfl)No, perché su queste cose non procedono, per ora. Ma ripeto, il concetto di copia privata è nato in Europa, e non là. Là c'è casomai il <I
            fair use </I
            , che però è diverso.
            A parte questo, da quando la musica viene
            caricata direttamente sul dispositivo con cui la
            si ascolta, la copia è diventata una necessità.
            Prima la stessa cassetta te la ascoltavi in
            soggiorno, in camera, in macchina. Quindi che ci
            siano mancati guadagni è tutto da
            dimostrare.Ci sono.Se un membro della famiglia vuole sentire a casa la stessa cassetta tenuta in auto, da usare con l'autoradio, si fa una copia. Illecita prima del 1992.

            Le stesse, identiche parole usate contro

            Franceschini erano state usate contro Bondi,

            all'epoca del penultimo aumento, aumento
            sancito

            dalla legge, non è un capriccio:



            E daje con l'"aumento sancito dalla legge". DOVE
            si parla di aumento, nella legge? Comma 2 dell'articolo 71-septies della legge 22 aprile 1941, n° 633:"Il compenso di cui al comma 1 è determinato, nel rispetto della normativa comunitaria e comunque tenendo conto dei diritti di riproduzione, con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, da adottare entro il 31 dicembre 2009 sentito il comitato di cui all'articolo 190 e le associazioni di categoria maggiormente rappresentative dei produttori degli apparecchi e dei supporti di cui al comma 1. Per la determinazione del compenso si tiene conto dell'apposizione o meno delle misure tecnologiche di cui all'articolo 102-quater, nonché della diversa incidenza della copia digitale rispetto alla copia analogica. <B
            Il decreto è sottoposto ad aggiornamento triennale </B
            ". (grassetto mio)
            Come ti abbiamo
            già ripetutamente spiegato, adeguamento non vuol
            dire automaticamente
            aumento.Perché non fondate tutti quanti il partito di Babbo natale? Per un governo che abbassa le tasse, e in certi casi le toglie, per un parlamento che stabilisce in seduta plenaria che i poveri e i bisognosi hanno vitto e alloggio gratis vita natural durante, e perché l'equo compenso diminuisca. Sarebbe un sucXXXXXne.
            Quando mi rubano la macchina, la difficile
            giovinezza del ladro non è ai primi posti nei
            miei
            pensieri.Male. Bisogna vivere con l'idea che potrebbe capitare anche a te. Le statistiche mostrano che non sono affatto casi rari.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: secondo me è incostituzionale
        - Scritto da: Izio01
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Mi piacerebbe avere il parere di Leguleio.

        Come può essere costituzionale una tassa
        fondata

        sulla presunzione di colpa!

        Non è fondata sulla presunzione di colpa.Come no! Presumono che tu copi sui supporti materiale protetto da copyright, anche se e infarcito di protezioni che ti impediscono di farlo ed è reato aggirarle! Sono
        stati furbi e la pirateria non l'hanno proprio
        tirata in ballo nella formulazione, altrimenti il
        corollario sarebbe stato che la pirateria è
        lecita e giustificata. Invece paghi per il
        "mancato guadagno" (???) sulla copia privata che
        ti fai del materiale che hai
        acquistato.Mancato guadagno di cosa se ho acquistato il loro bene e per di più non sono libero di copiarlo a causa di protezioni che è reato aggirare?
        Detto questo, le lobby forti del paese possono
        comunque e in ogni caso far risultare
        costituzionale qualsiasi cosa, lo sappiamo tutti.Certo ma è incostituzionale lo stesso!
        Il concetto è: la SIAE, magna e magna, è in forte
        deficit; ha amici nei posti giusti, che foraggia
        attentamente, ed ecco che leggi su misura e
        regali stile Franceschini fioccano come
        nevicasse.
        Bello schifo!

        Il codice penale parla chiaro la colpa è

        personale e deve essere dimostrata al di la
        di

        ogni ragionevole dubbio.

        Qui si stabilisce una tassa i cui proventi

        vengono girati ad un privato su una mera

        presunzione e tale tassa viene applicata
        anche
        i

        situazioni in cui caso mai è pressochè certo
        che

        tale azione non venga espletata (es. utilizzo

        professionale)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 marzo 2015 18.10-----------------------------------------------------------
        • Leguleio scrive:
          Re: secondo me è incostituzionale



          Mi piacerebbe avere il parere di
          Leguleio.


          Come può essere costituzionale una tassa

          fondata


          sulla presunzione di colpa!



          Non è fondata sulla presunzione di colpa.

          Come no! Presumono che tu copi sui supporti
          materiale protetto da copyright, anche se e
          infarcito di protezioni che ti impediscono di
          farlo ed è reato
          aggirarle!Copiare materiale protetto dal diritto d'autore non è una colpa. Al contrario è un diritto, in Italia. Basta che sia una copia personale.Le protezioni ci sono solo per i film e per i giochi, non per la musica.
          Mancato guadagno di cosa se ho acquistato il loro
          bene e per di più non sono libero di copiarlo a
          causa di protezioni che è reato
          aggirare?No, aggirare le protezioni non è reato, ma affronterò la questione un'altra volta, è piuttosto complessa.Tu comprare due libri uguali perché non avere fotocopiatrice: tu dare doppio guadagno ad autore.Tu comprare un solo libro e la seconda copia fare fotocopia: tu tolto guadagno all'autore. Autore prende percentuale da copia con fotocopiatrice del libro che tu fotocopiare, e questo chiamare equo compenso.Chiaro ora?
          Certo ma è incostituzionale lo stesso! <B
          Tutto </B
          è incostituzionale per chi è disadattato. Consiglio sempre ai commentatori di PI più esigenti di crearsi un mondo su misura, in particolare con la costituzione che più vi piace. Questa Costituzione della repubblica italiana è così, mi spiace.
        • Izio01 scrive:
          Re: secondo me è incostituzionale
          - Scritto da: Enjoy with Us
          - Scritto da: Izio01

          - Scritto da: Enjoy with Us


          Mi piacerebbe avere il parere di
          Leguleio.


          Come può essere costituzionale una tassa

          fondata


          sulla presunzione di colpa!



          Non è fondata sulla presunzione di colpa.

          Come no! Presumono che tu copi sui supporti
          materiale protetto da copyright, anche se e
          infarcito di protezioni che ti impediscono di
          farlo ed è reato
          aggirarle!


          Sono

          stati furbi e la pirateria non l'hanno
          proprio

          tirata in ballo nella formulazione,
          altrimenti
          il

          corollario sarebbe stato che la pirateria è

          lecita e giustificata. Invece paghi per il

          "mancato guadagno" (???) sulla copia privata
          che

          ti fai del materiale che hai

          acquistato.

          Mancato guadagno di cosa se ho acquistato il loro
          bene e per di più non sono libero di copiarlo a
          causa di protezioni che è reato aggirare?
          Non devi convincere me, devi convincere i parassiti che su questa cosa ci magnano e i politici furbetti, che con loro fanno comunella per avere la loro bella fetta di torta.L'idea del mancato guadagno sembra una XXXXXta pure a me, ma vedi come la difende chi ci magna, direttamente o indirettamente (ogni riferimento a commentatori del forum è puramente intenzionale).
          • Leguleio scrive:
            Re: secondo me è incostituzionale

            L'idea del mancato guadagno sembra una XXXXXta
            pure a me, Non ha nessuna rilevanza cosa sembra a te una tassa, un balzello, un contributo obbligatorio oppure un'imposta. Il parlamento non si cura di che cosa dica la Borsa di Milano dell'imposta sulle transazioni finanziarie, ma pensa un po' che strano. In democrazia funziona così: una volta stabilito dal 50 % +1, puoi lanciare tutti gli insulti e le maledizioni che vuoi, è in vigore, e si applica, anche a chi non è d'accordo.
          • Izio01 scrive:
            Re: secondo me è incostituzionale
            - Scritto da: Leguleio

            L'idea del mancato guadagno sembra una
            XXXXXta

            pure a me,


            Non ha nessuna rilevanza cosa sembra a te una
            tassa, un balzello, un contributo obbligatorio
            oppure un'imposta. Il parlamento non si cura di
            che cosa dica la Borsa di Milano dell'imposta
            sulle transazioni finanziarie, ma pensa un po'
            che strano.

            In democrazia funziona così: una volta stabilito
            dal 50 % +1, puoi lanciare tutti gli insulti e le
            maledizioni che vuoi, è in vigore, e si applica,
            anche a chi non è d'accordo.Aridaje con la palla del 50% + 1.In tutti i contesti neutrali dove la gente si esprime, quelli a sfavore sono molto ma molto più numerosi di quelli a favore, e ti ho anche mostrato qualche esempio. Sfortunatamente il 50% + 1 della gente può volere quello che le pare ma non è lei a legiferare. No: ad essere favorevoli sono solo i politici e chi ci magna, come te e/o gli amici tuoi. Il fatto che tu insista continuamente su questa tirata mostra unicamente la tua disonestà intellettuale.Altrimenti mostrami questo 50% + 1 entusiasta dei regali ai parassiti, avanti. Ci sono manifestazioni in piazza a favore della SIAE? Siti dove i commentatori gioiscono?
          • Leguleio scrive:
            Re: secondo me è incostituzionale


            In democrazia funziona così: una volta
            stabilito

            dal 50 % +1, puoi lanciare tutti gli insulti
            e
            le

            maledizioni che vuoi, è in vigore, e si
            applica,

            anche a chi non è d'accordo.

            Aridaje con la palla del 50% + 1.
            In tutti i contesti neutrali dove la gente si
            esprime, quelli a sfavore sono molto ma molto più
            numerosi di quelli a favore, e ti ho anche
            mostrato qualche esempio. Io mi ricordo gli esempi italiani di referendum falliti, o per scarsa partecipazione degli elettori e mancanza di quorum, oppure, delusione ancora più cocente, per una maggioranza che ha votato a favore del mantenimento. Non sono affatto pochi casi.Perché è facile sui forum, negli scompartimenti ferroviari e in piazza dirsi "contro", e attira anche simpatie. Nella solitudine dell'urna, in genere, ci si fa qualche domanda in più.
            Sfortunatamente il 50%
            + 1 della gente può volere quello che le pare ma
            non è lei a legiferare. No: ad essere favorevoli
            sono solo i politici e chi ci magna, come te e/o
            gli amici tuoi. Quindi dici che in Svizzera, paese che ha introdotto l'equo compenso dal 1992 (là si chiama "indennità sui supporti vergini"), e in cui i referendum sono anche piuttosto frequenti, ne indiranno uno per abolire questo schifo voluto solo da multinazionali e da società collettrici? E che il referendum vincerà col 90 % di SÌ?Mi voglio proprio godere la scena. 8)
            Il fatto che tu insista
            continuamente su questa tirata mostra unicamente
            la tua disonestà
            intellettuale.Oh, guarda, non parliamo di disonestà intellettuale qui su PI che è meglio. Tutti a criticare la legge sul diritto d'autore in base a nobilissimi principi, certo. E se a qualcuno è capitato sporadicamente di violarla, è stato a favore del Terzo Mondo. L'unico che ha scaricato materiale perché gli piaceva sono io.
            Altrimenti mostrami questo 50% + 1 entusiasta dei
            regali ai parassiti, avanti. Ci sono
            manifestazioni in piazza a favore della SIAE?
            Siti dove i commentatori
            gioiscono?Ma che domanda inutile: le tasse non piacciono a nessuno, in nessuna parte del mondo ho visto manifestazioni che le invocano o che ne chiedono il mantenimento. Il fatto che non piacciono non significa che se ne chieda formalmente l'abrogazione, come con un salto logico azzardato tu ti ostini a fare.
  • Caldron scrive:
    Me certo...
    ...che vi aspettavate? Che l'italia abolisse una tassa. Ma siete matti!
  • ... scrive:
    copia privata
    LEGULEIO E' UN PIDDINO!!!
  • 766857 scrive:
    Venditori di fumo
    Una cosa l'ho imparata nel corso degli anni.Quando ufficialmente si adotta un aggettivo qualificativo per indicare un servizio, quasi sempre è perché la realtà è l'opposto, come per esempio: equo (equo compenso, equitalia), onesto, moderno, ecc.Ingegneria sociale di basso livello...
    • eheheh scrive:
      Re: Venditori di fumo
      chiamasi neolinguaVocabolario B: era costituito da parole inventate per scopi politici, intese a imporre un atteggiamento mentale, una direzione, in chi le usava. Parole composte: Consistevano in due o più parole, ovvero porzioni di parole, combinate insieme in una forma che fosse di semplice pronuncia. Lobiettivo non era esprimere significati quanto distruggerli.svagocampo significa lavori forzatiequo compenso significa tassa ma senza pronunciare tale parola
  • Thepassenge r scrive:
    Comprate all'estero
    Si, danneggerà la nostra economia, ma dopotutto io vengo prima dei venditori, quindi il mio consiglio è che se dovete comprare supporti di memorizzazione, comprateli all'estero, anche solo per non ingrassare le tasche di quei delinquenti parassiti che vino alle nostre spese di rendita.E un'altro consiglio, non ascoltate più la loro musica, nemmeno in mp3.
  • Etype scrive:
    Tassa vampiro
    L'equo compenso è di una idiozia assoluta in quanto si da per certo che ci compra simili device automaticamente si scarichi materiale coperto da copyright,una balla stratosferica messa li tanto per tenere in piedi il carrozzone.Un pò come dire aggiungiamo 2000 Euro in più sul prezzo di qualunque auto per il rischio che qualcuno la possa trasformare in un'arma,i soldi ovviamente finiranno all'antiterrorismo... E di questo passo anche coltelli,martelli,ecc ..cavolo è per una buona causa ! :DSe ho un'azienda con i server e postazioni di lavoro quindi non dovrei pagare l'equo compenso visto che ho solo materiale da lavoro. Ma no facciamo di tutta un'erba un fascio,vuoi mettere lucrare a pioggia ?Mi ricorda molto il comportamento delle assicurazioni RCA,siccome loro dicono che ci sono persone che truffano con falsi incidenti allora per compensare aumentiamo la polizza a tutti così il problema si risolve :D :D :DMa quanto è comoda questa scusa ehio dico di avere un danno così propongo iniziative che vanno unicamente a mio vantaggio e su cui ho pieno controllo...della serie non ho i soldi per fare la bella vita senza fare nulla,ma cavolo,da qualche parte li devo pur trovare !Consiglio di Sato,mmm si si tutti giovani suppongo da qui la mentalità vecchia da burocrate.Ah la normativa europea,cavolo,ce lo chiede l'Europa !!! :D :D :D :Dtutti si vanno a gettare nel pozzo,quindi devono imolarsi anche gli altri :D
    • Etype scrive:
      Re: Tassa vampiro
      Aggiungo che a questo punto se proprio uno deve pagare questa tassa a scrocco di pochi allora incomincio a pensare veramente che sono autorizzato da domani a scaricare a valanga,perchè dovrei pagare una seconda volta comprando anche il materiale audiovisivo ?
      • panda rossa scrive:
        Re: Tassa vampiro
        - Scritto da: Etype
        Aggiungo che a questo punto se proprio uno deve
        pagare questa tassa a scrocco di pochi allora
        incomincio a pensare veramente che sono
        autorizzato da domani a scaricare a
        valanga,perchè dovrei pagare una seconda volta
        comprando anche il materiale audiovisivo
        ?Daccordissimo sull'autorizzazione morale, ma la tassa, in quanto tassa, la paghiamo con la modalita' che lo stesso presidente siae adotta con le tasse sue.
    • Izio01 scrive:
      Re: Tassa vampiro
      - Scritto da: Etype
      L'equo compenso è di una idiozia assoluta in
      quanto si da per certo che ci compra simili
      device automaticamente si scarichi materiale
      coperto da copyright,una balla stratosferica
      messa li tanto per tenere in piedi il
      carrozzone.
      Guarda, non voglio fare il Leguleio della situazione, ma FORMALMENTE la giustificazione è differente. Lo devi pagare non presumendo che scarichi materiale pirata, che resta pratica non permessa, bensì presumendo che su quei dispositivi tu faccia la copia di materiale legalmente acquistato.Con questo escamotage si prendono SIA la tassa per rimpinguare i loro portafogli che ANCHE l'autorità-cagnolino al loro servizio, nota anche come AGCOM, per non dover sottostare agli incubi burocratici che tutti gli altri cittadini si devono sobbarcare per qualsiasi problema legale (in condominio abbiamo un inquilino moroso, nmila euro di arretrati nelle spese, ma noi comuni mortali non abbiamo una AGCOM che semplifica e accelera il recupero di questi soldi: dobbiamo passare da trafile legali lente, costosissime e dall'esito incerto; viva l'itaglia!).E sono ovviamente d'accordo con te sul secondo post: sarà pure illegale scaricare materiale audiovisivo, ma dal punto di vista etico, quello italiano l'abbiamo già pagato.
      • Etype scrive:
        Re: Tassa vampiro
        - Scritto da: Izio01
        Lo devi pagare non presumendo che
        scarichi materiale pirata, che resta pratica non
        permessa, bensì presumendo che su quei
        dispositivi tu faccia la copia di materiale
        legalmente
        acquistato.Il che è anche peggio
        Con questo escamotage si prendono SIA la tassa
        per rimpinguare i loro portafogli che ANCHE
        l'autorità-cagnolino al loro servizio, nota anche
        come AGCOM, per non dover sottostare agli incubi
        burocratici che tutti gli altri cittadini si
        devono sobbarcare per qualsiasi problema legale
        (in condominio abbiamo un inquilino moroso, nmila
        euro di arretrati nelle spese, ma noi comuni
        mortali non abbiamo una AGCOM che semplifica e
        accelera il recupero di questi soldi: dobbiamo
        passare da trafile legali lente, costosissime e
        dall'esito incerto; viva
        l'itaglia!).Una casta protetta per non fare nulla...
        E sono ovviamente d'accordo con te sul secondo
        post: sarà pure illegale scaricare materiale
        audiovisivo, ma dal punto di vista etico, quello
        italiano l'abbiamo già
        pagato.Non solo,in termini di quota Europea contribuiamo per 1/4 della spesa,praticamente paghiamo il doppio degli altri Ricapitolando :- Pago il materiale audiovisivo,fin qui OK- Pago per avere la copia privata di ciò che ho già pagato- Pago il doppio degli altri statialla fine uno dice,"ok tanto vale che mi scarico l'intero mondo senza pagare un solo Euro,almeno risparmio e non ho vincoli"Non si è capito però perchè in tutto questo zibaldone ci hanno fatto rientrare anche le aziende,molto probabilmente il 100% dei dati sono propri e non ci sarà mai un'opera audiovisiva protetta da copyright al suo interno,in tal caso non vedo perchè dovrebbe sgnaciare denari.
    • equo compenso scrive:
      Re: Tassa vampiro
      Ecco l'equo compenso:http://www.corriere.it/spettacoli/15_febbraio_19/blitz-finanza-casa-gino-paoli-accusato-evasione-fiscale-ded46934-b81f-11e4-8ec8-87480054a31d.shtml;-)
  • Dubbioso scrive:
    Ma vorrei sapere
    Sui soldi portati in svizzera si paga o no l'equo compenso?
  • bubba scrive:
    Bondi chi???
    cacchio da quando c'era Bondi ministro (2009) sono passate ere geologiche, sono nati e morti degli universi... e si stanno ancora titillando con quella roba li'? Da allora, TRA L'ALTRO, lo streaming e' cresciuto esponenzialmente rendendo sempre meno sensato (qualora lo fosse mai stato) l'iniquo compenso per copia privata......
    • Izio01 scrive:
      Re: Bondi chi???
      - Scritto da: bubba
      cacchio da quando c'era Bondi ministro (2009)
      sono passate ere geologiche, sono nati e morti
      degli universi... e si stanno ancora titillando
      con quella roba li'?

      Da allora, TRA L'ALTRO, lo streaming e' cresciuto
      esponenzialmente rendendo sempre meno sensato
      (qualora lo fosse mai stato) l'iniquo compenso
      per copia privata......Almeno hanno ammesso (quasi) apertamente che si tratta di una tassa per mantenere quei parassiti, con la copia privata non ha nulla a che vedere."...il TAR aveva respinto tutti i ricorsi, superando di fatto la ragione puntuale e limitandosi a definire l'equo compenso non il corrispettivo dell'utilizzo dell'altrui opere dell'impegno, ma una tassa"."Il TAR indicava inoltre come la logica dell'equo compenso fosse legata a doppio filo alla crisi del settore".
  • rico scrive:
    In italia Gino cantava...
    ...il cielo in una stanza. In svizzera canta "il conto in una banca".Che bello, questo compenso, dalle nostre tasche a quelle svizzere, lasciando qualcosa alla SIAE, ovvio.E per favore non lo definiscano equo: chi compra un telefono da 8 GB paga come chi compra un HDD da 1000 GB, nonostante le "copie private" possano essere, in questo caso, 120 volte maggiori.
    • Izio01 scrive:
      Re: In italia Gino cantava...
      - Scritto da: rico
      ...il cielo in una stanza. In svizzera canta "il
      conto in una banca".
      Che bello, questo compenso, dalle nostre tasche a
      quelle svizzere, lasciando qualcosa alla SIAE,
      ovvio.
      E per favore non lo definiscano equo: chi compra
      un telefono da 8 GB paga come chi compra un HDD
      da 1000 GB, nonostante le "copie private" possano
      essere, in questo caso, 120 volte maggiori.Guarda che sull'hard disk in questione la SIAE guadagna (anche se in questo caso il verbo corretto sarebbe "ruba") una cifra superiore al guadagno del costruttore. E' una schifezza che grida vendetta.
      • fred scrive:
        Re: In italia Gino cantava...
        Doppio furto, Gino ruba a noi tramite le tasse Siae ma ruba anche al fisco italiano tramite l'evasione.Penso che pochi siano riusciti a tanto finora.
      • Fred Master scrive:
        Re: In italia Gino cantava...
        - Scritto da: Izio01
        - Scritto da: rico

        ...il cielo in una stanza. In svizzera canta
        "il

        conto in una banca".

        Che bello, questo compenso, dalle nostre
        tasche
        a

        quelle svizzere, lasciando qualcosa alla
        SIAE,

        ovvio.

        E per favore non lo definiscano equo: chi
        compra

        un telefono da 8 GB paga come chi compra un
        HDD

        da 1000 GB, nonostante le "copie private"
        possano

        essere, in questo caso, 120 volte maggiori.

        Guarda che sull'hard disk in questione la SIAE
        guadagna (anche se in questo caso il verbo
        corretto sarebbe "ruba") una cifra superiore al
        guadagno del costruttore. E' una schifezza che
        grida
        vendetta.E' una cosa schifosa che mi da il voltastomaco!Certi personaggi li darei in pasto alle belve dell'ISIS....
        • Joshthemajor scrive:
          Re: In italia Gino cantava...
          L'isis non è niente confronto a noi cristiani nei momenti di "Dobbiamo portare la parola del signore attraverso le crociate sacre".
  • amedeo scrive:
    disse il presidente...
    "La sentenza è senza ombre e chiude la porta, speriamo definitivamente, a ogni strumentalizzazione contraria al diritto degli autori e editori italiani di vedere remunerate le loro opere", ha dichiarato il presidente della SIAE Gino Paoli.quello indagato per evasione miliardaria.Evidentemente gli stanno a cuore solo gli interessi di autori ed editori ma non quelli dello stato e del popolo italiano.
    • Joe Tornado scrive:
      Re: disse il presidente...
      Io sono dell'idea che gli interessi che gli stiano più a cuore siano i propri ...!
    • Fred Master scrive:
      Re: disse il presidente...
      - Scritto da: amedeo
      "La sentenza è senza ombre e chiude la porta,
      speriamo definitivamente, a ogni
      strumentalizzazione contraria al diritto degli
      autori e editori italiani di vedere remunerate le
      loro opere", ha dichiarato il presidente della
      SIAE Gino
      Paoli.

      quello indagato per evasione miliardaria.
      Evidentemente gli stanno a cuore solo gli
      interessi di autori ed editori ma non quelli
      dello stato e del popolo
      italiano.Un pagliaccio rubagalline di questo livello di meschinità mi fa vergognare di essere ligure anche io!
  • Guybrush scrive:
    Vogliamo metterci in testa che...
    ...la SIAE ha 800mln di debiti e deve ripianarli? Vogliamo negargli un introito meno che QUADRUPLO rispetto agli altri paesi dell'UE?Suvvia!GThttp://c.punto-informatico.it/l/profilo.aspx?n=Guybrush(visita il mio blog!)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 febbraio 2015 09.23-----------------------------------------------------------
    • 1213 scrive:
      Re: Vogliamo metterci in testa che...
      - Scritto da: Guybrush
      (visita il mio blog!)MA ANCHE NO
    • Izio01 scrive:
      Re: Vogliamo metterci in testa che...
      - Scritto da: Guybrush
      ...la SIAE ha 800mln di debiti e deve ripianarli?
      Vogliamo negargli un introito meno che QUADRUPLO
      rispetto agli altri paesi
      dell'UE?
      Suvvia!

      GTDall'articolo: "Il TAR indicava inoltre come la logica dell'equo compenso fosse legata a doppio filo alla crisi del settore".Sono senza pudore, magari godessimo noi (o gli operai, o gli artigiani, o gli imprenditori, eccetera) delle stesse salvaguardie...
  • panda rossa scrive:
    Presidente siae indagato
    E intanto le cronache ci dicono che il presunto innocente presidente della siae e' indagato per evasione fiscale.Ricordatevelo quando anche voi farete di tutto per non pagare l'iniquo compenso.
    • Guybrush scrive:
      Re: Presidente siae indagato
      - Scritto da: panda rossa
      E intanto le cronache ci dicono che il presunto
      innocente presidente della siae e' indagato per
      evasione
      fiscale.

      Ricordatevelo quando anche voi farete di tutto
      per non pagare l'iniquo
      compenso.E non è che ci vuole tutta 'sta scienza: basta NON comprare in italia. Il minuscolo è voluto.GThttp://c.punto-informatico.it/l/profilo.aspx?n=Guybrush(visita il mio blog!)
    • Freguleio scrive:
      Re: Presidente siae indagato
      si dice 'nocente (cit. A. Sordi "un giorno in pretura").
    • MESCAL. scrive:
      Re: Presidente siae indagato
      - Scritto da: panda rossa
      E intanto le cronache ci dicono che il presunto
      innocente presidente della siae e' indagato per
      evasione
      fiscale.
      Non succederà nulla in quanto trattasi di "equa evasione" del solito intellettualoide sinistroide che fa il "comunista" sempre coi soldi degl' altri....
    • fred scrive:
      Re: Presidente siae indagato
      Dimostra quanto e' corrotta questa gente.E nonostante cio' il tar gli ha dato ragione; la legge in italia proprio non e' dalla nostraparte.
    • paolo scrive:
      Re: Presidente siae indagato
      La SIAE ora dovrebbe pagare un equo compenso a noi per la "potenziale" evasione, altro che pirateria..
Chiudi i commenti