Atari 2600 torna e costa 20 dollari

La gloriosa console di Atari, una delle più famose della storia dei videogiochi, tornerà sul mercato grazie ad un nuovo prodotto su cui gireranno 10 classici di tutti i tempi. Scatta l'operazione nostalgia


Malibu (USA) – E’ incredibile vedere come nell’industria vi sia ancora interesse verso una console vecchia di un quarto di secolo. Si sta parlando del mitico Atari VCS 2600, una delle prime e più famose console domestiche degli anni ’70 ed ’80 che ora rivivrà, grazie alla misconosciuta Toymax International, in un sistema da gioco basato proprio sullo stesso hardware a 8 bit del vecchio scatolotto di Atari.

Toymax, una sussidiaria del produttore di giocattoli JAKKS Pacific , ha infatti stretto un accordo con Infogrames, l’azienda che detiene tutte le licenze sul marchio e i giochi Atari, per sviluppare e commercializzare l'”Atari 10-In1 TV Games”, una console da connettere alla TV capace di far girare 10 fra i più famosi giochi dell’Atari 2600: fra questi classici, Toymax cita Centipede, Asteroids, Missile Command, Battlezone, Adventure e Combat.

La console, che verrà introdotta sul mercato durante il terzo trimestre del 2002, sarà dotata di un joystick e costerà appena 20$: un prezzo persino inferiore a quello di molti emulatori shareware.

L’interesse nel rispolverare una vecchia gloria come l’Atari 2600 dimostra ancora una volta la grande voglia di “retrogaming” che c’è in giro, specie fra i videogiocatori più attempati, coloro che hanno iniziato con classici come Pong, Space Invaders, PacMan e… si potrebbe andare avanti per ore.

Comunque la si metta, e si vedano anche le recenti operazioni sul “vecchio ma affascinante” Commodore64, ci sono elementi del passato tecnologico che secondo l’industria sono destinati a “colpire” tanti al cuore.

I nostalgici, o chi, al contrario, non avesse nemmeno mai sentito nominare l’Atari 2600, possono trovare in questa pagina una breve cronistoria della gloriosa console.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Concorrenza nell'industria discografica
    La musica ufficiale costa troppo e questo è perché nel mercato della musica non esiste concorrenza ma infiniti monopoli. Quando io entro in un negozio non scelgo tra vari autori in base al prezzo come se scegliessi un detersivo (che sono tutti uguali) io entro nel negozio per comprare il cd di QUELL'autore e non uno che costi poco. Ma quell'autore lo produce solo QUELLA casa discografica. Ecco il monopolio. Se voglio comprare Celine Dion compro il cd della casa discografica di Celine DIon e non posso scegliere Celine Dion prodotta da qualcun altro che mi fa un prezzo più basso. Dovrebbe cambiare il modo con cui gli autori fanno i contratti con le case discografiche. Non più esclusive ma contratti anche con due o tre case discografiche che poi si scannino fra di loro sul prezzo.
  • Anonimo scrive:
    Hanno avuto la fine che si meritavano.
    Hanno avuto la fine che si meritavano.
  • Anonimo scrive:
    Anomalia caso Napster
    Leggendo tutti i messaggi mi ha stupito una cosa: solo Evil ha evidenziato quello che secondo me è l'anomalia più grossa del caso Napster.Napster fornisce le infrastrutture per il file sharing quindi è uno strumento come può essere il videoregistratore, il masterizzatore, la pistola.Si è mai visto in uno stato democratico una società punita per un illecito commesso da un suo cliente?Io uccido una persona con una pistola e viene accusato il produttore della pistola? non e' realistico.La RIIA ha ottenuto l'ingunzione per far chiudere Napster solo grazie al suo peso economico/politico...questa non è giustizia.Per quanto mi riguarda l'avvento di Napster/Morpheus e tutti quei programmini per il file sharing ha avuto il merito di svegliare le Major che, purtroppo, stupidamente hanno reagito denunciando chiunque potesse senza pensare al vero motivo per cui milioni di persone anziche' comprare un CD lo scaricavano quasi gratis.Ciao Matteo
  • Anonimo scrive:
    ..troppo facile?
    la troppa facilita' di accesso/fruizione ai sistemi di file sharing abbassa inevitabilmente la qualita' di cio' che si andra' a scaricare. E' propio il mercato non d'elite che ne risente. Purtroppo il creare dei consumatori consapevoli non e' vantaggioso (quanta buona musica potrebbe saziare gli appetiti di ascoltatori 'colti' si puo' trovare in roba non piu' in catalogo e quindi ingiustamente priva di un interesse economico). Non credo che il sistema major e grossa distribuzione sia la spinta per l'innovazione e la ricerca. La lotta ai file sharing e' contro un sistema di promozione/artisti/distribuzione in cui la musica non e' propio al centro degli interessi.
  • Anonimo scrive:
    NON CI METTERANNO PIU' LE MANI ADDOSSO
    Mi fa ridere tutto sto clamore per la morte di napster...giornali telegiornali e dopo un anno ho smesso di dare i soldi a BlockBuster!(evviva)mi pago fastweb e mi scarico tutto, ma proprio tutto. Il Capitalismo è un ladrocinio legalizzato e questi sporchi lestofanti incravattati e superbisi dovranno arrendere alla potenza del numero enorme di utenti di Internet e dello sharing...e per estirparlo stavolta...dovranno staccare i fili sottocasa a tutti! ;DDD
    • Anonimo scrive:
      VEDRAI QUANDO TI METTANNO LE MANI ADDOSSO
      Vedrai, vedrai ... quando ti metteranno le mani addosso quanto e come pagherai per tutti i tuoi vergognosi e riprovevoli misfatti ...
      • Anonimo scrive:
        Re: VEDRAI QUANDO TI METTANNO LE MANI ADDOSSO
        - Scritto da: zop
        Vedrai, vedrai ... quando ti metteranno le
        mani addosso quanto e come pagherai per
        tutti i tuoi vergognosi e riprovevoli
        misfatti ...vedrai, vedrai quando l'ultimo neurone funzionante che hai nel cervello smettera' di funzionare...(ai troll non si risponde... ma questa volta non sono riuscito a trattenermi.. ;) )
        • Anonimo scrive:
          Re: VEDRAI QUANDO TI METTANNO LE MANI ADDOSSO
          Bisogna ammetterlo: Zop è una fonte incontenibile di ilarità costante... è insostituibile!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: VEDRAI QUANDO TI METTANNO LE MANI ADDOSSO
            - Scritto da: The Sanity Assassin
            Bisogna ammetterlo: Zop è una fonte
            incontenibile di ilarità costante... è
            insostituibile!!!E poi, senza di me, come fareste per sentirvi:1) Difensori dell'OpenSource e di Linux2) Difensori dei diritti degli utenti3) Difensori dei diritti umani4) Difensori della lingua italianae, chi pensa che tali punti non siano giusti, come farebbe a percepire quanto può essere gretto e meschino pensarla nello stesso modo che esprimo io ?Saluti a tuttizop
          • Anonimo scrive:
            Re: VEDRAI QUANDO TI METTANNO LE MANI ADDOSSO
            - Scritto da: zop

            E poi, senza di me, come fareste per
            sentirvi:...
            e, chi pensa che tali punti non siano
            giusti, come farebbe a percepire quanto può
            essere gretto e meschino pensarla nello
            stesso modo che esprimo io ?Pero' io per sentire i profumi non ho bisogno della puzza. Puo' aiutare a capire la differenza, ma sarei comunque in grado di apprezzare cio' che c'e' di buono. Forse non sei cosi' utile come credi, se solo uno che ha tempo da perdere a trollare.
          • Anonimo scrive:
            Re: VEDRAI QUANDO TI METTANNO LE MANI ADDOSSO
            I titoli dei post di Zop:- Una fine giusta e meritata- Vedrai quando ti mettanno le mani addosso (immagino intendesse "metteranno")visto come si applicano bene anche a lui stesso!?
          • Anonimo scrive:
            Re: VEDRAI QUANDO TI METTANNO LE MANI ADDOSSO
            - Scritto da: zop

            - Scritto da: The Sanity Assassin

            Bisogna ammetterlo: Zop è una fonte

            incontenibile di ilarità costante... è

            insostituibile!!!

            E poi, senza di me, come fareste per
            sentirvi:

            1) Difensori dell'OpenSource e di Linux
            2) Difensori dei diritti degli utenti
            3) Difensori dei diritti umani
            4) Difensori della lingua italianaè vero, kez... napster girava ESCLUSIVAMENTE su piattaforma linux... BWHUHAHAHA!! :-DDDD
            e, chi pensa che tali punti non siano
            giusti, come farebbe a percepire quanto può
            essere gretto e meschino pensarla nello
            stesso modo che esprimo io ?caspita! questa è quella che si chiama una massima! comunque ti suggerisco una proposta: basta ascoltare qualcuno che abbia un F.S.R. (Fooliness -to- Sentence Ratio) minore del tuo...
            Saluti a tutti
            zopave, cesare! :-)DarKStaR
    • Anonimo scrive:
      Re: NON CI METTERANNO PIU' LE MANI ADDOSSO
      - Scritto da: nike
      Mi fa ridere tutto sto clamore per la morte
      di napster...giornali telegiornali e dopo un
      anno
      ho smesso di dare i soldi a
      BlockBuster!(evviva)
      mi pago fastweb e mi scarico tutto, ma
      proprio tutto. Il Capitalismo è un
      ladrocinio legalizzato
      e questi sporchi lestofanti incravattati e
      superbi
      si dovranno arrendere alla potenza del
      numero enorme di utenti di Internet e dello
      sharing...e per estirparlo
      stavolta...dovranno staccare i fili
      sottocasa a tutti! ;DDD Mannò tesoruccio... cambieranno mestiere, faranno cose diverse che non puoi copiare... e alla sera guarderai il tuo bel monitor vuoto e ascolterai lo splendido ronzio delle zanzare.. chikatz dovrebbe lavorare gratis?Certo, riscoprirai il piacere di perdere del gran tempo andando ai concerti dal vivo senza sapere cosa suonano esattamente... che splendida sorpresa! E poi che goduria spendere di più per i concerti perchè agli artisti non arrivano più soldi dalle case discografiche...Pensa un po', magari entrerai per la prima volta in un teatro... Ma nonnmidire che pagheresti il giusto perchè potendo scroccare non lo faresti lo stesso... scroccheresti eccome. Ti capisco, capisco che tu rubi perchè oltretutto è pure più comodo, ma non fare robin hood, è passato di moda, veste orrendi vestiti verdolini e ormai è quasi cieco e no piglia più niente con quegli stuzzicadenti che si ostina a chiamare frecce... caro il mio anticapitalista da strapazzo di nome nike...Leggi qualche bel libro di tanto in tanto, magari non solo quelli che trovi gratis...
      • Anonimo scrive:
        Re: NON CI METTERANNO PIU' LE MANI ADDOSSO
        - Scritto da: MiXuP
        Mannò tesoruccio... [cut]Se non fosse per il fatto che scrivi leggermente meglio di lui, mi puzzeresti di "Zop riciclato".Sicuro sai di falso moralista.
        • Anonimo scrive:
          Re: NON CI METTERANNO PIU' LE MANI ADDOSSO
          - Scritto da: Jet


          - Scritto da: MiXuP

          Mannò tesoruccio...
          [cut]

          Se non fosse per il fatto che scrivi
          leggermente meglio di lui, mi puzzeresti di
          "Zop riciclato".
          Sicuro sai di falso moralista.Perchè falso? Io SONO moralista, credo occorra una morale. Comunque rilassati, non sono Zop ...Ma ti sconvolge tanto che qualcuno vada controcorrente? Che al mondo non si sia tutti della stessa opinione? A me terrorizza proprio il contrario. Ho fatto le mie indagini, vivoda tutta la vita nel mondo del giornalismo e ho visto milioni di volte leggende diventare realtà... Mai sentito Eco? La storiella dell'albero? Bè, è proprio così (mica te la racconto, ti iscrivi a Bologna, paghi le tue tasse e te la fai raccontare dal vivo che è molto meglio... ;-).Diffido delle crociate, non credo, per dirne una, che i Palestinesi abbiano ragione. Non penso che i cd siano più cari di quanto non lo sia il prosciutto o la pasta. Semplicemente le ultime due cose non le puoi duplicare... Copia se vuoi, questo sta alla tua morale, ma non mi dire che lo fai per una giusta causa, personalmente non mi piace la roba contraffatta, piuttosto mi compro qualcosa che costi meno oppure faccio senza. Una volta si diceva che le privazioni fortificano... mah! Certo non mi pare che questa generazione sia molto abituata al far senza e, se me lo permetti, non mi pare un passo in avanti.Comunque se vuoi scrivimi contraddicimi, parliamone, è per discutere che cazzeggio qui, non per sentirmi liquidare con due parole... un po' poco non credi?Cià
          • Anonimo scrive:
            Re: NON CI METTERANNO PIU' LE MANI ADDOSSO
            non credo, per dirne
            una, che i Palestinesi abbiano ragione. xche??
          • Anonimo scrive:
            Re: NON CI METTERANNO PIU' LE MANI ADDOSSO
            - Scritto da: Quello di prima
            Perchè falso? Io SONO moralista, credo
            occorra una morale. Comunque rilassati, non
            sono Zop ...per fortuna! ;) dal tuo post infatti un po' di più di intelligenza traspare...
            Ma ti sconvolge tanto che qualcuno vada
            controcorrente? Che al mondo non si sia
            tutti della stessa opinione? A me terrorizza
            proprio il contrario. Ho fatto le mie
            indagini, vivoda tutta la vita nel mondo del
            giornalismo e ho visto milioni di volte
            leggende diventare realtà... uhm.... mi sa tanto da slogan... per carità, sicuramente non ho visto e vissuto tutte le esperienze che hai vissuto tu, ma la mia e la tua opinione, se create meditandoci su, sono perfettamente rispettabili. La discussione serve ad affinarle ed a migliorarle, no?Mai sentito
            Eco? La storiella dell'albero? Bè, è proprio
            così (mica te la racconto, ti iscrivi a
            Bologna, paghi le tue tasse e te la fai
            raccontare dal vivo che è molto meglio...
            ;-).uhm... perchè, dato che il sapere dovrebbe essere pubblico, il signor Eco non la pubblica su internet? Socrate non chiede mica i diritti d'autore! neanche i posteri di Mozart!
            Diffido delle crociate, non credo, per dirne
            una, che i Palestinesi abbiano ragione. su questo mi trovi perfettamente d'accordo. Le crociate sono sbagliate. SEMPRE.
            Non
            penso che i cd siano più cari di quanto non
            lo sia il prosciutto o la pasta.
            Semplicemente le ultime due cose non le puoi
            duplicare... è vero, ma non pago un copyright alla mucca per gustarmi il prosciutto. Ora però mi devi spiegate perchè un cd STAMPATO costi circa trenta volte di più di uno masterizzato, dato che i mezzi tecnici per produrlo solo gli stessi; anzi, nel caso del masterizzato è necessario uno strato di materiale in più.. tu mi dirai: paghi non il supporto, ma l'opera dell'ingegno. giusto, ma allora perchè se il cd è relativo ad un album di 6-8 anni fa il suo prezzo si dimezza? a me pare che, ad esempio, i libri mantengano lo stesso valore di copertina nel tempo.
            Copia se vuoi, questo sta alla
            tua morale, ma non mi dire che lo fai per
            una giusta causa, personalmente non mi piace
            la roba contraffatta, piuttosto mi compro
            qualcosa che costi meno oppure faccio senza.Non lo faccio mica perche ho la missione di cambiare il mondo! a volte mi serve un CD masterizzato da cacciare nel lettore della macchina, che quindi anche se si squaglia sia rimpiazzabile.. la cosa che VERAMENTE mi da fastidio sono le pretese esagerate dei discografici e della SIAE! sai quanto va di SOLI diritti d'autore alla SIAE per ogni compenso ricavato dalla vendita di beni sottoposti a copyright? il 50%!! ti pare giusto? la SIAE sponsorizza e promuove gli artisti minori che a malapena riescono a fare un LP? mi pare proprio di no! non mi venire a dire che non è ladrocinio! se lo è, perchè non aboliscono l'istituzione? è forse una lobby, per la quale, de facto, non vale la legge?
            Una volta si diceva che le privazioni
            fortificano... mah! Certo non mi pare che
            questa generazione sia molto abituata al far
            senza e, se me lo permetti, non mi pare un
            passo in avanti.questo è generalizzare, ed alla grande per giunta. Conosco un sacco di persone che non hanno comprato qualcosa per principio o hanno aspettato un'occasione migliore: persone della mia età (25 anni)Ora io non ti dico che faccio bene, anzi! ma non fanno bene alla società neanche tutte queste lobby che speculano su tutti e si servono della legge a modo loro. Napster di per sè non ha violato copyright; sono i suoi utenti che hanno utilizzato il servizio per violare la legge. E allora come fai? persegui legalmente tutti gli utenti?se invece cominciassimo a lavorare su una terza via? e cercassimo di rivedere queste leggi sul copyright eliminando chi ci specula (dall'una e dall'altra parte) in maniera che un giorno si possa andare in un negozio, o acquistare su internet, opere a costo ragionevole per tutti e nel contempo mazzulare chi fa il furbo?
            Comunque se vuoi scrivimi contraddicimi,
            parliamone, è per discutere che cazzeggio
            qui, non per sentirmi liquidare con due
            parole... un po' poco non credi?
            Ciàsempre a tua disposizione! DarKStaR
          • Anonimo scrive:
            Re: NON CI METTERANNO PIU' LE MANI ADDOSSO
            - Scritto da: DarKStaR

            Mai sentito

            Eco? La storiella dell'albero? Bè, è
            proprio

            così (mica te la racconto, ti iscrivi a

            Bologna, paghi le tue tasse e te la fai

            raccontare dal vivo che è molto meglio...

            ;-).

            uhm... perchè, dato che il sapere dovrebbe
            essere pubblico, il signor Eco non la
            pubblica su internet? Socrate non chiede
            mica i diritti d'autore! neanche i posteri
            di Mozart!Ma il sapere dev'essere pubblico come l'assistenza sanitaria, i trasporti, l'istruzione... infatti nessuna di queste cose si paga... ;-))) Dai, è il sistema che ci siamo dati che prevede che sia così, potevamo scegliere il comunismo (in teoria possiamo ancora) ma non l'abbiamo fatto.
            tu mi dirai: paghi non il supporto, ma
            l'opera dell'ingegno. giusto, ma allora
            perchè se il cd è relativo ad un album di
            6-8 anni fa il suo prezzo si dimezza? a me
            pare che, ad esempio, i libri mantengano lo
            stesso valore di copertina nel tempo.Per un semplice motivo (che vale anche per ilibri, vedi le versioni ecomomiche) perché hai già ammortizzato le spese e quello che segue è tutto guadagno, qundi siccome le spese del supporto sono minime, puoi tenere bassi i prezzi.E poi ci sono delle leggi economiche: massimizzi gli incassi all'inizio sulle nuove linee di prodotto e poi quando sono vecchie le vendi a molto meno, accade con tutto, compresi cellulari e pc.
            Non lo faccio mica perche ho la missione di
            cambiare il mondo! a volte mi serve un CD
            masterizzato da cacciare nel lettore della
            macchina, che quindi anche se si squaglia
            sia rimpiazzabile.. la cosa che VERAMENTE mi
            da fastidio sono le pretese esagerate dei
            discografici e della SIAE! sai quanto va di
            SOLI diritti d'autore alla SIAE per ogni
            compenso ricavato dalla vendita di beni
            sottoposti a copyright? il 50%!! ti pare
            giusto? la SIAE sponsorizza e promuove gli
            artisti minori che a malapena riescono a
            fare un LP? mi pare proprio di no! non mi
            venire a dire che non è ladrocinio! se lo è,
            perchè non aboliscono l'istituzione? è forse
            una lobby, per la quale, de facto, non vale
            la legge?Da dove l'hai pigliato il 50%? è molto meno. Ciò non toglie che sia un furto. Però questo è dovuto al fatto che ci sono enti simili in tutto il mondo ma SOLO IN ITALIA, la società degli autori è un ENTE PUBBLICO, come se la federecalcio o la federboccette fossero enti pubblici! Se poi aggiungi che è commissariata da tre anni, che il commissario è stato nominato dal centrosinistra e riconfemato dal centrodestra avendo anche un incarico vicino al berlusca, che ha 5000 dipendenti a roma più le agenzie sul territorio, che è una macchina per fare soldi perchè non ha spese (non produce nulla) ma solo guadagni....La siae fa comodo a molti, come bacino di voti, come riserva di poltrone...


            Una volta si diceva che le privazioni

            fortificano... mah! Certo non mi pare che

            questa generazione sia molto abituata al
            far

            senza e, se me lo permetti, non mi pare un

            passo in avanti.

            questo è generalizzare, ed alla grande per
            giunta. Conosco un sacco di persone che non
            hanno comprato qualcosa per principio o
            hanno aspettato un'occasione migliore:
            persone della mia età (25 anni)Spero solo che tu abbia ragione, io continuo a non vederla rosea, la faccenda.
            Ora io non ti dico che faccio bene, anzi! ma
            non fanno bene alla società neanche tutte
            queste lobby che speculano su tutti e si
            servono della legge a modo loro. Napster di
            per sè non ha violato copyright; sono i suoi
            utenti che hanno utilizzato il servizio per
            violare la legge. E allora come fai?
            persegui legalmente tutti gli utenti?No, però se un mezzo viene utilizzato per commettere illeciti al 99% allora secondo me va bloccato in qualche modo perchè non è più uno strumento neutro.
            se invece cominciassimo a lavorare su una
            terza via? e cercassimo di rivedere queste
            leggi sul copyright eliminando chi ci
            specula (dall'una e dall'altra parte) in
            maniera che un giorno si possa andare in un
            negozio, o acquistare su internet, opere a
            costo ragionevole per tutti e nel contempo
            mazzulare chi fa il furbo?magari, ma tu sai che un sacco di gente, finchè potrà fare la furba lo farà...Ciao
  • Anonimo scrive:
    Una fine giusta e meritata
    Napster era una azienda che aveva fatto dell'illegalità il proprio business.Ben gli stà ! Che si aspettavano ?Mi dispiace solo che gli abbiano fatto solo chiudere invece di metterli tutti quanti in galera con una buona sentenza di associazione a delinquere.Anche se esistono sedicenti sistemi di condivisione file (altri simil-Napster) tra privati, non vi preoccupate ... prima o poi qualcuno verrà a bussare alla vostra porta e chi vi entrerà in casa non sarà precisamente Babbo Natale ... ha! ha! ha! ha! ... mi piacerebbe proprio vedervi pizzicati mentre siete all'opera con il vostro linuzzozzo a scaricare file pirata!Cari pirati hacker, quando iniziate a scaricare o mettete ha dispisizione per altri i frutti dei vostri atti illegali, pensateci bene, ma molto bene e rammentatevi tutte le volte la fine dei vostri amici di Napster!
    • Anonimo scrive:
      Re: Una fine giusta e meritata
      - Scritto da: zop[...]
      Mi dispiace solo che gli abbiano fatto solo
      chiudere invece di metterli tutti quanti in
      galera con una buona sentenza di
      associazione a delinquere.potevi aggiungere anche un bel:E per benito mussolini eja eja alalà.
      Cari pirati hacker, quando iniziate a
      scaricare o mettete ha dispisizione per
      altri i frutti dei vostri atti illegali,
      pensateci bene, ma molto bene e rammentatevi
      tutte le volte la fine dei vostri amici di
      Napster!Pirati Hacker?Cioé, metti sullo stesso piano i pirati informatici e gli Hackers...?Informati *bene* prima di parlare di un mondo che non conosci. ...E la prossima volta controlla bene che il tuo cervello sia ben connesso alla bocca.
      • Anonimo scrive:
        Re: Una fine giusta e meritata
        - Scritto da: Atari 2600
        Pirati Hacker?
        Cioé, metti sullo stesso piano i pirati
        informatici e gli Hackers...?
        Informati *bene* prima di parlare di un
        mondo che non conosci. Certo che li metto sullo stesso piano: i pirati copiano i software bit per bit con i masterizzatori o via internet, mentre gli hacker fanno delle copie identiche copiando ne le funzioni e poi li rendono disponibili ai primi.Poi, entrambi rialasciano gli ignobili frutti del loro lavoro gratis per tutti gli altri in modo che tutti possono scroccare.La differenza principale è che i primi sono più furbi dei secondi perchè si risparmiano un mucchio di faticaCmq, entrambi hanno una moralità a riguardo principamente della proprietà inteletuale piuttosto bassa, è per questo che noi li mettiamo sempre assieme.
        • Anonimo scrive:
          Re: Una fine giusta e meritata
          - Scritto da: zop


          - Scritto da: Atari 2600

          Pirati Hacker?

          Cioé, metti sullo stesso piano i pirati

          informatici e gli Hackers...?

          Informati *bene* prima di parlare di un

          mondo che non conosci.

          Certo che li metto sullo stesso piano: i
          pirati copiano i software bit per bit con i
          masterizzatori o via internet, mentre gli
          hacker fanno delle copie identiche copiando
          ne le funzioni e poi li rendono disponibili
          ai primi.
          Poi, entrambi rialasciano gli ignobili
          frutti del loro lavoro gratis per tutti gli
          altri in modo che tutti possono scroccare.
          La differenza principale è che i primi sono
          più furbi dei secondi perchè si risparmiano
          un mucchio di fatica

          Cmq, entrambi hanno una moralità a riguardo
          principamente della proprietà inteletuale
          piuttosto bassa, è per questo che noi li
          mettiamo sempre assieme.Visto che sei così ricco da far schifo, facciamo un patto: io ricomincio a comprare CD originali se tu mi paghi la differenza tra un prezzo onesto 10-11 ? , e quello attuale 21 ?, per ogni CD acquistato, beninteso. :) ... non vedo l'ora!
        • Anonimo scrive:
          Re: Una fine giusta e meritata
          Noi chi? I paladini del copyright?O sei un troll o non sai di cosa cianci.A proposito, non e` che per caso credi di lavorare nell'industria informatica? Perche` sai, disastri come te ne abbiamo gia` abbastanza tra i piedi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Una fine giusta e meritata
      - Scritto da: zop
      mettete ha dispisizionepietà, non infierite su zop, non vedete che è solo un bambino?La fortuna dei principianti, con questo ti sei beccato a vita la palma di campione mondiale di troll-fu categoria pesi massimi!
    • Anonimo scrive:
      Re: Una fine giusta e meritata
      - Scritto da: zop

      Napster era una azienda che aveva fatto
      dell'illegalità il proprio business.Napster non è un'azienda che ha basato il proprio business sull'illegalità. Ha creato un protocollo di rete ed un software che permetteva lo scambio di file audio compressi con il formato MP3.E' stata poi una scelta degli utenti (peraltro facilmente intuibile) distribuire materiale coperto da diritto d'autore con le ovvie conseguenze.
      Ben gli stà ! Che si aspettavano ?
      Mi dispiace solo che gli abbiano fatto solo
      chiudere invece di metterli tutti quanti in
      galera con una buona sentenza di
      associazione a delinquere.Creare un protocollo ed un software per la trasmissione di file (audio) non è reato così come basare fondare una società basata sullo sviluppo e sulla gestione di server legati al software Napster.Il problema di fondo è che quando era palese che il network veniva usato per scambiarsi materiali protetti da diritti occorreva prendere misure repressive.

      Anche se esistono sedicenti sistemi di
      condivisione file (altri simil-Napster) tra
      privati, non vi preoccupate ... prima o poi
      qualcuno verrà a bussare alla vostra porta eDubito poichè per uno che chiudi, altri riaprono. Metti in conto inoltre che i server sono situati in stati differenti con legislazioni differenti, non contando che in alcuni stati dove si trovano i server opennap la legislazione sul diritto d'autore è blanda se non inesistente.
      chi vi entrerà in casa non sarà precisamente
      Babbo Natale ... ha! ha! ha! ha! ... mi
      piacerebbe proprio vedervi pizzicati mentre
      siete all'opera con il vostro linuzzozzo a
      scaricare file pirata!Mi domando cosa c'entri Linux. La tua tesi (tra le righe) Linux = pirata non regge. Non stò neanche a fare propaganda tanto chi è obiettivo sa valutare pro e contro di questo S.O.

      Cari pirati hacker, quando iniziate a
      scaricare o mettete ha dispisizione per
      altri i frutti dei vostri atti illegali,
      pensateci bene, ma molto bene e rammentatevi
      tutte le volte la fine dei vostri amici di
      Napster!Il problema fondamentale è: perchè uno scarica materiale coperto da diritto d'autore illegalmente?Risposta:1) perchè è tirchio e sa che spenderà indubbiamente meno rispetto all'acquisto del CD;2) perchè i prezzi al consumo dei CD sono troppo alti;3) altri motivi (ascoltare un brano per convicersi all'acquisto per esempio).Nel caso 1 è ovvio che non ci sono soluzioni.Nel secondo caso invece la colpa è delle majors e degli stati.Delle majors poichè anzichè guadagnare sui prodotti offerti fanno pura speculazione. Degli stati poichè non impongono (ad esempio con i prezzi controllati anche per CD) politiche dei prezzi che garantiscano sì il libero mercato ma che tutelino il consumatore e che tengano conto di fattori come l'inflazione e i redditi medi delle persone.
      • Anonimo scrive:
        Re: Una fine giusta e meritata
        - Scritto da: EviL
        Napster non è un'azienda che ha basato il
        proprio business sull'illegalità. Ha creato
        un protocollo di rete ed un software che
        permetteva lo scambio di file audio
        compressi con il formato MP3.
        E' stata poi una scelta degli utenti
        (peraltro facilmente intuibile) distribuire
        materiale coperto da diritto d'autore con le
        ovvie conseguenze.Disinformatello eh? No mio caro, era proprio una azienda (infatti è fallita) con oltre 100 dipendenti. E non ha creato solo il protocollo... ha anche messo a disposizione un bel popo' di server centralizzati per gli utenti. E c'erano un bel po' di venture capitalist dietro che hanno investito miliardi, non per beneficienza, ma perchè si aspettavano un ritorno economico. Informati animabella...

        Il problema fondamentale è: perchè uno
        scarica materiale coperto da diritto
        d'autore illegalmente?

        Risposta:
        1) perchè è tirchio e sa che spenderà
        indubbiamente meno rispetto all'acquisto del
        CD;
        2) perchè i prezzi al consumo dei CD sono
        troppo alti;
        3) altri motivi (ascoltare un brano per
        convicersi all'acquisto per esempio).

        Nel caso 1 è ovvio che non ci sono soluzioni.
        Nel secondo caso invece la colpa è delle
        majors e degli stati.
        Delle majors poichè anzichè guadagnare sui
        prodotti offerti fanno pura speculazione.
        Degli stati poichè non impongono (ad esempio
        con i prezzi controllati anche per CD)
        politiche dei prezzi che garantiscano sì il
        libero mercato ma che tutelino il
        consumatore e che tengano conto di fattori
        come l'inflazione e i redditi medi delle
        persone.Secondo me è più per il primo che per il secondo. Guarda un po' quanto spendono gli italiani per i telefonini... mentre sai quanti cd si comprano nel nostro bel paese all'anno procapite (=a testa, lo traduco per i picchiatelli che non sanno l'italiano e sono in parecchi qui): 0,7.Un biglietto del tram a Milano costa 1 euro... il cine 7 e durano entrambi molto meno di un cd, alla fin fine tra promozioni e offerte non mi pare che il prezzo sia così sconvolgente. Insisto, si tratta di scrocco bello e buono, ok, va bene, però lasciate stare l'ipocrisia della crociata per la libertà che è rivoltante...
    • Anonimo scrive:
      Re: Una fine giusta e meritata
      a) Che c'entra linux con lo scaricamento dei file piratab) Sei un finto moralista: scommetto che tu hai solo ed esclusivamente software adeguatamente licenziato e che sicuramente non hai mai sentito un mp3, ne tantomeno sentito un cd audio non originale, ne visto mai un filmato porno, ne mai visto un qualcosa su un decoder taroccato. Dovresti essere fatto santo.c) Non possono agire cotro nessuno per vie legali, se non se questi agisce per scopi di lucro (leggasi evasione fiscale). Altrimenti dovrebbeo carcerare il 99.9% della popolazione mondiale.Ovviamente lo 0.1% sei te che sei assolutamente candido e innocente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Una fine giusta e meritata
      - Scritto da: zop

      Napster era una azienda che aveva fatto
      dell'illegalità il proprio business.
      Ben gli stà ! Che si aspettavano ?Un po' come tu hai fatto dell'odio per l'ortografia e la sintassi la tua ragione di vita..Ciao, RoncibaldoP.S. Ti svelo un segreto: sta si scrive senza accento
    • Anonimo scrive:
      Re: Una fine giusta e meritata

      siete all'opera con il vostro linuzzozzo a
      scaricare file pirata!se uno si sente pirata nel sangue non userà mai un sitema gratuito ma ne copia uno commerciale!
      Cari pirati hacker, quando iniziate a
      scaricare o mettete ha dispisizione per
      altri i frutti dei vostri atti illegali,un hacker non è un kracker, forse ti riferisci a questi... il termine hacker identifica chi mette mano a un sistema per migliorarlo, implementare nuove funzioni et similia, poi sei i giornalisti lo usano in modo improprio affaracci loro!
      pensateci bene, ma molto bene e rammentatevi
      tutte le volte la fine dei vostri amici di
      Napster!che sono diventati ricchissimi vendendo Napster alle Major che lo hanno poi fatto morire lentamente per non farsi troppa cattiva pubblicità tutta in una volta! Senza tra l'altro cavare un ragno dal buco, in quanto Napster era solo la punta dell'iceberg!
      • Anonimo scrive:
        Re: Una fine giusta e meritata


        Cari pirati hacker, quando iniziate a

        scaricare o mettete ha dispisizione per

        altri i frutti dei vostri atti illegali,

        un hacker non è un kracker, forse ti
        riferisci a questi... il termine hacker
        identifica chi mette mano a un sistema per
        migliorarlo, implementare nuove funzioni et
        similia, poi sei i giornalisti lo usano in
        modo improprio affaracci loro!GIUSTO, infatti sarebbe come paragonare un meccanico (che ti mette a punto o elabora il motore) con un ladro d'auto che entra e ti deruba!
    • Anonimo scrive:
      Re: Una fine giusta e meritata
      - Scritto da: zop
      Cari pirati hacker, quando iniziate a
      scaricare o mettete ha dispisizione per
      altri i frutti dei vostri atti illegali,
      pensateci bene, ma molto bene e rammentatevi
      tutte le volte la fine dei vostri amici di
      Napster!Taci!...tu e la galera.
    • Anonimo scrive:
      Chi va con lo Zop ...
      ... impara a trolleggiare.Ignorate i trolls per favore.
    • Anonimo scrive:
      Re: Una fine giusta e meritata
      Indipendentemente da ciò che si può pensare su Napster... che Ca§§o centrano Linux e gli Hacker? Pensa che tutte le persone che conosco che facevano uso di Napster, usavano solo Windows!!! Ci tengo a precisare, comunque, che non sono un crociato del pinguino, lo uso sì, ma uso anche Windows...
    • Anonimo scrive:
      Re: Una fine giusta e meritata
      vedo che il tuo troll-fu migliora giorno dopo giorno.Questa sera rifletti sul koan seguente:(Premise: Tom Knight was one of the Lisp machine's principal designers)A novice was trying to fix a broken Lisp machine by turning the power off and on.Knight, seeing what the student was doing, spoke sternly: "You cannot fix a machine by just power-cycling it with no understanding of what is going wrong."Knight turned the machine off and on.The machine worked.il Conte
    • Anonimo scrive:
      Re: Una fine giusta e meritata
      - Scritto da: zop
      Cari pirati hacker, quando iniziate a
      scaricare o mettete ha dispisizione perIdio7a impara a scrivere in Italiano.Al resto non rispondo neanche...
    • Anonimo scrive:
      Re: [T R O L L] NON DATEGLI RETTA
      come da topic.. torna dalla mamma bamboccio
    • Anonimo scrive:
      Re: Una fine giusta e meritata
      - Scritto da: zop

      Napster era una azienda che aveva fatto
      dell'illegalità il proprio business.
      Ben gli stà ! Che si aspettavano ?
      Mi dispiace solo che gli abbiano fatto solo
      chiudere invece di metterli tutti quanti in
      galera con una buona sentenza di
      associazione a delinquere.

      Anche se esistono sedicenti sistemi di
      condivisione file (altri simil-Napster) tra
      privati, non vi preoccupate ... prima o poi
      qualcuno verrà a bussare alla vostra porta e
      chi vi entrerà in casa non sarà precisamente
      Babbo Natale ... ha! ha! ha! ha! ... mi
      piacerebbe proprio vedervi pizzicati mentre
      siete all'opera con il vostro linuzzozzo a
      scaricare file pirata!

      Cari pirati hacker, quando iniziate a
      scaricare o mettete ha dispisizione per
      altri i frutti dei vostri atti illegali,
      pensateci bene, ma molto bene e rammentatevi
      tutte le volte la fine dei vostri amici di
      Napster!Mi chiedo perchè nessuno ti abbia ancora madato a cagare...
      • Anonimo scrive:
        Re: Una fine giusta e meritata

        Mi chiedo perchè nessuno ti abbia ancora
        madato a cagare...buona educazione ???? almeno a volte...;-)
  • Anonimo scrive:
    Riflessioni
    Ciao a Tutti,Io credo che fino a quando le case discografiche continueranno a commercializzare prodotti SCADENTI, il fenomeno "pirateria" esistera'La musica e' cultura e la cultuna non puo' avere prezzo, in tutti i sensi. Quando acquisto musica del calibro di Miles Davis, Jaco Pastorius, ma anche Genesis, Hendrix o Led Zeppelin, il prezzo ha un peso "marginale" rispetto l'importanza di quello che si compra. Sono un po' come i libri di scuola.Non si puo' pensare pero' che si spendano le stesse cifre per i vari "www" o "dammi tre parole".Per me il vero problema e' la qualita' di quello che producono e che poi PENSANO, o meglio, esigono che acquistiamo, con massacranti heavy rotation su tutte le radio, apparizioni televisive etc etc.CiaoStefano
    • Anonimo scrive:
      Re: Riflessioni
      Ricordiamoci che la musica è "Cultura" e la Cultura in un mondo civile deve essere alla portata di tutti, anche per chi non ha mezzi economici! Un Napster che chiude = 10 nuovi che aprono. Internet permette a tutti di accedere alla musica che, a pagamento, sarebbe sconosciuta ai più. Poi perchè bisogna acquistare senza conoscere? Probabilmente il calo delle vendite riguarda la musica modaiola e non quella di qualità.
      • Anonimo scrive:
        Re: Riflessioni
        Internet è relativamente alla portata di tutti. Mi spiego: devi avere un PC, un modem, e una linea telefonica (come minimo). Quindi se non hai 20 ? per un CD, come puoi avere i soldi per la suddetta tecnologia??? Il discorso di Napster come mezzo per rendere la cultura musicale accessibile a tutti non regge.
        • Anonimo scrive:
          Re: Riflessioni
          - Scritto da: The Sanity Assassin
          Internet è relativamente alla portata di
          tutti. Mi spiego: devi avere un PC, un
          modem, e una linea telefonica (come minimo).
          Quindi se non hai 20 ? per un CD, come puoi
          avere i soldi per la suddetta tecnologia???beh con calma....un PC completo costa mettiamo anche 2000 eurima tra CD (20), DVD (30?), giochi (50)e programmi (anche 500 euro a botta)non ti preoccupare che l'investimento ti torna..ma non in 1 anno....in 1 settimana.eh!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Riflessioni
            ...appunto, con calma.Stavamo parlando di musica: in questo caso, basterebbe non avere la bolletta della Telecom e i CD musicali non solo te li paghi, ma te ne avanzano pure...Sinceramente non ho capito il riferimento a DVD, giochi e programmi: mica li scarichi tutti da Napster? o mi sbaglio?
        • Anonimo scrive:
          Re: Riflessioni
          UN pc costa 1200 euro i cd 20 euro ma io compro un pc ogni 4 anni ..di cd se mi piace la musica vuoi che non me ne compri almeno un paio il mese ? quindi: 2 cd al mese = 40 euro per 48 mesi 1920 euro senza contare che il pc lo uso per navigare in internet.. lavorare.. e un milione di altre cose.. il tuo ragionamento fa acqua da tutte le parti tsk tsk
    • Anonimo scrive:
      Re: Riflessioni
      No.non sei tu che decidi che Jaco pastorius, miles davis o similia siano la musica "giusta". Se qualcuno (non so chi possa essere, ma e' sicuro che ci sia) prova gli stessi brividi su "dammi 3 parole" che tu hai su un pezzo di Metheny...non varra' 20 euro per lui?- Scritto da: stepane
      Ciao a Tutti,
      Io credo che fino a quando le case
      discografiche continueranno a
      commercializzare prodotti SCADENTI, il
      fenomeno "pirateria" esistera'
      La musica e' cultura e la cultuna non puo'
      avere prezzo, in tutti i sensi. Quando
      acquisto musica del calibro di Miles Davis,
      Jaco Pastorius, ma anche Genesis, Hendrix o
      Led Zeppelin, il prezzo ha un peso
      "marginale" rispetto l'importanza di quello
      che si compra. Sono un po' come i libri di
      scuola.
      Non si puo' pensare pero' che si spendano le
      stesse cifre per i vari "www" o "dammi tre
      parole".
      Per me il vero problema e' la qualita' di
      quello che producono e che poi PENSANO, o
      meglio, esigono che acquistiamo, con
      massacranti heavy rotation su tutte le
      radio, apparizioni televisive etc etc.

      Ciao
      Stefano
  • Anonimo scrive:
    E di cosa ci stupiamo ? Dell'uovo di Colombo ?
    Cosa ci si aspetta ?? Che l'utente paghi napster quando puoi puo' tranquillamente scaricare (ora anche DIVX interi) dai vari Kazaa, winmx, direct connect etc etc etc ?? ...e poi di quale vittoria si parla ???? Vittoria sara' quando tutto il mondo del file sharing sara' in ginocchio e no un vecchio colosso traballante con una fine gia' preannunciata !!! E per quanto ne so'...la vedo mooooolto difficile ;))) Buon download a tutti !!
  • Anonimo scrive:
    bello l'ultimo WinMX... : )
    ehmmmm... oopps! ;)RIAAAAaaaaaaaaaaaaaaaaaaa:PPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPP
    • Anonimo scrive:
      Re: bello l'ultimo WinMX... : )
      - Scritto da: buatt
      ehmmmm... oopps! ;)
      RIAAAAaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

      :PPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPP bello una sega.. sono 24 ore esatte che l'ho installato e ho dato fuori + di un GB di roba.. e non sono riuscito a scaricare + di 40 mega.. 4 ore di coda.. inizia il download e dopo 5 minuti il tipo mi sconnette.. wow.. bella stronzata il fatto che chi sta dall'altra parte puo' decidere chi e come scarica. Meglio audiogalaxy dove questo non lo puoi fare e le possibilità (di conseguenza) di scaricare qualcosa sono assai + alte. peccato che funziona solo con gli mp3.
  • Anonimo scrive:
    Ovvio
    Un sistema illegale non ha alcun diritto di esistere, altrimenti dove arriveremmo? E non parlo solo della musica in Internet. Bisogna combattere tutti i reati e Napster invece di combatterli li ha commessi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ovvio
      - Scritto da: cop
      Un sistema illegale non ha alcun diritto di
      esistere, altrimenti dove arriveremmo? E non
      parlo solo della musica in Internet. Bisogna
      combattere tutti i reati e Napster invece di
      combatterli li ha commessi.Per la prima volta è stato punito il mezzo anziche' la persona.E' come se io ti prendessi a bastonate e poi accusassero il produttore del bastone.Questo è il sistema americano ... se hai i soldi puoi fare tutto quello che vuoi.Ciao Matteo
    • Anonimo scrive:
      Re: Ovvio
      - Scritto da: cop
      Un sistema illegale non ha alcun diritto di
      esistere, altrimenti dove arriveremmo? E non
      parlo solo della musica in Internet. Bisogna
      combattere tutti i reati e Napster invece di
      combatterli li ha commessi.E chi sorveglia sulla qualita' di quello che viene distribuito dalle majors ? Ci sono interi album di paccottiglia inutile, pubblicizzati a suon di videoclip.Chi garantisce l'utenza ? Perche' non esiste la clausola "soddisfatto o rimborsato" sull'acquisto della musica ? Napster va visto come un'esperimento per sfidare lo strapotere delle majors. Certo all'inizio era solo uno strumento per agevolare lo scambio di mp3, una cosa banale. Ma vista la sua diffusione e' diventato questo simbolo che e'(era).Ed e' stato attaccato dalle majors non incrementando la qualita' e diminuendo il prezzo dei prodotti, come sarebbe piu' logico fare... invece e' stato attaccato e distrutto a suon di carta bollata.La rete si e' adeguata, perche' e' un mutaforma. Ora non c'e' piu' nessuno che possa essere attaccato bloccando la condivisione. Puoi distruggere delle cellule, ma l'organismo rimane e si ripara i danni.Se le majors vogliono sopravvivere e' meglio che si diano da fare, altrimenti si passera' probabilmente a consorzi di artisti che salteranno i grossi intermediari e venderanno direttamente al pubblico, creandosi le loro etichette.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ovvio
      Beh, il confine tra "illegale" e "giusto" non e' sempre cosi' definito, anzi, spesso la legalita' non e' altro che rendere giusto qualcosa che fondamentalmente non lo e', come vendere cd a 20 euro.Napster ha iniziato qualcosa che nessuno riuscira' a fermare, tantomeno le majors con i loro miliardi e il loro strapotere, poiche' la musica e' comunicazione, vita e nessuno puo' ingabbiarla.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Se non c'era lui
    Oggi non ci sarebbero tutti gli altri
    • Anonimo scrive:
      Re: Se non c'era lui
      - Scritto da: nilix
      Oggi non ci sarebbero tutti gli altriNo, se non "c'era lui" ce ne sarebbe stato UN ALTRO, e poi tutti gli altri.
  • Anonimo scrive:
    sto piangendo. davvero.
    si e non solo io.
  • Anonimo scrive:
    Come cambia la rete: Dal Gratis allo sharing
    Lotta inutile, a fronte della crisi del gratis, internet sta sempre di più diventando la rete dello sharing (siti, ftp, board, p2p ecc. ecc.)Fermare tutto e tutti è come credere a 40 anni che babbo natale esiste sul serio...Internet fortunatamente è uno strumento che va oltre il potere di chi può, perchè è libero e senza limiti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Come cambia la rete: Dal Gratis allo sharing
      - Scritto da: quante risate!
      serio...Internet fortunatamente è uno
      strumento che va oltre il potere di chi può,
      perchè è libero e senza limiti.Sì, finchè il potere non riuscirà a controllare i provider, e temo che prima o poi ci riuscirà...
  • Anonimo scrive:
    Kazaa, Verizon propose to pay artists directly
    http://www.usatoday.com/life/cyber/tech/2002/05/14/music-kazaa.htm
  • Anonimo scrive:
    MI SGANASSERO DAL RIDERE AL CROLLO DELLE MAJORS
    e visiterò i cessi che puliranno i loro dipendenti per mangiare la pagnotta.La guerra è lunga.
  • Anonimo scrive:
    un minuto di silenzio
    Un minuto di silenzio per onorare il primo servizio a livello globale di sharing.......Il Re è morto! Viva il Re!
  • Anonimo scrive:
    www.napster.com irraggiungibile now
    :-(in questo momento non riesco a raggiungerlache tristezza! :-(TUTTI SU WINMX E AUDIOGALAXY CASPITERINAAAAAAAAAa
    • Anonimo scrive:
      Re: www.napster.com irraggiungibile now
      C:\
      nslookup www.napster.comServer: dns.fsnhome.itAddress: 10.0.0.101DNS request timed out. timeout was 2 seconds.DNS request timed out. timeout was 2 seconds.*** Tempo scaduto per la richiesta a dns.fsnhome.itC:\
      :(Napster ha fatto praticamente la storia dell'MP3-Sharing ..... :|Mi spiace, per fortuna restano ancora parecchie alternative :
      E resteranno sempre..
      • Anonimo scrive:
        Re: www.napster.com irraggiungibile now
        come diceva qualcuno... potete anche prenderne uno, ma non potete certo fermarci tutti...Sp|zZy
Chiudi i commenti