Assange, libertà ma condizionata

Al founder di Wikileaks verrà garantito il rilascio, ma solo a determinate condizioni. Tra queste, la consegna del passaporto e una cavigliera elettronica. Cauzione da 240mila sterline
Al founder di Wikileaks verrà garantito il rilascio, ma solo a determinate condizioni. Tra queste, la consegna del passaporto e una cavigliera elettronica. Cauzione da 240mila sterline

Ad annunciarlo è stata una vera e propria sinfonia di cinguettii su Twitter: Julian Assange verrà rilasciato , ma solo a determinate condizioni . Tra queste, l’indicazione di un indirizzo permanente dove il founder di Wikileaks risiederà temporaneamente, la sua presenza quotidiana a un commissariato di polizia e il rispetto di un coprifuoco. Il giudice londinese ha inoltre previsto alcune restrizioni – compresa una cavigliera elettronica – per evitare che Assange fugga all’estero.

L’immediato destino di Assange è tuttavia circondato da un alone d’incertezza. Stando alle decisioni della corte britannica, le autorità svedesi avranno due ore di tempo per presentare un eventuale ricorso in appello . In tal caso, al founder di Wikileaks verrebbe garantito il rilascio solo nella giornata di domani. Assange dovrà inoltre consegnare immediatamente il suo passaporto alle autorità d’Albione.

Il giudice ha successivamente quantificato in 240mila sterline la somma che verrebbe pagata qualora il founder dovesse fuggire dal paese. Come sottolineato in aula, la tipologia di reato invocata dalle autorità svedesi – “sesso con sorpresa” – non sarebbe giudicabile secondo l’ordinamento giuridico britannico . Assange dovrà presentarsi ogni giorno in centrale per le firme di rito, in attesa della prossima udienza che è stata fissata per il giorno 11 gennaio .

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 12 2010
Link copiato negli appunti