Banda larga sui treni di Francia e Italia

I bolidi che sfrecciano a trecento chilometri l'ora nelle campagne francesi consentiranno ai passeggeri di accedere a banda larga ad internet con l'uso di uno speciale kit. In arrivo anche in Italia

Parigi – Non si sa ancora quanto costerà ma di certo è una funzionalità destinata a rispolverare l’immagine vagamente sbiadita dei treni francesi ad alta velocità. La società ferroviaria nazionale, SNCF, ha infatti annunciato che a breve sui supertreni transalpini sarà disponibile un accesso ad internet wi-fi.

L’idea è quella di consentire ai passeggeri che siano dotati di hardware compatibile , come notebook, PDA ed altri dispositivi, di accedere ad un costo ridotto alla wireless LAN dell’azienda, collegandosi in questo modo alla rete.

Il TGV francese A chi fosse suo malgrado sprovvisto di dispositivi wi-fi ma fosse comunque intenzionato ad assaggiare il brivido di una connessione wireless a 300 all’ora, SNCF promette la disponibilità di speciali kit composti da notebook ad hoc, già pronti per la connessione, che saranno messi a disposizione all?inizio del viaggio in cambio di una tariffa di noleggio.

Il servizio sui TGV francesi partirà il 17 ottobre e sarà accompagnato, stando a quanto affermato dall’ente ferroviario, da un servizio pay-per-view che metterà a disposizione di chi vorrà pagare, otto canali di informazione specializzati in attualità, business e sport nonché in news relative alla località di destinazione del treno stesso. Per le prime settimane il servizio sarà comunque attivato solo su due tratte, una sorta di sperimentazione che servirà all’azienda per tarare l’offerta sulle reali esigenze dei passeggeri in vena di wireless.

Intanto ieri a Ginevra Trenitalia ha presentato un progetto che consentirà di utilizzare Internet a banda larga sulla tratta Roma – Napoli tra non più di un mese. Una prima sperimentazione che, se andrà in porto, potrebbe rapidamente diventare un servizio standard sui treni Eurostar

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Dove e' l'isola ?
    personalmente di una notizia del genere non me ne frega piu' di tanto...Mah !
    • Anonimo scrive:
      Re: Dove e' l'isola ?
      - Scritto da: Anonimo
      personalmente di una notizia del genere non
      me ne frega piu' di tanto...
      Mah !E' perche' non ne cogli il romanticismo molto tecnologico Peccato per te
    • Anonimo scrive:
      Re: Dove e' l'isola ?
      Che ignoranti, l'isola di Nuie sta appena un po' a sud dell'isola di Balogranz, nell'arcipelago delle Boletine. Per questo l'autore dell'articolo non ha ritenuto opportuno spiegarlo: ma voi a scuola la geografia non l'avete studiata?
  • Anonimo scrive:
    Sono arrivati i ...
    ... soliti quattro che subdorato il business stroncano il piccolo provider per prendersi loro l'affaire ...Se il piccolo provider, prima di iniziare, avesse chiesto parere a noi utenti italiani, vista la ns. solida esperienza, non avrebbe avuto di questi problemi.
    • ElfQrin scrive:
      Re: Sono arrivati i ...
      ...e anche lì imparerebbero la fatidica frase "è tutto un magna magna":-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono arrivati i ...

        "è tutto un magna magna"Forse ne sono gia' al corrente, la legge non scritta sembra indicare che un servizio pubblico se non genera un adeguato tornaconto privato vada soppresso. Nel caso dei "primitivi" la sola cosa che cambia e' che spesso hanno l'ingenuita' di mettere tale legge per iscritto.
Chiudi i commenti