Auerbach denuncia e scomunica l'ICANN

Uno dei pochi membri eletti dell'ICANN denuncia la dirigenza dell'organismo internazionale perché non gli mostra i dati finanziari. Gestione domini alla frutta

Roma – Nei giorni scorsi si è svolta in Ghana l’ultima riunione dell’ICANN che ha rinviato ad altra data qualsiasi decisione di rilievo. A dimostrare che la situazione dell’organismo internazionale di supervisione sul sistema dei domini è ormai al limite è però l’ultima iniziativa di Karl Auerbach , uno dei pochi membri dell’ICANN eletto dagli utenti internet.

Auerbach, per tutta la vita una voce fuori dal coro e sostenuto nella sua azione non a caso dalla Electronic Frontier Foundation , ha infatti deciso di denunciare il Consiglio di amministrazione dell’ICANN perché non consente a lui, membro at-large, di accedere ai documenti finanziari dell’organizzazione.

Da quasi un anno e mezzo Auerbach ha chiesto di vedere quei documenti, probabilmente “scottanti” vista la crisi finanziaria in cui si dibatte l’ICANN, ma fino a questo momento l’unica cosa che ha ottenuto è la promessa di averli solo dopo la firma di un contratto di “non-disclosure”: in altre parole se vorrà vederli dovrà tacere su quello che avrà visto.

“L’ICANN – si legge nella denuncia – ha negato ad Auerbach il suo diritto legale ad ispezionare e copiare i documenti dell’ICANN. Auerbach ha esaurito ogni mezzo a propria disposizione per accedere a quei documenti sui quali ha un diritto legale in termini assoluti, e non ha alcun dovere di firmare condizioni illegali che l’ICANN sta cercando di imporgli”.

Auerbach deve vedersela con il CEO dell’ICANN, Stuart Lynn, secondo cui “Karl è libero di esaminare in qualsiasi momento i documenti ICANN se è pronto a seguire le procedure che valgono per lui e per qualsiasi altro Direttore secondo la legge della California”. “Karl – attacca Lynn – intende porsi sopra l’autorità diretta o delegata del Consiglio di amministrazione dell’ICANN dichiarando sé stesso l’unico giudice di cosa sia riservato e cosa non lo sia. Questa non è una sua prerogativa secondo la legge della California e i regolamenti dell’ICANN”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    C'è chi può e chi non può.
  • Anonimo scrive:
    Vedete ?
    Lasciando stare il caso giuridico....Il giudice si sente preso in giro e PER RIPICCA, abusando del potere conferitogli, infierisce sull'accusato.Questo è ABUSO DI POTERE.Che ne dite ? Istituiamo ( con la forza delle armi, come hanno fatto anni e anni fa i nostri predecessori ) uno stato on-line dove mettiamo la pena di morte per l'abuso di potere ?E bravo giudice.....vai a casa da tuo figlio, insegnagli come metterlo nel pertuso a chi ha meno potere di te!
    • Anonimo scrive:
      Re: Vedete ?
      Condivido l'idea...Però, sto tizio che rischia il carcere a vita, che a 22 anni non ha niente altro da fare che rompere le scatole su internet, che ha già sborsato una cifra per la libertà condizionata, non pensa che sarebbe il caso di fare un pò meno lo sbruffone e di tirare fuori un pò di umiltà davanti a persone che devono giudicare la sua idoneità alla vita sociale? Non è fare il coniglio, è cercare di non peggiorare una situazione che a questo punto è già degenerata abbastanza...ci va lui in prigione, non qualcon'altro..Ciao.
      • Anonimo scrive:
        Re: Vedete ?

        Però, sto tizio che rischia il carcere a
        vita, che a 22 anni non ha niente altro da
        fare che rompere le scatole su internet, che
        ha già sborsato una cifra per la libertà
        condizionata, non pensa che sarebbe il caso
        di fare un pò meno lo sbruffone e di tirare
        fuori un pò di umiltà davanti a persone che
        devono giudicare la sua idoneità alla vita
        sociale? Non è fare il coniglio, è cercare
        di non peggiorare una situazione che a
        questo punto è già degenerata
        abbastanza...ci va lui in prigione, non
        qualcon'altro..insomma rimettersi alla clemenza della corte e sperare in una condanna non troppo pesante, dimostrando di essersi adeguato al pensiero dominante...anch'io al suo posto farei come ha fatto lui...senza esagerazioni pero senza abbassare la testa...
  • Anonimo scrive:
    Un Eroe
    I potenti non vogliono mai cedere il proprio potere e si sentono in pericolo quando qualcuno gli dimostra che sono solo m***a !
  • Anonimo scrive:
    Topexan
    In galera danno il topexan gratis o si trova al mercato nero?
  • Anonimo scrive:
    e poi dicono che il computer non fa male...
    A quanto pare, il ragazzo ha prima chiesto al giudice di far comparire in aula anche l'accusa, cioè gli Stati Uniti d'America, proclamando che la presenza dell'assistente procuratore generale non era sufficiente.====certo e sempre meglio mettersi a ridere se sai gia di essere condannato...pero senza esagerare no ???? ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: e poi dicono che il computer non fa male...
      "scusa ma che c...o dici, si sà già che ci sarà una condanna, e allora cosa significa ESAGERARE, è un diritto dell'imputato chiedere la presenza dell'accusa, poi siccome devono dare IL BUON ESEMPIO", ci vanno giù pesante."- Scritto da: blah
      A quanto pare, il ragazzo ha prima chiesto
      al giudice di far comparire in aula anche
      l'accusa, cioè gli Stati Uniti d'America,
      proclamando che la presenza dell'assistente
      procuratore generale non era sufficiente.
      ====
      certo e sempre meglio mettersi a ridere se
      sai gia di essere condannato...pero senza
      esagerare no ????
      ;-)
Chiudi i commenti