AppStore, due pesi e due misure?

Secondo uno sviluppatore, Apple avrebbe negato la pubblicazione di un'app per iPhone per via di una misteriosa violazione del contratto. Perché a Google sì e a lui no?

È un vero e proprio giallo quello che si è consumato intorno all’app chiamata Peeps , realizzata dallo sviluppatore Landon Fuller: dopo oltre un mese di attesa, l’azienda di Cupertino ha comunicato la bocciatura dell’applicazione, dovuta all’utilizzo di una interfaccia API non documentata il cui impiego è ritenuto, invece, regolare dallo sviluppatore.

Dopo l’estenuante attesa, scandita dai post nel suo blog, Fuller ha ricevuto una comunicazione da parte di Apple in cui viene spiegato il motivo del diniego: “Peeps non può essere postata sull’App Store a causa dell’utilizzo di un’API privata. Così come specificato nella licenza dell’SDK per iPhone, alla sezione 3.3.1, l’utilizzo di API non pubbliche è proibito”. In particolare, secondo Apple, l’utente avrebbe utilizzato il set di API relativo al CoverFlow, il sistema che permette di sfogliare le copertine degli album presente anche su iTunes.

Di diverso avviso Fullen, secondo il quale nel suo operato non è riscontrabile alcuna irregolarità: “L’ultima cosa che vorrei è spedire un codice simile ad una bomba ad orologeria ad un utente che paga per il servizio” scrive Fuller. “Avendo bisogno di un’interfaccia simile a quella del CoverFlow ho deciso di scriverne una di persona, partendo da zero. Sono sorpreso che Apple abbia scambiato il mio lavoro con quello da loro realizzato”.

Pur non volendo credere alle parole di Fuller, secondo qualcuno Apple sta deliberatamente utilizzando due pesi e due misure: anche l’applicazione realizzata da BigG, ad oggi presente nello store virtuale, utilizza alcune API non documentate, così come dichiarato dall’azienda stessa. Nel mentre, in attesa di un chiarimento sulla vicenda, Fuller spera in un ripensamento da parte dell’azienda di Cupertino o, magari, nell’offerta di qualche altro acquirente.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Testazza scrive:
    Facebook VS. FeisBuc
    Finalmente fioccano gli svantaggi (tanti) e i vantaggi (pochi) di essere presenti sui social network.Vantaggi:visibilità (a chi interessa)è cooltutti i miei amichetti sono registratiquando non so che fare al lavoro vado a perdere tempo lì anziché su punto informaticoconosco nuove pupe (wow!)partecipo a feste fighe ed eventi ganzi grazie ai miei contatti sconfinatitutti vedono quanto sono figo e quanto sono popolareSvantaggi:tutti sanno chi sono, niente privacytutti sanno chi sono i miei amici e le mie frequentazionitutto quello che dico va misurato, niente cazzate quelle sono per i ragazziniil mio principale può tenermi sotto controllo anche fuori dagli orari d'ufficioi rompiballe hanno un modo in più per scovarmitutti vedono come sono e cosa faccio nel tempo libero grazie alle mie bellissime foto, che un domani potrei essermi pentito di postarei miei dati sono messi lì, a capocchia, e sono dati veri sulla mia identità realese dovessi decidere di tornar per così dire nell'anonimato, sarei nella "M" fino al collo, anche se mi cancello qualche traccia rimarrà semprese non sto attento a quello che posto posso infilarmi in gineprai senza sboccoecc. ecc. ecc.Quindi: Pensarci bene prima di iscriversi solo perché è cool...
    • Stein Franken scrive:
      Re: Facebook VS. FeisBuc
      Insomma, per fighetti ed egocentrici (rotfl)
      • Stein Franken scrive:
        Re: Facebook VS. FeisBuc
        Aggiungo che grazie a Google Maps, modalità Street View, se vedi l'indirizzo di uno di questi, è probabile riuscire a vedere dove abita.Ma pensa un po'...
        • Cataldo scrive:
          Re: Facebook VS. FeisBuc
          e allora? puoi vederlo anche nel "mondo reale".Pagine bianche ti dice qualcosa?
          • vivalarevol ution scrive:
            Re: Facebook VS. FeisBuc
            oddio oddio le pagine bianche :| :o :o :oCENSURATELE SNOBBATELE EVITATELE SI SALVI CHI PUOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO(anonimo)
          • Testazza scrive:
            Re: Facebook VS. FeisBuc
            - Scritto da: Cataldo
            e allora? puoi vederlo anche nel "mondo reale".
            Pagine bianche ti dice qualcosa?Questo paragona i social network all'elenco del telefono.Hahahahahahahah
    • Lemon scrive:
      Re: Facebook VS. FeisBuc


      Svantaggi:
      tutti sanno chi sono, niente privacy1) non tutti, solo i tuoi amici2) sanno quello che scrivi, se vuoi metti pure il numero di carta di credito
      tutti sanno chi sono i miei amici e le mie
      frequentazionima non è vero! lo sanno se lo scrivi! ma ci vuole tanto a capirlo? se poi sono veramente tuoi amici o conoscenti lo sanno lo stesso
      tutto quello che dico va misurato, niente cazzate
      quelle sono per i
      ragazzinisi, questo lo fai comunque in base a dove sei e con chi sei
      il mio principale può tenermi sotto controllo
      anche fuori dagli orari
      d'ufficiose gli dai l'amicizia si, bravo furbo
      i rompiballe hanno un modo in più per scovarmi
      tutti vedono come sono e cosa faccio nel tempo
      libero grazie alle mie bellissime foto, che un
      domani potrei essermi pentito di
      postareI TUOI AMICI!!! e le foto le puoi levare. A proposito: le foto non solo le puoi far vedere solo ai tuoi amici ma anche solamente ad alcuni di essi.
      i miei dati sono messi lì, a capocchia, e sono
      dati veri sulla mia identità
      realeA parte che ti puoi registrare con dati falsi, i dati che metti li decidi tu, molti non hanno scritto nulla se non il nome e cognome.
      se dovessi decidere di tornar per così dire
      nell'anonimato, sarei nella "M" fino al collo,
      anche se mi cancello qualche traccia rimarrà
      sempre
      se non sto attento a quello che posto posso
      infilarmi in gineprai senza
      sbocco
      ecc. ecc. ecc.

      Quindi: Pensarci bene prima di iscriversi solo
      perché è
      cool...Il problema non è iscriversi ma pensare a quello che si fa...
      • Stein Franken scrive:
        Re: Facebook VS. FeisBuc
        A sto punto non è più semplice usare un sistema di IM?
        • Lemon scrive:
          Re: Facebook VS. FeisBuc
          - Scritto da: Stein Franken
          A sto punto non è più semplice usare un sistema
          di
          IM?Se vuoi parlare o chattare si, se vuoi lasciare una "bacheca" ai tuoi amici o parenti no. Poi niente è vitale, si viveva bene anche prima....
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Facebook VS. FeisBuc
        - Scritto da: Lemon

        il mio principale può tenermi sotto controllo

        anche fuori dagli orari

        d'ufficio

        se gli dai l'amicizia si, bravo furboMi sembra che in tutto questo il concetto di amicizia venga miseramente svilito. Come si può pretendere di essere "amico" con un paio di click sul mouse? Ma ti rendi conto di quello che scrivi e di cosa significa l'amicizia? Essere furbo o no nel dare l'amicizia? Ma che stai dicendo! :oI miei amici non hanno facebook, non ne sentono lontanamente bisogno come non lo sento io. Se ci vogliamo vedere lo facciamo di persona, non con le figurine. Al massimo ci mettiamo d'accordo per vederci tramite MSN o per telefono. Questi "social network" sono solo dei passatempo (per te) fine a se stessi (al marketing, per loro).
        • Testazza scrive:
          Re: Facebook VS. FeisBuc
          Non sapevo che questo forum fosse frequentato anche dai manager di FeisBuc.Ricordate:Niente pubblicità occulta.
          • Gianluk scrive:
            Re: Facebook VS. FeisBuc
            - Scritto da: Testazza
            Non sapevo che questo forum fosse frequentato
            anche dai manager di
            FeisBuc.
            Ricordate:
            Niente pubblicità occulta.Ma Lemon ha scritto solo come funziona lo strumento in merito alla gestione della privacy...mi sembrava una considerazione sensata visto che si erano fatte delle considerazioni basate propabilmente sulla non completa conoscenza dello stesso.
  • Undertaker scrive:
    Altre nazioni...
    Qui in italietta / bananas la notifica "si considera eseguita" anche se il postino non ti ha mai visto.E dalla notifica "virtuale" ti tocca pagare gli interessi !Proprio la patria della giustizia ladresca, amministrata da canaglie cui viene richiesto solo di portare il soldo, in barba ad ogni principio di legalitá o diritto.
    • Puntuale scrive:
      Re: Altre nazioni...
      A parte che la notifica non la fà il postino ma l'ufficiale giudiziario... a parte che se non trovano la persona la notifica non è valida...a parte che non si parla di interessi da pagare dalla notifica... a parte tutto non ne hai azzeccata una... :D
      • Urk scrive:
        Re: Altre nazioni...
        - Scritto da: Puntuale
        A parte che la notifica non la fà il postino ma
        l'ufficiale giudiziario... a parte che se non
        trovano la persona la notifica non è valida...a
        parte che non si parla di interessi da pagare
        dalla notifica... a parte tutto non ne hai
        azzeccata una...Esistono le notifiche a mezzo posta, che partono dall'uff. giud. ma sono eseguite materialmente dal portalettere. Per queste notifiche la legge prevede che se il destinatario assente non ritira l'atto notificato entro un dato tempo, la notifica si dà per perfezionata comunque.
        • Fabioman scrive:
          Re: Altre nazioni...
          a' Puntuale, cambia nick....
        • pinco pallino scrive:
          Re: Altre nazioni...
          credo che salti un passaggio: la notifica non ritirata deve prima essere affissa sulla bacheca del comune di residenza se non sbaglio...
          • Urk scrive:
            Re: Altre nazioni...
            - Scritto da: pinco pallino
            credo che salti un passaggio: la notifica non
            ritirata deve prima essere affissa sulla bacheca
            del comune di residenza se non
            sbaglio...No, questo non vale per la notifica a mezzo posta; quello che dici tu avviene in caso di notifica a mani, che viene eseguita materialmente dall'ufficiale giudiziario (la copia dell'atto da notificare viene depositata in Municipio, viene messo un'avviso del deposito sulla porta dell'abitazione o ufficio e in più al destinatario viene inviata raccomandata a.r. con avviso del deposito dell'atto). Il tutto detto ovviamente semplificando parecchio.
    • Mha scrive:
      Re: Altre nazioni...
      Sarà forse perché il nostro Paese ha un numero elevatissimo di debitori che spariscono in frode ai creditori?
  • non sia offensivo scrive:
    Tanto va la gatta al lardo...
    ...che ci lascia lo zampino, anzi, il borsellino!Ben gli sta, forse impareranno che il social network non è poi cosi divertente quando ci metti il tuo vero nome e la tua vera faccia alla mercè di chiunque.Ahahahah, fessi!
    • Undertaker scrive:
      Re: Tanto va la gatta al lardo...
      - Scritto da: non sia offensivo
      ...che ci lascia lo zampino, anzi, il borsellino!
      Ben gli sta, forse impareranno che il social
      network non è poi cosi divertente quando ci metti
      il tuo vero nome e la tua vera faccia alla mercè
      di
      chiunque.
      Ahahahah, fessi!meglio trollare da anonimo e vantarsene anche, vero ?
      • non sia offensivo scrive:
        Re: Tanto va la gatta al lardo...
        - Scritto da: Undertaker
        meglio trollare da anonimo e vantarsene anche,
        vero
        ?Non mi sembra di vederti loggato, anonimo anche tu my friend? :D E poi che trollare e trollare: non ti basta avere un nome su un campanello e un numero civico sulla porta di casa? Ce lo devi avere anche su internet e renderti cosi disponibile a tutti e a tutte le ore? E' un pò come tappezzare la propria città con fotocopie della propria carta di identità... solo che su facebook lo fai a livello planetario! A me sembra una sorta di masochismo, altro che trollare!
        • Stein Franken scrive:
          Re: Tanto va la gatta al lardo...
          Masochismo esteso a parecchia gente :D sicuramente si sentirà preso in causa.Cavoli loro, essere ingenui e/o egocentrici non porta da nessuna parte.
          • Lemon scrive:
            Re: Tanto va la gatta al lardo...
            - Scritto da: Stein Franken
            Masochismo esteso a parecchia gente :D
            sicuramente si sentirà preso in
            causa.

            Cavoli loro, essere ingenui e/o egocentrici non
            porta da nessuna
            parte.Più che masochisti loro mi sembrate frustrati e/o paranoici voi. Se registri un dominio sei raggiungibile anche a casa (c'è l'indirizzo di casa tua o della tua azienda), se hai un sito internet tutti entrano (non solo i registrati e in aggiunta a chi dai il permesso come su facebook), se hai una mail chiunque ti scrive qualunque cosa a qualsiasi ora del giorno (non per niente c'è lo spam), quando navighi in internet viene memorizzato il tuo IP... e potremmo andare avanti con altri esempi presi anche dalla vita non digitale, ad esempio basta che ti lauri e sul papiro si leggerà pure la prima volta che hai trom..to. Invece su facebook tutto questo non è possibile, al massimo qualcuno può vedere se ti sei registrato, solo i tuoi amici (e volendo puoi limitare) possono vedere i fatti tuoi che comunque sono quelli che TU decidi di scrivere. Mettiamo anche che sia tutto un trucco della CIA per schedarci: bene, credi forse che ne abbiano bisogno? basta andare alla anagrafe nazionale e si fanno dare quello che vogliono ed in maniera anche più completa visto che c'è anche l'indirizzo di casa (su facebook non c'è). Ma aspetta, la CIA fa anche una profilatura in base ai vari test e giochini che si fanno su facebook, bene, ammesso e non concesso che sia vero basta non farli. Risolto il problema.PS: a quelli che sostengono che la gente non si rende conto di essere visibile da tutto il mondo, bene, allora visto che sono ignoranti leviamogli internet perchè se non sei preparato a navigare in rete farei comunque casini, facebook o no.
          • Stein Franken scrive:
            Re: Tanto va la gatta al lardo...

            Più che masochisti loro mi sembrate frustrati e/o paranoici voi. Ti senti preso in causa?
            Se registri un dominio sei raggiungibile anche a casa Spessissimo hai la possibilità di aggiungere un servizio che maschera questi dati (whois) per una cifra davvero modica. Per esempio 1$ annuale. In pratica viene sostituito con l'indirizzo di chi ti fornisce il sito.
            se hai un sito internet tutti entrano Ci metti quello che vuoi. Nessuno può riuscire ad identificarti se tu non lo vuoi. Oltre al fatto che su un sito ci puoi mettere quello che ti pare. se hai una mail chiunque ti scrive qualunque cosa a qualsiasi ora del giorno Dipende anche a chi dai l'email, e se utilizzi dei servizi gratuiti. quando navighi in internet viene memorizzato il tuo IP... Solo se richiesto dalle forze dell'ordine, possono risalire a te. Invece su facebook tutto questo non è possibile, al massimo qualcuno può vedere se ti sei registrato, solo i tuoi amici (e volendo puoi limitare) possono vedere i fatti tuoi che comunque sono quelli che TU decidi di scrivere. Mi sembra che non hai afferrato cosa è in realtà Facebook, e il concetto di Social Network.Tutto quello che hai detto come esempi, non giustifica affatto i problemi di privacy dati da questi siti.Se veramente vuoi andare sul sicuro, non ti registri nemmeno.In sostanza ti stai arrampicando sugli specchi.
          • Lemon scrive:
            Re: Tanto va la gatta al lardo...
            - Scritto da: Stein Franken

            Più che masochisti loro mi sembrate frustrati
            e/o paranoici voi.

            Ti senti preso in causa?
            Si, la paranoia degli altri mi turba soprattutto se fa perdere il senso della realtà.

            Se registri un dominio sei raggiungibile
            anche a
            casa
            Spessissimo hai la possibilità di aggiungere
            un servizio che maschera questi dati (whois) per
            una cifra davvero modica. Per esempio 1$ annuale.
            In pratica viene sostituito con l'indirizzo di
            chi ti fornisce il
            sito.
            Esatto, è una contromisura da chi ha una certa pratica. Anche su facebook chi ha una certa pratica non rilascia dati personali...

            se hai un sito internet tutti entrano
            Ci metti quello che vuoi. Nessuno può riuscire
            ad identificarti se tu non lo vuoi. Oltre al
            fatto che su un sito ci puoi mettere quello che
            ti
            pare.
            Anche su facebook....
            se hai una mail chiunque ti scrive qualunque
            cosa a qualsiasi ora del giorno

            Dipende anche a chi dai l'email, e se utilizzi
            dei servizi
            gratuiti.
            Anche su facebook dipende a chi dai l'amicizia....
            quando navighi in internet viene memorizzato
            il tuo IP...

            Solo se richiesto dalle forze dell'ordine,
            possono risalire a
            te.
            Non è del tutto vero, e comunque lasci una traccia di te

            Mi sembra che non hai afferrato cosa è in realtà
            Facebook, e il concetto di Social
            Network.Spiegamelo tu, tra l'altro io li uso e tu no (sembrerebbe) quindi mi sembra strano che tu sappia meglio di me come funzionano.
            Tutto quello che hai detto come esempi, non
            giustifica affatto i problemi di privacy dati da
            questi
            siti.Il problema di privacy esiste se TU decidi che esistano, è ovvio che se canti ai quattro venti gli affari tuoi sensibili (che non sono "sabato scorso sono andato ad una festa"). Per lo stesso prinzipio non dovremmo parlare perchè parlando potremmo dire delle cose di noi... ma che discorso è? Piuttosto potrebbe ssere un problema di "ignoranza" del messo che si usa, ma esula dal sito che si utilizza.
            Se veramente vuoi andare sul sicuro, non ti
            registri
            nemmeno.

            In sostanza ti stai arrampicando sugli specchi.Non mi pare, sei tu che non motivi ma lasci intendere chissà cosa, io ho solo fatto degli esempi di come la privacy (che poi è tutto da verificare cosa è la privacy) sia continuamente sotto attacco e sta a noi decidere cosa dire e a chi dirlo, qusto vale su facebook come nella vita. Altrimneti dovremmo stare tutti chiusi a casa.
          • Stein Franken scrive:
            Re: Tanto va la gatta al lardo...

            Altrimneti dovremmo stare tutti chiusi a casa.Facebook è una causa.A quanto ho sentito poco tempo fa, un amico di un tuo amico può vedere il tuo profilo lo stesso, anche se hai limitato ai soli amici la visibilità del tuo profilo. Sarebbe decisamente grave.Tra l'altro facebook per poterlo usare per quello che è realmente, sei costretto a dare i tuoi dati pesonali.Metti in conto che i dati potrebbero rimanere anche su motori di ricerca, etc...La privacy non è qualcosa da prendere sottogamba.
          • Lemon scrive:
            Re: Tanto va la gatta al lardo...


            A quanto ho sentito poco tempo fa, un amico di un
            tuo amico può vedere il tuo profilo lo stesso,
            anche se hai limitato ai soli amici la visibilità
            del tuo profilo. Sarebbe decisamente
            grave.Non esattamente. Se io lascio un commento nel "muro" del mio amico (o in una foto ecc), allora lo leggono anche gli amici del mio amico che non sono amici miei (scusa il gioco di parole). E' ovvio che sta a me avere l'intelligenza di non scrivere cose private mie o riguardo il mio amico, ad esempio "e poi te le sai fatta quella? la tua ragazza se ne è accorta?". Però i messaggi li posso lasciare anche in forma privata tra me e lui. Poi c'è il secondo aspetto: è vero che io posso vedere quali sono gli amici del mio amico, però non posso entrare nei loro profili a meno che questi non siano pubblici (ed allora rientriamo nel caso di qualcuno che lo usa male o se ne frega della privacy). Alcuni hanno interesse ad avere profili publici, magari personaggi famosi o chi cerca celebrità ecc, altri lo fanno per sbaglio, altri come me scrivono solo fesserie tra gli amici.


            Tra l'altro facebook per poterlo usare per quello
            che è realmente, sei costretto a dare i tuoi dati
            pesonali.
            No, puoi mettere anche dati falsi, solo che non è quello lo scopo secondo me perchè dovrebbe servire a metterti in contatto con amici e conoscenti, magari vecchi compagni di scuola ecc, quindi se non metti il tuo vero nome sarà difficile che ti trovino o o ti riconoscano
            Metti in conto che i dati potrebbero rimanere
            anche su motori di ricerca,
            etc...

            La privacy non è qualcosa da prendere sottogamba.Sono daccordo ma il problema non è facebook ma come lo usi, volevo dire solo questo.
          • Stein Franken scrive:
            Re: Tanto va la gatta al lardo...

            ma il problema non è facebook ma come lo usi, volevo dire solo questo.Sono partito prevenuto nei tuoi confronti, e mi spiace.Comunque io trovo negativo il modo che troppa gente si pone con questi strumenti tecnologici.In sè la tecnologia non è cattiva o buona.Chi è fesso/ingenuo ne pagherà le conseguenze. Gli altri (credo pochi però) si divertiranno non avendo conseguenze.
          • Lemon scrive:
            Re: Tanto va la gatta al lardo...

            Sono partito prevenuto nei tuoi confronti, e mi
            spiace.
            Non c'è problema, amche io sono aggressivo a volte!
            Comunque io trovo negativo il modo che troppa
            gente si pone con questi strumenti
            tecnologici.
            In sè la tecnologia non è cattiva o buona.Infatti

            Chi è fesso/ingenuo ne pagherà le conseguenze.
            Gli altri (credo pochi però) si divertiranno non
            avendo
            conseguenze.Esattissimo. Come ogni strumento è giusto capire come funziona ed imparare ad usarlo. Poi, come ho già scritto, si vive bene anche senza, alla fine è poco più che un gioco per molti, magari utile in qualche caso. Io ad esempio ho diversi parenti e amici in giro per il mondo e per l'Italia, allora facebook è un modo per sentirsi più vicini, semplicemente leggere "oggi sono andata a far la spesa" oppure "sono felice perchè mio fglio ha detto la prima parola" ecc ecc, è un modo per partecipare alla vita di chi ti fa piacere. C'è anche chi cerca di rimorchiare, fare il figo mettendo foto che se poi lo vedi dal vero manco lo riconosci... però sta sempre all'intelligenza delle persone credo, anche per chi lo prende con leggerezza è importante che non scriva o si lasci andare ad esternazioni troppo personali (a meno che scrivi in forma privata).
          • di passaggio scrive:
            Re: Tanto va la gatta al lardo...
            Tanto la privacy esiste solo quando serve a chi "comanda"... ormai con questa stupida storia della tutela dati LAVORARE è diventato molto più difficile... liberi professionisti, enti pubblici, aziende... ricorda, NESSUNO è in regola... ed è fatto di proposito, così come in molti altri aspetti della vita, per permettere a "qualcuno" di poterti sempre attaccare qualora lo dovesse volere.
        • di passaggio scrive:
          Re: Tanto va la gatta al lardo...
          e che c'è di male? che c'è scritto sulla tua carta d'identità? il quarto segreto di fatima?
    • Lemon scrive:
      Re: Tanto va la gatta al lardo...
      - Scritto da: non sia offensivo
      ...che ci lascia lo zampino, anzi, il borsellino!
      Ben gli sta, forse impareranno che il social
      network non è poi cosi divertente quando ci metti
      il tuo vero nome e la tua vera faccia alla mercè
      di
      chiunque.
      Ahahahah, fessi!Quindi qual'è l'insegnamento? Se avete debiti non iscrivetevi su facebook?
      • ertre scrive:
        Re: Tanto va la gatta al lardo...
        Non iscriverti e basta...- Scritto da: Lemon
        - Scritto da: non sia offensivo

        ...che ci lascia lo zampino, anzi, il
        borsellino!

        Ben gli sta, forse impareranno che il social

        network non è poi cosi divertente quando ci
        metti

        il tuo vero nome e la tua vera faccia alla mercè

        di

        chiunque.

        Ahahahah, fessi!

        Quindi qual'è l'insegnamento? Se avete debiti non
        iscrivetevi su
        facebook?
        • pippo scrive:
          Re: Tanto va la gatta al lardo...

          Non iscriverti e basta...
          O iscriviti come silvio b e sei intoccabile :D
        • Lemon scrive:
          Re: Tanto va la gatta al lardo...
          - Scritto da: ertre
          Non iscriverti e basta...
          Ok, grazie, per la dritta!
          • Joliet Jake scrive:
            Re: Tanto va la gatta al lardo...
            Mah...Basta iscriversi senza mettere dati sensibili.Io ad esempio non ho il mio cognome vero. Non c'è la mia mail o numero di telefono e indirizzo.In quanto a profilazione, basta non riempire le caselle dei film preferiti o dei gruppi musicali.E i giochini basta ignorarne la maggior parte.E con tutto questo, mi ci diverto lo stesso.I settaggi della privacy poi sono fatti abbastanza bene su Facebook (non lo avrei mai detto)Vabbè, lo so. Sono io che sono particolarmente paranoico! Però paga! Sono invisibile anche su Google! :D
          • Lemon scrive:
            Re: Tanto va la gatta al lardo...
            - Scritto da: Joliet Jake
            Mah...
            Basta iscriversi senza mettere dati sensibili.
            Io ad esempio non ho il mio cognome vero. Non c'è
            la mia mail o numero di telefono e
            indirizzo.
            In quanto a profilazione, basta non riempire le
            caselle dei film preferiti o dei gruppi
            musicali.
            E i giochini basta ignorarne la maggior parte.
            E con tutto questo, mi ci diverto lo stesso.
            I settaggi della privacy poi sono fatti
            abbastanza bene su Facebook (non lo avrei mai
            detto)
            Vabbè, lo so. Sono io che sono particolarmente
            paranoico! Però paga! Sono invisibile anche su
            Google!
            :DSi infatti era ironico, ti quoto pienamente.
Chiudi i commenti