Bieber, l'idolo dei tecnofringuelli

Il 3 per cento dei server di Twitter sarebbe dedicato ai suoi tweet e a quelli che lo riguardano

Roma – Il 3 per cento dei server di Twitter sembrerebbe essere dedicato a Justin Bieber : meme o non meme, fan o detrattori, il giovane cantante idolo delle teenager ha occupato una parte non trascurabile del servizio di microblogging.

In particolare ogni volta che Bieber manda un tweet esso sembrerebbe essere visto da più di cinque milioni di persone, continuamente rilanciato e riceverebbe circa 60 risposte al secondo nei minuti successivi al suo invio .

La fonte del dato arriverebbe da un indiscreto dipendente Twitter rimasto anonimo, ma secondo il blogger Dustin Curtis sarebbe ben informato dei fatti: avrebbe riferito che la maggior parte degli utenti con maggior seguito avrebbero dei server dedicati. Ma i numeri di Bieber stupirebbero comunque.

Pur non essendo stato confermato da Twitter, il curioso dato può essere avvalorato anche dall’osservazione dei Top Tweets suggeriti nella home del servizio di microblogging che anche in Italia ospitano messaggi dedicati a Justin Bieber, ai Jonas Brother e ad altri teen idol .

Lo stesso portavoce del tecnofringuello non avrebbe scoraggiato un’interpretazione del genere, riferendo anzi che “Non abbiamo questo genere di statistiche, ma tutto ciò che riguarda Justin Bieber è sempre molto popolare su Twitter”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • .poz scrive:
    U2 anche tu ??
    Io personalmente se un album mi piace lo compro... ma per sapere se mi piace devo prima ascoltarmelo !Detto questo, gli U2 ed il loro manager hanno fatto talmente tanti soldi che potrebbo traquillamente regalare tutti i loro futuri almbum.... sempre che qualcuno li voglia visto che sono la fotocopia di se stessi da parecchi anni ormai...
  • geppetto scrive:
    costi e ricosti
    non si capisce per quale motivo un supporto fisico, che costava mille lire, ora debba costare 20 euro.. eppure sono diminutiti tutti i costi degli strumenti tecnologici.. Le case discografiche hanno mangiato a ufo facendo pagare salatissimi prodotti che, in scala, hanno un costo tendente a zero...Ma che paghiamo allora? Il diritto.. Non credo, perchè se il diritto su un cd completo è pari a circa 3 euro, eliminato il supporto, allora tu me lo devi vendere online a 3-3,5 euro.. Invece ne vuoi 20... una canzone dovrebbe essere venduta nell'ordine dei centesimi.. E' fuori dal mondo che uno guadagni centinaia di milioni di euro con una canzonetta... non deve esistere, non è un diritto, ma un furto..Mettano le canzoni al giusto prezzo (20, 30 cents) e vedrete che la gente le pagherà.. se no, a ufo non mi stufo, ma non perchè mi piacciono (fanno quasi tutte schifo) solo per mandarvi in bancarotta
    • panda rossa scrive:
      Re: costi e ricosti
      - Scritto da: geppetto
      non si capisce per quale motivo un supporto
      fisico, che costava mille lire, ora debba costare
      20 euro.. Tassa per equo compenso.In germania costano ancora 1000 lire.
  • Bah scrive:
    Se gli U2
    non se li ca*a piu nessuno, non è per forza colpa del p2p
  • Asdrubale scrive:
    U2 falliti
    Se lo avessimo saputo, negli anni ottanta, che Bono era cosi mer.. insomma una persona cosi come la si vede, saremmo stati a sedere anziche ballare e ascoltare la tua musica.Bono ha fallito, è rimasto agli anni 80, non è stato in grado di aggiornarsi, chiuso nella sua bambagia milionaria.Ma la fuori c'è un mondo che ruota per i XXXXX suoi, non intorno a te.O ti aggiorni o stai zitto e eviti di fare la figura del cretino.Mondarsi agli occhi di tutti, facendo beneficenza, non serve a niente.Questa è speculazione sulla propria immagine.Cretino.Il giorno bellissimo è finito da un pezzo, segna il passo o taci.
  • Nome e cognome scrive:
    Piangano di più
    Tornino a farsi il bagno nello champagne facendosi i c*zzi loro e lascino in pace i morti di fame che si "rubano" 5 euro di musica ogni tanto
  • un tuo commento scrive:
    Figuraccia clamorosa
    Mamma mia che figuraccia... da non credere! :|
  • panda rossa scrive:
    Bourget un idiota...
    Non so se mi faccia piu' schifo aver letto che Bourget e' un eroe o che Mangano sia un eroe.Quell'orchestrina che stava arrangiando quel pezzo di Bourget come faceva a conoscere il pezzo di Bourget?Evidentemente Bourget lo avra' pubblicato, avra' dato alle stampe gli spartiti.E quindi di che cosa si lamenta?O forse crede che la gente compri gli spartiti per appenderseli in casa come quadretti?Non vuoi che la gente suoni la tua musica? Semplice: non pubblicarla.Te la suoni da solo nella tua stanzetta, avendo avuto cura di insonorizzare le pareti.
    • Nedanfor non loggato scrive:
      Re: Bourget un idiota...
      Sono tutti e due eroi, è questione di relativismo. Se il punto di vista è quello di un mafioso/di uno che campa dei diritti degli artisti che sfrutta è ovvio che tali uomini rappresentino eroi. Se si è persone normali sono, pardon per il francesismo, due merde. Ma va bene così, tanto di campi da concimare ce ne sono a dozzine e centinaia!
    • anonimo scrive:
      Re: Bourget un idiota...
      - Scritto da: panda rossa
      Non vuoi che la gente suoni la tua musica?
      Semplice: non
      pubblicarla.
      Te la suoni da solo nella tua stanzetta, avendo
      avuto cura di insonorizzare le
      pareti.La sentenza della corte d'appello di Parigi gli ha dato ragione. Quindi faceva bene a pensarla così. Una cosa è esercitarsi con gli spartiti, un'altra usarli per guadagnarci.
      • Martin scrive:
        Re: Bourget un idiota...
        Fossi stato il ristoratore lo prendevo a pedate in XXXX fino a quando non avesse pagato il pasto. Poi con l'orchestrina si arrangiava lui.
    • Skywalker scrive:
      Re: Bourget un idiota...
      E' significativo che sia gli anglofoni che i francofoni non abbiano sentito l'esigenza di creare una pagina su Wikipedia dedicata alla vita ed alle opere di Ernest Bourget: curioso invece che a quanto pare il suo contributo più degno di essere ricordato nella storia umana sembri essere proprio la fondazione della SACEM, e non la sua musica...
      • panda rossa scrive:
        Re: Bourget un idiota...
        - Scritto da: Skywalker
        E' significativo che sia gli anglofoni che i
        francofoni non abbiano sentito l'esigenza di
        creare una pagina su Wikipedia dedicata alla vita
        ed alle opere di Ernest Bourget: curioso invece
        che a quanto pare il suo contributo più degno di
        essere ricordato nella storia umana sembri essere
        proprio la fondazione della SACEM, e non la sua
        musica...Effettivamente c'e' da chiedersi perche' quei suonatori, con tutta la bella musica a disposizione, abbiano scelto proprio una sconosciuta composizione di basso livello per scaldare i loro strumenti.Che l'aneddoto sia un FUD?
  • Jacopo Monegato scrive:
    da musicista
    mi piace l'idea che ascoltino le mie canzoni, mi piace ancora di più che mi vengano a vedere suonare... e da ascoltatore io preferisco di gran lunga spendere il meno possibile per ascoltare canzoni col mio lettore o stereo... ma cavolo 40euro per vedere dal vivo qualcuno (più 50 per albergo, biglietti dei mezzi pubblici eccetera) io li do senza problemi se ne ho la possibilità... ecco dove sbagliano... canzoni gratuite ci vogliono, i soldi si fanno con i concerti... ascoltare una canzone lo posso fare milioni di volte, invece le sensazioni che provo vedendo il gruppo suonare... quelle non saranno mai le stesse e ognuna vale il prezzo del biglietto... si mettessero d'accordo con alberghi e ostelli per prendere una percentuale a notte durante i concerti et voilà che recuperano i soldi sempre più esigui che prendono dalla fendita di supporti fisici
    • giumarto scrive:
      Re: da musicista
      Mi trovo d'accordo con te...Con una canzone "registrata" in studio non posso guadagnare fino a 70 anni dalla morte del creatore...perchè devono "campare" anche i figli e i nipoti?Il guadagno deve essere nell'esecuzione live...Nel caso dei film si dovrebbe trovare qualche altra soluzione...
      • panda rossa scrive:
        Re: da musicista
        - Scritto da: giumarto
        Mi trovo d'accordo con te...
        Con una canzone "registrata" in studio non posso
        guadagnare fino a 70 anni dalla morte del
        creatore...perchè devono "campare" anche i figli
        e i
        nipoti?
        Il guadagno deve essere nell'esecuzione live...
        Nel caso dei film si dovrebbe trovare qualche
        altra
        soluzione...Nel caso dei film ci sono i biglietti del cinema.Il film si guarda al cinema!
    • anonimo scrive:
      Re: da musicista
      - Scritto da: Jacopo Monegato
      mi piace l'idea che ascoltino le mie canzoni, mi
      piace ancora di più che mi vengano a vedere
      suonare... Bene, nessuno ti impedisce di distribuire la tua musica gratuitamente e di far pagare le tue esibizioni. Non è che se tu fai una scelta allora altri artisti non devono vedere garantiti i loro diritti.
      e da ascoltatore io preferisco di gran
      lunga spendere il meno possibile per ascoltare
      canzoni col mio lettore o stereo...Ovvio a tutti piace spendere il meno possibile. Il problema è che adesso molta gente non vuole spendere niente e avere tutto.
      ma cavolo
      40euro per vedere dal vivo qualcuno (più 50 per
      albergo, biglietti dei mezzi pubblici eccetera)
      io li do senza problemi se ne ho la
      possibilità...Tu sì, tanta altra gente non li spende 40 euro per vedere qualcuno dal vivo. Sia perché non gli frega niente di vedere un gruppo dal vivo, sia perché non gli piace, non ha tempo ecc... Però la canzone scaricata dal mulo l'ascolta molto volentieri. Non è che tutti quelli che compravano CD poi andavano a vedere i concerti. Solo una parte lo fa. Esiste un mercato di persone che comprano la musica, ma non vanno ai concerti. Ecco con il p2p questi non comprano più, ma prendono.
      ecco dove sbagliano...canzoni
      gratuite ci vogliono, Tu che sai cosa è giusto diventa un artista di livello e poi dimostrami che sbagliano. Non so perché ma per il momento sento solo artisti che non si fila nessuno fare questo discorso. Ogni tanto salta fuori un gruppo famoso che si inventa una trovata, tipo i Radio Head, ma ci sono altri esempi. Però finita la trovata, poi vogliono che le loro canzoni vengano comprate.
      i soldi si fanno con i
      concerti... certo certo
      ascoltare una canzone lo posso fare
      milioni di volte, invece le sensazioni che provo
      vedendo il gruppo suonare... quelle non saranno
      mai le stesse e ognuna vale il prezzo del
      biglietto... Non è che se provi sensazioni diverse con il concerto allora quelle del CD diventino spazzatura.
      si mettessero d'accordo con alberghi
      e ostelli per prendere una percentuale a notte
      durante i concerti et voilà che recuperano i
      soldi sempre più esigui che prendono dalla
      fendita di supporti
      fisiciCerto alberghi, ostelli...ma perché non si mettono d'accordo? Ma che fessi! Meno male che ci sei tu. Come se non le facessero già le serate nei locali. Specie in Italia dove i gruppi sconosciuti li coprono d'oro quando fanno le serate nei locali.
      • panda rossa scrive:
        Re: da musicista
        - Scritto da: anonimo
        - Scritto da: Jacopo Monegato

        mi piace l'idea che ascoltino le mie canzoni, mi

        piace ancora di più che mi vengano a vedere

        suonare...

        Bene, nessuno ti impedisce di distribuire la tua
        musica gratuitamente e di far pagare le tue
        esibizioni. Pare che la SIAE lo impedisca.
        Non è che se tu fai una scelta allora
        altri artisti non devono vedere garantiti i loro
        diritti.Siamo qui a decidere se siano diritti da garantire oppure smetterla una volta per tutte con queste rendite parassitarie.

        e da ascoltatore io preferisco di gran

        lunga spendere il meno possibile per ascoltare

        canzoni col mio lettore o stereo...

        Ovvio a tutti piace spendere il meno possibile.
        Il problema è che adesso molta gente non vuole
        spendere niente e avere tutto.Quindi da questo modello di mercato sono tagliati fuori quelli che pensano di continuare a farsi pagare.

        ma cavolo

        40euro per vedere dal vivo qualcuno (più 50 per

        albergo, biglietti dei mezzi pubblici eccetera)

        io li do senza problemi se ne ho la

        possibilità...

        Tu sì, tanta altra gente non li spende 40 euro
        per vedere qualcuno dal vivo. Non abbastanza, purtroppo, perche' i biglietti si esauriscono sempre.
        Sia perché non gli
        frega niente di vedere un gruppo dal vivo, sia
        perché non gli piace, non ha tempo ecc... Però la
        canzone scaricata dal mulo l'ascolta molto
        volentieri. Meglio che niente, per l'artista, che invece il teatro non ha difficolta' a riempirlo.
        Non è che tutti quelli che compravano
        CD poi andavano a vedere i concerti. Solo una
        parte lo fa. Mi sai citare l'esempio di un concerto che non ha esaurito i biglietti e nonostante cio' tutti si sono scaricati l'mp3?
        Esiste un mercato di persone che
        la musica, ma non vanno ai concerti.Solo che la musica e' fatta per essere suonata dal vivo, non per essere fruita in registrazione.Quella gente che dici tu si accontenta di una riproduzione, perche' magari non e' potuta andare al concerto in quanto era tutto esaurito.
        Ecco con il p2p questi non comprano più, ma
        prendono.Infatti i negozi di CD stanno fallendo uno dopo l'altro...Tanto che volevo fare un giro alle messaggerie musicali sabato scorso, ma c'era tanta di quella gente che ho preferito lasciar perdere.

        ecco dove sbagliano...
        canzoni

        gratuite ci vogliono,

        Tu che sai cosa è giusto diventa un artista di
        livello e poi dimostrami che sbagliano. Non so
        perché ma per il momento sento solo artisti che
        non si fila nessuno fare questo discorso. Provo ad indovinare? Le case discografiche li tengono ben stretti per le palle?
        Ogni
        tanto salta fuori un gruppo famoso che si inventa
        una trovata, tipo i Radio Head, ma ci sono altri
        esempi. Quindi qualcuno c'e' e neppure cosi' sconosciuto.
        Però finita la trovata, poi vogliono che
        le loro canzoni vengano comprate.E tu sei cosi' sicuro che non siano invece stati convinti a cambiare idea per via di quella testa di cavallo mozzata che gli hanno recapitato a casa assieme a dei bossoli di 44 magnum?

        i soldi si fanno con i

        concerti...

        certo certoSono capace anche io di suonare in playback: prova a farlo sul palco e sappimi dire.

        ascoltare una canzone lo posso fare

        milioni di volte, invece le sensazioni che provo

        vedendo il gruppo suonare... quelle non saranno

        mai le stesse e ognuna vale il prezzo del

        biglietto...

        Non è che se provi sensazioni diverse con il
        concerto allora quelle del CD diventino
        spazzatura.No, non diventano spazzatura, ma non valgono il prezzo del concerto.

        si mettessero d'accordo con alberghi

        e ostelli per prendere una percentuale a notte

        durante i concerti et voilà che recuperano i

        soldi sempre più esigui che prendono dalla

        fendita di supporti

        fisici

        Certo alberghi, ostelli...ma perché non si
        mettono d'accordo? Ma che fessi! Meno male che ci
        sei tu. Come se non le facessero già le serate
        nei locali. Specie in Italia dove i gruppi
        sconosciuti li coprono d'oro quando fanno le
        serate nei
        locali.E quindi? Tu dici di essere un musicista, ma non vuoi suonare sul palco perche' ritieni piu' comodo startene in poltrona a guadagnare di rendita.Io ritengo piu' comodo restare in poltrona ad ascoltare l'mp3.Sappimi dire chi sara' il primo di noi due ad alzarsi dalla poltrona.
        • shevathas scrive:
          Re: da musicista


          Ma anche questi non vivono della filosofia: solo

          live e niente entrate dalle registrazioni in

          sala.

          Stai parlando di una dozzina di gruppi di fama
          mondiale.
          Io invece parlo delle decine di migliaia di
          gruppi sconosciuti alla massa che viaggiano e
          suonano: quella e' gente che vive di
          musica.
          certo, e ti riempiono anche gli stadi ?

          No. Pero' conosco un sacco di artisti che vivono
          di concerti e che non hanno mai fatto una
          registrazione in vita
          loro.campano solo di concerti ?
          • panda rossa scrive:
            Re: da musicista
            - Scritto da: shevathas


            Ma anche questi non vivono della filosofia:
            solo


            live e niente entrate dalle registrazioni in


            sala.



            Stai parlando di una dozzina di gruppi di fama

            mondiale.

            Io invece parlo delle decine di migliaia di

            gruppi sconosciuti alla massa che viaggiano e

            suonano: quella e' gente che vive di

            musica.


            certo, e ti riempiono anche gli stadi ?Riempiono i locali in cui vanno.Esistono anche le mezze misure, tra lo stadio e la panchina del parco.

            No. Pero' conosco un sacco di artisti che vivono

            di concerti e che non hanno mai fatto una

            registrazione in vita

            loro.

            campano solo di concerti ?Suonano dal vivo nei locali, fanno le serate, danno lezioni di musica.
          • shevathas scrive:
            Re: da musicista


            campano solo di concerti ?

            Suonano dal vivo nei locali, fanno le serate,
            danno lezioni di
            musica. 8)
          • panda rossa scrive:
            Re: da musicista
            - Scritto da: shevathas


            campano solo di concerti ?



            Suonano dal vivo nei locali, fanno le serate,

            danno lezioni di

            musica.

            8)Mi sfugge il motivo per cui tu abbia evidenziato con soddisfazione questa cosa.
          • krane scrive:
            Re: da musicista
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas



            campano solo di concerti ?


            Suonano dal vivo nei locali, fanno le serate,


            danno lezioni di musica.

            8)
            Mi sfugge il motivo per cui tu abbia evidenziato
            con soddisfazione questa cosa.Forse era convinto che ad un "artista" non potesse venire in mente di lavorare ?!?
          • shevathas scrive:
            Re: da musicista
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas



            campano solo di concerti ?





            Suonano dal vivo nei locali, fanno le serate,


            danno lezioni di


            musica.



            8)

            Mi sfugge il motivo per cui tu abbia evidenziato
            con soddisfazione questa
            cosa.la domanda era se campavano solo di concerti.
          • panda rossa scrive:
            Re: da musicista
            - Scritto da: shevathas
            la domanda era se campavano solo di concerti.Perche' il "dare lezioni di musica" deve essere considerato col metro dell'introito e non con il piacere di divulgare la propria conoscenza?A te quando qualcuno ti chiede cortesemente la strada per la stazione ti fai dare 5 euro per rispondere?
          • shevathas scrive:
            Re: da musicista

            Perche' il "dare lezioni di musica" deve essere
            considerato col metro dell'introito e non con il
            piacere di divulgare la propria
            conoscenza?
            perché siamo in un mondo dove il panettiere misura in soldi e non con il piacere di far apprezzare la sua cucina, il macellaio misura in soldi e non con il piacere di far apprezzare la sua abilità di taglio...
            A te quando qualcuno ti chiede cortesemente la
            strada per la stazione ti fai dare 5 euro per
            rispondere?a te se ti chiedono un applicativo verticale "pesante" chiedi soldi oppure lo fai gratis ?
          • krane scrive:
            Re: da musicista
            - Scritto da: shevathas

            Perche' il "dare lezioni di musica" deve essere

            considerato col metro dell'introito e non con il

            piacere di divulgare la propria conoscenza?
            perché siamo in un mondo dove il panettiere
            misura in soldi e non con il piacere di far
            apprezzare la sua cucina, il macellaio misura in
            soldi e non con il piacere di far apprezzare la
            sua abilità di taglio...

            A te quando qualcuno ti chiede cortesemente la

            strada per la stazione ti fai dare 5 euro per

            rispondere?
            a te se ti chiedono un applicativo verticale
            "pesante" chiedi soldi oppure lo fai gratis ?Ma cosa vuoi dire ? Quindi dovrebbero fare gratis anche i concerti ? Chiamiamo "operai" tutti i musicisti che al momento lavorano dietro le quindi per fare colonne sonore o insegnano musica ?
          • shevathas scrive:
            Re: da musicista
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: shevathas


            Perche' il "dare lezioni di musica" deve
            essere


            considerato col metro dell'introito e non con
            il


            piacere di divulgare la propria conoscenza?


            perché siamo in un mondo dove il panettiere

            misura in soldi e non con il piacere di far

            apprezzare la sua cucina, il macellaio misura in

            soldi e non con il piacere di far apprezzare la

            sua abilità di taglio...



            A te quando qualcuno ti chiede cortesemente la


            strada per la stazione ti fai dare 5 euro per


            rispondere?


            a te se ti chiedono un applicativo verticale

            "pesante" chiedi soldi oppure lo fai gratis ?

            Ma cosa vuoi dire ? che i soldini per campare da qualche parte devono essere presi, semplicemente.Si discuteva che i musicisti, (professionisti = quelli che suonano per professione) dovevano vivere solo di concerti e non anche di diritti e stavo chiedendo se esistevano musicisti che campavano solo ed esclusivamente di concerti.
          • krane scrive:
            Re: da musicista
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: krane

            Ma cosa vuoi dire ?
            che i soldini per campare da qualche parte devono
            essere presi, semplicemente.
            Si discuteva che i musicisti, (professionisti =
            quelli che suonano per professione) dovevano
            vivere solo di concerti e non anche di diritti e
            stavo chiedendo se esistevano musicisti che
            campavano solo ed esclusivamente di concerti.Da quando iniziano ad avere una certa quantita' di pubblico in poi si, nessuno nasce imparato bisogna iniziare.
          • shevathas scrive:
            Re: da musicista

            Da quando iniziano ad avere una certa quantita'
            di pubblico in poi si, nessuno nasce imparato
            bisogna
            iniziare.nomi please.
          • krane scrive:
            Re: da musicista
            - Scritto da: shevathas

            Da quando iniziano ad avere una certa quantita'

            di pubblico in poi si, nessuno nasce imparato

            bisogna iniziare.
            nomi please.Assalti frontali, Mgz (e le signore), gli stessi 99Posse.
          • shevathas scrive:
            Re: da musicista
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: shevathas


            Da quando iniziano ad avere una certa
            quantita'


            di pubblico in poi si, nessuno nasce imparato


            bisogna iniziare.


            nomi please.

            Assalti frontali, Mgz (e le signore), gli stessi
            99Posse.assalti frontali: il loro ultimo album è in vendita nello store del manifesto per 8.00 euro, in formato mp3 e su ibs come CDhttp:// www.ibs.it/disco/8028778791908/assalti-frontali/un-intesa-perfetta.htmlhttp://store.ilmanifesto.it/index.php?main_page=product_info&cPath=69_113&products_id=589&zenid=9117aaa05f052489f2418f6e519d2b23MGZ, cd in vendita su IBShttp:// www.ibs.it/ser/serfat.asp?site=cd&xy=mgz ci sono anche quelli dei 99 posse.
          • krane scrive:
            Re: da musicista
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: shevathas



            Da quando iniziano ad avere una certa



            quantita' di pubblico in poi si,



            nessuno nasce imparato bisogna iniziare.


            nomi please.

            Assalti frontali, Mgz (e le signore), gli stessi

            99Posse.
            assalti frontali: il loro ultimo album è in
            vendita nello store del manifesto per 8.00 euro,
            in formato mp3 e su ibs come CDVai ai loro concerti e parla con loro, sono disponibilissimi: io fui incuriosito dalla canzone : "Sulla strada" degli assalti che parla proprio degli mp3.
            http://
            www.ibs.it/disco/8028778791908/assalti-frontali/un
            http://store.ilmanifesto.it/index.php?main_page=pr
            MGZ, cd in vendita su IBS
            http:// www.ibs.it/ser/serfat.asp?site=cd&xy=mgz
            ci sono anche quelli dei 99 posse.
          • panda rossa scrive:
            Re: da musicista
            - Scritto da: shevathas

            A te quando qualcuno ti chiede cortesemente la

            strada per la stazione ti fai dare 5 euro per

            rispondere?

            a te se ti chiedono un applicativo verticale
            "pesante" chiedi soldi oppure lo fai gratis
            ?Un applicativo verticale si paga.Una richiesta postata su un NG in cui si richiede una informazione specifica e puntuale, no.Tu non la capisci mica la differenza tra lavorare e fare qualcosa per il piacere di farlo, vero?
          • shevathas scrive:
            Re: da musicista

            Un applicativo verticale si paga.

            Una richiesta postata su un NG in cui si richiede
            una informazione specifica e puntuale,
            no.

            Tu non la capisci mica la differenza tra lavorare
            e fare qualcosa per il piacere di farlo,
            vero?certo: nel primo caso ci devi fare affidamento per avere i soldini, nel secondo che ti paghino o meno te ne freghi.Se suoni per il piacere di farlo che nessuno venga ad ascoltarti o si riempia lo stadio/il locale/il soggiorno di casa te ne frega tanto quanto.Se suoni per viverci invece...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 settembre 2010 15.28-----------------------------------------------------------
          • krane scrive:
            Re: da musicista
            - Scritto da: shevathas

            Un applicativo verticale si paga.

            Una richiesta postata su un NG in cui si

            richiede una informazione specifica e

            puntuale, no.

            Tu non la capisci mica la differenza tra

            lavorare e fare qualcosa per il piacere

            di farlo, vero?
            certo: nel primo caso ci devi fare affidamento
            per avere i soldini, nel secondo che ti paghino o
            meno te ne freghi.
            Se suoni per il piacere di farlo che nessuno
            venga ad ascoltarti o si riempia lo stadio/il
            locale/il soggiorno di casa te ne frega tanto
            quanto.
            Se suoni per viverci invece...Non e' che uno si sveglia al mattino e dice: adesso suono per vivere.La gavetta si fa come in tutti i mestieri e le arti.
    • Giacomo scrive:
      Re: da musicista
      - Scritto da: Jacopo Monegato
      mi piace l'idea che ascoltino le mie canzoni, mi
      piace ancora di più che mi vengano a vedere
      suonare... e da ascoltatore io preferisco di gran
      lunga spendere il meno possibile per ascoltare
      canzoni col mio lettore o stereo... ma cavolo
      40euro per vedere dal vivo qualcuno (più 50 per
      albergo, biglietti dei mezzi pubblici eccetera)
      io li do senza problemi se ne ho la
      possibilità... ecco dove sbagliano... canzoni
      gratuite ci vogliono, i soldi si fanno con i
      concerti... ascoltare una canzone lo posso fare
      milioni di volte, invece le sensazioni che provo[...]condivido quasi tutto ma dovrebbero darsi una regolata con i prezzi dei biglietti dei concerti. Spesso non valgono i soldi che richiedono mentre oppure gli stessi artisti si tagliano fette di pubblico importanti solo perché chiedono troppi soldi.40 euro ormai sembra essere diventata la cifra media per un concerto. Con quei soldi ci paghi 2 cd originali.piuttosto io farei un po' di promozione virtuosa: compri il cd e ti regalo uno sconto (o l'intero) prezzo del concerto
      • Sgabbio scrive:
        Re: da musicista
        Caparezza era l'unico che aveva biglietti a prezzi umani tipo 8 euro ? :D
      • krane scrive:
        Re: da musicista
        - Scritto da: Giacomo
        - Scritto da: Jacopo Monegato
        40 euro ormai sembra essere diventata la cifra
        media per un concerto. Con quei soldi ci paghi 2
        cd originali.
        piuttosto io farei un po' di promozione virtuosa:
        compri il cd e ti regalo uno sconto (o l'intero)
        prezzo del concertoE che me ne faccio del cd ? Non ho mica tavoli che ballano in casa.
Chiudi i commenti