Bere alla giusta temperatura

Chi vorrebbe mai inserire dell'acciaio inox nella propria tazzina di caffè?
Chi vorrebbe mai inserire dell'acciaio inox nella propria tazzina di caffè?

Un caffè è sempre un piacere che gli italiani sanno gustare in qualsiasi momento della giornata, giusto per concedersi un momento di relax e per coccolarsi sorseggiando una bevanda dal gusto forte e deciso. A volte questo momento idilliaco potrebbe essere rovinato da un caffè troppo bollente, a tal punto da creare irritazioni alla lingua, mentre altre volte il caffè deve essere sorbito fra una marea di impegni da sbrigare e si finisce per berlo freddo. Tutto questo potrebbe presto cambiare grazie a Joulies, un prodotto di Dave Petrillo e Dave Jackson, due inventori americani, che su KickStarter chiedono fondi per finanziare la propria invenzione.

Joulies

In soldoni, si tratta di chicchi di caffè giganti in acciaio inossidabile, che contengono una sostanza speciale che fonde a 140 C. Quindi un Joulies affogato nel caffè permette di assorbire dalla bevanda il calore in eccesso per trasferirlo attraverso l’acciaio alla sostanza in esso contenuta. In questo modo, si raggiunge una temperatura di equilibrio fra il caffè ed il materiale immerso, permettendo di godersi una bevanda gradevole.

Qualora il caffè tenda a raffreddarsi, il materiale rilascerà nuovamente il suo calore che, attraverso l’interfaccia dell’acciaio, andrà a mantenere più a lungo una temperatura del caffè assolutamente piacevole.
Questa invenzione desta alcuni dubbi, che riguardano la tossicità della sostanza e l’alterazione del gusto del caffè nella quale si immergono questi chicchi di acciaio inox. Sul primo punto gli inventori assicurano che non vi sono problemi legati alla salute: la sostanza interna è atossica ed è completamente sigillata nell’acciaio inox, per cui non si correrebbe alcun tipo di pericolo. Per quanto riguarda il gusto, quanti affogherebbero dell’acciaio inox nel proprio caffè? Senza contare che qualora questo acciaio venga per errore addentato, provocherebbe non pochi problemi…

Se tutto ciò non vi preoccupa allora collegatevi alla pagina del progetto e magari finanziatelo, come altri hanno già fatto, facendo arrivare la cifra destinata a Joulies a ben 76,713 dollari.

(via CrunchGear )

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

04 04 2011
Link copiato negli appunti