ATAC, a Roma si monitorano le automobili

Capire cosa succede nel traffico, studiare il flusso di veicoli sulle principali vie di percorrenza, conoscere i tempi degli spostamenti. Riconoscendo le automobili in transito. In una parola: UTT

Roma – Si allarga l’occhio di ATAC, l’agenzia per la mobilità della capitale, teso a capire come si muovono i veicoli pubblici e privati e a fornire informazioni in tempo reale sullo stato del traffico per le principali vie di percorrenza della capitale. Il servizio, che si aggiunge alle informazioni già offerte dalla sezione Infotraffico del sito ATAC, utilizzerà i pannelli che si trovano sempre più spesso sulle vie cittadine per informare gli automobilisti su cosa gli aspetta nei tratti più congestionati. Le informazioni sui pannelli saranno aggiornate ogni 5 minuti .

Entro il prossimo luglio, ha fatto sapere l’Agenzia, 50 nuove telecamere del sistema UTT, acronimo di Urban Travel Times , inizieranno l’attività di monitoraggio e di raccolta delle informazioni da offrire ai cittadini in transito. Il sistema estenderà a 100 chilometri il controllo già attivo su 15 chilometri di tratti stradali e che oggi si avvale di una decina di telecamere. All’investimento di 200mila euro già effettuato si aggiungeranno così ulteriori 1,85 milioni di euro di spesa. Oltre ai punti critici del lungotevere, finiranno sotto i nuovi occhi elettronici dell’ATC anche via Cristoforo Colombo, buona parte di viale Palmiro Togliatti e Corso Francia nonché buoni tratti della Tangenziale Est.

Tra le conseguenze dell’attivazione di UTT, la possibilità di capire cosa accade al traffico anche in occasione di eventi particolari , come manifestazioni pubbliche, lavori in corso e via dicendo. Questi dati saranno associati ed elaborati dal sistemone di controllo assieme a quelli offerti dalla rilevazione già in corso attraverso i veicoli ATAC in giro per la città: questo dovrebbe consentire di fornire analisi dettagliate sulla mobilità e i problemi critici.

Le cam, che saranno piazzate su semafori o altre installazioni già presenti al fine di minimizzare l’impatto visivo, spiega ATAC, consentiranno alla centrale operativa di registrare i tempi di spostamento dei veicoli in certe tratte, riconoscendo l’automobile in “entrata” e in “uscita”. È possibile, ma allo stato è appunto solo una ipotesi, che molte cam siano dotate di modem GPRS : in questo modo potrebbero inviare i dati raccolti in Centrale evitando le lungaggini e gli oneri degli scavi per l’installazione di reti dedicate.

Va detto che già oggi sono disponibili, per gli utenti dei navigatori automobilistici più avanzati, servizi di “alert” sul traffico dipendenti da sistemi di rilevazione diversa. Non mancano anche gli strumenti in rete, o i siti , che offrono informazioni sull’andamento del traffico nelle aree “calde” della Capitale.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma non avete capito un piffero!
    La UWD non serve per le telecomunicazioni, ma per lo scambio dati wireless su BREVE/BREVISSIMA distanza tra dispositivi.Scorrendo questo forum sembra che la maggior parte dei lettori di PI abbia serissimi problemi di comprensione del testo. O forse sono solo troll e basta? (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Dati Mobili, Euro, e Google Maps!!! [v]
    Eccezionale, oggi mi collego con 3 in umtsall'indirizzo http://google.com/gmm(forse lo conoscete già). Girò le mie mappe, direzioni, immagini da satellite tutto sul mio telefoninoad una velocità pazzesca. Funziona tutto.Il futuro è già oggi, e finalmente ci sono i servizi.5 minuti...... 85Mb di trasferimento, al costodi 0.50 Euro a Mb. Non è possibile!!!Ok, ormai il danno è fatto. Comunqe vediamoil lato positivo adesso cerco una tariffa flat e il giocoè fatto :-( ... 5MB alla settimana, 100MB al mese... a 20, 30, 50 Euro al mese, 50cent a MBMa siamo impazziti!!! (P.S. Non promuovo servizi nè per conto, nè di 3) ;-)Per chi come me cerca contratti real flat umts: ci sono effettivamente ma in pochi stati avanzati come USA, Germania, Giappone e ;-) Polonia.(fonte: http://msmobiles.com/catalog/i.php/578.html)
    • Ataru73 scrive:
      Re: Dati Mobili, Euro, e Google Maps!!!
      In Italia Vodafone ha una tariffa a circa 4 euro l'ora (paghi a tempo).Non è precisamente economicissima, ma almeno riesci a regolarti un po' meglio su quello che spendi.
  • Anonimo scrive:
    E io ancora a 64k...
    Che schifo... investono in banda per far finta di venderti film, telefono, tv... ecc e gonfiarsi le tasche... e poi promettono FINO A 4 - 12 - 20 e 100 megabit (tanto si va sempre 1 megabit)......e di fronte a questo ci sono moltissimi utenti che pagano il triplo per andare a 64k in isdn (x i fortunati che la conoscono dato che dal 187 è sparita) o miseri 56k (che poi sono 48 quando va bene, e asimmetrici a 28.8 in downstream)... che ancora oggi non sono coperti dall'adsl base !!CHE SCHIFO !
  • Anonimo scrive:
    Questo dimostra....
    ...come il 90% della gente di punto informatico legge il titolo di una notizia e inizia a sparare le solite cazz--- su Berlusconi, Bush, la Microsoft e Telecom anche se non c'entrano una mazza.Ma avete capito che cosa sia UWB?
  • Anonimo scrive:
    ma non c'entra niente la Banda Larga
    ragazzi, avete fatto confusione con l'ADSL e i problemi di Telecozz, ossia con la banda larga.Ultra Wide Band è una tecnologia che unisce i pregi della connessione USB dei nostri pc a quelli del Bluetooth. Ipoteticamente potremmo immaginare un hard disk sul tavolo della nostra scrivania che scambia allegramente dati con il nostro pc privo di qualsiasi connessione (grazie anche a un pacco batteria).UWB è noto anche come Wireless USB, avrà un raggio di azione molto ristretto, sicuramente meno del Bluetooth di classe 2, per assicurare una velocità molto alta ma anche per ovviare ai problemi di privacy ben noti quando si usa una connessione non wired.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma non c'entra niente la Banda Larga
      x ulteriori info http://www.usb.org/developers/wusb/
    • Eddie_81 scrive:
      Re: ma non c'entra niente la Banda Larga
      Leggendo in giro mi pare di capire (visto che ci hai messo il dubbio) che L'UWB e solo un nome per definire la banda larghisssssssssima che come hai detto verrà utilizzata anche per l'usb senza fili.Ma se sfogli il primo link dell'articolo vedrai che il termine UWB viene utilizzato non solo nel campo usb.Quindi di che cosa stiano discutendo in parlamento e tutto da chiarire.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma non c'entra niente la Banda Larga
      non so se tu abbia ragione:http://www.usb.org/developers/wusb
  • Anonimo scrive:
    SCORDIAMOCELA!
    Tutto ciò che minaccia Telecom fa una brutta fine, vedi ad esempio le powerlines...
    • Anonimo scrive:
      Re: SCORDIAMOCELA!
      - Scritto da:
      Tutto ciò che minaccia Telecom fa una brutta
      fine, vedi ad esempio le
      powerlines...E il wi-fi in luogo pubblico, liberalizzato in qualsiasi paese civile, tranne che in Italia.
  • Anonimo scrive:
    e pantalone paga per usare il 56k...
    20 euro al mese per una 4 Mbit in città e 12 euro per una 56kbit in paesi non coperti da adsl.Adesso poi dobbiamo pure pagare con soldi pubblici reti più veloci... alla faccia della rivoluzione digitale, a me sembra il solito "magna" "magna" (che non significa "grande" "grande")
  • sazemaster scrive:
    un gigabit per secondo?
    ma siamo matti?? :|
Chiudi i commenti