Ballmer: Linux è un cancro

Così si è espresso Steve Ballmer, CEO di Microsoft, nel commentare la competizione dei prodotti proprietari con Linux e il software open source. Al centro del mirino nuovamente la licenza GPL e la sua incompatibilità con il business


Chicago (USA) – Il software open source continua ad essere il bersaglio prediletto di Microsoft. Negli scorsi mesi si sono succedute dichiarazioni e commenti sempre più pepati da parte di dirigenti del big di Redmond, fra cui si ricorderanno quelli di Miller , Allchin e, più recentemente, Mundie .

Questa volta è il boss Steve Ballmer, CEO di Microsoft, a scoccare frecciate in occasione del lancio di Office XP, a Chicago. In un’intervista al Chicago Sun Times Ballmer ha definito Linux un cancro, una dichiarazione che fa seguito a quella espressa un paio di mesi fa, quando sostenne invece che Linux era solo “un giocattolo” .

“Linux è un cancro che si attacca, nel senso della proprietà intellettuale, a tutto ciò che tocca” ha commentato Ballmer al noto quotidiano di Chicago, sostenendo poi che “questo è il modo con cui la licenza (GPL, NdR) opera”.

Ballmer batte su un ferro ancora caldo e tira in ballo la licenza GPL, riaccendendo così la miccia di quella diatriba che aveva accompagnato, proprio poche settimane fa, le accuse lanciate a questa licenza da Craig Mundie , vice presidente e stratega di Microsoft.

Ballmer, che all’inizio dell’anno definì Linux “una minaccia per Microsoft” , sostiene che la lotta con il software open source “ci sprona ad essere competitivi, a giustificare i prezzi ed il valore che noi offriamo”.

Il CEO di Microsoft sembra considerare la concorrenza proveniente dall’open source “salutare”, basta che questa non vada a pesare nelle faccende governative: “La sola cosa in cui vediamo un problema è quando il governo finanzia lavori open source”, ha dichiarato Ballmer. “I fondi governativi dovrebbero andare a lavori disponibili per tutti. L’open source non è disponibile alle aziende commerciali. Secondo il modo con cui è scritta questa licenza se tu usi qualsiasi software open source, devi rilasciare il resto del tuo software come open source. Se il governo vuole rendere qualcosa di pubblico dominio, può farlo, (ma) Linux non è di pubblico dominio”.

Si noti come Ballmer non citi mai espressamente la licenza GPL ma, parlando genericamente di “open source”, si riferisca ad essa in modo implicito, quasi identificando il free software, a cui la licenza GPL appartiene, con tutto il più vasto e variegato movimento open source (costituito da decine di licenze fra loro differenti e più o meno aperte).


Microsoft sa bene che prendendo di mira la licenza GPL va a colpire l’anello più debole dell’intero movimento open source: è questa una licenza che, su stessa ammissione del noto sviluppatore e scrittore Eric S. Raymond , crea molte controversie persino all’interno della stessa comunità open source (si veda ad esempio l’ opinione del CEO di Caldera ).

Nelle scorse settimane l’ accusa lanciata da Mundie alla licenza GPL , e ripresa qui da Ballmer con il concetto di “cancro”, era stata seccamente respinta da molti esponenti del movimento del free software, fra cui lo stesso Reymond , Torvalds , Richard Stallman e, qui in Italia, dalla lettera di Michel Morelli e Roberto A. Foglietta pubblicata da Punto Informatico.

Proprio in questa lettera si legge che “la GPL quindi non costituisce un pericolo per la proprietà, alla stregua della pirateria, come afferma il Sig. Mundie, perché essa stessa è una proprietà, cioè un copyright. In gergo viene detta copyleft perché sancisce dei diritti invece di sancire dei privilegi”.

Come si ricorderà, Torvalds, il padre di Linux, aveva ribattuto alle dichiarazioni di Mundie sostenendo come l’open source vada considerato parte di quella tradizione di condivisione delle informazioni e di libertà intellettuale che appartiene all’Occidente “fin dal tempo dei greci”.

“Bill Gates considera scontato che Microsoft possieda tutta l’infrastruttura realizzata fino ad oggi e sulla quale Microsoft è basata”, aveva dichiarato Torvalds. “Ma la tradizione della scienza aperta ha fatto più per costruire l’economia moderna di quanto Microsoft mai farà”.

Parole durissime sono arrivate nelle scorse settimane anche dalla Software & Information Industry Association (SIIA) il cui presidente, Ken Wasch, aveva accusato Microsoft di attuare una “strategia di guerra” mirata a “terrorizzare le aziende che stanno progettando una migrazione al modello open source”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ezio1964 scrive:
    Hanno buttato fuori il mio portale
    Sentite questa. Ho partecipato al premio con il mio portalino (www.valdisole.it) nella categoria viaggi. Mi sono dato da fare e ho cercato di pubblicizzare il tutto più che potevo. I risultati non sono mancati infatti fino a giovedi 16-06-2005 ero in 9 posizione, venerdi 17-06-2005 ero in 4 posizione e così anche oggi 20-06-2005 fino alle ore 17.00. Ora alle 22.00 non trovo nemmo ombra del mio sito, nemmeno entro i primi 20 posti. Mi sembra una cosa un pò strana aver perso in poche ore 16 posizioni. Alcuni anni fà avevo partecipato con lo stesso portale, stessa cosa, gli ultimi giorni mi hanno sbattuto fuori per dar posto a quei portali dove dietro ci sono le società famose. Praticamente o sei fra i "grossi" o ti segano. Questa volta però ho inviato una mai per chiedere spiegazioni. Vi terrò informati. Voglio proprio vedere cosa mi rispondono. Mi sembra di capire comunque che non ci sia serietà in questo premio.==================================Modificato dall'autore il 20/06/2005 23.13.40
  • Anonimo scrive:
    fa piangere!!!!
    accidenti al gusto di chi vuota!! non capiscono bel niente di designer.. allora mi chiedo, perche non restano davanti alla tv a guardare "passaparola" invece di giudicare come belli, siti che fanno veramente schiffo.
  • Anonimo scrive:
    se rinunciassero a premiare i votanti
    E vero, non serve a nulla. Lo testimonia il fatto che, per accalappiare voti e persone, mettono in palio dei premi (che sono l'unico motivo per cui la gente vota)Se non ci fosse alcun premio potrebbero esserci maggiori motivazioni oggettive nel votare un sito.
  • Anonimo scrive:
    Fa abbastanza schifo
    Ti chiedono tutti i tuoi dati, ti allettano con premi incredibili pur di farti votare, puoi votare quante volte ti pare ma il tuo voto non conta niente. In piu' metti il loro banner sulle tue pagine.Complimenti, dall'"autorevole" Sole 24 Ore ci si poteva aspettare molto di meglio.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fa abbastanza schifo
      - Scritto da: M. Bulgari
      Ti chiedono tutti i tuoi dati, ti allettano
      con premi incredibili pur di farti votare,
      puoi votare quante volte ti pare ma il tuo
      voto non conta niente. In piu' metti il loro
      banner sulle tue pagine.

      Complimenti, dall'"autorevole" Sole 24 Ore
      ci si poteva aspettare molto di meglio.ne' hanno speso una riga in tutto questo tempo sulla nuova legge sull'editoria.insomma: chi non lo sapeva ora sa con chi si ha a che fare.
      • Anonimo scrive:
        Re: Fa abbastanza schifo
        Concordo: non capisco come si faccia a dare credito ad una pagliacciata simile.- Scritto da: matteo
        - Scritto da: M. Bulgari

        Ti chiedono tutti i tuoi dati, ti
        allettano

        con premi incredibili pur di farti votare,

        puoi votare quante volte ti pare ma il tuo

        voto non conta niente. In piu' metti il
        loro

        banner sulle tue pagine.



        Complimenti, dall'"autorevole" Sole 24 Ore

        ci si poteva aspettare molto di meglio.

        ne' hanno speso una riga in tutto questo
        tempo sulla nuova legge sull'editoria.
        insomma: chi non lo sapeva ora sa con chi si
        ha a che fare.
  • Anonimo scrive:
    banner del concorso
    Virgilio non ha messo il banner del concorso cosi' come PI
  • Anonimo scrive:
    a chi conviene questo premio
    Il vero affare di questo premio, lo fanno gli organizzatori che raccolgono moltissimidi indirizzi e-mail, con utenza profilata. Anche in rete, un premio "all'italiana": tu voti e loro ti schedano!
  • Anonimo scrive:
    L'anno scorso alla premiazione ....
    Il presentatore al responsabile di un sito inutile ma "famoso", noto soprattutto per le grandissime spese di marketing sostenute piu' che per gli accessi ottenuti a botte di popup multipli autoricaricanti disse "non c'e' 2 senza 3 !!". Il vincitore di quest'anno e' quindi già noto.
  • Anonimo scrive:
    I piccoli muoiono, i big si ingrassano.
    Volevo segnalarvi questa considerazione.I piccoli portali, quelli di nicchia, quelli verticali (ovviamente sto parlando della categoria portali) vengono letteralmente schiacciati dai big (quelli orizzontali, quelli di massa).Noto la cosa e scrivo alla redazione del Premio, facendo notare la cosa e invitandoli per una prossima edizione a considerare una categoria per i vertiali e di nicchia.Mi rispondono:"La possibilità di vittoria di piccoli portali verticali rispetto ai più grandi e notori portali orizzonatli dipende unicamente dal loro grado di apprezzamento da parte del pubblico che li voterà.".Ora dico: mi stanno prendendo in giro?Ovviamente non gli ho risposto, ma avevo voglia di insultarli.Il mio portalino che attira poche centinaia di user session al giorno può avere anche un altissimo livello di soddisfazione e fidelizzazione, e quindi ottenere un bel pò di voti (così è stato quando concorrevo all'inizio con altri del mio calibro) ma come potrei mai competere con i big che hanno decine di migliaia di usersession?Solo per darvi l'idea:I primi 10 sono: Excite Italia www.excite.it Italia on line www.iol.it Kataweb www.kataweb.com Libero Infostrada www.libero.it Siciliaonline www.siciliaonline.it SuperEva www.supereva.it TiscaliFreeNet www.tiscalinet.it Virgilio www.virgilio.it Wappi www.wappi.com Yahoo! Italia www.yahoo.it Ho deciso di ritirarmi e non regalare ulteriori nominativi.Voi cosa ne pensate?
    • Anonimo scrive:
      Re: I piccoli muoiono, i big si ingrassano.
      Penso che se tutti facessero come te, il Premio sarebbe finalmente spogliato dei puntelli con cui si regge il carrozzone. Che porta pubblicita' e dati personali nelle casse del Sole.- Scritto da: Luca De Nardo
      Volevo segnalarvi questa considerazione.
      I piccoli portali, quelli di nicchia, quelli
      verticali (ovviamente sto parlando della
      categoria portali) vengono letteralmente
      schiacciati dai big (quelli orizzontali,
      quelli di massa).
      Noto la cosa e scrivo alla redazione del
      Premio, facendo notare la cosa e invitandoli
      per una prossima edizione a considerare una
      categoria per i vertiali e di nicchia.
      Mi rispondono:
      "La possibilità di vittoria di piccoli
      portali verticali rispetto ai più grandi e
      notori portali orizzonatli dipende
      unicamente dal loro grado di apprezzamento
      da parte del pubblico che li voterà.".

      Ora dico: mi stanno prendendo in giro?
      Ovviamente non gli ho risposto, ma avevo
      voglia di insultarli.
      Il mio portalino che attira poche centinaia
      di user session al giorno può avere anche un
      altissimo livello di soddisfazione e
      fidelizzazione, e quindi ottenere un bel pò
      di voti (così è stato quando concorrevo
      all'inizio con altri del mio calibro) ma
      come potrei mai competere con i big che
      hanno decine di migliaia di usersession?
      Solo per darvi l'idea:
      I primi 10 sono:

      Excite Italia www.excite.it
      Italia on line www.iol.it
      Kataweb www.kataweb.com
      Libero Infostrada www.libero.it
      Siciliaonline www.siciliaonline.it
      SuperEva www.supereva.it
      TiscaliFreeNet www.tiscalinet.it
      Virgilio www.virgilio.it
      Wappi www.wappi.com
      Yahoo! Italia www.yahoo.it

      Ho deciso di ritirarmi e non regalare
      ulteriori nominativi.
      Voi cosa ne pensate?
  • Anonimo scrive:
    Ottima scelta
    quella di non infilare i banner del concorso nel sito......
  • Anonimo scrive:
    Categoria Sport
    Aprilia www.aprilia.com Aprilia Racing www.racingaprilia.com F.C. Internazionale Milano S.p.A. www.inter.it Fiorentina www.fiorentina.it Gazzetta dello sport www.gazzetta.it Juventus - Sito Ufficiale www.juventus.it Marione www.marione.net Motocorse.com www.motocorse.com Salernitana - www.salernitana.it Sportal.it www.sportal.it seguono i siti in classifica, dall'11° posto 11 Rugby Teramo www.rugbyteramo.com 12 Il Motore di ricerca del Rally www.rallylink.it 13 Giacomelli Sport Web Store www.giacomellisport.com 14 Milan A.C. www.acmilan.it 15 Ferrari-The official website www.ferrari.it 16 Calciomercato.com www.calciomercato.com 17 Nuvolari www.nuvolari.net 18 Adidas.it www.adidas.it 19 Fantacalcio www.fantacalcio.it 20 Fifamania www.fifamania.it CALCIOMERCATO.COM uno dei siti più conosciuti in italia e nel mondo è 16esimo e guarda un po, ai primi posti c'è l'aprilia ..... uhuh ma dai.
  • Anonimo scrive:
    Errore ortografico
    Segnalo, senza vene polemiche, un errore ortografico macroscopico (sebbene piuttosto comune) nel disegnino:"qual è" si scrive _senza_ apostrofo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Errore ortografico
      - Scritto da: Ayeye
      Segnalo, senza vene polemiche, un errore
      ortografico macroscopico (sebbene piuttosto
      comune) nel disegnino:
      "qual è" si scrive _senza_ apostrofo.ma che pignoletto! e poi ndo sta scritto ? a me MI pare il contrariociao!
      • Anonimo scrive:
        Re: Errore ortografico

        ma che pignoletto!
        e poi ndo sta scritto ? a me MI pare il
        contrarioCaro O.,sta scritto1) in tutte le grammatiche2) per esempio, nella FAQ di it.cultura.linguistica.italiano ( http://www.mauriziopistone.it/discussioni/grammatica_1_a.html#qual )Per giunta, sfoglia qualunque libro e avrai la conferma di questa regola (che, del resto, è logica).Se avessi voluto davvero essere pignolo, avrei segnalato all'(ottimo) autore delle vignette che è preferibile usare "È" e "Ù" in luogo di "E'" e "U'". Non l'ho fatto perché questa sì, sarebbe stata un'osservazione da rompiscatole. :)Con questo vado a dormire.
        • Anonimo scrive:
          Re: Errore ortografico
          "Quale e'?" Ovvero, per fare prima, si dice anche: "qual'e'?"Indi per cui, si scrive con l'apostrofo: "qual'e'". Logico. E se ve lo dico io, credeteci.E buonanotte.E basta con questi off-topic.- Scritto da: Ayeye

          ma che pignoletto!

          e poi ndo sta scritto ? a me MI pare il

          contrario

          Caro O.,
          sta scritto
          1) in tutte le grammatiche
          2) per esempio, nella FAQ di
          it.cultura.linguistica.italiano (
          http://www.mauriziopistone.it/discussioni/gra
          Per giunta, sfoglia qualunque libro e avrai
          la conferma di questa regola (che, del
          resto, è logica).

          Se avessi voluto davvero essere pignolo,
          avrei segnalato all'(ottimo) autore delle
          vignette che è preferibile usare "È" e "Ù"
          in luogo di "E'" e "U'". Non l'ho fatto
          perché questa sì, sarebbe stata
          un'osservazione da rompiscatole. :)

          Con questo vado a dormire.
          • Anonimo scrive:
            Re: Errore ortografico

            "Quale e'?" Ovvero, per fare prima, si dice
            anche: "qual'e'?"No, si dice solo ed esclusivamente "qual è"
            E basta con questi off-topic.E basta con questi ignoranti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Errore ortografico
            - Scritto da: Max
            "Quale e'?" Ovvero, per fare prima, si dice
            anche: "qual'e'?"A Max! Prova a rileggerti il sussidiario, vah...-- Saluti, Kap
    • Anonimo scrive:
      Re: Errore ortografico
      - Scritto da: Ayeye
      Segnalo, senza vene polemiche, un errore
      ortografico macroscopico (sebbene piuttosto
      comune) nel disegnino:
      "qual è" si scrive _senza_ apostrofo.Ciao! eccomi ! dunque.. un errore dici, e per di piu' macroscopico.. addirittura !!! :)al link sottostante trovi una divertente discussione sul tema, a quanto pare esistono gli "apostrofisti" ed in "non apostrofisti"... :)in generale mi sembra che non esista una regola così ferrea (se non per chi la vuol seguire a tutti i costi!) e se si tratta di un troncamento o un elisione è ancora oggetto di dibattito dei grammatici http://www.mauriziopistone.it/discussioni/grammatica_1_a.htmlciao!
      • Anonimo scrive:
        Re: Errore ortografico
        - Scritto da: Luca Schiavoni
        http://www.mauriziopistone.it/discussioni/graops! solo ora, seguendo il resto del thread, mi sono accorto che anche Ayeye ha postato lo stesso link per supportare la sua tesi (errore macroscopico).strano, io leggendo quella pagina e quella discussione ho capito esattamente il contrario ! :)))leggo testualmente da quel sito"La disputa se si debba scrivere qual'è o qual è non è risolta né dalle grammatiche, né tanto meno dalla letteratura. Sono per l'apostrofo, fra gli altri, Federigo Tozzi, Mario Tobino, Tommaso Landolfi, Paolo Monelli, Bonaventura Tecchi. Non apostrofano invece Vasco Pratolini, Giuseppe Berto, Alberto Moravia, Goffredo Parise, Libero Bigiaretti."non e' risolta, e quindi non e' un errore macroscopico...ma se cominciamo a discutere anche su tutte le altre parole che si usano in un quotidiano di informatica come questo (scannare, forwardare, nukkare, loggare, postare ... etc etc ! ) mi sa che non finiamo mai... magari spostiamoci sul Forum a tema libero ! :)ciao!LucaS
Chiudi i commenti