Banda Larga, nuova proposta per i fondi UE

L'Italia ha sottoposto a Bruxelles una nuova strategia per l'investimento dei fondi europei. Anche il DEF 2014 abbraccia la banda larga

Roma – Il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) ha approvato l’ accordo di partenariato sulla programmazione dei fondi strutturali e di investimento europei per il 2014-2020 : si tratta del documento da presentare a Bruxelles che rappresenta la strategia entro cui inscrivere la gestione dei fondi europei affidati all’Italia.

Quella dei fondi strutturali è una questione fondamentale caratterizzata da molti tecnicismi: innanzitutto l’Europa spinge ad una elevata organizzazione in quanto chiede un cofinanziamento nazionale ed il rispetto di un meccanismo ciclico di gestione e monitoraggio che lega controlli concreti all’effettivo sblocco dei fondi (meccanismi utili ad evitare gli sprechi ), dall’altro gli amministratori italiani non sempre si sono dimostrati all’altezza del compito, finendo per non riuscire a interfacciarsi con la burocrazia europea e perdere i fondi a disposizione.

A marzo la Commissione UE aveva sollevato 351 rilievi al testo italiano per la spesa dei fondi europei 2014-2020 destinati a banda larga e digitalizzazione della PA: a non piacere, in particolare, l’assenza di una regia nazionale, nonché una generale indeterminatezza sulle motivazioni, gli obiettivi e le tempistiche delle azioni a favore dello sviluppo della banda larga e la mancata considerazione delle “competenze informatiche come competenze chiave per migliorare l’occupazione nonostante la loro importanza nell’attuale contesto economico”.

Quest’ultimo punto sembra cambiato alla radice: il Documento di economia e finanza ( DEF ) 2014 presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi e dal Ministro dell’Economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan contiene per la prima volta un ampio riferimento alla banda larga e banda ultralarga.

Secondo quanto si legge nel programma, in particolare, le infrastrutture immateriali a banda larga e soprattutto a banda ultralarga devono essere garantite a tutti i cittadini, pertanto la mano pubblica, sussidiaria all’intervento del mercato, è imprescindibile: certo manca una chiara indicazione dei fondi predisposti a tale scopo (a parte 639 milioni di fondi strutturali europei), ma già che se ne faccia un ampio riconoscimento appare un passo avanti.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Satiel scrive:
    Il resto?
    Il resto chi sarebbe? Possessori di PC?Tranquillo le feature di OSX che trovo più comode rispetto a Win hanno bisogno di un mac per sfruttarle bene quindi....
  • nome e cognome forse scrive:
    duemilacredici
    si beh per tutti... per tutti quelli che hanno un mac, il resto non se fa nulla
  • Guido la Vespa & Nello Stradone scrive:
    Che fine hanno fatto i 2 post di prima?
    Vedi titolo :@
    • krane scrive:
      Re: Che fine hanno fatto i 2 post di prima?
      - Scritto da: Guido la Vespa & Nello Stradone
      Vedi titolo :@"Il Boss" e' sempre piu' nervoso e dalla cancellazione facile eh...[img]http://static.comicvine.com/uploads/original/11/111114/2077585-magnus.jpg[/img]
  • ... scrive:
    vampiri
    Roma - Modificando una tradizione di lunga data, Apple ha deciso di apportare un cambiamento alla gestione delle versioni preliminari del proprio software: fino a oggi occorreva essere sviluppatori certificati previo pagamento di una quota annuale e qui mi sono fermato nella lettura per passare al trollaggio: parto, eh?che XXXXXXX!PS: e siamo al socondo pezzo di annunziata, finalemtne si erimette a "lavorare", eheh
    • Guido la Vespa & Nello Stradone scrive:
      Re: vampiri
      - Scritto da: ...
      Roma - Modificando una tradizione di lunga data,
      Apple ha deciso di apportare un cambiamento alla
      gestione delle versioni preliminari del proprio
      software: fino a oggi occorreva essere
      sviluppatori certificati previo pagamento di
      una quota
      annuale

      e qui mi sono fermato nella lettura per passare
      al trollaggio: parto,
      eh?

      che XXXXXXX!Anch'io sono rimasto sorpreso, nel leggere quella parte: non solo si doveva pagare una quota annuale, ma la cosa era durata per parecchio tempo! :sForse a far cambiare idea alla Apple è stata la crisi: sempre meno persone erano disposte a pagarla profumatamente anche solo per fare i beta-tester, sempre meno persone erano/sono disposte a pagare solo perché entrare a far parte dell'elite degli sviluppatori Apple fa tanto fico.
  • tucumcari scrive:
    un bell' articolo
    sul "non si può"...
  • no problem scrive:
    disabilitate il forum
    Non se ne puo' piu' di leggere queste teste di XXXXX
    • krane scrive:
      Re: disabilitate il forum
      - Scritto da: no problem
      Non se ne puo' piu' di leggere queste
      teste di XXXXXMi sa che non manca tanto che a quest'indirizzo non ci sia piu' nessun forum niente di niente...Solo un ip libero nel vuoto del cyberspazio.
  • ... scrive:
    povero luca...
    con la dipartita degli articolisti bravi, si e' ridotto a scrivere lui.... poooovero! Quanto manca al fallimento?
    • krane scrive:
      Re: povero luca...
      - Scritto da: ...
      con la dipartita degli articolisti bravi, si e'
      ridotto a scrivere lui.... poooovero! Quanto
      manca al fallimento?Prefallimendo gia' dichiarato, pare.Non so bene come funzionino queste cose.
      • ... scrive:
        Re: povero luca...
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: ...

        con la dipartita degli articolisti bravi, si
        e'

        ridotto a scrivere lui.... poooovero! Quanto

        manca al fallimento?

        Prefallimendo gia' dichiarato, pare.no, hanno fatto domanda al tribunale: se il triubunale non accetta, li fa fallire e via, cosi' mi dice il mio contatot del tribunale di Cosenza.
        Non so bene come funzionino queste cose.non hai un amico avvocato?PS: ma siamo rimasto solo noi due a postare? :D
        • krane scrive:
          Re: povero luca...
          - Scritto da: ...
          - Scritto da: krane

          - Scritto da: ...


          con la dipartita degli articolisti bravi,
          si

          e'


          ridotto a scrivere lui.... poooovero!
          Quanto


          manca al fallimento?



          Prefallimendo gia' dichiarato, pare.

          no, hanno fatto domanda al tribunale: se il
          triubunale non accetta, li fa fallire e via,
          cosi' mi dice il mio contatot del tribunale di
          Cosenza.Ecco come mai ultimamente scrivendo qua ho come la sensazione di volatili sopra la testa, credevo fossero volatili migratori invece...[img]http://www.counselingbroker.it/wp-content/uploads/2014/02/avvoltoi-in-volo.jpg[/img]

          Non so bene come funzionino queste cose.
          non hai un amico avvocato?

          PS: ma siamo rimasto solo noi due a postare? :DHanno licenziato anche il legu :O !!!In quel caso, si siamo rimasti solo noi due :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 aprile 2014 13.31-----------------------------------------------------------
          • ... scrive:
            Re: povero luca...
            Modificato dall' autore il 23 aprile 2014 13.31
            --------------------------------------------------no, e' ancora nell'angolo piu' buio della cantina, in posizione fetale, a mangiarsi i capelli e piangere: sai com'e', lo shock della cancellazione, il predere atto che non e' piu' nella lista dei cocchi di mamma... per lui e' stata una mazzata.
Chiudi i commenti