Asia, là dove la Rete cresce

Entro il 2004 gli utenti Internet che si collegheranno dall'ampia regione Asia-Pacifico saranno quattro volte il numero attuale. Una crescita rapida trainata dal Giappone ma anche dalla diminuzione dei costi di accesso


Roma – Il legame diretto tra velocità di diffusione dell’accesso ad Internet e riduzione dei suoi costi è testimoniato dall’ultimo studio di Dataquest sull’utenza asiatica. La società di rilevazione prevede infatti entro il 2004 la quadruplicazione degli utenti grazie proprio al calo dei prezzi delle nuove tecnologie e delle tariffe per la connettività.

Secondo Dataquest, tra quattro anni il numero di utenti dell’area Asia-Pacifico sarà arrivato ad almeno 188 milioni di individui. La “fetta” più imponente di questi è legata alla diffusione sempre più capillare di Internet in Giappone, dove entro il 2004 la società di rilevazione prevede che vi saranno 72 milioni di utenti.

“L’uso della Rete nella regione – ha spiegato alla Reuters un analista della divisione asiatica di Dataquest – ha davvero iniziato a crescere, grazie all’effetto combinato di migliori infrastrutture di connessione, tariffe più basse e contenuti in lingua locale in forte aumento. Tutti incentivi per andare online”.

Oltre al Giappone, a “tirare” la corsa dell’accesso sarà la Cina, con 51 milioni di utenti previsti, e l’India, con altri 10 milioni. I “ritardatari” includeranno invece l’Indonesia, dove su 220 milioni di persone avranno accesso alla Rete solo 5,1 milioni di utenti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti