Bersani: servono risorse pubbliche per Galileo

Dichiarazioni

Roma – Non bastano i privati, servono finanziamenti e risorse pubblici per il progetto Galileo, il “GPS europeo”. Lo ha detto il ministro allo Sviluppo economico Pier Luigi Bersani secondo cui “bisogna che il pubblico si prenda le sue responsabilità. Non si può far finta che il privato possa fare tutto. Significa solo rallentare i programmi”.

Il Progetto, che versa in una situazione molto difficile e sui pesano gli enormi ritardi accumulati oltre alla difficoltà delle imprese coinvolte di trovare una sintesi strategica, secondo Bersani è importante e va sostenuto. “Credo – ha spiegato – che l’Italia abbia messo tantissima convinzione e risorse nel progetto Galileo. Ci crede ed è impegnata ad aiutare a superare le difficoltà di oggi e trovare soluzioni. È un programma di straordinario rilievo industriale, strategico, civile e configura una Europa come la vogliamo noi: unita e capace di dare risposte tecnologiche al Mondo”.

Su un piano più ampio, ha dichiarato il Ministro, “l’obiettivo che ci poniamo è quello di colmare il divario competitivo che separa l’industria europea da quella americana in termini di presenza sui mercati globali, attraverso la creazione di nuovi campioni europei nei settori a maggior contenuto tecnologico, in cui anche l’Italia può giocare un ruolo da protagonista. Con l’inserimento e la piena integrazione delle politiche industriali dedicate al settore spaziale all’interno del programma Industria 2015 intendiamo rafforzare il ruolo del pubblico nell’indirizzare le scelte di politica spaziale”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Conte Ulderico Crispi Ambrogini scrive:
    Chiara Fregatura
    Ho eseguito il test come descritto sopra e effettivamente mi dice che sulla mia linea non è disponibile Alice TV. Ho provato poi a fare il test per ADSL 20 mega solo internet e mi fa proseguire per l'eventuale abbonamento. A questo punto la fregatura è evidente. Per poter vedere la TV occorrono realmente 20 mega di banda e non posso averli sulla mia linea, ma non mi negano un abbonamento solo internet "fino a 20 mega" già sapendo che questi famosi 20 mega non li vedrò mai.
Chiudi i commenti