Banda ultralarga, le mosse d'estate

I protagonisti del settore proclamano, investono, accorpano e preannunciano l'avvio dei lavori per la posa delle fibre ottiche della rete next-gen. Si muovono tutti, chi con il supporto del governo (Enel con Metroweb) chi con nuovi partner (TIM con Fastweb)

Roma – La decisione finale del governo italiano (tramite Cassa Depositi e Prestiti) di concedere Metroweb in sposa a Enel sembra aver dato un bello scossone al mercato della banda ultralarga dello Stivale, un settore in cui i vecchi monopolisti vogliono continuare a contare parecchio. TIM non si dà pace e annuncia una joint-venture pensata per diffondere le connessioni FTTH in decine di città.

L’acquisizione di Metroweb, prima di tutto, è un fatto oramai acclarato con l’ approvazione definitiva da parte del consiglio di amministrazione di Enel : Enel OpEn Fiber e Metroweb Italia diverranno una cosa sola , una realtà che avrà l’obiettivo di portare le connessioni in fibra ottica “ad altissima velocità” in circa 9,5 milioni di case entro il 2021.

Il piano industriale aggiornato prevede un aumento degli investimenti dai precedenti 2,5 miliardi di euro agli attuali 3,7 miliardi , mentre per quanto riguarda il controllo della nuova realtà se lo dovranno spartire Enel e la Cassa Depositi e Prestiti attraverso il gruppo Cdp Equity .

La fusione EOEF-Metroweb rappresenta un passo decisivo nella realizzazione dell’infrastruttura NGN per il Paese, ha dichiarato l’amministratore delegato di Enel Francesco Starace, in un piano di cablaggio che allarga il perimetro interessato arrivando a 250 città contro le 224 indicate in precedenza; i primi lavori di posa inizieranno nel secondo trimestre del 2017 e interesseranno le città di Bari, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Napoli, Padova, Palermo, Perugia e Venezia.

Telecom Italia/TIM ha dovuto ingoiare il boccone amaro della fusione Enel-Metroweb ma non sta a guardare, annunciando a propria volta una joint-venture con Fastweb “co-partecipata” con quote rispettivamente dell’80 per cento e del 20 per centp, un’iniziativa che dovrà “accendere” 3 milioni di nuove connessioni FTTH (fiber-to-the-home) entro il 2020 partendo dalle 29 principali città in cui è già disponibile la connettività FTTC (fiber-to-the-cable).

La joint-venture Flash Fiber potrà contare su un investimento complessivo di 1,2 miliardi di euro, e dovrebbe dare il via a ulteriori collaborazioni tra le due aziende (TIM e Fastweb) con l’utilizzo competitivo della succitata connettività FTTC.

Dopo decenni di immobilismo e un’azienda incumbent (SIP/Telecom/Telecom Italia/TIM) che è stata sempre trattata da “poltronificio” da parte di una politica imbelle, la nuova smania di cablaggio per la rete di nuova generazione sembra aver smosso le acque con conseguenze – anche sul fronte della concorrenza – ancora tutte da valutare.

Qualcosa si muove anche sul fronte degli investimenti nelle “aree bianche”, vale a dire quelle zone del paese dove le aziende private non hanno interesse a investire i propri capitali e richiedono quindi l’intervento diretto dello stato: i nomi che hanno partecipato ai bandi per la qualifica alla gara d’appalto includono i soliti noti (Enel Open Fiber, Fastweb, Metroweb, TIM, Estra, E-Via), mentre i cinque lotti interessati riguardano le regioni Abruzzo, Molise, Toscana, Emilia Romagna, Lombardia e Veneto.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AxAx scrive:
    Facile
    Per poter usare i servizi bisognerè checkare tutte le caselle o non funzionerà niente e tutti contenti, compreso il garante del suo stipendio.
  • Pessimismo e Fastidio scrive:
    Se non paghi il prodotto sei tu.
    Siccome il "garante della privacy" è stufo di rispondere alle continue dispute, ha risolto facendo firmare al visitatore del sito un contratto in cui cede completamente i suoi dati personali a google oppure non può utilizzare... Internet.Cavoli vostri e meno seccature per il garante.Basterebbe lasciare un solo banner obbligatorio per l'utilizzo di google con la scritta:"Se non paghi per il servizio vuol dire che il prodotto che vendiamo sei tu"
  • ... scrive:
    merche questro cambio di strategia?
    ma non potevano a dare in giro bustarelle, ungere le ruote giuste, minacciare, blandire e ricattare? di solito questa e' la politica delle muntinazionali, perche scendere a patti con un governucolo nordafricano d'oltremare?
  • burgundo scrive:
    ipocrisia
    Google sta avendo una lezione di burocrazia italiana, tra le più avanzate del mondo, dopo l'imbattibile India, la Cina e la Russia.Provvedimenti che sembra cambino le cose, mentre in realtà aumentano solo le perdite di tempo da parte di entrambi gli attori.Distillato di burocrazia, appunto.
Chiudi i commenti