ATI bombarda il GeForce4 con nuovi Radeon

Per entrare in ogni anfratto del mercato delle schede grafiche consumer, ATI lancia tre nuovi Radeon basati sul giovane chip R300 del 9700 Pro e dedicati alla fascia media. Prezzi fra i 200 e i 400 euro
Per entrare in ogni anfratto del mercato delle schede grafiche consumer, ATI lancia tre nuovi Radeon basati sul giovane chip R300 del 9700 Pro e dedicati alla fascia media. Prezzi fra i 200 e i 400 euro


Markham (Canada) – Con una strategia sempre più aggressiva, ATI svela alcune nuove schede grafiche che hanno l’obiettivo di colmare le attuali lacune nella sua offerta – in termini di prezzo e potenza – e andare a battagliare sempre più da vicino con le schede GeForce 4 di Nvidia.

Dopo aver introdotto sul mercato di fascia alta la sua nuova generazione di processori grafici R300, alla base dell’attuale linea di schede Radeon 9700 Pro, e aver dato in pasto al mercato di massa la famiglia di prodotti Radeon 9000, basati sul chip RV250, il chipmaker canadese lancia ora sul mercato tre nuovi modelli di schede video basate sulla GPU R300 e dedicate al mercato di fascia media.

Due fra i nuovi modelli di schede appartengono ad una nuova famiglia di prodotti battezzata Radeon 9500, che si pone come via di mezzo fra i Radeon 9000 e i Radeon 9700. Composta da due modelli, la versione base e quella Pro, questa nuova famiglia di schede grafiche offre pieno supporto dalle librerie DirectX 9.0 di Microsoft, adotta l’AGP 8X e condivide con il Radeon 9700 Pro lo stesso insieme base di funzionalità: rispetto a quest’ultimo, i Radeon 9500 adottano però un bus con la memoria di 128 bit, contro i 256 bit del Radeon 9700, e frequenze di clock pari a 275 MHz per il chip e 540 MHz per la memoria (contro i 325/620 MHz del Radeon 9700 Pro).

Rispetto al Radeon 9500 Pro, la versione base dispone di una quantità di memoria video dimezzata, pari a 64 MB, e di sole 4 pipeline di rendering al posto delle 8 disponibili negli altri modelli di schede grafiche basate sul chip R300.

Accanto alla nuova famiglia di schede a basso costo, ATI ha poi lanciato una versione “depotenziata” del Radeon 9700, che in questo caso perde il suffisso “Pro”, il quale differisce dal fratello maggiore unicamente per le frequenze di clock di chip e memoria, qui identiche a quelle del Radeon 9500: 275/540 MHz.

I prezzi in euro dei nuovi prodotti dovrebbero aggirarsi, inclusa l’IVA, sui 360 euro per il Radeon 9700, i 250 euro per il Radeon 9500 Pro ed i 210 euro per il Radeon 9500. Il prezzo suggerito da ATI per i modelli di Radeon 9×00 già sul mercato, il 9000 e il 9700 Pro, è rispettivamente di circa 160 euro e 480 euro.

La linea di prodotti etichettata come “Pro” sarà prodotta e commercializzata esclusivamente da ATI con la dicitura “Build by ATI”, mentre i modelli di schede video non Pro verranno prodotti dai partner con la dicitura “Powered by ATI”.

Mentre ATI tenta di spingere sull’acceleratore e mettere strada fra sé e la sua diretta rivale, Nvidia si dibatte fra alcuni problemi di produzione che faranno con tutta probabilità slittare il rilascio della sua nuova generazione di chip grafici, l’NV30, di uno o due mesi rispetto alle previsioni. La causa dei problemi di Nvidia sarebbe da imputarsi alla scelta, per i suoi nuovi processori, di un processo di produzione a 0,13 micron: sebbene questo processo, più sofisticato di quello a 0,15 micron adottato da ATI, potrebbe darle nel medio termine un certo vantaggio tecnologico, al momento presenta maggiori difficoltà nella messa a punto della produzione dei wafer di silicio.

Alcuni osservatori sostengono che la produzione in quantità dell’NV30, il cui nome commerciale sarà GeForce5, potrebbe cominciare soltanto verso la fine dell’anno: la conseguenza è che Nvidia potrebbe mancare quasi del tutto il favorevole periodo natalizio.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

27 10 2002
Link copiato negli appunti