ATI sfida Nvidia e vende i suoi chip

Per la prima volta nella sua storia ATI concederà in licenza a terzi tutta la sua gamma di chip grafici, incluso il Radeon, una mossa tesa a contrastare lo strapotere di Nvidia e a mantenere i prezzi bassi. Un bonus per tutto il mercato


Taipei (Taiwan) – Per reggere la concorrenza con Nvidia – il noto produttore di chipset grafici che, dopo l’acquisto di 3Dfx , è divenuto un colossissimo del settore – ATI ha annunciato un drastico cambio di rotta nel suo business: concedere in licenza a terzi l’intera gamma di chip grafici.

Fino ad oggi ATI ha sempre prodotto in esclusiva le schede grafiche per i suoi chip, ma la forte concorrenza con Nvidia l’ha oggi spinta ad una scelta che, se avrà successo, le permetterà di mantenere concorrenziale il prezzo dei suoi chip.

Come è noto Nvidia non produce schede grafiche, evitando così di mettersi in competizione con i suoi partner e focalizzando l’attenzione su ciò che sa fare meglio: i chip. Una strada che l’ormai defunta 3Dfx seguì con successo fino all’acquisto, nel 1998, di STB: da allora decise di produrre schede grafiche in proprio senza più concedere in licenza i suoi chip, e nonostante il ripensamento dello scorso novembre, l’azienda crollò letteralmente su sé stessa. I motivi del fallimento di 3Dfx non sono certo imputabili unicamente a questa sua scelta, ma sicuramente incisero parecchio sul suo destino.

Quella di ATI rimane comunque una soluzione ibrida, visto che continuerà a produrre schede grafiche per il mercato al dettaglio e per i grossi OEM come Apple, lasciando invece i grandi canali di distribuzione all’ingrosso e dei system integrator ai suoi nuovi partner.

Grazie a questa “apertura” è possibile aspettarsi che il prezzo della famiglia di chipset ATI, in particolare il Radeon, potrà abbassarsi sensibilmente e tornare a competere da vicino non soltanto con la famiglia di GPU GeForce di Nvidia, ma anche con un più recente ma già temibile terzo incomodo come il chipset Kyro II assemblato da STMicroelectronics.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Quelli di apache.org...
    ... non sanno configurare apache e linux, e' chiaro. Mica e' colpa del sistema, che e' a dir poco assoluto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quelli di apache.org...

      ... non sanno configurare apache e linux, e'
      chiaro. Mica e' colpa del sistema, che e' a
      dir poco assoluto.Ah...pensavo fosse x colpa del caldo. E' strano che quelli che scrivono un software non sappiano configurarlo...
      • Anonimo scrive:
        Re: Quelli di apache.org...
        Se non lo sanno configurare neanche loro allora chi dovrebbe saperlo fare....????? Chiamiamo il mago forrester!!!Ma fammi il piacere, l'hanno bucato e basta!Anche lipux ha i suoi limiti- Scritto da: Ciao

        ... non sanno configurare apache e linux,
        e'

        chiaro. Mica e' colpa del sistema, che e'
        a

        dir poco assoluto.

        Ah...pensavo fosse x colpa del caldo. E'
        strano che quelli che scrivono un software
        non sappiano configurarlo...
        • Anonimo scrive:
          Re: Quelli di apache.org...
          - Scritto da: KJK::Hyperion
          no, rete di server Linux. Anche lì lo stesso
          problema, anche lì un software di terze
          partiMa linux non e' tutto fatto da terze parti?
        • Anonimo scrive:
          Re: Quelli di apache.org...
          - Scritto da: Dbg
          ???
          E leggere bene prima di parlare??Stai chiedendo a questa gente di usare il cervello....ma lo sai che hai delle pretese assurde? 8-))fraternamente
          • Anonimo scrive:
            Re: Quelli di apache.org...

            Stai chiedendo a questa gente di usare il
            cervello....ma lo sai che hai delle pretese
            assurde? 8-))
            fraternamenteL'assurdo e' il vostro mestiere no? Altrimenti non usereste linux.
          • Anonimo scrive:
            Re: Quelli di apache.org...
            assurdo è solo il tuo cervello.- Scritto da: Ciao



            Stai chiedendo a questa gente di usare il

            cervello....ma lo sai che hai delle
            pretese

            assurde? 8-))

            fraternamente

            L'assurdo e' il vostro mestiere no?
            Altrimenti non usereste linux.
        • Anonimo scrive:
          Re: Quelli di apache.org...

          no, rete di server Linux. Anche lì lo stesso
          problema, anche lì un software di terze
          partiUn software per windows? Un software closed source?
        • Anonimo scrive:
          Re: Quelli di apache.org...
          - Scritto da: Ciao
          Meeeeeglio ancora... quelli che fanno da
          repository per tutto il software
          opensource... ottime mani niente da dire.Ah scusa, pensavo che volessi capire come era andata cosi da capire e non fare supposizioni campate in aria su un sistema su cui non hai mai schiacciato un tasto.Lascio lo spazio ad altri.
          • Anonimo scrive:
            Re: Quelli di apache.org...

            Ah scusa, pensavo che volessi capire come
            era andata cosi da capire e non fare
            supposizioni campate in aria su un sistema
            su cui non hai mai schiacciato un tasto.Guarda che lo so benissimo che quando un sistema unix viene bucato la colpa non e' mai di unix ma sempre di questo o quel prodotto fatto da altri... ormai e' storia vecchia siete monotoni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quelli di apache.org...

      ... non sanno configurare apache e linux, e'
      chiaro. Mica e' colpa del sistema, che e' a
      dir poco assoluto.è uno scenario ridicolo. Tutti così assurdamente prudenti... ragazzi, era un bug, non una disattenzione, proprio un buco e bello grosso, in un programma non loro. Il sistema non è infallibile, non difendetelo a spada tratta in un modo tanto patetico
      • Anonimo scrive:
        Re: Quelli di apache.org...
        - Scritto da: KJK::Hyperion
        è uno scenario ridicolo. Tutti così
        assurdamente prudenti... ragazzi, era un
        bug, non una disattenzione, proprio un buco
        e bello grosso, in un programma non loro. Il
        sistema non è infallibile, non difendetelo a
        spada tratta in un modo tanto pateticoSvegliaaaaaaaaaaaaaa ... era sarcasmo!!!!!, era un post contro linux.Se la pianti di fare l'intelligentone e' meglio, cosi magari puoi intervenire dicendo qualcosa di interessante e non solo critiche personali.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quelli di apache.org...
      - Scritto da: MaTePensa

      ... non sanno configurare apache e linux, e'
      chiaro. Mica e' colpa del sistema, che e' a
      dir poco assoluto.
      Infatti adesso chiameranno il super tecnico nostrano, quello col caps lock bloccato, quello delle "riunioni tecniche". Gli telefoneranno dicendo: "Ci porti due caffe'? Grazie."
  • Anonimo scrive:
    Mah.
    Ecco la dimostrazione di quanto sia facile criticare windows e difficile criticare Linux.La mancanza di 200 post in questi treads dimostra sempre piu' la vigliaccheria, il pressapochismo e l'ipocrisia da parte di tutti quelli che se ce da parlare male di Microsoft spuntano come funghi.Sarà meglio che si abituino poiche' gli hacker che si divertono a bucare i sistemi unix stanno aumentando, i bachi sono sempre piu' numerosi anche se gli utenti sono si contano sulle dita.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah.
      - Scritto da: Alex
      Ecco la dimostrazione di quanto sia facile
      criticare windows e difficile criticare
      Linux.
      La mancanza di 200 post in questi treads
      dimostra sempre piu' la vigliaccheria, il
      pressapochismo e l'ipocrisia da parte di
      tutti quelli che se ce da parlare male di
      Microsoft spuntano come funghi.
      Sarà meglio che si abituino poiche' gli
      hacker che si divertono a bucare i sistemi
      unix stanno aumentando, i bachi sono sempre
      piu' numerosi anche se gli utenti sono si
      contano sulle dita.
      Ma quante cavolo di dita hai??
      • Anonimo scrive:
        Re: Mah.
        Per descrivere la percentuale degli utenti linux ne bastano 2.- Scritto da: Krecker
        Ma quante cavolo di dita hai??
        • Anonimo scrive:
          Re: Mah.
          Alex ti facevo più intelligente.- Scritto da: Alex
          Per descrivere la percentuale degli utenti
          linux ne bastano 2.

          - Scritto da: Krecker

          Ma quante cavolo di dita hai??
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah.
            - Scritto da: z

            Alex ti facevo più intelligente.

            - Scritto da: Alex

            Per descrivere la percentuale degli utenti

            linux ne bastano 2.



            - Scritto da: Krecker


            Ma quante cavolo di dita hai??

            Nemmeno con le provocazioni si viene a discutere questa notizia, chiediti piuttosto come mai 500 post per un'affermazione di un tipo e nessuno o quasi per un Apache.org hackerato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah.
      - Scritto da: Alex
      Sarà meglio che si abituino poiche' gli
      hacker che si divertono a bucare i sistemidato che non conosci nemmeno il significato delle parole hacker e cracker, non credo che la tua opinione sia minimamente rilevante
  • Anonimo scrive:
    mi ride il ....
    Una volta ho sentito ua frase del tipo:"Bravi Bravi, usate ancora Windows".. e scusate se è poco, tutti quelli che se la ridono di coloro che usano WindowsNT(senza MINIMAMENTE considerare che per alcuni non è una scelta ma un obbligo per questioni di tempo e conoscenze)mentre loro usano Unix o Linux.Mi ride il b del c fino a Natale.Quelli di Source Forge e quelli di ASF credo con un buon grado di certezza, siano definibili quali esperti come pochi.Eppure li hanno bucati.Al primo che mi rompe ancora le balle gli tiro una scarica di cd di linux nei denti.Anche io lo sto imparando, di certo quando lo conoscerò non mi metterò a ridere di quelli che usano Winzoz. L'unica risata che mi concedo è la seguenteha ha ha ha ha ha ha ha ha ha.Certo , voi diLinux siete sicuramente piu' bravi di Lerdorf e company. Scusate.Ha ha, ha ha ha, mi rotolo sul pavimento... ha ha ha, HA HA HA HAUAH UAH UAAAAAHclap clap clap.ciao menti.Una gran verità , quelli (alcuni di quelli) che usano unix sembrano negare. Poi un giorno si trovano con il trojan nelle mutande. e gli danno fieno e carrube... mentre si leccano le ferite.Ciao a tutti i root.hi hi hi hi hi hi.PS: un nostro firewall su Piastra Sun (installato e gestito da remoto da una nota società telefonica) è stato forato e gli hanno inserito un bel box con cavallino di troia dentro....da lì il cracker ha cercato di sostituire diverse homepage con la pagina "fuckChina PoisonBox"E non è riuscito. dopo aver provato su 6 macchine WinNT. e win2000.Ooops, scusate WinzozNT e Winzoz 2000
    • Anonimo scrive:
      Re: mi ride il ....

      da lì il cracker ha cercato di sostituire
      diverse homepage con la pagina "fuckChina
      PoisonBox"

      E non è riuscito. dopo aver provato su 6
      macchine WinNT. e win2000.

      Ooops, scusate WinzozNT e Winzoz 2000per forza, windows e' cosi' limitativo che pure qando lo buchi non riesci a farci praticamente un cazzo oltre a un deface.
    • Anonimo scrive:
      Re: mi ride il ....
      - Scritto da: sonosempreio
      Quelli di Source Forge e quelli di ASF credo
      con un buon grado di certezza, siano
      definibili quali esperti come pochi.

      Eppure li hanno bucati.ciccio... se ti metto un vnc server taroccato sul tuo pc di casa e tu accedi alla tua bella windows box come amministratore, la windows box puo' anche essere dietro 10.000 firewall, ma se ho la password ti apro anche il rubinetto dell'acqua nel tuo bagno.
      PS: un nostro firewall su Piastra Sun
      (installato e gestito da remoto da una nota
      società telefonica) è stato forato e gli
      hanno inserito un bel box con cavallino di
      troia dentro....

      da lì il cracker ha cercato di sostituire
      diverse homepage con la pagina "fuckChina
      PoisonBox"

      E non è riuscito. dopo aver provato su 6
      macchine WinNT. e win2000.
      mai pensato che magari non era il suo campo preferito? anche loro hanno delle preferenze sai ?
    • Anonimo scrive:
      hai ragione
      1 Il sistema perfetto non esiste2 Fatti un giro su www.alldas.de per vedere le quote tra win ed altri sistemi operativi, non superano win neanche se fanno la somma :-))3 Hai mai pensato che le perosne che gestivano le tue macchine erano piú bravi in una cosa e meno in un altra, sai l'elemnto fondamentale a volta sei anche tu che gestisci le macchine :-)) E logico che se lasci la tua macchina cosi....4 quante volte hanno patched il tuo win?OK ciao era solo questo adesso se vuoi continua a ridere
  • Anonimo scrive:
    PP - Punto Peracottinux
    PP - Punto Peracottinux aveva già dato la notizia ieri con ben 16 ore di anticipo.Una bella dimostrazione di efficienza.http://punto-informatico.it/pol.asp?mid=38288&fid=36310
    • Anonimo scrive:
      Re: PP - Punto Peracottinux
      Sei della concorrenza? Oppure paghi P.I. e rosichi?Secondo me e' la prima.Che giornale hai? Ce lo dici?
  • Anonimo scrive:
    ahhh
    quindi non soltanto i sistemi Microsoft sono vulnerabili;)
    • Anonimo scrive:
      Re: ahhh
      Amche du palle...ma siete solo capaci di dire e' meglio il cattolicesio che la religione dell'Islam?Volete OS sicuri da attacchi? staccate il cavo della rete!Non esiste un sistema a prova di bomba....quelli M$ sono piu bacati per icapacita'....quelli UniX compatibili meno perche' nati per fare quello..dai ragazzi non sprecate il Vs tempo::))Ciao- Scritto da: Pippo
      quindi non soltanto i sistemi Microsoft sono
      vulnerabili;)
      • Anonimo scrive:
        Re: ahhh
        - Scritto da: mah

        Amche du palle...ma siete solo capaci di
        dire e' meglio il cattolicesio che la
        religione dell'Islam?

        Volete OS sicuri da attacchi? staccate il
        cavo della rete!

        Non esiste un sistema a prova di
        bomba....quelli M$ sono piu bacati per
        icapacita'....quelli UniX compatibili meno
        perche' nati per fare quello..
        sulle statistiche di securityfocus dell'anno scorso si sono rilevati + bug (e relativi exploit) nei vari programmi e kernel dei vari *nix ma al di la di inutili conti e conticini... quelli che si domandavano come uno ci si può fidare di "lasciare i propri dati su web server che girano sotto OS Microsoft" ora si faranno la stessa domanda con Apache (e *nix come OS)?:)e via di sniffing fino al prossimo:P
        • Anonimo scrive:
          Re: ahhh

          sulle statistiche di securityfocus dell'anno
          scorso si sono rilevati + bug (e relativi
          exploit) nei vari programmi e kernel dei
          vari *nix si potrebbe spiegare così: nei sw a codice aperto, è possibile scoprire un bug anche solo analizzando il codice (c'è gente che lo fa proprio per divertimento), mentre nei sw proprietari ti accorgi di un bug solo quanto ti si presenta.quindi è più facile che ci siano segnalazioni di bug nei sw o.s., dato che è più facile scovarli.(c'è anche da dire che le ditte di sw proprietario tendono piuttosto a nasconderli i bug, in modo da non compromettere la propria immagine)il discorso dei fix poi è sempre lo stesso: nei sw o.s., molto spesso, assieme alla segnalazione del bug arriva anche il fix, in quelli proprietari bisogna aspettare che sia la casa a fornirlo (beninteso, potrebbe anche fornirlo già il giorno dopo, non è detto che ci metta sempre un eternità... ma cmq, devi sempre dipendere da loro).
          ma al di la di inutili conti e conticini...
          quelli che si domandavano come uno ci si può
          fidare di "lasciare i propri dati su web
          server che girano sotto OS Microsoft" ora si
          faranno la stessa domanda con Apachequà apache non c'entra nulla, la vulnerabilità era in openssh.
          (e *nix come OS)?:)vedi, in fatto è che ormai i sistemi della MS si sono fatti una bruttissima reputazione (e anche meritatamente, IMO), se anche diventassero strasicuri e ti fornissero tutti gli strumenti, che solitamente ti danno gli unix per controllare e "blindare" il sistema, farebbero gran fatica a scrollarsi di dosso la fama di sistemi insicuri ed instabili.
        • Anonimo scrive:
          Re: ahhh

          sulle statistiche di securityfocus dell'anno
          scorso si sono rilevati + bug (e relativi
          exploit) nei vari programmi e kernel dei
          vari *nix ti consiglio caldamente di fare un salto suhttp://www.securityportal.it/hackindex.phpgiusto per farti un'idea di quali siti siano piu'vulnerabili.
          ma al di la di inutili conti e conticini...
          quelli che si domandavano come uno ci si può
          fidare di "lasciare i propri dati su web
          server che girano sotto OS Microsoft" ora si
          faranno la stessa domanda con Apache (e *nixapache in questo caso non c'entra nulla, sono state sfruttate delle vulnerabilita' di ssh.PS: chi lavora sotto unix si chiede da sempre, e non solo da adesso, come ci si puo' fidare a lasciare i propri dati su un server. Per questotra gli addetti ai lavori nel settore unix si e' sviluppata una consapevolezza riguardo alle problematiche di sicurezza che spesso non c'e' tra altri "esperti del settore"
          • Anonimo scrive:
            Re: ahhh
            - Scritto da: Dr. Foobar

            ti consiglio caldamente di fare un salto su
            http://www.securityportal.it/hackindex.php
            giusto per farti un'idea di quali siti siano
            piu'
            vulnerabili.scusa.. con tutto il rispetto che ho per i ragazzi che gestiscono quel portale, credo che sia un pò + autorevole securityfocus, e cmq non ho parlato di quantità di siti (che implicherebbe un discorso molto + ampio), ma di numero di bug rilevati (ed exploit relativi), ergo pontezialità di vulnerabilità di un certo tipologia di sitema
            apache in questo caso non c'entra nulla,
            sono state sfruttate delle vulnerabilita' di
            ssh.anche qui, come credo che sia piuttosto ovvio, non intendo solo del demone stesso(che tra l'altro rimane ancora tra i meno cedevoli ai bug), ma del tipo di sistema (ssh, precisamente openSSH, in questo caso, è prerogativa di sistemi *nix)
            PS: chi lavora sotto unix si chiede da
            sempre, e non solo da adesso, come ci si
            puo' fidare a lasciare i propri dati su un
            server. Per questo
            tra gli addetti ai lavori nel settore unix
            si e' sviluppata una consapevolezza riguardo
            alle problematiche di sicurezza che spesso
            non c'e' tra altri "esperti del settore"daccordo con te.
          • Anonimo scrive:
            Re: ahhh

            http://www.securityportal.it/hackindex.phphahahahaha, securityportal.it??? ma chi sono questi cioccolatai? cos'e' di moda aprire siti security-related negli ultimi 20 minuti?
          • Anonimo scrive:
            Re: ahhh

            hahahahaha, securityportal.it??? ma chi sono
            questi cioccolatai? cos'e' di moda aprire
            siti security-related negli ultimi 20
            minuti?no, pare essere più di moda spacciarsela nei forum di PI
        • Anonimo scrive:
          Re: ahhh
          - Scritto da: Pippo


          - Scritto da: mah



          Amche du palle...ma siete solo capaci di

          dire e' meglio il cattolicesio che la

          religione dell'Islam?



          Volete OS sicuri da attacchi? staccate il

          cavo della rete!



          Non esiste un sistema a prova di

          bomba....quelli M$ sono piu bacati per

          icapacita'....quelli UniX compatibili meno

          perche' nati per fare quello..


          sulle statistiche di securityfocus dell'anno
          scorso si sono rilevati + bug (e relativi
          exploit) nei vari programmi e kernel dei
          vari *nixtieni presente che probabilmente ti stai riferendo a tutti i bugs di tutti i sistemi *nixmi sa pero che se li prendi singolarmente solo la red hat ha un numero di bugs relativamente elevato.inoltre i piu' esperti grazie all'open source hanno la possibilita' di correre ai ripari personalmente per sopperire alle vulnerbilita' del loro sistema *nix, mentre con M$ quelle sono e quelle rimangono, finche non esce il succesivo e raffazzonato service pack.Nessuno afferma che gli os unix like siano invulnerabili ma grazie alla collaborazione del mondo informatico e piu'facile che siano prodotti meglio riusciti...
          ma al di la di inutili conti e conticini...
          quelli che si domandavano come uno ci si può
          fidare di "lasciare i propri dati su web
          server che girano sotto OS Microsoft" ora si
          faranno la stessa domanda con Apache (e *nix
          come OS)?:)
          e via di sniffing fino al prossimo:P
  • Anonimo scrive:
    client
    Piu' che delle vulnerabilità del client ssh di source avranno usato la vulnerabilità del server ssh!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: client
      - Scritto da: Krecker

      Piu' che delle vulnerabilità del client ssh
      di source avranno usato la vulnerabilità del
      server ssh!!!da announce@apache.org"Specifically: on May 17th, an Apache developer with a sourceforge.netaccount logged into a shell account at SourceForge, and then loggedfrom there into his account at apache.org. The ssh client atSourceForge had been compromised to log outgoing names and passwords,so the cracker was thus able get a shell on apache.org."
      • Anonimo scrive:
        Re: client
        - Scritto da: Pippo
        "Specifically: on May 17th, an Apache
        developer with a sourceforge.net
        account logged into a shell account at
        SourceForge, and then logged
        from there into his account at apache.org.
        The ssh client at
        SourceForge had been compromised to log
        outgoing names and passwords,
        so the cracker was thus able get a shell on
        apache.org."Infatti, e' da notare una cosa interessante.Per entrare nel sito apache hanno craccato il cliente ssh del sito sourceforge e hanno aspettato che un utente si loggasse su sourcegorge, poi da li si loggasse a apache (usando ssh) per intercettare l'account per apache.E' abbastanza evidente un certa disattenzione (usare un server come ponte per loggarsi ad un'altro server e' una pessima idea, farlo poi come root e' grave).Sembra anche evidente che chi ha bucato i due server conosceva bene le abitudini, un bel attacco dall'interno.Comunque i sistemi unix sono tra i migliori come sicurezza (i bug sono per la maggior parti minori e risolti con una rapidita' elevata, e questo e' gia' un ottimo risultato visto i pessimi risultati della concorrenza).Salve DbgP.S.Essendoci tanti tipi diversi di unix e' normale che ci siano diversi avvisi di sicurezza.
        • Anonimo scrive:
          Re: client

          E' abbastanza evidente un certa
          disattenzione (usare un server come ponte
          per loggarsi ad un'altro server e' una
          pessima idea, farlo poi come root e' grave).infatti di default ssh non permette connessioni come root.Se leggi bene, tramite il client ssh troiano il cracker e' entrato in possesso di un account+password di un utente normale, non di root.
          • Anonimo scrive:
            Re: client
            per maggiori informazioni:http://www.securityfocus.com/archive/1/187749http://www.apache.org/info/hack-20010519.htmlps: capita a tutti. Come al solito, l'anello + debole della catena è sempre l'uomo
          • Anonimo scrive:
            Re: client
            - Scritto da: Pippo
            per maggiori informazioni:

            http://www.securityfocus.com/archive/1/187749

            http://www.apache.org/info/hack-20010519.html

            ps: capita a tutti. Come al solito, l'anello
            + debole della catena è sempre l'uomosi ma scusami sai. Bisogna proprio essere dei polli ad utilizzare un client ssh untrusted per loggarsi su una macchina cosi' importante, e bisogna proprio essere dei polli a tenere un demone ssh bacato solo perche' e' exploitabile esclusivamente da locale.I programmatori apache saranno dei bravissimi programmatori, ma in quanto a gestire un sistema pare proprio che non ne abbiano idea.C'e' cmq da dire che il fatto che il sorgente di apache sia ovunque nel web, gli ha permesso un controllo delle eventuali backdoor praticamente in mezza giornata. Se il sistema fosse stato closed source, salutamelo.
          • Anonimo scrive:
            Re: client
            - Scritto da: dr. Foobar
            infatti di default ssh non permette
            connessioni come root.
            Se leggi bene, tramite il client ssh troiano
            il cracker e' entrato in possesso di un
            account+password di un utente normale, non
            di root.Si scusa, ho mischiato un commento alla notizia con un commento personale.Intendevo solo prendere spunto dalla cosa per dire che, fare la classica prassi di login come utente e poi login come root usando un'altra macchina come ponte, e' un rischio estremamente pesante.Uno magari si illude che usando ssh e' blindato, ma si scorda che non sa' niente della macchina che fa' da ponte.Salve Dbg
      • Anonimo scrive:
        Re: client
        - Scritto da: Pippo


        - Scritto da: Krecker



        Piu' che delle vulnerabilità del client
        ssh

        di source avranno usato la vulnerabilità
        del

        server ssh!!!

        da announce@apache.org

        "Specifically: on May 17th, an Apache
        developer with a sourceforge.net
        account logged into a shell account at
        SourceForge, and then logged
        from there into his account at apache.org.
        The ssh client at
        SourceForge had been compromised to log
        outgoing names and passwords,
        so the cracker was thus able get a shell on
        apache.org."O beh, in tal caso chiedo scusa!! :-)Mi sembra un po' strano che sia colpa del client, ma se hanno detto cosi' sarà vero.Ciao
Chiudi i commenti