Biblioteca d'Alessandria nell'era digitale

Rinata dalle sue ceneri grazie ad un'iniziativa dell'UNESCO, la mitica Biblioteca d'Alessandria si prefigge ora di diventare un faro per la conoscenza nel mare magnum della Rete, ridando spolvero alla sua antica fama


Alessandria (Egitto) – Quello che per oltre 600 anni fu il più grande tempio della cultura del mondo classico, la leggendaria Biblioteca Alexandrina, recentemente risorta dalle sue ceneri grazie all’interessamento dell’UNESCO, mira ora a divenire una delle più importanti biblioteche e fonti di conoscenza del mondo moderno.

Quando lo scorso anno la first lady egiziana Suzanne Mubarak annunciò quel progetto che oggi sta riscuotendo così tanto successo, promise che la Biblioteca d’Alessandria sarebbe divenuta “un faro digitale per il mondo”.

La biblioteca, all’interno della quale è stata installata una struttura di ricerca hi-tech, sta ricevendo moltissimo materiale su microfilm e CD-ROM da tutto il mondo, fra cui documenti che furono confiscati durante le guerre e le occupazioni.

Gli obiettivi della nuova biblioteca, che ha già da tempo un proprio sito Web , sono quelli di collezionare libri e documenti d’ogni genere e, attraverso sistemi di catalogazione e sofisticati motori di ricerca multilingue, metterli a disposizione dell’intera Rete.

Questo tempio tecnologico di conoscenza darà molta importanza anche agli studi e alle ricerche eseguite in loco, mettendo a disposizione dei visitatori e degli studiosi una grande rete di computer, chioschi interattivi, sale per audiovisivi e molto altro ancora, in una suggestiva fusione fra elementi architettonici classici e moderni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Basta Spam
    Non so, io ho la casella hotmail con tutti i filtri attivi, e continua a passare roba.Speriamo che questa operazione, che francamente ritengo scontata, serva ulteriormente.Ho notato comunque che i nuovoi account, quelli aperti relativamente di recente, non soffrono di problemi di spam. Secondo me Hotmail rendeva pubblici gli elenchi utenti.... altro che porta 25...
  • Anonimo scrive:
    Funziona il blocco (ed era necessario)
    Era ora che alla MSN facessero qualcosa: ho una casella di posta su Hotmail e da alcuni mesi era ingombra di posta 100% puro spam inviatami da gente che aveva come riferimento la @MSN.Stasera ho notato con piacere che al posto delle solite 25 mail ho trovato solo 6 messaggi.Era ora.
  • Anonimo scrive:
    necessito esplicazioni
    qualcuno e' in grado di dare dettagli tecnici su cosa significhi e cosa implici questo "blocco della porta 25"?grazie
    • Anonimo scrive:
      è una supercazzola
      è PI che ti fa una supercazzola brematurata a destra come se fosse antani allacciascarpa scarpallaccia con il fusorario splintogranfico.e ovviamente l'ultimo chiuda la porta 25 che fa corrente con la 24.- Scritto da: perplesso
      qualcuno e' in grado di dare dettagli
      tecnici su cosa significhi e cosa implici
      questo "blocco della porta 25"?

      grazie
    • Anonimo scrive:
      Re: necessito esplicazioni
      - Scritto da: perplesso
      qualcuno e' in grado di dare dettagli
      tecnici su cosa significhi e cosa implici
      questo "blocco della porta 25"?Probabilmente qualche delirante redattore ha interpretato così una cosa che i provider fanno da tempo, ovvero impedire l'accesso alla porta 25 (smtp) da parte di ip non appartenenti alla rete del provider stesso...inoltre alcuni bloccano l'invio di mail verso domini che sono riconosciuti come "origine di spam"... (non so, per esempio il mio provider non mi lascia mandare posta verso hotmail dal suo smtp...)Tutto qua. Non vedo la novità e/o la necessità di scriverci sopra un articolo.MAH!!
Chiudi i commenti