Audizioni antipirateria, seconda tornata

Dalle disconnessioni alle sanzioni, dai rastrellamenti di indirizzi IP alle proposte per reinventare l'industria dei contenuti. Il secondo round delle audizioni al cospetto del Comitato contro la pirateria digitale e multimediale

Roma – Autori ed editori che operano dentro e fuori dal Web, provider e fornitori di servizi online, produttori di software e cittadini della rete. Il Comitato antipirateria ha ospitato la seconda tornata di audizioni , ha dedicato venti minuti a ciascuna delle istanze degli attori del mercato. Ha accolto proposte per contenere la pirateria digitale e multimediale, suggerimenti che dall’introduzione di alternative legali al download indiscriminato spaziano fino al rastrellamento degli indirizzi IP da parte dei detentori dei diritti. I primi passi verso la cessazione di comportamenti che numerosi fra i partecipanti ritengono radicati nella cultura del cittadino italiano.

Dal primo round è emerso un quadro sfaccettato degli interessi in gioco: si sono alternati coloro che, come FAPAV, hanno proposto soluzioni tecnologiche come filtraggio e fingerprinting per limitare la circolazione dei file, e coloro che, come FIMI, hanno proposto di ricondurre la tutela dei detentori dei diritti alla mediazione delle forze dell’ordine. La seconda convocazione ha restituito un panorama altrettanto composito.

“Dobbiamo essere animali sensibili e adattabili”: così l’avvocato Simona Lavagnini, che ha rappresentato BSA al cospetto del Comitato, ricostruisce a Punto Informatico la posizione dell’ industria del software business. È necessario comprendere il mercato per agire nel mercato e per mettere in campo soluzioni adeguate per fronteggiare la circolazione di software pirata che, ricorda Lavagnini, in Italia rappresenta il 49 per cento dei prodotti installati. La soluzione? Niente filtri e niente fingerprinting per contenere la circolazione dei contenuti: meccanismi del genere, se calati dall’alto, costringerebbero tutto il mercato ad adeguarsi. BSA auspica si possa mettere in campo una ” cooperazione incruenta ” con i provider. Gli ISP dovrebbero prestarsi ad accogliere le segnalazioni di violazione emerse dal monitoraggio ed emesse dall’industria dei contenuti, dovrebbero avvertire il titolare dell’abbonamento a Internet dell’avvenuta violazione. Solo in caso di condotta reiterata si dovrebbero mobilitare le autorità, affinché il sistema non risulti “svantaggioso per l’utente”: in questo modo il cittadino della rete che racimolasse online contenuti senza ricompensare il detentore dei diritti potrebbe venire dissuaso senza per questo motivo essere coinvolto in procedimenti giudiziari forse sproporzionati rispetto all’entità del danno inferto all’industria. Potrebbero bastare le comunicazioni, potrebbe bastare una sanzione amministrativa , senza invocare le ghigliottine previste dal sistema francese, spiega a Punto Informatico Lavagnini: “BSA è neutrale rispetto alle disconnessioni”. A gettare le basi per l’autoregolamentazione dovrebbe intervenire un “legislatore illuminato che faccia da mediatore, o l’Europa”: BSA auspica si possano rimuovere certi ostacoli all’enforcement, alcuni dei quali previsti per tutelare la privacy del cittadino, affinché l’industria possa vigilare in maniera proporzionata e non lesiva nei confronti dell’utente. Il movimento repressivo, spiega poi Lavagnini a Punto Informatico , dovrebbe essere affiancato a un ripensamento delle strategie di mercato: “se l’utente ha delle alternative ragionevoli – soggiunge – non è pervicacemente legato all’illecito”.

Della necessità di consentire all’industria dei contenuti il monitoraggio del traffico che scorre nel solco delle reti P2P è altresì convinta l’Associazione Italiana Editori ( AIE ), secondo cui si dovrebbe agire “superando anche dubbie prese di posizioni giurisprudenziali e istituzionali degli scorsi mesi (a contorno del caso Peppermint)” per “consentire ai titolari dei diritti di raccogliere le informazioni necessarie per il perseguimento degli illeciti anche in sede civile”. AIE suggerisce l’adozione di un sistema di risposta graduale , fatto di avvertimenti e di disconnessioni: le ghigliottine sul traffico dovrebbero calare nel momento in cui il cittadino delle rete non recepisca gli avvertimenti e persista nel comportamento illecito. Per tutelare a monte il detentore dei diritti AIE invita il Comitato a ragionare sull’implementazione, anche in Italia, di un sistema di ” Notice and Take Down “, un meccanismo che gli editori considerano rapido ed efficace, ma che risulta svilito dalle disposizioni previste dal D.Lgs. 70/2003 , secondo cui l’intermediario ha l’obbligo di intervenire sui contenuti solo se sollecitato dalle “autorità competenti”. “L’AIE – così è stato spiegato al Comitato – può assicurare che gli editori sono certo favorevoli allo sviluppo e all’utilizzo di ogni mezzo offerto dalle nuove tecnologie per diffondere in modo più efficiente le opere dell’ingegno, purché ciò avvenga nell’ambito di modelli di business economicamente sostenibili”.

Concordano sull’indispensabile sviluppo di soluzioni capaci di stimolare un mercato che in Italia sembra languire anche gli operatori delle rete rappresentati da IAB , da Fedoweb e da Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici . Il punto di partenza, ha avvertito IAB, dovrebbe essere uno studio approfondito e indipendente che sappia tracciare i confini del mercato dell’illecito: studi che il Comitato è invitato a produrre e diffondere. Solo un’analisi attenta consente di conoscere i cittadini della rete, le loro abitudini, le loro esigenze. In questo modo, fa eco Confindustria, contribuendo a colmare il digital divide italiano e a creare platee più mature e consapevoli dei mezzi che hanno a disposizione, i detentori dei diritti potranno mettere a punto dinamiche distributive e commerciali che sappiano conquistare l’interesse dei netizen. Magari, osserva IAB, garantendo nel contempo neutralità e interoperabilità dei servizi offerti. IAB, Fedoweb e Confindustria non aspirano a strumenti che operino in maniera preventiva come il filtering e a misure come le disconnessioni: un tale impeto repressivo rischia di sospingere gli utenti nelle darknet , rischia di violare i diritti dei cittadini della rete e, sottolinea Fedoweb, “potrebbe rivelarsi economicamente penalizzante sia per i fornitori di accesso, che sarebbero costretti a terminare i contratti di fornitura, sia per i fornitori di contenuti su base gratuita, quali taluni editori online la cui attività è strettamente legata alla navigazione quotidiana da parte degli utenti”. Il provider è un semplice trasportatore : non è un giudice, non è un editore. Così Assoprovider ha descritto il ruolo degli ISP di fronte al Comitato. ISP che rifiutano di imbracciare la deep packet inspection a favore dell’industria dei contenuti: si considerano “comuni cittadini” che non hanno il dovere di agire se non sotto il controllo da parte della magistratura . “Nella nostra Costituzione si ribadisce che la legge è uguale per tutti e che per tutti essa viene amministrata da Magistrati e Forze dell’Ordine – ha spiegato l’Associazione – A tal fine tutti i cittadini forniscono il sostegno economico per mezzo delle tasse in modo che vi siano forze inquirenti e giudicanti sufficienti per combattere sia i reati contro la persona che quelli contro il patrimonio tra i quali ricadono quelli contro la proprietà intellettuale. Togliere a queste forze la piena potestà è una grave arbitrio in quanto fa cessare le tutele costituzionali dei cittadini italiani”. Internet non è diversa dagli altri ambienti in cui i cittadini agiscono e si relazionano: per questo motivo Assoprovider chiede che il legislatore non stratifichi disposizioni ridondanti o contrastanti rispetto al quadro normativo che già esiste.

Gli ISP che convergono in Assoprovider chiedono che non gli si attribuisca un ruolo che si sovrapponga a quello di autorità che già operano con l’obiettivo di tutelare i diritti del cittadino, di decidere riguardo a degli illeciti, di erogare sanzioni. Chiedono che sia l’autorità giudiziaria ad intervenire nei confronti di chi violasse la legge: in questo modo si potrebbero garantire ai cittadini la presunzione di innocenza, il diritto ad un processo equo e la giusta proporzione nella valutazione degli interessi che ruotano intorno al mercato digitale dei contenuti. Le disconnessioni punitive? “Come dire – spiega Assoprovider – che a fronte di un reato per calunnia commessa a mezzo penna venisse inibito l’utilizzo della penna e quindi la possibilità di firmare qualsiasi documento”. Le ghigliottina sulla connessione, spiegano gli ISP, sono meccanismi impraticabili : l’indirizzo IP non identifica univocamente un solo cittadino, Internet è ormai strettamente legata all’esercizio di diritti e doveri inalienabile per l’individuo.

Assoprovider sposta l’attenzione sul mercato: dovrebbero essere i detentori dei diritti ad agire per catalizzare l’attenzione dei cittadini verso offerte legali eque e capaci a loro volta di sospingere l’evoluzione di un mercato che ancora non sembra essersi saputo adattare alla domanda. L’abolizione del monopolio SIAE, l’abolizione dell’equo compenso, il ripensamento del regime del diritto d’autore in modo che sappia alimentare la creatività, l’abbattimento delle barriere all’ingresso del mercato per i produttori e i distributori di contenuti: questi gli spunti offerti al Comitato da Assoprovider.

Si schierano sulla stessa linea i consumatori rappresentati da Altroconsumo : i sistemi DRM a presidio delle opere, l’attribuzione agli ISP di un ruolo di “gendarmi della Rete” non sembrano strumenti utili e opportuni per contenere il sommerso. “Continuare a parlare di nuove e sempre più invasive forme di enforcement del diritto d’autore – denunciano – risulta inaccettabile per i consumatori ma, a ben vedere, non dovrebbe essere neanche negli obiettivi a medio termine di un’industria seria che voglia affrontare un mercato che ha prospettive illimitate, tantomeno dovrebbe essere negli obiettivi delle Istituzioni”. Che dovrebbero propendere per l’impiego delle autorità preposte e per soluzioni di contrasto all’illegalità che si dispieghino con gli stessi mezzi e che garantiscano le stesse tutele , dentro e fuori dalla rete. Il diritto a manifestare il proprio pensiero, il diritto ad un giusto processo celebrato di fronte all’autorità giudiziaria e nel rispetto del principio del contraddittorio, il diritto alla privacy e alla tutela dei propri dati personali, spiegano i consumatori, dovrebbero essere imprescindibili. Sono diritti che potrebbero essere garantiti dalle ordinarie procedure giudiziarie, che soffrono spesso di lungaggini e complicazioni burocratiche e che comportano spese spesso poco sostenibili. Per questo motivo Atroconsumo propone l’introduzione di sistemi di Online Dispute Resolution volti a dirimere le controversie che opponessero cittadini e detentori dei diritti.

Ma a parere dei consumatori è l’industria che in prima istanze deve reinventarsi : l’abolizione del monopolio SIAE, suggerisce Altroconsumo, potrebbe contribuire a gettare le basi per l’avvento di un mercato più aperto e dinamico; la libertà di fruizione dei contenuti che non concorrano con le offerte commerciali potrebbe costituire il fondamento per alimentare una creatività che diversifichi l’offerta attuale; costi più equi e contenuti non lucchettati, nuovi modelli distributivi e modelli di business innovativi potrebbero rappresentare il viatico per un’industria che voglia davvero mettere a frutto la rete.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Graziano scrive:
    gNewSense, una distribuzione libera
    Ultimamente su Punto Informatico si e' parlato di tutti i sistemi operativi del mondo: windows seven, vista, mac os, mandriva, ubuntu, netbsd, openbsd, freebsd, tutti tranne gNewSense.gNewSense e' una distribuzione di GNU/Linux completamente libera sponsorizzata da FSF e basata su Ubuntu (per ora): www.gnewsense.orgPurtroppo le piu' famose distribuzioni includono software proprietario al loro interno: http://www.gnu.org/distros/common-distros.htmlgNewSense segue la politica di non includere niente di proprietario e di eliminarlo se per errore viene incluso e scoperto.Vi invito a provarla.Chi desidera maggiori informazioni puo' iscriversi alla mailing list di LibrePlanet Italia:http://libreplanet.org/index.php/LibrePlanetItalia-- Graziano Sorbaioli ~ sorbaioli.orgLibrePlanet Italiahttp://libreplanet.org/index.php/LibrePlanetItalia
  • Promoteo scrive:
    e Micro$oft strizza le pa!!e a Linux..
    http://it.wikipedia.org/wiki/Halloween_documentshttp://it.wikipedia.org/wiki/Abbraccia,_estendi_ed_estinguiNon c'è niente di male in niente, è l'atteggiamento...Sveglia gente!!
  • vioment scrive:
    GIUSTO PIEGARSI DAVANTI AL DIO
    era ora che linux capisse che non e' altro che una nullita' in confronto alla diffusione di xp
    • vioment2 scrive:
      Re: GIUSTO PIEGARSI DAVANTI AL DIO
      Peccato che sia una diffusione frutto del preinstallato, non c'è molto da andarne fieri.
      • Di_ME scrive:
        Re: GIUSTO PIEGARSI DAVANTI AL DIO
        Gia' infatti il mio notebook secondo le statistiche di vendita microsoft e' una unita' con windows, peccato che ci sia installato Linux da sempre. E cosi' i notebook di tutti gli utenti Linux.Quindi la stitistica del venduto con windows centra ben poco con la situazione reale di uso.
        • w la cantina scrive:
          Re: GIUSTO PIEGARSI DAVANTI AL DIO
          Anche il mio :)A nulla sono valse le mie proteste per il non voler pagare qualcosa che non avrei usato.Ora ho una bel codice di attivazione per Vista che penso terrò come souvenir.
    • w la cantina scrive:
      Re: GIUSTO PIEGARSI DAVANTI AL DIO
      Mah... i linari in generale sono sfrontati, superbi, irritanti, astiosi, a volte irragionevoli, se vuoi antipatici, presuntuosi, un filo arroganti, supponenti, impazienti, caparbi, arruffoni ma anche fantasios e parecchio generosi.Ma non si piegano.Perché dovrebbero?Che si pieghino altri, per i quali dovrebbe essere naturale ormai "assumere la posizione" :D
  • Di_ME scrive:
    Basta gettare sterco su suse
    Opensuse intanto non si paga, ed esiste anche la versione di ubuntu a pagamento, punto primo.Opensuse non e' incasinata, opensuse e' una distro che punta tutto sull'interfaccia utente, yast non a caso e' pensato anche per utonti non avezzi all'uso della shell. in ogni caso da utente opensuse (dalla 8.1) posso dire che yast e' comodissimo e non ha eguali su altre distro, in poche ore posso tirare su un server, anche senza X, mentre con una ubuntu passerei giornate di sudo e vi quindi cercate di non paragonare le cose a pari condizioni.Opensuse puo' essere pensate perche' installa di default molta piu' roba di altre, ma e' pensata per Pc moderni dove poco importa non per i catorci a 600mhz, prendete ubuntu/debian o quello che vi pare e installate tutte le librerie e i programmi che ha dentro una opensuse e vedrete che poi va uguale. Per contro su opensuse puoi anche disattivare i servizi inutili e disinstallare il software che non serve.Tra parentesi su un Pc bidone dimostrai tempo fa che opensuse 10.3 con XFCE era molto piu' leggera di Xubuntu che arrivava a usare 300mega di swap contro i 4 mega di opensuse, stesso hardware, stessi software utilizzati.Non tiratemi fuori la storia di apt-get install ...zypper install ...funzionamento uguale.Per finire vendo e faccio assistenza su dekstop Linux e le varie *buntu sono quelle che hanno il maggior tasso di rinuciatari tra gli utenti normali che vogliono tornare a windows, mentre gli utenti con opensuse resistono e a parte un paio nessuno e' ancora voluto tornare indietro (esperienza degli ultimi 3 anni) proproi perche' agli occhi di un utente normale yast non ha confronti con una shell e apt-get...A tra parentesi ancora, visto che molti utenti non opensuse sono ignoranti: YaST non serve solo per installare software, enjoy molti di voi non lo sanno! YaST serve per configurare qualsiasi aspetto del sistema dal software all'hardware, agli utenti/servizi etc... tutto omogeneo e concentrato e comprensibile grafico punta e clicca.
    • Di_ME scrive:
      Re: Basta gettare sterco su suse
      Ah per finire novell da sola e' l'autrice del 46% delle patch e dei contributi apportati al codice di Linux (inteso un po' tutti i software del mondo Linux), assieme a redhat che anche lei porta una bella fetta, mentre ubuntu e' responsabile dello 0,1% di questi contributi.Quindi voi utenti ubuntu che vedete la vostra distro migliorare lodate redhat e novell che lavora non canonical che si limita a fare una ISO e la pubblicita'.
      • Vistabuntu scrive:
        Re: Basta gettare sterco su suse
        - Scritto da: Di_ME
        Ah per finire novell da sola e' l'autrice del 46%
        delle patch e dei contributi apportati al codice
        di Linux (inteso un po' tutti i software del
        mondo Linux), assieme a redhat che anche lei
        porta una bella fetta, mentre ubuntu e'
        responsabile dello 0,1% di questi
        contributi.

        Quindi voi utenti ubuntu che vedete la vostra
        distro migliorare lodate redhat e novell che
        lavora non canonical che si limita a fare una ISO
        e la
        pubblicita'.E vai di distro-war.
        • Di_ME scrive:
          Re: Basta gettare sterco su suse
          e' in risposta di difesa, sono tutti qui a dare giu' contro novell senza manco davvero capire la natura della distro, gente esperta smanettona che si lamenta che yast grafico e' piu' lento per installare un pacchetto rispetto la linea di comando... senza manco sapre che esiste zypper poi.
    • fray scrive:
      Re: Basta gettare sterco su suse

      Per finire vendo e faccio assistenza su dekstop
      Linux e le varie *buntu sono quelle che hanno il
      maggior tasso di rinuciatari tra gli utenti
      normali che vogliono tornare a windows, mentre
      gli utenti con opensuse resistono e a parte un
      paio nessuno e' ancora voluto tornare indietro
      (esperienza degli ultimi 3 anni) proproi perche'
      agli occhi di un utente normale yast non ha
      confronti con una shell e
      apt-get...Mi sembra di sentire Renji Abarai che spaccia Windows e fa assistenza.OpenSuse per me ha solo due problemi che si chiamanoNOVELL ed RPM (Redhat Package Manager).Se sei tanto esperto capirai che DEB ed APT non ha rivali nella gestione delle dipendenze e dei pacchetti

      A tra parentesi ancora, visto che molti utenti
      non opensuse sono ignoranti: YaST non serve solo
      per installare software, enjoy molti di voi non
      lo sanno! YaST serve per configurare qualsiasi
      aspetto del sistema dal software all'hardware,
      agli utenti/servizi etc... tutto omogeneo e
      concentrato e comprensibile grafico punta e
      clicca.Yast, per lo meno l'ultima volta che l'ho usato, era veramente una ciofeca di configuratore.Spiego meglio: c'era un leggero effetto collaterale che modificando una parte dei file di configurazione a mano e poi usando Yast le modifiche venivano assolutamente sovrascritte.Adesso: Non mi pare proprio il caso di fare un configuratore che fa come gli pare, inteso nel senso di riscrivere il file di conf come intende lui invece di leggere le impostazioni da esso ed integrarle con le nuove modifiche.Ai tempi per di piu' ad ogni piccola modifica quello si ricreava tutti i file di configurazione di un sacco di servizi e configurazioni di sistema mettendoci un sacco di tempo.Un configuratore che decide lui mi pare proprio che non vada bene. Che facciamo come windows? Se non usi la grafica non sai dove poi mettere le mani? Partiamo dal basso che e' meglio e leggiamo sti' benedetti files di configurazione a modo, ma soprattutto scriviamoli in maniera incrementale (tipo svn o cvs per intenderci).Yast era negativo.Probabilente le ultimee versioni di yast potrebbero aver risolto questi problemi ma mi spiace non ho ne' voglia ne tempo di usare OpenSuse.
      • Di_ME scrive:
        Re: Basta gettare sterco su suse
        ho gli rpm che schifo, solo perche' lo hai scritto non ho proseguito oltre alla lettura del tuo post.avete rotto le p4ll3 con sti rpm brutti deb belli... la gente non lavora 8 ore al PC solo installando e disinstallando software.siete ridicoli, ed e' praticamente l'unica vostra sterile argomentazione.
        • Vistabuntu scrive:
          Re: Basta gettare sterco su suse
          - Scritto da: Di_ME
          ho gli rpm che schifo, solo perche' lo hai
          scritto non ho proseguito oltre alla lettura del
          tuo
          post.

          avete rotto le p4ll3 con sti rpm brutti deb
          belli... la gente non lavora 8 ore al PC solo
          installando e disinstallando
          software.

          siete ridicoli, ed e' praticamente l'unica vostra
          sterile
          argomentazione.Distro war 2.
        • fray scrive:
          Re: Basta gettare sterco su suse
          - Scritto da: Di_ME
          ho gli rpm che schifo, solo perche' lo hai
          scritto non ho proseguito oltre alla lettura del
          tuo
          post.

          avete rotto le p4ll3 con sti rpm brutti deb
          belli... la gente non lavora 8 ore al PC solo
          installando e disinstallando
          software.

          siete ridicoli, ed e' praticamente l'unica vostra
          sterile
          argomentazione.Sei veramente un poverello.Io sono 15 anni che uso Linux. Quando gente come te si puliva le chiappe col Dos e Windows 3.1.Sin dall'universita' e poi fino al lavoro ho sempre avuto la fortuna di usarlo e di lavorarci.Di Distribuzioni ne ho provate una marea, a partire dalla Slackware, RedHat (quando venivano distribuiti con i CD della Valnut Creek che tu ovviamente ignorerai), Suse e Mandrake (oggi Mandriva), Gentoo e Centos.Ma come DEBIAN non ce ne sono.Povero ometto punta e clicca ometti pure di leggere le mie argomentazioni ma non ti permettere di sparare boiate casuali su di me.Se sei capace di controbattere a livello tecnico ti staro' a sentire.
          • Di_ME scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            Guarda che io non parlo per me, anche io ho usato debian... io parlo che opensuse e' fatta per gli utenti desktop... e te ci dai dietro a dire che bisogna editare a mano i file di configurazione...Ma lo vuoi capire che c'e' tanta gente che se gli dai un sistema Linux completamente grafico come opensuse e' stracontenta, tanto i file di conf non sa cosa sono e NON vuole saperlo e cercare di imporglielo causa il ritorno a windows?Non puoi pretendere che segretarie, casalinghe imparino la linea di comando di buona voglia senza protestare, yast va benissimo messo in mano a questa gente, per configurare una stampante e fare altre cazzatine di basso livello tecnico. E intanto sono persone in meno a usare Windows, persone in piu' felici di avere un PC che finalmente non prende virus si pianta ed e' da riformattare ogni 2 mesi.Volete o no che Linux prenda piede? e' questo il settore dove si deve spingere! e rimanere duri e puri si resta in pochi caro mio.
          • fray scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse

            Ma lo vuoi capire che c'e' tanta gente che se gli
            dai un sistema Linux completamente grafico come
            opensuse e' stracontenta, tanto i file di conf
            non sa cosa sono e NON vuole saperlo e cercare di
            imporglielo causa il ritorno a
            windows?Sono daccordo con te.Dico solamente che non e' opensuse quello giusto secondo il mio modesto parere.In quanto architetturalmente superiore preferisco le distro basate su debian.Ed anche se non mi piace consiglierei Ubuntu che quanto meno ha basi solide : APT.Provaci tu con Suse a passare da una major version all'altra semza inbordellare tutto.Con Ubuntu quasi ci stanno riuscendo ed i XXXXXX sono sempre e solo relativi a sti' XXXXX di driver proprietari grafici Nvidia ed Ati.

            Non puoi pretendere che segretarie, casalinghe..Infatti non lo pretendo e sono contento per loro che trovino quanto meno un'alternativa a Windows.Pero' se devi passare almeno becca la cosa migliore....Comunque prima o poi la gente fara' le sue scelte.Io prima ti ho detto le mie.Se un utont pretende di installare OpenSuse e poi mi chiede aiuto gli dico tranquillamente che se vuole il mio aiuto deve usarne un'altra di distribuzione. Tutto qui.
          • Di_ME scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            Su ubuntu non ci sono interfaccie evoute come yast che per quanto TU dici che facciano schifo per gli utenti normali sono una manna da cielo.Poi deb non e' una soluzione a niente se il package e fatto male, su kubuntu se provavo a disinstallare kmix per dipendenza mi ritrovavo senza piu' l'intero KDE! in debian una volta invece mi sono trovato di fronte ad un loop di dipendenze che mi faceva un upgrade di una cosa ne installava un'altra e poi mi chiedava il downgrade della cosa prima e cosi' ciclicamente finche' nno killavo, peccato che c'erano di mezzo le glib e mi trovato un SO da formattare senza nessun'altra speranza... Alle ultime versioni di RPM manca poco rispetto a deb, solo lo xor e forse solo questo, RPM si puo' anche evolvere!Suse ha implementato i delta.rpm, patch binarie dei pacchetti, cosi' scarichi un delta minuscolo e fai l'update del pacchetto che hai gia' installato nel sistema senza riscaricare per intero tutto il pacchetto e credimi sugli update del kernel e annessi che sono piu di 60 mega sicuri (il pacchetto intero) e' un bel risparmio di tempo e banda!E cmq ti lascio uno stralcio del man di zypper:Gestione aggiornamenti: update, up Aggiorna i pacchetti installati con versioni più recenti. list-updates, lu Elenca gli aggiornamenti disponibili. patch Installa le patch necessarie. list-patches, lp Elenca le patch necessarie. dist-upgrade, dup Esegue un upgrade della distribuzione. patch-check, pchk Verifica la disponibilità di patch.
          • Di_ME scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            La questione e' che usavo solo yast dove essi si rilevava sufficente a configurare una cosa e facevo solo a mano dove non era sufficente... si fa sempre prima che a fare tutto a mano e cmq a me non sembra che sXXXXXX i file di conf editati a mano, o almeno non nei moduli che ho usato io.YaST e' modulare, ogni modulo si occupa di gestire un determinato servizio e quindi suoi file di conf, non e' obbligatorio che faccia macelli su tutti. Magari un modulo anziato puo' essere piu' maturo di un'altro giovane oppure che importa a pochi.Pero' io a mano configuro samba e il server FTP, mentre yast mi basta per amministrare gli utenti apache (configurazione molto basilare tipo per far girare un piccolo gestionale php), gestire il software, l'NTP, NFS ... ad esempio me capitato di configurare squit con yast e di mettere anche mano a squid.conf senza che si creassero problemi. (cmq ui si parla si server, ste robe gli utenti normali non le fanno).
          • Delle due l una scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            - Scritto da: Di_ME
            Poi deb non e' una soluzione a niente se il
            package e fatto male, su kubuntu se provavo a
            disinstallare kmix per dipendenza mi ritrovavo
            senza piu' l'intero KDE! in debian una volta
            invece mi sono trovato di fronte ad un loop di
            dipendenze che mi faceva un upgrade di una cosa
            ne installava un'altra e poi mi chiedava il
            downgrade della cosa prima e cosi' ciclicamente
            finche' nno killavo, peccato che c'erano di mezzo
            le glib e mi trovato un SO da formattare senza
            nessun'altra speranza...Chiedo scusa se rispondo solo ad una parte del vostro dibattito ma è solo per dire che DI_ME non ha tutti i torti.E' vero che a volte l'albero delle dipendenze debian si può incasinare e, per la mia personale e modesta esperienza, dipende al 99% da chi produce il pacchetto che non segue strettamente il debian-way.Basta affidarsi a repository ufficiali (e a non sperimentare incroci troppo audaci a meno di essere consapevoli di poter rinunciare alla stabilità tipica di un sistema del genere) e a non prendere tutti i binari che si trovano per la rete, per far scomparire quasi completamente ogni problema.Ripeto, tutto questo imho e sulla base della mia personale esperienza d'uso.
          • Di_ME scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            Si peccato che se devi far girare un'application server che per funzionare ha bisogno di una certa libreria che nei repo ufficiali non c'e' hai 2 vie:Usi cmq il repo non ufficialeCambi distribuzione con una che ha dietro qualche grossa societa' con i soldi che si preoccupa di darti ufficialmente stabili tutti i pacchetti aggiornati quasi all'ultima versione, cio' che ho fatto io visto che cmq il server e' morto. Con debian per far girare qualcosa alla fine dovevo aggiornare mezzo SO con software unstable. Almeno opensuse e altre si degnano di darti software aggiornatissimo e testato almeno quel che basta per scongiurare disastri irreparabili.
          • dubbioso scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            mmm... non conosco i casi a cui ti riferisci e non li metto in dubbio ma qui credo stiamo un pò esulando dai meriti/demeriti delle distro in questione.La politica di Debian, per i client e a maggior ragione per i server, è di fare riferimento a componenti stratestati che non DEVONO dare problemi.E'chiaro che così rinunci all'aggiornamento dell'ultimo minuto ma trattandosi di server posso capirlo benissimo e sono sostanzialmente d'accordo (non parlo di fix di sicurezza ovviamente).Da quello che dici il concetto di stabilità sembra decisamente differente (e non sto sindacando su quale sia migliore, intendiamoci). Se su Debian non trovo il binario di un certo pacchetto è perché, nel contesto dell'intero sistema, non viene giudicato sufficientemente stabile.Si può discutere sulla durezza dell'applicazione di questa regola ma se la infrangi per necessità, ovviemente vai incontro a tutti i disagi che hai sperimentato, sgretolando la distribuzione.Una terza via ci sarebbe.Non per tutti, ma chi gestisce un server non dev'essere "normale" :) , ovvero di compilare ogni cosa.
      • Shiba scrive:
        Re: Basta gettare sterco su suse
        - Scritto da: fray
        OpenSuse per me ha solo due problemi che si
        chiamano
        NOVELL ed RPM (Redhat Package Manager).

        Se sei tanto esperto capirai che DEB ed APT non
        ha rivali nella gestione delle dipendenze e dei
        pacchetti
        Boh, non me ne intendo particolarmente, ma anche se uso ubuntu trovo che i deb siano una cosa semplicemente indegna. Centinaia di modi (non intercambiabili) per farli, contro gli specfile, i pkgbuild, gli ebuild di altri sistemi, che ti fanno compilare in pochi minuti...
        • fray scrive:
          Re: Basta gettare sterco su suse

          Boh, non me ne intendo particolarmente, ma anche
          se uso ubuntu trovo che i deb siano una cosa
          semplicemente indegna. Centinaia di modi (non
          intercambiabili) per farli, contro gli specfile,
          i pkgbuild, gli ebuild di altri sistemi, che ti
          fanno compilare in pochi
          minuti...Per fare veloce usa "checkinstall".
          • dubbioso scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            mmm... perdonate la mia poca esperienza, ma sapevo che checkinstall era sconsigliato nel caso di progetti piuttosto grossi come un openoffice, un DE o in quei casi in cui ci sono un mare di dipendenze da controllare.E poi dovendole già gestire, le dipendenze, in fase di configurazione e compilazione, il valore aggiunto di un binario prodotto con checkinstall sarebbe relegato alla possibilità di fare riferimento ad un front-end come apt per la sua rimozione, credo.Ma in questi casi tanto varrebbe usare il --prefix in ./configure, piazzare tutto in una cartellina specifica e cancellarla quando si deve rimuovere. O no?
          • fray scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            - Scritto da: dubbioso
            mmm... perdonate la mia poca esperienza, ma
            sapevo che checkinstall era sconsigliato nel caso
            di progetti piuttosto grossi come un openoffice,
            un DE o in quei casi in cui ci sono un mare di
            dipendenze da
            controllare.
            E poi dovendole già gestire, le dipendenze, in
            fase di configurazione e compilazione, il valore
            aggiunto di un binario prodotto con checkinstall
            sarebbe relegato alla possibilità di fare
            riferimento ad un front-end come apt per la sua
            rimozione,
            credo.
            Ma in questi casi tanto varrebbe usare il
            --prefix in ./configure, piazzare tutto in una
            cartellina specifica e cancellarla quando si deve
            rimuovere. O
            no?Bhe per progetti molto grossi infatti i gestori dei pacchetti si fanno le cose a mano generando una serie di .debSarebbe poco pratico avere un .deb gigantesco.Checkinstall e' da usare se uno ha fretta e se ha il controllo completo delle sorgenti.In ogni caso per entrare in debian prima di tutto bisogna trovare un maintainer che gestisca la generazione dei .deb (che i molti casi sono diversi da chi fisicamente scrive il codice)
      • hehe scrive:
        Re: Basta gettare sterco su suse
        [mega cut]se non sai usare yast non dare la colpa a opensuse.Quando i file di configurazione li editi a mano, c'e' un comando [*] da dare, e in quel modo yast leggera' le configurazioni aggiornate.Tutti espertoni qua ehsaluti[*] lasci a te o a chi interessa il compito di trovare il comando in questione
    • momo scrive:
      Re: Basta gettare sterco su suse
      Sono stato un utilizzatore di Opensuse per parecchi anni, ma si è andati sempre verso il peggioramento, troppo pesante, difficoltà nel settare la scheda video, crash inspiegabili del sistema.Il colpo di grazia è arrivato con i licenziamento di parecchi sviluppatori.
      • Di_ME scrive:
        Re: Basta gettare sterco su suse
        Sarai un utente ATI ... da la colpa ad ATI... il mio PC con opensuse 11.1 +KDE4.2 tutto intel + nvidia va da dio ed e' stabilissimo, ci sono stati problemi con KDE4 nei primi tempi ma ad oggi sono risolti per quello che mi riguarda, tutti i PC che installo funzionano bene quindi non e' questione di 1 hardware venuto bene.
        • dubbioso scrive:
          Re: Basta gettare sterco su suse
          Ho un ati è confermo che fa un schifo un pò dovunque (driver e compositor fanno proprio a XXXXXtti), oltre al fatto che sembra che anche amd/ati abbia deciso di "rivedere" il suo supporto a Linux visto che i catalyst sono fermi alla 9.2 per linux quando invece supportano di già un sistema ancora in beta come Windows 7.Però non credo che momo imputasse ai driver la colpa dei continui crash. Mi sembra un pò riduttivo.
          • Di_ME scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            Tutti vogliono gli effetti ballonzolanti sul desktop, poi magari provano KDE4 dopo interminabili crash dicono che e' colpa della distro, attualmente su opensuse con KDE4 il package non e' molto ottimizzato, il 4.1 di default e' misero, se provi ad aggiornare al 4.2 devi controllare e selezionare a mano un sacco di pacchetti se not i trovi un sistema monco, adesso va molto bene ma 1 mese fa era molto instabile e causava molti crash. Ma sono problemi di gioventu' a me risulta che pure su kubuntu ci siano dei plasmoidi che mandano in crash plasma bellamente.Io non li uso, non me ne frega niente, non ho problemi.
          • dubbioso scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            - Scritto da: Di_ME
            Tutti vogliono gli effetti ballonzolanti sul
            desktop, poi magari provano KDE4 dopo
            interminabili crash dicono che e' colpa della
            distro, attualmente su opensuse con KDE4 il
            package non e' molto ottimizzato, il 4.1 di
            default e' misero, se provi ad aggiornare al 4.2
            devi controllare e selezionare a mano un sacco di
            pacchetti se not i trovi un sistema monco, adesso
            va molto bene ma 1 mese fa era molto instabile e
            causava molti crash. Ma sono problemi di
            gioventu' a me risulta che pure su kubuntu ci
            siano dei plasmoidi che mandano in crash plasma
            bellamente.

            Io non li uso, non me ne frega niente, non ho
            problemi.Su questo mi trovi sostanzialmente d'accordo :)
          • Di_ME scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            intendevo non uso i plasmoidi, KDE 4.2 mi piace molto e funziona molto bene, solo che per installarlo mi sono fatto 1 pagina A4 scritta con la lista di pacchetti da controllare tutti a mano, non e' da tutti avere la mia pazienza. Ovviamente con le prossime versioni aggiusteranno anche la ragnatela di dipendenze dei pacchetti cosi' che sia piu' automatico.
        • momo scrive:
          Re: Basta gettare sterco su suse
          Ho un Ati Randeon mobility 9200, con tutte le versione di opensuse fino all'ultima attuale la 11.1, non mi salvava la configurazione dello xorg, ogni volta che chiudevo o riavviamo il pc, dovevo riconfigurarlo a mano.Mentre da quando ho messo Ubuntu 8.04 con la stessa scheda video non ho mai avuto nemmeno un problema, ed uso tranquillamente compiz con i driver open, In oltre Ubuntu è decisamente più leggera.
    • pabloski scrive:
      Re: Basta gettare sterco su suse
      - Scritto da: Di_ME
      e' comodissimo e non ha eguali su altre distro,
      in poche ore posso tirare su un server, anche
      senza X, mentre con una ubuntu passerei giornate
      di sudo e vi quindi cercate di non paragonare le
      cose a pari
      condizioni.
      ti sei perso centos e rhel per strada?
      Opensuse puo' essere pensate perche' installa di
      default molta piu' roba di altre, ma e' pensatanon c'entra il numero dei pacchetti installati con il throughput
      per Pc moderni dove poco importa non per i
      catorci a 600mhz, prendete ubuntu/debian o quello
      che vi pare e installate tutte le librerie e i
      programmi che ha dentro una opensuse e vedrete
      che poi va uguale. Per contro su opensuse puoiio c'ho arch con molta più roba di quanta ne abbia opensuse ma è 2 volte più veloce
      anche disattivare i servizi inutili e
      disinstallare il software che non
      serve.
      non vuol dire nulla....centos di default attiva un mare di servizi eppure è più veloce
      Non tiratemi fuori la storia di apt-get installla differenza c'è tra deb e rpm....il primo è molto più resiliente, affidabile e performante....ovviamente il problema vale per tutte le distro rpm based
      Per finire vendo e faccio assistenza su dekstop
      Linux e le varie *buntu sono quelle che hanno il
      maggior tasso di rinuciatari tra gli utenti
      normali che vogliono tornare a windows, mentreè strano perchè ubuntu è la prima distro per utilizzo soprattutto in Italiahttp://www.madpenguin.org/cms/?m=show&id=7951
      gli utenti con opensuse resistono e a parte un
      paio nessuno e' ancora voluto tornare indietro
      (esperienza degli ultimi 3 anni) proproi perche'
      agli occhi di un utente normale yast non ha
      confronti con una shell e
      apt-get...
      personalmente ho avuto le stesse esperienze con ubuntu e persone che conoscoe mi pare che ormai sia ubuntu che debian facciano uso estensivo di synaptic, dove la vedi questa shell e questo apt-get?
      A tra parentesi ancora, visto che molti utenti
      non opensuse sono ignoranti: YaST non serve solo
      per installare software, enjoy molti di voi non
      lo sanno! YaST serve per configurare qualsiasi
      aspetto del sistema dal software all'hardware,infatti è talmente complicato che ancora oggi ha tali e tanti bug da andare in crash almeno 1 volta su 5
      agli utenti/servizi etc... tutto omogeneo e
      concentrato e comprensibile grafico punta e
      clicca.si ma pure centos ce l'ha...
    • dubbioso scrive:
      Re: Basta gettare sterco su suse
      - Scritto da: Di_ME
      Opensuse intanto non si paga, ed esiste anche la
      versione di ubuntu a pagamento, punto
      primo.

      Opensuse non e' incasinata, opensuse e' una
      distro che punta tutto sull'interfaccia utente,
      yast non a caso e' pensato anche per utonti non
      avezzi all'uso della shell. in ogni caso da
      utente opensuse (dalla 8.1) posso dire che yast
      e' comodissimo e non ha eguali su altre distro,
      in poche ore posso tirare su un server, anche
      senza X, mentre con una ubuntu passerei giornate
      di sudo e vi quindi cercate di non paragonare le
      cose a pari
      condizioni.D'accordo.Non gettiamo fango su Suse ma nemmeno su Debian/Buntu e altre.Giornate per tirare su un server?Io ho tirato su qualche server con *buntu.tempo impiegato: 20 minutiSe hai un synaptic sotto mano, selezioni i pachhetti per attività, potendo scegliere tra un discreto numero di server di base (dns server,lamp server,mail server,openssh server,postgreSQL server,printer server,samba server,tomcat java server) con un click.Con una *buntu-server hai questa scelta in fase di installazione.
      • slacky scrive:
        Re: Basta gettare sterco su suse
        - Scritto da: dubbioso
        D'accordo.
        Non gettiamo fango su Suse ma nemmeno su
        Debian/Buntu e
        altre.Quoto.L'amico giustamente si risente perché qualcuno esagera con le critiche, ma poi si macchia dello stesso peccato.Discussione utile soltanto a generare il solito flame.
      • Silenx scrive:
        Re: Basta gettare sterco su suse
        Confermo su ubuntu-server ... tempo di installazione si e no 30minuti ... compreso il raid1 software impostato in fase di partizionamento dell'installer ... niente X di default ... veramente veloce, comoda, e si fa prestissimo .... non me lo aspettavo, l'ho provata + per curiosita che altro, non immaginavo venisse fuori un bel serverino senza X e con il minimo indispensabile.tasksel poi è bellissimo ...
    • gnulinux86 scrive:
      Re: Basta gettare sterco su suse
      Per testare con mano gli evidenti problemi di OpenSuse, basta provarla, esperienza mia personale, simile a quella di molte altre persone è che OpenSuse sia pesante(sarà colpa del troppo mono?) più lenta a partire dal boot rispetto le altre distro, spesso crasha senza motivo.Dei problemi di OpenSuse ne parlano in molti:http://www.tuxmind.org/2009/01/03/ubuntu-810-vs-opensuse-111/comment-page-1/Oltre tutto come ti ha già fatto notare qualcuno, il licenziamento di molti programmatori OpenSuse, è un altro fattore negativo, che non gioverà sicuramente a questa distro( già incasinata di suo).-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 marzo 2009 18.07-----------------------------------------------------------
      • Di_ME scrive:
        Re: Basta gettare sterco su suse
        Ho un p4 sok 775 con 1 giga di ram 2 HD da 80 giga in raid1 w boota in 15 secondi e cmq MONO NON e' installato.Le troppe persone che dicono che va male sono degli affezionati di ubuntu che la installano su un pentium 2 per caso?
        • PER GIOCARE scrive:
          Re: Basta gettare sterco su suse
          Ma dai, usate linux per giocare e parlate pure? A parte Di_ME ho letto solo cosa inutili. Suse punta ai mercati enterprice, fatti di certificazioni e garanzie, provate a proporre ubuntu (che ho nel MIO pc) au un cliente che ha speso decine di migliaia di euro per dei supercluster e vediamo poi che venite a raccontare.
          • gnulinux86 scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            Ma nel mercato enterprice Novell mica usa OpenSuse.Comuque Ubuntu sta ottenendo maggiori profitti nel settore aziendale:http://www.pmi.it/software/news/4296/ubuntu-vince-anche-in-azienda.htmlPer fugare i dubbi su chi considera Ubuntu solo per desktop.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 marzo 2009 20.46-----------------------------------------------------------
          • Di_ME scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            opensuse e' la versione di sviluppo, quella venduta e'una distribuzione super certificata e stabilizzata con software un pelo meno aggiornato.In ogni caso temo fa vidi un grafico che mostrava l'ammontare dei contributi al codice apportati dalle varie distro RH e Novel in testa e ubuntu era il fanalino di coda con un misero 0,1%... Secondo me e' vergnoso come canonical non si interessi per niente a migliorare Linux basandosi solo sul lavoro delle altre distro...Della serie se ubuntu davvero invadesse il mercato e le altre distro fallissero anche ubuntu collasserebbe. Tutto marketing e basta.
          • gnulinux86 scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            Avevo proprio ragione, tu Ubuntu lo sogni pure di notte.Comunque sei hai dati postali, altrimenti le tue resteranno, solo parole, frutto di un avversione, verso tutto ciò che fa rima con Ubuntu.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 marzo 2009 10.40-----------------------------------------------------------
          • Di_ME scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            Guarda quel grafico te lo posterei se solo riuscissi a ritrovarlo, me lo aveva fatto vedere ziobudda da un sito in inglese, era un grafico che mostrava la percentuale di contributi al codice linux (genericamente tutto cio' che e' linux, non solo il kernel) da parte delle varie distribuzioni, in testa c'erano redhat e novell scedendo altre distro per arrivare a ubuntu (l'ultima) con un 0,1%
          • krane scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            - Scritto da: Di_ME
            Guarda quel grafico te lo posterei se solo
            riuscissi a ritrovarlo, me lo aveva fatto vedere
            ziobudda da un sito in inglese, era un grafico
            che mostrava la percentuale di contributi al
            codice linux (genericamente tutto cio' che e'
            linux, non solo il kernel) da parte delle varie
            distribuzioni, in testa c'erano redhat e novell
            scedendo altre distro per arrivare a ubuntu
            (l'ultima) con un 0,1%Tu lo sai vero che meta' dei contributori di ubuntu sono contributori anche di debian ???
          • Di_ME scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            Debian non era l'ultima ma nemmeno ero in cima, ricordo novel con un 46% redhat non mi ricordo, poi c'era gentoo in 3^ o 4^ posizione, mandriva. Debian era nei piani bassi cmq con meno del 10%.
          • w la cantina scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            Il mio punto di vista è un pò differente.Non metto in dubbio la tua buona fede quando asserisci che Novell contribuisce di più sul lato squisitamente tecnico, però la presenza di Canonical diventa fondamentale proprio perché, prima di Canonical, di Linux in ambito desktop non ne parlava nessuno. E questo grazie alla principale attività di marketing svolta dalla società.Secondo me c'è bisogno di entrambi i fattori, tanto più che il grosso dei detrattori di Linux, se ci fai caso, basano le loro critiche su:- (presunta ?) osticità del sistema operativo- mancanza di una grossa società che investa sull'immagine di Linux (marketing, in altre parole)
          • Di_ME scrive:
            Re: Basta gettare sterco su suse
            Si ma se la distribuzione piu' pubblicizzata e' quella che meno costribuisce allo sviluppo di Linux, campando sul lavoro delle altre sorelle scusa il termine "come un parassita" ... e tutta la gente vuole usare questa distro pubblicizzata (che poi come usabilita' e osticita' scusami ma e' peggio di altre)... le altre che fanno? muoiono o cmq vengono danneggiate con meno utenza... quindi magari arrivano a investire di meno e cosi' ne risentirebbe anche la distro markettara, che come i parassiti muoiono assieme all'organismo che fino a quel momento li ha sostenuti.Ubuntu deve cominciare a dare il suo contributo di sviluppo alla comunita'.
        • gnulinux86 scrive:
          Re: Basta gettare sterco su suse
          O mamma, hai lo stesso astio che ha Dovella contro Mac, solo tu lo hai contro Ubuntu.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 marzo 2009 20.47-----------------------------------------------------------
  • Mah scrive:
    Mono ?
    Meglio stereo...sempre sti ritorni al passato... mah !(geek)
  • Treepwood scrive:
    meglio ubuntu
    non si paga
  • UnoDeiTanti scrive:
    ma chi ci guadagna?
    Quello che rende interessante la piattaforma .net sono i tempi di sviluppo quando si usa Visual Studio, che in ambito lavorativo sono molto importanti.Tolto questo c# e compagnia subisce un rapido ridimensionamento.L'approccio a Mono può essere di diverso tipo a seconda dell'utenteA) sono uno di quelli che sfruttano l'opensource, non ho mai rilasciato una linea di codice, mi faccio il figo dicendo che uso programmi GRATIS, e allora grazie suse e grazie mono! B)(il mio parere) penso che l'opensource sia prima di tutto una filosofia, ed un modo di intendere il lavoro ed il prodotto per ottenere un sistema informatico diverso e migliore.Ritengo che comunque non sia possibile portare semplicemente programmi .net da linux a windows o viceversa con poche modifiche, e quindi Mono sia comunque limitato. Credo che su Linux esistano già linguaggi meritevoli di attenzione sui quali dovrebbero concentrarsi gli sforzi. Non penso che i programmatori passino a Linux semplicemente per programmare in .net, quando è possibile fare questo e meglio su windows. Alla fine quindi il vantaggio è solo di windows, perché vede il limite della compatibilità del suo framework superato. (anche se come altri hanno già scritto la compatibilità vera è ben altra cosa...).Quali vantaggi può avere linux? Chi vuol far qualcosa per linux può continuare a farlo in python, java, C++, ecc..Francamente quindi mi sembra un'operazione masochista, che la Novell effettua solo ed esclusivamente per motivi di $.L'idea di Mono nata dal padre di Gnome, sicuramente è stata fatta con buoni intenti, nella speranza di una piena compatibilità tra i due sistemi. Non si è resi conto però in questo modo del grande vantaggio e del lavoro gratuito che viene fatto all'azienda di Redmond.Accrescere la popolarità di .net in questo modo, non fa altro che danneggiare le alternative, sicuramente moralmente più vicine a Linux, come PHP o Python tanto per citarne alcuni.Anche le riviste italiane di Linux non fanno che parlare di Mono e di corsi di C#, a questo punto mi domando che senso abbia continuare ad incentivare l'uso di Linux, quando poi ci si scopre, che le migliori tecnologie sono quelle di windows e si cerca disperamente di portarle su Linux.Perché passi Silverlight, passino i codec video o audio la cui assenza giustamente pesa all'utente, ma portare un sistema di programmazione su un altra piattaforma significa incentivarne l'uso.Quello che fa chi usa mono è ammettere che l'opensource è un fallimento, inchinarsi di fronte ad un'azienda che è riuscita in poco tempo a creare dal nulla un framework ed incentivarne ulteriormente l'uso.Poi non lamentiamoci se un giorno vedremo nei siti solo estensioni aspx, e se Linux sarà ancor più di oggi windows-dipendente specie dal punto di vista legale dei brevetti.
    • pabloski scrive:
      Re: ma chi ci guadagna?
      ma infatti Stallman e molti altri hanno da sempre sparato a zero su monoè un accrocchio, il fratello handicappato di .net, volutamente mantenuto indietro rispetto a .nete come hai detto è tutta una macchinazione di ms ( l'ennesima ) per infettare anche linux per poi poterlo ricattare con brevetti e XXXXXXX varie.net e mono vanno rigettati al mittente, anche perchè linux di alternative migliori ne ha parecchietutti sembrano dimenticare che .net non è nulla di innovativo, è un sub-derivato di java e ANDF ( grandioso framework opensource voluto dal ministero della difesa britannico e adattato perfino dalla tao systems come vm per il loro os elate )c'è parrot che è in stato avanzato di sviluppoe ovviamente c'è pure javainfine rimane il fatto che su linux mancano tutti gli strumenti di sviluppo per .net e certo monodevelop non può essere considerato alla pari di visual studiol'unico motivo per mantenere in vita mono sono i 295$ milioni incassati da Novell grazie agli accordi con MS....o magari Novell ne avrebbe incassati di più se fosse stata da sola e senza essere costretta a pagare il pizzo a MSchi lo sa !?!
      • di passaggio scrive:
        Re: ma chi ci guadagna?
        cosa c'è di male nel non essere i primi a fare una cosa?io odio chi si riempie la bocca con la parola "innovazione"... in tutti i campi.
        • guast scrive:
          Re: ma chi ci guadagna?
          - Scritto da: di passaggio
          cosa c'è di male nel non essere i primi a fare
          una
          cosa?
          io odio chi si riempie la bocca con la parola
          "innovazione"... in tutti i
          campi.Reinventare la ruota non serve a niente. Soprattutto quando si disperdono risorse. Adesso gli sviluppatori sono divisi in due gruppi con competenze diverse che fanno cose incompatibili. Lo capirei se offrisse qualcosa di diverso o più specializzato, ma non è così.Anzi offre qualcosa di meno, rileggiti il post qui sotto sulla community.Ogni volta che in una azienda si inizia a discutere che soluzione adottare si parte con lunghissime diatribe con i vari commerciali che pressano da dietro.
          • di passaggio scrive:
            Re: ma chi ci guadagna?

            Reinventare la ruota non serve a niente.
            Soprattutto quando si disperdono risorse. Adesso
            gli sviluppatori sono divisi in due gruppi con
            competenze diverse che fanno cose incompatibili.
            Lo capirei se offrisse qualcosa di diverso o più
            specializzato, ma non è così.Anzi offre qualcosa
            di meno, rileggiti il post qui sotto sulla
            community.scusa ma i programmatori di MS e quelli di SUN lavorano per ditte diverse... così come io che faccio sw per una certa nicchia di mercato sono un "avversario" della ditta concorrente... così come i fruttivendoli sono tutti indipendenti e ognuno ha la sua bottega e le sue strategie di vendita... non capisco la tua osservazione... o meglio, posso pure capire, ma nn approvo e la penso diversamente, pur rispettando.
        • pabloski scrive:
          Re: ma chi ci guadagna?
          non c'è nulla di male, ma quando però il dipartimento public relations di MS veicola il messaggio che quella cosa è stata inventata grazie a MS, che solo MS può fare cose così grandi e che senza MS sarebbe il buio, beh, se permetti m'inXXXXX parecchioMS è nata copiando e ha continuato a copiare per 30 anni, almeno lo ammettessero invece di pavoneggiarsi come fossero stati loro ad inventare il computer invece che Von Neumanne poi Ballmer si permette di dire che l'opensource non innova, ma perchè la sua azienda quali grandiose nuove tecnologie ha prodotto?e non dirmi AD perchè è un dialleto di X500 o XAML che è un dialetto di SVGCOM è CORBA, .NET è ANDF+Java, C# è C++ managed....non c'è nulla di male ad implementare idee già esistenti, però poi dà ai nervi quando quelle implementazioni loro le fanno diventare l'origine dell'idea e ci ficcano su un bel brevetto sparando FUD sul mondo opensource e minacciando a destra e a mancal'hanno fatto in passato con OpenGL ( notare che loro erano parte del comitato OpenGL ) sparando FUD e usando mezzucci e sabotaggio per costringere gli sviluppatori a migrare verso ActiveXè questa che mi dà fastidio, non il fatto che un'azienda implementi idee già esistenti
          • advange scrive:
            Re: ma chi ci guadagna?

            l'hanno fatto in passato con OpenGL ( notare che
            loro erano parte del comitato OpenGL ) sparando
            FUD e usando mezzucci e sabotaggio per
            costringere gli sviluppatori a migrare verso ActiveXStrategia che hanno adottato con ODF: anche lì erano in OASIS e poi hanno creato OOXML. Solita strategia EEE: possibile che tutti gli MS fan non se ne rendano conto?
          • pabloski scrive:
            Re: ma chi ci guadagna?
            per gli MS fan magari è positivo, ma io mi chiedo "possibile che ci sia gente nell'opensource che ancora crede a MS?"MS deve crepare con tutto il suo fuffa-ware, è una cosa semplicissima...chi fa patti con MS prima o poi muore ed è sucXXXXX tantissime volte in passatosi dice sempre che bisogna studiare la storia per imparare dagli errori del passato, quindi o Novell e soci sono ignoranti in storia o sono ottusi o magari i dirigenti pensano a come arraffare parte del bottino fregandosene del futuro di Novell, SuSE e Linux
          • advange scrive:
            Re: ma chi ci guadagna?

            per gli MS fan magari è positivo, ma io mi chiedo
            "possibile che ci sia gente nell'opensource che
            ancora crede a MS?"Secondo me no.
            MS deve crepare con tutto il suo fuffa-ware, è
            una cosa semplicissima...chi fa patti con MS
            prima o poi muore ed è sucXXXXX tantissime volte
            in passatoA me basta che la smetta con le sue pratiche monopolistiche; poi magari mi dirai (ci diremo) che senza quelle non sarebbe capace di andare avanti, ma quella è un'altra storia.Se MS andasse in crisi potrebbe sempre riciclarsi come azienda che fa consulenze: perso il monopolio dei SO per PC perderebbe automaticamente quasi tutto il resto del business, ma gli resterebbe ancora parecchio su cui lavorare. Potrebbe persino essere ipotizzabile una MS che produce una distro di Linux; oggi ci sembra impossibile, ma torna indietro negli anni '80 e prova a raccontare a qualcuno che IBM non produce più computer: ti avrebbero preso per pazzo.
            si dice sempre che bisogna studiare la storia per
            imparare dagli errori del passato, quindi o
            Novell e soci sono ignoranti in storia o sono
            ottusi o magari i dirigenti pensano a come
            arraffare parte del bottino fregandosene del
            futuro di Novell, SuSE e LinuxDirei la seconda ;-)
          • pabloski scrive:
            Re: ma chi ci guadagna?
            anche a me non interessa vedere MS morta, il problema è che se non muore troverà sempre il modo per far danniè un'azienda con una politica assurda e cioè quella di dominare a tutti i costi tutto ciò che ha a che fare con l'architettura di von neumannpensa a come agisce IBM che è 10 volte più grande di MS, eppure non si fa problemi a vivere e lasciar vivere, ogni tanto getta qualcosa nel mucchio per far proliferare l'ecosistemaè mai possibile che MS debba per forza puntare ad imporre sempre e comunque le proprie tecnologie ( rubacchiate peraltro ) ?con gente simile non ti puoi alleare e non puoi nemmeno lasciarli esistere....un'altra azienda al loro posto avrebbe lasciato perdere i server ai tempi di NT 4...invece loro no, c'hanno la mania del dominio e dell'espandersi a tutti i costi e soprattutto senza collaborare o unirsi ad altre entità ma lusingandole e fingendosi alleate per poi alla prima occasione distruggerle....nella società civile un tipo così lo definiamo psicopatico
          • krane scrive:
            Re: ma chi ci guadagna?
            - Scritto da: pabloski
            anche a me non interessa vedere MS morta, il
            problema è che se non muore troverà sempre il
            modo per far danni
            è un'azienda con una politica assurda e cioè
            quella di dominare a tutti i costi tutto ciò che
            ha a che fare con l'architettura di von neumannE' per quello che mi chiedo se appena possono le altre grosse societa' non vorranno distruggerla appena avra' diminuito abbastanza il suo potere.
          • di passaggio scrive:
            Re: ma chi ci guadagna?
            è un'azienda...io nn ci vedo nulla di così male poi.
      • Emoticon e video scrive:
        Re: ma chi ci guadagna?
        MS spara a zero contro mono?Sarà, ma io vedo alcuni sviluppatori di mono che partecipano a eventi microsoft e sono apprezzati per il lavoro che fanno.Che poi sia mozzato vero, ma è di natura. MS non si occupa di mono, quindi quelli di mono devono rincorrere il .net framework.Con la versione 2.0 supportano le winform e, stando a quello che dice uno sviluppatore di mono, a loro per ora non importa portare xaml e WindowsPresentationFoundation semplicemente perchè per ora non lo ritengono opportuno, o meglio, hanno altre cose più importanti da implementare (WCF e altri).A me piace avere un mio programmino scritto in C# e winform che funzioni SENZA TOCCARE NULLA su linux. L'ho fatto e funziona tranquillamente. Quindi ben venga.
        • w la cantina scrive:
          Re: ma chi ci guadagna?
          - Scritto da: Emoticon e video
          MS spara a zero contro mono?

          Sarà, ma io vedo alcuni sviluppatori di mono che
          partecipano a eventi microsoft e sono apprezzati
          per il lavoro che
          fanno.

          Che poi sia mozzato vero, ma è di natura. MS non
          si occupa di mono, quindi quelli di mono devono
          rincorrere il .net
          framework.
          Con la versione 2.0 supportano le winform e,
          stando a quello che dice uno sviluppatore di
          mono, a loro per ora non importa portare xaml e
          WindowsPresentationFoundation semplicemente
          perchè per ora non lo ritengono opportuno, o
          meglio, hanno altre cose più importanti da
          implementare (WCF e
          altri).Ripeto il succo di un altro mio intervento.In ambito linux, che senso ha rincorrere .net e le sue winform? Non basterebbero python gtk+/qt (su un anjuta/kdevelop debitamente rinforzati)?Sono presenti nativamente e funzionano da dio. Perché affidarsi ad un mezzo framework?Forse sbaglio a ragionare ma non ha senso dal mio punto di vista.
          A me piace avere un mio programmino scritto in C#
          e winform che funzioni SENZA TOCCARE NULLA su
          linux. L'ho fatto e funziona tranquillamente.
          Quindi ben
          venga.mah... per crare una form alla fine glade e python sono sufficienti. Ripeto, il dubbio mi rimane perchè ho l'impressione di usare un framework zoppo-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 marzo 2009 18.36-----------------------------------------------------------
          • Emoticon e video scrive:
            Re: ma chi ci guadagna?
            Hai ragione. Ma allora pongo un'altra domanda: perchè usare phyton&co quando puoi usare C++ senza librerie?io fondamentalmente phyton non so usarlo, o meglio non so usarlo come uso C# e framework annesso. Quindi se mi portano il .net in linux la vedo solo come una opportunità.Se poi distruggeranno mono (o meglio, gli diranno di eliminare asp.net, ado.net e winform) beh, credo che in linux ci sia altro con cui giocare (come tu stesso suggerisci)
          • ambrogio scrive:
            Re: ma chi ci guadagna?

            Ripeto il succo di un altro mio intervento.
            In ambito linux, che senso ha rincorrere .net e
            le sue winform? Non basterebbero python gtk+/qt
            (su un anjuta/kdevelop debitamente
            rinforzati)?Innaziutto puoi farci girare i software scritti in .net , e questo credo sia un vantaggio a prescindere.
            Sono presenti nativamente e funzionano da dio.
            Perché affidarsi ad un mezzo
            framework?Anche python è interpretato. Evvai, usiamo tutti il C!.
            Forse sbaglio a ragionare ma non ha senso dal mio
            punto di
            vista.Pensala così: se devi far partire qualche programma in .net sai che esiste, e addirittura su Suse11 è anche supportato da Novell.
            mah... per crare una form alla fine glade e
            python sono sufficienti. Ripeto, il dubbio mi
            rimane perchè ho l'impressione di usare un
            framework
            zoppoMah io sinceramente non svilupperei in .net su Linux, ma su WIndows lo faccio e sono soddisfattissimo dei risultati.
        • pabloski scrive:
          Re: ma chi ci guadagna?
          non spara a zero perchè le conviene così....ma se mono dovesse imporsi nel mondo linux credi davvero che non farebbero valere i loro brevetti?per te può essere comodo ma per linux è controproducente un sistema come monose proprio MS ci tiene tanto a Linux perchè non lascia cadere i brevetti su .NET?Dio lo fanno IBM, Oracle, Sun, perchè MS no?siccome in passato MS è stata tutt'altro che seria nei confronti dei partner, è lecito aspettarsi una pugnalata alla schiena qualora mono dovesse diventare una forza importante nel mondo linuxe poi perchè usare mono quando c'è di meglio?
          • Emoticon e video scrive:
            Re: ma chi ci guadagna?
            Perchè non usare tutti java? perchè c'è gente che parla di phyton e altro quando c'è java?
    • corwyn scrive:
      Re: ma chi ci guadagna?
      bhè,per la cronaca esistono varie versioni di Visual Studio completamente gratuite che offrono già un eccellente supporto.La versione Professional integra le varie versioni gratuite ed aggiunge alcune funzionalità ed alcuni generatori di codice e non costa un' inferno(anche se non mi ricordo di preciso la cifra)poi ci sono le versioni per team di sviluppo che quelle si, tra server e client possono costare parecchio.Comunque tutto quello che si può fare con le versioni superiori si può fare anche con le versioni free, magari mettendoci un po' di tempo in più.Poi per quanto riguarda librerie esistenti in giro per il mondo e documentazione... chi dice che per .NET è poca roba lo dice solo perchè non lo ha mai usato. Magari non sarà allo stesso livello di Java (ma non saprei perchè non uso Java) ma ti assicuro che si trova moltissima roba in giro per internet
    • mbohpz scrive:
      Re: ma chi ci guadagna?
      eclipse
    • di passaggio scrive:
      Re: ma chi ci guadagna?
      scusa e che ci vedi di male?io ad esempio sviluppo in .net....per tanti motivi.Ora, ad oggi, al mercato cui mi rivolgo, in 2 anni nn ho mai trovato nessuno che utilizzasse linux (solo 1 col mac)...beh, cn qsti numeri mi posso permettere di dire "abbiamo scherzato, arrivederci!"....il sapere che un mio prodotto possa girare anche su linux mi può solo far piacere cmq... ovviamente parla uno che usa win e nn si è mai interessato a linux... ma cn qsto articolo, per la prima volta, ho pensato "eppure sarebbe bello avere davanti sto suse e provare se le mie applicazioni girano..."che poi nn lo farò mai per noia e pigrizia è un altro discorso :-D
    • guast scrive:
      Re: ma chi ci guadagna?
      Beh non conosco visual studio. Ma come ho scritto il miglior punto di partenza è eclipse per J2EE.Vai su www.eclipse.org/downloads ed è la prima versione (anche la più voluminosa).
      • Andrea scrive:
        Re: ma chi ci guadagna?
        - Scritto da: guast
        Beh non conosco visual studio. Ma come ho scritto
        il miglior punto di partenza è eclipse per
        J2EE.
        Vai su www.eclipse.org/downloads ed è la prima
        versione (anche la più
        voluminosa).Grazie mille
    • pippo75 scrive:
      Re: ma chi ci guadagna?

      Quello che fa chi usa mono è ammettere che
      l'opensource è un fallimento, inchinarsi di
      fronte ad un'azienda che è riuscita in poco tempo
      a creare dal nulla un framework ed incentivarne
      ulteriormente l'uso.Mai sentito dire un meccanico dire che la meccanica è un fallimento visto che le nuove macchine hanno principalmente elettronica? No.Sbaglio o mono è opensource?Con questa frase dimostri molta voglia di generalizzare.Mono è una tecnologia, bella o brutta ne possiamo parlare per 10000 anni.Permette di far girare programmi per .NET? Si, allora è una freccia in più che Suse avrà al suo arco per attirare clienti.
      Poi non lamentiamoci se un giorno vedremo nei
      siti solo estensioni aspx, e se Linux sarà ancor
      più di oggi windows-dipendente specie dal punto
      di vista legale dei brevetti.Vogliono usare prodotti MS, bene che si accetti anche i lati negativi, non credo si debba togliere la libertà a novell di fare questo.Se poi la maggior parte del "mondo open" è contraria, c'è sempre la possibilità di proporre un alternativa, dal mio punto di vista sarebbe una scelta in più da avere.
      • advange scrive:
        Re: ma chi ci guadagna?

        Permette di far girare programmi per .NET? Si,
        allora è una freccia in più che Suse avrà al suo
        arco per attirare clienti.E perché? Mono c'è per tutte le distro, Ubuntu compresa...
        Vogliono usare prodotti MS, bene che si accetti
        anche i lati negativi, non credo si debba
        togliere la libertà a novell di fare questo.Beh, però si può contestare la scelta, no?
        Se poi la maggior parte del "mondo open" è
        contraria, c'è sempre la possibilità di proporre
        un alternativaLe alternative ci sono: per questo concordo con lui. Perché disperdere le forze scrivendo in .NET? Non sarebbe più logico concentrarsi con i linguaggi e gli strumenti di sviluppo open che già ci sono?
        • pippo75 scrive:
          Re: ma chi ci guadagna?

          Le alternative ci sono: per questo concordo con
          lui. Perché disperdere le forze scrivendo in
          .NET? Non sarebbe più logico concentrarsi con i
          linguaggi e gli strumenti di sviluppo open che
          già ci sono?teoricamente con .NET scrivi con il linguaggio che preferisci e poi dovresti avere un programma multipiattaforma.Soluzioni open alternative cosa proponi?
          • advange scrive:
            Re: ma chi ci guadagna?

            teoricamente con .NET scrivi con il linguaggio
            che preferisci e poi dovresti avere un programma
            multipiattaforma.Ah, era a questo che ti riferivi: francamente è un approccio che non mi piace proprio, ma questa è la mia opinione.

            Soluzioni open alternative cosa proponi?Porcheria per porcheria, scrivi nel linguaggio che vuoi e usi tecniche RMI. Ma a me è proprio l'approccio che non piace.Io come alternative intendevo come SW: invece di usare prodotto sviluppati per Mono perché non adottare le alternative che ci sono? Segui il mio thread con "W la cantina" per capire quello che intendo.
          • pippo75 scrive:
            Re: ma chi ci guadagna?

            Io come alternative intendevo come SW: invece di
            usare prodotto sviluppati per Mono perché non
            adottare le alternative che ci sono? Segui il mio
            thread con "W la cantina" per capire quello che
            intendo.Tu mi dici, ma perchè non usiamo Framework+un linguaggio+Altro.Possiamo discuterne in lungo e in largo, ma questo che garanzie mi da?Tecnicamente saranno soluzioni valide, per anni Delphi secondo i miei criteri è stato per anni superiore a VB ( una cosa palese ), ma lagente usava maggiormente il prodotto MS.Io non uso VisualStudio, ma la maggiornza si.O convinco tutti a seguire le mie idee o cerco di adattarmi a loro ( sperando che quello che si sviluppa per .NET giri con mono ).Tecnicamente soluzioni extremamente valide ce ne saranno migliaia, ma costruire una cattedrale nel deserto, magari è anche utile, tuttosommato sarebbe meglio farla in una zona abitata.
          • advange scrive:
            Re: ma chi ci guadagna?

            Tu mi dici, ma perchè non usiamo Framework+un
            linguaggio+Altro.

            Possiamo discuterne in lungo e in largo, ma
            questo che garanzie mi da?Il mio discorso, lo ripeto, era rivolto non tanto al linguaggio, quanto al SW; cioè stavo criticando le scelte di chi, come Ubuntu, aveva scelto di mettere Evolution e non Thunderbird. Comunque il discorso è interessante, quindi proseguo.

            Tecnicamente saranno soluzioni valide, per anni
            Delphi secondo i miei criteri è stato per anni
            superiore a VB ( una cosa palese ), ma lagente
            usava maggiormente il prodotto MS.
            Io non uso VisualStudio, ma la maggiornza si.Nemmeno io lo uso più: ho dei dubbi sul fatto che la maggioranza lo usi, anche vedendo i forum di sviluppatori, non credo sia la maggioranza.Ciò non toglie che, se VisualStudio è quello che era (e non ho motivo per dubitarne, che dalla sua parte ha il vantaggio di essere molto semplice e intuitivo. Cioè è un es. di tool di sviluppo alla portata di tutti: questo servirebbe a Linux, probabilmente. Eclipse per me è ottimo e utilissimo, ma non so se ha (in forma di plug-in, ovviamente) quei tool di sviluppo grafici che fanno felici i neofiti.Ad esempio con Glade riesci a disegnarti le interfacce in maniera semplice e intuitiva, ma poi devi sempre compilartele, utilizzarle correttamente richiamandole, il tutto non in un IDE.
            O convinco tutti a seguire le mie idee o cerco di
            adattarmi a loro ( sperando che quello che si
            sviluppa per .NET giri con mono).Ma perché? Mi piace python? Lo uso: sviluppo le finestre con Glade, scrivo il mio codice in python e ho il mio bel programmino a finestre. Sono abituato con Java? Eclipse, Swing ed ecco il mio programma pronto. Quello che manca è, forse, un IDE a prova di "utonto": questo per taluni è persino un vantaggio. Per il resto non devo convincere nessuno a seguire le mie idee: piuttosto perché stare appresso a .NET? Perché devo "sperare" che mono sia compatibile con .NET? Perché devo sperare che domani MS non mi accusi di violare qualche suo brevetto?
            Tecnicamente soluzioni extremamente valide ce ne
            saranno migliaia, ma costruire una cattedrale nel
            deserto, magari è anche utile, tuttosommato
            sarebbe meglio farla in una zona abitata.Guarda, tutto si può dire fuorché che le soluzioni alternative sono poco usate; JAVA è probabilmente il linguaggio di programmazione più usato al mondo, tanto per fare un es..
    • guast scrive:
      Re: ma chi ci guadagna?

      quoto, però anche per .net sono una buona fetta.Mi sono spiegato male. Intendevo proprio che mono potrebbe avre senso per imparare .net
      che significa per sviluppatori? °_°
      c'è per grafici? per baristi? :-PIntendevo quella con licenza gratuita
      Cmq nn è il linguaggio che fa sì che il tool sia
      free o a pagamento. Potresti pure scaricare un
      tool java a pagamento! Anche per .net ci sono
      tool alternativi a Visual Studio gratuiti, quali
      sharp develop e il famoso tool della
      borland.


      sotto linux forse... sotto win lo puoi fare cmq
      senza svenarti, se il tuo problema è solo
      imparare ("tuo" generico
      ovviamente)
      Qui sei tu che non riesci a capire. Ormai uno che conosce semplicemente un linguaggio di programmazione non lo vuole nessuno.Guarda le offerte di lavoro in Java. Bisogna conoscere almeno J2EE, Struts e JBoss, oppure Spring o altre librerie specializzate.La preparazione adesso è una cosa molto più complessa di un semplice IDE con liguaggio connesso.
      • di passaggio scrive:
        Re: ma chi ci guadagna?


        che significa per sviluppatori? °_°

        c'è per grafici? per baristi? :-P

        Intendevo quella con licenza gratuita che è sempre per "sviluppatori" :-)
        Qui sei tu che non riesci a capire. Ormai uno che
        conosce semplicemente un linguaggio di
        programmazione non lo vuole
        nessuno.
        Guarda le offerte di lavoro in Java. Bisogna
        conoscere almeno J2EE, Struts e JBoss, oppure
        Spring o altre librerie
        specializzate.
        La preparazione adesso è una cosa molto più
        complessa di un semplice IDE con liguaggio
        connesso.1) hai mescolato 2 concetti diversi o forse ne hai saltato uno2) non mi sembra che volessi dire qsto3) non sono d'accordo... nn è così... io ho avuto 2 esperienze da dipendente e in entrambi i casi mi è stato chiesto uno specifico ambito4) scusa, ma Java è un linguaggio... Struts e JBoss mi risulta di no... poi lo dici anche che sono librerie... ma parti come se fossero linguaggi diversi.non ho mai detto cmq che basta conoscere il linguaggio X e saperlo usare col blocco notes...devi conoscere il linguaggio, un tool di sviluppo, grossi framework e librerie basate sul linguaggio, ecc... ovvio
        • guast scrive:
          Re: ma chi ci guadagna?

          1) hai mescolato 2 concetti diversi o forse ne
          hai saltato
          unoNon sono io che mescolo i concetti, è il mondo dell'informatica attuale. Per questo si parla di sviluppatori e non di programmatori
          2) non mi sembra che volessi dire qsto
          3) non sono d'accordo... nn è così... io ho avuto
          2 esperienze da dipendente e in entrambi i casi
          mi è stato chiesto uno specifico
          ambitoCioè ? Può essere che ti servisse solo un linguaggio di programmazioe e poco altro, ma è un tipo di lavoro che si sta riducendo parecchio.
          4) scusa, ma Java è un linguaggio... Struts e
          JBoss mi risulta di no... poi lo dici anche che
          sono librerie... ma parti come se fossero
          linguaggi
          diversi.Semplificavo, non mi andava di scrivere librerie, frameworks, application servers etc. tanto comunque fa tutto parte di quel mondo
          non ho mai detto cmq che basta conoscere il
          linguaggio X e saperlo usare col blocco
          notes...
          devi conoscere il linguaggio, un tool di
          sviluppo, grossi framework e librerie basate sul
          linguaggio, ecc...
          ovvio
          • di passaggio scrive:
            Re: ma chi ci guadagna?
            non capisco cosa abbiamo detto di diverso allora.mi fa che fa parte del dna dell'informatico... "io bravo, tu no... io dico cose giuste, tu sbagliate..."
    • aZZ scrive:
      Re: ma chi ci guadagna?
      (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)E dunque se la nasa sviluppa in ADA allora C# fa schifo, oppure installare cycwin e' la morte del DOS ed ancora se ne potrebbero inventare di sciocchezze.
    • Antonio Macchi scrive:
      Re: ma chi ci guadagna?
      NETBEANS!!!
    • guast scrive:
      Re: ma chi ci guadagna?
      Ho scritto post suggerendo un giro sul sito della fondazione Apache, ma non ho avuto risposta.Sostieni che per .net frameworks e librerie non mancano. Ma sono in grado di coprire tutte la funzionalità che sono coperte nel mondo Java ? Sarà ma sono molto scettico. Quindi ripeto fatti un giro qui:http://www.apache.org/foundation/Anche se è solo un parte di quello che c'è a disposizione
      • corwyn scrive:
        Re: ma chi ci guadagna?
        ma tu li leggi i post prima di rispondere?e, se si, interpreti anche quello che c' è scritto nei post prima di rispondere?non mi pare che nessuno abbia negato che per java ci sia un mare di roba, semplicemente qualcuno ha sostenuto che c'è tanta roba anche per il FW e qualcun' altro ha sostenuto che con il mare infinito di roba che trovi per java si può generare anche della confusione.Che c'entra questo con il fatto che per java ci siano un sacco di librerie? lo sapevamo già.
        • guast scrive:
          Re: ma chi ci guadagna?
          Sei tu che non leggi i post.Io non ho detto che c'è tantissima roba. Ma che ci sono tools o librerie che hanno funzionalità che nel mondo .net mancano.Non parlavo di quantità, ma di qualità.Se qualcuno va in confusione perchè c'è troppa roba o è inesperto o è pigro e si limita ad una analisi superficiale
    • advange scrive:
      Re: ma chi ci guadagna?
      [CUT]
      Mi spiego meglio.Tutto chiarissimo

      Piuttosto che correre dietro le esperienze d'uso
      appartenenti ad altre realtà, non sarebbe il caso
      di coltivare quello di buono si trova nel nostro
      orticello?
      Per quel che riguarda le app comuni sviluppate
      con Mono, le uniche che mi sono sembrate degne di
      nota (ricordo sempre IMHO :) ) sono gnome-do e hugin.Io usavo solo gnome-do: poi ho scoperto che faceva uso di Mono e l'ho tolta :-)
      Tomboy, banshee, Evolution, F-spot sono
      rimpiazzabili benissimo con i vari basket (o
      notecase ma non più sviluppato),
      xmms-exaile-amarok-listen-rhythmbox, thunderbird,
      g-thumb (a cui si associa benissimo un fotoxx,
      gliv o keyjnote e potrei dirne un altro centinaio).Ma soprattutto: Ubuntu ti mette di default Evolution e F-spot: perché? Qual è la conseguenza? Che Linux finisce per dipendere da MS. Che senso ha? Si possono fare cose bellissime con python e gtk (come ricordi tu più sotto), perché buttarsi su C# e altri accrocchi simili?[CUT]
      Io credo che gli strumenti ci siano già e anche
      belli potenti.Assolutamente d'accordo: magari si potrebbe anche potenziare gli strumenti per attirare un maggior numero di sviluppatori. Magari per me che sono più skillato i problemi che si incontrano sono sormontabili: ma per chi è abituato con Visual Studio...
      Mono mi lascia perplesso perché ho sempre
      l'impressione che in un sistema come Linux sia un
      qualcosa di perennemente zoppicante (come se non
      lo fossero già abbastanza progetti).Non solo: è qualcosa che dipende da MS e non open source. Ma dico: con tutti i linguaggi open source e i frk aperti disponibili bisogna proprio buttarsi tra le braccia di MS? Ma ad Ubuntu costerebbe così tanto fare uno Gnome-DO in python gtk? Magari invece di mettersi a supportare qualche DE potrebbe lasciare alla comunità cose come Edubuntu o Xubuntu e contribuire in un modo più concreto allo sviluppo di Linux.
      Posso sbagliare tutto ma vi prego di prendere
      quello che ho scritto come le impressioni di un
      semplice utente. Nè più, nè meno.Sotto scrivo tutto e lo dico sia da utente che da sviluppatore (anche se purtroppo al mondo Gnu Linux ho dato un contributo solo come tester)
  • ilmini scrive:
    windows svegliati!
    molte delle qualità che windows vantava fino a 2 anni fa rispetto linux e mac, come facilità d'uso e compatibilità hardware sono ormai raggiunte e superate dai diretti concorrenti. Senza contare che a breve uscirà Os x Snow Leopard con nuove funzionalità di interfaccia e supporto nativo al touch screen. Bisogna assolutamente inventarsi qualcosa di nuovo sul fronte desktop. Meno male che qualcosa si muove sui netbook.
    • dev scrive:
      Re: windows svegliati!
      - Scritto da: ilmini
      Meno male
      che qualcosa si muove sui
      netbook.Cosa si muove?
    • w la cantina scrive:
      Re: windows svegliati!
      Spero che ilmassi e ilmini siano la stessa persona(http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2584912&m=2585185#p2585185)Ha visto la luce :D
      • ilmassi scrive:
        Re: windows svegliati!
        il problema è che appena si abbozza una critica a linux casca il cielo...ammettere i propri difetti è il primo passo per migliorarsi, windows ha saputo copiare gli altri quando era indietro, linux dovrebbe darsi una mossa a fare altrettanto perchè ormai è un sistema superato.
        • ilmini scrive:
          Re: windows svegliati!
          il problema è che appena si abbozza una critica a windows casca il cielo...ammettere i propri difetti è il primo passo per migliorarsi, linux ha saputo migliorarsi sui desktop quando gli altri erano molto più avanti, windows dovrebbe darsi una mossa a fare altrettanto perchè ormai è un sistema superato.
        • romano scrive:
          Re: windows svegliati!
          - Scritto da: ilmassi
          il problema è che appena si abbozza una critica a
          linux casca il cielo...ammettere i propri difetti
          è il primo passo per migliorarsi, windows ha
          saputo copiare gli altri quando era indietro,
          linux dovrebbe darsi una mossa a fare altrettanto
          perchè ormai è un sistema
          superato.Hai ragione. Linux è davvero un sistema superato! Non ci girano nemmeno l'ultimo virus, né l'ultimissimo trojan.Ah, che bello dover formattare tutto e perdere il tuo lavoro ogni due mesi a causa di quel programmino scaricato col mulo, o ritrovarsi improvvisamente povero grazie al trojan che ha rubato i dati della tua carta di credito...
    • ilmassi scrive:
      Re: windows svegliati!
      infatti nei netbook ha avuto un sucXXXXX strepitoso linux...non se lo caga nessuno. e qui la sfida era alla pari..anzi con linux ti davano pure più spazio sul disco..
      • Giambo scrive:
        Re: windows svegliati!
        - Scritto da: ilmassi
        infatti nei netbook ha avuto un sucXXXXX
        strepitoso linux...non se lo caga nessuno."Nessuno" e' un parolone. L'ultima che mi viene in mente:http://www.i4u.com/article23396.html
        • ilmassi scrive:
          Re: windows svegliati!
          si anch'io ho convito un mio amico a prenderlo con linux...dopo tre mesi l'aveva già tolto..che tristezza.
          • Giambo scrive:
            Re: windows svegliati!
            - Scritto da: ilmassi
            si anch'io ho convito un mio amico a prenderlo
            con linux...dopo tre mesi l'aveva già tolto..che
            tristezza.Perche' che tristezza ? Evidentemente non si trovava bene con Linux ... Sai le ragioni ?
      • Sathack scrive:
        Re: windows svegliati!
        - Scritto da: ilmassi
        infatti nei netbook ha avuto un sucXXXXX
        strepitoso linux...non se lo caga nessuno. e qui
        la sfida era alla pari..anzi con linux ti davano
        pure più spazio sul
        disco..Ma chi si caga sti netbook! accrocchi costosissimi, scomodi e piuttosto fragili! Ma vavavavavavavavava
        • Giambo scrive:
          Re: windows svegliati!
          - Scritto da: Sathack
          Ma chi si caga sti netbook! accrocchi
          costosissimi, scomodi e piuttosto fragili! Ma
          vavavavavavavavavaScomodi forse si: La tastiera dei primi eeePC fa veramente schifo.Costosi no, non ho trovato nessun degno sostituto.Fragili neppure: Ho attraversato il deserto australiano con un eeePC nello zaino, sono perfino caduto in un fiume, e funziona ancora ;) ¨
          • Vistabuntu scrive:
            Re: windows svegliati!
            - Scritto da: Giambo
            - Scritto da: Sathack


            Ma chi si caga sti netbook! accrocchi

            costosissimi, scomodi e piuttosto fragili! Ma

            vavavavavavavavava

            Scomodi forse si: La tastiera dei primi eeePC fa
            veramente
            schifo.
            Costosi no, non ho trovato nessun degno sostituto.
            Fragili neppure: Ho attraversato il deserto
            australiano con un eeePC nello zaino, sono
            perfino caduto in un fiume, e funziona ancora ;)
            ¨si ed hai fatto pure il giro del mondo in 80 giorni eh? :D
          • Giambo scrive:
            Re: windows svegliati!
            - Scritto da: Vistabuntu
            si ed hai fatto pure il giro del mondo in 80
            giorni eh?La tua incredulita' non cambia la realta' dei fatti ;) !
          • Vistabuntu scrive:
            Re: windows svegliati!
            - Scritto da: Giambo
            - Scritto da: Vistabuntu


            si ed hai fatto pure il giro del mondo in 80

            giorni eh?

            La tua incredulita' non cambia la realta' dei
            fatti ;)
            !Sara' ma io non ci credo :D
      • romano scrive:
        Re: windows svegliati!
        - Scritto da: ilmassi
        infatti nei netbook ha avuto un sucXXXXX
        strepitoso linux...non se lo caga nessuno. e qui
        la sfida era alla pari..anzi con linux ti davano
        pure più spazio sul
        disco..Hai ragione, in un mondo di XXXXXXX, solo la XXXXX vince...
    • The Punisher scrive:
      Re: windows svegliati!
      - Scritto da: ilmini
      molte delle qualità che windows vantava fino a 2
      anni fa rispetto mac, come facilità d'usoQuesta e' la piu' bella dell'anno.
    • Vistabuntu scrive:
      Re: windows svegliati!
      - Scritto da: ilmini
      molte delle qualità che windows vantava fino a 2
      anni fa rispetto linux e mac, come facilità d'uso
      e compatibilità hardware sono ormai raggiunte e
      superate dai diretti concorrenti. Oddio, superate e' una parola grossa, diciamo quasi eguagliate....
  • anonimo scrive:
    piccola postilla...
    ricordo che solo i cialtroni programmano in .net c#chi lo usa sa di cosa parlo..completa incompatibilita' tra un framework e l'latroe tutto sto ambaradan lo vogliono trasportare su linux...non sarebbe piu semplice imparare a programmare?al posto di trascinare icone...java per esempio
    • dev scrive:
      Re: piccola postilla...
      - Scritto da: anonimo
      java per esempioJava?????E poi hai il coraggio di chiamare cialtroni gli altri?
      • Paolo scrive:
        Re: piccola postilla...
        siete due ridicoli: sia Java che C# sono due ottimi linguaggi ...parlate solo perché avete la lingua in bocca!
        • dev scrive:
          Re: piccola postilla...
          - Scritto da: Paolo
          siete due ridicoli: sia Java che C# sono due
          ottimi linguaggi ...parlate solo perché avete la
          lingua in
          bocca!Ritengo .net ottimo e moderno
        • DoD scrive:
          Re: piccola postilla...
          Non hai capito niente, tu sei ridicolo, ADA e' il linguaggio del futuro :P
      • Giambo scrive:
        Re: piccola postilla...
        - Scritto da: dev

        java per esempio

        Java?????
        E poi hai il coraggio di chiamare cialtroni gli
        altri?Cos'hai contro java, eh :@ ?!?
        • dev scrive:
          Re: piccola postilla...
          - Scritto da: Giambo
          - Scritto da: dev



          java per esempio



          Java?????

          E poi hai il coraggio di chiamare cialtroni gli

          altri?

          Cos'hai contro java, eh :@ ?!?Fondamentalmente nulla ma si è seduto da anni sui suoi allori
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: dev

            Cos'hai contro java, eh :@ ?!?

            Fondamentalmente nulla ma si è seduto da anni sui
            suoi
            alloriNon piu': Le novita' introdotte da Java5 e quelle che verranno introdotte dalla versione 7 sono notevoli.
          • advange scrive:
            Re: piccola postilla...

            Fondamentalmente nulla ma si è seduto da anni sui
            suoi alloriDirei che tutto puoi dire contro Java fuorché questo: le novità introdotte con la 5 e quelle della 7 (in parte anche della 6) sono davvero rivoluzionarie.
          • romano scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: dev
            - Scritto da: Giambo

            - Scritto da: dev





            java per esempio





            Java?????


            E poi hai il coraggio di chiamare cialtroni
            gli


            altri?



            Cos'hai contro java, eh :@ ?!?

            Fondamentalmente nulla ma si è seduto da anni sui
            suoi
            alloriSi, se Java si è seduto sugli allori, .NET non si è mai alzato dalla tazza del XXXXX.Un linguaggio del cavolo fatto solo per creare una marea di finti programmatori. Figlio della stessa discarica della spazzatura di Redmond.
        • Andreabont scrive:
          Re: piccola postilla...
          Concordo sul fatto che il Java non sia adatto per determinate applicazioni:Il java è un codice che gira su tutte le piattaforme senza (quasi) problemi di intercompatibilità... ma l'efficenza del programma è pressochè assurda...Il gava è ottimo per applicazioni "semplici" come mini sistemi oeprativi per gadget come cellulari, lettori mp3, persino per i decoder del digitale terrestre.... ottimo per applicazioni web, e come supporto per detreminati programmi in locale...Ma non osate usarlo per programmi che necessino efficenza e rapidità... il java è una lumaca, oper fare un'operazione a proXXXXXre ne deve fare una decina (per garantire l'intercompatibilità il codice viene "compilato" al momento dell'esecuzione) rendendo il java indiscutibilmente lento....Ho visto interi sistemi informativi fatti in java (server-client) e posso dirvi che non ho mai visto un sistema più lento di quello, escludento i primi personal computer.... in un sistema di questo tipo il java è ottimo per la parte client, ma nel server ci vuole codice ottimizzato, vedi il C o derivati che si adattano al proXXXXXre del pc (non sono compatibili con altri computer dopo la compilazione, e vero, ma qui la compatibilità non serve, ci vuole l'efficenza) e rendono l'esecuzione del programma molto più veloce (1 operazione equivale ad 1 operazione a proXXXXXre) Lo so che vi piace il Java, ma non potete usare un linguaggio nato per le macchinette del caffè per programmare dei sistemi informativi.... è nato per i dispositivi embedded e lì deve restare, perchè solo lì fa bene il suo lavoro.....
          • Whishper scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: Andreabont
            Concordo sul fatto che il Java non sia adatto per
            determinate
            applicazioni:Concordo anch'io

            Il java è un codice che gira su tutte le
            piattaforme senza (quasi) problemi di
            intercompatibilità... ma l'efficenza del
            programma è pressochè
            assurda...Già scritto il perché in altri threads, la sua velocità è assurdamente veloce in molti ambiti
            Il gava è ottimo per applicazioni "semplici" come
            mini sistemi oeprativi per gadget come cellulari,
            lettori mp3, persino per i decoder del digitale
            terrestre.... ottimo per applicazioni web, e come
            supporto per detreminati programmi in
            locale...Java fa 'schifo' per progetti semplici. Per quelli basta il PHP o il VB. Se per fare un Hello World tiri in ballo OSGi, Maven e compagnia bella è ovvio che ti ridono tutti dietro. Java vale solo se il progetto supera una determinata soglia di complessità, altrimenti è vero che non ne vale la pena..
            Ma non osate usarlo per programmi che necessino
            efficenza e rapidità... il java è una lumaca,
            oper fare un'operazione a proXXXXXre ne deve fare
            una decina (per garantire l'intercompatibilità il
            codice viene "compilato" al momento
            dell'esecuzione) rendendo il java
            indiscutibilmente
            lento....Al contrario, in java posticipando la compilazione al momento dell'esecuzione, puoi trarre vantaggio da tutte le ottimizzazioni possibili per la tua architettura. Ovvero il C++ lo compili per Intel e va solo la. O lo compili per AMD e va solo la. O lo compili per i386 e va 'ovunque' ma più lento. In java aspetti qualche millisecondo per la JIT, e hai un sistema OTTIMIZZATO PER IL TUO PROXXXXXRE
            Ho visto interi sistemi informativi fatti in java
            (server-client) e posso dirvi che non ho mai
            visto un sistema più lento di quello, escludento
            i primi personal computer.... in un sistema di
            questo tipo il java è ottimo per la parte client,Nel CLIENT java da il peggio di sè: ma che strumenti server hai usato in Java!?!?!!??!?
            ma nel server ci vuole codice ottimizzato, vedi
            il C o derivati che si adattano al proXXXXXre del
            pc (non sono compatibili con altri computer dopo
            la compilazione, e vero, ma qui la compatibilità
            non serve, ci vuole l'efficenza) Falso: non sono i programmi a doversi adattare, ma tu
            Lo so che vi piace il Java, ma non potete usare
            un linguaggio nato per le macchinette del caffè
            per programmare dei sistemi informativi.... è
            nato per i dispositivi embedded e lì deve
            restare, perchè solo lì fa bene il suo
            lavoro.....ma va! Tant'è che Oracle mette nel suo Db una JVM, e non .NET... come mai secondo te (lo tiro in ballo solo perché è la SW HouSE n2 al mondo...)?
          • BlueSky scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: Whishper
            Java fa 'schifo' per progetti semplici. Per
            quelli basta il PHP o il VB.Parlando di programmazione web sicuramente php per progetti semplici va meglio, ma per programmi desktop java credo vada benissimo anche per progetti piccoli.
            'ovunque' ma più lento. In java aspetti qualche
            millisecondo per la JIT, e hai un sistema
            OTTIMIZZATO PER IL TUO
            PROXXXXXREMah... considerando i tempi necessari a compilare con elevati livelli di ottimizzazione non credo che il jit faccia meglio di una compilazione unica che si può prendere tutto il tempo che vuole ed ottimizzare, al di là dell'architettura, molte altre cose. Non so quanto via il vantaggio dal compilare per gli i686 generici (magari abilitando i vali livelli di sse se necessario, ormai presenti sui proXXXXXri da anni) rispetto ad una compilazione specifica per un modello preciso di proXXXXXre, ma non credo che il vantaggio sia grandissimo (quantomeno non togliendo le ottimizzazioni che comporterebbero troppo tempo).
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: Andreabont
            Ma non osate usarlo per programmi che necessino
            efficenza e rapidità... il java è una lumaca,
            oper fare un'operazione a proXXXXXre ne deve fare
            una decina (per garantire l'intercompatibilità il
            codice viene "compilato" al momento
            dell'esecuzione) rendendo il java
            indiscutibilmente
            lento....No. Proprio per quel che hai detto (Compilato al volo), il codice dopo la prima compilazione come velocita' e' paragonabile a linguaggi compilati come per esempio C++.
            Ho visto interi sistemi informativi fatti in java
            (server-client) e posso dirvi che non ho mai
            visto un sistema più lento di quello, escludento
            i primi personal computer....Pure io ho visto sistemi scritti in assembler lenti come una lumaca ;)In un ambito client-server, magari con diversi tier e architettura complessa come EJB, chiaramente il sistema e' piu' lento di un qualcosa fatto in PHP.Ma dall'altra parte hai scalabilita', sicurezza e velocita' nello sviluppo.
            in un sistema di
            questo tipo il java è ottimo per la parte client,
            ma nel server ci vuole codice ottimizzato, vedi
            il C o derivati che si adattano al proXXXXXre del
            pc (non sono compatibili con altri computer dopo
            la compilazione, e vero, ma qui la compatibilità
            non serve, ci vuole l'efficenza)Le grosse ditte invece la pensano in maniera diversa.Comperare un "blade" in piu' da usare in un server IBM costa molto meno sia in soldi che in tempo rispetto a un sistema sviluppato solo in C.
            e rendono
            l'esecuzione del programma molto più veloce (1
            operazione equivale ad 1 operazione a proXXXXXre)Non e' proprio vero, ma fa nulla :) ...
            Lo so che vi piace il Java, ma non potete usare
            un linguaggio nato per le macchinette del caffè
            per programmare dei sistemi informativi.... è
            nato per i dispositivi embedded e lì deve
            restare, perchè solo lì fa bene il suo
            lavoro.....Pensaci la prossima volta che farai un pagamento con carta di credito, o la prima volta che sorvolerai le Alpi: La tua sicurezza e' nelle mani di Java ;) !
          • BlueSky scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: Andreabont
            Ma non osate usarlo per programmi che necessino
            efficenza e rapidità... il java è una lumaca,
            oper fare un'operazione a proXXXXXre ne deve fare
            una decina (per garantire l'intercompatibilità il
            codice viene "compilato" al momento
            dell'esecuzione) rendendo il java
            indiscutibilmente lento....A parte che gcc può compilare anche codice java... il bitecode java può essere interpretato o compilato jit. Nel primo caso è lento, nel secondo è abbastanza veloce perché viene eseguito codice nativo (anche se probabilmente verrà ottimizzato meno di quanto potrebbe fare un compilatore normale). Il codice .net se non sbaglio viene sempre compilato jit, da qui l'apparenza che sia più veloce.
          • advange scrive:
            Re: piccola postilla...

            Il gava è ottimo per applicazioni "semplici" comeMi fermo qui, immagino il resto come può essere: Java è pessimo per le applicazioni semplici ed è ottimo per quelle complesse.Pensa un po' tu la Oracle sviluppa praticamente tutto in Java, DB compreso...
      • anonimo scrive:
        Re: piccola postilla...
        be probabilmente la tua banca usa javae anche anche nel tuo cellulare usi java...integra una qualsiasi tegnologia .net e installa il tuo framework su qualche architettura che non sia x86
        • dev scrive:
          Re: piccola postilla...
          - Scritto da: anonimo
          be probabilmente la tua banca usa java

          e anche anche nel tuo cellulare usi java...

          integra una qualsiasi tegnologia .net e installa
          il tuo framework


          su qualche architettura che non sia x86Ma chi se ne frega dei cellulari si sta parlando di software vero
          • anonimo scrive:
            Re: piccola postilla...
            se parlate di software vero lasciate perdere tutto cio che e' microsfotdi gran lunga il peggio del peggio del software modernovista docet
          • dev scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: anonimo
            se parlate di software vero lasciate perdere
            tutto cio che e'
            microsfot

            di gran lunga il peggio del peggio del software
            moderno

            vista docetSarà per questo che sono i più utilizzati, rapidi da sviluppare e diffusi?
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: dev
            Sarà per questo che sono i più utilizzati, rapidi
            da sviluppare e
            diffusi?Non mi risulta, hai qualche statistica sotto mano : ?
          • dev scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: Giambo
            - Scritto da: dev


            Sarà per questo che sono i più utilizzati,
            rapidi

            da sviluppare e

            diffusi?

            Non mi risulta, hai qualche statistica sotto mano
            :
            ?Ma scherzi o fai sul serio?
          • krane scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: dev
            - Scritto da: Giambo

            - Scritto da: dev




            Sarà per questo che sono i più utilizzati,

            rapidi


            da sviluppare e


            diffusi?



            Non mi risulta, hai qualche statistica sotto
            mano

            :

            ?

            Ma scherzi o fai sul serio?A me risulta che di .net si siano venduto piu' libri e corsi di quanti programmi si vedano in giro (rotfl)
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: dev

            Non mi risulta, hai qualche statistica sotto
            mano

            :

            ?

            Ma scherzi o fai sul serio?Sono serio, qui dove vivo io C#/.NET e' ancora molto marginale rispetto alla predominanza di Java, C++ e a tratti pure Cobol e PL/SQL.Tu su cosa basi la tua affermazione ?
          • dev scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: Giambo
            Tu su cosa basi la tua affermazione ?Da 20 anni di esperienza nel campo dello sviluppo software. Ma tu di che zona sei?E' possibile che ci siano differenze tra nord/centro/sud a questo punto ma non è credibile più di tanto
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: dev

            Tu su cosa basi la tua affermazione ?

            Da 20 anni di esperienza nel campo dello sviluppo
            software.Stiamo parlando ancora di .NET e Java ?
            Ma tu di che zona sei?Zurigo
            E' possibile che ci siano differenze tra
            nord/centro/sud a questo punto ma non è credibile
            più di
            tantoControlla tu stesso: jobs.ch
          • dev scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: Giambo
            ZurigoE dirlo prima ti pareva brutto?
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: dev

            Zurigo

            E dirlo prima ti pareva brutto?Sarebbe cambiato qualcosa ? Tra l'altro ancora non mi hai portato nessuna dimostrazione a supporto della tua affermazione.
          • dev scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: Giambo
            - Scritto da: dev



            Zurigo



            E dirlo prima ti pareva brutto?

            Sarebbe cambiato qualcosa ?
            Tra l'altro ancora non mi hai portato nessuna
            dimostrazione a supporto della tua
            affermazione.Tu hai desctitto una realtà che non è quella italiana.
          • mbohpz scrive:
            Re: piccola postilla...
            Tu lo dici che non è quella italiana...Se vai su iprogrammatori.it le offerte di lavoro sono al 90% java e cobol.
          • dev scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: mbohpz
            Tu lo dici che non è quella italiana...
            Se vai su iprogrammatori.it le offerte di lavoro
            sono al 90% java e
            cobol.Si guarda... programmatori cobol come se piovesse
          • mbohpz scrive:
            Re: piccola postilla...


            Si guarda... programmatori cobol come se piovesseSon contento per te che son 20 anni che non cerchi da lavorare. La realtà purtroppo è che si usa ancora molto e non lo insegnano più. Quindi ne cercano molti.Se non ti fidi vai su iprogrammatori.it e cerca le offerte di lavoro.
          • dev scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: mbohpz



            Si guarda... programmatori cobol come se
            piovesse

            Son contento per te che son 20 anni che non
            cerchi da lavorare.Non l'ho capita scusa
          • mbohpz scrive:
            Re: piccola postilla...
            Hai detto che hai esperienza ventennale, si vede che son vent'anni che non guardi le offerte di lavoro, altrimenti ti saresti accorto che cercano parecchi programmatori cobol.
          • dev scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: mbohpz
            Hai detto che hai esperienza ventennale, si vede
            che son vent'anni che non guardi le offerte di
            lavoro, altrimenti ti saresti accorto che cercano
            parecchi programmatori
            cobol.Ho detto 20 anni con lo stesso tipo di lavoro forse? :-)
          • The one that never sleeps scrive:
            Re: piccola postilla...
            Eppure servono e sono ricercati. Perchè? Perchè esistono ancora vecchi sistemi che nessuno ha intenzione di aggiornare. Chi si sognerebbe di migrare una macchina che fa il suo lavoro perfettamente da 20 anni? è un patrimonio di unit-test :D Peccato che i programmatori che conoscono questi linguaggi siano prossimi alla pensione o magari già all'altro mondo...
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: dev

            Sarebbe cambiato qualcosa ?

            Tra l'altro ancora non mi hai portato nessuna

            dimostrazione a supporto della tua

            affermazione.

            Tu hai desctitto una realtà che non è quella
            italiana.L'Italia si vede che e' in controtendenza con il resto del mondo (Controlla su monster.com) :)
          • krane scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: dev
            - Scritto da: Giambo

            - Scritto da: dev



            Zurigo


            E dirlo prima ti pareva brutto?

            Sarebbe cambiato qualcosa ?

            Tra l'altro ancora non mi hai portato nessuna

            dimostrazione a supporto della tua

            affermazione.
            Tu hai desctitto una realtà che non è quella
            italiana.Mi sembra ovvio, vorrei vedere !
          • cvb scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: dev
            - Scritto da: Giambo

            - Scritto da: dev





            Zurigo





            E dirlo prima ti pareva brutto?



            Sarebbe cambiato qualcosa ?

            Tra l'altro ancora non mi hai portato nessuna

            dimostrazione a supporto della tua

            affermazione.

            Tu hai desctitto una realtà che non è quella
            italiana."Sarà per questo che sono i più utilizzati, rapidi da sviluppare e diffusi?"Perchè in svizzera gli applicativi microsoft sono più lenti da sviluppare che in italia? Perchè mai? Sarà l'aria più rarefatta?Comunque è vero: il cobol è ancora strautilizzato dalle banche... c'è una migrazione in atto, ma ancora la maggior parte delle applicazioni sono in cobol!
          • aZZ scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: Giambo
            - Scritto da: dev



            Zurigo



            E dirlo prima ti pareva brutto?

            Sarebbe cambiato qualcosa ?
            Tra l'altro ancora non mi hai portato nessuna
            dimostrazione a supporto della tua
            affermazione.supporto Giambo nelle sue affermazioni per quanto riguarda Bruxelles.Aggiungerei Python e ADA (strano a dirsi, sara' per la presenza dell'ESA in zona?).
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...
            non è che bisogno portare sempre stupidi sitarelli con statistiche che possono pure lasciare il tempo che trovano... avrà la sua esperienza e parla per quello.Io dal canto mio ho lavorato per una grossa azienda con sedi in diversi paesi d'europa con clienti da elevatissimi fatturati cn cui quotidianamente si ha a che fare (forse nn tutti, xkè nn tutti se lo possono permettere) e qsta azienda (area centro-nord italia) lavorava esclusivamente in .NET...ora io nn dico che .net sia più usato, però da come dici tu sembra che sia un gioco per bambini didattico privo di alcuna valenza seria e professionale.beh, sappi che nn è così.
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: di passaggio
            non è che bisogno portare sempre stupidi
            sitarelli con statistiche che possono pure
            lasciare il tempo che trovano...Quei "stupidi sitarelli" (Come pure monster.com) rispecchiano il mercato attuale del lavoro.
            avrà la sua
            esperienza e parla per
            quello.La mia esperienza dice che un'automobilista con un cappello in testa non e' un buon automobilista.Manteniamoci ai fatti, a dati concreti.
            Io dal canto mio ho lavorato per una grossa
            azienda con sedi in diversi paesi d'europa con
            clienti da elevatissimi fatturati cn cui
            quotidianamente si ha a che fare (forse nn tutti,
            xkè nn tutti se lo possono permettere) e qsta
            azienda (area centro-nord italia) lavorava
            esclusivamente in
            .NET...Hai detto giusto, una singola azienda.
            ora io nn dico che .net sia più usato, però da
            come dici tu sembra che sia un gioco per bambini
            didattico privo di alcuna valenza seria e
            professionale.Mai sostenuto questo, e se l'ho fatto ti prego di segnalarmi dove cosi' che possa correggere questo involontario errore ;)
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...

            La mia esperienza dice che un'automobilista con
            un cappello in testa non e' un buon
            automobilista.
            Manteniamoci ai fatti, a dati concreti.ironia che nn porta niente di concreto la tua.uno che ha lavorato e ha avuto 1 esperienza porta un dato concreto mi sembra... tu che giri per strada già è meno concreto, con tutto il rispetto...
            Hai detto giusto, una singola azienda.io nn ho detto "una singola"... io ho lavorato per un'azienda dove si usava .net... qsto significa che ne esistono tante altre dove viene usato (senza considerare la mia di azienda)... ma sono i dati concreti cmq...se sei così fan di sitarelli ti dico che come percentuali di linguaggio utilizzati C# e vb.net assieme superano java... e se giri x il web ne trovi di aziende che hanno prodotti e librerie in .net..io lo so xkè m'è capitato di cercare più volte.
            Mai sostenuto questo, e se l'ho fatto ti prego di
            segnalarmi dove cosi' che possa correggere questo
            involontario errore
            ;)beh, si vede che ho travisato
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: di passaggio
            uno che ha lavorato e ha avuto 1 esperienza porta
            un dato concreto mi sembra... UN dato concreto. Uno solo.Io ho avuto piu' esperienze, e ho pure portato come esempio le domande del mercato di lavoro.Tu che sistema useresti per giudicare ?
            se sei così fan di sitarelli ti dico che come
            percentuali di linguaggio utilizzati C# e vb.net
            assieme superano java...Mi risulta difficile da credere, hai qualche dato concreto a proposito ?Secondo me Java supera C# e vb.net, ma sopra tutti svetta PHP.
            e se giri x il web ne
            trovi di aziende che hanno prodotti e librerie in
            .net..Piu' di Java ?
            io lo so xkè m'è capitato di cercare più volte.Bene ! Puoi postare il risultato delle tue ricerche ?
          • anonimo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: Giambo
            Bene ! Puoi postare il risultato delle tue
            ricerche
            ?Ti avevo chiesto GWT Ext quali funzionalità ha in meno a ext js e non mi hai risposto. Poi però continui questi thread infiniti negli articoli.
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: anonimo

            Bene ! Puoi postare il risultato delle tue

            ricerche

            ?

            Ti avevo chiesto GWT Ext quali funzionalità ha in
            meno a ext js e non mi hai risposto.Eh ? Mi ricordo un thread nel FdT, ma poi sono andato a nanna :)Mi mandi il link ? Dopo che ti ho risposto, tu farai la stesa cosa ;) ?
          • anonimo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: Giambo
            - Scritto da: anonimo



            Bene ! Puoi postare il risultato delle tue


            ricerche


            ?



            Ti avevo chiesto GWT Ext quali funzionalità ha
            in

            meno a ext js e non mi hai risposto.

            Eh ? Mi ricordo un thread nel FdT, ma poi sono
            andato a nanna
            :)
            Mi mandi il link ? Dopo che ti ho risposto, tu
            farai la stesa cosa ;)
            ?Ho creato un thread fresco lo trovi nel panel rispondi pure lì. Come fai a seguire tutte queste discussioni e lavorare lo sai solo tu.
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: anonimo
            Ho creato un thread fresco lo trovi nel panel
            rispondi pure lì. Come fai a seguire tutte queste
            discussioni e lavorare lo sai solo
            tu.Sono molto rapido e veloce nel mio lavoro ;) ...... ma non abbastanza, rispondero' stasera all'altro thread ... Tu fino a quando non lo faro' non risponderai a questo : ?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 marzo 2009 15.15-----------------------------------------------------------
          • anonimo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: Giambo
            - Scritto da: anonimo


            Ho creato un thread fresco lo trovi nel panel

            rispondi pure lì. Come fai a seguire tutte
            queste

            discussioni e lavorare lo sai solo

            tu.

            Sono molto rapido e veloce nel mio lavoro ;) ...

            ... ma non abbastanza, rispondero' stasera
            all'altro thread ...

            Tu fino a quando non lo faro' non risponderai a
            questo :
            ?Ma in questo la domanda quale sarebbe?
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: anonimo
            Ma in questo la domanda quale sarebbe?Lascia stare, ti ho confuso con "dev" ...
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...

            UN dato concreto. Uno solo.prego?
            Io ho avuto piu' esperienze, questo non lo puoi sapere cmq,
            e ho pure portato
            come esempio le domande del mercato di
            lavoro.come le ho portate io... allo stesso modo.nn mi pare che hai usato modi diversi.

            Tu che sistema useresti per giudicare ?non capisco la frase. scrivi in italiano, nn in svizzero.

            Mi risulta difficile da credere, hai qualche dato
            concreto a proposito
            ?
            Secondo me Java supera C# e vb.net, ma sopra
            tutti svetta
            PHP.sì, un sito che ho letto in passato... nn so quale considerando che frequento decine di siti di informatica.

            e se giri x il web ne

            trovi di aziende che hanno prodotti e librerie
            in

            .net..

            Piu' di Java ?
            non è qstione di "più di te, più di me..."quella è roba per bambini (mmmm, mi sovviene un dubbio a qsto punto...)

            io lo so xkè m'è capitato di cercare più volte.

            Bene ! Puoi postare il risultato delle tue
            ricerche
            ?assolutamente no.nn ho tempo/voglia/modo
          • Piero Angela scrive:
            Re: piccola postilla...
            EPIC FAILSuperquark, "La fauna di internet":L'utente, non sapendo come rispondere ed esaudire le richieste di dati giustamente fatte da un altro utente, il quale ha già argomentato e mostrato i suoi dati in precedenza, si trova in una situazione piuttosto difficile.Si può notare in queste situazioni la tipica modalità di difesa di questa specie. Asserire che l'altro utente sia un bambino/abbia poca esperienza in modo più o meno velato [1], lasciare completamente perdere il contenuto della discussione per segnalare fantomatici errori grammaticali/sintattici/logici [2] (come potete notare in questo caso spesso inesistenti), cercando di evidenziare la sua superiore esperienza [3], ma soprattutto "argomentando" con fonti il più generali/vaghe possibili, in modo da non poter essere verificabili [4], o addirittura senza fonti sperando di essere creduto sulla parola.Nel gergo della fauna locale questo (inefficiente) meccanismo psicologico di difesa può venire indicato con l'appellativo FAIL, a cui si prepende EPIC quando la doppia cordata sulla superificie liscia riflettente è particolarmente evidente.Secondo molti la completà inutilità di questo meccanismo di difesa porterà, per selezione naturale, alla scomparsa della specie. 1:

            non è qstione di "più di te, più di me..."

            quella è roba per bambini (mmmm, mi sovviene un dubbio a qsto punto...)(Notare la coerenza con la richiesta di scrivere in Italiano)2:

            scrivi in italiano, non in svizzero3:

            Non so quale considerando che frequento decine di siti

            d'informatica.

            Esperienza ventennale4:

            Su di un sito che ho letto in passato

            Assolutamente no. Non ho tempo/voglia/modo
          • chepalle scrive:
            Re: piccola postilla...

            Da 20 anni di esperienza nel campo dello sviluppo
            software.Venti anni di DOS e Windows pesano molto sul cervello di una persona.
          • guast scrive:
            Re: piccola postilla...

            Ma tu di che zona sei?Domanda sbagliata. Più che la zona avresti dovuto chiedere l'ambito lavorativo. Ma sei davvero in questo campo da 20 anni ?
          • advange scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: dev
            - Scritto da: Giambo

            - Scritto da: dev




            Sarà per questo che sono i più utilizzati,

            rapidi


            da sviluppare e


            diffusi?



            Non mi risulta, hai qualche statistica sotto
            mano

            :

            ?

            Ma scherzi o fai sul serio?Direi che fa sul serio...
          • Hindukusk scrive:
            Re: piccola postilla...
            non capisco perché le personesi accaniscano così una contro l'altrae invece non si limitino a prenderele cose per quello che sono;.NET e C# sono due strumenti potenti(provate a fare quello che si riesce a farecon Visual Studio e C#con NetBeans e simili e Java,nello stesso tempo chiramente,e poi mi dite...),ma chiaramente ha dei limiti:il primo è che non è open,il secondo è che moltodi quello che si riesce a fare conJava non si può fare con .NET...PS: sono contrario ad ogni tipodi proprietà intellettuale!!!...a scanso di fraintendimenti!ciao a tuttie rilassatevi un po'!!!Hindu
          • Delle due l una scrive:
            Re: piccola postilla...

            (provate a fare quello che si riesce a fare
            con Visual Studio e C#
            con NetBeans e simili e Java,
            nello stesso tempo chiramente,
            e poi mi dite...),
            molto di quello che si riesce a fare con
            Java non si può fare con .NET...Poche idee e ben confuse:D
          • Hindukusk scrive:
            Re: piccola postilla...
            ....ok, sono idee confuse:ora prova però ad argomentarela tua affermazione...si fa presto a sputare sentenzeun pò più difficile è motivarle!CiaoH.
          • Shu scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: Hindukusk
            non capisco perché le persone
            si accaniscano così una contro l'altra
            e invece non si limitino a prendere
            le cose per quello che sono;A parte un paio di scalmanati, diverse persone qui discutono abbastanza concretamente.
            .NET e C# sono due strumenti potenti
            (provate a fare quello che si riesce a fare
            con Visual Studio e C#
            con NetBeans e simili e Java,
            nello stesso tempo chiramente,
            e poi mi dite...),.NET ha, rispetto a Java, una quindicina d'anni di meno. Java è stato pensato e progettato per quelle che erano le esigenze del suo tempo (fine anni 80, primi 90). Ha inglobato al suo interno tecniche di programmazione sviluppate dopo la nascita di Java (vedi la gestione integrata dei segnali, per esempio), e soprattutto ha un legame strettissimo con la piattaforma hardware/software (x86/Windows) su cui gira, pertanto ha librerie meno generiche e più integrate.Non per niente quasi nessun software scritto in .Net (anche 1.0) gira su Linux con Mono, ma richiede ricompilazione o addirittura modifiche al codice. Anche il codice Mono scritto sotto Linux fatica a girare su .Net.Banalmente, per "colpa" di Gtk#.Invece quasi nessun software scritto in Java ha problemi a girare sotto OSX, Linux, BSD, Solaris o Windows che sia.Bye.
          • Hindukusk scrive:
            Re: piccola postilla...
            ...concordo praticamente con tutto! ciaoH.
          • iRoby scrive:
            Re: piccola postilla...
            Sofwtare serio per esempio?Photoshop Elements usa le qt4 che sono nate su Linux col KDE....NET non è portabile e il software serio, quello che tiene in piedi un sistema di trading online di una banca, per esempio, non lo puoi fare.Anche perché non esiste una banca, e a ragione, che metterebbe su un sistema di trading online su Windows.Perché poi arriva na roba come il Sasser o Conficker e che succede?
          • dev scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: iRoby
            Sofwtare serio per esempio?

            Photoshop Elements usa le qt4 che sono nate su
            Linux col
            KDE...Ecco... ci mancava photoshop.... lo stato dell'arte del software.Pesante come pochi ma te se letto le recensioni?
            .NET non è portabile e il software serio, quello
            che tiene in piedi un sistema di trading online
            di una banca, per esempio, non lo puoi
            fare.Tu non lo puoi fare.
            Anche perché non esiste una banca, e a ragione,
            che metterebbe su un sistema di trading online su
            Windows.
            Perché poi arriva na roba come il Sasser o
            Conficker e che
            succede?Se non sai prendere precauzioni puoi metterci anche linux ma non cambia nulla. Ma tu sei uno di quelli che parte dal presupposto che linux è sicuro al 100% e XXXXXXXXX varie?
          • iRoby scrive:
            Re: piccola postilla...
            No, parto dal presupposto che Linux è più performante sui cluster e i RAC, che ci gira meglio Oracle RAC perché ci è stato ottimizzato sopra. E soprattutto costa meno.Su Linux sono ottimizzate e più performanti anche le piattaforme J2EE sia JBoss che quelle proprietarie.E dulcis in fundo la quantità di estensioni esempi e letteratura che c'è per J2EE è infinitamente superiore a ciò che c'è per .NET.Se volessi fare un paragone zoologico dove raffigurare il programmatore con un volatile direi che con J2EE il programmatore è un'aquila che ha a disposizione un terreno di caccia come le intere Alpi, e con .NET il programmatore è un canarino chiuso nella sua gabbietta col solo becchime che gli propone la Microsoft su MSDN.I più grandi gruppi bancari del mondo non hanno piattaforme critiche su Windows, ti sei mai chiesto perché? E credi che ci lavorino cretini al loro interno?
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...
            cioè ora per giudicare la cosa "migliore" basta dire che viene usata nelle banche? basta riempirsi la bocca, vero? ogni cosa è giusta per quello che serve... una persona X potrebbe sviluppare software da scrivania e trovare notevolmente migliore .NET per quell'ambito (come in realtà è)...è come dire "la bugatti fa 400 all'ora per cui è la migliore auto del mondo..."ce ne vuole prima di dirlo, no? ce ne stanno di altre considerazioni da fare...
          • krane scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: di passaggio
            cioè ora per giudicare la cosa "migliore" basta
            dire che viene usata nelle banche? basta
            riempirsi la bocca, vero? ogni cosa è giusta per
            quello che serve... una persona X potrebbe
            sviluppare software da scrivania e trovare
            notevolmente migliore .NET per quell'ambito (come
            in realtà è)...
            è come dire "la bugatti fa 400 all'ora per cui è
            la migliore auto del mondo..."
            ce ne vuole prima di dirlo, no? ce ne stanno di
            altre considerazioni da fare...Farci qualche esempio illuminante poteva servire a non farti sembrare uno dei soggetti di cui stai parlando, invece basta criticare quello che dicono gli altri basta e riempirsi la bocca, vero?
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...
            la tua frase è scritta male, è priva di significato logico, ed è anche contorta...(così disse il mio prof di matematica all'univ ad un mio collega)
          • krane scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: di passaggio
            la tua frase è scritta male, è priva di
            significato logico, ed è anche
            contorta...
            (così disse il mio prof di matematica all'univ ad
            un mio collega)A, bhe, se l'ha detto il tuo prof di matematica all'univ al tuo collega sara' sicuramente valida anche per me...
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...
            spiacente, nn sono un sistemista e nn mi occupo di server...nè di versione di server.riprova.su 2 piedi mi vien da dire che allora cacci i soldi (come la gente fa con te o col tuo capo/padrone/boss/superiore) e prendi una "non base"
          • krane scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: di passaggio
            spiacente, nn sono un sistemista e nn mi occupo
            di server...
            nè di versione di server.
            riprova.Io si, quindi fidati senno' andiamo troppo sul tecnico per un non sistemista che non si occupa di server.
            su 2 piedi mi vien da dire che allora cacci i
            soldi (come la gente fa con te o col tuo
            capo/padrone/boss/superiore) e prendi una "non
            base"I grossi limiti cui vai incontro diventano rapidamente insormontabili al crescere del numero di transazioni contemporanee, cosa che negli unix e' molto meglio gestita, ti sei mai chiesto perche' da una certa potenza di computer in su windows semplicemente non gira ?http://www.top500.org/stats/list/32/osfam
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...
            più che altro credo che non gli importi proprio di girare... MS ha altri target... fa quantità, non qualità... e ci si vive anche.Di certo E' SICURAMENTE come dico io: certe aziende e multinazionali hanno sistemi basati su win. Purtroppo non posso fare nomi perchè verrei riconosciuto.
          • rusty scrive:
            Re: piccola postilla...
            dunque, cosa parli a fare con Krane? Volgio dire, ammetti i tuoi limiti ed al contempo stesso non vuoi dargli ragione se parla della sua professione?yeah
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...
            non capisco cosa vuoi dire...
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: dev

            .NET non è portabile e il software serio, quello

            che tiene in piedi un sistema di trading online

            di una banca, per esempio, non lo puoi

            fare.

            Tu non lo puoi fare.Da quel che ho potuto vedere Credit Suisse, UBS e sopratutto Telekurs (Ora SIX Group) si basano su Java.Tu sei a conoscenza di un online-trading di una banca basato su .NET ?
          • iRoby scrive:
            Re: piccola postilla...
            Mettici anche Intesa Sanpaolo e Banca IMI, con RedHat Linux ES e Oracle RAC, anche loro con AS Java.
          • Tana Bot scrive:
            Re: piccola postilla...
            Aggiungi pure Unicredit...
          • dev scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: Giambo
            Da quel che ho potuto vedere Credit Suisse, UBS e
            sopratutto Telekurs (Ora SIX Group) si basano su
            Java.
            Tu sei a conoscenza di un online-trading di una
            banca basato su .NET
            ?Non lavoro in questo settore.Tu sei a conoscenza che operazioni critiche vengono svolte anche dal altri attori oltre alle banche?Tutte le volte tirate fuori solo banche che tra l'altro hanno violato più volte
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: dev

            Da quel che ho potuto vedere Credit Suisse, UBS
            e

            sopratutto Telekurs (Ora SIX Group) si basano su

            Java.

            Tu sei a conoscenza di un online-trading di una

            banca basato su .NET

            ?

            Non lavoro in questo settore.Dalla tua affermazione che con .NET si poteva fare, credevo di si.
            Tu sei a conoscenza che operazioni critiche
            vengono svolte anche dal altri attori oltre alle
            banche?Per esempio l'esercito svizzero coordina i corridoi aerei sul suo territorio con l'aviazione civile usando software interamente scritto in Java (Un mostro d'applicazione, ci ho lavorato ;))Pure la Swiss Post International usa un sistema basato su Java per coordinare la logistica con tutte le sedi sparse in Europa e Singapore.Vediamo, su cos'altro ho lavorato ? Ah, si, un progetto per UNESCO (Gestione della loro library), sistemi di scambio messaggi e documenti in tempo reale via Internet (AMS), un CMS, un sistema di time-tracking (www.tiwix.com) e altre sciocchezzuole :)
            Tutte le volte tirate fuori solo banche che tra
            l'altro hanno violato più
            volteSe lasci le chiavi dell'accensione in bella vista, non e' colpa della Fiat ;)
          • dev scrive:
            Re: piccola postilla...
            Ma che c'entra il linguaggio con quello che puoi sviluppare?Hanno sviluppato un webserver per il c64.Non è che un software sviluppato in java automaticamente acquista potenzialità che la versione .net non può avere.Mi sa che tu hai le idee molto confuse anche se dici di aver lavorato a quei progetti.Per quanto riguarda l'implementazione di operazioni critiche, un programmatore mediocre le implemente alla stessa maniera sia in java che .net.Java non offre assolutamente nulla in più di altri linguaggi.
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...
            a me nn salutarmi nessuno...dimostri di capirne di java (forse) ma di parlare di altro senza conoscerlo.
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: di passaggio
            a me nn salutarmi nessuno...Qualcun'altro non vuole che saluti Zurigo ?
            dimostri di capirne di java (forse) ma di parlare
            di altro senza
            conoscerlo.Anche la tua argomentazione e' ottima, mi hai convinto ;) !
          • dev scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: Giambo
            - Scritto da: di passaggio

            a me nn salutarmi nessuno...

            Qualcun'altro non vuole che saluti Zurigo ?Toglimi una curiosità tu non sei svizzero vero?
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: dev

            Qualcun'altro non vuole che saluti Zurigo ?

            Toglimi una curiosità tu non sei svizzero vero?Si, sono svizzero.
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...
            la cosa mi lascia cmq totalmente indifferente.
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: dev

            Ottima argomentazione, immagino sia la tua

            risposta anche per gli altri punti del mio

            messaggio che non hai quotato

            ;)

            Scusa ma che si deve dire ad uno che parte da
            presupposti del
            genere?Quali presupposti ? Non sono io quello che ha affermato, senza dimostrarlo, che i software Microsoft sono (cito) i più utilizzati, rapidi da sviluppare e diffusi?
            Come se il linguaggio ti tutelasse in qualche
            maniera dal fare
            XXXXXXXXX.Garbage Collecting e Boundary Checking sono le prime che mi vengono in mente.
          • advange scrive:
            Re: piccola postilla...

            Garbage Collecting e Boundary Checking sono le
            prime che mi vengono in
            mente.Un consiglio, Giambo: lascialo perdere. E' in crisi e oramai non sa più come risponderti.Ah, salutami Zurigo, ci sono stato anni fa, devo assolutamente ritornarci :-)
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: advange
            Ah, salutami Zurigo, ci sono stato anni fa, devo
            assolutamente ritornarci
            :-)Aspetta che sia arrivata la primavera: Nevica e fa freddo ora :'( !
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...
            non mi sembrano progetti così interessanti...ognuno ha i suoi gusti si vede...
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: di passaggio
            non mi sembrano progetti così interessanti...
            ognuno ha i suoi gusti si vede...Decisamente. Tu cosa troveresti interessante come progetto ?
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...
            di certo cose più "normali", "concrete"....possibilmente semplici :-)ma che domande sonoooo??? bah!
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: di passaggio
            di certo cose più "normali", "concrete"....Piu' concrete che lo stoccaggio e l'elaborazione di documenti bancari ?Piu' concreto che l'assegnazione di corridoi aerei ?O della logistica per il trasporto di grandi quantitativi di lettere e pacchi per l'Europa ?
            possibilmente semplici :-)La semplicita' e' noiosa 8) !
          • corwyn scrive:
            Re: piccola postilla...
            per la cronaca:antonveneta (gruppo montepaschi) ha il servizio di home banking che gira su pagine aspx...visto che ti piace tanto parlare di banche...
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: corwyn
            antonveneta (gruppo montepaschi) ha il servizio
            di home banking che gira su pagine
            aspx...Uhm, io vedo che la loro homepage e' con aspx, ma questa (Onlinebanking ?)https://www.gbw2.it/cbl/jspPages/form_login_AV.jsp?ss=1&comp=&error=gira evidentemente con Java
          • corwyn scrive:
            Re: piccola postilla...
            quale parte di:

            antonveneta (gruppo montepaschi) ha il servizio

            di home banking che gira su pagine

            aspx...non ti è chiara?aggiungo che lo uso quasi ogni giorno quindi magari so di cosa parlo.Se poi altri servizi li fanno girare su altre piattaforme son fatti loro.Il mio post era solo per dimostrarti che non è vero che nessuna banca usa tecnologie .NET anche per servizi importanti
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: corwyn
            quale parte di:


            antonveneta (gruppo montepaschi) ha il
            servizio


            di home banking che gira su pagine


            aspx...

            non ti è chiara?Volevo verificare la tua affermazione, cosi' sono andato a guardare ma proprio non l'ho trovata la pagina dell'online banking ...Mi puoi postare l'URL ?L'URL che ho postato io che cos'e' ?
            Il mio post era solo per dimostrarti che non è
            vero che nessuna banca usa tecnologie .NET anche
            per servizi
            importantiMai sostenuta questa tesi ;) !
          • corwyn scrive:
            Re: piccola postilla...
            http://www.antonveneta.it/bybank.htmleccoti l'url
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: corwyn
            http://www.antonveneta.it/bybank.html

            eccoti l'urlDenghiu' ! Cos'era l'URL che ho trovato io (newbie) ?Possibile che abbiano due sistemi di login (SSO) ?
          • corwyn scrive:
            Re: piccola postilla...
            bho non saprei
          • advange scrive:
            Re: piccola postilla...

            bho non sapreiScusate entrambi, mi sono perso: quella linkata da corwyn è una pagina html, non vedo l'online banking (l'area riservata, insomma). Quella linkata da Giambo (che era jsp) è del Montepaschi che è il gruppo cui appartiene Antonveneta; penso (ipotizzo) che abbiano lo stesso sistema di banking on line (quindi in jsp) o sbaglio?Un po' come è sucXXXXX con Banca di Roma che da quando è stata acquisita da Unicredit utilizza i sistemi di Unicredit (jsp anche quelli).Le altre pagine sono relative al portale pubblico di Antonveneta e sono in asp: ma per quello potevano usare pure joomla, non c'entra nulla con il banking on line.Lo chiedo per semplice curiosità.
          • corwyn scrive:
            Re: piccola postilla...
            se vai a vedere i link per l' acXXXXX (a dx nella pagina che ho postato) sono tutti link a pagine .aspx e poi, accedendovi gestisce l'home banking con pagine .aspx (ma qui ti devi fidare della mia parola che non ti posto i miei codici di conto corrente per poterlo verificare da te ;))
          • advange scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: corwyn
            se vai a vedere i link per l' acXXXXX (a dx nella
            pagina che ho postato) sono tutti link a pagine
            .aspx e poi, accedendovi gestisce l'home banking
            con pagine .aspxAh, visto: grazie. Però curiosa la politica di MPS di usare sistemi diversi nonostante la fusione...(ma qui ti devi fidare della mia
            parola che non ti posto i miei codici di conto
            corrente per poterlo verificare da te
            ;))Vabbè ci ho provato :-D
          • krane scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: advange
            - Scritto da: corwyn

            se vai a vedere i link per l' acXXXXX (a dx
            nella

            pagina che ho postato) sono tutti link a pagine

            .aspx e poi, accedendovi gestisce l'home banking

            con pagine .aspx
            Ah, visto: grazie. Però curiosa la politica di
            MPS di usare sistemi diversi nonostante la
            fusione...
            (ma qui ti devi fidare della mia

            parola che non ti posto i miei codici di conto

            corrente per poterlo verificare da te

            ;))
            Vabbè ci ho provato :-DHey !!!Potremmo aver scoperto un nuovo modo di fare phishing nei forum dei SOfanboy (rotfl)(rotfl)
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...
            assolutamente no!la semplicità è il bello assoluto!KISS(e nn è un bacio...studia!)
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...
            cioè ora per giudicare la cosa "migliore" basta dire che viene usata nelle banche? basta riempirsi la bocca, vero? ogni cosa è giusta per quello che serve... una persona X potrebbe sviluppare software da scrivania e trovare notevolmente migliore .NET per quell'ambito (come in realtà è)...è come dire "la bugatti fa 400 all'ora per cui è la migliore auto del mondo..."ce ne vuole prima di dirlo, no? ce ne stanno di altre considerazioni da fare...
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: di passaggio
            cioè ora per giudicare la cosa "migliore" basta
            dire che viene usata nelle banche? basta
            riempirsi la bocca, vero? ogni cosa è giusta per
            quello che serve... una persona X potrebbe
            sviluppare software da scrivania e trovare
            notevolmente migliore .NET per quell'ambito (come
            in realtà
            è)...
            è come dire "la bugatti fa 400 all'ora per cui è
            la migliore auto del
            mondo..."
            ce ne vuole prima di dirlo, no? ce ne stanno di
            altre considerazioni da
            fare...CTRL+C - CTRL+Vhttp://punto-informatico.it/b.aspx?ticks=633735812951540000&i=2584912&m=2585616#p2585616
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...
            certo...perchè lo meritavate tutti e due..scusa, cosa ci trovi di strano? °_°ci fosse stato un altro a meritarlo avrei fattoCtrl-C, Ctrl-V, Ctrl-V...è forse vergogna? °_°roba da matti!!!
          • nome e cognome scrive:
            Re: piccola postilla...

            .NET non è portabile e il software serio, quello
            che tiene in piedi un sistema di trading online
            di una banca, per esempio, non lo puoi
            fare.Lol... e perchè?
            Anche perché non esiste una banca, e a ragione,
            che metterebbe su un sistema di trading online su
            Windows.Banche non saprei ci ho lavorato poco ma ho visto multinazionali grandi il doppio di banca Intesa usare windows per il sistema di fatturazione, per quello di pianificazione e per la logistica.Senza contare che buona parte delle applicazioni di SAP esistono SOLO per windows.
            Perché poi arriva na roba come il Sasser o
            Conficker e che
            succede?Proprio niente visto che i server vengono accuratamente monitorati.
          • iRoby scrive:
            Re: piccola postilla...
            Proprio niente come ai 60000 sportelli di Poste Italiane?Quindi Microsoft questa iniziativa l'avrebbe presa contro un virus che non è in grado di fare niente se i server sono monitorati?http://punto-informatico.it/2551732/PI/News/250mila-dollari-testa-conficker.aspxMi nomini le aziende che avrebbero il loro core business su Windows?
          • advange scrive:
            Re: piccola postilla...

            Mi nomini le aziende che avrebbero il loro core
            business su Windows?Quella di "nome e cognome" e quella di "di passaggio" ;-)
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...
            sei semplicemente ridicolo...se sei veramente uno che lavora nel campo dell'informatica, nn puoi non sapere che si sono ditte che hanno sistemi informatici basati su win...purtroppo nn posso fare nomi.e chiederli cmq x forza è da bambini (vero iRoby?)
          • advange scrive:
            Re: piccola postilla...

            sei semplicemente ridicolo...E dai, è una battuta, come sei permaloso...
            se sei veramente uno che lavora nel campo
            dell'informatica, nn puoi non sapere che si sono
            ditte che hanno sistemi informatici basati su win...Francamente non mi è mai capitato di incontrarne anche se tutto dipende da cosa intendi per sistemi informatici e "core" aziendale. Se intendiamo server di dominio e PC aziendali posso dire che il 90% sono Windows. Se parliamo di tutto il resto devo dirti che, sarò sfortunato, ma non ne ho mai trovate.Ho avuto a che fare con diverse Università, un paio di istituti di ricerca, una decina di ospedali, una banca e varie altre aziende e ne ho trovata una sola che usava SQL Server (per altro non per il suo core businness); per il resto i Win Server erano presenti solo per Domini di rete, Streaming Server e più raramente per Oracle (anche se la maggior parte usavano RedHat).
            purtroppo nn posso fare nomi.Peccato, nemmeno io posso fare i nomi: sarebbe interessante conoscere queste nuove realtà.
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...

            Francamente non mi è mai capitato di incontrarne
            anche se tutto dipende da cosa intendi per
            sistemi informatici e "core" aziendale. Se
            intendiamo server di dominio e PC aziendali posso
            dire che il 90% sono Windows. E beh, questa è una gran bella cosa per me... non esistono solo le applicazioni web grandiose o i super sistemi per le banche... quel 90% deve pur lavorare! ;-)e per quello ci sono io :-D
            Se parliamo di
            tutto il resto devo dirti che, sarò sfortunato,
            ma non ne ho mai
            trovate.non si tratta di fortuna o sfortuna... di certo è strano però secondo me.
            Ho avuto a che fare con diverse Università, un
            paio di istituti di ricerca, una decina di
            ospedali, una banca e varie altre aziende e ne ho
            trovata una sola che usava SQL Server (per altro
            non per il suo core businness); per il resto i
            Win Server erano presenti solo per Domini di
            rete, Streaming Server e più raramente per Oracle
            (anche se la maggior parte usavano
            RedHat).

            purtroppo nn posso fare nomi.
            Peccato, nemmeno io posso fare i nomi: sarebbe
            interessante conoscere queste nuove
            realtà.Beh, ti dirò allora... realtà industriali italiane tra le "grandi firme"... nn posso dire altro. Parliamo di gestionali, ordini, e tutta una roba più complicata...
          • advange scrive:
            Re: piccola postilla...

            Beh, ti dirò allora... realtà industriali
            italiane tra le "grandi firme"... nn posso dire
            altro. Parliamo di gestionali, ordini, e tutta
            una roba più complicata...Capito: parliamo di qualcosa legata a SAP, vero?
          • Giambo scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: iRoby
            Mi nomini le aziende che avrebbero il loro core
            business su
            Windows?Microsoft :o !
          • nome e cognome scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: iRoby
            Proprio niente come ai 60000 sportelli di Poste
            Italiane?Si proprio tutti infettati da conficker. Topolino non va bene come fonte di notizie informatiche...
            Quindi Microsoft questa iniziativa l'avrebbe
            presa contro un virus che non è in grado di fare
            niente se i server sono
            monitorati?Conficker ha infettato 10 mln di pc nel mondo, fai tu il conto in percentuale (ti aiuto è molto vicina alla market share di linux)?
            http://punto-informatico.it/2551732/PI/News/250mil

            Mi nomini le aziende che avrebbero il loro core
            business su
            Windows?Non im bastano i 6500 caratteri di PI per elencarle tutte... ma ti posso dire "Best Buy" e "Stabucks" giusto per fare un esempio da niente.
          • iRoby scrive:
            Re: piccola postilla...
            BestBuy ha un portale in Java Server Pages.Dato che il loro core business è l'ecommerce, già vedo Java e non su Windows per questo, cosa hanno su Windows quindi?
          • nome e cognome scrive:
            Re: piccola postilla...
            - Scritto da: iRoby
            BestBuy ha un portale in Java Server Pages.
            Dato che il loro core business è l'ecommerce, già
            vedo Java e non su Windows per questo, cosa hanno
            su Windows
            quindi?Best buy non ha certo l'ecommerce come core business dato che è una catena di grande distribuzione, e la loro infrastruttura di rete gira su Windows (nota praticamente nessuno hosta in casa il webserver).
          • di passaggio scrive:
            Re: piccola postilla...
            non ci far caso..qsti si spacciano per gente che lavora nell'informatica...mi sta bene che dicano che java sia meglio (parer loro, non mio... per quel che faccio io è meglio .net e windows), mi sta bene che dicano altre cose e che abbiano i loro parerei tecnici, ma negare che grosse multinazionali abbiamo sistemi su win e usino applicazioni scritte in .net è una cosa becera!
    • BeddyZ scrive:
      Re: piccola postilla...
      Non capisco, vorreste dire che chiunque sviluppo in c# non sia un programmatore?Voremmo dire che è programmatore solo chi sviluppa driver? Mi sembra un po' riduttivo, anche perchè alle varie imprese non occorre solo lo sviluppo a basso livesso di driver, ma anche applicazioni e magari pure in .NET in quanto, internamente hanno personale MS.ByeBeddyZ.
      • anonimo scrive:
        Re: piccola postilla...
        si ma il concetto di .net e' completamente sbagliato.che senso ha sviluppare su un framework che gira solo so windows.se mi dice che sviluppate programmi cozzaglia con il drag n drop ci sta...ma programmare e' tutta un altra cosa
        • corwyn scrive:
          Re: piccola postilla...

          ma programmare e' tutta un altra cosache si possano realizzare piccole e semplici interfacce con il drag'n drop con Visual Studio siamo d' accordo... ma se pensi che il .NET Framework sia tutto lì... ovviamente programmare è altro rispetto al dragg'ndroppare ma da quello che scrivi i casi sono 2:o non hai cognizione di cosa sia .NET e allora potresti tacere invece che sparare sentenze su ciò che non conosci;o non hai idea tu per primo di cosa voglia dire programmare e allora potresti tacere comunque.Lo dico per te: faresti più bella figura.
    • di passaggio scrive:
      Re: piccola postilla...
      - Scritto da: anonimo
      ricordo che solo i cialtroni programmano in .net
      c#

      chi lo usa sa di cosa parlo..

      completa incompatibilita' tra un framework e
      l'latro

      e tutto sto ambaradan lo vogliono trasportare su
      linux...


      non sarebbe piu semplice imparare a programmare?

      al posto di trascinare icone...

      java per esempioma ti rendi conto della marea di cavolate che hai scritto? secondo me sei solo un studentello viziato, di quelli che si sentono bravi, ma che nn ha idea di ciò che dice...
      • anonimo scrive:
        Re: piccola postilla...
        io per mi parere personale non svilupperei maineanche un programma che fa 2+2 con .netpoi fate voi..a buon intenditore poche parole...a mio modesto parere e' una piattafarma di sviluppo pateticaprovate a fare il porting delle applicazioni .net da un computer con xp a win 98 o a vista ...
        • corwyn scrive:
          Re: piccola postilla...
          se sapessi di cosa stai parlando sapresti che sotto certe condizioni quello che scrivo per Vista (a meno che non si riferisca a librerie specifiche di Vista, ovvio) lo posso far girare fino a Win98 SE e Win200 SP4 credo.Per il resto continua pure a fare 2+2 che forse prima o poi scoprirai il risultato
          • advange scrive:
            Re: piccola postilla...

            se sapessi di cosa stai parlando sapresti che
            sotto certe condizioni quello che scrivo per
            Vista (a meno che non si riferisca a librerie
            specifiche di Vista, ovvio) lo posso far girare
            fino a Win98 SE e Win200 SP4 credo."sotto certe condizioni" e "credo": allora aveva ragione l'anonimo...
          • corwyn scrive:
            Re: piccola postilla...
            "sotto certe condizioni" significa che devo aver installato il framework e quindi gli aggiornamenti del SO che permettono l' installazione del framework il "credo" si riferisce al fatto che non mi ricordo se il tutto gira su Win2000 con l' SP4 o con un altro SPPoi sempre in riferimento al "sotto certe condizioni" insisto sul fatto che sia ovvio che non posso far girare su WIN98SE software che richiama librerie specifiche di Win2003 etc. etc. ma questo vale per qualsiasi linguaggio che permetta di richiamare librerie native dell' SO su cui lo fai girare, se non ne fai uso e ti limiti ad utilizzare le librerie standard del Framework non hai problemi.sempre tutti maliziosi in questo forum...
          • advange scrive:
            Re: piccola postilla...

            "sotto certe condizioni" significa che devo aver
            installato il framework e quindi gli
            aggiornamenti del SO che permettono l'
            installazione del frameworkbravo, era a questo che volevo arrivare :-)
            il "credo" si riferisce al fatto che non mi
            ricordo se il tutto gira su Win2000 con l' SP4 o
            con un altro SPAncora una volta: dipende da aggiornamenti del SO. E' normale, secondo te?
            Poi sempre in riferimento al "sotto certe
            condizioni" insisto sul fatto che sia ovvio che
            non posso far girare su WIN98SE software che
            richiama librerie specifiche di Win2003 etc. etc.
            ma questo vale per qualsiasi linguaggio che
            permetta di richiamare librerie native dell' SO
            su cui lo fai girare, se non ne fai uso e ti
            limiti ad utilizzare le librerie standard del
            Framework non hai problemi.Hai ragione: questo è vero anche per Java; se fai uso dell'RMI potresti usare qualche libreria che dipende dal SO...
            sempre tutti maliziosi in questo forum... :$Stiamo pur sempre parlando di MS...
        • di passaggio scrive:
          Re: piccola postilla...
          mai avuto nessun problema.sviluppo applicazioni in .netle prendo e le porto da 2000 a vista, passando per xp, girano senza dover far nulla.non si parla nemmeno di porting... lo prendi e lo installi su un altro pc cn S.O. diverso e funziona. semplice no?saluti.
        • pippo75 scrive:
          Re: piccola postilla...
          - Scritto da: anonimo
          io per mi parere personale non svilupperei mai

          neanche un programma che fa 2+2 con .net

          poi fate voi..ti do ragione, .NET è un accrocchio, considerando che poi dietro dovrebbe esserci Hejlsberg ( un pivellino patentato ).MS avrebbe dovuto dare ascolto a te, ora saremmeo anni luci avanti.:) :)
    • guast scrive:
      Re: piccola postilla...
      Se ci hai messo 5 mesi per imparare ad usare struts allora hai ragione. :DComunque è vero che per imparare tutto quello che c'è a disposizione nel mondo Java ci vuole parecchio tempo. Ma poi quella analisi costi/benefici di cui parli si sposta notevolmente.Certo se l'idea è di realizzare progettini con sbarbatelli con pochi mesi di esperienza è ovvio che facendoli lavorare con visual studio i tempi di sviluppo sono più brevi. Ma poi i costi di aggiornamento e manutenzione diventano mostruosi.Accusi gli altri di miopia, ma la vera miopia è quella tua che pensa solo allo sviluppo iniziale, ma tiene conto dello sviluppo delle versioni successive con tutti i cambiamenti che spesso comportano.
  • ilmassi scrive:
    linux svegliati!
    molte delle qualità che linux vantava fino a 2 anni fa rispetto a windows e mac, come stabilità, grafica ed efficienza sono ormai raggiunte e superate dai diretti concorrenti. Senza contare che a breve uscirà windows 7 con nuove funzionalità di interfaccia e supporto nativo al touch screen. Bisogna assolutamente inventarsi qualcosa di nuovo sul fronte desktop. Meno male che qualcosa si muove sugli smartphone.
    • Fan della Mela scrive:
      Re: linux svegliati!
      - Scritto da: ilmassi
      molte delle qualità che linux vantava fino a 2
      anni fa rispetto a windows e mac, come stabilità,
      grafica ed efficienza sono ormai raggiunte e
      superate dai diretti concorrenti. Senza contare
      che a breve uscirà windows 7 con nuove
      funzionalità di interfaccia e supporto nativo al
      touch screen. Bisogna assolutamente inventarsi
      qualcosa di nuovo sul fronte desktop. Meno male
      che qualcosa si muove sugli
      smartphone.Si muove grazie a Google, insomma un altro quasi-monopolio.Un po' come Firefox che cercava il monopolio sui browser ed ora trova ottima concorrenza da parte dei veri Big; Internet Explorer 8 (Microsoft), Chrome (Google), Safari 4 (Apple, Opera.-- http://www.macheist.com/bundle/u/25845Un aiuto per i piccoli sviluppatori di software.
      • ciko scrive:
        Re: linux svegliati!

        Un po' come Firefox che cercava il monopolio sui
        browser ed ora trova ottima concorrenza da parte
        dei veri Big; Internet Explorer 8 (Microsoft),
        Chrome (Google), Safari 4 (Apple,
        Opera.ed è proprio questo che mi fa amare ancor di più tale browser... ha infranto il monopolio e costretto MS a scrivere FINALMENTE un browser degno di questo nome...
        • mak77 scrive:
          Re: linux svegliati!
          - Scritto da: ciko
          ed è proprio questo che mi fa amare ancor di più
          tale browser... ha infranto il monopolio e
          costretto MS a scrivere FINALMENTE un browser
          degno di questo
          nome...beh oddio, diciamo sull'orlo della sufficienza, ie8 non è ancora degno di chiamarsi browser, magari il 9.
        • cvb scrive:
          Re: linux svegliati!
          Perchè siete tutti così convinti che IE8, Windows7 siano la grande svolta?Perchè stavolta avete accettato tutti quanti il marketing microsoft sicurissimi che da domani...(o dopodomani...) venderanno prodotti OTTIMI? Che anche quell'obbrobrio di vista fosse solo per far esultare alla notizia di un nuovo sistema più simile a windows xp sp4 con un nuovo tema?
          • ciko scrive:
            Re: linux svegliati!
            - Scritto da: cvb
            Perchè siete tutti così convinti che IE8,
            Windows7 siano la grande
            svolta?non ho parlato di win7, ma ie8 l'ho installato e provato; mi sembra abbastanza buono, anche se continuo ad utilizzare firefox...tu l'hai provato?
          • cvb scrive:
            Re: linux svegliati!
            Era una considerazione in generale sull'ultima tendenza di gridare al miracolo specie su win7 che sebra sempre più essere la terra promessa dei SO....Si IE8 provato.. certamente si fanno passi avanti...ma passi indietro erano anche difficili da concepire!!
          • advange scrive:
            Re: linux svegliati!

            Si IE8 provato.. certamente si fanno passi
            avanti...ma passi indietro erano anche difficili
            da concepire!!Beh, passi indietro sono stati fatti sull'occupazione della memoria... Però per il resto mi unisco al coro: almeno si sono adeguati agli standard CSS 2.1; magari faranno lo stesso anche con gli script nella 9 e allora saremo tutti più contenti.
          • ciko scrive:
            Re: linux svegliati!
            - Scritto da: cvb
            Era una considerazione in generale sull'ultima
            tendenza di gridare al miracolo specie su win7
            che sebra sempre più essere la terra promessa dei
            SO....il pubblico è volubile, è sempre stato così...Vista lo hanno schifato tutti, anche se non era poi questo cancro che tutti vanno raccontando (win7 non è che migliora chissà di quanto... magari un pò le performance)
            Si IE8 provato.. certamente si fanno passi
            avanti...ma passi indietro erano anche difficili
            da
            concepire!!ma infatti parlavo di "finalmente essere un browser" non di "benvenuto Gesù". Lo considero comunque in fondo alla lista, ma almeno PRESENTE nella lista :D
          • ninjaverde scrive:
            Re: linux svegliati!

            il pubblico è volubile, è sempre stato così...
            Vista lo hanno schifato tutti, anche se non era
            poi questo cancro che tutti vanno raccontando
            (win7 non è che migliora chissà di quanto...
            magari un pò le
            performance)Magari anche perchè non si trovavavano i diriver o perchè sono necessari almeno 2Gb per girare decentemente, o perchè se si fa un aggiornamento si "gonfia" come un pallone (di Gb) o perchè se uno si mette a cancellare files di foto o film invece di canellarli li nasconde sotto diverse directory dell'utente (senza una logica), cambiando solo i nomi dei files di conseguenza riempendo così gli HD anche di grosse dimensioni, o perchè ogni volta che si avvia un programmino valido e sicuro non "marchiato" Microsoft esce fuori il messaggio di allarme (fastidiosissimo) e se uno poi si mette a programmare diventa pazzo.......Ma forse è solo perchè il pubbico è "volubile"... :D
          • Davide V scrive:
            Re: linux svegliati!
            Provate a fargli fare l'acid test a IE8 e vedete che gran cagata. Altro che passi avanti. Stanno sempre la.
      • Messagero scrive:
        Re: linux svegliati!
        Ah, ti riferisci all'ottima concorrenza di Internet Explorer 8 che raggiunge 20/100 ounti con Acid 3... ah ora capisco si siPS.Opera 10 alpha 100/100Safari 100/100Firefox 78/100
      • iRoby scrive:
        Re: linux svegliati!
        Firefox cercava il monopolio? (newbie)Firefox cercava di restituire alla gente e a chi aveva sistemi operativi alternativi il web rubato da M$ con le estensioni proprietarie, gli ActiveX e il mancato rispetto degli standard.
      • Andreabont scrive:
        Re: linux svegliati!
        Togli pure Internet Explorer, è l'unico che sta perdendo utenza, tutti gli altri la stanno guadagnando, se Firefox deve preoccuparsi della concorrenza si preoccupa di Opera, Safari e Chorme, non certo di IExplorer :-)
    • mbohpz scrive:
      Re: linux svegliati!

      molte delle qualità che linux vantava fino a 2
      anni fa rispetto a windows e mac, come stabilità,
      grafica ed efficienza sono ormai raggiunte e
      superate dai diretti concorrenti. Puoi argomentare? La mia opinione:- stabilità: MacOS è al massimo alla pari, Win fa ancora abbastanza ridere- grafica: non ce ne è per nessuno.. l'ampia scelta di linux/gnu già basterebbe a sbarazzare qualsiasi altro OS che impone la propria scelta. e poi come compiz attualmente non c'è niente.- efficienza: non capisco cosa intendi tu per efficienza, mi sembra sia troppo soggettivo rispetto all'uso che ognuno fa del proprio computer
      • ilmassi scrive:
        Re: linux svegliati!
        che Vista faccia ridere a stabilità è un cosa piuttosto curiosa, perché usandolo dall'sp1 ho avuto un solo blocco una sola volta, e mi è bastato aggiornare un driver per risolvere.Linux (uso ubuntu) al contrario mi dà continui problemi di visualizzazione e blocchi improvvisi di firefox. Inoltre per 2 volte è bastato un aggiornamento per avere il sistema inutilizzabile.A grafica vista ha finalmente una sua coerenza, personalmente ho disabilitato le trasparenze, ma resta piacevole. Sicuramente compiz è un punto a vantaggio di linux, ma la visualizzazione dei caratteri e delle finestre è migliore su windows.l'efficienza significa non perdere tempo a trovare una funzionalità, avere un search decente, un menù intuitivo, un pannello di controllo completo, un backup funzionale eccettera. La novità Kde4 per ora ha ampiamente deluso le mie aspettative. Inoltre vista a aumentato di parecchio le possibilità di personalizzazione, basta dare un occhio alla gestione del volume separata per programma o alla gestione energetica e dei processi. Se paragonato ai concorrenti linux è praticamente fermo da 2-3anni e sinceramente mi dispiace.
        • BlueSky scrive:
          Re: linux svegliati!
          - Scritto da: ilmassi
          che Vista faccia ridere a stabilità è un cosa
          piuttosto curiosa, perché usandolo dall'sp1 ho
          avuto un solo blocco una sola volta, e mi è
          bastato aggiornare un driver per
          risolvere.Io in Linux non ne ho proprio di freeze. Gli unici che ricordo sono capitati con distro in alpha o beta, o con esperimenti su ricompilazione del kernel. Più frequente (per modo di dire) è il blocco di X server (che a volte toglie il controllo alla tastiera), che può dare l'impressione di un freeze del sistema, ma non è tecnicamente la stessa cosa (anche se, purtroppo, in ambito desktop si risolve allo stesso modo, riavviando il pc).
          Linux (uso ubuntu) al contrario mi dà continui
          problemi di visualizzazione e blocchi improvvisi
          di firefox.Firefox non è linux. E' in perfetto stile FUD di MS imputare a Linux ogni problema che sorge con le applicazioni che ci girano sopra. Se Office mi da problemi me la prendo con Office, non con Windows.
          Inoltre per 2 volte è bastato un
          aggiornamento per avere il sistema
          inutilizzabile.Purtroppo questo capita, in effetti, e non è per nulla simpatico. In particolare succede (almeno nel mio caso) quando si usano driver proprietari per la scheda video ma non sono ancora disponibili sui repository. Così si aggiorna il kernel ma mancano i driver usati per la scheda video. Dovrebbe migliorare parecchio questa situazione con l'uso di dkms, che Mandriva ha da anni e per fortuna verrà usato anche da Ubuntu. Le altre non so.
          Sicuramente compiz è un punto a
          vantaggio di linux, ma la visualizzazione dei
          caratteri e delle finestre è migliore su
          windows.Vero, anche grazie ai brevetti che impediscono l'adozione di certi font su Linux. Comunque si può ovviare, chi vive nel mondo "libero" dell'informatica si può installare font migliori.
          l'efficienza significa non perdere tempo a
          trovare una funzionalità, avere un search
          decente, un menù intuitivo, un pannello di
          controllo completo, un backup funzionale
          eccettera.Bene, di queste cose però capirai che alcune sono molto personali. Chi è abituato a Windows perderà tempo a cercare una funzionalità che in Linux è fatta in altra maniera, e viceversa. Riguardo a pannelli di controllo completi che coprono tutte le funzionalità mi piacerebbe averceli anche in Windows. Giusto qualche giorno fa cercavo come fare una certa cosa in Windows e mi sono trovato su di una pagina di msdn in cui ti spiegano come modificare il registro di sistema. Per non parlare di ben altre rogne. Inoltre non c'è solo Ubuntu, altre distro offrono strumenti più sofisticati.
        • mbohpz scrive:
          Re: linux svegliati!
          - Scritto da: ilmassi
          che Vista faccia ridere a stabilità è un cosa
          piuttosto curiosa, perché usandolo dall'sp1 ho
          avuto un solo blocco una sola volta, e mi è
          bastato aggiornare un driver per
          risolvere.

          Linux (uso ubuntu) al contrario mi dà continui
          problemi di visualizzazione e blocchi improvvisi
          di firefox. Inoltre per 2 volte è bastato un
          aggiornamento per avere il sistema
          inutilizzabile.Applicativi che si bloccano ne incontro su entrambi gli OS. Rimanendo su Firefox anche su Vista a volte mi si riavvia senza apparente motivo.Apprezzo di Vista che rispetto a XP è molto raro che un blocco di un applicativo generi il blocco di tutto il sistema.(su linux è sempre bastato un kill -9 a fronte di un blocco applicativo)Gli uptime che ho su gentoo cmq me li sogno ancora su Vista.

          A grafica vista ha finalmente una sua coerenza,
          personalmente ho disabilitato le trasparenze, ma
          resta piacevole. Sicuramente compiz è un punto a
          vantaggio di linux, ma la visualizzazione dei
          caratteri e delle finestre è migliore su
          windows.
          visualizzazione caratteri non vedo differenze. Gestione finestre sinceramente il ctrl+tab di win non è ancora paragonabile alle N funzioni di gestione finestre che hai con compiz.
          l'efficienza significa non perdere tempo a
          trovare una funzionalità, avere un search
          decente, un menù intuitivo, un pannello di
          controllo completo, un backup funzionale
          eccettera. La novità Kde4 per ora ha ampiamente
          deluso le mie aspettative. Inoltre vista a
          aumentato di parecchio le possibilità di
          personalizzazione, basta dare un occhio alla
          gestione del volume separata per programma o alla
          gestione energetica e dei processi. Se paragonato
          ai concorrenti linux è praticamente fermo da
          2-3anni e sinceramente mi
          dispiace.Il perdere tempo dipende anche dall'abitudine. Personalmente impiego molto meno tempo a scrivere il nome del programma (neanche tutto, c'è l'auto-completamento) e premere invio piuttosto che cercarlo nel menu di win.Kde non lo uso da un bel pò, non so dirti.Del pannello di controllo non ne sento molto la mancanza su linux.Per il resto concordo che Vista ha fatto grossi passi avanti (nonostante le molte critiche che leggo io lo preferisco di gran lunga a XP).Apprezzo molto la nuova gestione directory (che si ispira a *nix)e l'hybernate (che in ripristino di sessione da ottime prestazioni, anche se a volte mi si impalla).La gestione dei processi secondo me rimane uno dei punti deboli. Appena installato hai già N processi ignoti, non si capisce chi li ha lanciati, gli svchost non dicono quali servizi hanno associati, etc etc.Detto questo ogni os ha i suoi pregi e i suoi difetti, difficile schematizzare i punti di forza. Posso concordare che stabilità e grafica Win ha fatto passi avanti. Concordo che efficienza Win può essere considerato migliore (in gran parte grazie all'abitudine).Sicurezza linux e MacOS rimangono nettamente superiori.
        • gnulinux86 scrive:
          Re: linux svegliati!
          Hai mai pensato che il problema potresti essere tu e non il sistema che utilizzi???(rotfl)Adesso che ci hai resi partecipi della tua controversa esperienza personale PRO-Windows e FUD-Linux, cosa cerchi consensi?? :-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 marzo 2009 10.49-----------------------------------------------------------
          • cvb scrive:
            Re: linux svegliati!
            E con questa risposta inutile e strafottente tu cosa cerchi?
          • Vin scrive:
            Re: linux svegliati!
            - Scritto da: cvb
            E con questa risposta inutile e strafottente tu
            cosa
            cerchi?Un pò di considerazione che nella vita reale non riesce ad ottenere
          • gnulinux86 scrive:
            Re: linux svegliati!
            Quindi si riferiva te.
          • gnulinux86 scrive:
            Re: linux svegliati!
            Cercavo il rosicamento di un troll, ma a quanto pare non ho dovuto cercare molto.
          • cvb scrive:
            Re: linux svegliati!
            Sbagli, hai trovato solo una figuraccia: dato che la tua opinione per me vale zero e le mie preferenze in ambito informatico sono più vicine a linux che a windows.Commentavo solo la maleducazione e inutilità del tuo post.Buona giornata.
          • gnulinux86 scrive:
            Re: linux svegliati!
            Ho trovato una figuraccia?? quindi non sei un troll sei una figuraccia!? (rotfl)Buona giornata, figuraccia.
          • ilmassi scrive:
            Re: linux svegliati!
            quindi quando linux si impalla il problema sei tu non il sistema che è tarato e ha un bug che ti fa sXXXXXXXre...bel sistema..su windows in genere esce un aggiornamento che lo risolve.
          • cvb scrive:
            Re: linux svegliati!
            Beh se firefox si impalla non è colpa di linux ma di firefoxo, più probabilmente di un plugin non funzionante.Capisco il punto di vista dal "si ma alla fine per un motivo o per l'altro su linux ho problemi e su windows no."Ma magari sei anche tu ad averci messo le mani con poca perizia, aver fatto le cose in un modo non ottimale....Ricorda che probabilmente usi windows xp da 8 anni... e in questi 8 anni di XXXXXXX ne hai fatte a palete e di formattazioni a decine... ne sono sicuro.Non pretendere da linux cose che nei tuoi primi tempi con windows neanche pensavi di affrontare.
          • corwyn scrive:
            Re: linux svegliati!

            Ma magari sei anche tu ad averci messo le mani
            con poca perizia, aver fatto le cose in un modo
            non
            ottimale....se queste sono le premesse allora posso affermare che:se ci metti le mani con perizia (cosa che chi abitualmente sputa su win difficilmente può avere preferendo utilizzare altri SO) e fai le cose in maniera ottimale allora da Win 2003 per i server e da XP SP2 per i client (includendo Vista) i SO Microsoft sono delle rocce.
          • mbohpz scrive:
            Re: linux svegliati!

            e da XP SP2 per i client (includendo Vista) i SO
            Microsoft sono delle
            rocce.Nel senso che son pesanti e affondano? :P
          • cvb scrive:
            Re: linux svegliati!

            se queste sono le premesse allora posso affermare
            che:
            se ci metti le mani con perizia (cosa che chi
            abitualmente sputa su win difficilmente può avere
            preferendo utilizzare altri SO)Beh questa è cosa falsa: chi sputa su windows a ragion veduta e non gli studentelli fan di altri sistemi perchè fa cool ci ha lavorato comunque per decenni e poi, a ragion veduta, ha cambiato sistema quando ha potuto.Io ho conosciuto windows dalla versione 3.1 su un 386 quando per giocare ai giochini spesso dovevi cioccare con la memoria estesa da linea di comando e lanciarli sempre da dos...e tuttora a lavoro DEVO usare XP. Credo che nessun amante del pinguino non abbia esperienza di anni e anni con sistemi windows. e fai le cose in
            maniera ottimale allora da Win 2003 per i server
            e da XP SP2 per i client (includendo Vista) i SO
            Microsoft sono delle
            rocce.Io con xp sp3 non posso dire di trovarmi male, ma per quanto riguarda vista...più che altro è un macigno di una tonnellata!
          • BlueSky scrive:
            Re: linux svegliati!
            - Scritto da: corwy
            se ci metti le mani con perizia Con perizia significa che non ci installi sopra più di tre programmi? Perché perizia o meno Windows i XXXXXX nel registro di sistema se li fa comunque.
          • gnulinux86 scrive:
            Re: linux svegliati!
            Ho capito che sei Pro-Windows e Fud-Linux, non c'è bisogno che ti sforzi ad ogni post per farlo notare.Parlavo in maniera generica, spesso il problema sta tra sedia e tastiera, indipendentemente dal sistema utilizzato.
          • corwyn scrive:
            Re: linux svegliati!

            Parlavo in maniera generica, spesso il problema
            sta tra sedia e tastiera, indipendentemente dal
            sistema
            utilizzato.infatti ti facevo solo notare che se parti da questo presupposto (e ci parti tu, non io) la maggior parte delle argomentazioni che i PRO-Lynux FUD-Windows abitualmente usano viene a cadere.Questo se vogliamo una discussione logica e basata da un lato sui fatti e dall' altro su quanto viene affermato di volta in volta.Se invece preferisci trollare e basta... bhè fammelo sapere che non mi disturbo più a risponderti
          • gnulinux86 scrive:
            Re: linux svegliati!
            Scusa sei per caso l'utente che si firma "ilmassi"??Dici a me o hai sbagliato persona?
          • corwyn scrive:
            Re: linux svegliati!
            no: non sono quell' utente e si: dico a te.
          • gnulinux86 scrive:
            Re: linux svegliati!
            Io prima ho risposto all'utente che si firma "ilmassi" non a te.Mi hai anche scritto che mi facevi notare..ecc...ecc.....ma tu prima non mi hai scritto nulla, non stavi postando a me, il commento precedente è il primo commento tuo indirizzato a me, non c'è ne stanno altri.
          • corwyn scrive:
            Re: linux svegliati!
            ah, adesso ho visto,scusa tanto, leggendo il post ero convinto rispondessi a me.Mi sono sbagliato.
          • ilmassi scrive:
            Re: linux svegliati!
            e invece hai capito male...io non sono pro windows o anti altro...sono semplicemente contro questi fanatismi da bambinetti che non accettano che si dica che uno o l'altro sistema abbia problemi. Uso o meglio mi diverto con linux da 4 anni, non l'ho messo su ieri, e firefox si impalla pur essendo il browser di default. Ho installato linux a diversi miei amici che provenivano da windows, ma sono tornati indietro. Cosa che non succede a chi prova macos, qualche motivo ci sarà no?
          • gnulinux86 scrive:
            Re: linux svegliati!
            Si si e poi arriva la marmotta che incarta la cioccolata.
      • Lino scrive:
        Re: linux svegliati!
        - Scritto da: mbohpz
        Puoi argomentare? La mia opinione:
        - stabilità: MacOS è al massimo alla pari, Win fa
        ancora abbastanza
        ridereTu Mac os non lo hai mai visto/usato
        - grafica: non ce ne è per nessuno.. l'ampia
        scelta di linux/gnu già basterebbe a sbarazzare
        qualsiasi altro OS che impone la propria scelta.
        e poi come compiz attualmente non c'è
        niente.Cioè tu misuri la qualità in base alla quantità?Quelli disponibili per linux sembrano DM degli anni 80 e sono ancora parecchio instabili.Poi finitela con sta storia che gnome è leggero. gnome è instabile e pesante e non è giustificabile la cosa visto che non offre nulla più degli altri.L'unico degno di nota forse e xfce
        • mbohpz scrive:
          Re: linux svegliati!
          - Scritto da: Lino
          - Scritto da: mbohpz


          Puoi argomentare? La mia opinione:

          - stabilità: MacOS è al massimo alla pari, Win
          fa

          ancora abbastanza

          ridere

          Tu Mac os non lo hai mai visto/usato
          Visto abbastanza, usato effetivamente molto poco. Mi baso su esperienze indirette con cui ho a che fare. Ammetto comunque la mia ignoranza.Dico "al massimo alla pari" perchè con gentoo ho uptime di mesi, riavvio solo quando decido io e non ho blocchi. Quindi, personalmente, non vedo come potrebbe essere migliore.

          - grafica: non ce ne è per nessuno.. l'ampia

          scelta di linux/gnu già basterebbe a sbarazzare

          qualsiasi altro OS che impone la propria scelta.

          e poi come compiz attualmente non c'è

          niente.

          Cioè tu misuri la qualità in base alla quantità?
          Quelli disponibili per linux sembrano DM degli
          anni 80 e sono ancora parecchio
          instabili.Anche. Nel senso: che un DE piaccia è soggettivo, dipende dalle esigenze e dal gusto. Quindi la quantità è elemento fondamentale.Non so che cosa usavi tu negli anni 80, io non ho mai visto su nessun altro OS la roba che fa compiz.Instabili ci andrei molto cauto... qui evidentemente abbiamo esperienza d'uso molto diverse.
          Poi finitela con sta storia che gnome è leggero.
          gnome è instabile e pesante e non è
          giustificabile la cosa visto che non offre nulla
          più degli
          altri.
          L'unico degno di nota forse e xfceA parte che io non ho mai nominato gnome... è sicuramente più leggero di kde ma ce ne sono di ancora più leggeri.Non lo reputo comunque nè pesante nè instabile.A me personalmente piace molto fluxbox.
          • Lino scrive:
            Re: linux svegliati!
            - Scritto da: mbohpz
            Visto abbastanza, usato effetivamente molto poco.
            Mi baso su esperienze indirette con cui ho a che
            fare. Ammetto comunque la mia
            ignoranza.
            Dico "al massimo alla pari" perchè con gentoo ho
            uptime di mesi, riavvio solo quando decido io e
            non ho blocchi. Quindi, personalmente, non vedo
            come potrebbe essere
            migliore.Uptime? Ma ancora con queste cose?Ma stiamo parlando di un sitema desktop ti rendi conto di quello che dici?
            Anche. Nel senso: che un DE piaccia è soggettivo,
            dipende dalle esigenze e dal gusto. Quindi la
            quantità è elemento
            fondamentale.Falso! La quantità non è indice di nulla.
            Non so che cosa usavi tu negli anni 80, io non ho
            mai visto su nessun altro OS la roba che fa
            compiz.
            Instabili ci andrei molto cauto... qui
            evidentemente abbiamo esperienza d'uso molto
            diverse.Ma che c'entra compiz?

            A parte che io non ho mai nominato gnome... è
            sicuramente più leggero di kde ma ce ne sono di
            ancora più
            leggeri.kde è un bisonte te credo...
            Non lo reputo comunque nè pesante nè instabile.
            A me personalmente piace molto fluxbox.Anche io lo preferisco a gnome e kde perchè è un progetto coraggioso che non vuole imitare a tutti i costi windows & co
          • mbohpz scrive:
            Re: linux svegliati!

            Uptime? Ma ancora con queste cose?
            Ma stiamo parlando di un sitema desktop ti rendi
            conto di quello che
            dici?
            Si, tu ti rendi conto che si parlava di stabilità?Se per te l'uptime non è parametro di stabilità...
            Falso! La quantità non è indice di nulla.
            Ottima argomentazione.Hai un guardaroba stile paperino tu?
            Ma che c'entra compiz?
            Forse hai qualcosa problema ad associare argomenti ad argomentazioni... qui si parlava di grafica.

            A me personalmente piace molto fluxbox.

            Anche io lo preferisco a gnome e kde perchè è un
            progetto coraggioso che non vuole imitare a tutti
            i costi windows &
            coAnche a me KDE non è mai piaciuto perchè tenta di imitare Win, ma lo apprezzo perchè viene incontro a una certa tipologia di utenti "assuefatta" a Win ma che vuole passare a Linux.Gnome non credo voglia imitare un bel niente...
          • dev scrive:
            Re: linux svegliati!
            - Scritto da: mbohpz
            Si, tu ti rendi conto che si parlava di stabilità?
            Se per te l'uptime non è parametro di stabilità...Cioè tu 24/24 stai al pc ad utilizzarlo?Perchè un buon uptime senza fargli fare nulla ce l'ha anche windows a quelle condizioni.

            Falso! La quantità non è indice di nulla.



            Ottima argomentazione.
            Hai un guardaroba stile paperino tu?La quantità è indice solo di quantità e non qualitàMi sa che sei uno che ti servi dai cinesi, nevvero?

            Ma che c'entra compiz?



            Forse hai qualcosa problema ad associare
            argomenti ad argomentazioni... qui si parlava di
            grafica.Tu sai cos'è compiz e a cosa serve?
            Anche a me KDE non è mai piaciuto perchè tenta di
            imitare Win, ma lo apprezzo perchè viene incontro
            a una certa tipologia di utenti "assuefatta" a
            Win ma che vuole passare a
            Linux.Perchè passare da win a kde se quest'ultimo è anche peggiore e più contorto?
            Gnome non credo voglia imitare un bel niente...E speriamo che nessuno lo imiti
          • mbohpz scrive:
            Re: linux svegliati!

            Cioè tu 24/24 stai al pc ad utilizzarlo?
            Perchè un buon uptime senza fargli fare nulla ce
            l'ha anche windows a quelle
            condizioni.
            Sfugge il concetto che il pc può lavorare anche se non c'è nessuno davanti. Giusto per fare un esempio, gentoo mi si aggiorna mentre dormo.
            La quantità è indice solo di quantità e non
            qualità
            Mi sa che sei uno che ti servi dai cinesi,
            nevvero?
            Che balle. Vogliamo sindacare sul fatto che in Win e MacOS se non mi piace il DE mi attacco al tram? Mentre su linux posso scegliere fra N? Per voi non conta un cacchio questo?
            Tu sai cos'è compiz e a cosa serve?
            Io si e tu? ma se non ti fidi ti incollo wikipedia:Compiz è un compositing window manager per X Window System. Si tratta in sostanza di un software che gestisce sia l'estetica e il piazzamento delle finestre delle applicazioni sia una serie di effetti che possono essere applicati a tali finestre (a partire da semplici effetti di ombreggiatura fino ad arrivare a complessi effetti tridimensionali).Questo per te non ha nulla a che fare con il concetto di grafica?
    • attonito scrive:
      Re: linux svegliati!

      Senza contare che a breve uscirà windows 7 con nuove
      funzionalità di interfaccia e supporto nativo al
      touch screen.Ci stiamo caCando sotto.
      • ilmassi scrive:
        Re: linux svegliati!
        non è questione di cacarsi sotto...una volta preferivo linux per una serie di motivi ora non ne trovo più. Ci sarà pure un motivo se non vi scollate dall'1% in ambito desktop...ed essere una massa acritica che ritiene infallibile il suo sistema non aiuta.
        • ilmini scrive:
          Re: linux svegliati!
          non è questione di cacarsi sotto...una volta preferivo windows per una serie di motivi ora non ne trovo più. Ci sarà pure un motivo se windows va avanti solo con il preinstallato del settore desktop ed essere una massa acritica che ritiene infallibile il suo sistema non aiuta.
          • w la cantina scrive:
            Re: linux svegliati!
            - Scritto da: ilmini
            non è questione di cacarsi sotto...una volta
            preferivo windows per una serie di motivi ora non
            ne trovo più. Ci sarà pure un motivo se windows
            va avanti solo con il preinstallato del settore
            desktop ed essere una massa acritica che ritiene
            infallibile il suo sistema non
            aiuta.Menate a parte, questa coppia di considerazioni fa riflettere :)
    • GoldenBoy scrive:
      Re: linux svegliati!
      Quindi?Appena esce windows 7, tutti ad andare a ditoni perché supporta il touchscreen?Ma va va...ti manca solo di mettere "messaggio pubblicitario" al fine del tuo post!
    • gnulinux86 scrive:
      Re: linux svegliati!
      Scritto da ilmassi:"molte delle qualità che linux vantava fino a 2 anni fa rispetto a windows e mac, come stabilità, grafica ed efficienza sono ormai raggiunte e superate dai diretti concorrenti."Sicuro di stare bene???"Senza contare che a breve uscirà windows 7 con nuove funzionalità di interfaccia e supporto nativo al touch screen"Windows7(Vista 2.0) con nuove funzionalità?(rotfl), magari nuove rispetto Vista, ma non rispetto gli altri sistemi.Supporto nativo al touch screen? Come l'Iphone?
    • Shu scrive:
      Re: linux svegliati!
      - Scritto da: ilmassi
      molte delle qualità che linux vantava fino a 2
      anni fa rispetto a windows e mac, come stabilità,
      grafica ed efficienza sono ormai raggiunte e
      superate dai diretti concorrenti. A parte le figherie grafiche (che comunque ci sono con Compiz), mi risulta che Linux sia ancora più stabile ed efficiente sia di Windows che di OSX.
      Senza contare
      che a breve uscirà windows 7 con nuove
      funzionalità di interfacciaChe sarebbero? I plasmoidi copiati da KDE4? Gli effetti grafici copiati da OSX e da Compiz?
      e supporto nativo al
      touch screen.Linux ha supporto al touchscreen da almeno 10 anni:http://en.wikipedia.org/wiki/Sharp_ZaurusBye.
      • ilmassi scrive:
        Re: linux svegliati!
        mi sto rotolando da ridere...cioè provi a installare linux a 10 amici e dopo un paio di mesi sono tornati in 9 a vista...e mi tiri fuori kde4 che è un miracolo se ci lavori per un ora senza un crash...Se linux fosse migliore avrebbe passato da tempo l'1%.
        • aZZ scrive:
          Re: linux svegliati!
          1% lato desktop.Ripeti con me l'aspetto home user non e' il 100% della informatica.Ripeti con me embedded non e' una parola dal significato esotico ma una realta' tecnologica.Ripeti con me il venduto non copre l'esistente.Beh dai prima o poi capirai che il 100% dei tuoi peli pubici non e' il 100% dei peli del corpo.
  • Fan della Mela scrive:
    Mono?
    1 - Qualcuno mi spiega in modo semplice cos'è?La parola è troppo inflazionata per cercare in rete.2 - Novell ha fatto proprio un bell'accordo con Microsoft, mi pare positivo che ora parte dell'universo Microsoft possa funzionare nel piccolo grande e complicato mondo di Linux.3- Suse funziona bene? C'è una versione live funzionante per mac? Con Ubuntu (versione live su mac) funziona tutto solo da riga di comando... e siamo nel XXI secolo!!!-- http://www.macheist.com/bundle/u/25845Un aiuto per i piccoli sviluppatori di software.
    • qqw scrive:
      Re: Mono?
      - Scritto da: Fan della Mela
      1 - Qualcuno mi spiega in modo semplice cos'è?
      La parola è troppo inflazionata per cercare in
      rete.Semplice: cerchi "mono" su google e ti vai a leggere i primi due risultati della ricerca. Capisco che non sia semplice come usare un mac, ma funziona.
    • Luca scrive:
      Re: Mono?
      Si tratta di un runtime, immaginalo un po' simile a Java, per far girare applicazioni scritte per il framework .net. Contrariamente a quanto l'articolo lascia intendere, il progetto Mono (www.mono-project.com) è completamente legale - non ci sono problemi di brevetti per due motivi: 1) il grosso del framework .net è standard ECMA, quindi implementabile liberamente da chiunque, tant'è che ce n'è anche una versione GNU (ma è molto indietro col lavoro) 2) gli autori di Mono si basano esclusivamente sulle specifiche pubbliche e non effettuano reverse engineering del codice Microsoft.Probabilmente gli autori si riferiscono ad estensioni proprietarie di SUSE aggiunte a Mono per migliorarne performance o compatibilità, in tal caso potrebbero essere necessari accordi commerciali con MS, altrimenti Mono è liberamente utilizzabile su qualsiasi distribuzione.Il progetto Mono attualmente ha raggiunto la compatibilità con la versione 2.0 del framework .net, più che sufficiente per far girare molte delle applicazioni disponibili, e un buon lavoro si sta facendo per raggiungere la compatibilità con il framework 3.5. Tuttavia c'è da dire che spesso ahimé la compatibilità è solo teorica - molto dipende da chi quelle applicazioni le ha scritte! Anche cose stupide tipo creare un path su disco come path + '' + filename su Mono non funziona, perché ovviamente Linux si aspetta path del tipo path + '/' + filename. Lo sviluppatore coscienzioso avrebbe usato l'API Path.Combine, indipendente dalla piattaforma, ma se per pigrizia non ci ha pensato...
      • Maurizio scrive:
        Re: Mono?

        il 99% dei programmi Java
        sono scritti per essere multipiataforma (il
        programmatore Java sa che se il programma è
        pubblico, ci sarà qulcuno che lo vorrà installare
        su Mac o Linux), mentre il 99% dei programmi
        .NET/Mono sono programmati in modo da funzionare
        su di una particolare piattaforma operativa.
        non tanto da un punto di vista dei path che è
        molto facile da correggere, ma per il fatto di
        utilizzare spesso librerie native che ovviamente
        multipiattaforma non sonoE qui mi viene da chiedere: che senso ha un linguaggio interpretato se poi non e' pensato per essere multipiattaforma?
        • p4bl0 scrive:
          Re: Mono?
          non è un linguaggio
          • Zucca Vuota scrive:
            Re: Mono?
            - Scritto da: p4bl0
            non è un linguaggioE non è neanche interpretato. Se non mi sbagli il JIT c'è anche in mono.
        • Whishper scrive:
          Re: Mono?

          E qui mi viene da chiedere: che senso ha un
          linguaggio interpretato se poi non e' pensato per
          essere
          multipiattaforma?Fra programmatori è normale fare 'guerre di religione' sui linguaggi di programmazione. Cercherò di essere obiettivo. Il punto focale è che i programmatori 'abituati' ad usare prodotti MS hanno realisticamente al momento 3 scelte: C++, VB, C# (per il fatto che Java non lo prendono in considerazione).Posto che C++ e VB sono linguaggi 'vecchi', per usare un linguaggio moderno o ti affidi ad un linguaggio di scripting (vedi Ruby) oppure sei costretto a scegliere fra Java e C#. Java lo escludiamo per questioni religiose, ecco che l'unica alternativa rimane C#, il cui unico compilatore è .NET/MONO. Ergo se vuoi un linguaggio moderno ti 'becchi' anche il fatto che sia multipiattaforma, anche se in realtà lo vuoi usare solo per dare una interfaccia grafica ad una app a linea di comando.Ruby quando uscì lo snobbai parecchio (beh, il motivo principale è che il 90% della documentazione era in giapponese...), era perché le pochissime librerie che aveva erano dei binding a componenti scritti in codice nativo. Pur essendo per me un difetto il fatto di avere librerie non portabili, senz'altro avere un parco di librerie ampio è essenziale per far diffondere un linguaggio. Java ha coltivato per un decennio librerie scritte in Java, ed ora sono quasi tutte COMPLETAMENTE multipiattaforma (con poche eccezioni riguardanti lib che non vanno sui dispositivi mobili). C# per acciuffare il gap con Java (è uscito parecchio dopo), ha dovuto scendere a compromessi con lib scritte in codice nativo, ma essendoci solo queste è ovvio che poi gli sviluppatori per non riscrivere tutto da 0 usino le lib compilate. Ma il risultato finale è che poi la piattaforma non ha libs portabili.
          • corwyn scrive:
            Re: Mono?

            Posto che C++ e VB sono linguaggi 'vecchi', Questa me la puoi spiegare?a parte il fatto che VB.NET sta tranquillamente al passo con C# sia per performance (entrambi i linguaggi una volta compilati sparano fuori codice IL, che è il codice che viene compilato al volo dal framework ed eseguito, quasi identico) che per costrutti (alcuni costrutti sono presenti in C# e non in VB e viceversa ma sono veramente pochissimi e non di uso comune), si potrebbe quasi dire anzi che i due linguaggi sono equipollenti.Se poi consideriamo C++... come pensi siano scritti i motori grafici 3D odierni? come pensi siano scritti i sistemi operativi? come pensi siano scritti i compilatori?C++ è semplicemente un linguaggio di più basso livello rispetto a Java o C# et similia, che abbia i suoi anni non è in discussione ma definirlo spregiativamente 'vecchio' mi sembra MOLTO fuori luogo. Sarebbe come definire 'vecchio' l'Assembler: che significa?
          • Tana Bot scrive:
            Re: Mono?
            Quoto e aggiungo di farsi un giro per vedere come funzionano le librerie QT (giunte alla versione 4.5) che sono disponibili nella versione open source e rendono la programmazione in C++ quasi uguale come semplicità a quella Java/C#, con in + la potenza e la velocità dei programmi compilati, e tutto completamente multipiattaforma...C++ vecchio? C e C++ sono due tra i linguaggi meglio pensati della storia dell'informatica ed è stupefacente constatare che le loro specifiche sono state modificate pochissimo nel tempo per adattarsi alle esigenze (a differenza di java ad es, per non parlare di VB, che da una ver all'altra cambiava mezzo mondo)
          • Whishper scrive:
            Re: Mono?
            come detto poco fa, se vuoi confrontare Java, io lo farei in ambito server, lato client ho già ammesso non essere il suo forte. Inoltre, l'ultima volta che guardai mi pareva fossero non economicissime le QT...
          • Sathack scrive:
            Re: Mono?
            Ma...a proposito di linguaggi di programmazione, forse qualcosa di nuovo c'è...sto cominciando ad usare LabView (national instruments)e mi sembra abbastanza innovativo come concezione della programmazione. è bastato sul 'data flow' al contrario dei linguaggi tradizionali, e programmi affiancando icone e tirando fili.Della sua potenza e versatilità poi nessuno puo dir niente.L'unico problema che ha è che per girare ha bisogno di quel framework m$...come si chiama? ah si ...il framework windowsXp.
          • krane scrive:
            Re: Mono?
            - Scritto da: Sathack
            L'unico problema che ha è che per girare ha
            bisogno di quel framework m$...come si chiama? ah
            si ...il framework windowsXp.Wine, si chiama wine : e' una versione piu' standard di XP.
          • Zucca Vuota scrive:
            Re: Mono?
            - Scritto da: Tana Bot
            C++ vecchio? C e C++ sono due tra i linguaggi
            meglio pensati della storia dell'informatica ed è
            stupefacente constatare che le loro specifiche
            sono state modificate pochissimo nel tempo per
            adattarsi alle esigenze Stiamo scherzando? Le specifiche sono cambiate poco negli ultimi tempi ma 10-15 anni fa... Sia il C che il C++ e le rispettive librerie hanno subito un bel po' di revisioni.
          • Whishper scrive:
            Re: Mono?
            - Scritto da: corwyn

            Posto che C++ e VB sono linguaggi 'vecchi',

            Questa me la puoi spiegare?
            a parte il fatto che VB.NET sta tranquillamente
            al passo con C# sia per performance....A parte che ho scritto VB, e non VB.NET chee dal mio punto di vista è equivalente con .NET....Non si parlava di performance. E' OVVIO (al meno per me) che siano al pari di performances, visto che l'output dovrebbe essere lo stesso
            (entrambi i
            linguaggi una volta compilati sparano fuori
            codice IL, che è il codice che viene compilato al
            volo dal framework ed eseguito, quasi identico)
            che per costrutti (alcuni costrutti sono presenti
            in C# e non in VB e viceversa ma sono veramente
            pochissimi e non di uso comune), si potrebbe
            quasi dire anzi che i due linguaggi sono
            equipollenti.Siamo sicuri? Non ho mai sentito nessun programmatore VB (o VB.NET che NON SONO LA STESSA COSA) parlare di Design Pattern ala GoF[INGORANT MODE ON, ovvero sono cose che non so, e pertanto chiedo]VB ha le interfacce/metodi virtuali?C# ha le closures?
            Se poi consideriamo C++... come pensi siano
            scritti i motori grafici 3D odierni?
            come pensi
            siano scritti i sistemi operativi? come pensi
            siano scritti i
            compilatori?
            C++ è semplicemente un linguaggio di più basso
            livello rispetto a Java o C# et similia, che
            abbia i suoi anni non è in discussione ma
            definirlo spregiativamente 'vecchio' mi sembra
            MOLTO fuori luogo. Sarebbe come definire
            'vecchio' l'Assembler: che
            significa?Era per farmi capire dal più vasto pubblico. Intendevo proprio quello che hai detto tu, ovvero basso livello. Da notare che cmq confermi quello che dico: non esiste un 'nuovo assembler', ne un 'nuovo C++'. Perché i linguaggi con il passare del tempo diventano sempre + ad alto livello.Riguardo alla dualità "sitemi operativi"/"vecchiume", inoltre, mi viene da dire che è un bel po' che non esce un nuovo sistema operativo, non credi? (Windows è legato pienamente ancora al MsDOS, Linux avrà si e no 15 anni...)
          • corwyn scrive:
            Re: Mono?
            allora forse ho capito male io il tuo post: quando ti riferivi a VB pensavo ti riferissi a VB.NET e non a VB6 o precedenti e nel mio post dove scrivevo VB mi riferivo comunque sempre a VB.NET.Non mi stupisce che da 15 anni come dici tu non ci siano grosse novità alla base dei SO.Alla fine non ci sono state grosse novità nemmeno nell' ambito dei PC. Al più hanno migliorato le prestazioni e le memorie, ma per il resto la sostanza è cambiata di poco. (parlo di PC di uso comune e di SO di uso comune)
          • Whishper scrive:
            Re: Mono?
            - Scritto da: corwyn
            allora forse ho capito male io il tuo post:
            quando ti riferivi a VB pensavo ti riferissi a
            VB.NET e non a VB6 o precedenti e nel mio post
            dove scrivevo VB mi riferivo comunque sempre a
            VB.NET.Beh, si, dicevo che se uno vuole usare prodotti MS, e vuole usare un prodotto moderno, deve usare .NET (per rispondere all'OP che non capiva il senso di un linguaggio interpretato (anche se in realtà è più giusto dire semicompilato) che non fosse multipiattaforma.
            Non mi stupisce che da 15 anni come dici tu non
            ci siano grosse novità alla base dei
            SO.
            Alla fine non ci sono state grosse novità nemmeno
            nell' ambito dei PC. Al più hanno migliorato le
            prestazioni e le memorie, ma per il resto la
            sostanza è cambiata di poco. (parlo di PC di uso
            comune e di SO di uso
            comune)Vero, ma nei linguaggi invece c'è stato molto hype nei paradigmi. Dal C++ (blandamente ad oggetti) si è evoluto Java (quasi-fortemente ad oggetti), poi i linguaggi ad Aspetti, i Web Serivces, i linguaggi di scripting come Javascript (che è stato considerato un giocattolo fino a che nn si è incominciato ad usare i funtori a dovere), moduli (OSGi) chiusure e quant'altro. Potresti rispondermi che le closures sono una eternità che esitono in alcuni linguaggi, ma sempre linguaggi di nicchia. E' da poco che vengono usati in linguaggi moderni (java ci deve ancora arrivare...)
          • corwyn scrive:
            Re: Mono?

            Vero, ma nei linguaggi invece c'è stato molto
            hype nei paradigmi. Dal C++ (blandamente ad
            oggetti) si è evoluto Java (quasi-fortemente ad
            oggetti)mi spieghi in cosa Java sarebbe più OOP di C++ ?guarda che ne hai sparata una veramente molto grossa e lo dico senza intenzioni di polemica
          • Shu scrive:
            Re: Mono?
            - Scritto da: corwyn

            Vero, ma nei linguaggi invece c'è stato molto

            hype nei paradigmi. Dal C++ (blandamente ad

            oggetti) si è evoluto Java (quasi-fortemente ad

            oggetti)

            mi spieghi in cosa Java sarebbe più OOP di C++ ?
            guarda che ne hai sparata una veramente molto
            grossa e lo dico senza intenzioni di
            polemicaIn Java non puoi scrivere Hello World senza dichiarare una classe con una funzione statica.In C++ sì.L'unica cosa non a oggetti in Java sono 3-4 tipi base.In C++ puoi scrivere interi software senza dichiarare nemmeno una classe.Questo rende C++ "blandamente a oggetti" e Java "fortemente a oggetti".La OOP non c'entra nel discorso.Forse si è spiegato male, ma non è sbagliato quello che ha detto.Bye.
          • corwyn scrive:
            Re: Mono?
            In Java se voglio (farmi del male), come in qualsiasi altro linguaggio OOP, posso dichiarare una classe statica con uno o più metodi statici e scrivere tutto lì dentro in modo procedurale... e allora? semplicemente credo abbia poco senso definire un linguaggio più o meno blandamente OOP, un linguaggio è o non è OOP.
          • Whishper scrive:
            Re: Mono?
            in Realtà Shu ci ha preso: intendevo proprio quello, C++ ti permette di lavorare senza oggetti. Java non è completamente OO in quanto ci sono i tipi primitivi
      • dev scrive:
        Re: Mono?
        - Scritto da: Luca
        Si tratta di un runtime, immaginalo un po' simile
        a Java, per far girare applicazioni scritte per
        il framework .net.


        Contrariamente a quanto l'articolo lascia
        intendere, il progetto Mono
        (www.mono-project.com) è completamente legale -
        non ci sono problemi di brevetti per due motivi:Io avevo letto che non era legale e microsoft aveva iniziato a rompere pure le palle. Magari però mi sbaglio
        • anonimo scrive:
          Re: Mono?
          - Scritto da: dev
          - Scritto da: Luca

          Si tratta di un runtime, immaginalo un po'
          simile

          a Java, per far girare applicazioni scritte per

          il framework .net.





          Contrariamente a quanto l'articolo lascia

          intendere, il progetto Mono

          (www.mono-project.com) è completamente legale -

          non ci sono problemi di brevetti per due motivi:

          Io avevo letto che non era legale e microsoft
          aveva iniziato a rompere pure le palle. Magari
          però mi
          sbaglioTi sbagli. Era nata la polemica che fosse sbagliato utilizzarlo perché nato da una tecnologia Microsoft che magari un giorno avrebbe rotto le palle con qualche brevetto nel cassetto. Ma da lì a dire che sia illegale ne deve passare di acqua sotto i ponti.
          • advange scrive:
            Re: Mono?

            Ma da lì a dire che sia illegale ne deve passare
            di acqua sotto i ponti.Direi davvero poca acqua, conoscendo i polli (leggi MS); ovviamente tutto questo IMHO
    • pabloski scrive:
      Re: Mono?
      - Scritto da: Fan della Mela
      1 - Qualcuno mi spiega in modo semplice cos'è?
      La parola è troppo inflazionata per cercare in
      rete.
      la copia pseudo-open di .net
      2 - Novell ha fatto proprio un bell'accordo con
      Microsoft, mi pare positivo che ora parte
      dell'universo Microsoft possa funzionare nel
      piccolo grande e complicato mondo di
      Linux.
      certo, finchè non scadranno gli accordi e allora MS c'andrà giù pesante con denunce e cause che produrranno un'emorragia nelle casse dei poveri idioti che si sono alleati per l'ennesima volta con MSper capirci il quasi fallimento di Apple nel '97 fu dovuto al fatto che Jobs si fidò di Bill e gli regalò nel 1983 tre prototipi di Mac da cui fu copiato Windows
      3- Suse funziona bene? C'è una versione live
      funzionante per mac? Con Ubuntu (versione live su
      mac) funziona tutto solo da riga di comando... e
      siamo nel XXI
      secolo!!!

      -- si certo come no....fino a 2 versioni fa era pesante e iperbuggata....ad oggi ho riscontrato ancora problemi di stabilità in yast e altri tool....insomma nessuna meraviglia se all'improvviso va in crash qualcosacerto che funziona su mac e no nè ubuntu nè suse funzionano da riga di comando sui macintel
      http://www.macheist.com/bundle/u/25845
      Un aiuto per i piccoli sviluppatori di software.
      • nome e cognome scrive:
        Re: Mono?

        per capirci il quasi fallimento di Apple nel '97
        fu dovuto al fatto che Jobs si fidò di Bill e gli
        regalò nel 1983 tre prototipi di Mac da cui fu
        copiato
        WindowsAhahaha... omXXXXXXX... sai che Jobs una sera ha incontrato una bionda in discoteca e si è svegliato il giorno dopo senza un rene?
        si certo come no....fino a 2 versioni fa era
        pesante e iperbuggata....ad oggi ho riscontrato
        ancora problemi di stabilità in yast e altri
        tool....insomma nessuna meraviglia se
        all'improvviso va in crash
        qualcosaQuindi è perfettamente nella norma...
        • pabloski scrive:
          Re: Mono?
          - Scritto da: nome e cognome
          Ahahaha... omXXXXXXX... sai che Jobs una sera ha
          incontrato una bionda in discoteca e si è
          svegliato il giorno dopo senza un rene?

          è un fatto storicamente documentato che windows fu copiato dai prototipi di macos
          Quindi è perfettamente nella norma...forse per un winaro come te è nella norma, ma noi linari siamo abituati a sistemi stabili come rocce
          • nome e cognome scrive:
            Re: Mono?


            Ahahaha... omXXXXXXX... sai che Jobs una sera ha

            incontrato una bionda in discoteca e si è

            svegliato il giorno dopo senza un rene?
            è un fatto storicamente documentato che windows
            fu copiato dai prototipi di
            macosSi certo, non fosse che macoshit è scopiazzato da xerox che era in giro dal 73 e aveva gia dato origine a decine di interfacce identiche.

            Quindi è perfettamente nella norma...

            forse per un winaro come te è nella norma, ma noi
            linari siamo abituati a sistemi stabili come
            rocceVero, noi siamo abituati a sistemi che funzionano voi ai sassi ...
          • pabloski scrive:
            Re: Mono?
            - Scritto da: nome e cognome
            Si certo, non fosse che macoshit è scopiazzato da
            xerox che era in giro dal 73 e aveva gia dato
            origine a decine di interfacce identiche.

            mi pare che tra comprare e copiare ci sia una differenza...Apple e Xerox conclusero una transazione in cui Xerox vendette la GUI, il mouse e tutto il resto....senza contare che fu Xerox a dismettere la produzione degli Alto ( mai messi in commercio peraltro ) perchè riteneva tutto l'affaire dei computer per gente comune una XXXXXXX pazzescaMS invece rubò di sana pianta le idee alla base dell'interfaccia grafica, tant'è che fu in causa con Apple per anni...si salvò perchè all'epoca non c'erano i brevetti sul software, altrimenti sarebbe fallita a colpi di danni da pagare
            Vero, noi siamo abituati a sistemi che funzionano
            voi ai sassi
            ...si certo, sei abituato a sVista che richiede 2 GB di memoria minimo e un quad corenon invece mandiamo su Marte robottini equipaggiati con un proXXXXXre rad6000 a 32 bit, quando tu con un quad core riesci a mala pena ad aprire IE che già la cpu arriva al 70% :D
          • nome e cognome scrive:
            Re: Mono?

            mi pare che tra comprare e copiare ci sia una
            differenza...Apple e Xerox conclusero una
            transazione in cui Xerox vendette la GUI, il
            mouse e tutto il
            resto....Si certo, la storia secondo Apple? La storia ufficiale dice che Jobbe si compro il diritto ad una visita nei laboratori Xerox dove venne "ispirato" dall'interfaccia WYSIWYG sviluppata da xerox (e gia commercializzata).
            senza contare che fu Xerox a dismettere la
            produzione degli Alto ( mai messi in commercio
            peraltro ) perchè riteneva tutto l'affaire dei
            computer per gente comune una XXXXXXX
            pazzescaQuesta è sempre la storia secondo apple? La storia ufficiale dice che Apple reclutò in massa i dipendenti dei laboratori Xerox e che riuscì a vincere grazie al basso costo dei suoi prodotti (rispetto alle workstation alto).
            MS invece rubò di sana pianta le idee alla base
            dell'interfaccia grafica, tant'è che fu in causa
            con Apple per anni...si salvò perchè all'epocaE perse perchè il giudice disse che non c'era alcuna violazione.
            non c'erano i brevetti sul software, altrimenti
            sarebbe fallita a colpi di danni da
            pagareOk, io completerei l'opera dicendo che la NASA ha usato un apple II per creare le scene dell'allunaggio (hint: primo brevetto software del 1962).

            Vero, noi siamo abituati a sistemi che
            funzionano

            voi ai sassi

            ...

            si certo, sei abituato a sVista che richiede 2 GB
            di memoria minimo e un quad
            coreChe è il minimo che trovo al supermercato oggi...
            non invece mandiamo su Marte robottini
            equipaggiati con un proXXXXXre rad6000 a 32 bit,Infatti uno su tre si schianta... il suolo di marte è cosparso di pezzi di linux, e c'è da dire che il numero di linari su marte è probabilmente più alto di quello della terra.
            quando tu con un quad core riesci a mala pena ad
            aprire IE che già la cpu arriva al 70%
            :DSi ma continua pure a guardare le foto dei sassi scattate dal robottino.
          • gnulinux86 scrive:
            Re: Mono?
            Fammi capire la storia ufficiale sarebbe quella che racconti tu?(rotfl)Quindi possiamo chiamarla la storia secondo i fanboys ms!? :)
          • -ToM- scrive:
            Re: Mono?
            - Scritto da: pabloski
            si certo, sei abituato a sVista che richiede 2 GB
            di memoria minimo e un quad corebugia, la ram conta, la cpu NO.Se hai 2GB, Vista funziona bene anche un un athlon single core della serie 3x00.
    • anonimo scrive:
      Re: Mono?
      - Scritto da: Fan della Mela
      2 - Novell ha fatto proprio un bell'accordo con
      Microsoft, mi pare positivo che ora parte
      dell'universo Microsoft possa funzionare nel
      piccolo grande e complicato mondo di
      Linux.
      Secondo me negli accordi di cui ho letto in passato non c'è niente che protegga mono neanche se paghi il supporto di Suse e l'articolo è quindi cannato. Però non ho tempo di stare a controllare.
    • Pippo Lacoca scrive:
      Re: Mono?
      Come troll fai vomitare ritardato
    • Piero Angela scrive:
      Re: Mono?
      http://lmgtfy.com/?q=mono&l=1
  • Minestrone di cavolfiori scrive:
    A prestazioni
    Se la batte bene con distro alla Debian-Ubuntu et similia? ;)
    • LuNa scrive:
      Re: A prestazioni
      come se ci fossero differenze di prestazioni sostanziali tra una distribuzione e l'altra ;)leggi phoronix (gente seria!) e guarda i loro test, o prova a farli tu stesso. scoprirai con grande piacere (o sorpresa ?) che le prestazioni tra distro sono praticamente allineate. le differenze sono tanto piccole che a occhio nudo non te ne accorgi.provare per credere :)Attenzione a non cadere nel tranello delle 'prestazioni percepite' dove la tua mente è *convinta* che debian è più veloce di fedora (dico a caso).I numeri dicono altro ;)
      • asd scrive:
        Re: A prestazioni
        no..... io da centos a arch linux ho una differenza abissale su tutto..........mi dispice ma non e' cosi'
      • GoldenBoy scrive:
        Re: A prestazioni
        Che suse sia più lenta di altre distro è cosa assodata, altro che "suggestione della mente"!Suse già da tempo non è ne carne ne pesce, con soluzioni discutibili e pacchetti non sempre esenti da problemi.Ora come ora, ce ne sono di molto meglio! E lo dico, fino alla 10.3 usai suse...
    • UnoDeiTanti scrive:
      Re: A prestazioni
      Ma non diciamo idiozie, basta provare una Arch, Slackware, Zenwalk, per vedere enormi differenzi in termini di velocità e pesantezza rispetto ad altre distro in particolare rispetto a Suse che è una delle più avide di risorse e di spazio su disco.
      • TADsince1995 scrive:
        Re: A prestazioni
        - Scritto da: UnoDeiTanti
        Ma non diciamo idiozie, basta provare una Arch,
        Slackware, Zenwalk, per vedere enormi differenzi
        in termini di velocità e pesantezza rispetto ad
        altre distro in particolare rispetto a Suse che è
        una delle più avide di risorse e di spazio su
        disco.Confermo anche io. Il confronto tra ubuntu e slackware (che comunque sono due distribuzioni completamente opposte) non regge, la seconda è incredibilmente più scattante, anche perchè si porta dietro meno driver e servizi attivi di default.TAD
    • gnulinux86 scrive:
      Re: A prestazioni
      OpenSuse, è la distro Linux, più pesante ed incasinata che abbia mai visto, da evitare a priori per coloro che vanno verso la prima esperienza con Linux.
      • di passaggio scrive:
        Re: A prestazioni
        peccato perchè da quello che ho letto nell'articolo è la prima volta che vengo incuriosito da linux...
        • gnulinux86 scrive:
          Re: A prestazioni
          Guarda che Linux non è solo Suse, trovi pure di meglio ma molto meglio.Cosa c'è nell'articolo che ti incuriosisce?
          • di passaggio scrive:
            Re: A prestazioni
            lo so che linux non è solo Suse...questo è proprio uno dei motivi che mi tengono lontano da linux... l'esistenza di centinaia di "distro", come le chiamate voi.La cosa che mi ha interessato è il supporto di .net tramite mono...sarei curioso di sapere se le mie applicazioni girino tranquillamente.
          • advange scrive:
            Re: A prestazioni

            La cosa che mi ha interessato è il supporto di
            .net tramite mono...Quello c' è anche in Ubuntu e, comunque, anche se non ci fosse di default basta aggiungere il repository giusto...
          • gnulinux86 scrive:
            Re: A prestazioni
            Ancora con sta storia del numero delle distro!?Le distro Linux mainstream, sono un numero pari alle versioni di Windows Vista.Il supporto .net con Mono lo trovi pure su Ubuntu(decisamente migliore rispetto Suse).Se sei interessato registrati e ti contatto in privato.
          • di passaggio scrive:
            Re: A prestazioni
            boh, qui ne sentivo parlare (nell'articolo intendo) come un qualcosa di favoloso...non conosco ubuntu del resto.mmm nn mi risulta col discorso delle distro..e cmq una cosa è distro, una cosa è versioni diverse dello stesso S.O....nel secondo caso nn cambia nulla, solo le funzioni disponibili...nel primo caso, beh... so solo di aver visto linari uno contro l'altro per le distro...
          • advange scrive:
            Re: A prestazioni

            Ancora con sta storia del numero delle distro!?Mi sa che hai sbagliato a rispondere :-)
          • gnulinux86 scrive:
            Re: A prestazioni
            è vero, non me ne ero accorto.
          • di passaggio scrive:
            Re: A prestazioni
            beh l'articolo ne parla come qualcosa di nuovo...non so cosa sia il repository di linux e nn ho ubuntu...cmq è la prima volta che leggo di .net in linux in maniera così entusiasta...certo, sarà un caso... non mi vado a cercare notizie su linux in genere.ma applicazioni scritte in .net funzionano con sto mono? hai esperienza? allo stato attuale non è ke mi serva la cosa, ma un giorno chissà, potrebbe tornare utile...
          • advange scrive:
            Re: A prestazioni

            beh l'articolo ne parla come qualcosa di nuovo...
            non so cosa sia il repository di linux e nn ho ubuntu...
            cmq è la prima volta che leggo di .net in linux
            in maniera così entusiasta...Beh, è una questione un po' lunga: credo che il giornalista intendesse sottolineare soprattutto l'uso di estensioni proprietarie, quindi non standard ECMA. C'è un dibattito nella comunità Linux sull'opportunità di usare o no Mono: è una questione più ce altro filosofica.
            certo, sarà un caso... non mi vado a cercare
            notizie su linux in genere.
            ma applicazioni scritte in .net funzionano con
            sto mono? hai esperienza? allo stato attuale non
            è ke mi serva la cosa, ma un giorno chissà,
            potrebbe tornare utile...Confesso che una delle prime cose che ho fatto è stato togliere mono da Ubuntu :$.Comunque Mono implementa le specifiche 2.0 di .NET se non ricordo male; quindi in teoria dovrebbero funzionare tutti i programmi compatibili con quelle specifiche.Questo solo in teoria: se leggi qualche post più sotto c'è la spiegazione dettagliata dei problemi. Detto sinteticamente: .NET non è un linguaggio di programmazione, quindi, non aspettarti la stessa portabilità di Java (che per altro qualche problema di portabilità può sempre averlo).Mi fermo perché credo che siamo OT: aggiungo che installare Mono su una qualunque distribuzione Linux non dovrebbe essere così complesso.
          • di passaggio scrive:
            Re: A prestazioni

            Beh, è una questione un po' lunga: credo che il
            giornalista intendesse sottolineare soprattutto
            l'uso di estensioni proprietarie, quindi non
            standard ECMA. C'è un dibattito nella comunità
            Linux sull'opportunità di usare o no Mono: è una
            questione più ce altro
            filosofica.da cui mi tengo volentieri alla larga
            Confesso che una delle prime cose che ho fatto è
            stato togliere mono da Ubuntu
            :$.contento tu...
            Comunque Mono implementa le specifiche 2.0 di
            .NET se non ricordo male; quindi in teoria
            dovrebbero funzionare tutti i programmi
            compatibili con quelle
            specifiche.visto? adesso so una cosa in più :-)
            Questo solo in teoria: se leggi qualche post più
            sotto c'è la spiegazione dettagliata dei
            problemi. ok
            Detto sinteticamente: .NET non è un
            linguaggio di programmazione, quindi, non
            aspettarti la stessa portabilità di Java questa non l'ho capita... .NET non è un linguaggio di programmazione... giusto... è il framework nell'insieme... che contiene (o meglio, supporta) molti linguaggi di programmazione al suo interno (vb.net, c#, ecc)certo, capisco che la portabilità di applicazioni .net dipenda notevolmente dal modo in cui sono state scritte. qsto va da se'....cmq .net lo puoi confrontare alla JVM, nn a java... oppure nn ho capito la tua frase.
            (che per
            altro qualche problema di portabilità può sempre
            averlo).non ci piove.
            Mi fermo perché credo che siamo OT: aggiungo che
            installare Mono su una qualunque distribuzione
            Linux non dovrebbe essere così
            complesso.
          • advange scrive:
            Re: A prestazioni


            Detto sinteticamente: .NET non è un

            linguaggio di programmazione, quindi, non

            aspettarti la stessa portabilità di Java

            questa non l'ho capita... .NET non è un
            linguaggio di programmazione... giusto... è il
            framework nell'insieme... che contiene (o meglio,
            supporta) molti linguaggi di programmazione al
            suo interno (vb.net, c#,
            ecc)
            certo, capisco che la portabilità di applicazioni
            .net dipenda notevolmente dal modo in cui sono
            state scritte. qsto va da
            se'....
            cmq .net lo puoi confrontare alla JVM, nn a java...
            oppure nn ho capito la tua frase.Hai ragione, la frase non era semanticamente corretta. .NET va confrontato con JVM e non con JAVA, come correttamente scrivi. Diciamo che scrivendo qualcosa per .NET (che equivale a scrivere qualcosa per un JVM) la portabilità che ne ottieni è attualmente inferiore a quella che avresti con un'applicazione scritta per Java. Questo per vari motivi:- perché .NET non esiste per tutti i SO e non tutti sono alla stessa versione (le differenze sono notevoli)- perché spesso sei costretto ad usare librerie esterne che dipendono dal SO.Questo secondo aspetto, come spiegato anche da qualcun altro, vale anche per Java, ma in .NET è più rilevante, perché oramai in Java trovi librerie che coprono quasi tutte le esigenze.Aggiungo, anche se questo è un discorso a parte, che onestamente far diventare .NET un componente di sistema che va installato con gli aggiornamenti del SO mi sembra una fesseria, ma questi sono miei gusti personali.
          • di passaggio scrive:
            Re: A prestazioni

            Hai ragione, la frase non era semanticamente
            corretta. .NET va confrontato con JVM e non con
            JAVA, come correttamente scrivi. Diciamo che
            scrivendo qualcosa per .NET (che equivale a
            scrivere qualcosa per un JVM) la portabilità che
            ne ottieni è attualmente inferiore a quella che
            avresti con un'applicazione scritta per Java.sicuramente.
            Questo per vari
            motivi:
            - perché .NET non esiste per tutti i SO e non
            tutti sono alla stessa versione (le differenze
            sono notevoli)
            - perché spesso sei costretto ad usare librerie
            esterne che dipendono dal SO.beh, dipende cosa devi fare ovviamente. Le librerie del framework sono molto vaste. Certo se inizi a fare roba più particolare o usare API di windows ovvio che esci da quell'ottica.
            Questo secondo aspetto, come spiegato anche da
            qualcun altro, vale anche per Java, ma in .NET è
            più rilevante, perché oramai in Java trovi
            librerie che coprono quasi tutte le
            esigenze.ovvio, ma aggiungo anche che qsto sia un qualcosa di non dico voluto, ma valutato... così come io posso essere disinteressato alla portabilità o cmq essero disposto a sacrificarla, lo saranno anche chi sceglie di sviluppare .net e "per" .net...
            Aggiungo, anche se questo è un discorso a parte,
            che onestamente far diventare .NET un componente
            di sistema che va installato con gli
            aggiornamenti del SO mi sembra una fesseria, ma
            questi sono miei gusti personali.scusa, anche la JVM devi installare, no?cmq con Vista già è presente il framework, e nn devi installare nulla.Sinceramente nn ho mai avuto grossi problemi col .net framework...
          • advange scrive:
            Re: A prestazioni

            ovvio, ma aggiungo anche che qsto sia un qualcosa
            di non dico voluto, ma valutato... così come io
            posso essere disinteressato alla portabilità o
            cmq essero disposto a sacrificarla, lo saranno
            anche chi sceglie di sviluppare .net e "per" .net...Hai ragione
            scusa, anche la JVM devi installare, no?
            cmq con Vista già è presente il framework, e nn
            devi installare nulla.Sì, ma JVM non è parte integrante del SO.
            Sinceramente nn ho mai avuto grossi problemi col
            .net framework...Nemmeno io ;-)
Chiudi i commenti