Audi comunica con i semafori

Un dispositivo che dialoga con i semafori e fornisce indicazioni in tempo reale: si chiama Travolution e si insinua tra volante e pedali

Roma – Non solo macchine super equipaggiate, anche le strade si rivestono di hi-tech, soprattutto i semafori. Tempo fa ci ha provato Ford, ora è la volta di Audi: la casa automobilistica entra in una joint venture per sviluppare Travolution un sistema dotato di software che comunica in tempo reale con i semafori e con il guidatore.

l'interfaccia Multi Media Il nuovo sistema aiuta a ridurre consumi e tempi di attesa nelle fasi di arresto e di ripartenza. Ciò è utile anche per smaltire il traffico: Travolution è costituito da due componenti, una installata nel veicolo e una al semaforo. All’avvicinarsi al semaforo i due dispositivi comunicano fornendo al guidatore indicazioni sullo stato delle luci, su quanto tempo manca all’accendersi del verde e a quale velocità è consigliabile procedere per superare agilmente il semaforo senza doversi fermare. Il tutto attraverso un display inglobato sulla plancia di comando dell’auto.

I primi test del sistema sono stati effettuati da Audi ad Ingolstadt, in Germania, città-base della casa automobilistica. È stata infatti installata una rete di 46 semafori intelligenti e su due veicoli è stato installata la parte hardware e quella software. Con l’evolversi del progetto, un investimento da quasi un milione e 200 mila euro, il parco auto conterà altre 20 unità, mentre i semafori intelligenti saranno in totale un centinaio.

Il progetto di per sé non è nuovo: un mese fa era Ford ad annunciare la nascita di un sistema di incroci intelligenti utili ad incrementare la sicurezza stradale. Stando ad alcuni studi, è stato dimostrato come la maggior parte degli incidenti avvenga proprio nelle intersezioni stradali, con il conseguente spreco di carburante dovuto alle code generatesi e ai danni materiali, talvolta fatali, che si generano. Le case automobilistiche iniziano a puntare moltissimo sui sistemi tecnologici su strada: i semafori sono solo il primo passo. Migliorando le modalità di guida è possibile risparmiare tempo, denaro e vite umane – dicono – riducendo nel contempo le emissioni di gas dannosi per l’atmosfera.

Vincenzo Gentile

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Robertv Deejay scrive:
    Bollini SIAE
    Il problema dei bollini SIAE lo vivo in prima persona ed è davvero una confusione assurda.Faccio il dj per passione e, quando vado a suonare in qualche locale, pur avendo tutti i supporti (cd audio) originali la SIAE mi ha detto che, nel caso di un controllo, se con me non ho le custodie con affisso il bollino, sono comunque in multa, assurdo! (Devo quindi tenere in auto una borsa con tutte le custodie).In più mi hanno detto che se acquisto supporti dall'estero, che quindi non hanno bollino, pur essendo originali, devo recarmi alla SIAE e farmi fare il bollino ovviamente mostrando la ricevuta fiscale che conferma l'originalità del supporto.E' gran difficile cercare di fare tutto "in regola" e rispettare la legge con tutti i paletti che mettono!
  • Anonimo scrive:
    SIAE - Bollini
    Sono d'accordo con il testo, però è giusto pagare i diritti d'autore nel caso di uso delle opere, ad es. voglio produrre un dvd in cui sono in ascolto delle musiche è giusto pagare i diritti d'autore delle musiche (molto più dei diritti di edizione e sincronizzazione!). Quindi come pagarli? A chi pagarli? Alla SIAE?Grazie
  • Marcus scrive:
    SIAE prendetevela nel cu....
    SIAE prendetevela nel cu....
  • francososo scrive:
    qualunque politico prenda soldi....
    qualunque politico prenda soldi da loro contaci!(anonimo)
  • Alessandro scrive:
    Siae
    La siae è una società a delinquere!
  • Domenico scrive:
    siae vaffanculooosiae vaffanculooosiae v
    siae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooosiae vaffanculooovv
  • Domenico scrive:
    SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!
    SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.O.O.O.O!SIAE
  • Anonymous Guest scrive:
    cane mangia cane
    siamo alla globalizzazione dei contenuti sotto un unico dominio internazionale, ogni resistenza è futile, tutti i piccoli vampirelli succhiasoldi locali verranno assimilati per ottenere ancora più potere di persuasione sui governi.Chi salverà la siae ora? Scommetto che il nano ha già pronto un bel decretino salva-siae prelevando i soldi nelle saccocce degli italiani.
  • H5N1 scrive:
    Ed i consumatori?
    De facto il costo del bollino è sempre stato imputato al consumatore finale innalzando il prezzo del prodotto finito.Il consumatore che abbia acquistato materiale editoriale e/o musicale provvisto di tale bollino può essere rimborsato?
    • Marco Ravich scrive:
      Re: Ed i consumatori?
      Forse, ma tu sapresti distinguere quali bollini sono da considerarsi rimborsabili ?...dovresti avere accesso agli archivi SIAE.Insomma, lascia perdere.
      • Wolf01 scrive:
        Re: Ed i consumatori?
        Io andrei con la mia carriolata di bollini (dei prodotti acquistati) fuori dall'ufficio SIAE e me li farei rimborsare uno per uno :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 settembre 2008 10.46-----------------------------------------------------------
    • DarkOne scrive:
      Re: Ed i consumatori?
      Effettivamente pensando a questa cosa si arriva all'assurdo che il "protagonista" della vicenda raccontata nella notizia si è appropriato di soldi non suoi.Lui ha soltanto anticipato il costo del bollino, che ha pagato l'utente finale acquistando il CD.Quindi, in effetti, chi andrebbe rimborsato è il consumatore e non chi produce/distribuisce i CD.Le meraviglie dell'italia.- Scritto da: H5N1
      De facto il costo del bollino è sempre stato
      imputato al consumatore finale innalzando il
      prezzo del prodotto
      finito.
      Il consumatore che abbia acquistato materiale
      editoriale e/o musicale provvisto di tale bollino
      può essere
      rimborsato?
    • Curioso scrive:
      Re: Ed i consumatori?
      Peccato che scopriresti che al massimo ti rimborsano 0,0310 euro per ogni bollino (che è quanto la SIAE li fa pagare). Oltre a questo ci sono pure in giro casi anomali di chi (forse per dislessia) affigge bollini SIAE pure su supporti che non ne hanno bisogno: a me è capitato di avere per le mani dei CD di software che hanno il bollino sopra...
  • giorgius scrive:
    bene FIMI questa volta li appoggio
    finalmente lasciano la siae al suo destino inevitabile
    • Massimo S scrive:
      Re: bene FIMI questa volta li appoggio
      in verità se avessero voluto si sarebbero già mossi per tempo, cosa che invece non fanno. La politica e i suoi equilibri prima di tutto
  • Funz scrive:
    Grande Schiavoni :D
    La vignetta di oggi rappresenta proprio bene la nostra condizione di repubblica bananifera :D
    • ananonimo cetriolone scrive:
      Re: Grande Schiavoni :D
      - Scritto da: Funz
      La vignetta di oggi rappresenta proprio bene la
      nostra condizione di repubblica bananifera
      :Dè un refusodopo la presentazione di italia.itl'italia ..da republica delle banane ..è stata declassata a repubblica de cetriolo[/img]http://img231.imageshack.us/img231/5660/italiaitop1.gif
  • fox82i scrive:
    Quanto rido e quando godo!
    Ben gli stà a questa società!Hanno investito negli USA ed ora hanno perso 40mln? Bravi cavoli vostri non mi dispiace nemmeno, anzi peccato che non hanno investito di piùOra hanno la commissione europea alle calcagne! Se la sono cercata fin dal principio! Quindi sciò SIAE
  • Franco scrive:
    Io lavoro alla SIAE
    ... e devo dire che non siamo tutti onesti, ho visto cose che voi umani....
  • Enjoy with Us scrive:
    Facciamo fallire almeno la SIAE!
    Visto che l'Alitalia pare si salverà, dopo sprechi di denaro pubblico inauditi, vediamo se almeno sarà possibile veder sparire questa associazione a delinquere della SIAE!
    • Ice scrive:
      Re: Facciamo fallire almeno la SIAE!
      Quoto!3 aziende non hanno mai avuto problemi in Italia nel corso dei decenni: la Siae, la mafia e il vaticano! Perchè?
      • GeoMax scrive:
        Re: Facciamo fallire almeno la SIAE!
        Se si fanno due calcoli, sottraendo i contributi pubblici erogati al costo effettivo di ogni studente allo Stato italiano, si scopre che:per ogni alunno che frequenta una materna paritaria, lo Stato risparmia 5.532 euro all'anno;per ogni alunno che frequenta le elementari, il risparmio è di 6.500 euro all'anno;per un alunno delle medie 7.582 euro;per un alunno delle superiori, 8.057 euro. Moltiplicate il tutto per il numero degli alunni, e avrete un risparmio complessivo di 6.245 milioni di euro all'anno. Sei miliardi di risparmio a fronte di mezzo miliardo di contributi.
        • sgurz scrive:
          Re: Facciamo fallire almeno la SIAE!
          - Scritto da: GeoMax
          Se si fanno due calcoli, sottraendo i contributi
          pubblici erogati al costo effettivo di ogni
          studente allo Stato italiano, si scopre
          che:
          per ogni alunno che frequenta una materna
          paritaria, lo Stato risparmia 5.532 euro
          all'anno;
          per ogni alunno che frequenta le elementari, il
          risparmio è di 6.500 euro
          all'anno;
          per un alunno delle medie 7.582 euro;
          per un alunno delle superiori, 8.057 euro.
          Moltiplicate il tutto per il numero degli alunni,
          e avrete un risparmio complessivo di 6.245
          milioni di euro all'anno. Sei miliardi di
          risparmio a fronte di mezzo miliardo di
          contributi.per prima cosa, i dati che hai fornito sono incompleti quindi è impossibile verificare se i calcoli che hai fatto sono corretti o se hai sparato numeri ad cazzum (manca infatti il numero complessivo di alunni, suddivisi tra elementari, medie e superiori).in secondo luogo, il tuo ragionamento non ha davvero senso. che senso ha dire che se tutti gli alunni frequentassero le scuole private lo stato risparmierebbe un bel po' di soldi?e grazie al cazzo, ma a questo punto ti dico che se lo Stato evitasse di elargire quel mezzo miliardo di euri alle scuole private, il risparmio ammonterebbe a oltre 6,7 miliardi di euri.liberisti a parole, statalisti della peggior specie nei fatti.
      • katun79 scrive:
        Re: Facciamo fallire almeno la SIAE!
        Sinceramente mi sembrano 3 rami della stessa piovra... Tagliamoli via almeno un tentacolo!!!
      • chojin scrive:
        Re: Facciamo fallire almeno la SIAE!
        - Scritto da: Ice
        Quoto!
        3 aziende non hanno mai avuto problemi in Italia
        nel corso dei decenni: la Siae, la mafia e il
        vaticano!
        Perchè?Aggiungici anche le giunte e le cooperative rosse e bianche...
        • Ricky scrive:
          Re: Facciamo fallire almeno la SIAE!
          Gente, la SIAEfa parte dei colossi MANGIASOLDI che abbiamo QUI TRA NOI e non altrove.Adesso finiscono sotto la stessa mannaia che hanno usato per perseguire (perseguitare) le persone.Spero gli facciano un C++ COSI!!!Adesso pero' si apre un discorso a parte...i bollini li pagano le societa' che vendono i cd/dvd /videocassette e via dicendo MA ANCHE il cittadino che acquista.Non credo che sia SOLO un costo societario e che a NOI la societa' stessa non carichi l'onere, come al solito.Quindi chiunque abbia materiale in casa con BOLLINO potrebbe chiedere il risarcimento...ma non a SIAE, alle societa' che gli hanno maggiorato il costo per pararsi il culo dal bollino.Voi che ne pensate?
  • Luppolo scrive:
    Era ora
    Che un artista che vuole vendere la SUA musica deve passare per questo psudosindacato è proprio una barzelletta.
    • Marco Ravich scrive:
      Re: Era ora
      Naturalmente questa è una falsità bella e buona.Nessun artista è OBBLIGATO a passare per SIAE.I bollini erano una sorta di "autorizzazione alla vendita" che consentiva di vendere opere d'arte anche ai non possessori di P.IVA.Bene che il bollino non ci sia più, ma credo che qualcosa si complicherà...Naturalmente in Italia troviamo sempre il modo di "aggirare" (vedi EMPALS) gli ostacoli legislativi, ergo non mi preoccuperei troppo.
      • Wolf01 scrive:
        Re: Era ora
        - Scritto da: Marco Ravich
        Naturalmente questa è una falsità bella e buona.

        Nessun artista è OBBLIGATO a passare per SIAE.

        I bollini erano una sorta di "autorizzazione alla
        vendita" che consentiva di vendere opere d'arte
        anche ai non possessori di
        P.IVA.Quindi se non passavi per la SIAE non potevi vendere perchè, siccome si fa di tutta l'erba un fascio, i tuoi prodotti erano piratatiLa SIAE essendo un organismo che lucra sul lavoro degli altri (leggasi fa il finocchio col culo degli altri) merita di essere chiusaUn conto è lavorare bene, un altro è prendere in giro autori, distributori e acquirenti come hanno fatto fino adesso
      • Massimo S scrive:
        Re: Era ora
        si chiama ENPALS ... mamma mia ma perché si parla di cose di cui non si ha informazioni un minimo precise?
  • Pippo scrive:
    Godo!
    La SIAE deve morire.
    • Marco Ravich scrive:
      Re: Godo!
      Non sarei così drastico.Diciamo che la siae deve essere detronizzata e messa alla pari di un qualsiasi altro gestore di diritti d'autore.Le alternative ci sono già da tempo...
  • Rin Kobayashi scrive:
    ROTFL
    mi fa quasi rimpiangere di non aver mai acquistato bollini SIAE! (rotfl)
  • Paolino scrive:
    Ma era il bollino Urbani
    Ma questo era il famoso bollino del mitico Urbani???:D
    • BSD_like scrive:
      Re: Ma era il bollino Urbani
      NOÈ stato introdotto dal gov. precedente a quello che ha emanato la legge urbani
      • Be&O scrive:
        Re: Ma era il bollino Urbani
        In 30 anni, non mi sono mai accorto che il governo è cambiato quandosarebbe stato il governo precedente alla Democrazia Cristiana ?La P2 è sempre la al suo posto da30 anni ! non vedo perchè menarlacon la solita storia del governoprecedente.
      • Paolino scrive:
        Re: Ma era il bollino Urbani
        - Scritto da: BSD_like
        NO
        È stato introdotto dal gov. precedente a quello
        che ha emanato la legge
        urbaniAh bene :DInsomma, cambiano i governi - non cambiano gli effetti :D
    • Marco Ravich scrive:
      Re: Ma era il bollino Urbani
      No, quello di urbani è invisibile (è cioé proprio una tassa o balzello) e sta su TUTTI i supporti di memorizzazione che potrebbero contenere opere audiovisive (anche sul tuo HD, ad esempio).Ma per aggirare il problema basta comprare all'estero.Questo invece è il bollino classico (quello argentato olografico) che viene richiesto anche ai non iscritti SIAE e financo a chi distribuisce software free/open.I proventi - per un particolare italianissimo criterio "meritocratico" - vengono poi ripartiti percentualmente fra gli iscritti che incassano di più ogni anno dagli spettacoli dal vivo (un po' come la Carlucci vorrebbe fare per il cinema: mamma mia)...Qualche link interessante:http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E90082,00.html (http://www.youtube.com/watch?v=QfFkFuqQyyw)http://www.softwarelibero.it/bollino/http://www.creativecommons.it/files/bollinoSIAE_e_licenzeCC.pdf
      • Marco Ravich scrive:
        Re: Ma era il bollino Urbani
        Dimenticavo...http://it.wikipedia.org/wiki/SIAEhttp://www.creativecommons.it/node/607#16http://www.codacons.it/osservatorio_tv/siaedossier.htmlhttp://www.archenet.it/wiki/index.php/SIAE...buon "divertimento" !
        • fozzy scrive:
          Re: Ma era il bollino Urbani
          - Scritto da: Marco Ravich
          Dimenticavo...

          http://it.wikipedia.org/wiki/SIAE
          http://www.creativecommons.it/node/607#16
          http://www.codacons.it/osservatorio_tv/siaedossier
          http://www.archenet.it/wiki/index.php/SIAE

          ...buon "divertimento" !alla fine l'hai pubblicata 'sta tesi come dicevi su p2pforum?
      • Avalon scrive:
        Re: Ma era il bollino Urbani
        Grazie alla "legge urbani" (il minuscolo non è a caso...) e all'aumento che ha portato nel costo dei supporti di memorizzazione, ci sono almeno 500 persone tra fabbrica e indotto a Sulbiate (MI) che dal 2003 ringraziano infinitamente per aver perso il lavoro.Quando si parla di aumenti ingiustificati occorrerebbe cercarne i colpevoli non solo nella filiera, ma anche al Governo dell'Italia di qualunque colore siano.
        • Avalon scrive:
          Re: Ma era il bollino Urbani
          Dimenticavo...http://www.webmasterpoint.org/speciale/2006mar13-polemiche-tassa-supporti-vergini-digitali-siae.asp
  • Be&O scrive:
    Che sia la volta Buona !
    La Siae investe 40 Milioni di uro in USA .....e fallisce la banca dove li ha investiti.......http://www.codacons.it/articolo.asp?idInfo=107041Ora il Rimborso dei Bollini Siae...............Che sia la volta che la SIAE chiude per .......BANCAROTTA !!! (rotfl)
    • antonio montemurro scrive:
      Re: Che sia la volta Buona !
      Speriamo.. d'altronde la storia della difesa degli autori è una scusa che ormai non regge più come loro stessa ammissione alla domanda (fatta a Giorgio Assumma, avvocato e presidente della SIAE): Cosa pensa della proposta di tassare anche gli abbonamenti a internet, partendo dal presupposto che sul web viaggiano comunque materiali protetti da copyright?«Ci stiamo studiando, la nostra vocazione è far pagare più soldi possibile, siamo valutando tutti i mezzi per incassare di più, ma dobbiamo anche pensare alla cultura, quindi vogliamo lasciare degli spazi di movimento. Daltronde è proprio del nostro diritto prevedere delle libere utilizzazioni: è possibile ad esempio riprodurre una poesia in un'antologia senza permessi, o utilizzare spezzoni di film, entro certi limiti».Se l'hanno detto loro...http://dirittoautore.blogspot.com/2007/03/la-vocazione-della-siae-far-pagare-pi.html Solo schifo.
    • gerry scrive:
      Re: Che sia la volta Buona !
      - Scritto da: Be&O
      La Siae investe 40 Milioni di €uro in USA .....
      e fallisce la banca dove li ha investiti.......
      http://www.codacons.it/articolo.asp?idInfo=107041

      Ora il Rimborso dei Bollini Siae...............

      Che sia la volta che la SIAE chiude per .......
      BANCAROTTA !!! (rotfl)No, altra cordata di imprenditori italiani per mantenere il simbolo dell'italianità nel mondo.
      • The_GEZ scrive:
        Re: Che sia la volta Buona !
        Ciao gerry !
        No, altra cordata di imprenditori italiani per
        mantenere il simbolo dell'italianità nel
        mondo.Ah ! Mi hai anticipato ! :-)Comunque devo essere distratto, ed anche un pò sfortunato ... infatti mi sa che quando tutti i TG nazionali hanno dato questa notizia, che io ritengo piuttosto importante, non da prima pagina, ma importante, probabilmente ero in bagno o stavo cercando il mio sacchetto di patatine oppure dormivo.Insomma me la sono persa.E voi la avete vista da qualche parte ?
  • SpeedyGonza les scrive:
    Pocvera SIAE
    Immersa nella bufera del fallimento della Leeman Brothers della quale aveva milionate di Euro di azioni e obbligazioni e per questo sottoposta a un procedimento legale per fatti collegati e anche costretta a risarcire i bollini che sui quali aveva ingiustamente e illegalmente lucrato.Come se la potrà mai cavare?
    • Gian scrive:
      Re: Pocvera SIAE
      urca....spiega spiega!dici che albano piange?
    • Massimo S scrive:
      Re: Pocvera SIAE
      accidenti .. questa non la sapevo. Chiarisci Siae e Leeman?
    • Jerry scrive:
      Re: Pocvera SIAE
      - Scritto da: SpeedyGonza les
      Immersa nella bufera del fallimento della Leeman
      Brothers della quale aveva milionate di Euro di
      azioni e obbligazioni e per questo sottoposta a
      un procedimento legale per fatti collegati e
      anche costretta a risarcire i bollini che sui
      quali aveva ingiustamente e illegalmente
      lucrato.
      Come se la potrà mai cavare?povera, poverissima, tutti cattivissimi con la poverina :(guardate cosa trovai su youtuboparte1[yt]QfFkFuqQyyw[/yt] parte2[yt]B_6yxh1azHc[/yt] parte3[yt]OWFPCddCsQQ[/yt] parte4[yt]WH96JGyTHMg[/yt] parte5[yt]MR9kyUrgynk[/yt] parte6[yt]s0wh8cmXn0k[/yt] parte7[yt]1ierjeWoT0M[/yt] Ecco qua. E questo solo parlando della tutela degli AUTORI.
    • Mik scrive:
      Re: Pocvera SIAE
      con un bollino per ogni pagina web, semplice no?le vie del cavaliere sono infinite- Scritto da: SpeedyGonza les
      Immersa nella bufera del fallimento della Leeman
      Brothers della quale aveva milionate di Euro di
      azioni e obbligazioni e per questo sottoposta a
      un procedimento legale per fatti collegati e
      anche costretta a risarcire i bollini che sui
      quali aveva ingiustamente e illegalmente
      lucrato.
      Come se la potrà mai cavare?
Chiudi i commenti