Bambini localizzati via telefonino

Controllare i minori sapendo dove sono i loro cellulari, che lo vogliano o meno. Questo il succo di una legge proposta in Finlandia. Polemiche in Gran Bretagna. In Italia si fa muro


Roma – Sfruttare le nuove tecnologie di rilevazione della posizione di un utente GSM per tenere sott’occhio in qualsiasi momento gli spostamenti dei minori, che loro lo vogliano o meno. Questo il profilo essenziale di una legge che verrà discussa a novembre in Finlandia, una legge che, com’è prevedibile, sta suscitando le più diverse reazioni.

L’idea, contenuta in una revisione della attuale legge sulla privacy finlandese, sarebbe, secondo i suoi sostenitori, del tutto compatibile con la direttiva europea sulle comunicazioni elettroniche.

Il progetto prevede per chi ha più di 15 anni la possibilità di dare il proprio consenso ad un monitoraggio dei propri spostamenti mentre per i giovani sotto i 15 anni, non ci saranno alternative. In caso di emergenza, o quando le autorità ritengano che sia necessario ai fini della sicurezza, le tecnologie di tracking dei cellulari potranno essere utilizzate anche senza il consenso del monitorato .

“Leggi di questo tipo – ha sostenuto un funzionario del Governo finlandese favorevole al progetto, intervistato dalla Reuters – diverranno presto realtà all’interno dell’Unione Europea”. A suo dire saranno molti i paesi che seguiranno l’esempio finlandese, improntato, secondo il funzionario, a garantire maggiore sicurezza ai minori.

Va detto che in Finlandia gli operatori locali già offrono servizi commerciali basati sulla possibilità di localizzare l’utente con una precisione che può arrivare anche a soli 100 metri.

Ma proprio questo genere di servizi sta invece suscitando un vespaio nel Regno Unito . Gli operatori del paese, infatti, sono tutti sul punto di lanciare servizi di localizzazione le cui caratteristiche non sono ancora del tutto note. Appare comunque difficile che le autorità regolamentari britanniche consentano l’attivazione di un sistema di monitoraggio che non richieda il consenso preventivo dell’utente. E proprio le questioni di privacy, peraltro, hanno fin qui indotto gli operatori italiani a non lanciarsi nel settore. D’altra parte qui in Italia il Garante per la privacy Stefano Rodotà ha già avuto modo di esprimere perplessità verso questo genere di servizi.

Quanti paesi seguiranno l’esempio finlandese?

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Multilevel Marketing
    Non hanno inventato niente di nuovo. Ogni acquirente diventa anche venditore, e questo porta ad un aumento esponenziale della forza vendita, e quindi del fatturato.Come in ogni multilevel marketing però, ad un certo punto si arriva alla saturazione del mercato e il giochino salta.
    • Anonimo scrive:
      Re: Multilevel Marketing
      io invece avevo capito che il filippino di turno affittava il suo gsm e poi il tipo che ne aveva avuto bisogno gli pagava la telefonata o l'sms ;) adesso ho riletto l'articolo e ho capito che io utente divento anche commerciante di schede un pò come la cresta che fa un pusher col suo giretto di drogatelli ;)Ma come si fa ad attribuire le vendite delle carte a tizio o caio? sono stock? ognuna è registrata anche al venditore??
      • Anonimo scrive:
        Re: Multilevel Marketing

        Ma come si fa ad attribuire le vendite delle
        carte a tizio o caio? sono stock? ognuna è
        registrata anche al venditore??Un po come... piu' ti fai chiamare e piu' ti ricarico il cellulare.
  • Anonimo scrive:
    da noi può attechire.
    io la percepisco come troppo onerosa, la telefonia mobile.e i ragazzini sono sempre senza soldi ... come me
  • Goul_duKat scrive:
    Che schifo ...
    si fidelizza il cliente solo toccandolo sui soldi ...il cliente si dovrebbe fidelizzare invece con la bonta del prodotto ...che societa' di cacca !!!
    • Alessandrox scrive:
      Re: Che schifo ...
      - Scritto da: Goul_duKat
      si fidelizza il cliente solo toccandolo sui
      soldi ...

      il cliente si dovrebbe fidelizzare invece
      con la bonta del prodotto ...

      che societa' di cacca !!!Che c'entra scusa...evidentemente e' anche un prodotto valido: che me ne facciodi un servizio che costa poco ma non funziona?E poi manca ancora un po' di concorrenza essendo l' unica proposta di quel tipo
      • Anonimo scrive:
        Re: Che schifo ...
        se non hai una lira e ti serve telefonare forse sei piu contento di poter "ricaricare" solo 5 euro invece che 50!!
Chiudi i commenti