Arriva Alice. Cioè, quasi

Sembra naufragare il tentativo di un lettore di Brescia a cui è stata garantita l'attivazione dell'ADSL un mese e mezzo fa. Sono settimane che aspetta 48 ore


Roma – “187 un numero fatto di persone – Chiama il 187 il numero gratuito Telecom Italia che risolve ogni tipo di problema”

Così recita uno spot sul sito www.187.it , che ho ovviamente visionato da un computer che non è quello di casa mia. Dico “ovviamente” perché, a quasi un mese e mezzo dalla richiesta di attivazione di ADSL Alice (19 luglio 2004), il mio modem non è mai riuscito a connettersi.

Nonostante decine e decine di telefonate al famigerato 187, nessun tipo di spiegazione logica né di aiuto concreto mi è mai stato dato, se non l’indicazione di avvenuto inoltro di richiesta al servizio tecnico che mi avrebbe dovuto contattare entro le 48 ore.

E così, di 48 in 48 ore, ormai a settembre, siamo come alla prima mia segnalazione del problema: il mio PC non si connette, la linea non si attiva, mi chiamerà forse un tecnico tra 48 ore… Il che spesso non avviene e se avviene, come è accaduto nelle scorse settimane, è per la semplice constatazione del guasto, “al quale verrà data soluzione entro il 15 di agosto” (!).

E invece niente. E allora il 16 sono già al telefono con le cortesi voci delle signore del servizio commerciale (perché nonostante l’aver digitato il 5 e poi il 2, come spesso mi sento rimproverare di non aver fatto, hanno risposto sempre loro ad almeno una trentina di chiamate, facendomi sospettare che il percorso a tasti in realtà sia solo un bluff).

Loro mi dicono che sul loro monitor “dice che l’attivazione è spostata al 21” agosto, sabato, non si sa perché: ed è naturale che il 22 sono di nuovo al telefono a protestare e ad invocare la proroga del periodo (previsto fino al 15 settembre) di navigazione gratuita garantito dalla promozione, dopotutto ho perso un mese abbondante di connessione libera!

Ma ecco che il 24 mattina mi chiama un tecnico che mi avvisa che la mia linea è stata permutata per cui l’attivazione è avvenuta. Al mio rientro a casa la situazione non è cambiata: modem lampeggiante e servizio non attivo. Impossibile ricontattare il tecnico stesso, che non mi ha lasciato il suo recapito né il modo di rintracciarlo, dicendomi che eventualmente avrei dovuto ricontattare il 187: e rieccomi qua! Felice come una pasqua, punto e a capo, come se fosse il primo giorno, come se nessuno abbia mai seguito il percorso del mio problema.

Grazie alla “soffiata” di una esausta signorina del 187 riesco ad avere un numero magico: il numero verde dei tecnici! Finalmente sono per la prima volta al telefono, davanti al mio computer, con la persona competente: un tecnico. Il quale molto gentilmente prende nota del problema e mi spiega anche le possibili cause ma, attenzione, mi dice che per intervenire bisogna che io chiami il 187 e inoltri la richiesta di intervento tecnico! Voglio morire!

Comunque è quello che faccio, e così rimango, inerte e inerme, di nuovo in attesa che mi chiami un tecnico.

La mattina dopo vengo contattato da una persona che mi dà un appuntamento telefonico per il giorno dopo. Penso: ci siamo. Pia illusione, all’appuntamento il tecnico non fa che farmi delle semplici domande, constatare il problema (come se ancora ce ne fosse bisogno), sospettare dell’efficienza delle linee del mio appartamento (chi ci ha abitato fino a giugno si collegava tranquillamente a internet…) e, voilà, dirmi che entro 48 ore mi fa chiamare da un altro tecnico…

Per non appesantire ulteriormente la lettera ho tralasciato di elencare le volte in cui mi hanno passato l’interno sbagliato, mi hanno indicato di rivolgermi alle persone sbagliate, è caduta la linea mentre parlavo, etc…

Di sicuro a giorni riceverò la bolletta con l’addebito dell’attivazione del servizio, destinata ad essere a questo punto ovviamente cestinata, con conseguente probabile taglio della linea telefonica e opportunità (finalmente) di rivolgermi a un altro, di sicuro non meno efficiente, gestore.
Vi domando, voi, al mio posto, cosa fareste?

Domenico
(Brescia)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Intervento AscomConfcommercio Treviso
    QUESTA è stata la risposta del Ministro Gasparri o chi per esso:lunedì 04/10/2004 16.18"La ringrazio per i dettagli che mi trasmette. Stiamo seguendo anche noi lo sviluppo della banda larga.Cordialmente, Maurizio Gasparri"Quantomeno a risposto...
  • Anonimo scrive:
    Re: Connessione Satellitare
    - Scritto da: Anonimo


    Toh! Il buon sammaritano!

    ops... sammmaritanoMa no... Sam Maritano, era un pianista jazz ebreo di padre italoamericano in tournee in Galilea attorno all'anno zero col suo quintetto... lo chiamavano "il buon Sam Maritano" per via del carattere scontroso ma generoso. Poi nel tempo si è un po' persa la pronuncia, i cronisti dell'epoca non erano poi molto precisi... quasi come quelli di oggi.
  • gsignore scrive:
    Re: è risolvibile
    ho lanciato il sasso ma poi non ho partecipato alla discussione (sono stato fuori)Confermo che non è illegale.Usando apparati a 2,4 o 5,8 GHz (frequenze di libero uso, non è necessaria la licenza) e facendo la richiesta al ministero (vale il silenzio assenso) è possibile mettere in piedi una rete wireless per risolvere i problemi di mancata copertura ADSL.L'importante è rivolgersi a professionisti.E' possibile anche avere il supporto delle Amministrazioni pubbliche (finanziamenti,....)
  • ascomtv scrive:
    Intervento AscomConfcommercio Treviso
    In qualità di responsabile della società internet di Ascom Treviso rendo pubblico un intervento realizzato dalla nostra associazione in merito al tema.Cordialità a tutti Fabio ProvedelRiportiamo qui di seguito il testo della lettera inviata a Telecom Italia in merito alla copertura ADSL nella nostra provincia. Ascom Treviso infatti si è fatta portavoce del malessere dei propri soci imprenditori dando spazio anche ai giornali locali che hanno amplificato la news.Risultato: Nessuno neppure una lettera di risposta!Ecco il testo della raccomandata inviata il 19 aprile 2004:OGGETTO: Servizio ADSL ? copertura territorialeSpettabile Telecom Italia,in qualità di Associazione di categoria, siamo con la presente a richiamare la Vostra attenzione in merito altema della copertura del servizo ADSL nella nostra provincia.Da una indagine svolta sui siti Telecom Italia e collegate, risulta che solo poco più della metà deiComuni del territorio provinciale sia coperto ? ad oggi - da questo servizio di connessione veloce ad internet,peraltro in modo difforme e a macchia di leopardo, ci sono situazioni - certamente a Voi note - in cui alcunerealtà comunali sono letteralmente divise in due a seconda della centrale telefonica alla quale sono collegate;questo per fare una veloce analisi della situazione esistente.Nell'autunno del 2002 i dati sciorinati dell'Amministratore delegato di Telecom Italia RiccardoRuggiero parlavano di: 2.100 centraline abilitate alla tecnologia ADSL, 1.300 comuni coperti con il 74% dellapopolazione in grado di fruire del servizio. Andava pero? tenuto conto che il totale delle centraline è dicirca10.500 e che i Comuni italiani sono 8.101, mancavano pertanto all'appello ben 6.800 comunità. Nel corsodel 2003, in verità, qualcosa si è mosso: le centraline abilitate sono diventate 2.994 e i Comuni coperti 1.960.Ma oggi aprile 2004 tutto sembra fermo, "la copertura pianificata" sembra immobile.Nel settembre dello scorso anno il Ministro Luigi Stanca, del Ministero dell?Innovazione Tecnologicaha ricordato che tra il maggio 2002 e l'analogo mese del 2003 l'Europa ha registrato una espansione negliaccessi alla banda larga di oltre il 100% rispetto al 50% degli USA, citando dati elaborati dall'"OsservatorioBanda Larga-Between", Stanca ha sostenuto che nella crescita dell'xDSL l'Italia è terza in Europa per velocità didiffusione, al di sopra quindi del dato medio europeo: in un anno, infatti, in Italia la domanda si è sviluppata del33,3%, contro il 20,4% del dato medio europeo.Dati sicuramente positivi, e dei quali bisogna essere grati a Telecom Italia, unica azienda oggi ingrado di fornire detto tipo di connettività sul territorio, tramite le proprie centrali, visto che poi gli altri Operatoridevono comunque acquistare dalla medesima azienda per offrire un proprio servizio. Dati che pero? nonnascondono un fatto concreto ossia: una grossa fetta di aziende e non solo, ma anche i privati cittadini, sono difatto impossibilitati a fruire del servizio ADSL cosi? tanto decantato e promozionato in molteplici forme di advertising su tutti i media, con la diretta conseguenza per questi cittadini di ?serie b? di un forte aggravio dicosti telefonici ed una concreta limitazione sull?uso del mezzo. Basti a tal proposito, pensare alla velocità discaricamento dei dati e quindi all?invio di documentazione tramite posta elettronica o l?aggiornamento disoftware o dati via rete, servizi il piu? delle volte non fruibili se non a prezzo di ore di connessione tramite?vecchie? e obsolete linee pstn o tramite le nuove ma oramai superate lineee isdn.Va poi altresì evidenziato come, a fronte della legittima richiesta, da parte degli Utenti nelle areenon ancora coperte, relativamente ai tempi di attivazione del servizio, le risposte siano sempre vaghe edifficilmente viene detta loro la verità, nota solo agli addetti ai lavori, ossia: la reale impossibilità di avere unacopertura adsl su tutto il territorio, sia per ragioni tecniche che economiche, in tempi brevi e forse mai.Si riterrebbe pertanto opportuno, in questa fase di non copertura del servizio che a questi Utentiche soffrono della sindrome nota come ?digital divide? venga offerto un servizio di tipo alternativo, quantomenointeressante dal punto di vista economico, se non tecnologico.Nello specifico facendo due conti, bolletta alla mano, va evidenziato che una azienda la quale intenda installarealmeno una borchia ISDN, a fronte della reale impossibilità di accedere all?ADSL, deve spendere:- 57,00 euro per la linea ISDN,- 8,26 per il noleggio della borchia,- il costo dello scatto alla risposta ogni volta che si connette,- gli scatti durante la connessione,deve altresì navigare almeno 10 volte piu? lenta di una connessione ADSL,oltretutto, senza poter essere sempre connesso in tempo reale alle rete ed usufruire quindi, ad esempio, di unservizio di posta elettronica ?always on?Per sopperire a questi ?disagi? si ritiene potrebbe essere studiata ed offerta una soluzionealternativa di compensazione per l?impossibile e concreta mancata fruizione del servizio quale adesempio in prima battuta:- eliminazione dello scatto alla risposta- una connessione flat pstn/isdn allo stesso costo di una adsloppure:- una connettività HDSL, dove fruibile, allo stesso prezzo di una ADSL, non a traffico ma flat suddividendo labanda tra piu? utenti in modo da fornire lo stesso servizio dato da una comune adsl- mettere una antenna su 2,4 ghz sopra una vostra centrale, che copra l?area di interesse con un servizio wi-fi.Non sono certamente soluzioni impossibili, sicuramente comportano delle problematiche di rapportocon altri fornitori di servizi e tecnologiche considerata la posizione dominante nel settore da parte di TelecomItalia, ma sono certamente realizzabili a fronte della impossibilità di fornire una copertura adsl in tutto il territorio.Questa situazione viene definita, come detto piu? sopra, "digital divide" e la prossima volta chene sentiremo parlare non immaginiamoci villaggi africani o lande sperdute dell?Africa, si parla della provinciaitaliana, parlano di noi, parlano del ?ricco? e tecnologico nord-est.Nella certezza della migliore attenzione alla presente, in attesa di una nota di riscontro, si porgonodistinti saluti.IL DIRETTOREdott. Piero TedescoNon crediamo servano commenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Intervento AscomConfcommercio Treviso
      Perchè non inviarne copia anche al presidente della regione,al ministro delle comunicazioni ,al presidente della repubblica e del consiglio?Mi picerebbe sapere se queste personalità credono ai dati telecom o semplicemente se ne fregano.
  • Anonimo scrive:
    Re: Connessione Satellitare
    ...e come se non bastasse, noi qui a discutere su adsl o meno, costi e balle varie ... e a finaco i nostri post scorre la pubblicità di Alice ... a 31 ? al mese ... non vi sembra una presa per il c....saluti alla redazione :)Paolo
  • Anonimo scrive:
    Re: Connessione Satellitare
    alice sat non funzia e non è bidirezionale,satellite telecom bidirezionale costa 2000 euro l'apparato e 350 e piu iva al mese flat.dopo tutto anche un pensionato può permettersela...
  • Anonimo scrive:
    Re: credo ci sia l HDSL
    650 euro piu iva al mese flat o 180 euro piu iva con traffico 100 lire a mega sono care anche per le imprese.
  • Anonimo scrive:
    Re: fate una cooperativa con wireless
    non puoi, la normativa europea impone se. per frequenze di 2 gb una limitazione a 5 km mentre in usa si arriva a 80 e se si facesse una cooperativa di acquisto, occorre pagare 600 euro a utente connesso.perchè no nchiudete tutta l'attività e andate in cina a lavorare ? lo stanno facendo tutti, l'italia è finita... tra tasse, burocrazia e neanche le linee conviene chiudere le attività economiche.
  • Anonimo scrive:
    ... riguardo alle imprese che arrancano
    Vi ringrazio per tutte le vostre risposte, proposte, infos e quanto di meglio o di peggio ci sia.Mi spiegavano ieri che le centraline Telecom sono divise in due: quelle a mattone e quelle provvisorie. Purtroppo la mia località ha la centralina provvisoria che non verrà mai attivata per la dsl. Sono notizie ufficiose non confermate, per cui ... di conseguenza, penso che neppure il papa abbia potere in merito.Una bella cosa sarebbe richiedere il dimezzamento del canone visto che abbiamo metà servizi.In ogni caso ho avuto un'interessante conversazione via mail con il tecnico del mio provider servizi di accesso alla rete il quale mi diceva che hanno sperimentato e visto che funziona, stanno predisponendo un progetto (stile il comune del cuneese) per poter, tramite ripetitore privato, dare copertura ADSL wi.fi. Funziona discretamente a meno che non ci siano ostacoli di mezzo. Vedremo se si potrà aggirare l'ostacolo.Le notizie su CanoneZero di inWind dicono che la wind è in grado di offrire le proprie apparecchiature per sostituire la Telecom...secondo Voi....?Ancora grazie per il vostro aiuto, è stato prezioso.Paolo
  • Anonimo scrive:
    Re: Rivolgetevi a dei consulenti
    - Scritto da: Anonimo
    E di sicuro vi sapranno indirizzare sulla
    tipologia di connessione più adatta
    al vostro caso, di sicuro una CDN, che
    è uno standard nel vostro settore....con costi 10 volte superiori ad una ADSL... tutti così i tuoi consigli da consulente?(apple)
  • Anonimo scrive:
    Re: è risolvibile
    - Scritto da: Anonimo
    Più che altro è illegale
    mandare le onde sopra territorio demaniale,
    ci vuole l'autorizzazione del ministero (un
    privato se la sogna...). Praticamente se il
    palazzo di fronte ha adsl e tu no non puoi
    attraversare la strada con una lan
    wireless....Riporto il messaggio come esempio di disinformazione.Se ti studiassi il codice scopriresti che qualsiasi privato può installare una rete che passi sul fondo pubblico e POI chiedere l'autorizzazione al Ministero, il quale, se dopo 30gg. non ha dato parere negativo (silenzio assenso) ritiene autorizzato il richiedente. Dopo qualche mese arriva a casa l'autorizzazione scritta.Visto che qui c'è gente che scrive solo per muovere le dita sulla tastiera diamo anche un link autorevole, così la facciamo finita:http://www.comunicazioni.it/it/index.php?IdPag=725...e studia, mi raccomando! ;-)
  • neoviruz scrive:
    Re: Il Comune di San Benedetto Belbo (CN)

    Forse non sei al corrente che per gli Enti,
    come per altre entità non private,
    quanto sopra non si applica ma altresi' e'
    rivolto alle organizzazioni private, c.d.
    aziende private, consumatori, ecc ...No, non ne ero a conoscenza.Hai riferimenti legislativi a riguardo?
  • Anonimo scrive:
    Re: credo ci sia l HDSL
    - Scritto da: Anonimo
    avevo letto da qualche parte che anche dove
    non c'e adsl si puo avere la banda larga con
    l hdsl ma costa una cifra...
    ok per azionde no per privati...Sei male informato: HDSL richiede la stessa identica infrastruttura di centrale dell'ADSL. Sono **ANNI** che nella mia azienda l'aspettiamo a gloria, dopo avere buttato nel cesso milioni con quelle ridicole porcate di CDN a 64k.Per ora ci si arrabatta col satellitare bidirezionale, che non è esattamente a buon mercato ma almeno fa un servizio decente.Cmq una connessione professionale xDSL con banda garantita non inferiore al 50% di quella nominale non dovrebbe costare più di 2-3000 euro all'anno a forfait, senza gabelle sul volume di traffico. Così come negli States, porcapaletta...
  • Anonimo scrive:
    Re: Il Comune di San Benedetto Belbo (CN)
    - Scritto da: neoviruz
    La legge in merito non e' chiara:
    www.portel.it/wireless/legale-WLAN/default.as

    E piu' precisamente:

    "4.4 Altrettanto difficilmente
    interpretabile risulta il rinvio, operato
    dalla prima parte dell'art. 6 comma 2 lett.
    b), all'art. 183 del D.P.R. 156/73. Detta
    norma, infatti, consente genericamente
    l'utilizzo di impianti di telecomunicazioni
    a condizione che essi (i) siano limitati,
    oltre che al fondo, ad un uso esclusivo, e
    che (ii) non siano connessi alla rete di
    telecomunicazione destinata a servizio
    pubblico."Forse non sei al corrente che per gli Enti, come per altre entità non private, quanto sopra non si applica ma altresi' e' rivolto alle organizzazioni private, c.d. aziende private, consumatori, ecc ...
  • Anonimo scrive:
    Re: grazie Gasparri

    1. Privatizzazione Enel e Telecom,
    privatizzazione di due aziende in Attivo,
    che portavano utili allo StatoMa che centra con l'argomento in questione?cmq la privatizzazzione l'hanno fatta con dei motivi validi....(entrare in europa), la privatizzazione di telecom è stata solo un bene per noi cittadini (concorrenza, prezzi piu bassi)
    2 Riforma Dini , il governo Dini era
    appoggiato anche dal PDS che demoli de facto
    la previdenza pubblica esistevano modi
    alternativ per salvare l'INPS ma NON vennero
    presi in cosiderazione(separazione
    previdenza/assistenza, tetto a pensioni
    d'oro, obbligo di contribuzione per TUTTI
    liberi professionisti inclusi) il tutto con
    la complicita dei sindacati confederali"Demoli de facto la previdenza pubblica"?è quello che vuole fare il sig B.Ma che centra con l'argomento in questione?
    3 Guerra "umanitaria" in Kosovo (SENZA
    l'ONU, e non venitemi a dire che "c'era la
    nato"..)Molto meglio questo intervento in iraq condannato dal mondo intero? cmq sì, c'era la nato.Ma che centra...ecc?
    4 Pacchetto Treu , ha precarizzato il
    lavoro, introdotto i contratti precari poi
    peggiorati dalla Legge 30 del Ministro
    Maroni(demagogicamente chiamata Biagi)peggiorati da questo governo, appuntoMa che...?
    5 Riforma Berlinguer , ha aperto la strada
    al finanziamento delle scuole private che
    sta mettendo in atto la Morattiha aperto la strada? i finanziamenti sono arrivati con la legge Moratti, prima non c'erano. Se non vinceva Silvio, di certo non li facevano.
    6 Privatizzazione Enel e Telecom,
    privatizzazione di due aziende in Attivo,
    che portavano utili allo Statogià detto
    7 Blocco della riforma Bindi, l'unico
    ministro di sinistra del Governo Prodi,
    l'unica riforma di sinistra venne ritirata
    dal governo D'AlemaNon sono informato...
    8 Mancata approvazione di una legge sul
    conflitto di interessi in 6 anni di governo,
    venne bloccata dal Sig. D'Alema per poter
    parlare col nano in bicameraleNon venne "bloccata", proprio non si fece...
    9 Mancata ratifica del trattato sulle
    rogatorie internazionali, lasciando questo
    compito al governo berlusconiche, ricordiamo, governa grazie a bertinotti
    10 Nessun provvedimento per i ceti meno
    abbienti o tutele a vantaggio della classe
    operaia cio fece cadere il governo ProdiCiò che fece cadere il governo Prodi, e che ci ha portato ad avere questo governo terribile è un ipocrita demagogo e populista.
  • FAM scrive:
    Re: grazie Gasparri
    - Scritto da: Anonimo
    Piove governo ladro!

    Una certa sinistra e sue colpe

    1. Privatizzazione Enel e Telecom,
    privatizzazione di due aziende in Attivo,
    che portavano utili allo Stato

    poi

    2 Riforma Dini , il governo Dini era
    appoggiato anche dal PDS che demoli de facto
    la previdenza pubblica esistevano modi
    alternativ per salvare l'INPS ma NON vennero
    presi in cosiderazione(separazione
    previdenza/assistenza, tetto a pensioni
    d'oro, obbligo di contribuzione per TUTTI
    liberi professionisti inclusi) il tutto con
    la complicita dei sindacati confederali

    3 Guerra "umanitaria" in Kosovo (SENZA
    l'ONU, e non venitemi a dire che "c'era la
    nato"..)

    4 Pacchetto Treu , ha precarizzato il
    lavoro, introdotto i contratti precari poi
    peggiorati dalla Legge 30 del Ministro
    Maroni(demagogicamente chiamata Biagi)

    5 Riforma Berlinguer , ha aperto la strada
    al finanziamento delle scuole private che
    sta mettendo in atto la Moratti

    6 Privatizzazione Enel e Telecom,
    privatizzazione di due aziende in Attivo,
    che portavano utili allo Stato

    7 Blocco della riforma Bindi, l'unico
    ministro di sinistra del Governo Prodi,
    l'unica riforma di sinistra venne ritirata
    dal governo D'Alema

    8 Mancata approvazione di una legge sul
    conflitto di interessi in 6 anni di governo,
    venne bloccata dal Sig. D'Alema per poter
    parlare col nano in bicamerale

    9 Mancata ratifica del trattato sulle
    rogatorie internazionali, lasciando questo
    compito al governo berlusconi

    10 Nessun provvedimento per i ceti meno
    abbienti o tutele a vantaggio della classe
    operaia cio fece cadere il governo Prodi

    che la censura sia con meL'1 e il 6 sono uguali.Non mi ci far pensare a queste cose... :'(Almeno finchè non lucido il fucile da rivoluzione...
  • neoviruz scrive:
    Re: fate una cooperativa con wireless
    La legge in merito non e' chiara:http://www.portel.it/wireless/legale-WLAN/default.asp E piu' precisamente:"4.4 Altrettanto difficilmente interpretabile risulta il rinvio, operato dalla prima parte dell'art. 6 comma 2 lett. b), all'art. 183 del D.P.R. 156/73. Detta norma, infatti, consente genericamente l'utilizzo di impianti di telecomunicazioni a condizione che essi (i) siano limitati, oltre che al fondo, ad un uso esclusivo, e che (ii) non siano connessi alla rete di telecomunicazione destinata a servizio pubblico."--http://lnx.curatola.net
  • Anonimo scrive:
    fate una cooperativa con wireless
    come da soggetto.... mettetevi daccordo una quindicina di utenti, fatevi una connessione wireless che si colleghi al paese vicino su un paio di linee adsl da 2/4MB. Con pochi milioni di vecchie lire avrete un ottimo servizio e le spese divise per 15 non sono elevate.informati e vedrai che la soluzione la si trova.ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: credo ci sia l HDSL
    - Scritto da: Anonimo
    avevo letto da qualche parte che anche dove
    non c'e adsl si puo avere la banda larga con
    l hdsl ma costa una cifra...
    ok per azionde no per privati...non ok per le aziende noi siamo azienda ma mica possiamo permettercerla
  • Anonimo scrive:
    Re: è risolvibile
    - Scritto da: giorla
    Illegale? In base a quale normativa? Più che altro è illegale mandare le onde sopra territorio demaniale, ci vuole l'autorizzazione del ministero (un privato se la sogna...). Praticamente se il palazzo di fronte ha adsl e tu no non puoi attraversare la strada con una lan wireless....
  • neoviruz scrive:
    Re: Il Comune di San Benedetto Belbo (CN)
    La legge in merito non e' chiara:http://www.portel.it/wireless/legale-WLAN/default.aspE piu' precisamente:"4.4 Altrettanto difficilmente interpretabile risulta il rinvio, operato dalla prima parte dell'art. 6 comma 2 lett. b), all'art. 183 del D.P.R. 156/73. Detta norma, infatti, consente genericamente l'utilizzo di impianti di telecomunicazioni a condizione che essi (i) siano limitati, oltre che al fondo, ad un uso esclusivo, e che (ii) non siano connessi alla rete di telecomunicazione destinata a servizio pubblico."--http://lnx.curatola.net
  • vitmanzo scrive:
    Il Comune di San Benedetto Belbo (CN)
    Il Comune suddetto a guida leghista ha risolto con una rete wireless, Vi consiglio di di vedere il sito del comune che potete trovare in rete. Noi a Cadelbosco di Sopra (RE) stiamo provando a studiare la fattibilita' di un progetto del genere.Salutivittorio manzottilega nordcadelbosco di sopra - re
  • Anonimo scrive:
    Re: Scommetto che l'HDSL invece c'è...
    - Scritto da: Anonimo[...]
    Siccome conosco la zona e mi posso
    immaginare quali introiti possano derivare a
    Telecom dal traffico di tutti gli alberghi,
    soprattutto in alta stagione termale,
    perchè non vi siete accordati tutti
    insieme a chiedere l'ADSL?
    Mi pareva ci fosse una specie di consorzio
    che vi riunisce tutti, come albergatori
    s'intende, perchè non avete fatto la
    voce grossa???perchè quelo consorzio non vale niente?perchè di fatto non hai alternative?tu cosa ne pensi?uno di abano
  • Anonimo scrive:
    Re: grazie Gasparri
    - Scritto da: Anonimo


    Se si accorgono che gli italiani non
    passano

    al digitale terrestre, basta che ti
    mettono

    sul digitale terrestre il campionato di

    calcio gratis per un anno e il grande

    fratello gratis per un anno Beh...il campionato di calcio si finirà col pagarlo, visto che gli stadi sono vuoti...Per il grande fratello...che paghino pure!! Conosco gente che ha voluto l'ADSL solo per votare il suo preferito........
    e poi non vi pare che ultimamente il segnale
    televisivo
    tradizionale sia di qualita' sempre piu'
    scarsa??
    Io non ho ricordi di trasmissioni di cosi'
    distubate!No, personalmente nella mia zona non sono stati rilevati cambiamenti, anzi, prima non si vedeva Italia Uno per niente!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Aziende e privati
    Purtroppo si consideravano comunque le medie...visto che i luoghi montani con strutture sciistiche lavorano di più in inverno.tzse.Ed in ogni caso 208 persone al giorno sono comunque pochine...208 per media di 4 persone ad appartamento (se fossero appartamenti) fanno 50 appartamenti circa...in complessi da 4 appartamenti, fanno 13 condomini..............e via a presunzioni all'infinito..........Non giustificano i costi di una linea a due megabit.
  • markoer scrive:
    Re: e usare il satellite ?
    - Scritto da: Anonimo[...]

    (non so se sia possibile anche

    legislativamente, per un privato

    trasmettere

    verso un satellite).

    No, non è consentito.[...]Ma che state a dì?C'è eccome, e costa meno di 200 euro al mese.
  • Anonimo scrive:
    Re: Aziende e privati
    - Scritto da: Anonimo
    Conosco la zona di Caorle, conosco le
    strutture turistiche di quel posto, in
    particolare lo IAT, perchè ho
    lavorato ad un progetto statistico che
    analizzava le presenze, la
    ricettività turistica, le permanenze,
    ecc.[..]
    25.000
    presenze divise per 365 giorni, fanno
    semplicemente 68 persone al giorno...in
    fondo non sono poi tante!)Se queste sono le analisi statistiche del tuo progetto, stiamo presi bene!!Secondo te un posto di mare come Caorle lavora 365 giorni l'anno? Se va bene si comincia il 15 maggio (con molta poca gente) e si finisce il 15 settembre.Fanno 4 mesi scarsi. Circa 208 persone al giorno. Non male, conoscendo Duna e le sue agenzie. Mica è la sicilia o la calabria!
  • Anonimo scrive:
    Re: Connessione Satellitare

    Toh! Il buon sammaritano!ops... sammmaritano
  • Anonimo scrive:
    Re: Connessione Satellitare
    - Scritto da: Anonimo
    Esistono connessioni satellitari.

    Puoi far riferimento all'Ing. Carletta cell.Toh! Il buon sammaritano!
  • Anonimo scrive:
    Re: grazie Gasparri

    Se si accorgono che gli italiani non passano
    al digitale terrestre, basta che ti mettono
    sul digitale terrestre il campionato di
    calcio gratis per un anno e il grande
    fratello gratis per un anno e poi non vi pare che ultimamente il segnale televisivotradizionale sia di qualita' sempre piu' scarsa??Io non ho ricordi di trasmissioni di cosi' distubate!
  • Anonimo scrive:
    credo ci sia l HDSL
    avevo letto da qualche parte che anche dove non c'e adsl si puo avere la banda larga con l hdsl ma costa una cifra...ok per azionde no per privati...
  • chef scrive:
    Re: e usare il satellite?
    - Scritto da: terepo
    Rimane comunque una discriminazione verso
    chi con 34 Euro al mese ha un ADSL
    tradizionale senza i limiti di un
    collegamento SAT.,concordo e rilancio:e' una discriminazione anche verso quei francesi cui la nostra telecom offre 3Mbit/s ad un prezzo ben inferiore a quello.
  • Anonimo scrive:
    Connessione Satellitare
    Esistono connessioni satellitari. Puoi far riferimento all'Ing. Carletta cell. 335 1038466
  • Anonimo scrive:
    Re: grazie Gasparri
    - Scritto da: Anonimo
    Spero vivamente che gli italiani facciano lo
    stesso. Anche perchè, fosse è
    passato in sordina, ma il box interattivo va
    attaccato alla linea telefonica ed i
    contenuti interattivi viaggiano diciamo su
    una sorta di internet.Povero illuso.Se si accorgono che gli italiani non passano al digitale terrestre, basta che ti mettono sul digitale terrestre il campionato di calcio gratis per un anno e il grande fratello gratis per un anno e ci sara' una istantanea migrazione del popolo bue!Poi una volta che sono tutti di la', scopriranno come per l'anno seguente occorre cominciare a PAGARE!!!
  • terepo scrive:
    Re: e usare il satellite?
    - Scritto da: Anonimo
    No, non è consentito.Si che è consentito... basta aderire ad un offerta con sat bidirezionale. Privati e aziende possono sottoscrivere il servizio, se disposti a sostenere i costi
    L'uso del satellite comunque è
    prevalentemente "ludico": va bene per
    scaricare grossi contenuti multimediali
    (film, giochi, siti flash, ecc.). Infatti si
    può solamente scaricare...Vero anche nel caso del bidirezionale, infatti io userei il sat per creare un bridge tra le reti di due filiali di un azienda per esempio, quindi per avere un canale per mettere in comunicazione le due reti.Ma per il resto non è adatto, vedi videoconferenza, connessioni remote SSL e in generale per quei servizi che soffrono dei tempi di latenza elevati intrinsechi della comunicazione SAT con un satellite geostazionario.
    i dati inviati viaggiano comunque sulle linee
    Telecom normali (certo che quel tecnico
    è un grande, promette addirittura di
    liberarsi di Telecom!!!)Con abbonamenti SAT in sola ricezione ti serve un modem normale terrestre, con quelli bidirezionali no, quindi puoi liberarti di telecom italia
    Non serve a nulla per chi deve utilizzare la
    banda larga per lavorare ed ha bisogno della
    stessa banda sia in upload che in download.In sintesi con il bidirezionale risolvi in parte anche i problemi di banda in upload,nel senso che ti danno anche 10Mbit in Down e 5 in upload, ma a prezzi improponibili.Sono improponibili anche 1024/512 comunque a parer mio.A meno che non si usi appunto per lavoro e quindi i costi siano in parte giustificabili.Rimane comunque una discriminazione verso chi con 34 Euro al mese ha un ADSL tradizionale senza i limiti di un collegamento SAT.,
  • Anonimo scrive:
    Re: Da una parte ...

    Sono il responsabile ICT di una piccola
    azienda situata nella stessa zona. Conosco
    la realta' dell'azienda in questione e mi
    sono divertito un sacco leggendo questo
    articolo: un'azienda di tali dimensioni che
    piange perche' mamma Telecom non gli ha
    ancora portato l'ADSL! E sono daccordo con
    quanto dici nel tuo post : questa notizia e'
    un ulteriore esempio del fatto che ad oggi
    moltissime aziende non hanno ancora capito
    'importanza di investire in ICT, sopratutto
    per quanto riguarda l'assunzione di
    personale competente: spendono fior-fior di
    quattrini in strutture ma non si preoccupano
    di assumere un CIO. Il modo di risolvere il
    loro problema c'e'. Ma spero che non lo
    scoprano, perche' se c'e' qualcuno che puo'
    farsi ascoltare dalla Telecom sono proprio
    loro e cosi' forse finalmente anche noi
    "ditte in mezzo ai campi" riusciremmo ad
    avere l'ADSL. ;)Non conosco la zona, non conosco l'azienda...io l'ADSL lo richiedo come semplice utente per telelavorare ogni tanto, quindi non ho la possibilità economica di investimenti (allora vado dal cliente e gli metto in conto la trasferta, punto).Però concordo con gli investimenti in ICT: fino a poco tempo fa lavoravo in un azienda più piccola, si investiva in scrivanie di lusso, cellulari, portatili, auto aziendali....ma non si investiva in personale qualificato (io stessa ero sottopagata e difatti me ne sono andata alla prima occasione), in computer per sviluppo, in server potenti, in connessione avanzata, in corsi di aggiornamento, in software (ho sostenuto una battaglia perchè lavoravo a mio rischio su software crakkato da internet).........un vergogna!!!E se adesso il settore ITC per certi versi è in crisi (dico per certi versi perchè ad alto livello non lo è), è colpa di questi investimenti sbagliati: pensare che il ragazzino smanettone che si accontenta di 400 Euro al mese faccia lo stesso di un laureato con esperienza comprovata e qualificata......questo è l'errore.
  • Anonimo scrive:
    Re: Scommetto che l'HDSL invece c'è...
    - Scritto da: Anonimo
    Anche ad Abano e Montegrotto Terme, con un
    albergo ogni 100 metri, per un bel pezzo
    hanno fornito solo HDSL costringendo quelli
    che ne avevano veramente bisogno di
    installarla (a costi dieci volte superiori
    ovviamente all'ADSL sebbene la
    qualità sia decisamente migliore).
    Poida due anni a questa parte finalmente....

    E tutto grazie alle politiche commerciali di
    Telecom.
    Altro che Gasparri.Siccome conosco la zona e mi posso immaginare quali introiti possano derivare a Telecom dal traffico di tutti gli alberghi, soprattutto in alta stagione termale,perchè non vi siete accordati tutti insieme a chiedere l'ADSL?Mi pareva ci fosse una specie di consorzio che vi riunisce tutti, come albergatori s'intende, perchè non avete fatto la voce grossa???
  • Anonimo scrive:
    Re: grazie Gasparri

    Lasciami però una vena di polemica:
    non lamentiamoci se ci propongono TV
    spazzatura...purtroppo c'è qualcuno
    che la guarda!!! Quindi invece di inkazzarci
    con chi ce la propone, inkazziamoci con chi
    la guarda...è per colpa loro che
    continuano a proporcela!sai chi guarda maggiormente la tv in italia???i pensionati e gl'over 50 che guarda caso sono la maggioranza degli abitanti della repubblica delle banane
  • Anonimo scrive:
    Re: Forse così
    - Scritto da: Anonimo
    internet.ngi.it /

    E' praticamente fatta apposta. In sostanza
    il modem si collega ad un numero verde e da
    lì si arriva al web.E allora? Qual'è la novità?Se hai isdn vai comunque entro i 128 kb e se hai analogico entro i 56 kb...Non c'è guadagno in termini di banda, forse qualche risparmio!Le linee posate da Telecom quelle sono, che ci arrivi con l'uno o l'altro provider ti cambiano solo i costi, ma non la banda!
  • giorla scrive:
    Re: è risolvibile
    Illegale? In base a quale normativa?http://www.wireless-italia.com/modules.php?name=News&file=article&sid=285http://www.valsangone.it/progetto/
  • Anonimo scrive:
    Re: è risolvibile
    - Scritto da: Anonimo
    Peccato che e' illegale .........Essendo anch'io in una zona "repressa e depressa" e avendo bisogno dell'ADSL pre raggiungere la VPN del mio ufficio a Milano, sono interessata alla cosa....Ma non ho afferrato l'illegalità del wireless....costoso sì, certamente, ma illegale perchè??
  • Anonimo scrive:
    Re: nemmeno isdn
    no aspetta l' appartamento costa meno proprio perchè ci sono meno servizi non è che quelli che si sono li devi pagare meno...
  • Anonimo scrive:
    Forse così
    http://internet.ngi.it/E' praticamente fatta apposta. In sostanza il modem si collega ad un numero verde e da lì si arriva al web.
  • Anonimo scrive:
    grazie Gasparri
    Si spendono centinaia di milioni di euro per il "digitale terrestre", che è la cosa piu inutile (diciamo pure dannosa...la tv in dosi eccessive fa *male*) che si potesse pensare (e nemmeno ancora funziona), se non per far guadagnare un po' silvio che produce e vende i "box digitali" e intanto aumenta il suo strapotere mediatico.Perchè non investire quei soldi nella banda larga, in modo da dare anche una mano alle imprese italiane?Evidentemente preferiscono stordirci con la televisione spazzatura...
    • Anonimo scrive:
      Re: grazie Gasparri
      - Scritto da: Anonimo
      Si spendono centinaia di milioni di euro per
      il "digitale terrestre", che è la
      cosa piu inutile (diciamo pure dannosa...la
      tv in dosi eccessive fa *male*) che si
      potesse pensare (e nemmeno ancora funziona),
      se non per far guadagnare un po' silvio che
      produce e vende i "box digitali" e intanto
      aumenta il suo strapotere mediatico.

      Perchè non investire quei soldi nella
      banda larga, in modo da dare anche una mano
      alle imprese italiane?
      Evidentemente preferiscono stordirci con la
      televisione spazzatura...Per fortuna il digitale terrestre non può essere imposto come pensano loro!! In Inghilterra una cosa simile è in piedi da 6 anni, i canali digitali dovrebbero sostituire gli altri, ma le vecchie frequenze non possono essere dismesse se tutti gli inglesi non adottano il digitale (mancherebbe l'informazione nazionale, ti pare?)Bene, fatto sta che da 6 anni gli inglesi se ne fregano altamente, a dispetto di qualsiasi pianificazione commerciale abbia fatto qualche manager rampante.E così là il digitale non decolla.Spero vivamente che gli italiani facciano lo stesso. Anche perchè, fosse è passato in sordina, ma il box interattivo va attaccato alla linea telefonica ed i contenuti interattivi viaggiano diciamo su una sorta di internet.Ma come? Non ci danno l'ADSL ma ci promettono l'interattività televisiva?Lasciami però una vena di polemica: non lamentiamoci se ci propongono TV spazzatura...purtroppo c'è qualcuno che la guarda!!! Quindi invece di inkazzarci con chi ce la propone, inkazziamoci con chi la guarda...è per colpa loro che continuano a proporcela!
    • Anonimo scrive:
      Re: grazie Gasparri
      abbiate il coraggio come ho fatto io di mandare delle e-mail di protesta a gasparri@comunicazioni.it, L.Stanca@governo.it e a customercare@tin.itmandatene di continuo, protestate usando sempre indirizzi diversi in modo che non vengano filtrati, perchè questo "spam" almeno gli romperà le scatole e si accorgeranno di noiciao
    • Anonimo scrive:
      Re: grazie Gasparri
      Piove governo ladro!Una certa sinistra e sue colpe1. Privatizzazione Enel e Telecom, privatizzazione di due aziende in Attivo, che portavano utili allo Statopoi2 Riforma Dini , il governo Dini era appoggiato anche dal PDS che demoli de facto la previdenza pubblica esistevano modi alternativ per salvare l'INPS ma NON vennero presi in cosiderazione(separazione previdenza/assistenza, tetto a pensioni d'oro, obbligo di contribuzione per TUTTI liberi professionisti inclusi) il tutto con la complicita dei sindacati confederali3 Guerra "umanitaria" in Kosovo (SENZA l'ONU, e non venitemi a dire che "c'era la nato"..)4 Pacchetto Treu , ha precarizzato il lavoro, introdotto i contratti precari poi peggiorati dalla Legge 30 del Ministro Maroni(demagogicamente chiamata Biagi)5 Riforma Berlinguer , ha aperto la strada al finanziamento delle scuole private che sta mettendo in atto la Moratti6 Privatizzazione Enel e Telecom, privatizzazione di due aziende in Attivo, che portavano utili allo Stato7 Blocco della riforma Bindi, l'unico ministro di sinistra del Governo Prodi, l'unica riforma di sinistra venne ritirata dal governo D'Alema8 Mancata approvazione di una legge sul conflitto di interessi in 6 anni di governo, venne bloccata dal Sig. D'Alema per poter parlare col nano in bicamerale9 Mancata ratifica del trattato sulle rogatorie internazionali, lasciando questo compito al governo berlusconi10 Nessun provvedimento per i ceti meno abbienti o tutele a vantaggio della classe operaia cio fece cadere il governo Prodiche la censura sia con me
  • Anonimo scrive:
    Re: è risolvibile
    Peccato che e' illegale .........
  • The RZA scrive:
    Re: e usare il satellite ?
    Il problema esposto dall'agenzia riguarda soprattutto la banda in upload, mentre il satellite serve in download, non in upload (non so se sia possibile anche legislativamente, per un privato trasmettere verso un satellite).
    • Anonimo scrive:
      Re: e usare il satellite ?
      - Scritto da: The RZA
      Il problema esposto dall'agenzia riguarda
      soprattutto la banda in upload, mentre il
      satellite serve in download, non in upload
      (non so se sia possibile anche
      legislativamente, per un privato trasmettere
      verso un satellite).No, non è consentito.L'uso del satellite comunque è prevalentemente "ludico": va bene per scaricare grossi contenuti multimediali (film, giochi, siti flash, ecc.). Infatti si può solamente scaricare...i dati inviati viaggiano comunque sulle linee Telecom normali (certo che quel tecnico è un grande, promette addirittura di liberarsi di Telecom!!!)Non serve a nulla per chi deve utilizzare la banda larga per lavorare ed ha bisogno della stessa banda sia in upload che in download.
  • Anonimo scrive:
    Re: è risolvibile
    http://www.wireless-italia.com/modules.php?name=News&file=article&sid=704Ecco il link che hai rischiesto. ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: e usare il satellite ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Scommetto che l'HDSL invece c'è...
    Beh diciamo che le politiche commerciali di Telecom sono al quanto discutibili.In questi ultimi anni è stata data la preferenza alle zone residenziali anzichè le zone commerciali visto, come dici te, che l'HDSL esiste.Ma è anche vero che un collegamento HDSL ha dei costi di attivazione elevati, al mese per una semi flat da 5gb mensile si aggirano intorno ai 200 euro e quasi 80 euro per ogni Gb sforato...Non tutte le aziende si possono permettere una tale spesa, anche se sarebbe indispensabile. Dunque secondo me c'è qualcosa che non va nella politica di Telecom.ADSL via SAT? Costa un bordello... te lo dico io... e la qualità non c'è!
  • Anonimo scrive:
    Re: Dovete chiedere aiuto ai politici
    - Scritto da: Anonimo
    della provincia, un negozio che conosco l'ha
    avuta così.proprio stasera ho un appuntamento con un "onerevole" (sigh) che risiede vicino a casa mia....vediamo se facendo lui la richiesta la telecom che farà....certo che se cosi fosse il fatto non fa altro che rafforzare le mie idee sullo schifo e l'arretratezza che sta repubblica delle banane fa....ciaoMr. R
  • Anonimo scrive:
    Re: Aziende e privati
    - Scritto da: Anonimo
    Il problema e' che tutti vogliono guadagnare
    fino all'ultimo centesimo e hanno le
    braccine cooooooorte quando si tratta di
    sganciare (anche per i loro interessi) e
    luuuuunghe quando si tratta di arraffare.
    Se investite riuscirete ad aumentare il
    business e i ricavati sicuramente copriranno
    le spese, se cosi' non fosse e' anche
    inutile investire e allora il problema non
    si pone ....e credi davvero che in italia si si possa fare cosi???in italia l'eccezione mondiale del capitalismo????dai su sii serio per favore......adesso come adesso non aprirei e non investirei nemmeno un centisimo in italia che tradotto significa: cosa investo a fare in questo posto???che convenienze ho ad investire??mi ritorneranno i soldi investiti??quante tasse devo pagare???per avere cosa??competitività??potrei continuare all'infinitoragionaci susalutiMr Rsaluti
  • Anonimo scrive:
    e usare il satellite ?
    il mio tecnico dice che è una soluzione costosa per un utente normale (cioè io), ma forse nel vostro caso potrebbe essere abbondantemente ricompensatain questo modo potreste anche liberarvi di Telecom ....Claudio
  • riddler scrive:
    Re: è risolvibile
    E' la prima volta che lo sento dire. Puoi dare un link o spiegare meglio?
  • crochet scrive:
    Re: Aziende e privati
    Spiegatemi perché davanti alla mia officina, 7-8 anni fà, effettuando scavi, sono passati con tutti i cavi possibili ed immaginabili, fibre ottiche comprese, e noi nonostante mille richieste viaggiamo ancora con ISDN?Io spendo un enormità di telefono per svolgere il mio lavoro, quando, la distanza da dove passano i cavi di fibra ottica, al mio ufficio, è di soli 10 metri?? Se non è una beffa questa...Odiata telecozz...
  • gsignore scrive:
    è risolvibile
    il problema è risolvibile.si può con un progetto speciale estendere la larga banda alle aree di interesse senza interpellare la Telecom che non si occupa di queste problematiche
  • Anonimo scrive:
    Scommetto che l'HDSL invece c'è...
    Anche ad Abano e Montegrotto Terme, con un albergo ogni 100 metri, per un bel pezzo hanno fornito solo HDSL costringendo quelli che ne avevano veramente bisogno di installarla (a costi dieci volte superiori ovviamente all'ADSL sebbene la qualità sia decisamente migliore). Poida due anni a questa parte finalmente....E tutto grazie alle politiche commerciali di Telecom.Altro che Gasparri.
  • Gallone scrive:
    Re: Da una parte ...
    - Scritto da: Anonimo
    Per cui, se da una parte dette aziende che
    hanno a loro volta le risorse necessarie non
    investono nulla perche' allora dovrebbero
    investire i signori delle TLC?Qua non si tratta di investire oppure no. Qui si tratta del fatto che telecom DEVE coprire tutto il territorio nazionale. E per tutto intendo TUTTO, internet è un diritto è questo che la gente non si vuole inculcare nella testa (soprattutto Telecoz che ha avuto i soldi dallo stato (cioè da noi).Quindi Telecom NON è un'azienda come le altre che può permettersi di investire dove vuole e investire dove non vuole...
  • vyger scrive:
    nemmeno isdn
    io in ufficio non ho nemmeno isdn.devo gestire una filiale in romania, per risparmiare volevo fare adsl e sfruttare le webfonate, ma nulla la zona non e' coperta.allora passo a isdn, almeno potro inviare e ricevere dei documenti in tempi decenti, ma nulla non ci sono risorse in centrale.Allora io pretendo il dimezzamento del canone, visto che non ho le stesse possibilita' degli atri.un appartamento in perifieria costa meno, perche' sotto casa non ho nulla, la stessa cosa deve valere per il telefono.Stefano
  • Anonimo scrive:
    Re: Aziende e privati
    Il problema e' che tutti vogliono guadagnare fino all'ultimo centesimo e hanno le braccine cooooooorte quando si tratta di sganciare (anche per i loro interessi) e luuuuunghe quando si tratta di arraffare.Se investite riuscirete ad aumentare il business e i ricavati sicuramente copriranno le spese, se cosi' non fosse e' anche inutile investire e allora il problema non si pone ....
  • Anonimo scrive:
    Da una parte ...
    scrive ... "Nei quattro mesi di stagione la mia struttura gestisce ca. 25.000 presenze composte per il 60% da clientela straniera proveniente dall'Europa Comunitaria e dai paesi dell'Est Europeo." ... e dall'altra lamenta la mancanza di connessioni ADSL non attivando, a mo di investimento per la propria attivita' di tal potata, una connessione alternativa che tra l'altro e' a fine di lucro nonche portato poi a costo in conto economico.Da una parte posso comprendere la protesta visto e considerato che molte promesse, come al solito, non manca mai di NON essere mantenute, seppur questi nuovi signori delle TLC, a discapito anche dei piccoli isp e delle utenze, hanno e sfruttano anche finanziamenti pubblici MA dall'altra disapprovo che la lamentela provenga da una struttura di servizi - che non e' l'aziendina familiare - che a sua volta la utilizza per fini di lucro non adoperandosi, invece, nel frattempo a provvedere in altro modo o, visto l'influenza che hanno il lor, a mezzo di sistemi wireless .Ora chiedo che non mi si venga, chi sta nel frattempo ivestendo il 3D coi suoi post, a raccontarmi del costo, cd CDN, perche', se legge piu' avanti, la questione e' ben diversa.Il problema e' tutt'altro, il problema e' che molte aziende, specialmente site in quelle zone e seppur hanno le risorse (perche' hanno le risorse!) sono invece ancora convinte (anni 50 e 60) di non investire assolutamente nulla (spcialmente nella IT, se non il meno possibile) preferendo invece che ci pensino terzi ad investire per loro e questo al fine di spremere il piu' possibile l'utenza e i clienti senza subire nel frattempo alcun costo.Per cui, se da una parte dette aziende che hanno a loro volta le risorse necessarie non investono nulla perche' allora dovrebbero investire i signori delle TLC?Posso comprendere le proteste degli utenti consumer, posso comprendere le pmi che non hanno risorse necessare, posso comprendere i piccoli, se ce ne sono ancora visto che sono stati distrutti, isp MA non e sicuramente chi e' al pari di chi ha protestato.Saluti.PSProvate a fare un giro in dette aziende e osservate, fate domande rivolte alla ICT e da li avete immediatamente la risposta di che tipo di investimenti fanno, se li fanno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Da una parte ...

      Il problema e' tutt'altro, il problema e'
      che molte aziende, specialmente site in
      quelle zone e seppur hanno le risorse
      (perche' hanno le risorse!) sono invece
      ancora convinte (anni 50 e 60) di non
      investire assolutamente nulla (spcialmente
      nella IT, se non il meno possibile)
      preferendo invece che ci pensino terzi ad
      investire per loro e questo al fine di
      spremere il piu' possibile l'utenza e i
      clienti senza subire nel frattempo alcun
      costo.

      Per cui, se da una parte dette aziende che
      hanno a loro volta le risorse necessarie non
      investono nulla perche' allora dovrebbero
      investire i signori delle TLC?

      Posso comprendere le proteste degli utenti
      consumer, posso comprendere le pmi che non
      hanno risorse necessare, posso comprendere i
      piccoli, se ce ne sono ancora visto che sono
      stati distrutti, isp MA non e sicuramente
      chi e' al pari di chi ha protestato.Sono il responsabile ICT di una piccola azienda situata nella stessa zona. Conosco la realta' dell'azienda in questione e mi sono divertito un sacco leggendo questo articolo: un'azienda di tali dimensioni che piange perche' mamma Telecom non gli ha ancora portato l'ADSL! E sono daccordo con quanto dici nel tuo post : questa notizia e' un ulteriore esempio del fatto che ad oggi moltissime aziende non hanno ancora capito 'importanza di investire in ICT, sopratutto per quanto riguarda l'assunzione di personale competente: spendono fior-fior di quattrini in strutture ma non si preoccupano di assumere un CIO. Il modo di risolvere il loro problema c'e'. Ma spero che non lo scoprano, perche' se c'e' qualcuno che puo' farsi ascoltare dalla Telecom sono proprio loro e cosi' forse finalmente anche noi "ditte in mezzo ai campi" riusciremmo ad avere l'ADSL. ;-)
  • Anonimo scrive:
    Rivolgetevi a dei consulenti
    E di sicuro vi sapranno indirizzare sulla tipologia di connessione più adatta al vostro caso, di sicuro una CDN, che è uno standard nel vostro settore.
  • Anonimo scrive:
    Dovete chiedere aiuto ai politici
    della provincia, un negozio che conosco l'ha avuta così.
  • neoviruz scrive:
    Re: Aziende e privati
    - Scritto da: Anonimo
    connessioni satellitari tipo tiscali quelle
    con parabola bidirezionali...Ora a parte le
    latenze (che per uppare su server delle robe
    non mi pare un problema) i prezzi non sono
    proibitivi...Domanda:Le hai povate?Io si.Non sono una soluzione.--http://lnx.curatola.net
  • Anonimo scrive:
    Re: Aziende e privati
    connessioni satellitari tipo tiscali quelle con parabola bidirezionali...Ora a parte le latenze (che per uppare su server delle robe non mi pare un problema) i prezzi non sono proibitivi...
  • Anonimo scrive:
    Re: Aziende e privati
    E' vero. Lasciamo perdere i 500 euro al mese che potrebbero essere anche un costo sostenibile. Ma il prezzo di un CDN a 2 mega( ma nche da un mega ) non sarebbe sostenibile da un'azienda del genere.Non che un'adsl sia una gran tecnologia , anzi con i doppini che abbiamo in italia e la qualità dei mux nelle centrali telfoniche è un servizo sempre a rischio malfunzionamenti, ma almeno è una soluzione a costo contenuto. Attrezzandosi con una soluzione di backup da utilizzare nei momenti di guasto dell'adsl si può sopravvivere. ( Sempre che un'azienda non voglia metter un server vitale dietro una adsl, per quello ci sono tanti datacenter vuoti in Italia...)
  • neoviruz scrive:
    Re: Aziende e privati
    - Scritto da: Anonimo
    Ma chi ha parlato di CDN da 500€ al mese?
    Rileggetevi i post indietro invece....IO NE HO PARLATO!Tu hai parlato di una cdn da 2 Mb, e io ti dico che per una misera 64k ti chiedono 500 €/mese.Quindi adesso mi spieghi quale azienda in italia puo' permettersi una CDN da 2 Mb (sulla quale non mi sono nemmeno informato del prezzo visto che la mia piccola azienda non puo' permettersi neanche l'offerta piu' bassa)?Quindi prima di attaccare chi con un'adsl si sentirebbe piu' competitivo, ragiona qualche decimo di secondo in piu', e capirai da solo che la stai facendo fuori dal vasino.http://lnx.curatola.net
  • Anonimo scrive:
    Re: Aziende e privati
    Ma chi ha parlato di CDN da 500? al mese? Rileggetevi i post indietro invece....
  • Anonimo scrive:
    Re: Aziende e privati
    Un CDN da 2 Mega costa un'esagerazione. Altro che 500 al mese ....
  • neoviruz scrive:
    Re: Aziende e privati
    - Scritto da: Anonimo
    Ma chi ha parlato di 500€ ? Guarda che ti
    sei contraddetto da solo.... Vai a dormire
    dai che e' tardi. :sTu hai parlato di cdn, e la prima offerta ( e siamo molto lontani dai tuoi fantomatici 2 Mb garantiti) parte da circa 500 €/mese, non contando i costi di attivazione, e stiamo parlando di una cdn a 64k.Se la vuoi confrontare a questa "instabilissima" connessione asimmetrica che pero' costa 10 volte meno fai pure, ma non pretendere che tutti se la bevano.http://lnx.curatola.net
  • Anonimo scrive:
    Re: Aziende e privati
    Ma chi ha parlato di 500? ? Guarda che ti sei contraddetto da solo.... Vai a dormire dai che e' tardi. :s
  • neoviruz scrive:
    Re: Aziende e privati
    - Scritto da: Anonimo
    "...Nei quattro mesi di stagione la mia
    struttura gestisce ca. 25.000 presenze..."

    mi sembra chiaro che non e' un chiosco di
    bibiteSai cosa sono 25000 presenza per un'agenzia turistica?Praticamente niente se le spalmi su una stagione che va dai 4 a 6 mesi.Ed in ogni caso 500 € non garantiscono una connessione flat a 2 Mb, il furbo lo vai a fare da qualche altra parte.Il digital divide non l'ho inventato io.--http://lnx.curatola.net
  • Anonimo scrive:
    non cambierà proprio niente......
    finche' ci sarà una politica del guadagno monopolistico l'adsl ve la scordate in tanti.saluti
  • Anonimo scrive:
    Re: Aziende e privati
    "...Nei quattro mesi di stagione la mia struttura gestisce ca. 25.000 presenze..."mi sembra chiaro che non e' un chiosco di bibite"...gestiamo parecchie migliaia tra appartamenti e case per le vacanze, che se avessero la copertura del servizio..."anche qui si parla di grandi numeri.Perchè chi lavora con queste grosse cifre deve lamentarsi a spendere 500? al mese per una linea che e' tecnicamente (per il tipo di servizio, non in assoluto) al vertice di quello che c'è oggi sul mercato?Meditate...
  • Anonimo scrive:
    Non serve a niente
    Penso che scrivere a P.I. va bene come possibilità di sfogarsie di poter dire le proprie ragioni. Ma a Telecom e ai suoi capoccioni che non leggono di certo P.I., non gliene frega niente dei tuoi lamenti e finchè non vedono prospettive di un lauto profitto non porterannol'adsl nè a Duna Verde nè in nessun altro degli innumerevoli borghi e frazioni che ne sono sprovvisti.
  • Anonimo scrive:
    Aziende e privati
    Da operatore del settore delle Telecomunicazioni Le posso dire che quando un azienda come la sua parla dei "grossi" numeri che ha detto lei, dovrebbe anche sapere di cosa ha bisogno.Il servizio ADSL non e' altro che una connessione ATM asimmetrica che sfrutta il doppino telefonico come mezzo fisico, il problema sta proprio nell'economia della fisicità del mezzo stesso percui gli stessi Carrier non riescono a garantire una continuita' di servizio e di trasporto dati sufficenti alle aziende che lavorano in termini di affidabilita' e di servizio offerto.Se desidera delle linee stabili e veloci, con servizio di gestione dei guasti veloce e abbastanza efficente, si deve rivolgere su linee dedicate CDN.Queste ultime costano molto di piu' di ADSL ma garantiscono una migliore copertura del territorio, una maggior velocità simmetrica (i server fa fatica a gestirli con ADSL a causa della scarsa banda in upload), un pronto intervento in caso di guasto (ci sono vari livelli di SLA, quindi puo' contrattualizzare il tempo massimo in cui la linea puo' non funzionare, con una penale per il carrier se "sfora" il tempo prestabilito), una banda completamente dedicata (paga 2 Megabit ed ha 2 Megabit PURI). Di contro avrà un prezzo molto piu' alto, ma alla fine visto che ci "fate business" non credo sia un grosso problema. L'ADSL e' fondamentalmente un servizio economico per chi non ha pretese di doverci lavorare e va bene per gli utenti privati che nel caso peggiore (guasto) utilizzeranno un modem analogico senza troppi patemi d'animo, cosa che le grosse aziende non potrebbero fare pena la perdita di introiti e pubblicita' negativa.Che ne pensa?
    • neoviruz scrive:
      Re: Aziende e privati
      Parla da chi vive fuori dalla realta' Italiana piu' che altro.Adesso mi spiega gentilmente con che razza di aziende lavora che si possono permettere una CDN che parte a voler essere di manica larga da 600 €/mese e sicuramente non per una connessione a 2 Mb flat.Vada a fare lo stizzito da qualche altra parte, visto che il ragazzino di 15 anni si puo' scaricare mp3 a 37 €/mese.--http://lnx.curatola.net
    • Anonimo scrive:
      Re: Aziende e privati
      - Scritto da: Anonimo
      Da operatore del settore delle
      Telecomunicazioni Le posso dire che quando
      un azienda come la sua parla dei "grossi"
      numeri che ha detto lei, dovrebbe anche
      sapere di cosa ha bisogno.Da operatore delle comunicazioni dovrebbe avere il buonsenso di capire che uno straccio di adsl, che in un contesto europeo non vale i soldi che costa in italia, è circa dodici volte più veloce di un modem a 56k, che si connette in dialup 24/7 ad un costo telecom di circa 700 euro/mese.Capirà bene, se è in buonafede, che dopo aver connesso il minimo indispensabile di abitazioni per strombazzare che anche in italia abbiamo la banda larga, non è conveniente per un monopolista fornire la banda larga ad un ventesimo circa di quanto incassa senza alcun investimento.Non mi avventuro neppure a fare un confronto costo/qualità tra la cdn di cui parla e le offerte prevalenti nel resto del mondo civilizzato..sarebbe oltraggioso.Così come non mi avventuro nemmeno più a cercare un perchè del dinteresse della politica verso certe situazioni..credo le ragioni non sfuggano a nessuno !
    • Anonimo scrive:
      Re: Aziende e privati
      - Scritto da: Anonimo
      Da operatore del settore delle
      Telecomunicazioni Le posso dire che quando
      un azienda come la sua parla dei "grossi"
      numeri che ha detto lei, dovrebbe anche
      sapere di cosa ha bisogno.
      Il servizio ADSL non e' altro che una
      connessione ATM asimmetrica che sfrutta il
      doppino telefonico come mezzo fisico, il
      problema sta proprio nell'economia della
      fisicità del mezzo stesso percui gli
      stessi Carrier non riescono a garantire una
      continuita' di servizio e di trasporto dati
      sufficenti alle aziende che lavorano in
      termini di affidabilita' e di servizio
      offerto.
      Se desidera delle linee stabili e veloci,
      con servizio di gestione dei guasti veloce e
      abbastanza efficente, si deve rivolgere su
      linee dedicate CDN.Oppure una più economica Frame-Relay
      L'ADSL e' fondamentalmente un servizio
      economico per chi non ha pretese di doverci
      lavorare e va bene per gli utenti privati
      che nel caso peggiore (guasto) utilizzeranno
      un modem analogico senza troppi patemi
      d'animo, cosa che le grosse aziende non
      potrebbero fare pena la perdita di introiti
      e pubblicita' negativa.Quoto questa frase, è così che va intesa l'ADSL.
    • Anonimo scrive:
      Re: Aziende e privati
      Conosco la zona di Caorle, conosco le strutture turistiche di quel posto, in particolare lo IAT, perchè ho lavorato ad un progetto statistico che analizzava le presenze, la ricettività turistica, le permanenze, ecc.Bene. A parte il fatto che spesso i numeri non tornavano proprio per questioni di database malmessi, vecchi, che avevano subito nel tempo decine di importazioni da sistemi diversi....e quindi si sono malridotti a causa di smanettoni che non controllavano la congruenza dei dati importati.A parte questo, per cui può anche essere discutibile il termine di 25.000 presenze (cosa intende con "presenze"? tecnicamente parlando la "presenza" è la singola persona che s'è fermata almeno una notte in una struttura...25.000 presenze divise per 365 giorni, fanno semplicemente 68 persone al giorno...in fondo non sono poi tante!), la zona non è granchè ricettiva, questo comparandola con altre zone del Veneto (non è una mia opinione, i dati parlano).Quindi, riprendendo il discorso principale, non ci sono grandi numeri che possano giustificare una linea dedicata a 2 megabit, assolutamente!Va benissimo un ADSL, e se si ferma, si ritorna temporaneamente alla 56k analogica con un bel messaggio sul sito "Problemi tecnici in corso".Signori, io la linea a due megabit la vedo presso uno dei miei clienti, un consorzio di banche del nord, che gestisce vari uffici dislocati in tutto il nord, uffici bancari, con grossi server web in internet solo per il lroo web aziendale ed i sistemi documentali centralizzati. Forse è anche più di due magabit, ma non credo.E non è mai saltata, ovviamente, perchè sarebbe un guaio ed un danno enorme!Ma non si può confrontare un colosso così con un negozietto, andiamo, siamo seri.
  • neoviruz scrive:
    Azienda ITC
    Senza ADSL.Offerta piu' abbordabile per una connessione always-on qualcosa piu' di 500 €/mese (senza contare attivazione).C'e' poco da aggiungere.....--http://lnx.curatola.net
  • Anonimo scrive:
    l'italia sta naufragando
    mi spiace dirlo, ma in un paese in cui non si produce più nulla (anche i manuali di istruzione sono stampati in cina), come si fa a sperare in una copertura adsl totale (il wireless, che risolverebbe tutto, come al solito è stato reso praticamente illegale per favorire "qualcuno"). Qui i soliti noti privatizzati (=parastatali) non hanno interesse alcuno a investire... solo succhiare euro e poi si vedrà.Quando saranno finite le risorse e non gireranno più soldi... loro saranno cmq ricchi, avranno altri mercati, noi invece saremo tutti a spasso :(
Chiudi i commenti