Bastardi senza veli

Wolfenstein mostra tutto il suo codice diventando software libero: uccidere nazisti è anche una questione di licenza. iD Software mantiene le promesse al QuakeCon

Roma – Wolfenstein, uno dei più celebri sparatutto in prima persona per PC, libera il suo codice .

Lo sviluppatore iD Software, al decimo anniversario di QuakeCon , ha annunciato che due titoli della serie Wolfenstein sono stati liberati e messi ora sotto licenza GNU GPL.

I titoli passati alla licenza per software libero sono Return to Castle Wolfenstein (del 2001) e Wolfenstein: Enemy Territory (del 2003), che possono ora essere scaricati con i sorgenti, come prescrive la licenza GPL, liberamente .

L’iniziativa, in realtà, era già stata promessa da un anno, ma la recente fusione della iD Software con la software house ZeniMax ha allungato i tempi.

Ora starà agli utenti smanettoni, se vorranno dedicargli il proprio tempo, trovare le possibili aggiunte e modifiche per apportare nuovi livelli e esperienze di gioco, come già fatto in passato con altri titoli del produttore: a essere già liberi da cinque anni sono Wolfenstein 3D e Quake 3: Arena . Su quest’ultimo si basano anche i due nuovi titoli passati alla licenza GPL.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Rexor scrive:
    Va tutto bene ma...
    ... Il giorno che Wikileaks pubblica una lista di collaboratori di giustizia, cosa facciamo? :
  • tatutati66 scrive:
    bravi molto bravi
    questi signori vogliono vivere alla spalle degli altri , senza lavorare, ma vi rendete conto che questi del partito pirata, vengono anche pagati al parlamento europeo.ma e'questa la liberta' di internet, che tutti i scariconi recitano come scusa per non pagare nulla.votate il partito pirata, evviva il partito pirata
    • angros scrive:
      Re: bravi molto bravi
      - Scritto da: tatutati66Bentornato! Sentivo la tua mancanza!
      questi signori vogliono vivere alla spalle degli
      altri , senza lavorare, ma vi rendete conto che
      questi del partito pirata, vengono anche pagati
      al parlamento
      europeo.Questo vale per tutti i politici... anche per quelli che sostengono idee che non ci piacciono.
      ma e'questa la liberta' di internet, che tutti i
      scariconi recitano come scusa per non pagare
      nulla.Infatti l'obbiettivo è quello: non pagare nulla! Perchè mai dovremmo pagare per scaricare? Si paga solo la linea. Se io scarico qualcosa, non gli faccio fare nessun lavoro extra a nessuno, quindi non ha senso che paghi nessuno.
      votate il partito pirata, evviva il partito pirataBen detto!
  • benni berni scrive:
    wikileaks sito di delazione?
    non credo corretto affermare che è un sito di delazione: se si fa sapere al pubblico chi e perchè dei giornalisti sono stati uccisi da dei soldati us si fa un'opera giusta e non di delazione
    • dela zio scrive:
      Re: wikileaks sito di delazione?
      - Scritto da: benni berni
      non credo corretto affermare che è un sito di
      delazione: ovvio... e lo sa bene anche chi lo afferma: usare, diffondere e ripetere una parola piuttosto che un'altra (magari con una accezione opposta a quella corretta) fa parte della propagandaè come quando si parla di "pirateria" informatica o di "furto" di opere "protette"... tutti termini inappropriati se non anche non pertinenti ma che "funzionano" bene per confondere ed inquinare i fatti e le menti, e per capovolgere le cose...è propaganda insomma
  • come come scrive:
    che schifo
    molti dei commenti qui presenti sono pesantemente intrisi di razzismo, f4scism0 e via dicendo...che schifo!e che schifo che la redazione non li cancelli, in barba alle policy (che però applica con incredibile solerzia quando si parla male di qualche sponsor...)
    • come come 2 scrive:
      Re: che schifo
      I sponsor ne hanno diritto. Pagano soldini per avere trattamento speciale. Claudio altrimenti da dove prende stipendio? Quindi zitto e FIX IT per favore!
    • antitroll scrive:
      Re: che schifo
      - Scritto da: come come
      molti dei commenti qui presenti sono pesantemente
      intrisi di razzismo, f4scism0 e via
      dicendo...

      che schifo!Nella libera società tutti devono avere diritto alla libera espressioneanche se non siamo d' accordo.P.S. Non sono ne razzista ne fascista
      • come come scrive:
        Re: che schifo
        - Scritto da: antitroll[...]
        Nella libera società tutti devono avere diritto
        alla libera espressione anche se non siamo d' accordo.sinché si tratta di espressione (parole), concordo con teallora però:- niente più policy di PI- niente più post cancellatie niente più censure di nessun tipo e da nessuna parteil problema è che troppi non concordano con noi
        • antitroll scrive:
          Re: che schifo
          - Scritto da: come come
          - Scritto da: antitroll
          [...]

          Nella libera società tutti devono avere diritto

          alla libera espressione anche se non siamo d'
          accordo.

          sinché si tratta di espressione (parole),
          concordo con
          te

          allora però:
          - niente più policy di PI
          - niente più post cancellati

          e niente più censure di nessun tipo e da nessuna
          parte

          il problema è che troppi non concordano con noiQuello che dovrebbe essere, infatti
    • MegaJock scrive:
      Re: che schifo
      - Scritto da: come come
      molti dei commenti qui presenti sono pesantemente
      intrisi di razzismo, f4scism0 e via
      dicendo...
      Zitto, fascista. Fatti un clistere con l'olio di ricino.
  • logosuro scrive:
    viva la topa
    si si
  • caviccun scrive:
    Wikileaks, una voce nella nebbia
    Lunga vita a Wikileaks
  • Ciccino scrive:
    che significa...
    (1,4 GB di documenti scottanti, 19 più grande dei 76mila già divulgati) criptato insurance.aes256?
  • BSD_like scrive:
    Ha già messo in pericolo ...
    la vita degli informatori NATO in Afghanistan e Pakistan.Al Queda stà cercando tra i documenti di capire quali siano gli informatori NATO/USA sul territorio.Da indiscrezioni giornalistiche sui restanti 17.000 documenti (visto che non essendo ancora pubblicati non si può saperne di più) sembra che questi siano ancora più incisivi e descrittivi per individuare gli informatori di cui sopra.Julian Assange ha chiesto la collaborazione dell'esercito USA e della CIA per oscurare eventuali nomi e/o punti dei documenti restanti in cui fosse possibile individuare i collaboratori o punti nevralgici che mettevano in pericolo i soldati: la collaborazione è stata rifiutata.Si è anche rivolto per questo ad Amnesty International che però si è dichiarata non adeguata a svolgere questo compito.Se un informatore o soldato a causa della sua "delazione" dovesse perderci la vita, Julian Assange e collaboratori devono essere perseguiti legalmente e penalmente; non mi sembra corretto che la passi liscia.Pubblicare i doc. vari OK, ma se questo causa la perdita di vite umane e/o animali è eccessivo e qualsiasi giornale/giornalista và perseguitato se la sua azione comportasse una perdita così elevata.
    • jex scrive:
      Re: Ha già messo in pericolo ...
      - Scritto da: BSD_like
      la vita degli informatori NATO in Afghanistan e
      Pakistan.
      Al Queda stà cercando tra i documenti di capire
      quali siano gli informatori NATO/USA sul
      territorio.
      Da indiscrezioni giornalistiche sui restanti
      17.000 documenti (visto che non essendo ancora
      pubblicati non si può saperne di più) sembra che
      questi siano ancora più incisivi e descrittivi
      per individuare gli informatori di cui
      sopra.
      Julian Assange ha chiesto la collaborazione
      dell'esercito USA e della CIA per oscurare
      eventuali nomi e/o punti dei documenti restanti
      in cui fosse possibile individuare i
      collaboratori o punti nevralgici che mettevano in
      pericolo i soldati: la collaborazione è stata
      rifiutata.
      Si è anche rivolto per questo ad Amnesty
      International che però si è dichiarata non
      adeguata a svolgere questo
      compito.
      Se un informatore o soldato a causa della sua
      "delazione" dovesse perderci la vita, Julian
      Assange e collaboratori devono essere perseguiti
      legalmente e penalmente; non mi sembra corretto
      che la passi
      liscia.
      Pubblicare i doc. vari OK, ma se questo causa la
      perdita di vite umane e/o animali è eccessivo e
      qualsiasi giornale/giornalista và perseguitato se
      la sua azione comportasse una perdita così
      elevata.Se un solo soldato americano dovesse morire per colpa di quei documenti, a Julian Assange fanno fare la stessa fine di Olaf Palme. Sarebbe meglio per lui rifugiarsi in Nord Corea, altro che Svezia.
      • Homer S. scrive:
        Re: Ha già messo in pericolo ...
        Già, perche la vita di un soldato ammerregano vale almeno tipo 50-60 volte di quella di un civile afgano...Ma andatevene affanXXXX, va.
        • Emoticon e video scrive:
          Re: Ha già messo in pericolo ...
          - Scritto da: Homer S.
          Già, perche la vita di un soldato ammerregano
          vale almeno tipo 50-60 volte di quella di un
          civile
          afgano...
          Ma andatevene affanXXXX, va.Non hai capito niente, ma d'altronde cosa si potrebbe discutere da uno che usa parole come "ammerregano" e conclude con "ma andatevene affanXXXX"...
        • Frak scrive:
          Re: Ha già messo in pericolo ...
          - Scritto da: Homer S.
          Già, perche la vita di un soldato ammerregano
          vale almeno tipo 50-60 volte di quella di un
          civile
          afgano...
          Ma andatevene affanXXXX, va.Tu, invece, comincia ad allenarti e fatti 'sto ramadan che è appena iniziato. Allenati anche a trovare la giusta direzione della mecca, così potrai fare bella figura coi tuoi nuovi padroni.
        • Europa Europa scrive:
          Re: Ha già messo in pericolo ...
          - Scritto da: Homer S.
          Già, perche la vita di un soldato ammerregano
          vale almeno tipo 50-60 volte di quella di un
          civile
          afgano...Esatto. Così come la vita di UN SOLO cittadino Europeo vale più dell'intera popolazione afghana messa assieme. Siccome ci sono molti soldati Europei di stanza in Afghanistan, la loro vita non deve assolutamente essere messa a rischio da pericolosi malfattori come Assange.
          Ma andatevene affanXXXX, va.Noi abbiamo ragione, tu hai torto. Sarai severamente punito per le tuo opinioni illegali.
          • Abruzzo scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            - Scritto da: Europa Europa
            - Scritto da: Homer S.

            Già, perche la vita di un soldato ammerregano

            vale almeno tipo 50-60 volte di quella di un

            civile afgano...
            Esatto. Così come la vita di UN SOLO cittadino
            Europeo vale più dell'intera popolazione afghana
            messa assieme.Giusto. Così come la casa di un solo Aquilano vale quante tutte le case dell'intero Pakistan alluvionato (è ben noto che il terremoto de l'Aquila è stato la catastrofe più grande dell'intera storia universale..)Che c'entra? Nulla, ma con tutto il rispetto non ne posso più di sentire e leggere (anche con fogli appesi alle bacheche dove lavoro da gente venuta da fuori) di abruzzesi che si lamentano che non gli hanno ricostruito già la casa, e nel posto preciso di prima, e con il colore sfumato giallo preciso com'era prima ecc. ecc... sembra siano gli unici che nel mondo hanno problemi! :-)Forse una giratina in Burkina Fasu o nel Sudan non farebbe male (non solo a loro eh). E giusto per concludere alla grande: in Friuli non ricordo che si lamentarono tanto, ma si rimboccarono tanto le maniche..Oh, è venuto fuori il razzista - e caxxista - che è in me...
        • BSD_like scrive:
          Re: Ha già messo in pericolo ...
          - Scritto da: Homer S.
          Già, perche la vita di un soldato ammerregano
          vale almeno tipo 50-60 volte di quella di un
          CIVILE
          afgano...NO! Di un comune civile no.Ma 10.000 volte quella di un talebano o seguace di Al Queda o di altre formazioni pro-terrorismo islamico.
      • Polemik scrive:
        Re: Ha già messo in pericolo ...
        E se invece pubblicasse i piani segreti dei talebani, così gli americani ne massacrano a migliaia? Gli darebbero un Nobel in questo caso? :o
        • Sgabbio scrive:
          Re: Ha già messo in pericolo ...
          Certo! Non ti pare logico ?
        • jex scrive:
          Re: Ha già messo in pericolo ...
          - Scritto da: Polemik
          E se invece pubblicasse i piani segreti dei
          talebani, così gli americani ne massacrano a
          migliaia? Gli darebbero un Nobel in questo caso?
          :oPuoi starne certo.
    • come come scrive:
      Re: Ha già messo in pericolo ...
      - Scritto da: BSD_like[...]
      Da indiscrezioni giornalistiche sui restanti
      17.000 documenti ...
      questi siano ancora più incisivi e descrittivi
      per individuare gli informatori di cui
      sopra.mah... e chi lo dice che questo sia vero? le informazioni in quesi documenti potrebbero essere state fatte "trapelare" ad arte... e poi sono notizie che provengono da una delle parti in guerra... probabilmente sono quanto meno distorte e manipolate, se non del tutto false... l'arma più potente resta sempre la propaganda no?inoltre, fare gli informatori in un contesto di guerra è una precisa scelta (non glielo ha mica ordinato il medico) che comporta tutta una serie di conseguenze, rischi inclusi...
      Julian Assange ha chiesto la collaborazione
      dell'esercito USA e della CIA ...
      la collaborazione è stata rifiutata.bene... qualsiasi cosa succeda allora condivideranno le responsabilità[...]
      Se un informatore o soldato a causa della sua
      "delazione" dovesse perderci la vita, Julian
      Assange e collaboratori devono essere perseguiti
      legalmente e penalmente; non mi sembra corretto
      che la passi liscia.ma anche no... e, se fosse, allora questo dovrebbe valere anche per gli "informatori" le cui "delazioni" causano vittime civili, per i "soldati" ed i loro "capi" che causano vittime civili ecc.o quella che proponi è la solita giustizia a "geometria variabile"?
      Pubblicare i doc. vari OK, ma se questo causa la
      perdita di vite umane e/o animali è eccessivo e
      qualsiasi giornale/giornalista và perseguitato se
      la sua azione comportasse una perdita così
      elevata.la perdita di vite la causano le bombe e le mitraglie...perché non ti preoccupi di questo piuttosto?
      • invasore scrive:
        Re: Ha già messo in pericolo ...
        - Scritto da: come come
        - Scritto da: BSD_like
        [...]
        inoltre, fare gli informatori in un contesto di
        guerra è una precisa scelta (non glielo ha mica
        ordinato il medico) che comporta tutta una serie
        di conseguenze, rischi
        inclusi...Non ti pare di essere un po superficialesu questo punto?


        Julian Assange ha chiesto la collaborazione

        dell'esercito USA e della CIA ...

        la collaborazione è stata rifiutata.

        bene... qualsiasi cosa succeda allora
        condivideranno le
        responsabilità

        [...]su questo hai proprio ragione!
      • BSD_like scrive:
        Re: Ha già messo in pericolo ...
        Semmai ...gli informatori causano vittime tra i seguaci di Al Queda, Talebani e altre formazioni pro-terrorismo islamico.Se vi sono vittime tra i "civili" (intesi come gente comune non allineata o seguace delle formazioni pro-terrorismo islamico), queste sono dovute ad errori che per quanto si tenta di eliminare, sarà impossibile eliminare del tutto: anche durante la seconda guerra mondiale vi sono stati errori (BEN MAGGIORI IN NUMERO!!) non per questo si è rinunciato a liberarsi dal nazi-fascismo.E in tal senso, gli informatori sono gli ultimi responsabili di morti per errore tra i civili.I seguaci di Al Queda, i Talebani, e le altre formazioni militanti armate e non seguaci del terrorismo islamico e della imposizione della shaira e similari, non si possono considerare civili, ne persone, ne animali, ne islamici, ne seguaci di nessuna religione. Solo bestiame umano indottrinato.
        • flippolippo scrive:
          Re: Ha già messo in pericolo ...
          - Scritto da: BSD_like
          queste sono
          dovute ad errori che per quanto si tenta di
          eliminare, sarà impossibile eliminare del tutto:
          anche durante la seconda guerra mondiale vi sono
          stati errori (BEN MAGGIORI IN NUMERO!!) non per
          questo si è rinunciato a liberarsi dal
          nazi-fascismo.Eh, sì, Hiroshima e Nagasaki sono stati degli errori... gli americani erano convinti fossero basi militari, guarda, ne erano proprio convinti... si sono accorti solo dopo che erano città civili.Per non parlare di Dresda...Se per te questi sono errori, anche l'attentato alle torri gemelle è considerabile "errore".Ma per fortuna le cose stanno diversamente, e gli asssassini restano tali, che siano barbuti islamici rimasti al medioevo, o yankee palestrati in cerca di pozzi di petrolio per dissetare il SUV della domenica.
          • Fai il login o Registrati scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            Game, set and match to flippolippo.
          • MegaJock scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            - Scritto da: flippolippo
            Se per te questi sono errori, anche l'attentato
            alle torri gemelle è considerabile
            "errore".
            Ma per fortuna le cose stanno diversamente, e gli
            asssassini restano tali, che siano barbuti
            islamici rimasti al medioevo, o yankee palestrati
            in cerca di pozzi di petrolio per dissetare il
            SUV della
            domenica.Sei libero di donare il tuo computer in beneficienza e andare a vivere in Afghanistan.Quanto a Hiroshima e Nagasaki, non gliel'ha ordinato il medico ai Giapponesi di schierarsi con l'Asse.La guerra non ha niente a che fare con i giochini con cui ti trastulli e le tue XXXXXXXlle filosofiche fanno ridere i polli.Cresci, bimbo, e lascia parlare gli adulti.
          • umby scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            - Scritto da: MegaJock
            Quanto a Hiroshima e Nagasaki, non gliel'ha
            ordinato il medico ai Giapponesi di schierarsi
            con
            l'Asse.Non mi sembra che quei civili morti, stessero combattendo!
          • MegaJock scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            - Scritto da: umby
            Non mi sembra che quei civili morti, stessero
            combattendo!L'idea di condurre la guerra colpendo solo le forze militari è ridicola. Servirà come comoda bugia per zittire la coscienza ma nella realtà per vincere bisogna colpire la capacità produttiva di una nazione - compresa la popolazione.In Yugoslavia abbiamo allegramente bombardato case, ospedali, mercati e stazioni televisive. Non mi sembra ci si sia scandalizzati troppo.
          • Osvy scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            - Scritto da: MegaJock
            In Yugoslavia abbiamo allegramente bombardato
            case, ospedali, mercati e stazioni televisive.
            Non mi sembra ci si sia scandalizzati troppo.Premetto che non sono in colpleto disaccordo col tuo post, però osservo:In Yugoslavia abbiamo bombardato militari, centri di comando e potere, ponti, industrie. "Per sbaglio" abbiamo colpito anche ospedali case e mercati, e non comunque allegramente... perché le bombe le chiamano "intelligenti" (con vena furbina) i giornalisti e (con vena polemica) i pacifisti, in realtà sono "guidate" che è una cosa differente, e talvolta fanno cilecca e quando esplodono non stanno a vedere chi c'è intorno... però credo che nessun militare si vada a cercare apposta di colpire un edificio civile o un ospedale, con tutta la polemica che ne segue nei paesi democratici. Tra l'altro in effetti le bombe guidate (molto più costose anche come uso di una manciata di tradizionali bombe a caduta libera) permettono di ridurre moltissimo il rischio che si colpiscano obiettivi non cercati.Che poi non ce l'avessimo con la Yugoslavia, lo dimostra anche la Fiat che adesso ci va a produrre... ;-)
          • MegaJock scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            - Scritto da: Osvy
            - Scritto da: MegaJock

            In Yugoslavia abbiamo bombardato militari, centri
            di comando e potere, ponti, industrie. "Per
            sbaglio" abbiamo colpito anche ospedali case e
            mercati, e non comunque allegramente... Per sbaglio un corno. Dopo che la NATO ha sprecato milioni di euro in missili senza trovare neanche un carro armato, hanno cominciato a bombardare alla ca##o di cane. Degno di nota l'esempio del ponte colpito in pieno mentre transitava un treno passeggeri.Ma quella era la guerra Giusta, la guerra Clinton-Europea, sacra, da non toccare. Esaltata da gente come Zeffirelli che chiedeva che venisse rasa al suola la Serbia intera.Chiedi un po' ai piloti cosa pensavano del fatto di dover utilizzare le bombe a guida laser da altezze superiori al limite consentito e in condizioni meteorologiche completamente avverse, perché a Washington temevano di farsi ammazzare qualcuno, e sui giornali non sta bene.D'altronde, che la NATO si sia rivelata una farsa é sotto gli occhi di tutti. L'umiliazione in Afghanistan sarà probabilmente il canto del cigno.
          • come come scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            - Scritto da: MegaJock
            - Scritto da: umby[...]
            In Yugoslavia abbiamo allegramente bombardato
            case, ospedali, mercati e stazioni televisive.
            Non mi sembra ci si sia scandalizzati
            troppo.forse tu e tutti i f4scist1 come te non vi siete scandalizzati troppo
          • MegaJock scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            - Scritto da: come come
            forse tu e tutti i f4scist1 come te non vi siete
            scandalizzati
            troppoVale a dire l'intera EU? L'Europa VOLEVA quella guerra a tutti i costi, dopo essersi fatta sputare in faccia per quasi 10 anni.E poi, non si poteva permettere che esistesse un paese non allineato all'Europa proprio laggiù, suvvia. L'Impero non può consentirlo.Eh, ma i nodi vengono al pettino. Oggi la Grecia, domani Spagna e Portogallo... Il mondo sta per diventare un posto molto divertente. :)
          • Sgabbio scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            non mi risulta che le vittime delle 2 bombe atomiche stavano combattendo...anzi... certo che si fa dell'estremismo assurdo...
          • MegaJock scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            Sicuramente dopo l'esplosione non avranno combattuto più per niente.Però certo, si poteva sempre invadere il Giappone. Che bella trovata.Guarda, bimbo, che la guerra vera non é Call of Duty.
          • Ozymandias scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            - Scritto da: MegaJock
            Sicuramente dopo l'esplosione non avranno
            combattuto più per
            niente.

            Però certo, si poteva sempre invadere il
            Giappone. Che bella
            trovata.

            Guarda, bimbo, che la guerra vera non é Call of
            Duty.Caro poppante, avrei voluto vedere te a camminare tranquillo per strada senza voler far male a nessuno con un cioccolatino termonucleare che ti piove in testa, quindi abbassa la cresta e la spocchia, che di quella che è la vera guerra ne capisci meno di tutti, qui dentro.Poi devi spiegarmi come mai, con tutte le loro ultratecnologie sofisticatissime, per dirla alla Oriano, scambiano ancora feste matrimoniali per raduni di pericolosi terroristi. Fa il bravo, và, nasconditi...
          • MegaJock scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            - Scritto da: Ozymandias
            Caro poppante, avrei voluto vedere te a camminare
            tranquillo per strada senza voler far male a
            nessuno con un cioccolatino termonucleare che ti
            piove in testa, quindi abbassa la cresta e la
            spocchia, che di quella che è la vera guerra ne
            capisci meno di tutti, qui
            dentro.
            Direi che dopo un paio d'anni in Kosovo forse ne so più di te, bimbominkia.
            Poi devi spiegarmi come mai, con tutte le loro
            ultratecnologie sofisticatissime, per dirla alla
            Oriano, scambiano ancora feste matrimoniali per
            raduni di pericolosi terroristi.
            Vai a vederle da vicino quelle "ultratecnologie sofisticatissime", potresti rimanere molto deluso dopo esserti spippolato il microstick leggendo Tom Clancy e Dale Brown.

            Fa il bravo, và, nasconditi...Torna a scuola, bimbetto.Hurm. Ozymandias. AKA Adrian Veidt. Meeting with Veidt left bad taste in mouth. He is pampered and decadent, betraying even his shallow, liberal affections. Possibly homosexual? Must remember to investigate further.
          • not found scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            - Scritto da: MegaJock[...]
            Direi che dopo un paio d'anni in Kosovo forse ne
            so più di te,
            bimbominkia.deve essere stata prioprio una brutta esperienza viste le condizioni in cui sei ridotto
          • MegaJock scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            - Scritto da: not found
            - Scritto da: MegaJock
            [...]

            Direi che dopo un paio d'anni in Kosovo forse ne

            so più di te,

            bimbominkia.

            deve essere stata prioprio una brutta esperienza
            viste le condizioni in cui sei
            ridottoPoco simpatica sicuramente. Quanto alle mie condizioni, che cosa ne può sapere un lattonzolo come te? Torna a usare violenza alla porta firewire.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            - Scritto da: MegaJock
            Sicuramente dopo l'esplosione non avranno
            combattuto più per
            niente.

            Però certo, si poteva sempre invadere il
            Giappone. Che bella
            trovata.

            Guarda, bimbo, che la guerra vera non é Call of
            Duty.-_- che commento inutile, per come hai risposto....
          • Osvy scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            - Scritto da: Sgabbio
            non mi risulta che le vittime delle 2 bombe
            atomiche stavano combattendo...anzi... certo che
            si fa dell'estremismo assurdo...Il Giappone non si sarebbe arreso, questo ormai credo sia storia.Gli USA avrebbero dovuto invadere e nella lotta corpo a corpo rimetterci un mare di soldati, come già avvenuto per la conquista di varie isole ed atolli. Così fu presa quella decisione (poi magari non escludo che ai militari non dispiaceva affatto vedere sul campo reale cosa succedeva con l'atomica, sono sempre così curiosi di testare nuove opportunità! :-( ) e penso che vedendo come funzionano le cose in questo mondo fu corretta. Pose rapidamente fine alla guerra e forse salvò molte più vite di quante ne sacrificò.Detto così per inciso: quando vedo i turisti giapponesi in Italia, vedendo quanto sono piccoli, le donne che spesso camminano male perché hanno le gambe tutte storte ad arco, mi chiedo come facessero ad essere così "cattivi" nel loro combattere.
          • MegaJock scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            - Scritto da: Osvy
            Detto così per inciso: quando vedo i turisti
            giapponesi in Italia, vedendo quanto sono
            piccoli, le donne che spesso camminano male
            perché hanno le gambe tutte storte ad arco, mi
            chiedo come facessero ad essere così "cattivi"
            nel loro
            combattere.Chiedilo ai Cinesi o ai Coreani. Ne sanno qualcosa.
          • shevathas scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...

            Eh, sì, Hiroshima e Nagasaki sono stati degli
            errori... gli americani erano convinti fossero
            basi militari, guarda, ne erano proprio
            convinti... si sono accorti solo dopo che erano
            città
            civili.
            Per non parlare di Dresda...
            era una guerra non un incontro olimpico di scherma, e in guerra si mira a mettere fuori gioco il nemico il prima possibile picchiando il più forte possibile.
            Se per te questi sono errori, anche l'attentato
            alle torri gemelle è considerabile
            "errore".
            Ma per fortuna le cose stanno diversamente, e gli
            asssassini restano tali, che siano barbuti
            islamici rimasti al medioevo, o yankee palestrati
            in cerca di pozzi di petrolio per dissetare il
            SUV della
            domenica.la questione è semplicissima: se tu scendi in guerra contro il tuo nemico non stupirti se il tuo nemico poi scende in guerra contro di te.
          • BSD_like scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            Ma cosa c...o centra il bombardamento di Dresda, Hiroshima o altro ...L'errore vi è in guerra quando l'obbiettivo distrutto non è quello prefissato, o quando l'obbiettivo distrutto non aveva i requisiti sospettati (come l'abbazia di Cassino che si sospettava essere un covo di soldati tedeschi che effettuavano tecniche di guerriglia).Hiroshima e C. sono state deliberatamente bombardate, non vi è stato nessun errore e strategicamente sono risultato un sucXXXXX (dopo Nagasaki il Giappone si arrese).In Afganistan l'errore accade quando si uccidono civili che nulla hanno a che fare con gli obbiettivi della missione, e la cui uccisione nulla comporta strategicamente con il sucXXXXX della missione; come purtroppo è accaduto: ma quelle uccisioni sono del tutto involontarie, diverse da Hiroshima e C, anche se purtroppo in guerra inevitabili; come l'abbazia di Cassino.Ma perché ogni volta che si parla di errori in guerra si fà riferimento a queste cose CHE ERRORI NON SONO??Ma perché ogni volta che si fà riferimento a vittime di civili ci si riferisce ad episodi simili che nulla hanno a che vedere con errori militari???Si stà facendo la guerra: guarda che anche in Afganistan se un villaggio con tutta la popolazione decide di diventare una roccaforte Talebana, di ospitare una guarnigione armata e relativi depositi armi dei Talebani, si deve considerare l'ipotesi di distruggerlo tutto con tutti i civili anche non combattenti (ciò al di là dell'eventuale colpa di dare man forte ai talebani) E NON SAREBBE UN ERRORE.L'errore vi sarebbe quando un areo NATO bombarda un convoglio di matrimonio credendolo (o perché sbagliato convoglio o perché ricevute info inesatte) un convoglio militare talebano; come purtroppo è avvenuto.
        • come come scrive:
          Re: Ha già messo in pericolo ...
          - Scritto da: BSD_like
          Semmai ...
          gli informatori causano vittime tra i seguaci di
          Al Queda, Talebani e altre formazioni
          pro-terrorismo islamico.ma parli di quelle formazioni che sono state create, finanziate ed armate da entità come la C1A?
          Se vi sono vittime tra i "civili" (intesi come
          gente comune non allineata o seguace delle
          formazioni pro-terrorismo islamico), queste sono
          dovute ad errori che per quanto si tenta di
          eliminare, sarà impossibile eliminare del tutto:certo... bobmardando a casaccio o scegliendo *consapevolmente* di bombardare i civili (questo come lo chiami tu? non è terrorismo?) capita qualche "errore"...
          anche durante la seconda guerra mondiale vi sono
          stati errori (BEN MAGGIORI IN NUMERO!!) errori?tipo dresda?
          non per
          questo si è rinunciato a liberarsi dal
          nazi-fascismo.o tipo hiroshima e nagasaki? passavano di lì e gli si è sfilata una bomba da sotto il sedere?
          E in tal senso, gli informatori sono gli ultimi
          responsabili di morti per errore tra i
          civili.si si certo
          I seguaci di Al Queda, i Talebani, e le altre
          formazioni militanti armate e non seguaci del
          terrorismo islamico e della imposizione della
          shaira e similari, ahahahhh... hai fatto il copia-incolla da qualche manuale di propaganda della N4T0?
          non si possono considerare
          civili, ne persone, ne animali, ne islamici, ne
          seguaci di nessuna religione. Solo bestiame umano
          indottrinato.lo vedi, come dimostrano le cose che dici, che poi alla fine del n4z1-f4scism0 non ci si è mica liberati?
          • BSD_like scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            Ma cosa c...o centra il bombardamento di Dresda, Hiroshima o altro ...L'errore vi è in guerra quando l'obbiettivo distrutto non è quello prefissato, o quando l'obbiettivo distrutto non aveva i requisiti sospettati (come l'abbazia di Cassino che si sospettava essere un covo di soldati tedeschi che effettuavano tecniche di guerriglia).Hiroshima e C. sono state deliberatamente bombardate, non vi è stato nessun errore e strategicamente sono risultato un sucXXXXX (dopo Nagasaki il Giappone si arrese).In Afganistan l'errore accade quando si uccidono civili che nulla hanno a che fare con gli obbiettivi della missione, e la cui uccisione nulla comporta strategicamente con il sucXXXXX della missione; come purtroppo è accaduto: ma quelle uccisioni sono del tutto involontarie, diverse da Hiroshima e C, anche se purtroppo in guerra inevitabili; come l'abbazia di Cassino.
          • come come scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            Semmai ...
            gli informatori causano vittime tra i seguaci di
            Al Queda, Talebani e altre formazioni
            pro-terrorismo islamico.ma parli di quelle formazioni che sono state create, finanziate ed armate da entità come la C1A?-----cosa c'è? ti crea problemi? hai dimenticato di rispondere? la saltiamo a piè pari? ... il tuo furbesco modo di argomentare è scorretto e mistificante, proprio come le tesi che sostieni
            L'errore vi è in guerra quando l'obbiettivo
            distrutto non è quello prefissato, o quando
            l'obbiettivo distrutto non aveva i requisiti
            sospettati (come l'abbazia di Cassino che si
            sospettava essere un covo di soldati tedeschi che
            effettuavano tecniche di guerriglia).ahahah... va bene che sembra che tu te le beva proprio tutte, ma almeno non cercare di farle bere anche agli altri
            Hiroshima e C. sono state deliberatamente
            bombardate, non vi è stato nessun errore e
            strategicamente sono risultato un sucXXXXX (dopo
            Nagasaki il Giappone si arrese).strategicamente... un sucXXXXX...ma come si fa a dire cose del genere senza vergognarsi?
            In Afganistan l'errore accade quando si uccidono
            civili che nulla hanno a che fare con gli
            obbiettivi della missione, e la cui uccisione
            nulla comporta strategicamente con il sucXXXXX
            della missione; come purtroppo è accaduto: ma
            quelle uccisioni sono del tutto involontarie,eh no i ragionamenti a "geometria variabile" lasciali a chi se li beve...come a dresda, hiroshima e nagasaki, spesso in afganistan l'obbiettivo della "missione" sono proprio i civili, e non c'è nessun errore... semmai sono "successi strategici" no?
            diverse da Hiroshima e C, anche se purtroppo in
            guerra inevitabili; si si.. balle
            come l'abbazia di
            Cassino.altra balla...
          • MegaJock scrive:
            Re: Ha già messo in pericolo ...
            - Scritto da: come come
            ma parli di quelle formazioni che sono state
            create, finanziate ed armate da entità come la
            C1A?L'alleato di oggi é il nemico di domani, e viceversa. Solo i bambini molto piccoli e ritardati non lo capiscono.
            strategicamente... un sucXXXXX...
            ma come si fa a dire cose del genere senza
            vergognarsi?
            Di cosa, lattante?
            altra balla...Eccone un altro che durante le lezioni di Storia si faceva le pippe. O meglio, tentava senza riuscirvi.
    • pippuz scrive:
      Re: Ha già messo in pericolo ...

      Se un informatore o soldato a causa della sua
      "delazione" dovesse perderci la vita, Julian
      Assange e collaboratori devono essere perseguiti
      legalmente e penalmente; non mi sembra corretto
      che la passi liscia.Perseguiamo allora elementi tipo George W., Blair e tutti quelli che hanno contribuito a dar vita ad una guerra basata su prove fasulle; migliaia di soldati americani e centinaia di migliaia di civili irakeni sono morti: puniamo i responsabili. Dove sta la differenza?
      Pubblicare i doc. vari OKgrazie della concessione, eh.
    • Osvy scrive:
      Re: Ha già messo in pericolo ...
      - Scritto da: BSD_like
      Pubblicare i doc. vari OK, ma se questo causa la
      perdita di vite umane e/o animali...
      se la sua azione comportasse una perdita così
      elevata.Animali? Ma è una battuta, vero?
    • Giuseppe Rossi scrive:
      Re: Ha già messo in pericolo ...
      Alla perdita di vite dei due paesi invasi invece passiamo sopra ?Quelle vite non contano ? Contano quelle degli informatori ?Dovevano pensarci prima prima di provocare questo disastro enorme, umano e sociale, questi tritacarne che sono diventati i due paesi invasi per le loro risorse, sia chiaro che gli USA portano la democrazia solo dove serve a loro per le loro multinazionali e per i loro commerci.Quando non ci vanno con l'esecito fanno quello che hanno fatto nell'America latina, leggetevi la "shock economy" per capire i disastri che hanno combinato.Oggi però la storia ha ripreso a correre, e gli Stati Uniti non sono più nel loro acquario personale al di fuori di tutto, oggi il conto lo pagano anche loro, con un deficit che ha già reso il valore del dollaro inferiore alla filigrana su cui è stampato.
  • Giumberto scrive:
    onore e gloria
    Onore e gloria al Partito Pirata, attualmente l'unica formazione politica in Europa in grado di guardare al futuro, con una prospettiva di 360° sui diritti dei cittadini e di una società che sia libera e solidale al contempo.Ci fossero qui in Italia li voterei all'istante. Purtroppo l'unica opposizione che si distacchi dalla vecchia politica, qui, è quella di un ex comico trasformatosi in capopolo urlatore... e NON mi riferisco a Berlusconi, anche se la somiglianza tra Silvietto e Grillo è tanta (idem per l'ottusità dei seguaci di entrambi i guru).
    • invasore scrive:
      Re: onore e gloria
      La somiglianza fra i due capopolo non la vedo proprio.. quella fra gli adepti purtoppo si...
    • emmeesse scrive:
      Re: onore e gloria
      In Italia ci sonohttp://www.partito-pirata.ited esistono dal 2006ceto che se nessuno si iscrive han poco conto...
      • I did it for the lulz scrive:
        Re: onore e gloria
        se non ricordo male si erano presentati (avevano presentato un candidato) alle scorse europee, nella lista di Sinistra e Libertà
  • gianluca scrive:
    poveri noi..
    Troveranno le armi di distruzione di massa pure in svezia?
    • cantinaro scrive:
      Re: poveri noi..
      In Svezia unico modo per avere libertà totale è l'immunità parlamentare... perchè quando una certa persona l'ha proposto in Italia (vabbè ovvio che gli faceva comodo...) tutti a dire che era una idea anti-democratica...E' proprio vero che non si riesce as essere oggettivi...
      • gaglioffo scrive:
        Re: poveri noi..
        diciamo che non era proprio la stessa cosa....
        • gianluca scrive:
          Re: poveri noi..
          diciamo proprio che hai ragione ;)[/OT]
        • cantinaro scrive:
          Re: poveri noi..
          argomenta...
          • fiertel91 scrive:
            Re: poveri noi..
            - Scritto da: cantinaro
            argomenta...Posso farlo io in modo molto breve? In Italia il principio costituzionale dell'immunità parlamentare è stato rimosso nel periodo di Tangentopoli. Qui serviva per delinquere: ripristinarlo sarebbe un'istigazione.All'estero penso ci sia un maggior senso civico e morale rispetto al tema della legalità, quindi l'immunità potrebbe essere veramente preventivo di ingerenze del giudiziario. Qui l'opposto.
      • anonimo scrive:
        Re: poveri noi..
        - Scritto da: cantinaro
        In Svezia unico modo per avere libertà totale è
        l'immunità parlamentare... perchè quando una
        certa persona l'ha proposto in Italia (vabbè
        ovvio che gli faceva comodo...) tutti a dire che
        era una idea
        anti-democratica...
        E' proprio vero che non si riesce as essere
        oggettivi...http://spacepress.wordpress.com/2008/07/29/limmunita-parlamentare-in-europa/Svezia: Limmunità dei parlamentari svedesi è limitata agli atti commessi o alle dichiarazioni rilasciate nellesercizio delle loro funzioni istituzionali. Al di fuori di questa ipotesi i membri del Parlamento possono essere perseguiti per qualsiasi crimine.
        • il solito bene informato scrive:
          Re: poveri noi..
          - Scritto da: anonimo
          - Scritto da: cantinaro

          In Svezia unico modo per avere libertà totale è

          l'immunità parlamentare... perchè quando una

          certa persona l'ha proposto in Italia (vabbè

          ovvio che gli faceva comodo...) tutti a dire che

          era una idea

          anti-democratica...

          E' proprio vero che non si riesce as essere

          oggettivi...

          http://spacepress.wordpress.com/2008/07/29/limmuni

          Svezia: Limmunità dei parlamentari svedesi è
          limitata agli atti commessi o alle dichiarazioni
          rilasciate nellesercizio delle loro funzioni
          istituzionali. Al di fuori di questa ipotesi i
          membri del Parlamento possono essere perseguiti
          per qualsiasi
          crimine.la legge sull'immunità in Italia era stata pensata proprio per evitare persecuzioni di stampo politico ma, si sa, in Italia siamo tanto creativi...
          • arancio scrive:
            Re: poveri noi..

            la legge sull'immunità in Italia era stata
            pensata proprio per evitare persecuzioni di
            stampo politico ma, si sa, in Italia siamo tanto
            creativi...Inventa qualcos'altro.Evasione fiscale e corruzione non sono "persecuzioni di stampo politico".L'immunità "all'italiana" copre attualmente anche omicidi, stupri, stragi e qualunque cosa gli "immunizzati" decidessero di fare.L'immunità "per opinioni politiche" invece c'era già e c'è sempre stata.
          • Marcof scrive:
            Re: poveri noi..
            Forse lui non si riferiva all'immunità voluta dall'attuale presidente del consiglio, ma a quella che era sancita dalla costituzione fin dal 1948 e che è stata cambiata dopo tangentopoli.
          • arancio scrive:
            Re: poveri noi..
            Si, forse ho capito io male quello che ha scritto.
          • fiertel91 scrive:
            Re: poveri noi..
            - Scritto da: il solito bene informato
            la legge sull'immunità in Italia era stata
            pensata proprio per evitare persecuzioni di
            stampo politico ma, si sa, in Italia siamo tanto
            creativi...Poi è arrivata Tangentopoli e si sa com'è andata a finire. Ah, certe "persecuzioni" sono la prassi dell'attività investigativa e giudiziaria contro reati commessi soprattutto fuori dall'attività politica. Ma se poi "il solito bene informato" non si informa...
          • shevathas scrive:
            Re: poveri noi..

            Poi è arrivata Tangentopoli e si sa com'è andata
            a finire. Ah, certe "persecuzioni" sono la prassi
            dell'attività investigativa e giudiziaria contro
            reati commessi soprattutto fuori dall'attività
            politica. Ma se poi "il solito bene informato"
            non si
            informa...Persecuzioni c'è ne sono state, prendi ad esempio il caso di Ottaviano del Turco: arrestato con trombe e fanfare, dimissioni e vittoria di Chiodi ed ora il nulla. o Rino Formica: assolto dopo 17, diciassette, anni di proXXXXX.Parliamo, par condicio, di due inchieste a orologieria ?Niki Vendola: inquisito durate le primarie per la scelta del candidato in puglia, inchiesta archiviata.Roberto Formigoni: inquisito per "lascio di cose pericolose" durante la campagna elettorale per le regionali.Forse c'è da farsi venire qualche dubbio. Ah se era in vigore la "prassi" desiderata da qualcuno che gli inquisiti non sono candidabili entrambe le persone di cui sopra non sarebbero state riconfermate alla carica che attualmente coprono.
          • fiertel91 scrive:
            Re: poveri noi..
            - Scritto da: shevathas
            Persecuzioni c'è ne sono state, prendi ad esempio
            il caso di Ottaviano del Turco: arrestato con
            trombe e fanfare, dimissioni e vittoria di Chiodi
            ed ora il nulla. o Rino Formica: assolto dopo 17,
            diciassette, anni di
            proXXXXX.Senza sentenza di assoluzione non si può parlare di persecuzione, anche se il proXXXXX sembrerebbe tendere a questo esito. In caso, basterebbe ritoccare quanto previsto nella legge per evitare arresti troppo avventati e motivati. Non certo l'immunità a dx e a manca.Per quanto riguarda i tempi dei processi conveniamo tutti che sono eccessivi, ma certo non si risolvono con l'immunità (o impunità). La soluzione a questo particolare problema è un'altra e riguarda tutta la cittadinanza, non solo la classe politica.
            Parliamo, par condicio, di due inchieste a orologieria ?Non c'è niente di competitivamente, moralmente o politicamente scorretto in aprire un'inchiesta. Poi se la gente è incapace di coglierne il solo carattere investigativo...
            Forse c'è da farsi venire qualche dubbio. Ah se
            era in vigore la "prassi" desiderata da qualcuno
            che gli inquisiti non sono candidabili entrambe
            le persone di cui sopra non sarebbero state
            riconfermate alla carica che attualmente
            coprono.Qualcuno chi? Si chiedeva (Grillo e gli altri "giustizialisti" chiedevano) la non candidabilità per i condannati in primo e secondo grado o in attesa di giudizio.
          • shevathas scrive:
            Re: poveri noi..
            - Scritto da: fiertel91
            - Scritto da: shevathas

            Persecuzioni c'è ne sono state, prendi ad
            esempio

            il caso di Ottaviano del Turco: arrestato con

            trombe e fanfare, dimissioni e vittoria di
            Chiodi

            ed ora il nulla. o Rino Formica: assolto dopo
            17,

            diciassette, anni di

            proXXXXX.

            Senza sentenza di assoluzione non si può parlare
            di persecuzione, anche se il proXXXXX
            sembrerebbe tendere a questo esito. beh aprire un proXXXXX senza avere in mano niente o quasi minimo minimo ci starebbe una leggerezza da parte dell'inquisitore.
            In caso,
            basterebbe ritoccare quanto previsto nella legge
            per evitare arresti troppo avventati e motivati.
            Non certo l'immunità a dx e a
            manca.
            immunità non significa impunità. Imho basterebbe sospendere i procedimenti per la durata del mandato e poi se è farli riprendere dopo. La previsione dell'immunità voluta dai padri costituenti era tutto sommato equilibrata.

            Parliamo, par condicio, di due inchieste a
            orologieria
            ?

            Non c'è niente di competitivamente, moralmente o
            politicamente scorretto in aprire un'inchiesta.
            Poi se la gente è incapace di coglierne il solo
            carattere
            investigativo...
            questo purtroppo è dovuto alle cavolate della stampa che purtroppo ha convinto che gli avvisi di garanzia altro non sono che condanne preliminari.
            Qualcuno chi? Si chiedeva (Grillo e gli altri
            "giustizialisti" chiedevano) la non candidabilità
            per i condannati in primo e secondo grado o in
            attesa di
            giudizio.a norma di costituzione l'inputato è innocente fino a sentenza di condanna passata in giudicato. Candidare un inquisito dovrebbe essere più una questione di decoro che una questione governata dalle leggi.Una norma simile, andando contro la presunzione di innocenza, sarebbe in primis incostituzionale.
          • fiertel91 scrive:
            Re: poveri noi..
            - Scritto da: shevathas
            beh aprire un proXXXXX senza avere in mano niente
            o quasi minimo minimo ci starebbe una leggerezza
            da parte
            dell'inquisitore.Sì. E per questo non sono necessarie misure drastiche come l'immunità. Soprattutto perché il cittadino qualunque ne sarebbe danneggiato ugualmente (ed ingiustamente).
            immunità non significa impunità. Imho basterebbe
            sospendere i procedimenti per la durata del
            mandato e poi se è farli riprendere dopo. La
            previsione dell'immunità voluta dai padri
            costituenti era tutto sommato
            equilibrata.Immunità non è impunità? Alle condizioni proposte spesso sì: viene congelato il proXXXXX ma non i tempi di prescrizione. E poi l'immunità danneggia eventuali parti lese diverse dallo Stato in termini di tempi processuali considerevoli.Resta poi che non dovrebbe poter usufruire dell'immunità chi accede alla politica con un proXXXXX già in pendenza. Replichiamo la buffonata Brancher (o Berlusconi)?
            questo purtroppo è dovuto alle cavolate della
            stampa che purtroppo ha convinto che gli avvisi
            di garanzia altro non sono che condanne
            preliminari.Mah, la stampa sugli scandali ci galoppa sempre volentieri (a meno che non si tratti di certi individui), non ci trovo nulla di sorprendente, né tanto meno riprovevole. Se il cittadino non ha spirito critico, non si può certo incolparne l'informazione.
            a norma di costituzione l'inputato è innocente
            fino a sentenza di condanna passata in giudicato.
            Candidare un inquisito dovrebbe essere più una
            questione di decoro che una questione governata
            dalle
            leggi.
            Una norma simile, andando contro la presunzione
            di innocenza, sarebbe in primis
            incostituzionale.Presunzione di innocenza dopo la condanna in primo e secondo grado?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 agosto 2010 13.24-----------------------------------------------------------
          • shevathas scrive:
            Re: poveri noi..

            Immunità non è impunità? Alle condizioni proposte
            spesso sì: viene congelato il proXXXXX ma non i
            tempi di prescrizione. se il proXXXXX è sospeso causa immunità i tempi di prescrizione vengono congelati.
            E poi l'immunità danneggia
            eventuali parti lese diverse dallo Stato in
            termini di tempi processuali
            considerevoli.l'immunità non riguarda eventuali cause civili per risarcimento dei danni.

            Mah, la stampa sugli scandali ci galoppa sempre
            volentieri (a meno che non si tratti di certi
            individui), non ci trovo nulla di sorprendente,
            né tanto meno riprovevole. Se il cittadino non ha
            spirito critico, non si può certo incolparne
            l'informazione.
            quindi il TG4 è assolto :)
            Presunzione di innocenza dopo la condanna in
            primo e secondo
            grado?la costituzione parla chiaro: fino a sentenza passata in giudicato. Per il resto sono noti casi di condannati in primo e secondo grado in processi poi annullati in cassazione e in seguito assolti.
          • fiertel91 scrive:
            Re: poveri noi..
            - Scritto da: shevathas
            se il proXXXXX è sospeso causa immunità i tempi
            di prescrizione vengono
            congelati.Già visto come questo meccanismo non funziona sempre: col lodo Alfano, che congelava anche i tempi di prescrizione, il coimputato Silvio Berlusconi è uscito prescritto.
            l'immunità non riguarda eventuali cause civili
            per risarcimento dei
            danni.E le cause penali?
            quindi il TG4 è assolto :)Solo per l'acriticità del suo pubblico. Per il resto niente affatto.
      • bLax scrive:
        Re: poveri noi..
        Si ma credo che in svezia non ci sia tutto 'sto magna magna che impera.....li forse gli onorevoli sono veramente "onorevoli"....sicuramente piu che nella repubblica delle banane
      • lucio scrive:
        Re: poveri noi..
        Invece occorre sempre CONTESTUALIZZARE!L'immunità parlamentare in altri paesi europei, eccetto l'Italia, viene comunque gestita nei limiti imposti dall'etica e dalla moralità pubblicamente riconosciute. In questi paesi, se un parlamentare viene sorpreso a sottrarre anche soli 10 euro da un bilancio pubblico, è lui stesso a DIMETTERSI!In Italia c'è una CULTURA di illegalità e immoralità diffusa, e non mi riferisco solo agli ultimi anni da Tangentopoli in poi, è sempre stato così, anche prima dell'Unità d'Italia... E' un po' come la gestione di uno stato sociale forte: nei paesi scandinavi il cittadino è super-tutelato, qui da noi, nell'italietta godereccia, egoista e qualunquista, ci si finge ciechi per prendere la pensione di invalidità e poi anche sordi per cumularne un'altra...OTTIMA L'IMMUNITA' ALTROVE, GIAMMAI QUI IN ITALIA. Sappiamo come verrebbe usata... non fingete di non sapere... e non equiparate l'italia ad altri paesi. Siamo "sfortunatamente" troppo diversi.
        • il solito bene informato scrive:
          Re: poveri noi..
          - Scritto da: lucio
          Invece occorre sempre CONTESTUALIZZARE!
          L'immunità parlamentare in altri paesi europei,
          eccetto l'Italia, viene comunque gestita nei
          limiti imposti dall'etica e dalla moralità
          pubblicamente riconosciute. In questi paesi, se
          un parlamentare viene sorpreso a sottrarre anche
          soli 10 euro da un bilancio pubblico, è lui
          stesso a
          DIMETTERSI!

          In Italia c'è una CULTURA di illegalità e
          immoralità diffusa, e non mi riferisco solo agli
          ultimi anni da Tangentopoli in poi, è sempre
          stato così, anche prima dell'Unità d'Italia...


          E' un po' come la gestione di uno stato sociale
          forte: nei paesi scandinavi il cittadino è
          super-tutelato, qui da noi, nell'italietta
          godereccia, egoista e qualunquista, ci si finge
          ciechi per prendere la pensione di invalidità e
          poi anche sordi per cumularne
          un'altra...Secondo me si può riassumere tutto in una parola: egoismo. L'italiano è fondamentalmente egoista e mi pare non ci sia rimedio.Forse hai ragione tu, forse dipende dal fatto che non si senta tutelato da uno stato che, dentro di se, nemmeno riconosce. Forse dipende dal fatto che siamo un paese del terzo mondo (appena appena ci salva la sanità) in cui vige la legge del più grosso che mangia il più piccolo. Forse dovevamo restare divisi in comuni.
          OTTIMA L'IMMUNITA' ALTROVE, GIAMMAI QUI IN
          ITALIA. Sappiamo come verrebbe usata... non
          fingete di non sapere... e non equiparate
          l'italia ad altri paesi. Siamo "sfortunatamente"
          troppo
          diversi.io infatti sono contrario a qualsiasi forma di immunità per i parlamentari in Italia, primo perchè l'ostracismo politico si manifesta in altre forme, tutt'altro che "legali": dall'eliminazione dalle TV pubbliche e private (come i Radicali), fino ad arrivare all'assassinio tramite la mafia...Secondo, perché prima di tutto i parlamentari dovrebbero iniziare a fare politica... finché giocano al "grande fratello" (con noi al televoto) non ha molto senso una legge contro la persecuzione politica.
          • Scardola Delmo scrive:
            Re: poveri noi..
            - Scritto da: il solito bene informato[...]
            Secondo me si può riassumere tutto in una parola:
            egoismo. L'italiano è fondamentalmente egoista e
            mi pare non ci sia
            rimedio.Il rimedio c'e': basta legiferare partendo da questo punto e dando per scontato che ogni cittadino non perderà l'occasione per seguire il proprio egoismo, mettendo le contromisure direttamente nell'apparato legislativo. E' ovvio che si giunge a paradossi del tipo "se hai messo la macchina nel parcheggio degli andicappati, viene subito rimossa e data in beneficenza", ma, al punto in cui siamo forse è l'unica. O cosi' o la rivoluzione.
          • Osvy scrive:
            Re: poveri noi..
            - Scritto da: Scardola Delmo
            - Scritto da: il solito bene informato

            Secondo me si può riassumere tutto in una
            parola:

            egoismo. L'italiano è fondamentalmente egoista e

            mi pare non ci sia rimedio.Io più che egoismo lo chiamo "furbizia", nel senso peggiore
            Il rimedio c'e': basta legiferareImpossibile... (segue)
            partendo da
            questo punto e dando per scontato che ogni
            cittadino non perderà l'occasione per seguire il
            proprio egoismo, mettendo le contromisure
            direttamente nell'apparato legislativo... poiché il cittadino egoista - o furbo - elegge persone come lui (egoiste, o furbe), che ovviamente non possono autolegiferarsi contro...
            che si giunge a paradossi del tipo "se hai messo
            la macchina nel parcheggio degli andicappati,
            viene subito rimossa e data in beneficenza"perché paradosso? Darla in beneficenza no, ma rimuoverla si!!!Comunque l'altro problema è che le leggi, in verità, ci sono, ma chi le deve fare applicare dorme. Avete mai visto rottweiler senza guinzaglio mentre lì accanto c'è un vigile? Eppure per legge dovrebbe averlo.Andate a vedere le vetrine: dovrebbero esserci i prezzi dei prodotti (credo escluso prodotti di alta moda e gioielli), eppure in moltissimi negozi non ci sono. Eppure i vigili passano di lì, forse sono ciechi?La peggio poi è quando è il controllore a fare il furbo. Quante foto si potrebbero scattare di auto della polizia non in servizio di urgenza in cui non portano le cinture? :-( e allora il cittadino comune che deve fà? se ne sbatte
            la rivoluzioneeh, bisogna vedere poi se il rivoluzionario è onesto. Sarei curioso di vedere i risultati di un voto libero nella Cuba del rivoluzionario barbuto
          • il solito bene informato scrive:
            Re: poveri noi..
            - Scritto da: Scardola Delmo
            - Scritto da: il solito bene informato

            [...]

            Secondo me si può riassumere tutto in una
            parola:

            egoismo. L'italiano è fondamentalmente egoista e

            mi pare non ci sia

            rimedio.

            Il rimedio c'e': basta legiferare partendo da
            questo punto e dando per scontato che ogni
            cittadino non perderà l'occasione per seguire il
            proprio egoismo, mettendo le contromisure
            direttamente nell'apparato legislativo. E' ovvio
            che si giunge a paradossi del tipo "se hai messo
            la macchina nel parcheggio degli andicappati,
            viene subito rimossa e data in beneficenza", ma,
            al punto in cui siamo forse è l'unica. O cosi' o
            la
            rivoluzione.il parcheggio degli handicappati capita a fagiolo. Mi era rimasta impressa una scena che ho visto a striscia la notizia: Staffelli controllava le persone che parcheggiavano nei parcheggi per handicappati che, pur avendo il tagliando, non trasportavano un handicappato; una signora, intervistata, ha risposto "quando smetteranno gli altri smetterò anch'io"... fossi stato lì l'avrei presa a schiaffi. E' questo il ragionamento tipico degli italiani... e lo vedo tutti i giorni!"lo fanno gli altri, allora lo faccio anch'io" e il bello è che non gli serve avere le prove: "non faccio la raccolta differenziata... tanto poi mescolano tutto". Si da per scontato di essere nella giungla, dove nessuno fa niente per te e tu devi fare il meno possibile per contribuire alla società. Ovviamente ci sono le eccezioni... ma sono mosche bianche.Rivoluzione? le rivoluzioni in Italia fanno solo danni (anche perché il ministro dell'interno di turno manda poliziotti in incognito nelle manifestazioni per fracassare vetrine ed incendiare auto) e lasciano tutto come prima, forse anche peggio.
          • Osvy scrive:
            Re: poveri noi..
            - Scritto da: il solito bene informato
            il parcheggio degli handicappati capita a
            fagiolo. Mi era rimasta impressa una scena che ho
            visto a striscia la notizia: Staffelli
            controllava le persone che parcheggiavano nei
            parcheggi per handicappati che, pur avendo il
            tagliando, non trasportavano un handicappato; una
            signora, intervistata, ha risposto "quando
            smetteranno gli altri smetterò anch'io"...Che vergogna... strah! una bella pedata nel ginocchio della signora, da fracassarglielo, così poi potrà usare il parcheggio senza remore...Al riguardo però una precisazione, ad evitare equivoci. Il tagliando serve per una auto "al servizio" dell'invalido: cioè, non è necessario che l'abbia a bordo, l'importante è che sia nei pressi. Per capirsi, io ho mio padre invalido, e quando sono stato per i fatti miei a giro e torno con la mia auto a casa sua, posso metterla nel posto dei disabili (se lui è in casa). Invece se vado al supermercato per conto mio, allora non posso usare il posto dei disabili (non posso e comunque non lo uso, perché sarebbe un comportamento villano, oltreché vietato).La questione sopra - che è tecnicamente corretta, in precedenza si multava se l'invalido non c'era e questo non aveva logica - spiega anche perché è diventato più difficile multare i furbi che usano impropriamente il contrassegno, infatti occorre accertare la questione, cioè occorre rintracciare l'autista/il proprietario e verificare se l'invalido è diciamo "a distanza di salita" sull'automezzo.In compenso però quando nel posto c'è un'auto senza contrassegno, io chiamo il numero urgente dei vigili urbani del mio paese... magari senza farsene accorgere (la maggior parte della gente, invece che capire la multa e rendersi conto che hanno sbagliato, se sanno chi è stato gli rigano la macchina come minimo... altra possibilità portarsi dietro bigliettini con scritte del tipo "questo posto è riservato ai disabili: magari un giorno lo potrà usare anche lei!...")
            stato lì l'avrei presa a schiaffiConcordissimo
            E' questo il
            ragionamento tipico degli italiani... e lo vedo
            tutti i giorni!Ogni volta che esco con l'auto per una gitarella anche breve, trovo almeno 2-3 deficienti a cui andrebbe ritirata la patente dell'auto, che rischiano di provocare un incidente
Chiudi i commenti