Automobile Automatica Australiana

Entro il 2020 il traffico del paese potrebbe essere popolato di veicoli capaci di muoversi ed interagire con l'ambiente in modo molto più sicuro di quelli attuali. Si muove anche l'Europa


Brisbane (Australia) – Dall’Australia, ed esattamente dalla Griffith University , arriva la notizia di un progetto per la guida automatica in veicoli di nuova concezione e macchine-robot. Il responsabile del team di ricerca, il prof. Ljubo Vlacic, ha promesso che entro il 2020 verrà sviluppato un sistema di controllo intelligente (ICS) in grado di permettere ad ogni tipo di veicolo di muoversi indipendentemente , senza il bisogno dell’intervento umano. Sensori, elettroniche e software avanzati con algoritmi specifici porteranno la conduzione verso nuove frontiere. “La mia visione è che presto o tardi disporremo di auto automatiche che potranno convivere sulle strade con mezzi guidati dagli uomini”, ha dichiarato Vlacic.

I sensori saranno in grado anche di riconoscere i segnali stradali agevolando l’unità hardware principale nella gestione degli spostamenti e velocità dei mezzi. Il primo prototipo, realizzato presso School of Microelectronic Engineering dell’università, è in grado di rilevare gli ostacoli e far reagire un mezzo di conseguenza – almeno nei test.

“La nostra tecnologia correlata al controllo e alle scelte automatiche, è in grado di abilitare vari tipi di manovra come ad esempio l’attraversamento di incroci, la fermata e ri-partenza nel traffico, i sorpassi. Per ora, comunque si tratta di un progetto pilota per comprendere in quale misura possa essere integrato questo tipo di soluzione nel traffico cittadino”, ha spiegato Vlacic.

Lo spirito che anima l’iniziativa trova fondamento anche nella ricerca di nuovi strumenti per lottare contro il problema dell’inquinamento ambientale ed acustico. Le prime applicazioni, infatti, potrebbero trovare posto nell’ automotive elettrico o comunque ecologico, correlato al trasporto pubblico .

“Il sistema potrà essere disinseribile a piacimento. Sono dell’idea che un controllo elettronico comunque possa diminuire sensibilmente il numero degli incidenti stradali e il livello di stress provocato dal traffico. La Comunità Europea, forse, condivide la nostra visione, dato che stiamo collaborando al suo progetto di cyber-car che dovrebbe completarsi nel 2012”, ha aggiunto Vlacic.

La cyber-car europea è apparsa in pubblico qualche settimana fa sulla riviera francese. Il design ricorda molto i mezzi elettrici utilizzati sui campi da golf, ma il cuore pulsante nasconde un sistema sofisticato sviluppato dalla francese INRIA , l’Istituto Nazionale francese per la robotica e automazione. Per ora il mezzo è in grado di muoversi autonomamente su un percorso programmato, ma in futuro nessuno nega l’eventualità di una piena libertà. Qualche malalingua fa notare che l’algoritmo anti-pirata della strada dovrà essere più che avanzato per adattarsi alle condizioni ambientali del tutto “speciali” del traffico italiano.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • xander2k scrive:
    Pentatonica? Dove?
    Non mi sembra una pentatonica quella che si sente in uno dei file audio dimostrativi presenti sul sito...
  • Anonimo scrive:
    ...che c'è di strano? mai visto il...
    mai visto il Theremin??? ["googolando si impara" ndMe]è uno strumento fantastico!ed è stato inventato all'inizi del '900!
    • Anonimo scrive:
      Re: ...che c'è di strano? mai visto il..
      - Scritto da: Anonimo
      mai visto il Theremin???Si
      ["googolando si impara" ndMe]
      è uno strumento fantastico!Beh, insomma, questione di gusti. Per l'epoca senz'altro un'idea molto interessante e fuori dagli schemi.
  • Anonimo scrive:
    Pentatonica, non Pentafonica...
    please... :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Pentatonica, non Pentafonica...
      - Scritto da: Anonimo
      please... :)E' gia stato segnalato l'errore, non hai visto il post precedente ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Pentatonica, non Pentafonica...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        please... :)

        E' gia stato segnalato l'errore, non hai visto il
        post precedente ?

        Vuol dire che fino almeno alle ore 9.50 non avevano corretto. Se avessero corretto prima, non ci sarebbero state tutte queste segnalazioni.
  • Anonimo scrive:
    Prima la intelecaster...
    E adesso sta roba quì...Dove andrà a finire la musica??? bah
  • Anonimo scrive:
    dispiace...
    notare che, viste le capacità giornalistiche, l'autore manca di conoscenze musicali adeguate...la scala si dice pentatonica (cioè composta da 5 toni) e non pentafonica.
    • Anonimo scrive:
      Re: dispiace...
      - Scritto da: Anonimo
      notare che, viste le capacità giornalistiche,
      l'autore manca di conoscenze musicali adeguate...Pallone gonfiato.
      la scala si dice pentatonica (cioè composta da 5
      toni) e non pentafonica.E' gia stato segnalato l'errore, non hai visto il post precedente ?
  • Anonimo scrive:
    sito non raggiungibile
    http://airguitar.tml.hut.fi/
  • Anonimo scrive:
    PentaTonica!
    la piu' usata perche' la piu' facile :D
    • Anonimo scrive:
      Re: PentaTonica!
      - Scritto da: Anonimo
      la piu' usata perche' la piu' facile :DE' gia stato segnalato l'errore, non hai visto il post precedente ?Riguardo all'affermazione, tralascio.
      • Anonimo scrive:
        Re: PentaTonica!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        la piu' usata perche' la piu' facile :D

        E' gia stato segnalato l'errore, non hai visto il
        post precedente ?

        Riguardo all'affermazione, tralascio.Tralascia, tralascia, tanto si sa che è vero :D :D
        • xander2k scrive:
          Re: PentaTonica!
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          la piu' usata perche' la piu' facile :D



          E' gia stato segnalato l'errore, non hai visto
          il

          post precedente ?



          Riguardo all'affermazione, tralascio.

          Tralascia, tralascia, tanto si sa che è vero :D
          :DLa più facile è la scala monotonica. Che ridere. Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: PentaTonica!
            - Scritto da: xander2k
            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo



            la piu' usata perche' la piu' facile :D





            E' gia stato segnalato l'errore, non hai visto

            il


            post precedente ?





            Riguardo all'affermazione, tralascio.



            Tralascia, tralascia, tanto si sa che è vero
            :D

            :D

            La più facile è la scala monotonica. Che ridere.
            Ciao.Si intendeva di quelle utilizzate nelle canzoni.
  • liberx scrive:
    Demenziale
    Ma se funziona eccezionale. Intanto applausi!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Demenziale
      mah IMHO già è difficile abituarsi "al volo" a mantenere una buona impostazione (controllo delle note, intonazione) cambiando manico (es. uno normale con uno scalloped), figuriamoci senza...poi vabbè dipende da cosa si suona :D
  • Anonimo scrive:
    pentafonica?
    pentatonica, semmai ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: pentafonica?
      - Scritto da: Anonimo
      pentatonica, semmai ;)Rock poi. Vabe', anche ... ma se devi citare un genere cita il Blues.
      • Anonimo scrive:
        Re: pentafonica? X TUTTI!!!
        Guardate che la dizione corretta è pentaFonica, non come oggi dicono tutti pentaTonica che è una bestialità musicale. Sono cinque SUONI, dire "tonica" è sbagliato, solo che al giorno d'oggi non lo sa nessuno (e certo, tutti studiano sui ridicoli manualetti stile berkley college, te credo...)Ciao
Chiudi i commenti