BBC fermata sulla via di Damasco?

BBC fermata sulla via di Damasco?

L'idea di distribuire contenuti televisivi gratuitamente sulle reti del peer-to-peer incontra una crescente opposizione parlamentare. L'accusa? Si perdono soldi
L'idea di distribuire contenuti televisivi gratuitamente sulle reti del peer-to-peer incontra una crescente opposizione parlamentare. L'accusa? Si perdono soldi


Londra – Sarà pure un progetto ispirato, un’idea destinata a svecchiare la televisione e a concedere ad Internet quella centralità che ormai rappresenta, ma è un’opportunità che, secondo un numero crescente di parlamentari britannici, non deve essere colta perché nasconde un pericolo finanziario.

Il progetto sotto accusa è evidentemente quello della BBC : come si ricorderà, lo scorso maggio la società radiotelevisiva pubblica aveva fatto un annuncio shock , promettendo di distribuire una parte consistente dei propri contenuti gratuitamente sulle reti del peer-to-peer.

Sebbene per ora quella della BBC sia una sperimentazione che durerà solo tre mesi a partire da settembre, le voci contrarie crescono.

Secondo Derk Wyatt, chairman dell’APIG, l’All Party Internet Group, alla BBC dev’essere impedito di fornire all’utenza della rete gratuitamente i propri contenuti. Memore dell’ottimo successo che non solo nel Regno Unito hanno fin qui ottenuto VHS e DVD delle trasmissioni BBC, Wyatt si è detto convinto che la distribuzione online potrebbe significare un ridimensionamento delle entrate troppo gravoso da sostenere.

“Se la BBC dà via in rete i propri materiali di archivio – ha dichiarato – allora distrugge un mercato. Perde qualsiasi genere di diritti digitali e qualsiasi possibilità di richiedere per questi in futuro un compenso”.

Al momento i dirigenti BBC non hanno ancora espresso un parere sulle posizioni di Wyatt, condivise da buona parte dell’APIG.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

27 06 2005
Link copiato negli appunti