Athlon XP spara contro i 2 GHz di Intel

AMD rilascia un nuovo modello di Athlon XP, il 1900+, con cui sfida i 2 GHz del Pentium 4 e si prepara alla grande battaglia natalizia


Sunnyvale (USA) – A quasi un mese dal debutto della famiglia di Athlon eXtraPerformance, per gli amici XP, AMD sfodera un nuovo modello, il 1900+, con cui spera di andare a battagliare da vicino con il Pentium 4 a 2 GHz.

Il rilascio di questa nuova CPU, insieme al taglio dei prezzi operato poche settimane fa da entrambi i chipmaker, renderà il mercato natalizio dei PC ancora più interessante, questo anche alla luce dell’inarrestabile crollo dei prezzi delle memorie DRAM .

Il nuovo Athlon XP 1900+, che secondo il nuovo schema di denominazione delle CPU di AMD dovrebbe offrire prestazioni pari o superiori a quelle di un Athlon Thunderbird a 1,9 GHz, opera ad una frequenza di clock di 1,6 GHz e, come i membri della sua stessa famiglia, può contare su di un quantitativo di cache pari a 384 KB.

The Inquirer riporta come alcuni ingegneri Intel sostengono che il nuovo Athlon 1900+ adotterebbe già una tecnologia di fabbricazione a 0,13 micron, un fattore che a loro dire starebbe a significare che AMD “si sta mangiando il proprio futuro”. Anna Carzana, portavoce di AMD, ha però smentito queste voci dichiarando a Punto Informatico che, fino a che non sarà notificato un cambio di tecnologia, gli Athlon XP verranno prodotti a 0.18 micron.

Dal canto suo, il chipmaker di Sunnyvale afferma che grazie alla nuova architettura battezzata “QuantiSpeed”, i nuovi Athlon XP sono in grado di offrire prestazioni fino al 25% superiori, rispetto a quelle delle CPU concorrenti, in campi quali i media digitali, la produttività d’ufficio ed i giochi 3D.

MicronPC, Compaq e HP saranno fra i primi produttori di PC ad offrire sistemi basati sul nuovo Athlon XP 1900+. Il processore è già disponibile sul mercato ad un prezzo di 269$ per ordini di 1.000 unità.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Dottori in M$ - LEX
    Come ho già più volte espresso...A quando la figura del Dottore in Legge M$oftper evitare di posare i piedi dal letto e già sentirsi fuorilegge?Ma ci rendiamo conto dell'arroganza di questibip bip?
  • Anonimo scrive:
    Microsoft?? PRRRR!! Senti chi parla...
    Cara Microsoft,sono molto contento dei tuoi consigli in merito alla questione "Pirateria", ma vorrei farti notare una cosa... Tu vendi un prodotto chiamato Windows XP che, in versione Home/Full/Retail, costa piu' di 600.000lire... mi spieghi una cosa? Io che sono studente che studia e che deve prendersi una laura, come cavolo me lo compro? Mi devo vendere? Per non parlare della licenza EDUcational (da non confondere con la licenza studente e che comprende SOLO l'aggiornamento, non la Full) destinata a un pubblico composto da studenti, professori, militari che, per la cronaca, COSTA BEN 20MILA LIRE IN MENO DELLA RETAIL! Non c'e' che dire, un GRANDE SCONTO per un GRANDE PACCO! Ovviamente, nella licenza studente (non la precedente), non sono inclusi i prodotti completi ma soltanto gli aggiornamenti a Windows 2000Pro o a WindowsME... Complimenti Microsoft, hai un software di bassissima qualita', ma, per quanto riguarda strategie di marketing, SEI LA NUMERO UNO AL MONDO! Prima applichi sistemi antipirateria quasi inesistenti per far dilagare i tuoi prodotti e farli diventare gli "Standard" de facto, poi, quando il mercato (sia il legale, sia l'illegale) e' saturo, cominci a svegliarti dal sonno... Microsoft, amica mia, perche' non abassi i prezzi? La pirateria per i tuoi software diminuirebbe dell'80%... Io, speriamo che me la cavo...
  • Anonimo scrive:
    la microsoft "favorisce" la pirateria
    raga, ma perche' la microsoft non studia qualche metodo di protezione dei cd?? voglio dire, copiare un cd microsoft non ci vuole nulla, non come alcuni giochi o alcuni vcd, voglio dire, la microsoft deve la diffusione del suo sistema operativo, oltre alla pubblicita', al fatto che si copia tranquillamente, senza problemi, come per la playstation, si e' tanta diffusa perche' si trovavano un sacco di giochi copiati, e' cosi'bau
    • Anonimo scrive:
      Re: la microsoft
      La piarateria esiste da sempre e continuerà ad esistere....così come tutte le incongruenze che distinguono il nostro gran "Bel Paese"..!!!- Scritto da: Gecco
      raga, ma perche' la microsoft non studia
      qualche metodo di protezione dei cd?? voglio
      dire, copiare un cd microsoft non ci vuole
      nulla, non come alcuni giochi o alcuni vcd,
      voglio dire, la microsoft deve la diffusione
      del suo sistema operativo, oltre alla
      pubblicita', al fatto che si copia
      tranquillamente, senza problemi, come per la
      playstation, si e' tanta diffusa perche' si
      trovavano un sacco di giochi copiati, e'
      cosi'

      bau
      • Anonimo scrive:
        Re: la microsoft
        - Scritto da: lullaby

        La piarateria esiste da sempre e continuerà
        ad esistere....così come tutte le
        incongruenze che distinguono il nostro gran
        "Bel Paese"..!!!Ciao Lullaby.Facciamoli fuori questi leccaculi di PRETORIANI!!!Come sai i "White Hat" sono e saranno sempre di una noia mortale.Alien
        - Scritto da: Gecco

        raga, ma perche' la microsoft non studia

        qualche metodo di protezione dei cd??
        voglio

        dire, copiare un cd microsoft non ci
        vuole

        nulla, non come alcuni giochi o alcuni
        vcd,

        voglio dire, la microsoft deve la
        diffusione

        del suo sistema operativo, oltre alla

        pubblicita', al fatto che si copia

        tranquillamente, senza problemi, come per
        la

        playstation, si e' tanta diffusa perche'
        si

        trovavano un sacco di giochi copiati, e'

        cosi'



        bau
        • Anonimo scrive:
          Re: la microsoft
          - Scritto da: Alien


          - Scritto da: lullaby



          La piarateria esiste da sempre e
          continuerà

          ad esistere....così come tutte le

          incongruenze che distinguono il nostro
          gran

          "Bel Paese"..!!!

          Ciao Lullaby.
          Facciamoli fuori questi leccaculi di
          PRETORIANI!!!

          Come sai i "White Hat" sono e saranno sempre
          di una noia mortale.
          Alien



          Già!! meglio i Black Hat??
  • Anonimo scrive:
    IL COMPUTER SI E' DIFFUSO GRAZIE ALLA PIRATERIA
    Il software della Microsoft costa molto più dell'Hardware che lo fa girare. Se costasse meno la gente lo comprerebbe, ma chi, dico chi può comprare un OFFICE a L. 1.200.000 oppure WINDOWS XP a L. 450.000 dico ma siamo pazzi!Chi può affermare con certezza che senza la pirateria, la diffusione del PC sarebbe stata così massiccia? Non è lo studente o il ragazzino o il padre di famiglia che copiando il software danneggia BILL Gates.
    • Anonimo scrive:
      Re: IL COMPUTER SI E' DIFFUSO GRAZIE ALLA PIRATERIA
      Io ti dò ragione, sono studentessa, figlia di padre di famiglia, non più ragazzina....
    • Anonimo scrive:
      Re: IL COMPUTER SI E' DIFFUSO GRAZIE ALLA PIRATERIA
      - Scritto da: la bocca della verità
      Il software della Microsoft costa molto più
      dell'Hardware che lo fa girare. Se costasse
      meno la gente lo comprerebbe, ma chi, dico
      chi può comprare un OFFICE a L. 1.200.000ma lo sai che c'è STAR5 che fa le stesse cose pressochè gratis?
      oppure WINDOWS XP a L. 450.000 dico ma siamo
      pazzi!C'è LINUX-MANDRAKE 8.1
      • Anonimo scrive:
        Re: IL COMPUTER SI E' DIFFUSO GRAZIE ALLA PIRATERIA
        Il problema è che per usare linux è necessario essere molto preparati, qualunque idiota potrebbe imparare ad usare Windows (da utente) in poche ore, MS si arricchisce sull'ingoranza del popolo
        • Anonimo scrive:
          Re: IL COMPUTER SI E' DIFFUSO GRAZIE ALLA PIRATERIA
          - Scritto da: Bluedeath
          Il problema è che per usare linux è
          necessario essere molto preparati, qualunque
          idiota potrebbe imparare ad usare Windows
          (da utente) in poche ore, MS si arricchisce
          sull'ingoranza del popolo Vero..Io non c'entro niente con l'informatica e i pc, ma sono abilissima nell'usare windows (che rappresenta saper usare il pc per motli utenti come me)Beh! Bill Gates non è uno stupido!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: IL COMPUTER SI E' DIFFUSO GRAZIE ALLA PIRATERIA
          - Scritto da: Bluedeath
          Il problema è che per usare linux è
          necessario essere molto preparati, qualunque
          idiota potrebbe imparare ad usare Windows
          (da utente) in poche ore, MS si arricchisce
          sull'ingoranza del popoloErrato. Si arricchisce portando l'informatica accessibile a tutti. Il che non vuol dire accessibile agli inetti, ma accessibile a tutti. A coloro che non sono programmatori o sistemisti e che fanno altro nella vita come medici, impiegati, bancari ecc. E se questo ha permesso a MS di arricchirsi ha anche permesso a moltissimi di beneficiare dell'utilizzo di computer.
          • Anonimo scrive:
            Re: IL COMPUTER SI E' DIFFUSO GRAZIE ALLA PIRATERIA
            - Scritto da: NetDruid
            - Scritto da: Bluedeath

            Il problema è che per usare linux è

            necessario essere molto preparati,

            qualunque idiota potrebbe imparare ad usare

            Windows (da utente) in poche ore, MS si

            arricchisce sull'ingoranza del popolo
            Errato. Si arricchisce portando
            l'informatica accessibile a tutti. Il che
            non vuol dire accessibile agli inetti, ma
            accessibile a tutti. Quindi anche agli inetti: e quelli che inetti non sono, pultroppo, difficilmente si sentono stimolati ad andare al di la del loro naso.
            E se questo ha permesso a MS di arricchirsi
            ha anche permesso a moltissimi di
            beneficiare dell'utilizzo di computer.Gia', peccato solo che i computer non fossero pronti per questo: Win non lo e' a tecnico, linux non lo e' a livello di usabilita'. Personallmente spero che la PS2 o la X-Box migliorino un po' la cosa.
      • Anonimo scrive:
        Re: IL COMPUTER SI E' DIFFUSO GRAZIE ALLA PIRATERIA
        - Scritto da: alien


        - Scritto da: la bocca della verità

        Il software della Microsoft costa molto
        più

        dell'Hardware che lo fa girare. Se
        costasse

        meno la gente lo comprerebbe, ma chi, dico

        chi può comprare un OFFICE a L. 1.200.000

        ma lo sai che c'è STAR5 che fa le stesse
        cose pressochè gratis?
        Caro il mio saputone spaziale prova a fare stampa unione col tuo Star5 tanto per fare un esempio...

        oppure WINDOWS XP a L. 450.000 dico ma
        siamo

        pazzi!

        C'è LINUX-MANDRAKE 8.1Si e pure QNX che è di 1000 volte meglio del tuo sifilitico MANDRAKE ma resta un ma....la persona che scrive sappia che occorrono conoscenze tecnice appropiate per utilizzare correttamente gli SO citati, mentre Win lo imparerà immediatamente.
        • Anonimo scrive:
          Re: IL COMPUTER SI E' DIFFUSO GRAZIE ALLA PIRATERIA
          - Scritto da: NetDruid
          Caro il mio saputone spaziale prova a fare
          stampa unione col tuo Star5 tanto per fare
          un esempio...La citi sempre come esempio ma non hai mai spiegato perchè.Che cos'ha la stampa unione di SOffice, che non va?(non ne ho mai avuto bisogno, quindi non ci ho mai provato)
          • Anonimo scrive:
            Re: IL COMPUTER SI E' DIFFUSO GRAZIE ALLA PIRATERIA
            - Scritto da: SiN


            - Scritto da: NetDruid

            Caro il mio saputone spaziale prova a fare

            stampa unione col tuo Star5 tanto per fare

            un esempio...


            La citi sempre come esempio ma non hai mai
            spiegato perchè.

            Che cos'ha la stampa unione di SOffice, che
            non va?

            (non ne ho mai avuto bisogno, quindi non ci
            ho mai provato)
            Semplicemente non c'è.
          • Anonimo scrive:
            Re: IL COMPUTER SI E' DIFFUSO GRAZIE ALLA PIRATERIA
            - Scritto da: NetDruid

            Che cos'ha la stampa unione di SOffice,
            che

            non va?



            (non ne ho mai avuto bisogno, quindi non
            ci

            ho mai provato)


            Semplicemente non c'è. non c'...ROTFLASC!!!!!!!!!!!!!!Il fatto che non si chiami "stampa unione" non vuol dire che non ci sia!provato a cercare sotto "stampa in serie" ?ROTFLscusate, non riesco a smettere... ...e io che pensavo a chissà quali problemi avesse...
          • Anonimo scrive:
            Re: IL COMPUTER SI E' DIFFUSO GRAZIE ALLA PIRATERIA
            - Scritto da: SiN


            - Scritto da: NetDruid


            Che cos'ha la stampa unione di SOffice,

            che


            non va?





            (non ne ho mai avuto bisogno, quindi
            non

            ci


            ho mai provato)




            Semplicemente non c'è.

            non c'...
            ROTFLASC!!!!!!!!!!!!!!

            Il fatto che non si chiami "stampa unione"
            non vuol dire che non ci sia!

            provato a cercare sotto "stampa in serie" ?
            Furbino...non c'è perchè non funziona. Prova a fare una stampa "in serie" con documenti contenenti immagini non in celle...risultato "oggi le comiche" eheheheh caro il mio peracottaro.
          • Anonimo scrive:
            Re: IL COMPUTER SI E' DIFFUSO GRAZIE ALLA PIRATERIA
            - Scritto da: NetDruid
            Furbino...non c'è perchè non funziona. Ah, no?
            Prova
            a fare una stampa "in serie" con documenti
            contenenti immagini non in celle...risultatoRisultato impeccabile. Ma devo dire che ho fatto una sola prova, del resto non vedo il bisogno di effettuare prove ripetute solo per smentire quelle che sono, evidentemente, le fantasie di un pretoriano.
            "oggi le comiche" eheheheh caro il mio
            peracottaro.E per la cronaca, la prova l'ho fatta sotto Windows (della serie, "non solo dici vaccate, ma manchi pure il bersaglio")
    • Anonimo scrive:
      Re: IL COMPUTER SI E' DIFFUSO GRAZIE ALLA PIRATERIA
      da questo dimostri di non capire un cazzo!!!è vero che vendono meno PC, ma di certo non perdono i soldi della pirateria!e poi a questo punto a microsoft non gliene frega un cazzo, piuttosto regala il software che far vincere la concorrenza! Ekecazzo!- - - - - - - - - - Cain
  • Anonimo scrive:
    Il re dei pirati = Bill Gates
    L'unico vero ladro e` Bill!!Non solo si fa pagare le patch release, bug fix,beta release ecc. ma i suoi prodotti non sicomprano, si prendono in licenza! E no caro, sepago il software diventa mio, altrimeni uso inlicenza una copia pirata.Nell'utilizzare software originale l'utente checi guadagna? Il supporto della MS? non mi fateridere. E se la MS perdesse soldi (invece cheguadagnarli) grazie alla pirateria Bill non sarebbel'uomo piu` ricco del mondo.Meditate gente, meditate
    • Anonimo scrive:
      Re: Il re dei pirati = Bill Gates
      Scusa ma cosa T aspettavi da uno che ha rubato tecnologie di altre ditte per anni e l'ha fatta franca?
  • Anonimo scrive:
    Piratare = rubare
    Sta volta sono d'accordo, è vero che probabilmente molta gente senza la masterizzazione non ci penserebbe neanche a spendere 1 cubo per office. Ma comunque resta il fatto che piratare = rubare perchè ci si appropria di qualcosa non creato / pagato da noi. Che poi regni l'ipocrisia di M$ &C. nel denunciare perdite di tot_copie_illegali*costo_d'acquisto è ovvio.
    • Anonimo scrive:
      Re: Piratare = rubare
      Inutile dire che indipendentemente dal fatto che piratare sia illegale:1) Se la MS fallisse x il sw pirata io non piangerei sicuramente2) Se invece di rubare i soldi altrui vendendo sw vendessero un servizio tecnico come si deve gli utenti sarebbero molto + contenti.3) Essendo un utente di software libero ritengo MS una fonte incredibile di nefandezze e di sicuro non l'unica.4) Spero che quelli della BSA vadano a vivere sotto i ponti insieme ai loro finanziatori
    • Anonimo scrive:
      Re: Piratare = rubare

      Ma comunque
      resta il fatto che piratare = rubare perchè
      ci si appropria di qualcosa non creato /
      pagato da noi. resta il fatto che 40% dei prodotti sono piratati mentre non credo che 40% dei cittadini si mette a rubare...ci sara un perche no ???
  • Anonimo scrive:
    Ipocrisia
    Ci si diffonde sfruttando la pirateria e poi la si combatte a monopolio ottenuto. E poi qualcuno ha il coraggio di chiedere perchè a tanta gente sta sulle p@lle la m$. Incredibile.
  • Anonimo scrive:
    Microsoft e i suoi applicativi strabuggaTI!!
    E io scemo spendo centinaia di mila lire pe software sempre perennemente buggato poco funzionale e pieno zeppo di bachi? Ma allora ssiamo scemi!! Io copio me li copio e nn li compro originali così mi risparmio tutti i soldi altrimenti buttati nelle tasche della sua Microsoz Corporation........:-)))Poveri si ma mica scemi caro Bill Gates!
  • Anonimo scrive:
    Suite alternative a Microsoft Office e commenti
    - Scritto da: salva

    Basterebbe che Microsoft (visto che detiene
    il 95% del mercato ed ha il monopolio, non
    voglio entrare in discussione di come abbia
    raggiunto tale potere, ma tutti noi lo
    sappiamo) producesse del softwares (dal
    sistema operativo, agli applicativi per
    internet, ad office) nettamente migliore di
    quello che produce oggi ed ad un prezzo
    nettamente inferiore. Scusate ma,
    sinceremante, spendere una cifra per
    acquistare Office o addirittura il sistema
    operativo più insicuro al mondo mi sembra
    molto offensivo per la nostra intelligenza.
    Se non che Microsoft, di fatto, se ne frega
    della nostra intelligenza e continua a
    propinarci applicativi a prezzi esorbitanti.
    La soluzione, quindi, ci sarebbe. Microsfot
    dovrebbe piantarla di piangere e lamentarsi
    per una situazione che Micrososft stessa ha
    creato e da cui ha tratto tanti benefici.
    Suvvia...Piagnoni!Assolutamente d'accordo. Se Microsoft Windows costasse L.49mila e Microsoft Office L.99mila, moltissimi correrebbero a comperarlo, ho fatto una piccola indagine proponendo la domanda a molti amici. Invece, con i prezzi assolutamente improponibili che pratica Microsoft oggi, la soluzione per chi non è un Rockfeller (e lo siamo quasi tutti viste le bollette quotidiane) è semplicemente passarsi il CD visto che a volte è indispensabile usare anche a casa gli stessi applicativi e spendere 99mila è un conto, spendere 1 milione e mezzo per Office o più è un'altro. Mi chiedo, con tutte le copie al mondo che venderebbero, come possono avere il coraggio, essendo la software house il cui software è il più diffuso al mondo a praticare certi prezzi? Forse i dipendenti Microsoft prendono molto di più dei 2milioni al mese che gli altri dipendenti prendono? E il mio mese dovrei spenderlo interamente per aggiornare Office all'ultima versione? Se abbassassero i prezzi, a mio parere sarebbero molto coraggiosi. Ma un taglio netto per vendere MOLTE copie originali in più, non certo un taglio di 200mila lire. Altrimenti... fate come me, cercate di usare suite alternative e GRATUITE, da StarOffice a 602Pro PC Suite:http://download.cnet.com/downloads/0-10016-100-7241521.html?tag=st.dl.10016-106-1.lst-5-6.7241521Microsoft, grazie per il vostro lavoro, ma io consiglierei:1) Abbassate enormemente i prezzi dei vostri prodotti, altrimenti non fermerete la pirateria. Logicamente chiunque preferirebbe avere una copia originale, ma a che prezzo? Non siamo Rockfeller.2) Investite un po' di meno nella ricerca che si allontana di molto dalle reali esigenze quotidiane. Il mio timore è che investiate cifre colossali in progetti che si riveleranno discutibili... quanti vorranno "affittare" Microsoft Word dal Web se esistono suite gratuite che permettono certamente a qualsiasi segretaria di scrivere le sue lettere?Cordiali saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Suite alternative a Microsoft Office e commenti
      Io segnalo OpenOffice 638, che usiamo in ditta da noi (40 utenze... 40 milioni risparmiati!) .Lo downloadate da www.openoffice.org
  • Anonimo scrive:
    L I N U X ? ? ? ? ?
    Chi osa parlare male di un sistema operativo GRATUITO, scaricabile dalla rete per intero(compreso i sorgenti) , la cui licenza ,se si compra il pacchetto completo contenente: i cd (RedHat 9Cd Suse 7Cd etc)Manuali (Guarda un manuale di Win2000 e fai il paragone) e assistenza GRATUITA x MESIIIII...(WIN2000 server, non si installa sul server, telefoni all' assistenza e ti chiedono soldi... PER un OS che costa 9.000.000 ????????) Per un costo che varia dalla distribuzione all' incirca 200.000 .Poi non stò qui a ricordare la marea di bug, Win98 costa di più e ci anno fatto un cd con le patch di aggiornamento.Linux lo installi su di un server e sei operativo da subito al 100%, e che dire della stupenda comunità che ruota attorno al pinguino.Basta mi sento indignato... ciao a tutti.©2001 MaxUpgrade
    • Anonimo scrive:
      Re: L I N U X ? ? ? ? ?

      Linux lo installi su di un server e sei
      operativo da subito al 100%, e che dire
      della stupenda comunità che ruota attorno al
      pinguino.aggiungo una cosa. Hai bisogno di un nuovo server con un carico di lavoro non eccessivo?Con win2000/Xp ti compri un pc da 3 milioni, ci installi sopra win2000/xp server che costa un'altro pacchetto di lire, ed hai il tuo server.ti sei comprato un pentium 4 con 256 mb di ram che non sfrutterai mai al 100%.Con linux? hai in qualche angolo un vecchio pentium con almeno 16 mb? bene, se tu o un tuo amico avete un cd con linux, anche una vecchia versione, te lo copi, visto che è legale copiare un software gpl, lo installi sul tuo server e voilà, ecco un server funzionante (se hai voglia di fare, cosa che molti non hanno, in quanto è più facile lamentarsi su quant'è difficile imparare linux).hai un pc che probabilmente non sfrutterai mai al 100% perchè senza X linux è una scheggia, e non riesci a saturarlo, comunque fa perfettamente il suo lavoro, sfruttando bene l'hardware, e l'hai pagato un niente.non hai un cd con linux? nessun problema, vai in edicola e ti compri una rivista con una distro. costo totale circa 10.000 lire. se non hai il pc vecchio lo trovi usato a 300 mila.costo totale? da 0 lire a 310.000 lire.immaginatevi i risparmi delle ditte con decine di server...
  • Anonimo scrive:
    Tutti a girarci intorno
    Tutti girate intorno al problema, non solo i produttori di software ma anche voi utenti... la soluzione e' semplice ed a portata di mano, il mondo cambia e concetti come licenza d'uso o diritto d'autore stanno velocemente perdendo il proprio significato; tutto il sistema deve essere ripensato e non e' facile! (per loro) per questo microsoft ed altri produttori di software commerciale stanno facendo i salti mortali per mantenere il controllo della situazione e per mantenere gli elevatissimi guadagni che tutto il sistema gli garantisce.Il concetto e' semplice, che un prodotto sia open o closed source, che sia free (nel senso di libero) o completamente a pagamento, cambia poco (sono solo opzioni) il concetto sta' nel servizio e nella qualita' del software e questo M$ lo ha capito! solo che sta affrontando il problema nel modo sbagliato, scusate eh! che differenza c'e' per una piccola impresa, fra pagare 10 milioni di licenze win/office a l'hanno a M$ e pagare 10 milioni l'hanno di assistenza a Red Hat per linux ?sempre 10 milioni di lire sono (anzi 5164 euro) la differenza sta nella scelta, POTERE DI SCEGLIERE!ecco perche' la M$ sta' rivedendo tutta la politica sulle licenze, con una piccola differenza! M$ pretende di farsi pagare molto, per dare poco, basti pensare a M$Pre$$, io mi ricordo di aver imparato a programmare con i manuali del borland turbopascal, oggi quel poco di documentazione che c'e' nella scatola e' pure scritta con i piedi!!chiudo o si fa notte! tanto se poi uno ha i paraocchi...ma non prima di richiamare l'attenzione su questa perla che ho letto nei vari commenti:"Forse tu ti ciucciavi il pollice all'epoca, ma non ti ricordi come tutti noi lavoravamo nel 1985. Ti garantisco che siamo anni luce avanti rispetto a quella data. E buona parte per merito di Microsoft."ottima davvero!!! :-) io nel 1985 usavo FrameWork III e poi il IV con grande soddisfazione, dopo negli uffici e' arrivato windows.... e tutti sappiamo come e' andata.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutti a girarci intorno
      scusate tutti ehuna perla ce l'ho messa pure io!"hanno" al posto di "anno" (bellissima) :-)abbiate pieta' :-))
  • Anonimo scrive:
    SMETTIAMOLA DI FARE GLI IPOCRITI!
    Tutte queste chiacchere sulla pirateria sincermante mi fanno ridere, non tanto perchè non siano giuste, ma perchè probabilmente il 99% di chi le ha scritte ha almeno un software duplicato illegalmente...E non ditemi di no... che Windows avete installato sul PC? Non ditemi che avete pagato mezzo milione per comprarlo... E il venditore del vostro computer... che Office e Windows credete che vi abbia preinstallato??? Originale??? Macchè...E adesso smettiamola di accusare la pirateria più di qaunto sia... non mi sembra giusto considerarla un furto...TAnto alla fine tutte le aziende prendono una barca di soldi dalle aziende che usano i loro prodotti, non certo dall'utente casalingo...E poi c'è un altra cosa... PIRATARE NON E' RUBARE e ve lo dimostro subito con un esempio...Se office costa 600.000 e io LO RUBO faccio un danno di 600.000 alla Microsoft, e sono UN LADRO.Se io copio un CD di office la microsoft sì non ne guadagna nulla, ma non ne perde neanche, anche perchè se non potessi averlo piratato non lo comprerei di certo a cifre così alte...E per finire vi ricordo un pezzo del vangelo...CHi è senza peccato scagli la prima pietra.Rifletteteci...
    • Anonimo scrive:
      Re: SMETTIAMOLA DI FARE GLI IPOCRITI!

      E poi c'è un altra cosa... PIRATARE NON E'
      RUBARE e ve lo dimostro subito con un
      esempio...

      Se office costa 600.000 e io LO RUBO faccio
      un danno di 600.000 alla Microsoft, e sono
      UN LADRO.
      Se io copio un CD di office la microsoft sì
      non ne guadagna nulla, ma non ne perde
      neanche, anche perchè se non potessi averlo
      piratato non lo comprerei di certo a cifre
      così alte...Stai dicendo cose senza senso. La licenza non è legata a CD, quindi se copi i files stai piratando la licenza d'uso. Anche se copri Office e lo installi si più pc stai piratando.Leggiti almeno una volta i contratto EULA.
    • Anonimo scrive:
      Re: SMETTIAMOLA DI FARE GLI IPOCRITI!
      - Scritto da: -------------
      Tutte queste chiacchere sulla pirateria
      sincermante mi fanno ridere, non tanto
      perchè non siano giuste, ma perchè
      probabilmente il 99% di chi le ha scritte ha
      almeno un software duplicato illegalmente...assolutamente nessuno
      E non ditemi di no... che Windows avete
      installato sul PC?i miei due hd[root@quela widgets]# fdisk -l /dev/sda Disco /dev/sda: 255 testine, 63 settori, 555 cilindriUnità = cilindri di 16065 * 512 byte Dispositivo Avvio Inizio Fine Blocchi Id Sistema/dev/sda1 * 1 555 4458006 83 Linux[root@quela widgets]# fdisk -l /dev/hdc Disco /dev/hdc: 16 testine, 63 settori, 16383 cilindriUnità = cilindri di 1008 * 512 byte Dispositivo Avvio Inizio Fine Blocchi Id Sistema/dev/hdc1 * 1 4064 2048224+ 83 Linux/dev/hdc2 4065 4369 153720 82 Linux swap/dev/hdc3 4370 8433 2048256 83 Linux/dev/hdc4 8434 16383 4006800 5 Esteso/dev/hdc5 8434 11481 1536160+ 83 Linux/dev/hdc6 11482 16383 2470576+ 83 Linux[root@quela widgets]#
      Non ditemi che avete
      pagato mezzo milione per comprarlo...non l'ho comprato
      E il venditore del vostro computer... che
      Office e Windows credete che vi abbia
      preinstallato???nessuno.. una certa acer me ne voleva dare una licenza a forza... gliel'ho restituita e mi sono fatto dare indietro i soldi.
      E poi c'è un altra cosa... PIRATARE NON E'
      RUBARE e ve lo dimostro subito con un
      esempio...

      Se office costa 600.000 e io LO RUBO faccio
      un danno di 600.000 alla Microsoft, e sono
      UN LADRO.
      Se io copio un CD di office la microsoft sì
      non ne guadagna nulla, ma non ne perde
      neanche, anche perchè se non potessi averlo
      piratato non lo comprerei di certo a cifre
      così alte...diciamo un'altra cosa. Per 10 che piratano, c'e' uno pollo che e' costretto a comperarlo (perche' lo usa in ufficio o e' una PA) perche' e' lo "standard", quando magari esiste di meglio o di piu' conveniente.
      E per finire vi ricordo un pezzo del
      vangelo...
      CHi è senza peccato scagli la prima pietra.io scaglio tutti i ciottoli che vuoi. e cmq non mi risulta sia nel vangelo quella frase.
      Rifletteteci...l'ho gia' fatto...
      • Anonimo scrive:
        Re: SMETTIAMOLA DI FARE GLI IPOCRITI!
        - Scritto da: munehiro

        CHi è senza peccato scagli la prima
        pietra.

        io scaglio tutti i ciottoli che vuoi. e cmq
        non mi risulta sia nel vangelo quella frase.Ehm... che voto avevi in religione alle superiori?Se avevi 7 (voto più comune) ti consiglio di andare ad accendere un cero alla madonna... anzi no, brucia tutta la chiesa, perchè quello si che era un vero miracolo! :)ByeeZeross
        • Anonimo scrive:
          Re: SMETTIAMOLA DI FARE GLI IPOCRITI!
          - Scritto da: Zeross
          - Scritto da: munehiro


          CHi è senza peccato scagli la prima

          pietra.



          io scaglio tutti i ciottoli che vuoi. e
          cmq

          non mi risulta sia nel vangelo quella
          frase.

          Ehm... che voto avevi in religione alle
          superiori?non si parlava di vangelo. si parlava di aborto, di guerra, di contraccezione. Sembrava di essere dalla de filippi, ma le storie erano vere, i protagonisti anche e la de filippi era un pretone a cui devo molta stima
          Se avevi 7 (voto più comune) ti consiglio di
          andare ad accendere un cero alla madonna...
          anzi no, brucia tutta la chiesa, perchè
          quello si che era un vero miracolo! :)la frase e' effettivamente del vangelo. Io pensavo fosse nel nuovo testamento.eh vabbe' dai... mica posso sapere tutto :P
          • Anonimo scrive:
            Re: SMETTIAMOLA DI FARE GLI IPOCRITI!

            la frase e' effettivamente del vangelo. Io
            pensavo fosse nel nuovo testamento.aaaaaaaaaarghhhhhhhh!!!!!!!il Vangelo è nel Nuovo Testamento!
          • Anonimo scrive:
            Re: SMETTIAMOLA DI FARE GLI IPOCRITI!
            - Scritto da: kill -9

            la frase e' effettivamente del vangelo. Io

            pensavo fosse nel nuovo testamento.

            aaaaaaaaaarghhhhhhhh!!!!!!!

            il Vangelo è nel Nuovo Testamento!ROTFL! :)))Zeross
          • Anonimo scrive:
            Re: SMETTIAMOLA DI FARE GLI IPOCRITI!
            - Scritto da: Zeross
            - Scritto da: kill -9


            la frase e' effettivamente del
            vangelo. Io


            pensavo fosse nel nuovo testamento.



            aaaaaaaaaarghhhhhhhh!!!!!!!



            il Vangelo è nel Nuovo Testamento!


            ROTFL! :)))e allora ci avevo beccato visto!! :D
          • Anonimo scrive:
            Re: SMETTIAMOLA DI FARE GLI IPOCRITI!
            - Scritto da: munehiro

            e allora ci avevo beccato visto!! :DVeramente quando in un compito di analisi facevo 2 errori che si annullavano la prof non è che me lo considerava giusto... ergo... :)[PAPI mode ON]"munehiro, sei l'anello debole... vattene!" :)))[PAPI mode OFF]Zeross
          • Anonimo scrive:
            Re: SMETTIAMOLA DI FARE GLI IPOCRITI!
            - Scritto da: Zeross
            Veramente quando in un compito di analisi
            facevo 2 errori che si annullavano la prof
            non è che me lo considerava giusto...
            ergo... :)LOL
            [PAPI mode ON]
            "munehiro, sei l'anello debole... vattene!"
            :)))
            [PAPI mode OFF]E` la prima volta che apprezzo un tuo post, continua su questa strada, lascia stare il resto ;-D
      • Anonimo scrive:
        Re: SMETTIAMOLA DI FARE GLI IPOCRITI!
        Munehiro: sei un **P_E_Z_Z_E_N_T_E**Michele Coppo
    • Anonimo scrive:
      Re: SMETTIAMOLA DI FARE GLI IPOCRITI!

      E non ditemi di no... che Windows avete
      installato sul PC? Windows? Quale Windows?
    • Anonimo scrive:
      Re: SMETTIAMOLA DI FARE GLI IPOCRITI!
      scusa ma il tuo esempio mi pare poco razionale... nell'ottica del commerciante se tu copi un cd e te lo installi sei un potenziale cliente perso e quindi un'entrata finanziaria in meno....ovvio che poi magari decidi di non comprarlo...ma POTENZIALMENTE se usi l'OS ad es della M$ sei un eventuale acqirente di Office...
  • Anonimo scrive:
    Piratare rubare
    Vi propongo un paragone che mi ha fatto un po' pensare qualche giorno fa:1) Ho una scultura sul comodino, esco di casa, Gigi penetra in casa e me la ruba. Io torno e mi incacchio perché me l'hanno rubata.2) Ho una scultura sul comodino, Gigi passa per casa mia e se la clona con il suo nuovissimo "Sculpture Clonator".Secondo l'equazione pirata=ladro che certa gente vuole inculcarci in testa i due episodi sono equivalenti.Però, a pensarci un po'... io nel caso 1 mi incacchio perché perdo il possesso del bene, e non perché un'altra persona lo acquisisce.Infatti nel caso 2 non mi arrabbio mica con Gigi, anche se acquista il possesso del mio bene (o di un clone di esso).ERGO: Ciò che danneggia non è il possesso altrui, ma la perdita del possesso proprio, infatti non mi danneggia per niente il fatto che Gigi abbia una copia perfetta del mio bene.Ovviamente la presente non legittima la duplicazione di software illegale... solo tutto questo accusare di furto i pirati informatici (grandi e piccoli che siano) mi fa storcere un po' il naso.Non mentiamo a noi stessi, non è la stessa cosa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Piratare rubare
      - Scritto da: Nosferatu
      Vi propongo un paragone che mi ha fatto un
      po' pensare qualche giorno fa:

      1) Ho una scultura sul comodino, esco di
      casa, Gigi penetra in casa e me la ruba. Io
      torno e mi incacchio perché me l'hanno
      rubata.

      2) Ho una scultura sul comodino, Gigi passa
      per casa mia e se la clona con il suo
      nuovissimo "Sculpture Clonator".

      Secondo l'equazione pirata=ladro che certa
      gente vuole inculcarci in testa i due
      episodi sono equivalenti.

      Però, a pensarci un po'... io nel caso 1 mi
      incacchio perché perdo il possesso del bene,
      e non perché un'altra persona lo acquisisce.

      Infatti nel caso 2 non mi arrabbio mica con
      Gigi, anche se acquista il possesso del mio
      bene (o di un clone di esso).

      ERGO: Ciò che danneggia non è il possesso
      altrui, ma la perdita del possesso proprio,
      infatti non mi danneggia per niente il fatto
      che Gigi abbia una copia perfetta del mio
      bene.

      Ovviamente la presente non legittima la
      duplicazione di software illegale... solo
      tutto questo accusare di furto i pirati
      informatici (grandi e piccoli che siano) mi
      fa storcere un po' il naso.

      Non mentiamo a noi stessi, non è la stessa
      cosa.Invece è la stessa cosa:chi pirata ottiene una o più licenze d'uso e chi vende legalmente perde una o più licenze d'uso (quelle che non venderà mai più a chi ha comprato dal pirata).Come vedi c'è sempre qualcuno che perde un qualcosa e qualcuno che lo guadagna, ergo la sostanza non cambia.ByeeZeross
      • Anonimo scrive:
        Re: Piratare rubare
        c'e una legge economica che dice: a un certo livello di prezzo corrisponde una certa domanda...quindi non e detto che avrebbe venduto lo stesso numero di licenze...quindi la perdita e molto minore di quello che sembra...
        Invece è la stessa cosa:
        chi pirata ottiene una o più licenze d'uso e
        chi vende legalmente perde una o più licenze
        d'uso (quelle che non venderà mai più a chi
        ha comprato dal pirata).

        Come vedi c'è sempre qualcuno che perde un
        qualcosa e qualcuno che lo guadagna, ergo la
        sostanza non cambia.


        Byee
        Zeross
      • Anonimo scrive:
        Re: Piratare rubare
        Sono in parziale disaccordo per il solito motivo che fa diventare falsa l'accusa delle multinazionali della musica riguardo alle perdite stramiliardarie che la pirateria musicale causa loro: non mi comprerei mai il CD dei Limp Bizkit, anche se ce l'ho masterizzato, invece i Dream Theater mi sono piaciuti, e mi sembrava il minimo comprarmeli anche originali.CIOE': le perdite accusate sono fittizie in quanto calcolate su introiti ipotetici, che neanche nella più rosea delle ipotesi si avvererebbero alle condizioni di mercato reali.Sarebbe come dire che se esistesse la FIAT Stilo di cartone a 500.000 lire e vendesse un deguello, la FIAT farebbe causa accusando perdite per ogni Stilo-tarocca venduta.Non è corretto duplicare la Stilo, certo, ma non lo è neanche accusare perdite ipocrite.
      • Anonimo scrive:
        Re: Piratare rubare
        - Scritto da: Zeross
        - Scritto da: Nosferatu
        Invece è la stessa cosa:
        chi pirata ottiene una o più licenze d'uso e
        chi vende legalmente perde una o più licenze
        d'uso (quelle che non venderà mai più a chi
        ha comprato dal pirata).
        Come vedi c'è sempre qualcuno che perde un
        qualcosa e qualcuno che lo guadagna, ergo la
        sostanza non cambia.Mha, ci son un sacco di videogiochi che ho giocato pirata per qualche giorno, e che non avrei MAI comprato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Piratare rubare
      Ma se tu hai studiato anni all'accademia delle belle arti per imparare a scolpire. Ti diplomi e fai una scultura bellissima e metti un negozio dove vendi statue. Gigi entra nel tuo negozio, la clona poi va fuori e comincia a vendere copie della tua statua (in tutto identiche alla tua) a tutti a 1/10 del prezzo a cui la vendi tu, ti garantisco che ti incazzi. Perché non perdi il bene ma il diritto a sfruttarne l'idea (cioè ne perdi la proprietà intellettuale). Ecco dove sta il furto.- Scritto da: Nosferatu
      Vi propongo un paragone che mi ha fatto un
      po' pensare qualche giorno fa:

      1) Ho una scultura sul comodino, esco di
      casa, Gigi penetra in casa e me la ruba. Io
      torno e mi incacchio perché me l'hanno
      rubata.

      2) Ho una scultura sul comodino, Gigi passa
      per casa mia e se la clona con il suo
      nuovissimo "Sculpture Clonator".

      Secondo l'equazione pirata=ladro che certa
      gente vuole inculcarci in testa i due
      episodi sono equivalenti.

      Però, a pensarci un po'... io nel caso 1 mi
      incacchio perché perdo il possesso del bene,
      e non perché un'altra persona lo acquisisce.

      Infatti nel caso 2 non mi arrabbio mica con
      Gigi, anche se acquista il possesso del mio
      bene (o di un clone di esso).

      ERGO: Ciò che danneggia non è il possesso
      altrui, ma la perdita del possesso proprio,
      infatti non mi danneggia per niente il fatto
      che Gigi abbia una copia perfetta del mio
      bene.

      Ovviamente la presente non legittima la
      duplicazione di software illegale... solo
      tutto questo accusare di furto i pirati
      informatici (grandi e piccoli che siano) mi
      fa storcere un po' il naso.

      Non mentiamo a noi stessi, non è la stessa
      cosa.
      • Anonimo scrive:
        Re: Piratare rubare
        - Scritto da: Darth Vader
        Ma se tu hai studiato anni all'accademia
        delle belle arti per imparare a scolpire. Ti
        diplomi e fai una scultura bellissima e
        metti un negozio dove vendi statue. Gigi
        entra nel tuo negozio, la clona poi va fuori
        e comincia a vendere copie della tua statua
        (in tutto identiche alla tua) a tutti a 1/10
        del prezzo a cui la vendi tu, OK.Questo per la "pirateria professionale".E se invece Gigi si limita a clonarti la statua e a mettersela sulla scrivania?
        • Anonimo scrive:
          Re: Piratare rubare
          Il fatto è proprio questo!Mi chiedo:che senso ha accusare Gigi di avermi rubato 10/10 del prezzo se lui una scultura che costa 10 non l'avrebbe comperata neanche morto?Se la vende ricavandoci profitto, magari a chi mi comprerebbe la scultura a 10/10, il discorso cambia un po', e sarei abbastanza d'accordo con tutti i post letti finora.
        • Anonimo scrive:
          Re: Piratare rubare
          Be'. Immaginati 500.000 Gigi e ti fai un'idea.- Scritto da: Salkaner

          OK.
          Questo per la "pirateria professionale".
          E se invece Gigi si limita a clonarti la
          statua e a mettersela sulla scrivania?

      • Anonimo scrive:
        Re: Piratare rubare
        - Scritto da: Darth Vader
        Ma se tu hai studiato anni all'accademia
        delle belle arti per imparare a scolpire. Ti
        diplomi e fai una scultura bellissima e
        metti un negozio dove vendi statue. Gigi
        entra nel tuo negozio, la clona poi va fuori
        e comincia a vendere copie della tua statua
        (in tutto identiche alla tua) a tutti a 1/10
        del prezzo a cui la vendi tu, ti garantisco
        che ti incazzi. Perché non perdi il bene ma
        il diritto a sfruttarne l'idea (cioè ne
        perdi la proprietà intellettuale). Ecco dove
        sta il furto.d'accordo lo vende a 1/10 del prezzo...tra i materiali ecc e il suo guadagno lo vende a 1/10 del prezzo...d'accordo prottegere la proprietta intelletuale, ma cazzo 9/10 ??? andate anche a cagare...dovrebbero esistere leggi che vietino la vendita di un prodotto a piu di 100% il costo effettivo del bene...nel costo comunque incluse spese di ricerca, ecc...ma eslusi viaggi in prima classe o cena al ristorante a 2000$ a persona...qua un flat di diciamo 200$ di costi attribuibili...
        • Anonimo scrive:
          Re: Piratare rubare

          dovrebbero esistere leggi che vietino la
          vendita di un prodotto a piu di 100% il
          costo effettivo del bene...nel costo
          comunque incluse spese di ricerca, ecc...ma
          eslusi viaggi in prima classe o cena al
          ristorante a 2000$ a persona...qua un flat
          di diciamo 200$ di costi attribuibili...per chiarire prima che mi si attribuiscano parole non mie...allora:1) questa legge dovrebbe applicarsi laddove il mercato ha fallito e si sono formati monopoli piu o meno ampi e dove il mercato pur in concorenzza e inneficiente (monopolio=qualsiasi situazione dove una impresa o un gruppo di imprese detiente almeno 20% del mercato e non piu di 50% - oltre 50% del mercato andrebbe spezzata in piu imprese DISTINTE per ipotesi - oppure dove piu impresse si sono messe d'accordo piu o meno esplicitamente per aumentare i prezzi)2) calcolo del 100% produrre (SENZA SPRECCHI ED INNEFICIENZE) il bene COSTA X...il prezzo finale per il consumatore non deve essere superiore a 2X...poi come quel X guadagnata viene distribuito (stipendi megalattici, pubblicita, ecc) non importa...cosa avremmo cosi:un VERO sistema di mercato...e un'allocazione efficiente delle risorse...cosa abbiamo oggi:la concentrazione sempre maggiore dei mercati in mano a poche persone...risorse del mondo sfruttate il piu possibile e il piu possibile inneficientemente...
        • Anonimo scrive:
          Re: Piratare rubare
          Be'. Sei informato male. Come in tutte le aziende americane la policy MS prevede che si viaggi in classe economica.E, almeno fino a prima dell'11 settembre, persino Bill Gates (quando è a Redmond) girava senza scorta né autisti.- Scritto da: blah


          - Scritto da: Darth Vader

          Ma se tu hai studiato anni all'accademia

          delle belle arti per imparare a scolpire.
          Ti

          diplomi e fai una scultura bellissima e

          metti un negozio dove vendi statue. Gigi

          entra nel tuo negozio, la clona poi va
          fuori

          e comincia a vendere copie della tua
          statua

          (in tutto identiche alla tua) a tutti a
          1/10

          del prezzo a cui la vendi tu, ti
          garantisco

          che ti incazzi. Perché non perdi il bene
          ma

          il diritto a sfruttarne l'idea (cioè ne

          perdi la proprietà intellettuale). Ecco
          dove

          sta il furto.
          d'accordo lo vende a 1/10 del prezzo...
          tra i materiali ecc e il suo guadagno lo
          vende a 1/10 del prezzo...
          d'accordo prottegere la proprietta
          intelletuale, ma cazzo 9/10 ??? andate anche
          a cagare...
          dovrebbero esistere leggi che vietino la
          vendita di un prodotto a piu di 100% il
          costo effettivo del bene...nel costo
          comunque incluse spese di ricerca, ecc...ma
          eslusi viaggi in prima classe o cena al
          ristorante a 2000$ a persona...qua un flat
          di diciamo 200$ di costi attribuibili...
    • Anonimo scrive:
      Re: Piratare rubare
      Mmmm... quasi quasi mi convinci.Scherzi a parte, capisco e concordo con il tuo punto di vista, ma non è la stessa cosa del furto!Non voglio dire che la pirateria industriale a scopo di lucro sia da assolvere, ma non capisco come si possa radere al suolo il concetto di "Scopo di lucro" come è stato fatto dal Legislatore l'anno scorso per riuscire a parificare il piccolo Pierino che si copia Quake 3 originale di suo cugino Gigetto col masterizzatore del papà con Annibale Sauro detto "O' Porco" specializzato nelle sparizioni di conti correnti.E bada ben: nessuno dei due è innocente al 1000%.
    • Anonimo scrive:
      Re: Piratare rubare

      1) Ho una scultura sul comodino, esco di
      casa, Gigi penetra in casa e me la ruba.

      2) Ho una scultura sul comodino, Gigi passa
      per casa mia e se la clonaHai sbagliato esempio. Al posto della sculturadovevi citare qualcosa di utile, come una macchinada scrivere al posto di un word processor. Se unoti ruba la macchina da scrivere, tu t'incazzi, mase te la clona, no. La scultura è diversa, perchénon è un bene d'uso e il suo valore dipende dallasua unicità. Ma se un word processor deve costaremezzo milione, molto meglio carta e penna.
      • Anonimo scrive:
        Re: Piratare rubare
        - Scritto da: suomynonA

        1) Ho una scultura sul comodino, esco di

        casa, Gigi penetra in casa e me la ruba.



        2) Ho una scultura sul comodino, Gigi
        passa

        per casa mia e se la clonaEhy, basta con queste accuse infamanti...:-))))
  • Anonimo scrive:
    DIVERTENTI ..belle battute
    Il mondo della pirateria informatica, della duplicazione illegale, della contraffazione, infatti, non lesina astuzie né mezzi per trarre illeciti profitti dal furto della proprietà intellettuale, +HAHAHAHAH i primi ladri di proprieta' intellettuale sono proprio gli str... di microZOZZparliamo del C# (ma ci sono MILLE altri esempi )
    • Anonimo scrive:
      Re: DIVERTENTI ..belle battute
      E che dire di J# e del relativo progetto J.U.M.P. ?Significa Java Users Migration Path senza tanti buoni propositi malcelati !!!!!Non ci sono parole...
      • Anonimo scrive:
        Re: DIVERTENTI ..belle battute
        ADDENDUM:Sarebbe come se io facessi un bus navetta per il mio negozio di scarpe e lo facessi fermare davanti ad ogni altro negozio di scarpe della città con scritte lampeggianti Valleverde Users Migration Path!!Vi pare concorrenza leale questa?
  • Anonimo scrive:
    Strano ma vero
    Premetto che non sono un ultrà dell'Open Source. Ho imparato ad usare il PC con il DOS prima e Windows XX in seguito. Sono contrario alla pirateria informatica e per questo Windows ME (con le sue instabilità) è l'originale in bundle con il computer acquistato e lo sto usando. Ho acquistato Office 2000 (con licenza studente/docente) che usavo per lavoro. Poi cerco tutti i programmi Free o GPL per fare tutte le altre cose. Utilizzo molti software in dotazione con le periferiche (al momento dell'acquisto faccio caso anche a quello).Ho deciso di utilizzare anche Linux proprio per avere tutti gli strumenti per lavorare senza piratare. Imparare ad usarlo è un'impresa faticosa e ho avuto modo di apprezzare i newsgroup. Anzi pongo una questione a chi rappresenta Microsoft in questo gruppo di discussione:Cosa ha in più rispetto ad un pirata chi acquista una licenza Microsoft? Quale vantaggio rispetto ad un software Open? Parlo di vantaggi concreti, immediatamente fruibili.ESEMPIOOsservando il mondo OS si nota che le patch sono frequentissime mentre quelle di Microsoft sono più rare e sono rilasciate ufficialmenteQuando un programma necessita di una patch (specie per la sicurezza in rete), nel mondo OS, la notizia vola con tutti i dettagli nei gruppi. Lo posso scaricare ed installare subito. Invece, ricordandomi di andare nel sito MS o qualche altro, con pari argomenti, noto che da un mese era disponibile la patch per il tal problema di sicurezza di cui si discute da qualche altro mese.MORALEio, utente che si attiene alla licenza, pago fior di quattrini direttamente o attraverso il produttore HW una multinazionale che offre sistemi operativi con GUI ad altissimo impatto grafico, programmi multimediali ecc. e questa mi fa lavorare per mesi con un buco nella sicurezza e qualcuno della stessa dice che non si dovrebbero rivelare i particolari (così ho letto).Perciò, in questo caso, pagando ho un servizio peggiore rispetto all'Open.Non sarà che per vincere la pirateria bisognerà offrire l'uso del software a costi RAGIONEVOLI e far pagare i servizi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Strano ma vero
      Quoto una parte interessante del tuo messaggio.- Scritto da: rerun
      Non sarà che per vincere la pirateria bisognerà offrire l'uso del software a costi RAGIONEVOLI e far pagare i servizi?Questa politica, almeno in parte, era stata adottata dalla Borland, al periodo in cui c'era ancora il DOS. Bassi prezzi, servizi poco costosi, una licenza valida per tutte le macchine purche' non si usasse contemporaneamente piu` di una copia (ergo, se ho un PC qui e un altro all'ufficio, posso mettere su entrambi l'unica copia che ho comprato del mio programma e la Borland non mi dice neanche beh!).Inutile dire che fu un successone... Poi successe qualcosa che non so, ma su cui e` facile fare ipotesi, e Borland ora e` quel che e`.
  • Anonimo scrive:
    Vi propongo una domanda e attendo risposte!
    Premessa: è vero e sono d'accordo. Piratare è come rubare: è un reato e come tale deve essere punito.Ma, e qui c'è la domanda, quale è il reato più grosso?1. Un gigante come Microsoft che ci propina softwares di basso contenuto a prezzi esorbitanti e ci costringe, attraverso la politica delle nuove licenze, ad eseguire continui upgrades (senza che, magari, ne abbiamo veramente bisogno) o2. L'utente che, bene o male (e purtroppo, tante volte) è costretto ad utilizzare softwares Microsoft, ma che, però (giustamente) non vuole spendere una cifra così enorme o3. Del Dipartimento di Giustizia Americano e della Commissione Europea Antitrust che ancora non avuto il coraggio di interrompere questo comportamento sleale di Microsoft nei confronti del mercato, degli utenti, dei clienti e della concorrenza?
    • Anonimo scrive:
      Re: Vi propongo una domanda e attendo risposte!

      1. Un gigante come Microsoft che ci propina
      softwares di basso contenuto a prezzi
      esorbitanti e ci costringe, attraverso la
      politica delle nuove licenze, ad eseguire
      continui upgrades (senza che, magari, ne
      abbiamo veramente bisogno) oNon è vero. Molti usano ancora Windows 95 con Office 97. Da allora ci sono state ben 4 versioni. Nessun obbligo ad essere aggiornati. Chi lo fa, è perchè lo vuole.
      2. L'utente che, bene o male (e purtroppo,
      tante volte) è costretto ad utilizzare
      softwares Microsoft, ma che, però
      (giustamente) non vuole spendere una cifra
      così enorme oCostretto !!!!
      3. Del Dipartimento di Giustizia Americano e
      della Commissione Europea Antitrust che
      ancora non avuto il coraggio di interrompere
      questo comportamento sleale di Microsoft nei
      confronti del mercato, degli utenti, dei
      clienti e della concorrenza?Mario Monti ha dichiarato che non c'è alcuna azione nei confronti di Microsoft. In America potrebbero trovare un'accordo a giorni.Se non ti piacciono i protoddi commerciali non comprarli, chi se ne frega. Ma non inventare balle sul fatto che la gente acquisti liberamente e volontariamente (entrano in negozio da soli e con le proprie gambe) i prodotti Microsoft.
      • Anonimo scrive:
        Re: Vi propongo una domanda e attendo risposte!
        Risposta per AntibufolaSei un sottomesso, vero? Dai,non prendertela, nella vita c'è di peggio.
        • Anonimo scrive:
          Re: Vi propongo una domanda e attendo risposte!

          Risposta per Antibufola
          Sei un sottomesso, vero? Dai,non
          prendertela, nella vita c'è di peggio. Non hai argomenti per controbattere ? Devi proprio scendere a questo livello ?Sei messo maluccio.
      • Anonimo scrive:
        per antibufala...


        Non è vero. Molti usano ancora Windows 95
        con Office 97. Da allora ci sono state ben 4
        versioni. Nessun obbligo ad essere
        aggiornati. Chi lo fa, è perchè lo vuole.
        questa è una sciocchezza che antibufala dice. quando è uscito (l'ennesimo) baco di sicurezza di excel e PP, il supporto (le patches) andava solo per office 2k e office XP. Il baco però era anche per la versione di Office 97 che NON E' PIU' SUPPORTATA. Qui in dipartimento più della metà degli utenti hanno il '97, ergo, più della metà degli utenti si sono attaccati al c****.

        Mario Monti ha dichiarato che non c'è alcuna
        azione nei confronti di Microsoft. In
        America potrebbero trovare un'accordo a
        giorni.Male. vuol dire che siamo e sono fondamentalmente degli smidollati. o pensi che, ad esempio, quello che è stato fatto con java sia una bella cosa... mi sa che dovresti leggerti qualcosa sul .net prima di parlare....
        Se non ti piacciono i protoddi commerciali
        non comprarli, chi se ne frega. Ma non
        inventare balle sul fatto che la gente
        acquisti liberamente e volontariamente
        (entrano in negozio da soli e con le proprie
        gambe) i prodotti Microsoft.La diffusione dei prodotti microsoft è basata su una sostanziale ineducazione dell'utente medio.basti vedere tutti i ca**oni dell'amministrazione pubblica che mettono in giro dei documenti con il classico formato .doc magari fatto con il word xp nuovo nuovo che gli hanno comprato CON I TUOI SOLDI di cittadino che (spero) paga le tasse. quando poi ci sono delle soluzioni a costo zero come star office 6, che per fare documenti e form va più che bene.
      • Anonimo scrive:
        Re: Vi propongo una domanda e attendo risposte!

        Non è vero. Molti usano ancora Windows 95
        con Office 97. Da allora ci sono state ben 4
        versioni. Nessun obbligo ad essere
        aggiornati. Chi lo fa, è perchè lo vuole.parlando di privati, sì. ma le aziende? in azienda si deve usare tutti lo stesso sw e se compro un pc nel 2001 dovrò comprare office 2000, non posso comprare il '95.nella mia azienda abbiamo già avuto casini di interoperabilità tra varie versioni di office.che dire dell'access2000 che fa casini con i file del 97? cosa dire delle formattazioni del word 95 che vanno a volte a perdersi con il word 2000?

        2. L'utente che, bene o male (e purtroppo,

        tante volte) è costretto ad utilizzare

        softwares Microsoft, ma che, però

        (giustamente) non vuole spendere una cifra

        così enorme o

        Costretto !!!! questo non lo trovo corretto, se non sei proprio masochista non ti compri l'office 2000 quando si possono fare le stesse cose con lo smartsuite o staroffice.
        Mario Monti ha dichiarato che non c'è alcuna
        azione nei confronti di Microsoft. In
        America potrebbero trovare un'accordo a
        giorni.secondo te chi viene assolto è sempre perchè non è colpevole?
        Se non ti piacciono i protoddi commerciali
        non comprarli, chi se ne frega. Ma non
        inventare balle sul fatto che la gente
        acquisti liberamente e volontariamente
        (entrano in negozio da soli e con le proprie
        gambe) i prodotti Microsoft.la gente non acquista liberamente tutto il sw.prova ad entrare in un negozio e chiedere un pc, vedrai con che os ti trovi preinstallato.in quelli con del sw in bundle, che pacchetto di office automation ti trovi?Io devo avere la libertà di trovare il pc senza os e, se voglio, comprare windows o linux o beos. ma non mi va di pagare dei soldi in più per software che non uso e che non ho chiesto. di solito quando compri un'auto trovi normale il fatto di pagare una cifra in più perchè ti obbligano a comprarla con la roulotte?
      • Anonimo scrive:
        Re: Vi propongo una domanda e attendo risposte!

        Se non ti piacciono i protoddi commerciali
        non comprarli, chi se ne frega. Ma non
        inventare balle sul fatto che la gente
        acquisti liberamente e volontariamente
        (entrano in negozio da soli e con le proprie
        gambe) i prodotti Microsoft.Uhm... sto valutando, da qualche tempo, l'idea di un cambio d i macchina perchè il mio k6-150 comincia a soffrire i segni del tempo, e vado in giro a valutare le varie proposte delle catene di negozi tipo Vobis e compagnia... Sabato sono andato in un MultiStore (li chiamano così) e ho chiesto informazioni sui P.C. in offerta, quando ho chiesto di NON mettere windows XX perchè non mi interessa (non voglio copie prata, ma non voglio nemmeno regalare i soldi a Ms per una licenza che non uso), il commesso è praticamente sbiancato; possibile che l'unico modo per avere una macchina senza un OS Ms pre-installato sia comprarla attraverso la rete, facendola assemblare o assemblarmela di persona?L'offerta dovrebbe essere, per rispetto di TUTTI gli utenti:1) Il P.C. Costa X2) Se compri il bundle di winxx costa altre YAltrimenti la cosa è fuorviante, in quanto l'utente può essere indotto a pensare (come accade, davvero, a persone che hanno cultura informatica bassa) che non possa esistere un P.C. senza MS Windows(Qualchecosa).E' vero, gli utenti non sono "costretti" ad acquistare i SO Ms, diciamo che sono "invogliati caldamente" a farlo, ti basta?Un'altro punto, conseguente a questo, è che Ms Office funziona meglio di altre suite con Win perchè usa Api non documentate (Ms è stata riconosciuta colpevole in tribunale di questo) e, di conseguenza, l'utente è "invitato" ad usare Ms Office.Come il macello di msn.com che si è rifiutato di farmi vedere la mia casella di Hotmail perchè cercavo di accedere con Mozilla... Credo che cancellerò l'account di hotmail per evitare spiacevoli sorprese in futuro.Saluti, Ryo Takatsuki
        • Anonimo scrive:
          Re: Vi propongo una domanda e attendo risposte!

          E' vero, gli utenti non sono "costretti" ad
          acquistare i SO Ms, diciamo che sono
          "invogliati caldamente" a farlo, ti basta?e aggiungiamo che ms voleva dai produttori la lista degli acquirenti di pc che non vogliono il windows...
  • Anonimo scrive:
    Se Microsoft volesse, la soluzione ci sarebbe!
    Basterebbe che Microsoft (visto che detiene il 95% del mercato ed ha il monopolio, non voglio entrare in discussione di come abbia raggiunto tale potere, ma tutti noi lo sappiamo) producesse del softwares (dal sistema operativo, agli applicativi per internet, ad office) nettamente migliore di quello che produce oggi ed ad un prezzo nettamente inferiore. Scusate ma, sinceremante, spendere una cifra per acquistare Office o addirittura il sistema operativo più insicuro al mondo mi sembra molto offensivo per la nostra intelligenza. Se non che Microsoft, di fatto, se ne frega della nostra intelligenza e continua a propinarci applicativi a prezzi esorbitanti. La soluzione, quindi, ci sarebbe. Microsfot dovrebbe piantarla di piangere e lamentarsi per una situazione che Micrososft stessa ha creato e da cui ha tratto tanti benefici. Suvvia...Piagnoni!
    • Anonimo scrive:
      Re: Se Microsoft volesse, la soluzione ci sarebbe!

      Basterebbe che Microsoft (visto che detiene
      il 95% del mercato ed ha il monopolio, non
      voglio entrare in discussione di come abbia
      raggiunto tale potere, ma tutti noi lo
      sappiamo) producesse del softwares (dal
      sistema operativo, agli applicativi per
      internet, ad office) nettamente migliore di
      quello che produce oggi ed ad un prezzo
      nettamente inferiore. Scusate ma,
      sinceremante, spendere una cifra per
      acquistare Office o addirittura il sistema
      operativo più insicuro al mondo mi sembra
      molto offensivo per la nostra intelligenza.
      Se non che Microsoft, di fatto, se ne frega
      della nostra intelligenza e continua a
      propinarci applicativi a prezzi esorbitanti.
      La soluzione, quindi, ci sarebbe. Microsfot
      dovrebbe piantarla di piangere e lamentarsi
      per una situazione che Micrososft stessa ha
      creato e da cui ha tratto tanti benefici.
      Suvvia...Piagnoni!Mi sembre che sia tu a piagniugolare. Microsoft ti ha fatto la bubu ??
      • Anonimo scrive:
        Re: Se Microsoft volesse, la soluzione ci sarebbe!
        a me no...però prima mi son fatto male al ginocchio e, quindi, mi son fatto la bubu..mi daresti un bacino per farmi passare la bubu?:-)

        Mi sembre che sia tu a piagniugolare.
        Microsoft ti ha fatto la bubu ??
    • Anonimo scrive:
      Re: Se Microsoft volesse, la soluzione ci sarebbe!
      - Scritto da: salva

      Basterebbe che Microsoft (visto che detiene
      il 95% del mercato ed ha il monopolio, non
      voglio entrare in discussione di come abbia
      raggiunto tale potere, ma tutti noi lo
      sappiamo) producesse del softwares (dal
      sistema operativo, agli applicativi per
      internet, ad office) nettamente migliore di
      quello che produce oggi ed ad un prezzo
      nettamente inferiore. Beata gioventù...Forse tu ti ciucciavi il pollice all'epoca, ma non ti ricordi come tutti noi lavoravamo nel 1985. Ti garantisco che siamo anni luce avanti rispetto a quella data. E buona parte per merito di Microsoft.
    • Anonimo scrive:
      Re: Se Microsoft volesse, la soluzione ci sarebbe!
      - Scritto da: salva

      Se non che Microsoft, di fatto, se ne frega
      della nostra intelligenza e continua a
      propinarci applicativi a prezzi esorbitanti.
      La soluzione, quindi, ci sarebbe. Microsfot
      dovrebbe piantarla di piangere e lamentarsi
      per una situazione che Micrososft stessa ha
      creato e da cui ha tratto tanti benefici.
      Suvvia...Piagnoni!Allora la soluzione e` ancora piu` semplice. Dato che ci si basa sulle leggi di mercato, basta andare nei negozi e smettere di comprare software Micro$oft. Sono molti i negozi di Informatica, perfino in Italia, dove e` possibile avere il PC "nudo e crudo" e poi acquistare il sistema operativo altrove. Quanto a questo, poi, la scelta e` piu` vasta di quello che sembri, anche senza considerare per forza Linux (che non e` l'unica alternativa, e per certi campi nemmeno la migliore). Alcuni nomi?LinuxFreeBSDAltri Unix (Sun, per esempio)IBM OS/2 (esiste, esiste, non sfotta chi non sa)QNXBeOsSerenity Systems eCommerceStation(www.mensys.nl)E poi ce ne sono ancora altri. Basta cercare e smettere di appecoronarsi, io ho smesso di fidarmi di M$ dopo Win 3.1.
    • Anonimo scrive:
      Re: Se Microsoft volesse, la soluzione ci sarebbe!
      - Scritto da: salva

      Basterebbe che Microsoft (visto che detiene
      il 95% del mercato ed ha il monopolio, non
      voglio entrare in discussione di come abbia
      raggiunto tale potere, ma tutti noi lo
      sappiamo) producesse del softwares (dal
      sistema operativo, agli applicativi per
      internet, ad office) nettamente migliore di
      quello che produce oggi ed ad un prezzo
      nettamente inferiore. Scusate ma,
      sinceremante, spendere una cifra per
      acquistare Office o addirittura il sistema
      operativo più insicuro al mondo mi sembra
      molto offensivo per la nostra intelligenza.
      Se non che Microsoft, di fatto, se ne frega
      della nostra intelligenza e continua a
      propinarci applicativi a prezzi esorbitanti.
      La soluzione, quindi, ci sarebbe. Microsfot
      dovrebbe piantarla di piangere e lamentarsi
      per una situazione che Micrososft stessa ha
      creato e da cui ha tratto tanti benefici.
      Suvvia...Piagnoni!Assolutamente d'accordo. Se Microsoft Windows costasse L.49mila e Microsoft Office L.99mila, moltissimi correrebbero a comperarlo, ho fatto una piccola indagine proponendo la domanda a molti amici. Invece, con i prezzi assolutamente improponibili che pratica Microsoft oggi, la soluzione per chi non è un Rockfeller (e lo siamo quasi tutti viste le bollette quotidiane) è semplicemente passarsi il CD visto che a volte è indispensabile usare anche a casa gli stessi applicativi e spendere 99mila è un conto, spendere 1 milione e mezzo per Office o più è un'altro. Mi chiedo, con tutte le copie al mondo che venderebbero, come possono avere il coraggio, essendo la software house il cui software è il più diffuso al mondo a praticare certi prezzi? Forse i dipendenti Microsoft prendono molto di più dei 2milioni al mese che gli altri dipendenti prendono? E il mio mese dovrei spenderlo interamente per aggiornare Office all'ultima versione? Se abbassassero i prezzi, a mio parere sarebbero molto coraggiosi. Ma un taglio netto per vendere MOLTE copie originali in più, non certo un taglio di 200mila lire. Altrimenti... fate come me, cercate di usare suite alternative e GRATUITE, da StarOffice a 602Pro PC Suite:http://download.cnet.com/downloads/0-10016-100-7241521.html?tag=st.dl.10016-106-1.lst-5-6.7241521Microsoft, grazie per il vostro lavoro, ma io consiglierei:1) Abbassate enormemente i prezzi dei vostri prodotti, altrimenti non fermerete la pirateria. Logicamente chiunque preferirebbe avere una copia originale, ma a che prezzo? Non siamo Rockfeller.2) Investite un po' di meno nella ricerca che si allontana di molto dalle reali esigenze quotidiane. Il mio timore è che investiate cifre colossali in progetti che si riveleranno discutibili... quanti vorranno "affittare" Microsoft Word dal Web se esistono suite gratuite che permettono certamente a qualsiasi segretaria di scrivere le sue lettere?Cordiali saluti.
  • Anonimo scrive:
    Corretto
    Mi sembra che le affermazioni fatte siano assolutamente corrette. Del resto, chi usa software commerciale deve pagarlo e basta.Se non è interessato a pagare, allora si deve rivolgere a software free dove non è richiesto alcun pagamento.Per questo motivo, anch'io sono felice quanto vengono beccati e puniti i pirati.
    • Anonimo scrive:
      Re: Corretto
      - Scritto da: Antibufala
      Mi sembra che le affermazioni fatte siano
      assolutamente corrette. Del resto, chi usa
      software commerciale deve pagarlo e basta.
      Se non è interessato a pagare, allora si
      deve rivolgere a software free dove non è
      richiesto alcun pagamento.
      Per questo motivo, anch'io sono felice
      quanto vengono beccati e puniti i pirati.Vero, ma continuo a pensare che 100.000 come minimo per un videogiochino mi sembrano un po' troppe: e' lo stesso discorso della musica: prezzi troppo alti favoriscono la pirateria, con la scusa della pirateria non abbassano i prezzi.Sara' per creare nuovi posti di lavoro ???
      • Anonimo scrive:
        Re: Corretto

        Vero, ma continuo a pensare che 100.000 come
        minimo per un videogiochino mi sembrano un
        po' troppe: e' lo stesso discorso della
        musica: prezzi troppo alti favoriscono la
        pirateria, con la scusa della pirateria non
        abbassano i prezzi.Non sono d'accoro. Alcuni software shareware di basso costo sono ugalmente craccati. Del resto, se ti vedono un CD con 100 utilities da 10 Eur l'una e lo paghi 25 Eur. non potrai mai competere. Quindi, il software commerciale sarà sempre craccato qualunque sia il prezzo (
        di 0)
        Sara' per creare nuovi posti di lavoro ???Sicuramente, un'azienda commerciale privata che va bene ed incrementa le vendite è portata ad assumere di più.
      • Anonimo scrive:
        Re: Corretto
        - Scritto da: GrayLord
        - Scritto da: Antibufala


        Mi sembra che le affermazioni fatte siano

        assolutamente corrette. Del resto, chi usa

        software commerciale deve pagarlo e basta.

        Se non è interessato a pagare, allora si

        deve rivolgere a software free dove non è

        richiesto alcun pagamento.

        Per questo motivo, anch'io sono felice

        quanto vengono beccati e puniti i pirati.

        Vero, ma continuo a pensare che 100.000 come
        minimo per un videogiochino mi sembrano un
        po' troppe: e' lo stesso discorso della
        musica: prezzi troppo alti favoriscono la
        pirateria, con la scusa della pirateria non
        abbassano i prezzi.
        Non esageriamo: 100.000 per un giochino sono una cifra più che accettabile ... senza contare il fatto che se aspetti lo stesso gioco lo trovi a 80.000, poi a 60.000 ed infine, dopo un anno c.a., anche a 35.000.Questo lo fanno per riuscire a vendere sulle ennesime scelte (un gioco che non avresti mai comprato perchè hai già acquistato un gioco simile più di tuo gusto).La cosa è comprensibile perchè la catena di distribuzione di un gioco rimane sempre la stessa a differenza della musica o dei film che quando sono un po' vecchiotti vengono trasmessi per canali di broadcast (TV, radio, ecc.) a prezzi bassissimi (se uno vuole il CD o la videocassetta è fortemente motivato, tanto da giustificare un costo superiore).Ma tutto questo *non* è applicabile al sw per la produttività o ai sistemi operativi ...
  • Anonimo scrive:
    CORBELLERIE
    "Roma - L'attività antipirateria di Microsoft in tutto il mondo non ha eguali e la divisione italiana dell'azienda ha ieri voluto dettagliare l'impegno contro la duplicazione di software illegale e la diffusione di crack sulla rete, condendo il tutto con dei consigli."ma se ci son voluti 3 giorni per craccare windows XP e loro sono contro la pirateria ?voglio vedere senza la pirateria chi spende 500 000 lire per quel software di ME**A
    • Anonimo scrive:
      Re: CORBELLERIE

      ma se ci son voluti 3 giorni per craccare
      windows XP e loro sono contro la pirateria ?
      voglio vedere senza la pirateria chi spende
      500 000 lire per quel software di ME**A Se non ti piace, non comprarlo. Non è che se manca la tua licenza il mondo del software piange. Non installarlo, non craccarlo, non guardalo, fatti una bella passeggiata nel parco,...
  • Anonimo scrive:
    Contraffazione e Monopoli
    Nessuno ha garanzie al 100% che presenti e future versioni di software supportino un'altro OS diverso da Windows per via di motivi economici e/o commerciali.Infatti, sotto la folta schiera di fronzoli ed inutilities di Windows -purtroppo- c'è un OS vero e proprio (che cambia da release a release anche se non così velocemente di come vogliono darci a bere) ma totalmente 'alieno' da altri sistemi che presentano maggiori similitudini tra di loro (es. quelli che rispettano lo standard POSIX).L'enorme diffusione nel settore PC (ottenuta in un periodo in cui veniva offerto gratis -o quasi- per affermarlo come standard sul mercato) fa si che Windows (o, più precisamente, l'OS che c'è sotto i fronzoli) sia necessario nella stessa misura in cui è necessaria la benzina per le automobili (n.b.: non per i camion o gli aeroplani, che tanto usano principalmente gasolio o kerosene).E l'unica casa che a livello mondiale può produrre legalmente quella benzina è -guarda caso- proprio M$.Certo, ci sono anche dei programmi che possono funzionare con altro carburante ... ma non sono così tanti da escludere una situazione di monopolio.In questo momento di incertezza dove i sw M$ non riescono ad effettuare così facilmente la scalata verso i sistemi High-End (quelli diesel o a kerosene, per intenderci) e dove sono spuntati nuovi concorrenti (Linux) che possono divenire buoni sostituti dei propri prodotti soprattutto sul versante server (vedi il GPL, appunto), M$ vuole iniziare a trarre il massimo beneficio dalla sua posizione dominante nel settore PC per riuscire a mantenere costante il suo 'growth rate'.E come si può ottenere il massimo beneficio da una situazione di monopolio, prima che qualcun'altro (leggi antitrust, orientamento a lungo termine dei consumatori, ecc.) lo possa distruggere ?Semplice: basta incrementare a dismisura i prezzi e contrastare (e perseguire) nel modo più duro possibile la contraffazione (sia quella industriale che quella occasionale).M$ sa anche molto bene che molti utenti di OS precedenti ad XP non hanno acquistato l'OS e vuole spingere per la regolarizzazione ...Il calpestare i diritti degli utenti legittimi (WPA, ecc.) non gli interessa minimamente (tanto il mondo dei PC non può fare a meno di Windows).Si dice che anche Rockfeller era molto bravo in questa tipologia di attività (anche se più sui carburanti che sul sw).M$, come Rockfeller prima, continuerà ad agire in questa direzione finchè il suo monopolio non sarà completamente distrutto.Ogni utente nel suo piccolo farebbe bene a considerare molto bene questi aspetti, evitando in ogni modo forme di pirateria (che tanto anche se si craccka XP, M$ -attraverso Internet- può intercettare la copia pirata) ed a scegliere OS (o sw) alternativi con licenze meno restrittive.Prima di usare un qualunque sw (scaricato da Internet, avuto come copia pirata, acquistato regolarmente, ecc.), *leggetevi bene* la licenza d'uso e ponderate a lungo se è il caso di accettare i termini o meno (spesso *non* usare un sw è una soluzione molto più accettabile che acconsentire alla sua licenza d'uso).E questa è una cosa che tanti/troppi non fanno mai.Cambiando discorso, non capisco perchè nella pubblicità di XP, dietro la dicitura "Ora puoi", c'è gente allegra che vola invece di gente triste dietro le sbarre (vista la facilità con la quale possono identificare sw pirata o azioni illecite su XP, mi sembrerebbe il minimo).C'è qualcuno che ha qualche idea in proposito ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Contraffazione e Monopoli
      puoi", c'è gente allegra che vola invece di gente triste dietro le sbarre (vista la facilità con la quale possono identificare sw pirata o azioni illecite su XP, mi sembrerebbe il minimo).C'è qualcuno che ha qualche idea in proposito ?---------Si' un'idea ce l'ho. Bisogna smetterla di pensare che Microsoft possa impunemente installare un software spyware in Windows XP e, attraverso questo, denunciare qualcuno all'autorita'. Secondo la nostra legge non lo puo' fare perche':1 - Una denuncia per violazione del diritto d'autore non serve a nulla se non vengono raccolte le prove e le prove si raccolgono solamente perquisendo e sequestrando materiale informatico a casa di un eventuale utente2 - Il mandato di perquisizione e sequestro deve essere ampiamente motivato e autorizzato da un magistrato perche' la perquisizione stessa e' una grave eccezione ai diritti costituzionali e si puo' accettare solo nei casi previsti dalla legge3 - nessun magistrato firmerebbe mai un mandato di sequestro che portasse, come motivazioni, i dati rinvenuti da un software che viola il diritto alla privacy4 - se anche lo facesse, una tale motivazione, o una qualsiasi altra motivazione fittizia e non documentata che Microsoft potrebbe addurre a una simile richiesta farebbe subito scattare il dissequestro del materiale e l'archiviazione del caso presso il Tribunale delle Liberta'.In altre parole, mettiamoci in testa che Microsoft non puo' fare tutto cio' che vuole. Ovviamente prima o poi iniziera' a spingere per far approvare una legge che dichiari la legittimita' dello spyware, ed e' qui che bisognera' combattere per impedire che i nostri diritti vengano calpestati, cosi' come e' avvenuto per la legge sul diritto d'autore, dove Microsoft e' riuscita a fare del software l'unica tipologia di "opera d'ingegno" che prevede sanzioni penali in caso di copia occasionale.Alberto Scala
      • Anonimo scrive:
        Re: Contraffazione e Monopoli

        In altre parole, mettiamoci in testa che
        Microsoft non puo' fare tutto cio' che
        vuole. Ovviamente prima o poi iniziera' a
        spingere per far approvare una legge che
        dichiari la legittimita' dello spyware, ed
        e' qui che bisognera' combattere per
        impedire che i nostri diritti vengano
        calpestati, cosi' come e' avvenuto per la
        legge sul diritto d'autore, dove Microsoft
        e' riuscita a fare del software l'unica
        tipologia di "opera d'ingegno" che prevede
        sanzioni penali in caso di copia
        occasionale.niente da dire...cominciamo con il diritto d'autore...andremo avanti con misure come spyware...e non c'e due senza tre ????
  • Anonimo scrive:
    R.S.P.
    Voglio informare tutti che nella Repubblica di San Marino non esiste alcuna legge contro la pirateria.Esistono ivi aziende che duplicano su richiesta CD e DVD.Se siete interessati cercate i loro indirizzi sulle riviste specializzate.
  • Anonimo scrive:
    Hanno ragione!
    Anche Berlusconi si e' dichiarato d'accordo sull'uso dei mezzi nucleari per la lotta contro la pirateria."Dopo Bin Laden, l'Italia confermera' il suo ruolo di potenza mondiale, anche nel campo informatico", e ha proseguito ventilando l'uso dell'esercito nello stanare i pirati, affermando "sono alla stregua di terroristi per le mie, ehm volevo dire vostre, garanzie economica".A seguire ha proposto l'adozione di una nuova carta dei diritti del cittadino: "Tutti avranno il diritto di comperare Windows, e per i poveri ci sara' uno sconto del 2%".Il presidente Bush ha ringraziato il primo ministro italiano, regalandogli una miniatura di "cadrega imperiale in argento 18/10".
  • Anonimo scrive:
    Io combatto di già la pirateria!
    Infatti uso Linux ;)Così risparmio non so quante milalire di licenza, ho un sacco di software (buono) disponibile e se proprio ne ho voglia, investo i soldi risparmiati per software commerciale originale (tipo Quake3 ;)Pirateria? E chi ne ha bisogno?
    • Anonimo scrive:
      Re: Io combatto di gi?la pirateria!
      L'illusione è per chi non conosce l'open source.Fermo restando che Borland pone prezzi in regime di poca concorrenza, che pare destinato a non durare; in Linux convivono 2 forme di economie.Hai mai visto Apache? E' il miglior web server, lo puoi utilizzare per scopi commerciali ed è open.Hai mai visto Courier, Qmail, Sendmail? Sono server mail, coprono praticamente tutti i server mail ed sono open.Hai mai visto Nessus? E' un tool per il security scanner, meglio dei corrispondenti commerciali (infatti non parte dal presupposto che le porte TCP/IP ed UDP siano su quelle di default, ma le và a cercare al contrario dei tool commerciali), è open.Potrei continuare, a farti notare sw (non solo l'o.s.) professionale, usato regolarmente per scopi commerciali.In Linux convive sia economia closed, sia free; ciò che una ditta/utente può pagare in quella free è il supporto al prodotto, se lo vuole.Infine mai sentito parlare di X11? E' il server video di default di Linux (e non solo) elaborato al MIT, è usato anche su o.s. commerciali; e viene preso come spunto (il suo codice) per i server grafici lanciati sotto win*, commercilai, che oltrttutto sono scarni, e lenti; anche perchè un o.s. come win* che "spreca" risorse, li vede girare ovv. lentamente!E di Star Office?
      • Anonimo scrive:
        Re: Io combatto di gi?la pirateria!
        - Scritto da: BSD_like
        Hai mai visto Apache? E' il miglior web
        server, lo puoi utilizzare per scopi
        commerciali ed ?open.scusami un attimo cosa hanno inventato ha fare websfere (apache con unospruzzo di tools per renderlo più amichevole) se non erro costa e mica poco.
        Hai mai visto Courier, Qmail, Sendmail? Sono
        server mail, coprono praticamente tutti i
        server mail ed sono open.
        Hai mai visto Nessus? E' un tool per il
        security scanner, meglio dei corrispondenti
        commerciali (infatti non parte dal
        presupposto che le porte TCP/IP ed UDP siano
        su quelle di default, ma le v?a cercare al
        contrario dei tool commerciali), ?open.
        Potrei continuare, a farti notare sw (non
        solo l'o.s.) professionale, usato
        regolarmente per scopi commerciali.
        In Linux convive sia economia closed, sia
        free; ci?che una ditta/utente pu?pagare in
        quella free ?il supporto al prodotto, se lo
        vuole.
        Infine mai sentito parlare di X11? E' il
        server video di default di Linux (e non
        solo) elaborato al MIT, ?usato anche su
        o.s. commerciali; e viene preso come spunto
        (il suo codice) per i server grafici
        lanciati sotto win*, commercilai, che
        oltrttutto sono scarni, e lenti; anche
        perch?un o.s. come win* che "spreca"
        risorse, li vede girare ovv. lentamente!
        E di Star Office?scusami ti compri il computer (l'so win lo hai compreso nel prezzo) vai alla ricerca di sw free (riviste o web di alcune ti danno anche il codice) ed hai ottenuto con win le stesse cose che hai enumerato in linux (stesso livello di professionalità), ma se smetti di giocare e devi fare affari sia in linux che in win devi sborsare palanche
        • Anonimo scrive:
          Re: Io combatto di gi?la pirateria!
          Innanzi tutto, con win* non hai a prezzo "gratis", tutto il parco sw di Linux, anche quello che credo vedi normalmente, cioè i CD delle distro Linux.A queste puoi aggiungere altro sw gratis, come Star Office.Non ho mai detto che il sw per Linux sia generalmente configurabile in modo facile come sotto win* o altro o.s. closed (generalmente!), per cui se vuoi qualcosa di analogo, o tool che configurano questi sw open o assistenza sugli stessi è ovvio che le case che li fanno/lo fanno, vogliono (generalmente) essere pagate.Ma questo non implica che il sw open source destinato al commercio (anche) debba essere pagato.Tu, la ditta, paga qualcos'altro: tolls per rendere più veloce/facile la conf., l'assistenza.Ma se vuoi (a parte il fatto che esistono anche tool open per facilitare la conf.), puoi fare da solo ed utilizzarlo senza remore.E' una scelta, che non dipende dall'open source che fornisce solo il sw nudo e crudo senza assistenza (generalmente!).Cmq anche con l'assistenza è un bel risparmio!
          • Anonimo scrive:
            Re: Io combatto di gi?la pirateria!
            - Scritto da: BSD_like
            Innanzi tutto, con win* non hai a prezzo
            "gratis", tutto il parco sw di Linux, anche
            quello che credo vedi normalmente, cio?i CD
            delle distro Linux.
            A queste puoi aggiungere altro sw gratis,
            come Star Office.
            Non ho mai detto che il sw per Linux sia
            generalmente configurabile in modo facile
            come sotto win* o altro o.s. closed
            (generalmente!), per cui se vuoi qualcosa di
            analogo, o tool che configurano questi sw
            open o assistenza sugli stessi ?ovvio che
            le case che li fanno/lo fanno, vogliono
            (generalmente) essere pagate.
            Ma questo non implica che il sw open source
            destinato al commercio (anche) debba essere
            pagato.
            Tu, la ditta, paga qualcos'altro: tolls per
            rendere pi?veloce/facile la conf.,
            l'assistenza.
            Ma se vuoi (a parte il fatto che esistono
            anche tool open per facilitare la conf.),
            puoi fare da solo ed utilizzarlo senza
            remore.
            E' una scelta, che non dipende dall'open
            source che fornisce solo il sw nudo e crudo
            senza assistenza (generalmente!).
            Cmq anche con l'assistenza ?un bel
            risparmio!ribadisco con il free win puoi fare le stesse cose del free linux, e la quantità di programmi free win se non è superiore e identica a quella disponibile per linux.Ricordiamoci che non tutti gli utilizzatori di pc sono programmatori quindi a loro (e sono la maggior parte ) non interessa il codice sorgente dei tools che usano
          • Anonimo scrive:
            Re: Io combatto di gi?la pirateria!
            - Scritto da: ribadisco.....
            ribadisco con il free win puoi fare le
            stesse cose del free linux, e la quantità di
            programmi free win se non è superiore e
            identica a quella disponibile per linux.
            Ricordiamoci che non tutti gli utilizzatori
            di pc sono programmatori quindi a loro (e
            sono la maggior parte ) non interessa il
            codice sorgente dei tools che usanoSicuramente il free win e' una grossa risorsa ed altrettanto sicuramente alla maggior parte degli utilizzatori i sorgenti non interessano. Ma come quantita' ti posso assicurare che e' ben lontana da quella dei sw linux.
          • Anonimo scrive:
            Re: Io combatto di gi?la pirateria!
            Sicuro. Peccato che per avere il "free win" 2000 o XP che serve x applicazioni di questo tipo lo devi piratare o comprare x delle milionate
          • Anonimo scrive:
            Re: Io combatto di gi?la pirateria!
            - Scritto da: ribadisco

            ribadisco con il free win puoi fare le
            stesse cose del free linux, e la quantità di
            programmi free win se non è superiore e
            identica a quella disponibile per linux.
            Ricordiamoci che non tutti gli utilizzatori
            di pc sono programmatori quindi a loro (e
            sono la maggior parte ) non interessa il
            codice sorgente dei tools che usanoNoto che non hai mai usato linux.
      • Anonimo scrive:
        Re: Io combatto di gi?la pirateria!
        BSD_like.. è un po' che leggo (con interesse e piacere) tutti i tuoi post e volevo semplicemente farti i miei complimenti per le competenze che dimostri in ognuno di questi. Porti regolarmente esempi concreti, spesso schiaccianti, che non lasciano spazio a repliche.Con la massima stima. ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Io combatto di gi?la pirateria!
      - Scritto da: beativoichenoncapiteun...


      - Scritto da: blackhat

      Infatti uso Linux ;)

      Cos?risparmio non so quante milalire di

      licenza, ho un sacco di software (buono)

      disponibile e se proprio ne ho voglia,

      investo i soldi risparmiati per software

      commerciale originale (tipo Quake3 ;)

      Pirateria? E chi ne ha bisogno?

      ti ricordo che anche per linux se vuoi fare
      qualcosa di minimamente diverso dal giocare
      con il pc di casa, DEVI SBORSA SORDI IN
      LICENZE.E questa dove l'hai letta ? Su www.microsoft.com ?
      esempio il prodotto borland per programmare
      c'è la versione open (con cui puoi
      distribuire e realizzare solo sw gratis)No. Puoi sviluppare sw GPL. Se poi lo fai gratis o te lo fai pagare sono fatti tuoi.Ci sono poi n-mila tool di sviluppo GPL e librerie LGPL che ti consentono di scrivere sw sia GPL che proprietario. Unica restrizione e' che non puoi prendere frammenti di codice GPL e includerli in un programma commerciale.Se poi non programmi non hai alcuna restrizione.
      come vedi il gratis di linux e compani e
      solo un ILLUSIONE.Boh.. Io saro' beato di non capire un .... ma a me sembra tutto tranne che un illusione...
      • Anonimo scrive:
        Re: Io combatto di gi?la pirateria!
        visto che l'esempio borland non ti sconfinfera considera i vari sw antiintrusione in genere esiste la fersione free per l'utonto domestico, e la versione commerc.. molto costosa, ma di esempi ne esistono migliaia, probabilmente sei il solito utente casalingo oppure l'amministratore che gestisce in proprio la sua retina microaziendale che ha tanto tempo da perdere, io non posso permetermi di perdere un giorno a ravanare tra le regole di ipchan quindi devo pagare ed anche per linux
        • Anonimo scrive:
          Re: Io combatto di gi?la pirateria!
          - Scritto da: beativoicheavetetempo
          probabilmente sei il
          solito utente casalingo oppure
          l'amministratore che gestisce in proprio la
          sua retina microaziendale che ha tanto tempo
          da perdere, io non posso permetermi di
          perdere un giorno a ravanare tra le regole
          di ipchan quindi devo pagare ed anche per
          linuxMi pare giusto. Se vuoi che altri facciano le cose per te dovrebbero essere pagati, visto che tu che non sei un utente casalingo ne' un amministratore con tempo da perdere probabilmente avrai il tuo rendiconto economico da cotanta attivita` di alto livello.In ogni caso, pagare una persona che lavori per te mi sembra decisamente meglio che pagare un riccone d'oltreoceano per una scatola di cartone e due CD.E se il sistema in questione e` di una certa entita`, penso che alla fine il guadagno sia tutto per chi sceglie software libero.Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Io combatto di gi?la pirateria!
            - Scritto da: abel


            - Scritto da: beativoicheavetetempo

            probabilmente sei il

            solito utente casalingo oppure

            l'amministratore che gestisce in proprio
            la

            sua retina microaziendale che ha tanto
            tempo

            da perdere, io non posso permetermi di

            perdere un giorno a ravanare tra le regole

            di ipchan quindi devo pagare ed anche per

            linux

            Mi pare giusto. Se vuoi che altri facciano
            le cose per te dovrebbero essere pagati,
            visto che tu che non sei un utente casalingo
            ne' un amministratore con tempo da perdere
            probabilmente avrai il tuo rendiconto
            economico da cotanta attivita` di alto
            livello.ok mi trovi daccordo e lungi da me pensarla diversamente.
            In ogni caso, pagare una persona che
            lavori per te mi sembra decisamente meglio
            che pagare un riccone d'oltreoceano per una
            scatola di cartone e due CD.ricordati le società restano gli uomini no, secondo quello che scrivi per fare una cosa che M$ già realizza dovrei pagare una persona che dal niente la riproduce (sotto win o linux), ma ti rendi conto il tempo e i soldi che ci vogliono, e se la persona se ne và e mille altre considerazioni, la tua proposta e completamente fuori dal mondo, probabilmente non hai esperienza nella realizzazione di sw di utilita aziendale.
          • Anonimo scrive:
            Re: Io combatto di gi?la pirateria!
            - Scritto da: ma seisicuro


            - Scritto da: abel

            In ogni caso, pagare una persona che

            lavori per te mi sembra decisamente meglio

            che pagare un riccone d'oltreoceano per una

            scatola di cartone e due CD.

            ricordati le società restano gli uomini no,
            secondo quello che scrivi per fare una cosa
            che M$ già realizza dovrei pagare una
            persona che dal niente la riproduce (sotto
            win o linux),Non intendevo questo e chiedo scusa se non sono stato chiaro. Cerco di approfondire.La scelta Windows puo` essere ragionevole per chi non ha tempo di imparare, cercare documentazione, e` gia` familiare coi sistemi Microsoft e riesce bene o male a installare il software che gli serve a forza di menu o mouse.Un sistema Linux richiede spese per il software molto inferiori, ma richiede conoscenze tecniche maggiori. Ad un certo punto con i soldi risparmiati si puo` assumere un tecnico che gestisca il sistema, si spulci la documentazione eccetera.Ovviamente questo discorso e` subordinato all'esistenza per un sistema o l'altro del software che si intende usare.Sull'affermazione che le societa` restano, a parte che e` evidentemente un'approssimazione, il software libero resta piu` a lungo di chi lo ha prodotto, visto che la licenza d'uso (GPL o simili) e` illimitata e praticamente senza restrizioni. Se domani dovessi passare a un sistema a 256 bit, potrei prendermi un qualsiasi programmino GPL e ricompilarmelo (dopo eventuali modifiche). Non mi sarebbe possibile fare lo stesso con campo minato e men che meno con IIS, Word ecc.
          • Anonimo scrive:
            Re: Io combatto di gi?la pirateria!
            - Scritto da: abel

            - Scritto da: ma seisicuro





            - Scritto da: abel


            In ogni caso, pagare una persona che


            lavori per te mi sembra decisamente
            meglio


            che pagare un riccone d'oltreoceano
            per una


            scatola di cartone e due CD.



            ricordati le societ?restano gli uomini
            no,

            secondo quello che scrivi per fare una
            cosa

            che M$ gi?realizza dovrei pagare una

            persona che dal niente la riproduce (sotto

            win o linux),

            Non intendevo questo e chiedo scusa se non
            sono stato chiaro. Cerco di approfondire.
            La scelta Windows puo` essere ragionevole
            per chi non ha tempo di imparare, cercare
            documentazione, e` gia` familiare coi
            sistemi Microsoft e riesce bene o male a
            installare il software che gli serve a forza
            di menu o mouse.
            Un sistema Linux richiede spese per il
            software molto inferiori, ma richiede
            conoscenze tecniche maggiori. Ad un certo
            punto con i soldi risparmiati si puo`
            assumere un tecnico che gestisca il sistema,
            si spulci la documentazione eccetera.
            Ovviamente questo discorso e` subordinato
            all'esistenza per un sistema o l'altro del
            software che si intende usare.

            Sull'affermazione che le societa` restano, a
            parte che e` evidentemente
            un'approssimazione, il software libero resta
            piu` a lungo di chi lo ha prodotto, visto
            che la licenza d'uso (GPL o simili) e`
            illimitata e praticamente senza restrizioni.
            Se domani dovessi passare a un sistema a 256
            bit, potrei prendermi un qualsiasi
            programmino GPL e ricompilarmelo (dopo
            eventuali modifiche). Non mi sarebbe
            possibile fare lo stesso con campo minato e
            men che meno con IIS, Word ecc.ok mi trovi quasi concorde con te.L'unica perplessità che mi rimane e l'estrema facilità con cui affermi "potrei prendermi un qualsiasi programmino GPL e ricompilarmelo (dopo eventuali modifiche) ", non conosco le tue capacità come programmatore, ma molto tempo fa mi è capitato di dover modificare un progr. c per implementare in un'applicazione il protocollo kermit, ho utilizzato una versione free scaricata direttamente se non erro da un universita americana, ti posso dire una sola cosa ho dovuto CAGARE BULLONI.quindi ricordando questa amara avventura cerco altre vie prima di impelagarmi in modifiche di codice free or open sorcio.
        • Anonimo scrive:
          Re: Io combatto di gi?la pirateria!
          Io, faccio il sistemista UNIX (solo UNIX), attualmente anche con grandi società (ora lavoro all'enel.it: sez. informatica dell'enel), ed il tempo per studiarmi la configurazione di un tool la trovo. Anche perchè se vai su un progetto, hai bassa probabilità che 100 cose che servono sai ed 10 no; più probabile il contrario, perchè non è detto che vieni impiegato in progetti affini. Ed è la stessa società a lasciarti studiare il tool per il progetto.Come detto in Linux vivono 2 economie, se tu vuoi informazioni o assistenza per conf. un tool free, è giusto che paghi: ma il tool è gratis. Poi se una società decide di farci i soldi con l'assistenza allo stesso, e tu sei disposto a pagare....
    • Anonimo scrive:
      Re: Io combatto di gi?la pirateria!

      Già, peccato che non esista solo il
      compilatore Borland e peccato che comunqueDevi ammettere che avere uno strumento RAD che genera codice nativo per Linux sia assolutamente importante per il mondo degli sviluppatori. Devi dire la verità, mancava uno strumento così potente e con una storia solida (delphi). Non solo, il codice generato è compatibile anche a Windows con le librerie CLX.
      • Anonimo scrive:
        Re: Io combatto di gi?la pirateria!
        - Scritto da: Antibufala

        Gi? peccato che non esista solo il

        compilatore Borland e peccato che comunque

        Devi ammettere che avere uno strumento RAD
        che genera codice nativo per Linux sia
        assolutamente importante per il mondo degli
        sviluppatori.
        Devi dire la verit? mancava uno strumento
        cos?potente e con una storia solida
        (delphi). Non solo, il codice generato ?
        compatibile anche a Windows con le librerie
        CLX.ok però dire con una storia solida(delphi) mi sembra un po azzardato, anche la borland ha le sue strunzate da farsi perdonare, basta ricordare i cd con le versioni x.0(inusabili) sostituite con x.01
        • Anonimo scrive:
          Re: Io combatto di gi?la pirateria!

          ok però dire con una storia solida(delphi)
          mi sembra un po azzardato, anche la borland
          ha le sue strunzate da farsi perdonare,
          basta ricordare i cd con le versioni
          x.0(inusabili) sostituite con x.01 Borland ha fatto le sue cazzate con altri prodotti (vedi Jbuilder prime versioni). Ma Delphi è ed è stato uno strumento all'avanguardia ed unico nel contrapporsi con successo a Visual Studio. Kylix nasce dall'esperienza Delphi e fatica ancora ad entrare nella comunità Linux per due motivi: mancano gli sviluppatori e costa denaro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io combatto di gi?la pirateria!

      Gi? peccato che non esista solo il
      compilatore Borland e peccato che comunque
      almeno i soldi del sistema operativo e di
      Office te li possa risparmiare, e non ?cosa
      da poco, specie se hai 20 PC in azienda.
      se hai 20 pc ci sono tutti i vantaggi del multilicenze microsors, che ti fanno risparmiare, dandoti la possibilità di lavorare su un sistema all'avanguardia, dove per lavorare in maniera adeguata non devi perdere il lume della reggione dietro 1000 file di config.linux lo uso e più lo uso più sto apprezzando la potenza,la velocita e innovazione dei prodotti microtost.
      • Anonimo scrive:
        Re: Io combatto di gi?la pirateria!
        - Scritto da: andiamoavantinonindietro



        Gi? peccato che non esista solo il

        compilatore Borland e peccato che comunque

        almeno i soldi del sistema operativo e di

        Office te li possa risparmiare, e non
        ?cosa

        da poco, specie se hai 20 PC in azienda.


        se hai 20 pc ci sono tutti i vantaggi del
        multilicenze microsors, che ti fanno
        risparmiare, dandoti la possibilità di
        lavorare su un sistema all'avanguardia, dove
        per lavorare in maniera adeguata non devi
        perdere il lume della reggione dietro 1000
        file di config.
        linux lo uso e più lo uso più stoallora impara ad usarlo invece di angustiare tutti noi con queste idiozie. Mai sentito parlare di kickstart (non quello Amiga!)?
        apprezzando la potenza,la velocita e
        innovazione dei prodotti microtost. Finito con l'apologia?
    • Anonimo scrive:
      Re: Io combatto di gi?la pirateria!
      - Scritto da: beativoichenoncapiteun...

      esempio il prodotto borland per programmare
      c'è la versione open (con cui puoi
      distribuire e realizzare solo sw gratis)
      gratis ma con cui non ci realizzi nientebeh certo, se non sei capace... ;)i componenti che mancano alla versione Open Edition te li puoi pure creare da solo, e per la roba veramente grossa ci sono gia' vari progetti e varie suite di componenti pronti in continuo sviluppo
      se
      vuoi sviluppare veramente altro che gratis
      si parla di 3-4 milioni di lire da sborsaazz ma allora il gcc, Glade, KDevelop... dovevo pagarli e non lo sapevo? meno male che mi hai avvertito, che vuoi sono solo unochenoncapisceun...solo che a ben guardare... seideinostrianchetu ;)
  • Anonimo scrive:
    La delazione
    Colloquito tra M$-dipentente e dipendente-M$.- Pronto ?- Siii, qui e' la linea antipirateria Micro$oft. Dall'ID della sua chiamata risulta che lei e' gia' fortunato possessore di WinXP. Complimenti. Io le posso dire come si fa a riconoscere se la copia del suo amico e' contraffatta, ma forse sarebbe meglio che mi dicesse dove ha comprato il CD pirata !- Dunque ... blablabla.- Grazie. Oggi partono i due nostri legali e i rappresentanti della GdF. Buona giornata.La delazione puzza di marcio..Puzza di vecchi regimi, di olio di ricino, di ..
    • Anonimo scrive:
      Re: La delazione
      Puzza di CIVILTA'.
      • Anonimo scrive:
        Re: La delazione
        Puzza.
      • Anonimo scrive:
        Re: La delazione
        - Scritto da: Fox
        Puzza di CIVILTA'.Nemmeno nella piu' grande conquista degli ultimi 3 secoli (la Rivoluzione Francese del 1789) la delazione aveva una minima parvenza di civilta'. Intanto visto che ho comprato il PC senza Windows e ci ho messo sopra Linux mi aspetto una visita in casa dei Man in Black della BSA, accompagnati dalla GdF addestrata -guarda caso- da loro e dai loro complici della SIAE.
    • Anonimo scrive:
      Re: La delazione
      - Scritto da: Zot
      Colloquito tra M$-dipentente e dipendente-M$.

      - Pronto ?
      - Siii, qui e' la linea antipirateria
      Micro$oft. Dall'ID della sua chiamata
      risulta che lei e' gia' fortunato possessore
      di WinXP. Complimenti. Io le posso dire come
      si fa a riconoscere se la copia del suo
      amico e' contraffatta, ma forse sarebbe
      meglio che mi dicesse dove ha comprato il CD
      pirata !
      - Dunque ... blablabla.
      - Grazie. Oggi partono i due nostri legali e
      i rappresentanti della GdF. Buona giornata.

      La delazione puzza di marcio..
      Puzza di vecchi regimi, di olio di ricino,
      di ..
      e vai dal sw si passa alla politica poi facciamo una digressione alla religione e poi ci diamo tutti alla filosofia ed infine ce mettemo la parrucca rasta e ce fumammo na canna antiglobal.passeranno i mesi o gli anni ed alla fine anche tu per proteggere una tua creazione metterai password, id ecc.. viva la coerenza.
      • Anonimo scrive:
        Re: La delazione
        Niente politica, per l'Amor di Dio.Non sono di sinistra, non mi faccio spinelli, non sono un giottino e rispetto il lavoro altrui e la proprieta' privata.Quello che mi fa incazzare e' l'utilizzo della delazione per schedare e punire. E' un'arma a doppio taglio che puo' essere utilizzata per scopi che poco hanno a vedere con la pirateria. Vedi il 117 della finanza, utilizzato da alcuni per fare danni ad altri.La pirateria si combatte con i prezzi, con le licenze flessibili, con la qualita' e con il rispetto dei consumatori. Tutte cose che M$ non sa nemmeno dove stanno di casa.Zot
  • Anonimo scrive:
    Ma la pirateria, cmq è "un'affare" per Redmond!
    Se si va bene ad osservare, la M$ in fondo in fondo, non ha poi tutte perdite dalla duplicazione illegale di SW.Mi spiego: la possibilità che un'utente acquisti sw, se questo è destinato all'home, è molto bassa, o almeno "nessuno" (con il beneficio delle eccezzioni) acquista tutto il suo parco sw originale; ovv. sotto win* e sistemi closed, destinati all'home.Il fenomeno nelle ditte è ridotto, e nullo per le grandi.Stranamente, molto spesso, sw M$ piratato è già in circolazione prima del lancio ufficiale, oppure le beta ultime circolano con vari crack, senza che M$ intervenga, restando poi quei crack validi anche per l'originale.Il sospetto è che M$ (e non solo), usi questa forma di distribuzione illegale per "pubblicizzare" il suo sw, non essendo, poi, l'unica house a comportarsi così.Uno dei motivi dell'ascesa di win*, è proprio, inutile negarlo, il sw piratato: una persona si forma (ma al peggio, i sw per win* sia M$, sia altre, "nascondono" l'informatica) su quei sw, e poi porta quell'esperienza nella ditta di lavoro; non solo: continuerà a pretendere quel sw anche per l'house, magari pagandolo nelle vers. successive.Per cui si può desumere che nei confronti di questo fenomeno, la M$ abbia 2 volti a seconda delle occasioni (come detto non è l'unica house a comportarsi così): un volto strisciante, tollerante e silenzioso nei confronti della pirateria quando gli conviene; ed un volto hard quando del primo non ha più bisogno, cioè una volta che ha impostato ed affermato il suo monopolio nel campo interessato, o cmq vi sia riuscita ad ottenere un'affermazione.Tra l'altro M$ detiene l'o.s., generando quindi un'indubbio vantaggio a danno dei suoi concorrenti anche su questo terreno di "mezzucci" commerciali delle house dell'informatica.P.S.: Per gli ut. win*, prima che mi critichiate sulle lic. varie per win*, debbo dirvi che io win* non lo uso, ma uso o.s. UNIX (nè ho 11 inst.) e tutti con lic., sia l'o.s. sia il sw, open o da studente. Non ho assoluto bisogno di win*, che tengo solo perchè (il 95) ho 2 periferiche con driver TWAIN (i peggiori driver) che funzionano solo con win*.Del resto gli UNIX anche come desktop (soprattutto Linux) mi bastano ed avanzano, riesco a farci tutto anche guardare la TV, con la scheda TV sulla porta PCI. A tal proposito se utenti Linux vogliono notizie, mi avvertano, anche per FreeBSD.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma la pirateria, cmq è

      Se si va bene ad osservare, la M$ in fondo
      in fondo, non ha poi tutte perdite dalla
      duplicazione illegale di SW.La pirateria colpisce i grandi ma anche i piccoli. Tutti quelli che fanno utilities a 10/20 Eur si ritrovano un mondo di copie illegali e loro fanno la fame. Questo non è giusto e va combattuto.
      Stranamente, molto spesso, sw M$ piratato è
      già in circolazione prima del lancio
      ufficiale, oppure le beta ultime circolano
      con vari crack, senza che M$ intervenga,
      restando poi quei crack validi anche per
      l'originale.Che non intervenga non è vero. E poi le copie sono già in giro anche attraverso chi ha semplicemente l'MSDN in casa.
      Per cui si può desumere che nei confronti di
      questo fenomeno, la M$ abbia 2 volti aNon credo molto a questo. La software house più grande e famosa del mondo (nel bene e nel male) non ha bisogno di questo per farsi pubblicità. Spende 1/2 miliardi di USD ed entra in tutte le case lanciando il suo messaggio pubblicitario.
      Tra l'altro M$ detiene l'o.s., generando
      quindi un'indubbio vantaggio a danno dei
      suoi concorrenti anche su questo terreno di
      "mezzucci" commerciali delle house
      dell'informatica.La pubblicità è l'anima del commercio. Anche Linux ha avuto tanta pubblicità, come Java. E questo è stato un bene, tanto da renderli molto utilizzati e popolari.
      l'o.s. sia il sw, open o da studente. Non ho
      assoluto bisogno di win*, che tengo solo
      perchè (il 95) ho 2 periferiche con driver
      TWAIN (i peggiori driver) che funzionano
      solo con win*.Perchè non svilupparne uno in Linux ?
      con la scheda TV sulla porta PCI. A tal
      proposito se utenti Linux vogliono notizie,
      mi avvertano, anche per FreeBSD.Io ho 5 sistemi Windows in casa e uno Linux. Sono contento su tutti i versanti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma la pirateria, cmq è
        Con tutti quei o.s. win* io non sarei contento; cmq il dubbio del comportamento della M$, e non solo, ma anche delle altre sul terreno pirateria rimane.Le periferiche TWAIN, purtroppo sono le peggiori, perchè sono costruite per essere in simbiosi con un'o.s., che guarda il caso è win*.La periferica, non si preoccupa di fare tutte le operazioni, che delega, neanche alllo strato dell'hw del processore, ma all'o.s. della macchina.Le difficoltà d'integrare queste in Linux, sono per cui evidenti, si parlava di supportarle (2 anni fà) nel kernel 2.4.x di Linux (supporto generico, occorrevano poi i filtri; come per le stampanti, che molti ostinatamente chiamano driver: non esistono in UNIX i driver per alcune periferiche, ma più propriamente i filtri; e le stampanti, gli scanner sono tra queste.), poi il progetto passò al kernel 2.5.x (quello sperimentale, che ora dovrebbe nascere); poi non se Nè fece più nulla.Alcune periferiche TWAIN, sono oggi supportate in Linux, ma la maggioranza è lungi dall'esserlo e forse non lo sarà mai.Già perchè queste periferiche stanno scomparendo (per quel che sò in USB non esistono, o cmq sono rare), per cui il consiglio è a chi deve comprarne una: guardate la compatibilità.Per il resto, nuove periferiche sono sempre più supportate da Linux, sia attraverso i team open, sia direttamente dal costruttore: è un segnale che il monopolio M$ sta cedendo, sta finendo.E credo che questo segnale unito alla presenza sempre più cospicua di riviste Linux/UNIX e win/Linux, sono i segnali più veritieri su questo cambiamento.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma la pirateria, cmq è

          Per il resto, nuove periferiche sono sempre
          più supportate da Linux, sia attraverso i
          team open, sia direttamente dal costruttore:
          è un segnale che il monopolio M$ sta
          cedendo, sta finendo.Hai detto una cosa di grande interesse. Il "monopolio" Mocrosoft sta finendo in conseguenza ad una alternativa che non si è costruita nelle aule giudiziarie.
          E credo che questo segnale unito alla
          presenza sempre più cospicua di riviste
          Linux/UNIX e win/Linux, sono i segnali più
          veritieri su questo cambiamento.E ne sono felice. In regime di concorrenza (sui prodotti) si creano prodotti migliori.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma la pirateria, cmq è
            Cmq, la M$ deve rispondere della violazione delle norme USA sull'antitrust, indipendentemente dal successo di Linux o altri.E' stata riconosciuta colpevole da un processo di una corte federale (per giunta da un giudice repubblicano, nonostante M$ abbia regalato al partito federale repubblicano dei computer).Colpevole addirittura di comportamenti simili a quelli mafiosi nei confronti delle sw house che non volevano impegnarsi in esclusiva con i suoi prodotti, come Compaq.E il compromesso che vogliono far passare, non rende giustizia!
    • Anonimo scrive:
      Re: Unix e linux
      ciao, utilizzo mac os X 10.1 (che poggia su unix FreeBSD, Darwin è opensource). Che ne pensi? Volevo uno scambio di opinioni. Sei espertissimo di unix?

      P.S.: Per gli ut. win*, prima che mi
      critichiate sulle lic. varie per win*, debbo
      dirvi che io win* non lo uso, ma uso o.s.
      UNIX (nè ho 11 inst.) e tutti con lic., sia
      l'o.s. sia il sw, open o da studente. Non ho
      assoluto bisogno di win*, che tengo solo
      perchè (il 95) ho 2 periferiche con driver
      TWAIN (i peggiori driver) che funzionano
      solo con win*.
      Del resto gli UNIX anche come desktop
      (soprattutto Linux) mi bastano ed avanzano,
      riesco a farci tutto anche guardare la TV,
      con la scheda TV sulla porta PCI. A tal
      proposito se utenti Linux vogliono notizie,
      mi avvertano, anche per FreeBSD.
      • Anonimo scrive:
        Re: Unix e linux
        Il new system dell'Apple è uno dei migliori o.s., anche se non deriva interamente da Darwin.Infatti parte del suo kernel deriva anche da mach: mach era il kernel di hurd, che doveva essere l'o.s. open source della GNU; poi con l'arrivo e l'affermazione di Linux, hurd si è sempre più spento.Di buono mach aveva/ha, l'interazione del server grafico con il kernel, come oggi avviene con il kernel 2.4.x di Linux. Per Linux c'è voluto del tempo, prima di riuscire a convincere Linus stesso della necessità. Oltre a Linux e mach, un'altro kernel che ha già l'interazione con il server video è l'Irix della SGI.Da lì a creare un o.s. con kernel che gestisse una guy grafica (una guy grafica è diversa da un server grafico: la potenza di un server grafico è notevole) nel kernel, che fosse stabile come uno UNIX (UNIX compl.), ed semplice, per l'Apple è "bastato" studiare un progetto già esistente: Darwin ed aggiungerlo.Darwin è come dici il porting di FreeBSD all'arch. mac.I *BSD sono gli o.s. tecnicamente migliori, esistenti; il loro eccessivo tecnicismo, li relega, purtroppo ad una nicchia sia nel commerce, sia per l'utenza.Il connubbio che ha realizzato l'Apple è quindi eccezzionale, è riuscita ad avere un o.s. derivato BSD con unita una notevole semplicità. Ma attenzione, come già ho avuto modo di "parlare" in un post, non è vera l'eq.: macOX=Darwin=BSD.Se vuoi uno UNIX tot. BSD, scaricati (o trova) Darwin (non sò se lo desideri), da alcuni mesi Apple lo appoggia nello sviluppo direttamente.Poi, non esiste veramente chi sà al 100% dello UNIX, chi dice l'opposto mente; men che meno chi padroneggia in modo assoluto i *BSD. Lo UNIX è un paese sconfinato.E cmq se interessa, sono SysAdmin UNIX per alcune società.
  • Anonimo scrive:
    sospetto di complicità
    Sono d'accordo sui gravi problemi a cui puo portare la pirateria ma la mia opinione è che la microsoft almeno fino ad oggi (ed anche con WindowsXP non è migliorata di tanto) non si è abbastanza impegnata ad evitarla probabilmente perchè altrimenti non avrebbe avuto il successo che ha avuto nella diffusione dei prodotti 'home'.
    • Anonimo scrive:
      Re: sospetto di complicità
      Come ho anch'io riportato: concordo!
    • Anonimo scrive:
      Re: sospetto di complicità

      evitarla probabilmente perchè altrimenti non
      avrebbe avuto il successo che ha avuto nella
      diffusione dei prodotti 'home'.non e' di home che si preoccupa MS.ma di enterprise.Certo non verranno mai a romperti le scatole per la tua copia di XP, ma cercano di bloccare societa' che comprano una licenza studenti e poi installano su 100 macchine.E io sono d'accordo.Se non vuoi pagare, allora usa linux o bsd.Se con quel software ci guadagni, allora e' giusto che paghi ogni licenza.Perche' quello e' il contratto....ciao
  • Anonimo scrive:
    Non desiderare
    - Tutti i PC acquistati con Windows XP preinstallato devono presentare un'etichetta con un nuovo certificato di autenticità; l'etichetta contiene un ologramma con le parole "Microsoft" e "GENUINE".[...]Ricordo che la faccenda del bollino è già stata criticata da un utente... ad esempio io acquisto un altro pc ma ho già acquistato il sistema operativo, vendo il vecchio pc (formatto, sono un protettore del software originale, io! :-) ) e voglio installare XP sul nuovo, e l'adesivo si spetascia?O era un altro problema?- I prodotti Windows XP implementano una tecnologia software antipirateria denominata Microsoft Product Activation (qui un approfondimento di Plug-In/Punto Informatico) "studiata per verificare la conformità delle copie in uso alle relative licenze".Credo che non ci sia nulla di più criticabile della Product activation.Come già tutti hanno avuto modo di constatare.E se non avessi internet?Garantire il prodotto PRIMA (vedi articolo di ieri sul bloccaggio dei portatili con certe condizioni) e POI pretendere rigidità sulle regole.Perché io, utente, non posso pretendere _mai_ alcunché.- Microsoft ha creato poi il sito Web How to Tell per aiutare i consumatori a distinguere tra copie originali e contraffatte nell'acquisto di un nuovo PC. "How to Tell" è tradotto in oltre 30 lingue e possiede link verso più di 100 siti Web di produttori di personal computer.Si, però il service pack 6 in italiano per NT4 no, invece.Perché quello che serve A NOI non lo fanno, e quello che serve a loro si?E la fine del supporto per Win95 che ora è "più AS-IS" di prima?Non è assolutamente detto che io _debba_ avere un sistema operativo nuovo! Anche perché ho un pc in cui sta bene quello._OK_ era ovviamente una domanda retorica.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non desiderare
      - Scritto da: Fropty
      ......

      Ricordo che la faccenda del bollino è già
      stata criticata da un utente... ad esempio
      io acquisto un altro pc ma ho già acquistato
      il sistema operativo, vendo il vecchio pc
      (formatto, sono un protettore del software
      originale, io! :-) ) e voglio installare XP
      sul nuovo, e l'adesivo si spetascia?No. Se tu compri un PC con il s.o. preinstallato, la licenza di quest'ultimo e' legata indissolubilmente al PC e quindi tu non puoi utilizzarla su un altro PC. Cosa voglia dire poi "PC" nessuno lo sa tranne la Micro$oft. Su un PC infatti tu puoi combiare dei pezzi (perche' magari si guastano). La licenza e' legata all'HD (dove fisicamente risiede il s.o.), alla CPU (che fa funzionare il s.o.) o a qualche cosa di altro ? La domanda e' tutt'altro che accademica visto il "Microsoft Product Activation" di Win XP.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non desiderare
        - Scritto da: TeX
        No. Se tu compri un PC con il s.o.
        preinstallato, la licenza di quest'ultimo e'
        legata indissolubilmente al PC e quindi tu
        non puoi utilizzarla su un altro PC. Piu' o meno e' cosi'. La tua licenza vale per una macchina, quindi se vuoi installare l'OS su due devi avere due licenze.
        Cosa voglia dire poi "PC" nessuno lo sa
        tranne la Micro$oft. Su un PC infatti tu
        puoi combiare dei pezzi (perche' magari si
        guastano). La licenza e' legata all'HD (dove
        fisicamente risiede il s.o.), alla CPU (che
        fa funzionare il s.o.) o a qualche cosa di
        altro ? La domanda e' tutt'altro che
        accademica visto il "Microsoft Product
        Activation" di Win XP.La licenza e' legata ad una periferica bootabile.Segue che tu compri un drive cd-rom e la licenza oem. Se cambi pc, vendi quello vecchio senza cd e senza licenza. Monti il vecchio cd sul nuovo pc e sei a posto.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non desiderare
          - Scritto da: M$Rulez


          - Scritto da: TeX

          No. Se tu compri un PC con il s.o.

          preinstallato, la licenza di quest'ultimo
          e'

          legata indissolubilmente al PC e quindi tu

          non puoi utilizzarla su un altro PC.
          Piu' o meno e' cosi'. La tua licenza vale
          per una macchina, quindi se vuoi installare
          l'OS su due devi avere due licenze.Questo e' ovvio. Io volevo solo dire che non puoi trasferire una licenza OEM da un PC ad un altro.


          Cosa voglia dire poi "PC" nessuno lo sa

          tranne la Micro$oft. Su un PC infatti tu

          puoi combiare dei pezzi (perche' magari si

          guastano). La licenza e' legata all'HD
          (dove

          fisicamente risiede il s.o.), alla CPU
          (che

          fa funzionare il s.o.) o a qualche cosa di

          altro ? La domanda e' tutt'altro che

          accademica visto il "Microsoft Product

          Activation" di Win XP.
          La licenza e' legata ad una periferica
          bootabile.
          Segue che tu compri un drive cd-rom e la
          licenza oem. Se cambi pc, vendi quello
          vecchio senza cd e senza licenza. Monti il
          vecchio cd sul nuovo pc e sei a posto.E se non cambi il PC ma rompi il CD-ROM e sei costretto a cambiarlo devi comprare una nuova licenza (non OEM) ? Non e' una domanda retorica, e' una curiosita'.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non desiderare
            - Scritto da: TeX

            E se non cambi il PC ma rompi il CD-ROM e
            sei costretto a cambiarlo devi comprare una
            nuova licenza (non OEM) ? Non e' una domanda
            retorica, e' una curiosita'.Se te lo sostituiscono non e' un problema, ma se lo devi buttare via credo che si finisca nella logica del buonsenso. Io ho acqistato il diritto ad utilizzare l'OS assieme ad una periferica.Se la periferica si rompe, o microsoft me ne da' una nuova ( :) ) oppure compro un altro cd e continuo ad usare win. Finche ho una licenza e un pc tutto a posto. L'importante e' che quando io ho acquistato la licenza fossi in regola. La licenza non e' a tempo, quindi essa non perde validita' in caso di sostituzione dell'hardware.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non desiderare la donna d'altri
      ...
  • Anonimo scrive:
    CI DICA LA PRETORIANA GERMANO ..............
    Quanto risparmia un UTENTE che vuole acquistare un nuovo picci senza preinstallato l' XP-TOND del suo padrone DRAGASACCOCCE DI REDMOND.Tra l' altro, ricordo alla PRETORIANA GERMANO che l' accordo extragiudiziale ANTITRUST (per altro, le do atto, non ancora accettato dalle CONTROPARTI), prevede la rinuncia da parte della sua Microsoft di imporre ai produttori di picci la vendita degli stessi con preinstallati prodotti del DRAGA.D' accordo sui danni che fa la PIRATERIA alla proprietà intellettuale e all' industria, ma si guardi i danni ai neuroni ed al LIBERO MERCATO, e aggiungo allo sviluppo di SO/SW seri che hanno portato i SO del suo PADRONE DRAGASACCOCCE DI REDMOND.DISABILE & ANNIENTATA.
    • Anonimo scrive:
      Re: CI DICA LA PRETORIANA GERMANO ..............
      - Scritto da: Alien
      Quanto risparmia un UTENTE che vuole
      acquistare un nuovo picci senza
      preinstallato l' XP-TOND del suo padrone
      DRAGASACCOCCE DI REDMOND.

      Tra l' altro, ricordo alla PRETORIANA
      GERMANO che l' accordo extragiudiziale
      ANTITRUST (per altro, le do atto, non ancora
      accettato dalle CONTROPARTI), prevede la
      rinuncia da parte della sua Microsoft di
      imporre ai produttori di picci la vendita
      degli stessi con preinstallati prodotti del
      DRAGA.Come al solito dimostri di non aver capito un cazzo.I produttori di HW non sono MAI stati obbligati a pre-installare Windows sui PC. L'argomentazione della lobby anti-MS è che MS impediva a coloro che stipulavano un accordo di pre-installazione del Windows (OEM per colmare le tue ineffabili lacune di conoscenza) di installarlo "epurato" delle funzionalità considerate "immorali" da tutta quella banda di talebani come te.
      • Anonimo scrive:
        Re: CI DICA LA PRETORIANA GERMANO ..............
        - Scritto da: Darth Vader


        - Scritto da: Alien

        Quanto risparmia un UTENTE che vuole

        acquistare un nuovo picci senza

        preinstallato l' XP-TOND del suo padrone

        DRAGASACCOCCE DI REDMOND.



        Tra l' altro, ricordo alla PRETORIANA

        GERMANO che l' accordo extragiudiziale

        ANTITRUST (per altro, le do atto, non
        ancora

        accettato dalle CONTROPARTI), prevede la

        rinuncia da parte della sua Microsoft di

        imporre ai produttori di picci la vendita

        degli stessi con preinstallati prodotti
        del

        DRAGA.

        Come al solito dimostri di non aver capito
        un cazzo.

        I produttori di HW non sono MAI stati
        obbligati a pre-installare Windows sui PC.
        L'argomentazione della lobby anti-MS è che
        MS impediva a coloro che stipulavano un
        accordo di pre-installazione del Windows
        (OEM per colmare le tue ineffabili lacune di
        conoscenza) di installarlo "epurato" delle
        funzionalità considerate "immorali" da tutta
        quella banda di talebani come te.
        Ciao Darth.Anche te è un sacco di tempo che sei sparito dalla circolazione.Notavo tuoi sporadici post sul forum, ma non dell' intensità solita.Del resto, è possibile che un Alto Ufficiale PRETORIANO come te, possa andare per certi periodi al HQ di Redmond per il necessario ricondizionamento.Fatta questa breve premessa di benternato, nel merito ti dico che non sono certo io a non capire un cazzo.Il tuo padrone DRAGASACCOCCE DI REDMOND, che come sai è sottoposto ed è stato condannato in primo grado in un pesante processo ANTITRUST, certo, si è guardato bene dal far mettere nero su bianco ai produttori di HW di preinstallare obbligatoriamenti i suoi SO.Ma sai, come i mafiosi non firmano contratti, è possibile ugualmente quando si è costruita una posizione DOMINANTE obbligare altri a fare ciò che è utile per il proprio tornaconto senza firmare contratti.In merito ai TALEBANI, nonostante tutto e nonostante i burka cui obbligano le loro donne, devo dirti che preferisco 100 TALEBANI dentro casa, che il tuo DRAGASACCOCCE DI REDMOND sull' Uscio.In merito alla Signora PRETORIANA Germano di cui tanto ti stanno a cuore le difese, aggiungo che ormai le vostre argomentazioni in difesa della vostra politica industriale, sono ormai note alla gran parte dell' IT come fumose ARRAMPICATE SUI VETRI.
      • Anonimo scrive:
        Re: CI DICA LA PRETORIANA GERMANO ..............
        Nel processo antitrust, contro la M$ tenuto da una corte federale degli USA, con giudice di simpatia repubblicana (la M$ durante il processo si è permessa, senza pudore, di regalare al partito federale repubblicano USA, computer vari con sù installato il suo sw), è stata ritenuta colpevole di condotta contraria alle norme che regolano l'antitrust degli USA.E' emerso che suddetta violazione, contempla anche l'obbligo da parte del fornitore/costruttore hw di preinstallare il PC con win*, integro così come "mamma" M$ l'ha fatto! Suddette richieste ai produttori, è stato appurato, sono avvenute in vari modi: dai più teneri, a quelli ritenuti simili a comportamenti mafiosi, come nel caso di Compaq.E' stato d'altronde il gruppo dirigente di Compaq quello che più ha insistito su questi argomenti.Pena, per il costruttore che trasgredisse alla richiesta M$, la mancanza di supporto pieno o parziale di win* al sw in questione, non inserendolo nel CD win*, oppure rendendo l'architettura del costruttore non ideale per win* il più possibile. Motivando ciò dal fatto che non esistendo accordi di esclusiva, la M$ non si impegnava con soldi e tempo a supportare pienamente il prodotto hw del costruttore in questione.Questo è avvenuto (come recitò al processo Compaq) nei confronti di Compaq ed altri.Se né deduce che ogni persona che non tolleri simili comportamenti, debba: non chiedere, ma pretendere che la M$ subisca una condanna, che sia più vera e giusta del compromesso proposto pochi giorni fà.
        • Anonimo scrive:
          Re: CI DICA LA PRETORIANA GERMANO ..............
          - Scritto da: BSD_like
          Nel processo antitrust, contro la M$ tenuto
          da una corte federale degli USA, con giudice
          di simpatia repubblicana (la M$ durante il
          processo si è permessa, senza pudore, di
          regalare al partito federale repubblicano
          USA, computer vari con sù installato il suo
          sw), è stata ritenuta colpevole di condotta
          contraria alle norme che regolano
          l'antitrust degli USA.
          E' emerso che suddetta violazione, contempla
          anche l'obbligo da parte del
          fornitore/costruttore hw di preinstallare il
          PC con win*, integro così come "mamma" M$
          l'ha fatto! Suddette richieste ai
          produttori, è stato appurato, sono avvenute
          in vari modi: dai più teneri, a quelli
          ritenuti simili a comportamenti mafiosi,
          come nel caso di Compaq.
          E' stato d'altronde il gruppo dirigente di
          Compaq quello che più ha insistito su questi
          argomenti.
          Pena, per il costruttore che trasgredisse
          alla richiesta M$, la mancanza di supporto
          pieno o parziale di win* al sw in questione,
          non inserendolo nel CD win*, oppure rendendo
          l'architettura del costruttore non ideale
          per win* il più possibile. Motivando ciò dal
          fatto che non esistendo accordi di
          esclusiva, la M$ non si impegnava con soldi
          e tempo a supportare pienamente il prodotto
          hw del costruttore in questione.
          Questo è avvenuto (come recitò al processo
          Compaq) nei confronti di Compaq ed altri.
          Se né deduce che ogni persona che non
          tolleri simili comportamenti, debba: non
          chiedere, ma pretendere che la M$ subisca
          una condanna, che sia più vera e giusta del
          compromesso proposto pochi giorni fà.Ok BSD.Bye from Alien.
        • Anonimo scrive:
          Re: CI DICA LA PRETORIANA GERMANO ..............

          Pena, per il costruttore che trasgredisse
          alla richiesta M$, la mancanza di supporto
          pieno o parziale di win* al sw in questione,
          non inserendolo nel CD win*, oppure rendendo
          l'architettura del costruttore non ideale
          per win* il più possibile. Motivando ciò dal
          fatto che non esistendo accordi di
          esclusiva, la M$ non si impegnava con soldi
          e tempo a supportare pienamente il prodotto
          hw del costruttore in questione.ecco in cosa perdono tempo...che balle...
  • Anonimo scrive:
    una domanda a Maria Paola Germano
    il fatto che non siate capaci nemmeno di risolvere il problema della pirateria con il vostro prodotto di punta, deve forse farci riflettere sulla gestione della sicurezza che il vostro software garantisce negli ambiti in cui e' installato?In altri termini, se non riuscite a difendere il vostro prodotto, cosa dovrebbe indurre i vostri clienti a pensare che riuscirete a difendere il loro?
    • Anonimo scrive:
      Re: una domanda a Maria Paola Germano

      il fatto che non siate capaci nemmeno di
      risolvere il problema della pirateria con il
      vostro prodotto di punta, deve forse farci
      riflettere sulla gestione della sicurezza
      che il vostro software garantisce negli
      ambiti in cui e' installato?

      In altri termini, se non riuscite a
      difendere il vostro prodotto, cosa dovrebbe
      indurre i vostri clienti a pensare che
      riuscirete a difendere il loro?esiste qualche sistema COMODO (per l'utente che paga) di difendersi dalle masterizzazioni illecite?se si, sviluppiamolo insieme che facciamo i soldi... :)se no, allora ci teniamo le cose come stanno...puoi inserire tutti i sistemi che vuoi, ma alla fine a rimetterci e' solo chi paga, specialmente se il sistema di sicurezza richiede attivazioni, seriali da richiedere via tel o perggio chiavi hardware...ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: una domanda a Maria Paola Germano
        - Scritto da: maks
        esiste qualche sistema COMODO (per l'utente
        che paga) di difendersi dalle
        masterizzazioni illecite?io lo conosco gia'
        • Anonimo scrive:
          Re: una domanda a Maria Paola Germano
          - Scritto da: munehiro
          - Scritto da: maks

          esiste qualche sistema COMODO (per
          l'utente

          che paga) di difendersi dalle

          masterizzazioni illecite?

          io lo conosco gia'Anch'io, inizia con la L
          • Anonimo scrive:
            Re: una domanda a Maria Paola Germano

            Anch'io, inizia con la L...e finisce con Free Software! :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: una domanda a Maria Paola Germano
            - Scritto da: Luca

            Anch'io, inizia con la L

            ...e finisce con Free Software! :-)Che dire..."Linux is like a wigwam: nno windows, no gates, apache inside!"
          • Anonimo scrive:
            Re: una domanda a Maria Paola Germano
            ebblavo...clap clap, è un figo questo!
        • Anonimo scrive:
          Re: una domanda a Maria Paola Germano
          - Scritto da: munehiro
          - Scritto da: maks

          esiste qualche sistema COMODO (per
          l'utente

          che paga) di difendersi dalle

          masterizzazioni illecite?

          io lo conosco gia'Troppo facile. I tuoi amichetti scopiazzano a testa bassa anche Caldera e Suse... è un viziaccio che certa gente non si toglierà MAI.Però, chissà perchè in giro non si trovano tante copie pirata di QNX, VeRTex o pSOS...
          • Anonimo scrive:
            Re: una domanda a Maria Paola Germano
            Non capisco la necessità di masterizzare "illegalmente"(?) dei Cd le cui immagini ISO sono download-bili dai rispettivi siti delle house Linux!Oltrettutto la suddetta masterizzazione è permessa, tranne quella per il sw coperto da licenza closed che eventualmente si trovasse sul CD.
          • Anonimo scrive:
            Re: una domanda a Maria Paola Germano
            - Scritto da: BSD_like
            Non capisco la necessità di masterizzare
            "illegalmente"(?) dei Cd le cui immagini ISO
            sono download-bili dai rispettivi siti delle
            house Linux!
            Oltrettutto la suddetta masterizzazione è
            permessa, tranne quella per il sw coperto da
            licenza closed che eventualmente si trovasse
            sul CD.Legga meglio le licenze di Suse e Caldera, dottore... e conti i CD nel box vs. le immagini ISO disponibili.In ogni caso, c'è sempre gente che copierebbe a scrocco qualsiasi cosa, pur di non scucire i 50 euro di una qualsiasi distribuzione boxed... e onestamente mi fanno schifo.
          • Anonimo scrive:
            Re: una domanda a Maria Paola Germano
            Giustissimo.Colgo l'occasione per ricordare che losviluppo di Linux si basa anche (ed in questacongiuntura soprattutto) sul lavoro dialcune software house, che necessitano di*entrate* per sopravvivere.Visto anche il costo piu' che ragionevoleche hanno alcune distribuzioni, invitereigli utenti Linux a voler acquistare ledistribuzioni che usano (io ho appenaacquistato Mandrake 8.1 e SuSE 7.3).Non si tratta di pagare per una scatola(120-130 mila lire per 7 CD e corposimanuali mi sembra comunque equo).ma soprattutto di un investimento sullaliberta'.Saluti e scuse per l'OT.
    • Anonimo scrive:
      Re: una domanda a Maria Paola Germano
      Copione !hai letto un post mio di ieri ?GPL innanzitutto ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: una domanda a Maria Paola Germano
      Stai scherzando, vero?Ogni software e' piratabile, e gli OS non sono da meno. - Scritto da: munehiro
      il fatto che non siate capaci nemmeno di
      risolvere il problema della pirateria con il
      vostro prodotto di punta, deve forse farci
      riflettere sulla gestione della sicurezza
      che il vostro software garantisce negli
      ambiti in cui e' installato?

      In altri termini, se non riuscite a
      difendere il vostro prodotto, cosa dovrebbe
      indurre i vostri clienti a pensare che
      riuscirete a difendere il loro?
      • Anonimo scrive:
        Re: una domanda a Maria Paola Germano
        Bè, quasi, non esiste nessuna, ripeto nessuna forma crittografica, che con il tempo un computer (anche un PC) non possa aprire. Più è potente il computer, più è inserito in cluster e questo tempo si abbassa.Per cui se alla M$ mettessero chiavi più forti a protezione del sia del suo sw, sia anche dell'o.s. per la masterizzazione, verrebbe cmq crakato l'algoritmo.Ma più è forte la chiave, più tempo occorrerebbe al crack-atore; e se questi riuscisse a decrittarla dopo, diciamo 2 anni, non se né farebbe nulla. L'unico scompenso è che allungherebbe anche i tempi per la decrittografia, che avrebbe il computer dell'utente onesto; che nel 99% dei casi non è in cluster, è su arch. IA; quindi non potente; ed impiegherebbe magari 10 gg per verificare l'autenticità e procedere con l'installazione.Ma, in linea teorica, se si vuole si può impedire il crack. Anche Echelon si basa su questo principio; computer in cluster (arch. principalmente non IA), che elaborano e cercano di decrittare i messaggi, nel più breve tempo possibile; perchè il problema non è il se, ma il quando!
      • Anonimo scrive:
        Re: una domanda a Maria Paola Germano
        Bè, quasi, non esiste nessuna, ripeto nessuna forma crittografica, che con il tempo un computer (anche un PC) non possa aprire. Più è potente il computer, più è inserito in cluster e questo tempo si abbassa.Per cui se alla M$ mettessero chiavi più forti a protezione del sia del suo sw, sia anche dell'o.s. per la masterizzazione, verrebbe cmq crakato l'algoritmo.Ma più è forte la chiave, più tempo occorrerebbe al crack-atore; e se questi riuscisse a decrittarla dopo, diciamo 2 anni, non se né farebbe nulla. L'unico scompenso è che allungherebbe anche i tempi per la decrittografia, che avrebbe il computer dell'utente onesto; che nel 99% dei casi non è in cluster, è su arch. IA; quindi non potente; ed impiegherebbe magari 10 gg per verificare l'autenticità e procedere con l'installazione.Ma, in linea teorica, se si vuole si può impedire il crack. Anche Echelon si basa su questo principio; computer in cluster (arch. principalmente non IA), che elaborano e cercano di decrittare i messaggi, nel più breve tempo possibile; perchè il problema non è il se, ma il quando!
    • Anonimo scrive:
      Re: una domanda a Maria Paola Germano
      - Scritto da: munehiro
      il fatto che non siate capaci nemmeno di
      risolvere il problema della pirateria con il
      vostro prodotto di punta, deve forse farci
      riflettere sulla gestione della sicurezza
      che il vostro software garantisce negli
      ambiti in cui e' installato?Orsù, dai, caro munehiro, non crederai mica che, qui alla Microsoft, si spendano soldi e tempo per combattere la pirateria!UN CONTO è dichiarare ai quattro venti che la pirateria è male e fare finta di battersi per debellare il mondo da questa piaga.UN ALTRO CONTO è essere consapevoli che le uniche copie di Windows XP vendute legalmente ai privati sono quelle di William e di sua moglie (ne hanno acquistato due copie, perchè a volte lavorano contemporaneamente) - tutti gli altri dipendenti Microsoft hanno ricevuto il CD gratis :-)L'importante è che la gente sia convinta che la pirateria è male, anche se non è vero. E' questa la nostra filosofia. In tutto.Facci caso.L'importante è che la gente sia convinta che con Windows XP "ora puoi...".L'importante è che la gente sia convinta che internet l'abbiamo inventata noi, anche se noi abbiamo solo provato a farne un clone (the Microsoft Network) a pagamento (te lo ricordi? Ah, che meraviglia, tutto proprietario, fuori standard...).L'importante è che la gente creda che i virus sono prodotti dai cattivoni, anche se sono i nostri sistemi (autluc in primis) a fare schifo.L'importante è che la gente creda che Word è standard (Ahahahaha :-))))).Poi, in futuro, quando tutto il popolo bue sarà sottomesso alla dittatura illuminata dalla finestra di Bill, allora sì, metteremo delle protezioni vere contro la copia illegale, e non diremo ai pirati come fare a craccarle.Diventeremo i padroni del mondo.Con affettoMaria Paola
      • Anonimo scrive:
        Re: una domanda a Maria Paola Germano
        I miei complimenti, stupenda e divertente (oltre che veritiera!).
        • Anonimo scrive:
          Re: una domanda a Maria Paola Germano

          I miei complimenti, stupenda e divertente
          (oltre che veritiera!).non del tutto, il mondo non lo conquiesteranno mai...
    • Anonimo scrive:
      Re: una domanda a Maria Paola Germano
      - Scritto da: munehiro
      In altri termini, se non riuscite a
      difendere il vostro prodotto, cosa dovrebbe
      indurre i vostri clienti a pensare che
      riuscirete a difendere il loro?Fammi capire, qual'e' il nesso fra le due cose?
    • Anonimo scrive:
      Re: una domanda a Maria Paola Germano
      In effetti il modo migliore è quello di Linux:no funzionalità = no potenziali punti di appiglio per malintenzionati.Praticamente la vostra è una casa senza né porte né finestre: nessun ladro entrerà mai.- Scritto da: munehiro
      il fatto che non siate capaci nemmeno di
      risolvere il problema della pirateria con il
      vostro prodotto di punta, deve forse farci
      riflettere sulla gestione della sicurezza
      che il vostro software garantisce negli
      ambiti in cui e' installato?

      In altri termini, se non riuscite a
      difendere il vostro prodotto, cosa dovrebbe
      indurre i vostri clienti a pensare che
      riuscirete a difendere il loro?
      • Anonimo scrive:
        Re: una domanda a Maria Paola Germano
        - Scritto da: Darth Vader
        In effetti il modo migliore è quello di
        Linux:

        no funzionalità = no potenziali punti di
        appiglio per malintenzionati.

        Praticamente la vostra è una casa senza né
        porte né finestre: nessun ladro entrerà mai.Ma in Linux puoi sempre aprire un'entrata quando serve ^__^
        • Anonimo scrive:
          Re: una domanda a Maria Paola Germano


          In effetti il modo migliore è quello di

          Linux:



          no funzionalità = no potenziali punti di

          appiglio per malintenzionati.



          Praticamente la vostra è una casa senza né

          porte né finestre: nessun ladro entrerà
          mai.

          Ma in Linux puoi sempre aprire un'entrata
          quando serve ^__^al massimo buttiamo giu il muro.,..;-0)
Chiudi i commenti