Batterie ad aria, IBM predice il 2020

Big Blue annuncia importanti progresso nel campo degli accumulatori super-energetici e propone l'ennesima divinazione: entro il 2020 le batterie per automobili elettriche saranno ad aria. E non esploderanno

Roma – IBM è seriamente intenzionata a risolvere il problema principale delle attuali automobili elettriche, vale a dire la carica insufficiente fornita dalle batterie agli ioni di litio che ha come conseguenza una autonomia molto ridotta. La soluzione sta nei nuovi accumulatori che “vanno ad aria”, dice Big Blue – sempre che si riescano a risolvere i “piccoli” difetti attualmente presentati dalla tecnologia.

Il colosso statunitense è da tempo convinto del fatto che le batterie ad aria rappresentino il futuro dell’approvvigionamento energetico per i veicoli e non solo, e lo è ancora di più adesso che sostiene di aver risolto uno dei problemi fondamentali del nuovo design di accumulatore.

Se nelle batterie li-ion tradizionali l’elettrodo positivo contiene ossidi di metallo, infatti, il design di celle “litio-aria” impiega al suo posto il carbonio: è più leggero, capace di reagire con l’ossigeno intorno per generare corrente elettrica e teoricamente di fornire una densità energetica 1000 volte superiore a quella degli accumulatori li-ion.

Il problema delle celle litio-aria è però la loro instabilità chimica, visto che l’ossigeno tende a reagire non solo con l’elettrodo ma anche con tutto ciò che si trova intono, vale a dire col solvente elettrolitico che trasporta la carica elettrica tra un elettrolito e l’altro.

Lavorando a precisissimi modelli computazionali calcolati sui supercomputer Blue Gene fino alle più piccole interazioni atomiche, i ricercatori IBM dicono ora di aver individuato un solvente elettrolitico sostitutivo “molto promettente” che risolve il problema della dispersione energetica.

Big Blue non si sbottona più di tanto ma riafferma la fiducia nella validità dell’approccio litio-aria e nel cosiddetto Battery500 Project : le batterie in grado di far muovere auto elettriche per 800 chilometri in una carica saranno opportunamente prototipate entro il 2013, mentre i primi modelli commerciali appariranno sul mercato intorno al 2020.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • francesco miglino scrive:
    l' Euro, moneta a debito,
    DIVENTA COSTRUTTORE DELL ERA INTERNETTIANA SMASCHERANDO ED AVVERSANDO DA SUBITO, PRIMA CHE TI RIDUCA IN MISERIA, IL POTERE ILLECITO DEGLI STAMPATORI DI BANCONOTE. COSTORO, CORROMPENDO LE MAGGIORANZE PARLAMENTARI DEI PAESI DEMOCRATICI, ENTRANO NEGLI STATI E IMPONGONO LA LORO MONETA A DEBITO CHE, SCIENTIFICAMENTE, PORTA AL FALLIMENTO LE SANE ECONOMIE DELLE NAZIONI E GETTA NELLA DISPERAZIONE E NELLA MISERIA I POPOLI CHE HANNO PROGETTATO DI DEPREDARE.Che bel vivere per gli stampatori di moneta! Al costo di 3 centesimi stampano banconote da 500 e le prestano guadagnando subito 499,97 + gli interessi. Incredibile ! Per questi gruppi di stampatori che, spendendo appena 3000 , possono stampare banconote a sufficienza per comperarsi il consenso di interi parlamenti, l umanità subisce guerre, inquinamento, spoliazioni, angherie di tutti i tipi.*** La BCE, che molti credono sia la banca dei popoli europei, è invece di proprietà di banche private, le stesse che si divertono, con giochi monetari, a smontare le sicurezze sociali, a far chiudere le aziende produttive, a gettare sul lastrico migliaia di lavoratori, avvilendo i popoli sino a ridurli in povertà. Una prova? Il popolo greco è stato portato alla miseria ed alla disperazione nell arco di due anni. Tutte le conquiste sociali sono state smontate, le pensioni e gli stipendi sono stati costantemente tagliati, mentre le tasse e le utenze sono state irragionevolmente aumentate. Alla maggior parte dei greci è stata sequestrata la casa ed 8000 cittadini, che non hanno retto, si sono suicidati dandosi la morte nel modo più crudele. ***Migliaia di Italiani non hanno ancora la percezione che lo stesso trattamento è riservato a noi. Ed essendo disinformati, si aggrappano ai vecchi partiti sperando che difendano i loro interessi. Ma, beffa delle beffe, proprio quei personaggi che chiedono il voto e dicono di difendere gli interessi dell Italia, sono gli stessi che hanno votato tutte le leggi ed approvato l agire del Governo tecnico che ha fatto collassare ben 220.000 aziende, gettato sul lastrico 680.000 lavoratori, imposto tassazioni selvagge che hanno creato un pericoloso impoverimento delle famiglie e un verificabile effetto recessivo. Dal dibattito politico è sparita la parola BANCA e la dovuta denuncia che urge rinegoziare la funzione della Banca centrale o liberarci della moneta a debito, collaudato cappio che scientificamente strozza i popoli.Vedere personaggi, che la gente avverserebbe se fosse correttamente informata sul loro operato, chiedere ancora il voto e riuscire a carpire la buonafede dei molti disinformati, procura un profondo senso di smarrimento e di pena. Anche in Grecia i politici, che hanno devastato impietosamente il loro paese, avevano carpito la buonafede dei cittadini increduli. Oggi, quei cittadini ingannati e portati alla rovina, additano i politici venduti come infami traditori e li maledicono.Francesco Miglinowww.partitointernettiano.it
  • ivano monti scrive:
    mi hanno sempre detto...
    una parte di mondo e anche tua... questo significa che ogn'uno di noi a la propria, perchè spaccarsi sempre i marroni, andiamo avanti e basta.
  • Alessandro Siddi scrive:
    Furto
    Mi viene da ridere a sentire gente che difende Murdok e parla di pirateria, bravi, restate legate ai dinosauri delle major invece di ripensare al sistema, la massa decide, non un branco di parassiti che danno poi le briciole agli artisti, poi passi per i film in prima visione, ma se un film esce in televisione, io lo duplico e lo condivido quanto voglio.... Non capite che così non si può andare avanti, il copyright è un invenzione per spillare soldi alla gente, inutile e stupido attribuire il calo di vendite alla "pirateria", quando ogni volta che si compra un dvd o un cd... lì si compie il vero furto!! A questo punto ppreferisco pagare direttamente gli artisti, che le major e la Siae muoiano di fame! La rete vincerà, e i dinosauri si estingueranno, dinosauri come il "signor" si fa per dire Murdok!!
  • krane scrive:
    Re: Murdoch te ne devi andare!
    - Scritto da: Carlo
    Kane, testa di rapa, io non dico a nessuno "te ne
    devi andare" dal web perché non è mio. Questa la
    differenza. E non è nemmeno di quella testa
    d'uovo che ha scritto sopra, e nemmeno tuo.
    Ma sei capace di leggere?Da te solo insulti e neanche uno straccio di idea, ma non credo che sia un mio problema di lettura.
    • Carlo scrive:
      Re: Murdoch te ne devi andare!
      Si, è un tuo problema di lettura. Un anonimo ha scritto che Murdoch se ne deve andare dalla rete. Quello era il tema iniziale.Confermo che tu l'italiano non lo capisci. Studia!
      • krane scrive:
        Re: Murdoch te ne devi andare!
        - Scritto da: Carlo
        Si, è un tuo problema di lettura. Un anonimo ha
        scritto che Murdoch se ne deve andare dalla rete.
        Quello era il tema iniziale.
        Confermo che tu l'italiano non lo capisci. Studia!Riflettici se trovi che tutti quelli che ti leggono non capiscano il tuo "italiano", forse e' il tuo italiano a non essere comprensibile.Del resto e' evidente che non sei mai neanche riuscito a leggere il codice civile.
  • francesco miglino scrive:
    OBAMA
    Al presidente BARACK OBAMA, il Partito Internettiano chiede di inserire nella Costituzione degli U.S.A. il diritto di acXXXXX alla rete neutrale e libera come diritto inalienabile dell' Uomo. Egregio presidente BARACK OBAMA,avendo responsabilmente confrontato la qualità della nostra vita prima della creazione dell universo internettiano con quella di oggi, testimoniamo che la nostra vita è diventata più ricca, e partecipativa delle sorti della società e del globo che ora percepiamo, come casa comune da gestire e proteggere perché controllabile e raggiungibile in ogni suo angolo e da custodire con intelligente attenzione. Usciti dal nostro habitat, affacciati alla nostra finestra sul mondo, possiamo comunicare in tempo reale in modo bidirezionale e complesso, informarci, attingere ed allargare i nostri saperi, compiere operazioni logistiche che prima sottraevano tempo prezioso alla nostra quotidianità.Possiamo dichiarare in tutta coscienza che oggi, senza l universo internettiano la qualità della nostra esistenza sarebbe come quella di un uomo privato delle connessioni sinaptiche poichè e l universo internettiano il più formidabile ed organico acceleratore di consapevolezza con cui è possibile acquisire saperi, realizzare scelte coscienti, incontrarsi ed unirsi ad altri uomini che reclamano progresso, giustizia e diritti da ogni angolo della terra e che progettano la costruzione di una società evoluta, colta, libera e giusta Le informazioni, prima affidate alla mediazione interessata dei possessori delle rotative, ora sono dirette e fanno luce con documenti probanti su problemi volutamente irrisolti e nascosti dal distorcente egoismo dei poteri dominanti.Da ogni angolo della terra sperduto e prima ignorato dove si pratica la violenza dell uomo sull uomo, le vittime possono spezzare la solitudine facendo giungere la testimonianza delle proprie sofferenze nell universo internettiano.E scientificamente provato che è stato lallargamento della nostra corteccia celebrale a favorire una più organica ed evoluta organizzazione delle sinapsi del nostro cervello ed a permettere che il soddisfacimento dei bisogni fisiologici non avvenisse più con il ricorso alle pulsioni istintuali, affrancandoci dalla schiavitù della nostra genetica.E scientificamente provato che i miliardi di flussi sinaptici creati da miliardi di uomini che s incontrano nell universo internettiano connessi anche in questo momento, allargano la circolazione delle idee e dei saperi e l uomo progredisce poichè liberato dalla schiavitù dell ignoranza, da limitanti pregiudizi localistici, brutalità censorie, avvilenti disinformazioni pilotate da egoistici interessi precostituiti spesso antisociali.Con la libera comunicazione nell universo internettiano neutrale ogni uomo può affinare le ricerche per emanciparsi, aumentare i neurotrasmettitori cerebrali in modo proporzionale al numero di quesiti enunciati e risolti da risposte competenti donate in rete, stimolare l intelligenza creativa in ogni campo, approfondire esperienze diverse in luoghi prima irraggiungibili, confrontare pensieri e postulati seguiti da esaustive elaborazioni dialettiche e risposte congrue in tempo reale, accedere a banche dati, immergersi in variegate esplorazioni professionalizzanti con il conseguente aumento delle spine dendriniche e la creazione di nuovi punti d attracco per la connessione ed attivazione di altre cellule nervose.Il cervello umano è il paradigma dell attività sinaptica viva e palpitante animata in modo incessante da miliardi di connessioni di esseri umani che abitano e qualificano l universo internettiano, gli stessi che, pervasi da un gratificante rapporto empatico verso gli altri, determinano il flusso informativo qualificato e l offerta ad ampio raggio dei saperi favorendo il miglioramento della nostra specie con la crescita addizionale dei neuroni e delle connessioni nella nostra corteccia celebrale.Oggi l uomo scopre che la qualità della propria esistenza è proporzionale alla conoscenza e si rende conto che solo i saperi lo svincolano da assuefazioni sociali primordiali e lo esortano a costruire un nuovo modus vivendi in cui prioritarie siano le scelte benefiche coscienti  per costruire il bene comune.Relazionandosi nell universo internettiano l uomo che incontra la generosità in offerte creative gratuite, acquisisce il rispetto degli altri uomini ed abbandona gli impulsi distruttivi, intuendo che, liberandosi dagli istinti predatori e dal cinismo, si può convivere in armonia, razionalizzare l uso delle risorse, superare collettivamente la limitante lotta per il solo soddisfacimento dei bisogni elementari e, per la prima volta, sedersi collegialmente nell agorà universale a riflettere sul come l' umanità possa e debba costruire per il meglio il proprio futuro.Nella storia di tutti i tempi mai l uomo ha creato un supremo e grandioso universo in cui immergersi svincolato finalmente da condizionanti ed opprimenti gerarchizzazioni sociali ed in assoluta libertà formarsi, esprimersi, rappresentarsi e realizzarsi facendo giungere il proprio apporto cognitivo in ogni angolo del globo.Stabilito che l universo internettiano è bene comune come l aria e l acqua, creato dall uomo per il progresso dell uomo, si chiede al presidente BARACK OBAMA di inserire nella Costituzione U.S.A il diritto di acXXXXX alla rete neutrale e libera come diritto inalienabile dell' Uomo.Francesco Miglinosegretario partito internettiano
  • uno qualsiasi scrive:
    Murdoch te ne devi andare!
    Vattene dal Web! Nessuno ti rimpiangerà.
    • Carlo scrive:
      Re: Murdoch te ne devi andare!
      Uno qualsiasi, è tua la rete? A che titolo inviti la gente ad uscire dal web?
      • Mettiuz scrive:
        Re: Murdoch te ne devi andare!
        Come murdoch è libero di sparare flame su twitter 'uno qualsiasi' è libero di chiedergli di togliere il disturbo su un forum
      • krane scrive:
        Re: Murdoch te ne devi andare!
        - Scritto da: Carlo
        Uno qualsiasi, è tua la rete? A che titolo
        inviti la gente ad uscire dal web?Con lo stesso titolo tuo no ?Trattasi di semplice neurodelirio...
        • Carlo scrive:
          Re: Murdoch te ne devi andare!
          Kane, testa di rapa, io non dico a nessuno "te ne devi andare" dal web perché non è mio. Questa la differenza. E non è nemmeno di quella testa d'uovo che ha scritto sopra, e nemmeno tuo.Ma sei capace di leggere?
      • Sgabbio scrive:
        Re: Murdoch te ne devi andare!
        Solo perchè uno e un feudo del copyright, non vuol dire che nessuno sia libero di dire che se ne deve andare.Oppure è come i vip su twitter ? Che si arrogano il diritto di dire quello che vogliono e vomitare insulti (ricordiamoci le uscite poco felici di Fiorello, che dava delle merde a quelli di noncilopedia e di mettere le loro foto, quando lui usava la foto di un'altro, nel suo avatar di twitter. Per non parlare di quando a augurato lutti famigliari ad un intero forum satirico, s'inXXXXX perchè esistevano persone che giustamente lo criticarono per quelle uscite poco felici).
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Murdoch te ne devi andare!
        Scusa, se quando tu sei in macchina vedi che quello davanti a te non sa guidare, va a zig-zag, si ferma quando dovrebbe andare avanti e viceversa, non lo inviti forse a togliersi dai piedi? La strada non è tua, è di tutti... ma chi non capisce come ci si muove sulla strada, e crea fastidio agli altri utenti della strada, deve andarsene, e non tornare finchè non ha preso la patente.Se non capisci la natura della rete, torna quando avrai imparato, e non metterti a fare richieste assurde.
  • Nome e Cagnone scrive:
    Eeeh T1000 ...
    ... una volta eri più tollerante (cancella, cancella)!
  • Nome e Cagnone scrive:
    Ha ragione Murdoch.
    [img]http://cache.gawker.com/assets/images/7/2012/01/c1b2d2a57482edc4f60d3bbdec822cd9.jpg[/img]E' un mondo pieno di ingiustizie il nostro, fatto di uomini che oltre a toglierci il futuro ci sottraggono pure la gnocca!
  • Carlo scrive:
    Pirateria audiovisiva.
    Non occorre certo che lo dica Murdoch che la rete è piena di ladri e di delinquenti. Che scoperta! E voi addosso ad offenderlo. Bravi! Nel merito delle vostre offese, diventerete vecchi anche voi, non preoccupatevi, e non avrete nessuno che vi accudisce. Rispetto per la gente, ignoranti e cafoni che non siete altro! La pirateria in rete, che voi difendete a spada tratta, ha devastato il lavoro, gli investimenti di milioni di persone al mondo e voi date contro a uno che prova a ribellarsi, chiunque esso sia. E c'é pure anche l'XXXXXXXXX che nel suo blog dice che la pirateria non c'entra nulla con la chiusura di Blockbuser Italia e con il licenziamento di otto-novecento persone. Si puo' essere così falsi, ipocriti, somari?
    • krane scrive:
      Re: Pirateria audiovisiva.
      - Scritto da: Carlo
      Non occorre certo che lo dica Murdoch che la rete
      è piena di ladri e di delinquenti. Che scoperta!
      E voi addosso ad offenderlo. Bravi! Nel merito
      delle vostre offese, diventerete vecchi anche
      voi, non preoccupatevi, e non avrete nessuno che
      vi accudisce. Rispetto per la gente, ignoranti e
      cafoni che non siete altro!Veramente mi sembra che quello parecchio inacidito sia tu; o quanto meno ti esprimi proprio come quei vecchi inaciditi di cui parli...
      • Carlo scrive:
        Re: Pirateria audiovisiva.
        Vedrai quando i ladri che fanno i soldi col lavoro degli altri verranno messi in galera, oltre che pagare le multe, chi sarà inacidito.Io mi esprimo come mi pare, perché c'é la libertà di pensiero, ignorante. O vuoi che la libertà ci sia solo per rubare i film in rete?
        • krane scrive:
          Re: Pirateria audiovisiva.
          - Scritto da: Carlo
          Vedrai quando i ladri che fanno i soldi col
          lavoro degli altri verranno messi in galera,
          oltre che pagare le multe, chi sarà
          inacidito.Ti hanno fatto una rapita o ti hanno rubato nel negozio di recente ?
          Io mi esprimo come mi pare, perché c'é la libertà
          di pensiero, ignorante. O vuoi che la libertà ci
          sia solo per rubare i film in rete?Rubare i film in rete ? In quale film ? E bisogna anche saper scassinare le porte per rubare i film in rete ? E montante un antifurto in rete, o meglio fatevi un'assicurazione contro il furto no ?
          • Carlo scrive:
            Re: Pirateria audiovisiva.
            Krane, tu al posto del cervello hai XXXXture.
          • krane scrive:
            Re: Pirateria audiovisiva.
            - Scritto da: Carlo
            Krane, tu al posto del cervello hai XXXXture.Me ne stai chiedendo un po' per il tuo negozio ? Tranquillo non entrera' nessuno che possa sXXXXXre il pavimento.
          • panda rossa scrive:
            Re: Pirateria audiovisiva.
            - Scritto da: Carlo
            Krane, tu al posto del cervello hai XXXXture.E tu al posto della XXXXtura che cos'hai in testa?Il furto, come lo chiami tu, prevede che vi sia REFURTIVA, un ammanco, una differenza inventariale, qualcosa che prima c'era e adesso non c'e' piu'.LA COPIA NON E' FURTO!E il videonoleggio e' una cosa di cui non frega piu' niente a nessuno.Smettila di dare la colpa alla pirateria: se stai fallendo e' solo per colpa tua che non ti sei accorto che siamo nel 2012 e non piu' nel 1980.E' da quando esiste PI che diciamo che il videonoleggio non avra' piu' un futuro: blockbiuster ha chiuso, ma tu imperterrito hai voluto continuare.E adesso fallisci! Ma la colpa e' solo ed unicamente tua!
          • Carlo scrive:
            Re: Pirateria audiovisiva.
            Fallisci tu, anonimo panda rossa, la tua ipocrisia supera anche il quantitativo di XXXXtura che hai nella testa. Spero davvero che ti rubino anche le mutande!
    • Lesione scrive:
      Re: Pirateria audiovisiva.
      - Scritto da: Carlo
      Non occorre certo che lo dica Murdoch che la rete
      è piena di ladri e di delinquenti. Che scoperta!
      E voi addosso ad offenderlo. Bravi! Nel merito
      delle vostre offese, diventerete vecchi anche
      voi, non preoccupatevi, e non avrete nessuno che
      vi accudisce. Rispetto per la gente, ignoranti e
      cafoni che non siete altro!:D e parli di rispetto alla gente
      La pirateria in rete, che voi difendete a spada
      tratta, ha devastato il lavoro, gli investimenti
      di milioni di persone al mondo e voi date contro
      a uno che prova a ribellarsi, chiunque esso sia.Mi puoi citare come la pirateria <b
      ti </b
      ha danenggiato (a parte il cervello latita dalla nascita)?
      E c'é pure anche l'XXXXXXXXX che nel suo blog
      dice che la pirateria non c'entra nulla con la
      chiusura di Blockbuser Italia e con il
      licenziamento di otto-novecento persone. Si puo'
      essere così falsi, ipocriti, somari?Si, tu. Pensi che tutti quelli che scaricano se non trovano poi noleggino?Si? Beh allora è giusto che tutto vada a catafascio, perché invece di anlaizzare la realtà delle proprie attività e più facile dare la colpa agli altri della propria incapacità gestionale. Cmq "Blockbuser" (http://www.blockbuster.it/default.aspx?idPage=142) a me sembra ben aperto e oprativo ...
      • Carlo scrive:
        Re: Pirateria audiovisiva.
        Se non trovano, ignorante? Trovano tutto quello che vogliono, e gratis anche. Tu lavori per niente, ignorante?
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Pirateria audiovisiva.
          Dimmi una cosa: a chi serve, al giorno d'oggi, che esista ancora un servizio di videonoleggio a pagamento?
          • panda rossa scrive:
            Re: Pirateria audiovisiva.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Dimmi una cosa: a chi serve, al giorno d'oggi,
            che esista ancora un servizio di videonoleggio a
            pagamento?Al videotecaro, per esempio.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Pirateria audiovisiva.
      contenuto non disponibile
    • Jah Lion scrive:
      Re: Pirateria audiovisiva.
      Che uno come Murdoch mi venga a fare la morale, uno che per le intercettazioni illegali alle quali ha dato il benestare gli avrebbero dovuto ritirare le licenze tv e chiudere tutti i giornali, proprio non mi va.La pirateria informatica esiste ed esisterà per sempre, è un fenomeno inarrestabile e tanto vale renderlo tollerato se a fini personali e perseguito se sfruttato a fini commerciali. Questo è il terzo millennio.Blockbuster ha chiuso a colpa dell'incapacità dei suoi dirigenti di adeguarsi al mondo e quindi di diversificare le attività; hanno visto diminuire i profitti anno dopo anno e ad ogni c.d.a. probabilmente avranno detto "non è colpa nostra ma della pirateria"...E cmq la pirateria ha più che altro ridotto i profitti miliardari di qualcuno, rendendoli "solamente" milionari. Di povera gente la pirateria ne ha rovinata in quantità senz'altro minore di quella che hanno rovinato e sta tuttora rovinando, ad esempio, questa vecchia e decrepita classe dirigente [politici ed imprenditori] che sarebbe ora che si ritirasse a vita privata a godersi i proventi delle loro malefatte.
    • W.O.P.R. scrive:
      Re: Pirateria audiovisiva.
      Bravo Carlo !!!la tua è una guerra santa!Ho proprio bisogno di persone come te che mi sostengano nella lotta dei maniscalchi che hanno perso il lavoro a causa dell'invenzione di quelle maledette auto!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 gennaio 2012 11.13-----------------------------------------------------------
      • Carlo scrive:
        Re: Pirateria audiovisiva.
        Tu confondi la tecnologia col rubare, e lo sai bene. La tecnologia è importantissima, ma le leggi vanno rispettate anche in rete. Ma vedrai che ci arriveremo, maniscalco!
        • krane scrive:
          Re: Pirateria audiovisiva.
          - Scritto da: Carlo
          Tu confondi la tecnologia col rubare, e lo sai
          bene. La tecnologia è importantissima, ma le
          leggi vanno rispettate anche in rete. Ma vedrai
          che ci arriveremo, maniscalco!Allora dovresti ricordarti che esiste il reato di diffamazione; ti faccio un esempio: immagina un povero ignorante delle leggi italiane, nonostante gli venga spiegato, continua ad usare la parola "ladri" parlando di pirateria.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Pirateria audiovisiva.
            si potrebbe pure dedurre che non ha nemmeno capito il commento di wopr.
          • W.O.P.R. scrive:
            Re: Pirateria audiovisiva.
            Difatti non ho nemmeno replicato, è tempo perso.
          • Carlo scrive:
            Re: Pirateria audiovisiva.
            Certo che sono ladri. Scaricare materiale protetto dal diritto d'autore è un reato, è rubare. Quindi, ladri.Impara l'italiano, ignorante.
          • panda rossa scrive:
            Re: Pirateria audiovisiva.
            - Scritto da: Carlo
            Certo che sono ladri. Scaricare materiale
            protetto dal diritto d'autore è un reato, è
            rubare. Quindi,
            ladri.Quindi assicurati contro il furto, come fai per l'auto e per tutte le cose che pensi che ti vengano rubate...... come dici? Quelli dell'assicurazione ti hanno riso in faccia?
            Impara l'italiano, ignorante.Impara le leggi, ignorante.
          • krane scrive:
            Re: Pirateria audiovisiva.
            - Scritto da: Carlo
            Certo che sono ladri. Scaricare materiale
            protetto dal diritto d'autore è un reato, è
            rubare. Quindi, ladri.
            Impara l'italiano, ignorante.Quindi ti sara' facile mostrarmi gli articoli di legge in cui questo viene evidenziato vero ?Se vuoi io ti mostro quelli sulla diffamazione e sull'insulto pubblico.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Pirateria audiovisiva.
            - Scritto da: Carlo
            Certo che sono ladri. Scaricare materiale
            protetto dal diritto d'autore è un reatoNon lo è. Controlla la legge.
            , è rubare. Non lo è. Controlla un dizionario.
            Quindi, ladri.Hai commesso reato di calunnia.
            Impara l'italiano, ignorante.Prenditi un dizionario. Oppure vattene: chiaramente il web non fa per te.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Pirateria audiovisiva.
            - Scritto da: Carlo
            Certo che sono ladri. Scaricare materiale
            protetto dal diritto d'autore è un reato, è
            rubare. Quindi, ladri.

            Impara l'italiano, ignorante.Visto che rubando i DVD rischio massimo 3 anni mentre prendendoli su torrent ne rischio 4, sto pensando di venire a Verona...
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Pirateria audiovisiva.
          - Scritto da: Carlo
          Tu confondi la tecnologia col rubareTu confondi rubare con duplicare.Ti posso solo dire una cosa: tempo fa, su questo forum, c'era un altro che si comportava esattamente come te: insultava, minacciava, diceva cose del tipo "vedrete che vi fermeranno!"...Anche lui lavorava nel settore video, come te: e, come te, invece di rendersi conto che la sua epoca era finita, e riconvertire gradualmente la sua attività, adeguandola ai tempi, ha continuato ad accusare gli altri di derubarlo, a insultare tutti, e ad aspettare provvedimenti.Poi, ad un certo punto, ha smesso di postare.Ora, io mi sono incuriosito, ho rintracciato il suo nick, e sono riuscito a leggere qualche notizia su di lui: ho saputo che per cercare di integrare gli incassi, questa estate si era messo a cercare di noleggiare la sua auto, ed alla fine gli affari gli sono andati male ed ha dovuto venderla.Noi qui gli avevamo detto in tutti i modi che non poteva continuare sulla sua strada, ma purtroppo l'ha scoperto nel modo peggiore.Se mi sta leggendo, gli auguro di essere riuscito a trovare una attività diversa.Lo dico anche a te: se continui così, andrai in rovina. Noi stiamo solo cercando di fartelo capire; invece di perdere tempo a litigare con noi (tanto, cosa speri di ottenere? Ti fai solo ridere dietro dai colleghi http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=29381&view=findpost&p=658024 ) faresti meglio a iniziare a considerare altri modelli di business, ed a farlo molto in fretta.
          • W.O.P.R. scrive:
            Re: Pirateria audiovisiva.
            http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=29381&view=findpost&p=658024"ognuno chiaramente è libero di fare ciò che vuole, ma quoto quanto dici, diventa appunto una "battaglia comica" e perfettamente inutile, vedo però che Carlo resiste a non commentare, basta mettere un nostro commento per far schizzare il topic a olre 100 interventi ... potremmo cheidere un compenso in quanto i nostri commenti portano visite "..sono proprio alla frutta
    • Fininsvest scrive:
      Re: Pirateria audiovisiva.
      - Scritto da: Carlo
      Non occorre certo che lo dica Murdoch che la rete
      è piena di ladri e di delinquenti. Che scoperta!
      E voi addosso ad offenderlo. Bravi! Nel merito
      delle vostre offese, diventerete vecchi anche
      voi, non preoccupatevi, e non avrete nessuno che
      vi accudisce. Rispetto per la gente, ignoranti e
      cafoni che non siete altro!

      La pirateria in rete, che voi difendete a spada
      tratta, ha devastato il lavoro, gli investimenti
      di milioni di persone al mondo e voi date contro
      a uno che prova a ribellarsi, chiunque esso sia.
      E c'é pure anche l'XXXXXXXXX che nel suo blog
      dice che la pirateria non c'entra nulla con la
      chiusura di Blockbuser Italia e con il
      licenziamento di otto-novecento persone. Si puo'
      essere così falsi, ipocriti,
      somari?Non ci vuole un genio a capire che i blockbuster hanno chiuso perchè ormai ci sono altre fonti di divertimento le TV hanno 10000 canali, ci sono i videogiochi (che sono sempre più l'intrattenimento preferito), e chiaro che se uno fa una cosa non può farne un altra.Io una volta mi guardavo 3 film a settimana affittandoli ora mi guardo 2 serie TV su Jimmy e loggo tutte le sere su Lineage 2 che ora è diventato anche free2play e lo trovo più appagante che starmene da solo a guardare un film.E le videoteche faranno la stessa fine per il semplice fatto che sono diventate inutili, non possono competere con youtube, telecom, fasteweb, mediaset (solo per citare le più famose compagnie di film in affitto online).svegliatevi o farete una brutta fine mentre cercate ancora qualcuno a cui dare la colpa.
      • Nome e Cagnone scrive:
        Re: Pirateria audiovisiva.
        E' che il troppo stroppia. L'esposizione ai media ha ormai raggiunto livelli insopportabili per chiunque. Alcuni settori del mercato sono destinati a collassare indipendentemente dalla pirateria.
      • Carlo scrive:
        Re: Pirateria audiovisiva.
        E io ti dico che scaricano illegalmente tutti, e se non lo sai informati. Per questo BB ha chiuso. Per tua opPortuna conoscenza i titolari dei siti illegali sono LADRI e coloro che scaricano illegalmente sono anch'essi LADRI, ALTRO CHE DIFFAMAZIONE!
        • krane scrive:
          Re: Pirateria audiovisiva.
          - Scritto da: Carlo
          E io ti dico che scaricano illegalmente tuttiE io ti dico che non scarica nessuno, se Carlo pensa il contrario puo' sempre inserire dei link a dimostrazione.Per la felicita' di Carlo il maggior utilizzo che viene fatto della rete e' guardare i film ed il calcio in streaming (rotfl)(rotfl)(rotfl). Niente di illegale :Dhttp://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=rete+utilizzo+percentuali+stream+p2p+web+2010&source=web&cd=1&ved=0CB8QFjAA&url=http%3A%2F%2Fwww.webmasterpoint.org%2Fnews%2Fp2p-in-forte-calo-ma-streaming-film-musica-e-partite-di-calcio-in-netta-crescita_p39841.html&ei=xpYVT5zsGOL-4QS3t4DAAw&usg=AFQjCNHgA9y_d8A6HXBvTWfK1DAeudllFg&cad=rja
          , e se non lo sai informati. Per questo BB ha
          chiuso. Per tua opPortuna conoscenza i
          titolari dei siti illegali sono LADRI e coloro
          che scaricano illegalmente sono anch'essi
          LADRI, ALTRO CHE DIFFAMAZIONE!Povero ignorante della legge italiana...Ma fatti un'assicuraizone contro il furto no ?
        • Mettiuz scrive:
          Re: Pirateria audiovisiva.
          BB ha chiuso perché guidato da incapaci! Non sono riusciti ad adeguarsi ai tempi, quando ancora contava qualcosa i videonoleggi automatici davano gli stessi film a prezzi notevolmente inferiori, le televisioni hanno cominciato a offrire contenuti on demand ed è possibile l'acquisto e la fruizione di contenuti gratuiti sul web.La pirateria sicuramente non ha aiutato ma non è certo il principale responsabile del fallimento di un sistema ormai vecchio.
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Pirateria audiovisiva.
          - Scritto da: Carlo
          E io ti dico che scaricano illegalmente tutti, e
          se non lo sai informati.Se <b
          tutti </b
          scaricano illegalmente, vuol dire che dovresti mettere tutti in galera: quindi, la galera sarebbe grande quanto il pianeta.Si finirebbe con il costruire una gabbia di 2x2 metri intorno a te, per poi dire che il posto dove sei tu è l'unico posto fuori dalla prigione, e tutto il resto del mondo è la prigione. Ti piacerebbe?
          Per questo BB ha chiuso.Ha chiuso perchè non serviva più.Se nessuno ha più interesse a rivolgersi ad un servizio di videonoleggio, che motivo c'è di tenere aperto tale servizio?E chi ci lavora viene mandato a casa, perchè chi dovrebbe pagare per il suo lavoro?
          Per tua opPortuna conoscenza i titolari dei siti
          illegali sono LADRI e coloro che scaricano
          illegalmente sono anch'essi LADRI, ALTRO CHE
          DIFFAMAZIONE!Hai ripetuto il reato di diffamazione, e anche di calunnia.
          • Fininsvest scrive:
            Re: Pirateria audiovisiva.
            sta risposta è stupenda :DComunque il punto è che anche senza pirataria i negozi BB hanno chiuso quando la pirateria era di nicchia e per me hanno fatto bene.La stessa ragione per cui i giornali sono in calo, tutto è digitale l'informazione viaggia veloce e ora i consumatori possono scegliere cosa fare nel tempo libero, non devono più perdere tempo a cercare tra li scaffali una copertina che li ispiri, una cosa è certa se in un mondo utopistico la pirateria smettesse di esistere ci guadagnerebbe soltanto i distributori online, e a differenza delle videoteche che necessitano di una distribuzione sul territorio per poter affittare, basta uno o 2 siti online per fare tutto il lavoro.
    • MegaJock scrive:
      Re: Pirateria audiovisiva.
      Un menu Trollburger maxi con patatorchette e uruk cola, prego.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Pirateria audiovisiva.
      - Scritto da: Carlo
      Non occorre certo che lo dica Murdoch che la rete
      è piena di ladri e di delinquenti. Che scoperta!Infatti: gente che vuol farsi pagare per cose che si trovano gratis è criminale.
      E voi addosso ad offenderlo. Bravi!Grazie.
      Nel merito
      delle vostre offese, diventerete vecchi anche
      voi, non preoccupatevi, e non avrete nessuno che
      vi accudisce. Rispetto per la gente, ignoranti e
      cafoni che non siete altro!Rispettiamo solo chi ci rispetta. Non chi ci chiama "ladri".

      La pirateria in rete, che voi difendete a spada
      tratta, ha devastato il lavoro, gli investimenti
      di milioni di persone al mondoHa fatto solo bene. Se fai un lavoro che è inutile, è un bene che tu non venga più pagato.
      e voi date contro
      a uno che prova a ribellarsi, chiunque esso sia.Perchè vuole "ribellarsi" a nostre spese.
      E c'é pure anche l'XXXXXXXXX che nel suo blog
      dice che la pirateria non c'entra nulla con la
      chiusura di Blockbuser Italia e con il
      licenziamento di otto-novecento persone.Blockbuster ha chiuso semplicemente perchè è diventato obsoleto e inutile. Chiunque offra un servizio obsoleto e inutile non verrà pagato. Perchè mai dovremmo pagare per mantenere un servizio che non ci serve più?
      Si puo'
      essere così falsi, ipocriti,
      somari?Evidentemente sì: solo un somaro cerca di tenere in piedi un esercizio commerciale obsoleto e inutile... e per giunta insulta chi non vuole più rivolgersi al suo servizio, preferendo le alternative migliori e gratuite.
    • Wolf01 scrive:
      Re: Pirateria audiovisiva.
      - Scritto da: Carlo
      La pirateria in rete, che voi difendete a spada
      tratta, ha devastato il lavoro, gli investimenti
      di milioni di persone al mondo e voi date contro
      a uno che prova a ribellarsi, chiunque esso sia.A me sembra che abbia anche creato nuovi posti di lavoro, guarda le centinaia di aziende che producono SOLO DRM per "proteggere" i prodotti.
      E c'é pure anche l'XXXXXXXXX che nel suo blog
      dice che la pirateria non c'entra nulla con la
      chiusura di Blockbuser Italia e con il
      licenziamento di otto-novecento persone. Si puo'
      essere così falsi, ipocriti, somari?E sei sicuro che invece l'home video non si sia tagliato le gambe da solo?Tra DRM (se sto ad aspettare OGNI VOLTA mezz'ora che il DVD mi dica che sono un ladro se lo copio sto veramente prima a copiarlo), periodi di attesa di 3-6 mesi, costi esorbitanti (16.90-19 per un DVD sono arrivati a far pagare) e qualità pressoché identica a quanto reperito in rete.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Pirateria audiovisiva.
      rispetto delle persone, poi dai dell'XXXXXXXXX a chi dice che il blockbuster italia ha chiuso non per la pirateria ma per altro.Anzi blockbuster in italia c'è ancora, all'estero se la vede male, per via della concorrenza agguerrita.
    • Funz scrive:
      Re: Pirateria audiovisiva.
      - Scritto da: Carlo
      Non occorre certo che lo dica Murdoch che la rete
      è piena di ladri e di delinquenti. Che scoperta!
      E voi addosso ad offenderlo. Bravi! Nel merito
      delle vostre offese, diventerete vecchi anche
      voi, non preoccupatevi, e non avrete nessuno che
      vi accudisce. Rispetto per la gente, ignoranti e
      cafoni che non siete altro!

      La pirateria in rete, che voi difendete a spada
      tratta, ha devastato il lavoro, gli investimenti
      di milioni di persone al mondo e voi date contro
      a uno che prova a ribellarsi, chiunque esso sia.
      E c'é pure anche l'XXXXXXXXX che nel suo blog
      dice che la pirateria non c'entra nulla con la
      chiusura di Blockbuser Italia e con il
      licenziamento di otto-novecento persone. Si puo'
      essere così falsi, ipocriti,
      somari?Ore 8:01, inizia un'altra dura giornata di trollaggio. Keep on the good work!La MAFIAA
  • Ubunto scrive:
    Murdoch...
    vecchio scemo... sei bollito.
  • BlaBla scrive:
    Ipocrita
    Questo lurido vecchiaccio, che ha fatto soldi spiando le tragedie della gente, dovrebbe scavarsi un buco, ficcarcisi dentro e stare li nascosto fino a quando crepa, altro che fare il paladino contro i pirati!!!
  • iome scrive:
    murdoh
    ma quanti anni ha? se continua XXXXXXXrsi, dio non voglia, gli vieno un colpo, cosi ce lo leviamo definitivamente di torno.
  • bertuccia scrive:
    Murdoch, di cui abbiamo una diapositiva
    [img]http://27.media.tumblr.com/MqWahqdB8jd24insPy6IYJSmo1_400.jpg[/img]:D (commento che avevo letto da qualche parte in rete)
    • tucumcari scrive:
      Re: Murdoch, di cui abbiamo una diapositiva
      - Scritto da: bertuccia
      [img]http://27.media.tumblr.com/MqWahqdB8jd24insPy

      :D (commento che avevo letto da qualche parte in
      rete)(rotfl)(rotfl)Ottima complimenti!
  • Luther blisset scrive:
    google translator
    Claudio Tamburrino, ma che italiano è? torna a scuola
    • iome scrive:
      Re: google translator
      - Scritto da: Luther blisset
      Claudio Tamburrino, ma che italiano è? torna a
      scuolahai presente il concetto "muro di gomma"? da qeull'orecchio non ci sentono proprio :)
Chiudi i commenti