ATI lancia il Radeon X550

ATI lancia una nuova GPU PCI Express con clock da 400 Mhz e prestazioni paragonabili al GeForce 6200 di Nvidia


Roma – ATI completa la sua linea con la nuova scheda grafica Radeon X550, un modello entry level con interfaccia PCI Express. Saranno disponibili versioni con 128 MB e 256 MB di memoria DDR1, con frequenza di 250 MHz e interfaccia a 64 bit/128 bit. La velocità di clock del processore, invece, è stata settata sui 400 Mhz. La risoluzione massima raggiungibile sarà di 2048 x 1536 pixel a 85 Hz per i monitor e 1024 x 768 pixel per TV.

Come altri modelli della serie Radeon sono state integrate le tecnologie Hyper Z III, capace di migliorare le prestazioni di Z-Buffer, SmartShader 2.0, Smoothvision 2.1, Fullestream e Hydravision.

Secondo i test effettuati da ATI la Radeon X550 128 MB è in grado di ottenere mediamente prestazioni migliori, alla risoluzione di 1024 x 768 pixel, della diretta concorrente del GeForce 6200 di Nvidia con 256 MB di memoria.

I listini non sono ancora stati comunicati ufficialmente, ma probabilmente la versione da 128 MB costerà circa 80/85 euro, quella da 256 MB circa 90/95 euro.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    m$ sta inglobando...
    ... tutto quanto, o peggio si prende solo il meglio e lascia il resto con alcuni pezzi mancanti vedi anche Anders Hejlsberg uno dei padri di delphi :-(
  • Anonimo scrive:
    Come si dice....
    La miglior forma di complimento è l' imitazione.Qui addirittura si arriva alla cooptazione.Ma come faranno a dire i wintroll che con l' open source non si mangia?E i poveri lin-fan-boy come potranno parlare male di microzzoz se ci lavorano solo programmatori open?Morale della favola se vuoi lavorare a Redmond impara Linux e lascia perdere il VB.
  • Anonimo scrive:
    Micro$oft compra sempre i suoi nemici!
    Anche quando questi non sono aziende ma solo persone intelligenti...
    • Mechano scrive:
      Re: Micro$oft compra sempre i suoi nemic
      - Scritto da: Anonimo

      Anche quando questi non sono aziende ma solo
      persone intelligenti...Non è mai molto intelligente andare a lavorare per Micro$oft. Forse opportunistico, ma di certo non intelligente...__Mr. Mechano
      • Anonimo scrive:
        Re: Micro$oft compra sempre i suoi nemic
        - Scritto da: Mechano

        - Scritto da: Anonimo



        Anche quando questi non sono aziende ma solo

        persone intelligenti...

        Non è mai molto intelligente andare a lavorare
        per Micro$oft. Forse opportunistico, ma di certo
        non intelligente...

        __
        Mr. MechanoAh no? Non è intelligente andare a lavorare per una delle 3 o 4 maor del settore che non sta licenziando ma sta assumendo?
        • Anonimo scrive:
          Re: Micro$oft compra sempre i suoi nemic
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Mechano



          - Scritto da: Anonimo





          Anche quando questi non sono aziende ma solo


          persone intelligenti...



          Non è mai molto intelligente andare a lavorare

          per Micro$oft. Forse opportunistico, ma di certo

          non intelligente...



          __

          Mr. Mechano

          Ah no? Non è intelligente andare a lavorare per
          una delle 3 o 4 maor del settore che non sta
          licenziando ma sta assumendo?ma che gli rispondi a fare, si vede a 1 KM che è invidioso fradicio, e come la volpe, dice che l'uva è acerba
          • Anonimo scrive:
            Re: Micro$oft compra sempre i suoi nemic
            Ragazzi onestamente se fossi un programmatore indipendente e dopo anni e anni di programmazione mi si offrisse una possibilità del genere non vedo come fare a non prenderla in considerazione. Senza contare che quello che ti riesce meglio (progettare e programmare) può darti anche il pane...
  • Bubba_Smith scrive:
    [Redazione...] Grosse inesattezze

    Manca la piccola parola ***ex*** davanti a CEO. Vi informo che Robbins non ricopre più questa carica da aprile 2004 o giù di lì...
    • Anonimo scrive:
      Re: [Redazione...] Grosse inesattezze
      Spacca pure il capello in 4 ma tanto il comunicato su gentoo.org è chiarissimo:Gentoo founder and former Gentoo Chief Architect Daniel Robbins began a new position at Microsoft on 23 May 2005. According to drobbins: "I'm helping Microsoft to understand Open Source and community-based projects." While in the midst of hastily packing to move to Redmond, drobbins nonetheless managed to find the time to finalize the transfer of Gentoo's intellectual property (essentially copyrights on ebuilds and other software as well as soon-to-be trademarked Gentoo logos) to the not-for-profit Gentoo Foundation, Inc.ha fatto il salto del fosso del resto gentoo proprio per le sue peculiarità è una distro mooolto interessante ma non in grado di avere risvolti sul mercato consumer o enterprise.
      • Bubba_Smith scrive:
        Re: [Redazione...] Grosse inesattezze
        - Scritto da: Anonimo
        Spacca pure il capello in 4 ma tanto il
        comunicato su gentoo.org è chiarissimo:

        Gentoo founder and ***former*** Gentoo Chief
        Architect [cut]Appunto. Il comunicato, che io ho riassunto, dice una cosa. Quello che ha scritto PI lascia invece intendere che Robbins attualmente, e magari ancora per un po', stia lavorando contemporaneamente per Gentoo e Microsoft; cosa falsa perché è da un anno che si è ritirato da Gentoo per la sua situazione economica infelice, e adesso coglie la palla al balzo e, già che si trasferisce a Redmond per il suo nuovo impiego, onde evitare battute e conflitti di interessi ne approfitta per *ultimare* le procedure (già in stato avanzatissimo, manca qualche cavillo) di trasferimento di proprietà intellettuale, alla fondazione senza scopo di lucro Gentoo che si costituì dopo il suo ritiro.Nota a margine: i proventi della merce di http://store.gentoo.org, invece, a tempo indeterminato continuano ad andare in tasca al buon Daniel. Ciò fu deciso quando lui, oberato dai debiti, si dimise da CEO e "abbandonò" Gentoo. Forse, ora che la famiglia Robbins non farà più la fame, Daniel si staccherà anche da store.gentoo.org per la massima trasparenza.
        ha fatto il salto del fosso del resto gentoo
        proprio per le sue peculiarità è una distro
        mooolto interessante ma non in grado di avere
        risvolti sul mercato consumer o enterprise.Mah, questo è completamente un altro discorso, comunque conosco aziende non piccolissime che usano Gentoo in produzione.In definitiva sono felice per Daniel, che ha dato tanto a noi utenti Gentoo (ha inventato il sistema Portage).Ciao,-Bubba
        • Bubba_Smith scrive:
          Re: [Redazione...] Grosse inesattezze
          Mi correggo: store.gentoo.org ha chiuso.-Bubba
        • Anonimo scrive:
          Re: [Redazione...] Grosse inesattezze

          Appunto. Il comunicato, che io ho riassunto, dice
          una cosa. Quello che ha scritto PI lasciaBeh, in realtà non l'ha scritto PI, e questo spiega le molte inesattezze... Spero che la redazione ci pensi due volte prima di ripubblicare roba da tuxjournal.net ;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: [Redazione...] Grosse inesattezze
            ti assicuro che TuxJournal.net si è dimostrata una rivista seria e in grande crescita. Capita a tutti di prendere qualche svista, specialmente agli inizi. :p
          • Mechano scrive:
            Re: [Redazione...] Grosse inesattezze
            - Scritto da: Anonimo
            ti assicuro che TuxJournal.net si è dimostrata
            una rivista seria e in grande crescita. Capita a
            tutti di prendere qualche svista, specialmente
            agli inizi. :pNoo non è granché come rivista online.Buona parte degli inserzionisti sono ragazzetti poco più che adolescenti come quello che al passaggio alle CPU Intel da parte di Apple scrisse un articolo apocalittico sulla fine di Linux e il passaggio a MacOSX di tutti gli utenti Win invece che a Linux.Scordandosi di cosa sia l'opensource e del perchè si sviluppa e si sceglie open.Omettendo (per ignoranza) che le macchine Apple avranno firmware e chip proprietari e che non sarebbe cambiato nulla, ossia le stesse macchinecarine a vedersi, mediocri dentro e abbastanza care... Cambia solo un chip all'interno da IBM a Intel.Anche qualche altro articolo è abbastanza superficiale e non tiene conto delle scelte storiche che hanno portato a quel software o a quella soluzione. Dimostrazione che gli articolisti hanno memoria storica informatica molto corta, oltre che un linguaggio ancora poco maturo.Non mi piace come rivista online...__Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: [Redazione...] Grosse inesattezze
            - Scritto da: Mechano

            - Scritto da: Anonimo

            ti assicuro che TuxJournal.net si è dimostrata

            una rivista seria e in grande crescita. Capita a

            tutti di prendere qualche svista, specialmente

            agli inizi. :p

            Noo non è granché come rivista online.

            Buona parte degli inserzionisti sono ragazzetti
            poco più che adolescenti come quello che al
            passaggio alle CPU Intel da parte di Apple
            scrisse un articolo apocalittico sulla fine di
            Linux e il passaggio a MacOSX di tutti gli utenti
            Win invece che a Linux.sul fatto che sono dei ragazzetti, questo è vero, ma è anche vero che la storia di apple-intel-linux è stata presa in considerazione da grandi riviste mondiali di informaticaPI non ne parla solo perchè ha paura di perdere la simpatia dei ragazzini pro-linuxe in effetti, osservando il tuo commento, ha proprio ragione

            Scordandosi di cosa sia l'opensource e del perchè
            si sviluppa e si sceglie open.open vuol dire fanatismo informatico, nonchè darsi la zappa sui piedi appositamente... a meno che non si è solo dei venditori di ferraglia
            Omettendo (per ignoranza) che le macchine Apple
            avranno firmware e chip proprietari e che non
            sarebbe cambiato nulla, ossia le stesse
            macchinecarine a vedersi, mediocri dentro e
            abbastanza care... Cambia solo un chip
            all'interno da IBM a Intel.cambia tutto, ma proprio tuttoe ora torna a giocare con linux

            Non mi piace come rivista online...
            non ti piace solo perchè non la pensa come te al 100% ???è proprio vero, linux sta facendo risorgere il comunismo della peggior specie
        • Anonimo scrive:
          Re: [Redazione...] Grosse inesattezze
          Nella sostanza la notizia è corretta quanto al resto se gentoo si fosse rivelata commercialmente appetibile non avremmo assistito a questo salto del fossato....
      • riddler scrive:
        Re: [Redazione...] Grosse inesattezze
        - Scritto da: Anonimo
        ha fatto il salto del fosso del resto gentoo
        proprio per le sue peculiarità è una distro
        mooolto interessante ma non in grado di avere
        risvolti sul mercato consumer o enterprise.Non sono d'accordo, se io dovessi mettere su una render farm non userei altro che gentoo, sempre che i pacchetti per il rendering siano open. Questo perche' ricompilando i programmi con i flag da me impostati posso ottenere prestazioni decisamente superiori.
  • Anonimo scrive:
    per uno che parte 1000 arrivano
    Apple negli ultimi anni ha assunto un nrimprecisato di programmatori osse provenienti da mozilla. Microsoft ne haassunti un bel numero a partire da fine anni90. Non so se Robbins riuscirà a convinceregates a rendere opensource il sw microsoft.Quello che è sicuro, è che ne arriveranno moltialtri come lui, e anche migliori, per innovarel'informatica tramite il sw aperto
    • Anonimo scrive:
      Re: per uno che parte 1000 arrivano
      - Scritto da: Anonimo
      Apple negli ultimi anni ha assunto un nr
      imprecisato di programmatori oss
      e provenienti da mozilla. Microsoft ne ha
      assunti un bel numero a partire da fine anni
      90. Non so se Robbins riuscirà a convincere
      gates a rendere opensource il sw microsoft.
      Quello che è sicuro, è che ne arriveranno molti
      altri come lui, e anche migliori, per innovare
      l'informatica tramite il sw apertosi è tu credi alla favola che questi programmatori open source vengono assunti per fare evangelizzazione open.... ahahahahaha che ingenuo!io invece credo alla teoria secondo la quale l'uomo non vive solo di aria ma anche di pane
      • Anonimo scrive:
        Re: per uno che parte 1000 arrivano
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Apple negli ultimi anni ha assunto un nr

        imprecisato di programmatori oss

        e provenienti da mozilla. Microsoft ne ha

        assunti un bel numero a partire da fine anni

        90. Non so se Robbins riuscirà a convincere

        gates a rendere opensource il sw microsoft.

        Quello che è sicuro, è che ne arriveranno molti

        altri come lui, e anche migliori, per innovare

        l'informatica tramite il sw aperto

        si è tu credi alla favola che questi
        programmatori open source vengono assunti per
        fare evangelizzazione open.... ahahahahaha che
        ingenuo!

        io invece credo alla teoria secondo la quale
        l'uomo non vive solo di aria ma anche di paneVerissimo. Ma grazie a dio ( o chi per lui ), oltre al pane c'è anche chi ha una personalità viva e non $ o ? dipendente, e magari influenzerà positivamente il software m$ ....
        • Anonimo scrive:
          Re: per uno che parte 1000 arrivano
          - Scritto da: Anonimo
          Verissimo. Ma grazie a dio ( o chi per lui ),
          oltre al pane c'è anche chi ha una personalità
          viva e non $ o ? dipendente, e magari influenzerà
          positivamente il software m$ ....C'è poco da influenzare, a microsoft non conviene aprire un fico secco, almeno non secondo licenze tipo la GPL.Quelli hanno il monopolio, devono solo mantenerlo e agli azionisti devono solo dire cose che aumentano i profitti.Comunque mi fa ridere sentire affermare che per uno (il fondatore poi) che se ne va ne arrivano altri 1000 anche migliori. Non è così, se uno bravo se ne va, fra l'altro uno che conosce bene il progetto, è sempre un problema. Il resto sono slogan da fanatici che probabilmente non contribuiranno mai a un progetto opensource in vita loro.
      • Anonimo scrive:
        Re: per uno che parte 1000 arrivano

        io invece credo alla teoria secondo la quale
        l'uomo non vive solo di aria ma anche di paneChe c'e' di male? Che c'e' di male se prima di ottenere un lavoro ben pagato qualcuno usa il proprio tempo costruttivamente collaborando a progetti di portata mondiale? Questo, ovviamente, non puo' voler dire "sposare" la causa dell'open source o del free software.Le contrapposizioni ideologiche non portano da nessuna parte; lo stesso Linus Torvalds si e' sempre tirato fuori da qualsiasi strumentalizzazione del genere.
        • Anonimo scrive:
          Re: per uno che parte 1000 arrivano
          - Scritto da: Anonimo

          io invece credo alla teoria secondo la quale

          l'uomo non vive solo di aria ma anche di pane

          Che c'e' di male? Che c'e' di male se prima di
          ottenere un lavoro ben pagato qualcuno usa il
          proprio tempo costruttivamente collaborando a
          progetti di portata mondiale? Questo, ovviamente,
          non puo' voler dire "sposare" la causa dell'open
          source o del free software.Vuol dire che con l'open è difficile magnare.
          Le contrapposizioni ideologiche non portano da
          nessuna parte; lo stesso Linus Torvalds si e'
          sempre tirato fuori da qualsiasi
          strumentalizzazione del genere.Veramente qualche posizione per bitkeeper l'ha presa e un certo Bruce Perens gli ha dato dell'idiota: "There are times when LinusTorvalds can be a real idiot"A cui aggiungo frasi passate di Richard Stallman: 'Linus is just an engineer'e Alan Cox: "Linus is a bad engineer"
          • Anonimo scrive:
            Re: per uno che parte 1000 arrivano
            :) Linus avrà i suoi difetti, come tutte le persone, ma è una guida e dirige il più grande progetto software mai sviluppato in rete. Chiamalo idiota..
          • Anonimo scrive:
            Re: per uno che parte 1000 arrivano
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Le contrapposizioni ideologiche non portano da

            nessuna parte; lo stesso Linus Torvalds si e'

            sempre tirato fuori da qualsiasi

            strumentalizzazione del genere.

            Veramente qualche posizione per bitkeeper l'ha
            presa e un certo Bruce Perens gli ha dato
            dell'idiota: "There are times when Linus
            Torvalds can be a real idiot"

            A cui aggiungo frasi passate di Richard Stallman:
            'Linus is just an engineer'

            e Alan Cox: "Linus is a bad engineer"OK, la battuta di Perens è carina, Cox è stato un po' acidello, ma Stallman come al solito, al solo nominare Linus rosica come un castorino puzzolone barbuto.http://www.clarence.com/multimedia/mp3/donchuckilcastoro.mp3:D
          • Anonimo scrive:
            Re: per uno che parte 1000 arrivano

            http://www.clarence.com/multimedia/mp3/donchuckilcastoro.mp3grazie per questo prezioso link che mi ha fattocapire tante cose: per uno che va via 1000 arrivano,alcuni un po rompiballe
Chiudi i commenti