Australia, chiuso sito revisionista

La Commissione australiana per i diritti umani e le uguali opportunità ha deciso di chiudere le pagine di un sito considerato insultante, offensivo e svilente nei confronti del popolo ebraico e dell'Olocausto. Il webmaster parla di censura


Adelaide (Australia) – Persino nel paese dei canguri, dove la censura online è di casa, non è facile che una Commissione governativa si muova per chiudere le pagine di un sito Web. Eppure questo è accaduto nei confronti di un sito storico-revisionista che, secondo la Commissione per i diritti umani e le uguali opportunità, non solo si è spinto troppo oltre ma ha anche finito per offendere e insultare gratuitamente il popolo ebraico e la tragedia dell’Olocausto.

Secondo la Commissione, il sito ha violato gli articoli fondamentali della legge contro la discriminazione razziale pubblicando contenuti “che non hanno alcuna aderenza a standard scientifici, storici o intellettuali che possano giustificarli”. Va anche detto che in Australia non vi sono leggi specifiche a protezione della libertà di espressione, sempre che in questo caso si possa davvero ipotizzare un problema di questo genere.

A questo proposito va detto che il dottor Frederick Toben, che amministra il sito “censurato”, quello dell’ Adelaide Institute , ha un trascorso da revisionista di tutto “rispetto”. Denunciato più volte e già arrestato in Germania, Toben era giunto in Australia apparentemente per trovare nuovi spazi per proporre le proprie idee.

Toben, le cui tesi sono state giudicate raccapriccianti e sono al centro di numerose iniziative di denuncia delle comunità ebraiche, ora sostiene che questa è censura e che viene violata la libertà di parola: “Questa è una nuova forma di dittatura da parte della Commissione sui diritti umani, una forma di controllo del pensiero. Siamo al Grande Fratello in azione”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti