Arrestato ladro di codice informatico

L'uomo preso dai cybercop britannici avrebbe illegalmente ottenuto codice sorgente di alcuni prodotti Cisco. 800 mega di segreti industriali
L'uomo preso dai cybercop britannici avrebbe illegalmente ottenuto codice sorgente di alcuni prodotti Cisco. 800 mega di segreti industriali


Londra – Ha 20 anni l’uomo che nei giorni scorsi è stato identificato ed arrestato dalla polizia britannica con l’accusa di aver sottratto a Cisco Systems una notevole quantità di codice sorgente di prodotti della multinazionale americana del networking.

Qualcuno ricorderà come lo scorso maggio Cisco aveva annunciato un sostanzioso furto di “informazioni proprietarie trafugate da alcuni nostri sistemi”. Una sottrazione di codice che aveva sollevato preoccupazioni per i potenziali effetti sulla sicurezza di apparati di rete utilizzati ampiamente in tutto il Mondo.

L’uomo, ora rilasciato su cauzione, potrebbe essere anche accusato di aver pubblicato in tutto in parte quelle informazioni su Internet. All’epoca dell’arresto, infatti, gli esperti russi di SecurityLab parlarono dell’individuazione su internet di blueprint Cisco.

Al momento i cybercop britannici che si stanno occupando del caso preferiscono non rivelare l’identità dell’arrestato né hanno voluto spiegare come questi abbia potuto avere accesso a quel codice.

“Abbiamo cooperato e continueremo a lavorare con le forze dell’ordine – ha spiegato Cisco in una nota – e siamo incoraggiati dall’arresto. Si tratta probabilmente del primo di una serie di passi da compiere. Da parte nostra prenderemo ogni misura per proteggere con forza la nostra proprietà intellettuale”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 09 2004
Link copiato negli appunti