Assalto cinese a iCloud

Pechino al lavoro per compromettere gli account degli utenti Apple. Le autorità negano ma gli esperti confermano: un attacco è in corso, serve a scavalcare la cifratura dei nuovi iPhone

Roma – Stando a quanto sostiene GreatFire.org , le autorità cinesi sarebbero attivamente impegnate a compromettere gli account iCloud degli utenti Apple tramite un attacco di tipo man-in-the-middle. Obiettivo dichiarato: salvaguardare le capacità di censura e tecnocontrollo del regime anche dopo il rafforzamento delle pratiche di cifratura annunciato da Cupertino con il debutto di iOS 8.

Pechino farebbe uso di certificati di sicurezza e DNS contraffatti per “interfacciarsi” tra gli utenti e i server di iCloud, sfruttando l’opportunità di compromettere le credenziali dell’utente e avere libero accesso agli account telematici gestiti di Apple. L’uso di un meccanismo di autenticazione a doppio fattore è sufficiente a neutralizzare il tentativo di attacco da parte del governo cinese, così come l’uso di browser quali Firefox e Chrome permette di capire che qualcosa non va con la visualizzazione di allarmi riguardo i certificati contraffatti.

Sia come sia, la nuova cyber-iniziativa cinese coincide con il lancio degli iPhone 6 e 6 Plus , dispositivi in grado di fornire meccanismi di protezione aggiuntivi e che hanno quindi consigliato a Pechino di rivolgersi direttamente alla fonte: cioè ai backup dei dati degli utenti sui server iCloud.

Interpellato direttamente sulla questione, il governo cinese nega categoricamente l’iniziativa e dice di essere come sempre contrario alle pratiche di cracking. Ma gli esperti di sicurezza come Mikko Hypponen (CRO di F-Secure) dicono che le prove sin qui emerse confermano il coinvolgimento di Pechino nel nuovo attacco contro iCloud.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Remigio scrive:
    Sciacalli a confronto
    Il berg è sicuramente un elemento da sbarco in odore di psicosi contenuta, ma gli sciacalli che hanno tentato di infinocchiarlo non sono di risma migliore ripetto alla sua...Dargli una lezione è un ottimo avvertimento per altri sciacalli, di cui gli USA abbondano.
Chiudi i commenti