ARM, un chip piccolo piccolo

Un processore destinato a essere integrato nei dispositivi meno costosi, o a fare da supporto a chip ben più dotati

Roma – L’ultima novità di ARM Holdings si chiama Cortex-A7 , e rappresenta l’ennesima conferma del fatto che al focus dell’intero business della britannica c’è il contenimento dei consumi su dispositivi sempre più portatili – e sempre più accessibili dal punto di vista del prezzo.

A7 è un design di microprocessore RISC per smartphone che rappresenta il chip ARM più efficiente dal punto di vista energetico sin qui realizzato, dice l’azienda di Cambridge. Occupando appena un quinto dello spazio dell’attuale Cortex-A8, A7 è progettato per essere realizzato con processo produttivo a 28 nanometri contro i 45 nm di A8.

Il primo utilizzo per cui A7 è predisposto è la realizzazione di cellulari avanzati al di sotto dei 100 dollari, una soglia di prezzo che ne dovrebbe garantire ampia diffusione soprattutto nei mercati con meno disponibilità di spesa. Questi smartphone “entry-level” dovrebbero comparire sul mercato a partire dal 2013, dice ARM.

L’altro scenario di utilizzo di Cortex-A7 è un’architettura multi-processore che ARM definisce big.Little , in cui il neonato chip affiancherà il ben più potente Cortex A15 e con cui si dividerà i computi specifici da eseguire: A7 si occuperà delle funzioni meno impegnative come le chiamate vocali e gli SMS, mentre l’A15 entrerà in gioco negli scenari applicativi complessi come la navigazione web in mobilità.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mindreboot scrive:
    Così economico, così lontano?
    Ma chi vi fa le traduzioni?project that will require an extra 7 billion euros ($9.6 billion)servono altri 10 miliardi di euro (10 milioni sono noccioline....)an altitude of 23,600 kilometers (14,667 miles)sono 24 kilometri, non 24.000 (ancora non siamo pronti per guerre stellari)
    • The Logic Inverter scrive:
      Re: Così economico, così lontano?
      Beh, in realta' 23km di altitudine li raggiunge un normale aereo di linea...I satelliti geosincroni stanno sopra i 35000km.Il GPS, ad esempio, sta sui 20000km e rotti.
      • Guybrush scrive:
        Re: Così economico, così lontano?
        - Scritto da: The Logic Inverter
        Beh, in realta' 23km di altitudine li raggiunge
        un normale aereo di
        linea...
        I satelliti geosincroni stanno sopra i 35000km.
        Il GPS, ad esempio, sta sui 20000km e rotti.Be' no, dai, oltre i 10.000 metri un normale Jet di linea comincia ad avere problemi, ma apparecchi militari e aerei speciali possono arrivare a 22-23000 metri (ci sono anche i matti appassionati di lanci col paracadute estremi). Quelli sono proprio 27.000 KM, che se metti il satellite troppo basso l'ossigeno attivo presente in orbita bassa corrode tutto.GT
      • mindreboot scrive:
        Re: Così economico, così lontano?
        Vero, sono stato tratto in inganno dalla virgola, che gli anglosassoni usano come il nostro "punto" 24,000 = 24.000
Chiudi i commenti