Appuntamenti online, localizzazione indiscreta

Alcuni siti di incontri non avrebbero rimosso i dati di localizzazione dalle foto divulgate sulle proprie pagine. I rischi sono dietro l'angolo

Roma – Secondo uno studio condotto da ricercatori della Leeds School of Business dell’ Università del Colorado , 21 siti d’appuntamenti su 90 non avrebbero rimosso i dati geolocalizzati collegati alle foto caricate dai loro utenti .

Con la diffusione di macchine fotografiche e smartphone con fotocamere dotati di sistemi di tracciamento GPS, è sempre più probabile che le foto scattate contengano dati geolocalizzati . Questo comporta che su siti come quelli che fanno incontrare sconosciuti possano essere caricate per sbaglio immagini che, attraverso semplici strumenti tecnologici, permettano a chiunque di risalire ad una posizione legata all’utente che l’ha scattata.

Insomma, la nuova tecnologia aprirebbe la strada ad un nuovo rischio per la privacy e ad un nuovo, pericoloso indizio per molestatori. Tutte questioni di cui i gestori dei siti dovrebbero tener conto.

Per questo i ricercatori universitari hanno iniziato a scandagliare i siti dedicati agli appuntamenti per vedere se i gestori avessero o meno iniziato a prendere in considerazione questi fattori, rimuovendo i metadati in questione.

Secondo i ricercatori i siti principali come Match.com e PlentyofFish.com provvedono a rimuovere tali informazioni, ma 21 dei 90 siti analizzati non hanno rimosso tali metadati collegati alle immagini dei profili.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • davidepsy scrive:
    Interessante:
    La proposta è interessante, il prezzo non è esagerato, bisogna vedere meglio le potenzialità, strano che l'abbia proposto la Razer questo tablet... staremo a vedere.Sembra un'evoluzione dell'm11x, visto che i tablet hanno preso il posto dei netbook ormai.
  • Fosk91 scrive:
    prezzo a parte
    è la prima alternativa al console gaming proposta per tablet e come idea non è male, ma comunque finché non mi faranno una piattaforma aggiornabile e manutenibile nel tempo, si rimane sul buon vecchio pc fisso asd
  • ziovax scrive:
    switchblade
    Ma poi lo switchblade è uscito, o è ancora solo un "concept"?
  • Mela avvelenata scrive:
    Bel vassoio!
    Solo 1000 dollari! Però!
  • Francesco_Holy87 scrive:
    Per 1000 dollari...
    continuo a giocare con la PSP.
Chiudi i commenti