Arabia, appello al Re sui fotofonini

Quattro ministri del Governo chiedono a Re Fahd di abolire la legge che vieta il commercio dei cellulari dotati di cam. Ma di mezzo ci sono rilevanti questioni religiose
Quattro ministri del Governo chiedono a Re Fahd di abolire la legge che vieta il commercio dei cellulari dotati di cam. Ma di mezzo ci sono rilevanti questioni religiose


Riad (Arabia Saudita) – Quattro diverse lettere firmate da quattro ministri del Governo di Riad sono state recapitate nelle scorse ore al sovrano, re Fahd, e in tutte e quattro si chiede al Re di consentire in Arabia Saudita la diffusione dei telefonini capaci di scattare foto.

Stando a quanto riportato dal quotidiano locale Al-Eqtissadiah , infatti, i quattro ministri (Interni, Finanze, Commercio ed Industria) ritengono che i fotofonini siano ormai “un fatto acquisito” nel paese, proprio come televisione o internet . Il riferimento riguarda l’enorme successo dei fotofonini sul mercato nero dove, a prezzi molto elevati, ormai da lungo tempo vengono acquistati dai sudditi di Fahd. Come a dire, cioè, che non c’è modo di fermare la marea.

Non solo. Stando alle lettere, un altro problema è costituito dal fatto che i costruttori si potrebbero presto trovare a dover realizzare cellulari specifici per il mercato saudita, con la conseguenza di un innalzamento dei prezzi .

Queste lettere suscitano grande sensazione non solo perché l’Arabia Saudita è fin qui l’unico paese giunto al punto di rendere illegale il fotofonino ma anche perché soltanto poche settimane fa proprio da questo paese è giunta una scomunica senza appelli dei nuovi dispositivi.

Il più importante rappresentante dell’Islam saudita, Sheik Abdul Aziz bin Abdullah Al al-Sheik, ha infatti tuonato contro i fotofonini parlando di strumenti nocivi per chiunque e sostenendo che chiunque sia trovato in possesso di questi cellulari dovrebbe “immediatamente essere preso e punito”.

Nel paese, inoltre, hanno avuto grande eco alcuni particolari, e tristi, episodi di cronaca che riguardano proprio i fotofonini, non ultimo l’assalto a due giovani donne accusate di aver scattato fotografie con il proprio cellulare nel corso di un matrimonio.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 11 2004
Link copiato negli appunti