Bing, Yahoo! e le classifiche del search

Pubblicati gli elenchi delle keyword più ricercate dagli utenti. Nella top ten di Bing hanno trionfato le celebrità. In quella del motore in viola è arrivata prima la marea nera

Roma – Manca ormai meno di un mese all’inizio del 2011, e alcuni tra i principali search engine del web hanno già pubblicato le consuete classifiche relative ai termini più ricercati del 2010 . Personaggi dello spettacolo, esponenti politici e sconvolgimenti dell’attualità sono così entrati nelle liste di keyword più cliccate, nel tentativo di dipingere online l’ultimo affresco sullo zeitgeist .

La prima classifica pubblicata è quella di Bing, che ha messo in fila di dieci una serie impressionante di celebrità. Dalla prima “ricercata” Kim Kardashian, all’attrice Sandra Bullock; dalla star del golf Tiger Woods agli onnipresenti cantanti Lady Gaga e Justin Bieber . Un elenco in netto contrasto con quello dello scorso anno, che aveva messo sul podio Twitter, l’influenza suina e la crisi finanziaria.

La seconda classifica pubblicata è quella del motore in viola Yahoo!, dedicata alle principali tendenze della Rete. La morte di Michael Jackson – che aveva fatto ascendere la popstar alla vetta del search globale – è stata ora rimpiazzata dalla catastrofe ambientale nota come marea nera . Mentre la supersexy Megan Fox – prima nella classifica delle ricerche dedicate al mobile – ha dovuto ora cedere il posto alla National Football League (NFL) .

L’azienda di Sunnyvale ha dunque annunciato l’apertura in Italia di un sito interamente dedicato ai “fatti dell’anno 2010”. Una piattaforma sempre aggiornata contenente alcune classifiche speciali suddivise per ambiti. Ad esempio, Facebook ha trionfato in quella delle keyword più cercate . La marea nera in quella dei fatti del mondo. Pietro Taricone in quella degli addii celebri dell’anno 2010.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ilcumo scrive:
    ma quale paese democratico?
    Come si può parlare di paese democratico quello in cui un Ministro dell'Interno annuncia la schedatura di massa delle impronte digitali di tutti i cittadini?
    • Sandro kensan scrive:
      Re: ma quale paese democratico?
      - Scritto da: ilcumo
      Come si può parlare di paese democratico quello
      in cui un Ministro dell'Interno annuncia la
      schedatura di massa delle impronte digitali di
      tutti i
      cittadini?Mi pare giusto, potresti tentare di pubblicare documenti sconvenienti sui potenti della terra e quindi devi essere tenuto d'occhio.
  • AnOmino codardo scrive:
    Mazzette
    più reti wireless = meno necessita delle tariffe mobili ladre delle compagnie telefoniche = meno mazzette nelle mani dei ministri. ho smesso di indignarmi, mi adeguerò al fare italiano. Fate tutti altrettanto, prima tocchiamo il fondo prima risaliamo.
    • ChristianTN scrive:
      Re: Mazzette
      - Scritto da: AnOmino codardo
      più reti wireless = meno necessita delle tariffe
      mobili ladre delle compagnie telefoniche = meno
      mazzette nelle mani dei ministri. ho smesso di
      indignarmi, mi adeguerò al fare italiano. Fate
      tutti altrettanto, prima tocchiamo il fondo prima
      risaliamo.mai studiato la storia? intendo la storia vera, non i riassunti in fondo al capitolo... cerca di pensare prima di scrivere a cosa implicherebbe socialmente un simile procedimento
      • misfits108 scrive:
        Re: Mazzette
        - Scritto da: ChristianTN
        - Scritto da: AnOmino codardo

        più reti wireless = meno necessita delle tariffe

        mobili ladre delle compagnie telefoniche = meno

        mazzette nelle mani dei ministri. ho smesso di

        indignarmi, mi adeguerò al fare italiano. Fate

        tutti altrettanto, prima tocchiamo il fondo
        prima

        risaliamo.

        mai studiato la storia? intendo la storia vera,
        non i riassunti in fondo al capitolo... cerca di
        pensare prima di scrivere a cosa implicherebbe
        socialmente un simile
        procedimentospiegalo tu!!! "un simile procedimento" uuh aiuto...ma ti rendi conto che questo paese è fermo? E' FERMO da anni, anzi torna indietro. Sembra l'impero romani degli ultimi giorni, prima del crollo, corruzione ovunque,,ovunque! Non dico che sono tutti uguali, ma è necessario un nuovo corso, nuove regole, nuove leggi...fino al 14 il parlamento rimane chiuso! ma ti rendi conto?? 630 deputati a casa a fare nulla PAGATI + BENEFIT di ogni genere...se non merita l'italia di essere spazzata via, chi lo merita???
        • ChristianTN scrive:
          Re: Mazzette
          - Scritto da: misfits108
          spiegalo tu!!! "un simile procedimento" uuh
          aiuto...ma ti rendi conto che questo paese è
          fermo? E' FERMO da anni, anzi torna indietro.
          Sembra l'impero romani degli ultimi giorni, prima
          del crollo, corruzione ovunque,,ovunque! Non dico
          che sono tutti uguali, ma è necessario un nuovo
          corso, nuove regole, nuove leggi...fino al 14 il
          parlamento rimane chiuso! ma ti rendi conto?? 630
          deputati a casa a fare nulla PAGATI + BENEFIT di
          ogni genere...se non merita l'italia di essere
          spazzata via, chi lo
          merita???tu sicuramente, ti sei risposto da soloviva l'ottimismo...visto che paragoni l'italia a fine impero romano sai anche come fu il dopo impero romano, ma nella pochezza di citazioni a metà potresti anche continuare e sottolineare che la fine di un'organizzazione sociale implica eventi inacettabili per una società evoluta: la libertà di omicizio, la chiusura di servizi assistenziali e culturali, la riduzione della vita media, la perdita comune di moralità verso eventi orribili (es. pedofilia)...comunque libero di andare in giro a professore la fine del mondo, scusami ma ho una cultura e un'apertura mentale per dissentire da tecosa vuol dire il paese è fermo, anzi torna indietro?avresti la gentilezza di non fare il qualunquista e generalista e spiegare cosa vuoi dire?P.S.: ti informo (visto che hai studiato storia nei riassunti di fine capitolo) che non è stata la corruzione a far crollare l'impero romano, la corruzione è stata sempre alla base della crescita dell'impero, poteva essa vivere e prosperare se altre strutture non fossero state modificate... prenditi un libro e fai lo sforzo di leggere e capire, ti servirà di più che vedere tutto nero
          • misfits108 scrive:
            Re: Mazzette

            tu sicuramente, ti sei risposto da solo
            viva l'ottimismo...
            visto che paragoni l'italia a fine impero romano
            sai anche come fu il dopo impero romano, ma nella
            pochezza di citazioni a metà potresti anche
            continuare e sottolineare che la fine di
            un'organizzazione sociale implica eventi
            inacettabili per una società evoluta: la libertà
            di omicizio, la chiusura di servizi assistenziali
            e culturali, la riduzione della vita media, la
            perdita comune di moralità verso eventi orribili
            (es.
            pedofilia)...
            comunque libero di andare in giro a professore la
            fine del mondo, scusami ma ho una cultura e
            un'apertura mentale per dissentire da
            te
            cosa vuol dire il paese è fermo, anzi torna
            indietro?
            avresti la gentilezza di non fare il qualunquista
            e generalista e spiegare cosa vuoi
            dire?

            P.S.: ti informo (visto che hai studiato storia
            nei riassunti di fine capitolo) che non è stata
            la corruzione a far crollare l'impero romano, la
            corruzione è stata sempre alla base della
            crescita dell'impero, poteva essa vivere e
            prosperare se altre strutture non fossero state
            modificate... prenditi un libro e fai lo sforzo
            di leggere e capire, ti servirà di più che vedere
            tutto
            neroPaese che torna indietro? come giudichi un paese che NON investe in Ricerca? Nessuno sforzo. anzi si torna indietro. Ogni paese UE dovrebbe investire tot % del PIL per la ricerca, non sto a cercarti i dati effettivi, perché sarebbero ancora peggiori, in Italia si investe circa lo 0,8 % del PIL!! lo 0,8% ad essere buoni. forse anche meno! Ogni anno questa percentuale, già piccola, viene limata in qualche modo? Come può un paese evolversi e non rimanere indietro se taglia la ricerca??Il numero di ricercatori:Italia 70.000Spagna 100.000Francia circa 200.000Germania circa 270.000Ricerca OCSE 2006: rapporto ricercatori/occupatiSu 1000 occupati, i ricercatori sonoUSA 79%Corea 74%Giappone 67%Danimarca 67%Italia 38,2%!!!!!La Cina aumenta i suoi investimenti alla media di un 20% annuo. In India crescono dell8%.Nel 2005 i brevetti italiani erano 10.000, in Germania 90.000. Nove volte tanto!!! devo andare avanti?Ma ho forse affermato che la causa della caduta dell'impero romano è stata la corruzione? No! Mi spiace informarti che questa affermazione non la puoi ne leggere ne evincere dal mio intervento! Ho solo detto che l'italia di oggi è il riflesso dell'impero romano pre-caduta. Come dire, tizio aveva il berretto prima di cadere, ma tizio è caduto perché indossava il berretto? Non poi affermarlo al 100%, ma potrebbe aver contribuito magari diminuendo il campo visivo, ma è un fattore non sufficiente a far cadere tizio, sono subentrati altri fattori.Ma io non professo nessuna fine del mondo! :-) sei tu che mi dipingi un mondo post-apocalitico stile "ken shiro" ti cito:
          • ChristianTN scrive:
            Re: Mazzette
            - Scritto da: misfits108
            In conclusione, è chiaro che nessuno vorrebbe "la
            caduta", tu sei per il "non cambiare nulla, il
            sistema si autoregolerà, io sono per il "
            mettiamo le mani ora e cominciamo a cambiare le
            cose altrimenti l'italia sarà sempre uno stato
            fermo, se volete lasciare tutto così, allora
            meglio radere al suolo tutto e ricostruire" ma in
            sostanza di cosa parliamo?? Iniziamo dalla
            legislatura, leggi che favoriscono l'industria,
            un sistema fiscale che invoglia ad investire in
            italia, favoriamo la ricerca, sia "di base" che
            "applicata", meno burocrazia e + semplificazione
            legislativa. Basta sto ca**o di lodo alfano e
            giustizia, non sono queste le risposte che
            attende il paese. Investire nell'economia verde,
            energia pulita e nuovi posti di lavoro, in europa
            solo noi siamo tagliati fuori, liberiamo la
            politica dalla mafia, i condannati fuori dal
            parlamento! Gente come Cosentino non dovrebbe più
            vedersi nella pubblica amministrazione! devo
            andare
            avanti?no guarda, anch'io sono per cambiare le cose, ma non sono per frasi tipo "azzeriamo tutto che prima ricostruiamo", la fine di un organizzazione sociale (qualunque essa sia, bella o cattiva) porta ciò che ti ho descritto prima e questo lo si vede in tutte le società che escono da conflitti bellici e mi sembra tu abbia sufficiente lume per accorgerti di questose poi invece di "azzeriamo tutto" si parla di "cambiare classe politica" allora è un altro discorso, ma dobbiamo ricordarci che viviamo in un sistema democratico e se la gente percepisce di votare un certo gruppo o riconferma o ritirerà il proprio votocmq direi che prendere una discussione sull'acXXXXX a internet per trovare l'appiglio per dare una bocciatura totale al governo è decisamente pretestuoso, bisognerebbe anche restare in tema (almeno un pochino)P.S.: forse le percentuali che avevi dato erano per mille? mi sembrano troppo alte quelle dei ricercatori
          • misfits108 scrive:
            Re: Mazzette
            - Scritto da: ChristianTN
            - Scritto da: misfits108


            In conclusione, è chiaro che nessuno vorrebbe
            "la

            caduta", tu sei per il "non cambiare nulla, il

            sistema si autoregolerà, io sono per il "

            mettiamo le mani ora e cominciamo a cambiare le

            cose altrimenti l'italia sarà sempre uno stato

            fermo, se volete lasciare tutto così, allora

            meglio radere al suolo tutto e ricostruire" ma
            in

            sostanza di cosa parliamo?? Iniziamo dalla

            legislatura, leggi che favoriscono l'industria,

            un sistema fiscale che invoglia ad investire in

            italia, favoriamo la ricerca, sia "di base" che

            "applicata", meno burocrazia e + semplificazione

            legislativa. Basta sto ca**o di lodo alfano e

            giustizia, non sono queste le risposte che

            attende il paese. Investire nell'economia verde,

            energia pulita e nuovi posti di lavoro, in
            europa

            solo noi siamo tagliati fuori, liberiamo la

            politica dalla mafia, i condannati fuori dal

            parlamento! Gente come Cosentino non dovrebbe
            più

            vedersi nella pubblica amministrazione! devo

            andare

            avanti?

            no guarda, anch'io sono per cambiare le cose, ma
            non sono per frasi tipo "azzeriamo tutto che
            prima ricostruiamo", la fine di un organizzazione
            sociale (qualunque essa sia, bella o cattiva)
            porta ciò che ti ho descritto prima e questo lo
            si vede in tutte le società che escono da
            conflitti bellici e mi sembra tu abbia
            sufficiente lume per accorgerti di
            questo
            se poi invece di "azzeriamo tutto" si parla di
            "cambiare classe politica" allora è un altro
            discorso, ma dobbiamo ricordarci che viviamo in
            un sistema democratico e se la gente percepisce
            di votare un certo gruppo o riconferma o ritirerà
            il proprio
            voto
            cmq direi che prendere una discussione
            sull'acXXXXX a internet per trovare l'appiglio
            per dare una bocciatura totale al governo è
            decisamente pretestuoso, bisognerebbe anche
            restare in tema (almeno un
            pochino)

            P.S.: forse le percentuali che avevi dato erano
            per mille? mi sembrano troppo alte quelle dei
            ricercatoriSiamo andati un po' O.T. ma cmq non stiamo parlando di stupidate e possono esserci spunti di riflessione.Non ho volontà di bocciare il governo, ma quello che alla fine è stato concluso in 15 anni di governo. Negli anni 80/inizio anni 90 ero un bimbo, non andavo neanche alle elementari, ma ricordo in modo nitido la situazione economica, giravano più soldi, le persone facevano sacrifici, ma alla fine raccoglievano!! dopo il buio, soprattutto dal 2000 a oggi. Inutile negarlo, questo governo e il Parlamento NON lavorano!!! I cittadini chiedono e il governo risponde con altro... non è possibile che uno si faccia gli interessi propri con la carica di 1° ministro.Come si può parlare di voto in italia con un sistema elettorale del genere? Purtroppo il "sistema italia" è fallato da qualunque posizione lo si guardi! Qua il problema è che si sta portando avanti un morto che cammina. L'Italia è questo, si taglia dove si può, ma ad un certo punto non c'è più nulla da raschiare. Il gioco è questo, quando succederà probabilmente B. sarà o con le P***e al caldo oppure sotto 2 metri di terra (ha i suoi anni). Chi parla ancora di dx o sx, comunisti e centro-destra è solo un poverino nel caso dell'italiano medio, e un furbetto nel caso del politico, cerca di incasellare persone, gruppi, con un sistema di classificazione arcaico, inutile, e semplificativo, che faccia ancora breccia nella "massa", nel "popolo bue". Guardiamo oltre. Guardiamo i FATTI. Non basta costruire un ponte tra messina e RC per essere santificato, quell'opera veramente sarebbe utile? o è l'ennesimo sistema per dare appalti ai famosi "amici degli amici".Ci sono tanti PROCLAMI, ma manca la sostanza che deriva dall' ANALISI delle situazioni e dei problemi. , ma su quali dati ti basi per fare? è inutile iniziare a fare se non hai condotto uno studio analitico, questo in qualsiasi campo. Inutile dire il "governo del fare", si "fa" quando hai il progetto, e per progettare serve tempo e denaro. Avete mai visto costruire una casa senza il progetto? (le ultime 8 righe erano più uno sfogo che altro) P.S. Ho invertito le parole, "su 1000 ricercatori quelli occupati sono": ora le percentuali hanno più senso
          • ChristianTN scrive:
            Re: Mazzette
            guarda si apre una lunga storia sulle libertà economiche dei singoli stati all'interno dell'unione europea, te la faccio in sintesi e semplificata:la gestione economica si affronta in 2 modi: a) lo stile americano della spesa pubblica con indebitamento per mantenere una crescita costante della ricchezza disponibile ai cittadini (facendoli vivere aldisopra delle loro capacità e meriti reali), come si faceva in Italia fino alla fine degli anni 80 oppure; b) lo stile franco-tedesco su una crescita sobria e legata a risultati effettivi, sistema ora in vigore sull'intera unione europea...si voglia o non si voglia, gli economisti sapevano che questo sarebbe avvenuto quando è stata promossa la causa europea... quindi bene o male va considerato questo il fondo del barile, desumibile anche dal quasi default americano (ultima tappa del proXXXXX iniziato con il fallimento dei mutui subprime è l'emissione di liquidità da parte della banca centrale americana, riproposta in questi giorni)quindi il 2011 sarà un anno potenzialmente positivo e il 2012 forse anche di più (e poi forse il 21 dicembre avremo sorprese :D)poi la questione della nostra classe politica... beh in fondo rappresenta la nostra società, c'è sempre la speranza di redimere noi stessi trovando migliori rappresentanti
          • Guybrush Fuorisede scrive:
            Re: Mazzette
            - Scritto da: ChristianTN
            - Scritto da: misfits108[...]
            tu sicuramente, ti sei risposto da solo
            viva l'ottimismo...
            visto che paragoni l'italia a fine impero romano
            sai anche come fu il dopo impero romano, ma nella
            pochezza di citazioni a metà potresti anche
            continuare e sottolineare che la fine di
            un'organizzazione sociale implica eventi
            inacettabili per una società evoluta:Be' la camorra e' una organizzazione sociale, ma io la troncherei lo stesso, costi quel che costi.
            la libertà
            di omicizio,omicizio?
            la chiusura di servizi assistenziali
            e culturali,Sta gia' accadendo: ospedali che chiudono qua e la con la scusa della riorganizzazione, scuole che cadono a pezzi e uccidono (sottolineato tre volte) studenti e docenti, l'unica cosa che contina a funzionare bene sono i servizi per la casta.
            la riduzione della vita media,A quello ancora non ci siamo arrivati, ma aspetta altri 20 anni e vedrai.
            la
            perdita comune di moralità verso eventi orribili
            (es.
            pedofilia)...Gia ci sono da un po'.
            comunque libero di andare in giro a professore Professore?
            la
            fine del mondo, scusami ma ho una cultura E se la cultura l'hai formata prima del 1965 sei un po' vecchietto, ma neanche troppo e dovresti esserti reso conto da solo che l'italia e' andata sempre piu' a rotoli.
            e
            un'apertura mentale per dissentire da
            te
            cosa vuol dire il paese è fermo, anzi torna
            indietro?Vuol dire che coloro i quali iniziano oggi il loro percorso di formazione per diventare cittadini usciranno formati PEGGIO di coloro che li hanno preceduti (e negli ultimi 30 anni e' stato sempre così)Le conseguenze di questo agire scellerato si manifestano solo quando lo studente cessa di essere tale e diventa... disoccupato.A quel punto, ignorante come un somaro di collodiana memoria (diosanto quanta verità c'è nella storia di Lucignolo) si presenta al primo colloquio di lavoro e accetta un "contratto" in nero ignorando completamente quelli che sono i propri diritti (e i propri doveri) e anzi, credendosi molto furbo per essere riuscito ad entrare nel mondo del lavoro.Poi capisce, ma ormai ha il collare attorno al collo e tutto quello che riesce a fare e' ragliare forte lamentandosi che va tutto a rotoli, che le case costano troppo e che c'e' qualcuno che ne sa appena più di lui, ma è abbastanza per mettergli i piedi in testa. Adesso vorrebbe studiare, ma non sa nemmeno da che parte incominciare e anche i corsi costano troppo.Alla fine riuscira' forse a salvarsi, ma impiegherà meta' della sua vita lavorativa per ottenere quel posto fisso che invece i suoi colleghi d'oltralpe, grazie alla loro formazione... non superiore, ma piu' efficiente, hanno ottenuto a scuola.Da almeno 30 anni a questa parte ogni generazione sa "meno" di quella che l'ha preceduta. Oggi abbiamo nel mondo del lavoro gli "studenti" che nel 1995 avevano 6 anni.Io, che nel '92 mi sono diplomato mi consideravo un mezzo somaro, ma rileggendo le prove d'esame di anno in anno mi parevano sempre piu' facili... sebbene abbia smesso da tempo lo studio di certe materie privilegiandone altre.I casi sono due: o sono diventato Einstein o qualcosa e' diventato piu' facile.Hint: di anno in anno le risorse per la pubblica istruzione sono sempre state tagliate, a prescindere dall'orientamento politico del governo.Fatevi i conti... GTFS
          • ChristianTN scrive:
            Re: Mazzette
            ho fatto qualche orrore ed errore di battitura, ma proprio te che sai il regolamento del forum, mi stupisci che cadi in correzioni...comunque il mio riferimento ai fenomeni post caduta di una società, sono tutti desumibili da un azzeramento della stessa (se cade uno stato, ne cade l'autorità e l'organizzazione), che poi le cose ora vadano meno bene di 30 anni fa o che si spenda meno in cultura e sanità è anche legato (che si voglia o che non si voglia) alla necessità di essere virtuosi nella gestione della propria economia, evitando facili e continui aumenti della spesa pubblica e susseguenti svalutazioni monetarie(questa è la gestione dell'economia nella filosofia franco-tedesca, se invece si voleva giocare con l'economia non si doveva entrare nell'area euro)comunque qui dovremmo parlare di internet :)
          • misfits108 scrive:
            Re: Mazzette
            - Scritto da: ChristianTN
            ho fatto qualche orrore ed errore di battitura,
            ma proprio te che sai il regolamento del forum,
            mi stupisci che cadi in
            correzioni...

            comunque il mio riferimento ai fenomeni post
            caduta di una società, sono tutti desumibili da
            un azzeramento della stessa (se cade uno stato,
            ne cade l'autorità e l'organizzazione), che poi
            le cose ora vadano meno bene di 30 anni fa o che
            si spenda meno in cultura e sanità è anche legato
            (che si voglia o che non si voglia) alla
            necessità di essere virtuosi nella gestione della
            propria economia, evitando facili e continui
            aumenti della spesa pubblica e susseguenti
            svalutazioni
            monetarie
            (questa è la gestione dell'economia nella
            filosofia franco-tedesca, se invece si voleva
            giocare con l'economia non si doveva entrare
            nell'area
            euro)

            comunque qui dovremmo parlare di internet :)Giocare con l'economia? tu riesci a comprendere il concetto euro = signoraggio = perdita della sovranità monetaria? sai che per ogni 100 euro preso in prestito dalla BCE, a fine anno devi restituire 101?? e dove lo fai saltare fuori quell'euro?? niente devi privatizzare quello che ti rimane di pubblico...tipo "servizio dell'acqua" magari???Filosofia franco-tedesca? Non puoi prendere spunto da una certa "filosofia" ed applicarla a metà.
          • ChristianTN scrive:
            Re: Mazzette
            - Scritto da: misfits108
            Giocare con l'economia? tu riesci a comprendere
            il concetto euro = signoraggio = perdita della
            sovranità monetaria? sai che per ogni 100 euro
            preso in prestito dalla BCE, a fine anno devi
            restituire 101?? e dove lo fai saltare fuori
            quell'euro?? niente devi privatizzare quello che
            ti rimane di pubblico...tipo "servizio
            dell'acqua"
            magari???

            Filosofia franco-tedesca? Non puoi prendere
            spunto da una certa "filosofia" ed applicarla a
            metà.confondi un po' con signoraggio con soldi presi in prestito, comunque, quello che si deve ripagare alla banca centrale è un importo inferiore rispetto ai tassi di interesse che l'Italia pagava sul suo debito pubblico prima di entrare in zona eurocmq dai, siamo troppo OT
          • misfits108 scrive:
            Re: Mazzette

            confondi un po' con signoraggio con soldi presi
            in prestito, comunque, quello che si deve
            ripagare alla banca centrale è un importo
            inferiore rispetto ai tassi di interesse che
            l'Italia pagava sul suo debito pubblico prima di
            entrare in zona
            euro

            cmq dai, siamo troppo OT
            ????????????????????????????????????
          • gnugnolo scrive:
            Re: Mazzette
            idem x il $
          • ChristianTN scrive:
            Re: Mazzette
            okma la banca è un istituto privato per espropriare i governi da una politica monetaria arbitraria, populista, demagoga e inefficientepoi puoi anche scandalizzarti della perdita di sovranità, come giusto che sia, ma ti scandalizzeresti comunque da atteggiamenti economici nefasti di politici eletti ed incompetentinell'adagio di alcuni siti che sostengono questa lotta al signoraggio privato, c'è poi la disquisizione che basti stampare carta per risanare il debito (ignorando il vortice inflazionistico che ne deriverebbe ad intero livello mondiale)cmq siamo molto off topic
          • gnugnolo scrive:
            Re: Mazzette
            NO la banca non espropria il governo perché il governo ha (tutto da dimostrare) adottato politiche economiche sventurate... lo fa per avere il controllo e accumulare ricchezza. L'alternativa al politico disonesto o incompentente non dev'essere il banchiere avido e senza scrupoli.
          • ChristianTN scrive:
            Re: Mazzette
            - Scritto da: gnugnolo
            NO la banca non espropria il governo perché il
            governo ha (tutto da dimostrare) adottato
            politiche economiche sventurate... lo fa per
            avere il controllo e accumulare ricchezza.
            L'alternativa al politico disonesto o
            incompentente non dev'essere il banchiere avido e
            senza
            scrupoli.veramente sono stati i governi a creare degli istituti centrali e indipendenti, tutto da dimostrare che sia nata prima la banca centrale avida e senza scrupoli
          • gnugnolo scrive:
            Re: Mazzette
            Se avessi studiato storia sapresti che le banche sono nate in Italia nel Medioevo, quando il concetto di Stato o di Nazione era a malapena esistente e sicuramente ben diverso da quello successivo. Sono nate da privati che dai primi del '900 in poi, tramite pressioni, corruzioni e soliti intrighi, si sono "fatti consegnare" per legge le banche centrali statali per gestirle loro. Nessuno ha detto che le hanno create loro. Dove è stato detto in questi post che le banche centrali le hanno inventate le banche private? Non mettere in bocca ad altri cose non dette. È una tecnica retorica che qui non funziona.
          • ChristianTN scrive:
            Re: Mazzette
            - Scritto da: gnugnolo
            Se avessi studiato storia sapresti che le banche
            sono nate in Italia nel Medioevo, quando il
            concetto di Stato o di Nazione era a malapena
            esistente e sicuramente ben diverso da quello
            successivo. Sono nate da privati che dai primi
            del '900 in poi, tramite pressioni, corruzioni e
            soliti intrighi, si sono "fatti consegnare" per
            legge le banche centrali statali per gestirle
            loro. Nessuno ha detto che le hanno create loro.
            Dove è stato detto in questi post che le banche
            centrali le hanno inventate le banche private?
            Non mettere in bocca ad altri cose non dette. È
            una tecnica retorica che qui non
            funziona.se sapessi la storia sapresti che prima le banche centrali erano gestite direttamente dal potere politicoe che in molti casi i governi hanno stampato carta per liquidare debiti, svalutare la moneta e competere sui mercati internazionalima ok, nessuna retorica, eccetto il fatto che hai collegato eventi distanti dimenticando i passi intermedi, però basta rivisitazione ad personam della storia, che qui (come dici tu) non attaccagrazie
          • gnugnolo scrive:
            Re: Mazzette
            Guarda che io ho semplicemente detto che appunto le banche centrali prima erano STATALI perché tu avevi stracapito il mio post di prima. Lo so benissimo cosa hanno fatto i governi e ti ho spiegato che l'alternativa al politico sprovveduto, corrotto o quello che è non deve essere il privato per una cosa fondamentale come il sistema monetario di un Paese.La rivisitazione personale della storia (che, per inciso, qui non c'è stata... è storia documentata... basta informarsi), non è retorica, è falsità. La retorica è mettere in bocca ad altri cose mai dette per poi farli passare dalla parte del torto, sviare l'attenzione e "difendere" la propria tesi. Quale sarebbe la mia rivisitazione, tanto x curiosità?
          • ChristianTN scrive:
            Re: Mazzette
            - Scritto da: gnugnolo
            Guarda che io ho semplicemente detto che appunto
            le banche centrali prima erano STATALI perché tu
            avevi stracapito il mio post di prima. Lo so
            benissimo cosa hanno fatto i governi e ti ho
            spiegato che l'alternativa al politico
            sprovveduto, corrotto o quello che è non deve
            essere il privato per una cosa fondamentale come
            il sistema monetario di un
            Paese.
            veramente non hai spiegato, hai solo detto che non deve essere, comunque non piace neppure a me che la soluzione sia un privato... ma comunque non è spiegare, è solo bocciare
            La rivisitazione personale della storia (che, per
            inciso, qui non c'è stata... è storia
            documentata... basta informarsi), non è retorica,
            è falsità. La retorica è mettere in bocca ad
            altri cose mai dette per poi farli passare dalla
            parte del torto, sviare l'attenzione e
            "difendere" la propria tesi. Quale sarebbe la mia
            rivisitazione, tanto x
            curiosità?è storia documentata che i governi hanno ceduto la sovranità della politica monetaria ad un'autorità indipendente, che poi in molti Paesi questo sia equivalso a dare un tornaconto a banchieri avidi, non piace a nessunoma la necessità di togliere ai governi la leva monetaria è stata una richiesta anche di molti governi, solo per riuscire a mantenere "abbastanza" indipendenti le politiche monetarie dalle politiche fiscali e di conseguenza mantenere un certo equilibrio nelle economie occidentali...ti ripeto: concordo con te che il banchiere avido non dovrebbe avere questo potere, ma non è solo frutto della loro pressione, è anche dovuto ad un percorso di politica effettiva... poi che non piaccia...a mio avviso, aldilà che il compito sia stato svolto da privati (avidi o meno), è stato fondamentale per mantenere una crescita effettiva
    • ruppolo scrive:
      Re: Mazzette
      - Scritto da: AnOmino codardo
      più reti wireless = meno necessita delle tariffe
      mobili ladre delle compagnie telefoniche = meno
      mazzette nelle mani dei ministri. ho smesso di
      indignarmi, mi adeguerò al fare italiano.Cosa che ho fatto anch'io, di recente.
      Fate
      tutti altrettanto,Questo no! Chi può emigri da questo paese il prima possibile.
      prima tocchiamo il fondo prima
      risaliamo.Illuso.
      • Guybrush Fuorisede scrive:
        Re: Mazzette
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: AnOmino codardo

        più reti wireless = meno necessita delle tariffe

        mobili ladre delle compagnie telefoniche = meno

        mazzette nelle mani dei ministri. ho smesso di

        indignarmi, mi adeguerò al fare italiano.

        Cosa che ho fatto anch'io, di recente.


        Fate

        tutti altrettanto,

        Questo no! Chi può emigri da questo paese il
        prima
        possibile.


        prima tocchiamo il fondo prima

        risaliamo.

        Illuso.Probabilmente non gli è mai capitato, da bambino, di giocare sulla spiaggia, cadere nella buca scavata da un'altro bambino e cominciare a scavare.Eh si.
        • ChristianTN scrive:
          Re: Mazzette
          - Scritto da: Guybrush Fuorisede

          Probabilmente non gli è mai capitato, da bambino,
          di giocare sulla spiaggia, cadere nella buca
          scavata da un'altro bambino e cominciare a
          scavare.

          Eh si.grande, bell'esempio per non professare di toccare il fondo :)non c'è mai limite ad esso
  • Sgabbio scrive:
    re2: 20 Giorni
    Bhe, se fossero cosi solerti per cacciare i veri rompi balle e migliorare i forum, invece di censurare a random...
  • Sgabbio scrive:
    re: 20 giorni
    Ringraziamo la redazione per l'ennesima censura
  • geppo12 scrive:
    Sono veramente molto confuso
    In un suo articolo su wired.it del 5/11il Governo ha deciso di non prorogare ulteriormente l'efficacia del famigerato art. 7 del Decreto Pisanu e di lasciare, quindi, liberi i titolari degli esercizi commerciali di mettere a disposizione dei propri avventori risorse di connettività senza l'esigenza di richiedere una speciale licenza al questore né di identificarli attraverso carta d'identità.per dovere id completezza il primo comma dell' articolo 7 della legge 155/2005 recita1. A decorrere dal quindicesimo giorno successivo alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto e fino al 31 dicembre 2007, chiunque intende aprire un pubblico esercizio o un circolo privato di qualsiasi specie, nel quale sono posti a disposizione del pubblico, dei clienti o dei soci apparecchi terminali utilizzabili per le comunicazioni, anche telematiche, deve chiederne la licenza al questore. La licenza non e' richiesta nel caso di sola installazione di telefoni pubblici a pagamento, abilitati esclusivamente alla telefonia vocale.La data del 31/12/2007 e poi stata prorogata, purtroppo, fino ad oggi con i vari decreti milleproroghe.ora scrive lei scirveIl Governo non ha, infatti, sin qui presentato nessun disegno di legge per abrogare o sostituire la disciplina attualmente dettata dal c.d. Decreto Pisanu.Mi spiace molto ma qualcosa mi sfugge: che bisogno c'è di abrogare l'articolo 7 (cosa che lei rimprovera al Ministro) se tale articolo scade, per quanto espressamente scritto nella legge dello stato, da solo, quando non rinnovato da altra disposizione ?Mi perdoni ma sono molto confuso.SalutiGiuseppe Monteleone
    • ruppolo scrive:
      Re: Sono veramente molto confuso
      Domanda lecita.Ma è una domanda troppo semplice, troppo banale, perché un politico possa rispondere in modo da ingarbugliare il discorso.
  • entromezzanotte scrive:
    Il WiFi capillare non è quello delle PA
    Spesso articoli che parlano del WiFi riportano sempre riferimenti a "impianti" di WiFi pubblici gestiti dalla PA (comuni o altro).Ma vorrei sottolineare che NON sono quel tipo di impianti a determinare la grande diffusione capillare del WiFi libero.Lo sono invece le iniziative dei singoli privati: negozianti, piccoli alberghi, gestori di locali pubblici, circoli, biblioteche, privati cittadini.Il WiFi capillare è composto quindi da queste piccole entità, che però non investirebbero mai qualche centinaio di euro all'anno per la gestione di qualsiasi tipo di sistema di autenticazione. Senza dimenticare che dovrebbero mettere in conto anche le perdite di tempo tra i meandri della burocrazia italiana.Quindia) O il decreto Pisanu viene abrogato e basta, eventualmente istituendo una legge che garantisca la libertà di acXXXXX ad Internet in modo anonimo, oppure la vera diffusione del WiFi capillare non ci sarà mai in Italia.b) Per favore smettete di confondere nei vostri commenti gli "impianti" di WiFi gestiti da grosse organizzazioni (PA/comuni) e quelli gestiti dai piccolissimi privati. Sono due cose diverse. I primi si possono permettere un sistema di autenticazione "statale", i secondi no.
    • gnugnolo scrive:
      Re: Il WiFi capillare non è quello delle PA
      Bravissimo! Infatti!
    • ChristianTN scrive:
      Re: Il WiFi capillare non è quello delle PA
      - Scritto da: entromezzanotte
      Spesso articoli che parlano del WiFi riportano
      sempre riferimenti a "impianti" di WiFi pubblici
      gestiti dalla PA (comuni o
      altro).
      Ma vorrei sottolineare che NON sono quel tipo di
      impianti a determinare la grande diffusione
      capillare del WiFi
      libero.
      Lo sono invece le iniziative dei singoli privati:
      negozianti, piccoli alberghi, gestori di locali
      pubblici, circoli, biblioteche, privati
      cittadini.
      Il WiFi capillare è composto quindi da queste
      piccole entità, che però non investirebbero mai
      qualche centinaio di euro all'anno per la
      gestione di qualsiasi tipo di sistema di
      autenticazione. Senza dimenticare che dovrebbero
      mettere in conto anche le perdite di tempo tra i
      meandri della burocrazia
      italiana.
      Quindi
      a) O il decreto Pisanu viene abrogato e basta,
      eventualmente istituendo una legge che garantisca
      la libertà di acXXXXX ad Internet in modo
      anonimo, oppure la vera diffusione del WiFi
      capillare non ci sarà mai in
      Italia.
      b) Per favore smettete di confondere nei vostri
      commenti gli "impianti" di WiFi gestiti da grosse
      organizzazioni (PA/comuni) e quelli gestiti dai
      piccolissimi privati. Sono due cose diverse. I
      primi si possono permettere un sistema di
      autenticazione "statale", i secondi
      no.guarda che basta un applicativo che rilasci accessi alla rete in cambio della registrazione di un numero di cellulare, certo ti costa un sms in uscita per ogni registrazione (che fai una volta per sempre)capisco che tu abbia un esercizio e promuovi la tua wi-fi, e sei lodevole in questo, ma su una cosa pecchi...l'estensione dei wi-fi non sarà il frutto della connessione libera di esercizi e privati cittadini che lasciano le porte aperte alle loro connessioni, ma sarà di ditte private/pubbliche che wi-fi-zzeranno il territorio e agli esercenti sarà richiesto solo di rilanciare il segnale, abbattendo così anche i costi di connessione ad internet per tutti
      • Guybrush Fuorisede scrive:
        Re: Il WiFi capillare non è quello delle PA
        - Scritto da: ChristianTN
        - Scritto da: entromezzanotte[...]
        guarda che basta un applicativo che rilasci
        accessi alla rete in cambio della registrazione
        di un numero di cellulare, certo ti costa un sms
        in uscita per ogni registrazione (che fai una
        volta per
        sempre)
        capisco che tu abbia un esercizio e promuovi la
        tua wi-fi, e sei lodevole in questo, ma su una
        cosa
        pecchi...
        l'estensione dei wi-fi non sarà il frutto della
        connessione libera di esercizi e privati
        cittadini che lasciano le porte aperte alle loro
        connessioni, ma sarà di ditte private/pubbliche
        che wi-fi-zzeranno il territorio e agli esercenti
        sarà richiesto solo di rilanciare il segnale,
        abbattendo così anche i costi di connessione ad
        internet per
        tuttiSi chiamano reti mesh.Prima o poi i virus informatici cominceranno a colpire i router domestici (in realta' gia' avviene) e cominceranno a formarsi reti-zombie capaci di fornire connettività a gratis a determinati soggetti.L'utente domestico potrà accorgersi dell'infezione solo controllando il peso in kB del firmware del proprio router con quello ufficiale del fornitore.Una differenza anche di un solo bit indica che è ora di aggiornare il firmware del router, con tutte le rogne che ciò comporta.GTFS
        • ChristianTN scrive:
          Re: Il WiFi capillare non è quello delle PA
          - Scritto da: Guybrush Fuorisede
          - Scritto da: ChristianTN

          - Scritto da: entromezzanotte
          [...]

          guarda che basta un applicativo che rilasci

          accessi alla rete in cambio della registrazione

          di un numero di cellulare, certo ti costa un sms

          in uscita per ogni registrazione (che fai una

          volta per

          sempre)

          capisco che tu abbia un esercizio e promuovi la

          tua wi-fi, e sei lodevole in questo, ma su una

          cosa

          pecchi...

          l'estensione dei wi-fi non sarà il frutto della

          connessione libera di esercizi e privati

          cittadini che lasciano le porte aperte alle loro

          connessioni, ma sarà di ditte private/pubbliche

          che wi-fi-zzeranno il territorio e agli
          esercenti

          sarà richiesto solo di rilanciare il segnale,

          abbattendo così anche i costi di connessione ad

          internet per

          tutti

          Si chiamano reti mesh.
          Prima o poi i virus informatici cominceranno a
          colpire i router domestici (in realta' gia'
          avviene) e cominceranno a formarsi reti-zombie
          capaci di fornire connettività a gratis a
          determinati
          soggetti.
          L'utente domestico potrà accorgersi
          dell'infezione solo controllando il peso in kB
          del firmware del proprio router con quello
          ufficiale del
          fornitore.
          Una differenza anche di un solo bit indica che è
          ora di aggiornare il firmware del router, con
          tutte le rogne che ciò
          comporta.

          GTFSno guarda, parla di wi-fi cittadine, ti ho postato i link sull'altro post
  • Riccardo Corradino scrive:
    il vero problema non è l'art. 7 e basta
    Ancora una volta chi critica un politico per sfruttare l'onda mediatica di un problema fa la stessa identica cosa!Il reale problema non è il Decreto Pisanu (che oramai mi fa anche tenerezza!), ma l'adozione di una misura che permetta di coniugare la semplificazione per la fornitura di connettività con quello strumento magico che è, o dovrebbe essere, la Carta d'Identità Elettronica per un'autenticazione certa dell'utenza e la razionalizzazione dei costi per tutto il Paese.Quando anche i "tecnici dell'informazione" arrivano ad affrontare gli argomenti non in maniera integrata ed efficiente si è prossimi alla stagnazione culturale.
  • ninjaverde scrive:
    E L'Europa?
    Insomma siamo in Europa, ci hanno messo nelle maini anche la moneta unica ...che non si sa bene se sia un bene o un male, ad ogni modo c'è. Poi con Internet si fanno leggi speciali, poi si accorgono che non vanno bene, allora ne propongono altre che non risolvono un tubo. E se per colmo di illumnazione proponessero una legge come è quella in altri paesi europei non andrebbe bene?
  • ChristianTN scrive:
    Tutto già superato
    La polizia postale ha già chiarito che basta un'autenticazione sulla rete registrando il proprio numero di telefono, certo ci si sforza un minimo nel cedere la propria privacy, ma in contempo si può navigare liberamente...Già sono diversi i comuni che stanno implementando wi-fi cittadine con questo metodo di registrazione (si riceve un sms a costo zero), agli utenti stranieri è chiesta la registrazione con carta di credito (al costo di 1 euro per registrazione), visto che all'estero è possibile acquistare schede sim usa e getta-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 dicembre 2010 10.48-----------------------------------------------------------
    • Sgabbio scrive:
      Re: Tutto già superato
      Troppo restrittivo.
      • emarit scrive:
        Re: Tutto già superato
        - Scritto da: Sgabbio
        Troppo restrittivo.Se uno vuole l'anarchia, tutto è comunque troppo restrittivo, no?
        • Sgabbio scrive:
          Re: Tutto già superato
          Tu confondi l'uso libero e legale con altro....Tra l'altro queste restrizioni servono solo a minare la diffusione del wireless aperto.
      • ChristianTN scrive:
        Re: Tutto già superato
        - Scritto da: Sgabbio
        Troppo restrittivo.cosa è restrittivo? che ti devi identificare?
        • Sgabbio scrive:
          Re: Tutto già superato
          Si, sopratutto il sistema usato è ridicolo.
          • Aleph72 scrive:
            Re: Tutto già superato
            - Scritto da: Sgabbio
            Si, sopratutto il sistema usato è ridicolo.Qui in Spagna si usa lo stesso sistema da un po' e funziona molto bene.La prima volta che ti colleghi puoi registrarti inserendo il numero di cellulare e in qualche secondo ti arriva la password via sms.Poi non devi fare altro che loggarti con numero di cellulare e password ed hai il wifi gratis in tutta la città.Non mi sembra tutta questa pazzia.Per i problemi di sicurezza, io comunque non mi collego mai a hotspot pubblici senza la VPN attiva.
      • ruppolo scrive:
        Re: Tutto già superato
        - Scritto da: Sgabbio
        Troppo restrittivo.Concordo.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Tutto già superato
          Ruppolo, sei una sorpresa continua! Ti prego intervieni sempre in discussioni che non ci sta pirateria e apple *_*!
    • Guybrush Fuorisede scrive:
      Re: Tutto già superato
      Modificato dall' autore il 02 dicembre 2010 10.48
      --------------------------------------------------Hai un link al riguardo per confermare questa notizia?Detta così prendo l'elenco telefonico di torino (io vivo a canicattì), prendo il nome del primo pistola che mi capita a tiro e mi identifico col suo numero di telefono?Ti ricordo che esistono le connessioni WiFi oltre a UMTS et simila.GTFS
      • ChristianTN scrive:
        Re: Tutto già superato

        Hai un link al riguardo per confermare questa
        notizia?
        Detta così prendo l'elenco telefonico di torino
        (io vivo a canicattì), prendo il nome del primo
        pistola che mi capita a tiro e mi identifico col
        suo numero di
        telefono?

        Ti ricordo che esistono le connessioni WiFi oltre
        a UMTS et
        simila.

        GTFSwi-fi, wi-fiti registri con il tuo cellulare e ti arriva un sms con la passwordwww.futur3.itwww.romawireless.comsi parla di wi-fi
        • steven levico scrive:
          Re: Tutto già superato
          bello...farsi loggare tutto il traffico (mica solo data inizio fine connessione) significa rinunziare in toto alla propria riservatezzaspero che questi pseudo-provider spioni falliscano al più presto
          • ChristianTN scrive:
            Re: Tutto già superato
            - Scritto da: steven levico
            bello...
            farsi loggare tutto il traffico (mica solo data
            inizio fine connessione) significa rinunziare in
            toto alla propria
            riservatezza
            spero che questi pseudo-provider spioni
            falliscano al più
            prestoguarda che non sono i provider a fare gli spioni, è il decreto Pisanu di mantenere il log per almeno 3/6 mesi
          • Sgabbio scrive:
            Re: Tutto già superato
            non giustifica nulla...eh ?
          • ChristianTN scrive:
            Re: Tutto già superato
            - Scritto da: Sgabbio
            non giustifica nulla...eh ?scusa, una domanda seria?se la legge ti impone di fare qualcosa e tu sei contrario che fai? non la fai?persino il tuo gestore telefonico è obbligato a conservare i tuoi sms per un lungo periodo, allora non mandare sms e amen
  • robcar scrive:
    Per la redazione: è Della Vedova
    Per la redazione (e la precisione) è Della (non Dalla) Vedova
  • Alberto Berti scrive:
    In controtendenza
    Siamo sicuri che l'acXXXXX libero alla rete sia una cosa giusta?Io ho tre figli 12, 9 e 5 anni e non sono sicuro di essere contento che possano accedere alla rete dove e come vogliono... in più la legge Pisanu che chiamate inutile ha fatto arrestare più pedofili e truffatori di quanto non crediate e questo lo so per certo per via del mio mestiere...L'idea della PEC è assurda... meglio un'autenticazione con carta di credito... sono pochi i paesi dove l'acXXXXX è libero e gratuito (francia?) i più stanno tornando indietro (Usa). L'acXXXXX alla rete ha costi enormi perchè le mie tasse dovrebbero andare a finanziare una cosa che non è indispensabile ? Preferisco che gli amministratori spendano i miei soldi altrove: acXXXXX all'acqua, acXXXXX alle cure, acXXXXX al cibo, acXXXXX per i diversamente abili, libertà di culto, energia pulita... mamma mia quante cose vengono prima di internet!!! meditate
    • Nessuno qui scrive:
      Re: In controtendenza
      Siamo sicuri che l'acXXXXX libero all'acqua sia una cosa giusta?Siamo sicuri che l'acXXXXX libero al telefono sia una cosa giusta?Siamo sicuri che l'acXXXXX libero alle biblioteche sia una cosa giusta?La prima fa venire le malattie. Il secondo viene usato per perdere tempo ed organizzare rapine. Le biblioteche, infine, con tutti quei libri, guastano la mente!DON'T FEED THE TROLL!
      • emarit scrive:
        Re: In controtendenza
        - Scritto da: Nessuno qui
        Siamo sicuri che l'acXXXXX libero all'acqua sia
        una cosa
        giusta?
        Siamo sicuri che l'acXXXXX libero al telefono sia
        una cosa
        giusta?
        Siamo sicuri che l'acXXXXX libero alle
        biblioteche sia una cosa
        giusta?
        Siamo sicuri che le bollette dell'acqua siano anonime, le sim e le bollette per la telefonia fissa pure, le tessere per prender a prestito libri dalle biblioteche pure anonime?A giudicare da come ragionano gli utenti di PI e l'italiano medio, io non mi fidereiper niente di mettergli in mano strumenti da gestire anonimamente.

        DON'T FEED THE TROLL!Appunto!
      • GGG scrive:
        Re: In controtendenza
        - Scritto da: Nessuno qui
        Siamo sicuri che l'acXXXXX libero all'acqua sia
        una cosa giusta?Hai un contatore per l'acua correnteFai la patente nautica per navigareHai biisogno di un permesso per pescareAcXXXXX libero?!?!?!?
        Siamo sicuri che l'acXXXXX libero al telefono sia
        una cosa giusta?Ok. Dimmi dove abiti e uso il tuo, di telefono, che qui costa troppo.
        Siamo sicuri che l'acXXXXX libero alle biblioteche sia una cosa
        giusta?E certo... quando ti porti a casa un libro, il bibliotecario ti sorride e ti dice, gentilmente, di ricordarti di riportarlo, prima o poi, che lui non ha proprio la possibilità di sapere chi sei...
        DON'T FEED THE TROLL!Appunto. La smetto.-- GGG
    • GGG scrive:
      Re: In controtendenza
      - Scritto da: Alberto Berti
      Siamo sicuri che l'acXXXXX libero alla rete sia
      una cosa giusta?Anche io ho dei dubbi.Mi chiedo inoltre se, con l'avanzare dell'acXXXXX tramite UMTS, WiMax, LTE e similari, sia veramente così importante avere degli hotspot wifi spalancati all'utilizzo di tutti.Mi pare che si stia facendo una battaglia di principio (possibilità di acXXXXX ad internet) che l'attuale decreto però non nega, di base (chiede solo l'identificazione, e non capisco perchè l'articolista si riempia la bocca di parole abusate come "anticostituzionale").Su questo principio, condivisibile, se ne innesta un altro, ovvero la navigazione anonima, che ritengo molto meno condivisibile:non vedo, infatti, per quale motivo un qualunque individuo non dovrebbe essere responsabile di quel che fa tramite connessione ad internet (ed essere quindi identificabile), esattamente come per un guidatore è necessario avere CON SE la patente e non solo essere abilitato alla guida.Ribadisco: se ne sta facendo una questione di principio, a mio avviso per metà sbagliato, quando tecnologicamente la questione sarà superata nel giro di 5 anni.-- GGG
      • Alberto Berti scrive:
        Re: In controtendenza
        pienamente in linea con te...
      • Sgabbio scrive:
        Re: In controtendenza
        Il problema non è "tecnologicamente superato" perchè tale comma si può applicare anche ad altre tipologie di connessione simili.Comunque se qualcuno pensa che cosi in defult si è anonimi su internet, si sbaglia di grosso.
    • gnugnolo scrive:
      Re: In controtendenza
      Posso capire ancora ancora per quelli da 9 e 12 anni ma... di grazia... il tuo pargoletto di 5 anni (che quindi in teoria non sa ancora leggere o comunque sta imparando) che fa... va in giro al bar a prendersi il caffè e navigare col netbook o lo smartphone??? Dai su! Invece di delegare allo Stato l'educazione dei tuoi figli e limitare la libertà degli altri ADULTI pensa a fare il tuo dovere di genitore!
    • Antony scrive:
      Re: In controtendenza
      Concordo.Per me addirittura:- vuoi avere internet in areoporto? Paghi.- vuoi avere internet nelle bibblioteche? Paghi.Loro invece vogliono solo che tu ti faccia riconoscere, e puoi usare gratis.E allora dove sta il problema?Meglio pagare o perdere 5 minuti per farsi riconoscere?A voi la risposta che sarà soggettiva ;)
      • gnugnolo scrive:
        Re: In controtendenza
        Il problema non è tanto se gratis o pagamento... esistono entrambe le possibilità qui come nel resto del mondo. Il problema è tutta la trafila burocratica per gli utenti e per i gestori che frena un acXXXXX che da altre parti è immediato. Questo penalizza gli utenti che non vogliono delinquere, perché chi vuole delinquere di modi ne ha a bizzeffe e la "schedatura" di sicuro non li ha fermati. Allora a questo punto diamo le credenziali anche per salire sul bus perché tanto non si sa mai... potrebbe essere un terrorista dirottatore o suicida...
        • emarit scrive:
          Re: In controtendenza
          - Scritto da: gnugnolo
          Il problema non è tanto se gratis o pagamento...
          esistono entrambe le possibilità qui come nel
          resto del mondo. Il problema è tutta la trafila
          burocratica per gli utenti e per i gestori che
          frena un acXXXXX che da altre parti è immediato.Se da altre parti è così immediato non lo so, ma parrebbe di no o in via di cambiamento. Comunque l'italia è già un caso abbstanza particolare quanto consideri la massiccia influenza di mafia, camorra e ndrangheta in molte zone del centro sud (alcuni dicono anche al nord!).
          Questo penalizza gli utenti che non vogliono
          delinquere, perché chi vuole delinquere di modi
          ne ha a bizzeffe e la "schedatura" di sicuro non
          li ha fermati. Allora a questo punto diamo le
          credenziali anche per salire sul bus perché tanto
          non si sa mai... potrebbe essere un terrorista
          dirottatore o
          suicida...In che modo uno che sale su un autobus si può rendere anonimo? lo vedono tutti o no?poi tutto dipende dal contesto: in israele molti scuolabus erano-non so se lo sono ancora ma non mi stupirebbe se lo fossero in certe località- scortati dall'esercito.Una semplice procedura di autenticazione non farebbe male a nessuno. Poi se proprio al turista di passaggio in italia dovesse dar fastidio, magari si autentica in albergo o altrove (si troverà poi il modo più celere possibile). Non mi pare questo il più grosso dei problemi.
          • gnugnolo scrive:
            Re: In controtendenza
            Anonimo non invisibile!!! Sai cosa vuol dire anonimo??? Anche all'Internet caffè ti vedono... oh signur!!
          • emarit scrive:
            Re: In controtendenza
            - Scritto da: gnugnolo
            Anonimo non invisibile!!! Sai cosa vuol dire
            anonimo??? Anche all'Internet caffè ti vedono...
            oh
            signur!!L'anonimato sull'autobus è diverso da quello su internet. Non credo servano altre spiegazioni!!!
          • gnugnolo scrive:
            Re: In controtendenza
            E in base a cosa, di grazia?L'anonimato è anominato. Così come posso salire liberamente su un bus senza fornire il mio documento, pur potendo commettere reati anche peggiori di quelli compili per via telematica, non vedo perché lo debba fare per controllarmi la posta seduto in un caffè... è tanto difficile da capire? Sei mai stato all'estero? Tanto per rimanere all'esempio del bus. In Israele di bus ne hanno fatti saltare in aria parecchi negli ultimi anni, quindi il pericolo è comprovato e molto concreto, ma non ti chiedono le credenziali per salirvi... secondo te come mai?
        • gnugnolo scrive:
          Re: In controtendenza
          NOn ho l'ossessione dell'anonimato, della privacy o di altro, tanto che ho fatto sia la procedure col cellulare che quella con carta d'identità. Se avessi le intenzioni che dici tu ti pare che mi metta a sbandierare ai 4 venti chi sono e cosa sono venuto a fare nella rete wi-fi di tizio e caio?Si sta discutendo non solo delle libertà del singolo individuo ma del sistema adottato e di chi ti FORNISCE il servizio e dei paragoni con altri Paesi europei (non di Plutone) dove queste procedure NON ci sono e a) la comodità per l'utente e b) il business per il fornitore (che dipendono uno dall'altra) NON ne sono ostacolati ed è così da anni e non è sucXXXXX nulla di grave.Non ci pensi a tutta la trafila burocratica che c'è dietro? Se acquisisci i dati personali di qualcuno devi attenerti alla normativa sulla tutela dei dati personali, devi denunciare in questura, se usi il metodo col cellulare i dati chi li ha? L'operatore... chi li richiede all'operatore? Te li dà gratis? E il sistema per mandare l'SMS e generare la pw? A costo zero anche lui? Altre carte sopra carte e carte e carte... Con la carta di credito altra idiozia... non tutti gli esercizi commerciali accettano la carta di credito, figuriamoci poi per un euro. Insomma, per farla breve che ora non ho tempo di scrivere più, tutta una serie di lungaggini e bastoni tra le ruote. Ti pare che il turista che magari si ferma solo uno o due giorni si rompe le palle a premunirsi di carte prepagate o tutto quello che è stato suggerito finora per farsi un'oretta o anche meno in rete? Ti manda sai dove, no? Voglio vedere in un locale non dico pieno ma con vari clienti se il gestore deve perdere tempo a schedarli tutti e anche servirli... MA PER FAVORE!!!!Passo il confine, mi siedo, mi bevo il mio caffè e mi collego al max chiedendo la password e a costo zero senza far sapere a nessuno nulla e l'esercente ha solo il costo del router e dell'abbonamento che magari cmq si prendeva per i fatti suoi.
          • Albatros scrive:
            Re: In controtendenza
            - Scritto da: gnugnolo
            NOn ho l'ossessione dell'anonimato, della privacy
            o di altro, tanto che ho fatto sia la procedure
            col cellulare che quella con carta d'identità. Se
            avessi le intenzioni che dici tu ti pare che mi
            metta a sbandierare ai 4 venti chi sono e cosa
            sono venuto a fare nella rete wi-fi di tizio e
            caio?

            Si sta discutendo non solo delle libertà del
            singolo individuo ma del sistema adottato e di
            chi ti FORNISCE il servizio e dei paragoni con
            altri Paesi europei (non di Plutone) dove queste
            procedure NON ci sono e a) la comodità per
            l'utente e b) il business per il fornitore (che
            dipendono uno dall'altra) NON ne sono ostacolati
            ed è così da anni e non è sucXXXXX nulla di
            grave.

            Non ci pensi a tutta la trafila burocratica che
            c'è dietro? Se acquisisci i dati personali di
            qualcuno devi attenerti alla normativa sulla
            tutela dei dati personali, devi denunciare in
            questura, se usi il metodo col cellulare i dati
            chi li ha? L'operatore... chi li richiede
            all'operatore? Te li dà gratis? E il sistema per
            mandare l'SMS e generare la pw? A costo zero
            anche lui? Altre carte sopra carte e carte e
            carte... Con la carta di credito altra idiozia...
            non tutti gli esercizi commerciali accettano la
            carta di credito, figuriamoci poi per un euro.
            Insomma, per farla breve che ora non ho tempo di
            scrivere più, tutta una serie di lungaggini e
            bastoni tra le ruote. Ti pare che il turista che
            magari si ferma solo uno o due giorni si rompe le
            palle a premunirsi di carte prepagate o tutto
            quello che è stato suggerito finora per farsi
            un'oretta o anche meno in rete? Ti manda sai
            dove, no? Voglio vedere in un locale non dico
            pieno ma con vari clienti se il gestore deve
            perdere tempo a schedarli tutti e anche
            servirli... MA PER
            FAVORE!!!!
            Tu confondi le lungaggini burocratiche, che si possono semplificare e di molto se il legislatore lo vuole, anche e soprattutto considerando queste procedure di autenticazione specifiche , con il giusto, secondo me, utilizzo della identificazione prima che ti connetti alla rete.Il fatto che ci possano essere lungaggini ora, non significa che le cose in quel senso non si possano cambiare.
            Passo il confine, mi siedo, mi bevo il mio caffè
            e mi collego al max chiedendo la password e a
            costo zero senza far sapere a nessuno nulla e
            l'esercente ha solo il costo del router e
            dell'abbonamento che magari cmq si prendeva per i
            fatti
            suoi.Perchè passare il confine ti costerebbe e infastidirebbe di meno di una snella procedura di identificazione in Italia?Se vuoi giustificare a tutti i costi le tue tesi, allora è inutile parlare con te.
          • ChristianTN scrive:
            Re: In controtendenza
            ricevere un sms e questo è pagato dalla raccolta pubblicitaria che fa il fornitore del wi-fi non mi sembra tanto diverso dal guardare un canale tv privatounico proprio punto a tuo favore è il turista pigro che ha il diritto di girare senza carta di credito e comunque per tua informazione, molti alberghi fanno pagare la connessione internet, non credo che 1 euro per 2 ore di registrazione (o per tutto il soggiorno per esempio nelle zone coperte di Roma) siano una spesa mortificante... certo tocca avere una carta di credito... un'altra carta oltre le mille in portafoglio...ma il fatto che abbiamo (e mi ci metto) una cultura pigra non implica a chiedere la libertà assoluta
          • gnugnolo scrive:
            Re: In controtendenza
            - Scritto da: ChristianTN
            ricevere un sms e questo è pagato dalla raccolta
            pubblicitaria che fa il fornitore del wi-fi non
            mi sembra tanto diverso dal guardare un canale tv
            privato
            Ma che esempio è?? Io parlo dei problemi non solo per l'utente ma anche per il gestore del locale o dell'albergo che vuole offrire ai suoi clienti il collegamento. Ci mancherebbe anche che io paghi l'SMS in arrivo. Ma che raccolta pubblicitaria vuoi che faccia? Quale sarebbe il fornitore del wi-fi? Lo sai che gli SMS transitano sulle reti degli operatori e questi si fanno pagare? Sì? E gli SMS sui cellulari stranieri? Te li regalano? Ma non ti accorgi che è tutto un sistema per scoraggiare questo servizio???Il problema non è tanto il costo... al solito si guarda il dito... è l'adozione di tutto un sistema e una serie di cose ma non sto a rispiegarlo visto che ho scritto in chiarissimo italiano. Vorrà dire che la prossima volta scrivo in un'altra lingua così magari la gente capisce.
            unico proprio punto a tuo favore è il turista
            pigro che ha il diritto di girare senza carta di
            credito e comunque per tua informazione, molti
            alberghi fanno pagare la connessione internet,
            non credo che 1 euro per 2 ore di registrazione
            (o per tutto il soggiorno per esempio nelle zone
            coperte di Roma) siano una spesa mortificante...
            certo tocca avere una carta di credito...
            un'altra carta oltre le mille in
            portafoglio...
            ma il fatto che abbiamo (e mi ci metto) una
            cultura pigra non implica a chiedere la libertà
            assolutaTurista pigro? Ma ci pensi a quello che scrivi? Ma l'hai mai fatto il turista tu? Se uscito qualche volta da Roma e dall'Italia, sì?Stiamo parlando di un normale collegamento wi-fi aperto al pubblico, che sia per strada, in bar o in albergo è uguale. Guarda che lo so benissimo che alcuni hotel fanno pagare il collegamento. Non ho mai detto che debba essere sempre e comunque gratuito. Ma sapete leggere su questo forum, sì??? Il problema non è il costo, è il sistema. Ora uno è pigro se non vuole spendere un'euro?? Ma che discorso è? Sai cosa vuol dire "pigro"?? Hai letto i problemi che ho messo sul tavolo? Tu e quello sopra vi siete semplicemente fissati sul fatto dei costi... infatti non ho trovato un commento o una controproposta che sia una alle mie obiezioni ma solo... "eh non vuoi pagare sei pigro"...In quanto a "libertà assoluta" guarda... qui ormai anche quella appena appena relativa è messa male. Quindi io posso benissimo andare in un negozio o un supermercato e prendere un coltellaccio da cucina (ossia, dal punto di vista pratico, un'arma mortale) senza che nessuno mi chieda nulla e potrei anche sgozzare subito il primo che mi sta affianco senza nemmeno essere arrivato alla cassa ma se devo fare una ricerca 10 minuti tramite wi-fi in bar mi devono schedare... eh sì, così a Roma dormono tranquilli.
          • ChristianTN scrive:
            Re: In controtendenza
            guardati lamenti che gli altri non leggano quello che scrivi ma fai altrettanto...so benissimo che il gestore della rete mobile si fa pagare per far transitare un sms, ma cosa centra?io ho detto che è il fornitore del servizio a mandarti la password tramite sms, dopo che ti sei registrato sul suo portale, ma guarda i siti delle wi-fi cittadine che fanno questopoi per pigrizia mi intendevo di prendere l'abitudine ad avere anche una carta di credito con sè oltre le altre già presenti... questo per i turisti che non possono usare i cellulari stranieri per registrarsi...va beh, per me è chiusa qui, se vuoi avere ragione, ok, del resto come dici tu:non leggi e guardi al dito e non alla sostanza... autoaccusa?ho fatto il turista, e ti do una tristissima notizia, l'ho fatto per andare a visitare quei posti aldilà che ci fosse internet o meno e quando c'era ho fatto anche a meno di utilizzarlo, forse tu non hai mai fatto il turista e hai solo viaggiato per affari.chiudo qui il discorso perché quale controproposta vuoi da uno che propone l'acXXXXX libero e indiscriminato?
          • gnugnolo scrive:
            Re: In controtendenza
            - Scritto da: ChristianTN
            guarda
            ti lamenti che gli altri non leggano quello che
            scrivi ma fai
            altrettanto...
            so benissimo che il gestore della rete mobile si
            fa pagare per far transitare un sms, ma cosa
            centra?
            come cosa c'entra?? C'entra eccome... infatti gli operatori ci guadagnano 2x: 1) tramite i collegamenti 3G in mancanza di alternative libere di wi-fi 2) anche nel caso dei collegamenti wi-fi intascando i soldi degli SMS. Se parliamo di reti messe in piedi dalle PA i costi degi SMS li paghiamo io e te con le tasse anche se non usufruiamo del servizio... costo inutile perché non copre il costo del servizio (il collegamento senza fili per gli utenti) ma dà soldi a un terzo soggetto per un servizio inutile semplicemente imposto per legge. A questo punto meglio la carta d'identità, sai subito i dati e risparmi i costi degli SMS
            io ho detto che è il fornitore del servizio a
            mandarti la password tramite sms, dopo che ti sei
            registrato sul suo portale, ma guarda i siti
            delle wi-fi cittadine che fanno
            questo
            lo so benissimo e queto cosa c'entra con la raccolta pubblicitaria a cui accennavi prima? Il comune si fa pubblicità?
            poi per pigrizia mi intendevo di prendere
            l'abitudine ad avere anche una carta di credito
            con sè oltre le altre già presenti... questo per
            i turisti che non possono usare i cellulari
            stranieri per
            registrarsi...
            Secondo te uno se non ha la carta di credito non ce l'ha per pigrizia??? Ma che discorsi fai? Ne ho quante ne vuoi di c.c. e di altro tipo e allora? Sono iperattivo?
            va beh, per me è chiusa qui, se vuoi avere
            ragione, ok, del resto come dici
            tu:

            non leggi e guardi al dito e non alla sostanza...
            autoaccusa?
            Devo risponderti??
            ho fatto il turista, e ti do una tristissima
            notizia, l'ho fatto per andare a visitare quei
            posti aldilà che ci fosse internet o meno e
            quando c'era ho fatto anche a meno di
            utilizzarlo, forse tu non hai mai fatto il
            turista e hai solo viaggiato per
            affari.
            Ma non mi dire... ma ti pare che uno faccia il turista per collegarsi a Internet? Ma quanti anni hai?
            chiudo qui il discorso perché quale
            controproposta vuoi da uno che propone l'acXXXXX
            libero e
            indiscriminato?Tipo come nel resto del mondo civile? Oddio.. aiuto!!! Mamma li turchi! La controproposta la voglio da te insieme alle spiegazioni per le quali invece l'autenticazione è ASSOLUTAMENTE necessaria... non hai speso una parola in tal senso. Sai cosa vuol dire difendere una tesi?
          • ChristianTN scrive:
            Re: In controtendenza
            beh tu non hai speso parole a favore dell'anonimatola raccolta pubblicitaria era un riferimento a www.futur3.itpoi non aprire discorsi sui quali paga sempre il cittadino perché tale è anche quando la tua azienda prende un contributo per ampliare o tu per costruire casa oppure non paghi il canone della tv ma paghi perdendo tempo a guardare pubblicità... ne puoi tirare fin che vuoi di esempi a danno o pro il consumaotrepoi l'anonimato che ancora professi ad esempio degli altri Stati, è una proposta che riproponi solo per emulazione (e se fossero tutti gli altri a sbagliare?)non hai spiegato neppure tu perché è meglio essere anonimi invece che farsi identificare, 3 argomentazioni non valide (costo di un sms, perdita di 3 minuti di tempo, e omologazione agli altri paesi)dovresti spiegare perché l'anonimato è più importante della registrazione... del resto ti sei registrato per la tua utenza domesticasei contrario anche a registrarti per viaggiare in aereo?cosa dirai quando in futuro con le prossime carte di identità ti chiederanno anche le impronte digitali?qua non si tratta di argomentazioni, per te i costi sopra citati (inferiori ad 1 euro) sono inaccettabili, io invece li reputo accettabili.2 opinioni diverse, non ho intenzione di modificare la tua, a me sta bene che ci sia l'identificazione, a te no...
          • gnugnolo scrive:
            Re: In controtendenza
            - Scritto da: ChristianTN
            beh tu non hai speso parole a favore
            dell'anonimato
            la trovo una cosa talmente normale e naturale che non c'è molto da spiegare. Ti ho fatto diversi esempi di casi dove non avviene, ne vuoi altri? Usufruisco di un servizio di un locale al pari del cappuccino e della musica, dei servizi igienici, per i quali non mi devo identificare, per quale ragione per il wi-fi sì?
            la raccolta pubblicitaria era un riferimento a
            www.futur3.it
            poi non aprire discorsi sui quali paga sempre il
            cittadino perché tale è anche quando la tua
            azienda prende un contributo per ampliare o tu
            per costruire casa oppure non paghi il canone
            della tv ma paghi perdendo tempo a guardare
            pubblicità... ne puoi tirare fin che vuoi di
            esempi a danno o pro il
            consumaotre
            non ho aperto un discorso generale (tu lo stai facendo) ma ho controbattuto sollevando i problemi che LA TUA proposta comporta. Non ti svincolare tirando fuori cose che non c'entrano nulla.
            poi l'anonimato che ancora professi ad esempio
            degli altri Stati, è una proposta che riproponi
            solo per emulazione (e se fossero tutti gli altri
            a
            sbagliare?)Non hai ancora spiegato perché invece TU hai ragione e NON sbagli? Li ho tirati fuori perché esistono e li ho vissuti in prima persona come molti altri qui su PI. Evidentemente tu no e quindi non hai esperienza dell'altra soluzione. Se leggi qui su PI gli altri articoli e commenti a tema vedrai che non solo il solo a pensarla così, compresi articolisti e utenti qualsiasi. Abbiamo tutti torto? Vogliamo tutti saltare per aria o farci svuotare il conto o clonare la carta? Siamo tutti talmente fanatici della privacy e della libertà a scapito della "presunta" sicurezza o semplicemente dotati di buon senso?
            non hai spiegato neppure tu perché è meglio
            essere anonimi invece che farsi identificare, 3
            argomentazioni non valide (costo di un sms,
            perdita di 3 minuti di tempo, e omologazione agli
            altri
            paesi)Confondi gli argomenti a sfavore del sistema attuale con gli argomenti a favore dell'arternativa anomima e insisti sui costi, mancando ancora una volta lo sguardo d'insieme, le implicazioni per la società, gli esercenti, la comunità e i diritti civili e liquidando il tutto con... sei pigro e tirchio... complimenti. Non hai tirato fuori un argomento che sia UNO sul motivo per il quale ci si debba identificare? Se uno adotta una soluzione e delibera leggi lo fa avendo riflettuto sui fatti, cause e conseguenze. Esempio: la circolazione stradale DEVE avvenire tendendo un certo senso di marcia perché altrimenti se tutti facessero come meglio credono ci sarebbero incidenti. Pericolo -
            rimedio al pericolo.Per il wi-fi in bar il ragionamento qual'è?

            dovresti spiegare perché l'anonimato è più
            importante della registrazione... del resto ti
            sei registrato per la tua utenza
            domestica
            Non confondere un servizio (con tanto di contratto) erogato ogni giorno dell'anno verso un'abitazione (quindi fissa) e pagamenti mensili. Anche per avere l'auto si danno i dati ma per comprare il biglietto del bus o prendere il taxi no... capisci la differenza?
            sei contrario anche a registrarti per viaggiare
            in
            aereo?
            Io avevo fatto l'esempio del bus... non ti fissare ora con l'aereo e piuttosto rispondi su quello. Sono cose diverse. Poi negli ultimi anni hanno pure esagerato con varie misure. Ma un viaggio aereo è diverso, comporta tutta una serie di cose per le quali la registrazione è utile e necessaria. Ho detto da qualche parte di volere l'anomimato per i viaggi aerei? Non hai esposto argomenti solidi... riprova
            cosa dirai quando in futuro con le prossime carte
            di identità ti chiederanno anche le impronte
            digitali?
            Ce l'ho già da 5 anni la c.i. elettronica e l'ho appena rinnovata. Potrei avere delle perplessità ma ripeto: SONO COSE DIVERSE ESSERE CITTADINO E NAVIGARE IN BAR... ti stai fissando e svincoli ancora... riprova
            qua non si tratta di argomentazioni, per te i
            costi sopra citati (inferiori ad 1 euro) sono
            inaccettabili, io invece li reputo
            accettabili.
            E mi rimetti in bocca parole mai dette.... dove avrei detto che i costi sono inaccettabili? Ti stai inventando tutto tu perché - probabilmente - non hai le idee chiare nemmeno tu. L'articolo non è su quale sia il costo giusto dell'SMS...
            2 opinioni diverse, non ho intenzione di
            modificare la tua, a me sta bene che ci sia
            l'identificazione, a te
            no...E non hai spiegato il perché? Le cinture di sicurezza sono obbligatorie per non ferirsi. Sono anche queste un obbligo di legge, nato da una deduzione. Di nuovo, per il wi-fi quale sarebbe? Quali pericoli crea uno che si collega? E tali pericoli giustificano la schedatura? Elabora questi punti e sarò lieto di leggerli. Non sono qui per cambiare idea o farla cambiare agli altri. Potrebbe anche succedere ma non è la mia ossessione.
          • ChristianTN scrive:
            Re: In controtendenza
            - Scritto da: gnugnolo

            Per il wi-fi in bar il ragionamento qual'è?è evidente che abbiamo parlato di due cose diverse, a questo punto si può dire che anche tu hai guardato al dito...io parlavo di wi-fi cittadine e mi auguro che questo sia il futuro, tu parli di wi-fi al bar e 5 minuti di connessione... vedo nella mia città che gli esercizi commerciali spengono il loro contratto adsl e passano alla rete wi-fi che li esautora da fare registrazioni per acXXXXX alla rete (e fornisce connettività a metà o un terzo del prezzo di prima)io lavoro in IT ed eravamo tutti contrari al decreto pisanu come pensato, e ora siamo quasi tutti favorevoli a gestire un'identificazione su quel sistema che ti ho citato... del resto in IT i log si sono sempre fatti, per motivi di sicurezza interna e non per spionaggio pro-polizia



            dovresti spiegare perché l'anonimato è più

            importante della registrazione... del resto ti

            sei registrato per la tua utenza

            domestica



            Non confondere un servizio (con tanto di
            contratto) erogato ogni giorno dell'anno verso
            un'abitazione (quindi fissa) e pagamenti mensili.quindi convieni con me, se un servizio è utilizzato in maniera stabile e continuativa merita un contratto, ed io appunto parlavo di coperture di wi-fi, le quali puoi usare continuativamente e in maniera sostitutiva di una adsl fissa... evidentemente hai confuso anche tu il discorso tra servizio e tempo di utilizzazione dello stessonel centro della mia città abitano studenti in erasmus e usano internet wi-fi gratuito per 6-12 mesi, ritieni di paragonarlo al caffè al bar? o al contratto fisso?per 5 minuti di connessione convengo con te che la registrazione sia assurda e inutile, ma come discrimini l'acXXXXX di chi resta collegato settimane?stesso discorso lo potresti fare per il wi-fi di un bar, nessuno vieta al vicino del bar di connettersi continuativamente...sta di fatto che mi auguro che il futuro sia nelle wi-fi cittadine e un tal sistema di identificazione (per un servizio che puoi utilizzare in maniera stabile e continuativa) sia accettabiledel resto internet da 1mbit va considerato come il segnale tv o la radio e deve essere un diritto di tutti, una connessione così sarebbe sufficiente per prenotarsi la visita medica o alla massaia per leggersi la ricetta, senza dover sborsare ulteriori costi per un servizio che in realtà va più visto come un dirittociao e buona domenica a te
          • gnugnolo scrive:
            Re: In controtendenza
            - Scritto da: Albatros

            Tu confondi le lungaggini burocratiche, che si
            possono semplificare e di molto se il legislatore
            lo vuole, anche e soprattutto considerando queste
            procedure di autenticazione specifiche , con il
            giusto, secondo me, utilizzo della
            identificazione prima che ti connetti alla
            rete.
            Il fatto che ci possano essere lungaggini ora,
            non significa che le cose in quel senso non si
            possano
            cambiare.
            Non confondo nulla perché qualsiasi sistema tu usi comporta burocrazia (te l'ho spiegato prima) e la burocrazia scaturisc dalla legge. Se il legislatore vuole... dici tu... e ti pare che finora abbia voluto??Comunque, non mi è ancora chiaro il motivo per il quale secondo te l'identificazione è cosa buona e giusta. Spiegati.

            Passo il confine, mi siedo, mi bevo il mio
            caffè

            e mi collego al max chiedendo la password e a

            costo zero senza far sapere a nessuno nulla e

            l'esercente ha solo il costo del router e

            dell'abbonamento che magari cmq si prendeva per
            i

            fatti

            suoi.
            Perchè passare il confine ti costerebbe e
            infastidirebbe di meno di una snella procedura di
            identificazione in
            Italia?
            Se vuoi giustificare a tutti i costi le tue tesi,
            allora è inutile parlare con
            te.Passare il confine non mi costa nulla e lo posso fare quando voglio... anche più di un confine se è per questo ma non hai capito il punto. Non è che mi metto ad andare all'estero per connettermi 2 minuti in wi-fi in modo anonimo dato che la linea ce l'ho. Era per farti capire che negli altri Paesi non è come da noi. Anche questo te l'ho già spiegato prima e non solo io. Passa tu il confine... ti si aprirà un mondo!
    • Sgabbio scrive:
      Re: In controtendenza
      Non date da mangiare ai troll.
    • ruppolo scrive:
      Re: In controtendenza
      - Scritto da: Alberto Berti
      Siamo sicuri che l'acXXXXX libero alla rete sia
      una cosa
      giusta?Si.
      Io ho tre figli 12, 9 e 5 anni e non sono sicuro
      di essere contento che possano accedere alla rete
      dove e come vogliono...Quindi nemmeno di camminare per la strada dove e come vogliono... e come la risolvi la questione? Con una bella catena, come per il cane?
      in più la legge Pisanu
      che chiamate inutile ha fatto arrestare più
      pedofili e truffatori di quanto non crediate e
      questo lo so per certo per via del mio
      mestiere...Pedofili? Quelli che violentano i bambini o quelli che guardano le foto? O forse il 21-enne con la morosa 17-enne? Giusto per capire il livello di ipocrisia raggiunto ai giorni nostri, visto che tu sembri saperne cose che noi comuni mortali non sappiamo...
      L'idea della PEC è assurda... meglio
      un'autenticazione con carta di credito... Ma certo, è così difficile averne i dati di qualcuna... pensa a quando la dai al cameriere del ristorante...
      sono
      pochi i paesi dove l'acXXXXX è libero e gratuito
      (francia?) i più stanno tornando indietro (Usa).In USA stanno tornando indietro? Ma non mi dire, non sarà che hanno paura che possa capitare anche a loro di perdere una paio di torri, come è avvenuto a Milano? Come dici? Non era Milano?
      L'acXXXXX alla rete ha costi enormi perchè le mie
      tasse dovrebbero andare a finanziare una cosa che
      non è indispensabile ?Non è indispensabile? Nulla è indispensabile, a parte il cibo e l'aria. Nemmeno le automobili, sono indispensabili.
      Preferisco che gli
      amministratori spendano i miei soldi altrove:
      acXXXXX all'acqua, acXXXXX alle cure, acXXXXX al
      cibo, acXXXXX per i diversamente abili, libertà
      di culto, energia pulita... mamma mia quante cose
      vengono prima di internet!!!
      meditateSiamo per caso di fronte al bivio di dover scegliere tra acqua e Internet?Potevano usare i soldi che hanno speso per rinnovare le piazze di migliaia di paesi. Quelli, sono soldi buttati!
      • Sgabbio scrive:
        Re: In controtendenza
        un lato di ruppolo a me sconosciuto, non pensavo che fosse uno dei pochi che quando sente "pedofilia" tenga ancora il cervello acceso e ragiona :D
    • Guybrush Fuorisede scrive:
      Re: In controtendenza
      - Scritto da: Alberto Berti
      Siamo sicuri che l'acXXXXX libero alla rete sia
      una cosa
      giusta?Si.
      Io ho tre figli 12, 9 e 5 anni e non sono sicuro
      di essere contento che possano accedere alla rete
      dove e come vogliono...Si chiama educazione.Se non l'hai avuta tu è difficile che possa impartirne una ai tuoi figli.
      in più la legge Pisanu
      che chiamate inutile ha fatto arrestare più
      pedofili e truffatori di quanto non crediate e
      questo lo so per certo per via del mio
      mestiere...Nel 2006, siamo nel 2010 e i soggetti di cui sopra utilizzano da tempo sistemi che mettono a dura prova i mezzi a disposizione delle forze dell'ordine.Proprio grazie alla legge pisanu.
      L'idea della PEC è assurda... meglio
      un'autenticazione con carta di credito... sono
      pochi i paesi dove l'acXXXXX è libero e gratuito
      (francia?)E' libero ma non sempre gratuito: ti colleghi, paghi con carta di credito (o con ricaricabile) e via, andare.
      i più stanno tornando indietro (Usa).I piu'? Guarda, neanche in sri-lanka riescono a farne a meno.
      L'acXXXXX alla rete ha costi enormi perchè le mie
      tasse dovrebbero andare a finanziare una cosa che
      non è indispensabile ?Perche' finora e' stata interamente pagata dagli abbonati senza alcun contributo da parte dello stato italiano che, al contrario, ha tentato in tutti i modi di limitare e affossare?Si, in effetti in italia ci sono stati costi enormi per ogni abbonato. Ciononostante la rete c'e'.
      Preferisco che gli
      amministratori spendano i miei soldi altrove:
      acXXXXX all'acqua, acXXXXX alle cure, acXXXXX al
      cibo, acXXXXX per i diversamente abili, libertà
      di culto, energia pulita... mamma mia quante cose
      vengono prima di internet!!!Trollata spettacolare, comunque, complimenti.GTFS
  • Silvan scrive:
    20 giorni
    In 20 giorni avrebbe dovuto fare quel che non è stato fatto in cinque anni. Mi sembra una notizia alquanto pretestuosa.
    • gnugnolo scrive:
      Re: 20 giorni
      Quando però c'è da fare le leggi ad personam vedi come i tempi diventano quelli di Speedy Gonzales!
      • Silvan scrive:
        Re: 20 giorni
        Ma quali tempi rapidi d'Egitto. Per esempio del Lodo Alfano si è parlato per un anno intero e poi non se ne è fatto ancora niente. Questo solo perchè Berlusconi chiedeva di passare il tempo del mandato, non nelle aule giudiziarie, ma governando. Guarda alla riforma della Giustizia: Se ne parla da anni ed è ancora bloccata, indovina da chi. E qui si parla di un terribile ritardo di 20 giorni. "Ma mi facci il piacere" come diceva Totò.
        • Eugenio scrive:
          Re: 20 giorni
          Povero silvan, povero silvan ...il lodo Alfano non è passato perchè è stato dichiarato anticostituzionale. Sai cosa vuo dire? Che il provvedimento è stato recepito immediatamente dal Governo del "fare - sich" ma c'è stata di mezzo una sentenza di una Corte, che garantisce il rispetto della Costituzione - l'hai mai letta? - è che ha sancito che "la legge è uguale per tutti".In ogni caso non sono d'accordo neanche sul lasciar fare governare il corruttore mr. B perchè in questi due anni, fre tende e dacie, ha di fatto trascorso il suo tempo in feste festini, ed insieme a ragazzine a fare e disfare -per quanto gli riesce - il lettone di Putin.
          • gnugnolo scrive:
            Re: 20 giorni
            Eh ma sai... conoscere la verità a molti non fa comodo... Anche Riina era un uomo del fare eh... Hitler pure... lasciamoli fare sì dai...
  • misfits108 scrive:
    acXXXXX libero e tablet
    se il prossimo anno vogliono guadagnare sull'iva nella vendita dei tablet, un mercato che sembra in fase di esplosione, devono lasciare libero acXXXXX alla rete,,,altrimenti uno si compra l'ipad per tenerlo in casa ;-)
    • Sgabbio scrive:
      Re: acXXXXX libero e tablet
      Bhe in teoria ci sta quello con il 3g, che però costa 100 euro in più :(
    • Sgabbio scrive:
      Re: acXXXXX libero e tablet
      Bhe in teoria ci sta quello con il 3g, che però costa 100 euro in più :(
      • Nessuno qui scrive:
        Re: acXXXXX libero e tablet
        Difatti, io ho subito comprato quello con il 3G, previdente e memore dello stile italiano nel complicare le cose semplici.100 neuri non sono niente rispetto alla libertà di usare il tablet dovunque e comunque, regalando il dito medio ai nostri fini politicanti.Dirò di più: l'iPad senza 3G trovo che abbia una range di utilizzo troppo ridotto. Difatti, in fin dei conti, qui siamo in Italia: il cittadino DEVE sempre pagare per le mancanze della pubblica amministrazione.
        • gnugnolo scrive:
          Re: acXXXXX libero e tablet
          Sì ma il collegamento 3G mica te lo regala Babbo Natale...
        • Sgabbio scrive:
          Re: acXXXXX libero e tablet
          il problema è che non ci sono flat dati serie per il 3g, ma limiti di banda assurdi...
        • urrrr scrive:
          Re: acXXXXX libero e tablet
          Bè, il 3g in Italia non è proprio il massimo :(Cmq non serve a nulla l'ipad 3g a me. Ho trasformato il mio ihpone in un access point wireless. Quando mi serve connettermi con l'ipad e non ci sono wireless in giro con un "tap" accedo ed ho risparmiato 100 euro.Tantopiù che l'ipad non è un sostitutivo del telefono, quindi devi sempre avere un cellulare dietro.Proprio non capisco perchè dovrei spendere 100 euro in più quando con un semplcie "tap" ho esattamente la stessa cosa O.o
          • gnugnolo scrive:
            Re: acXXXXX libero e tablet
            Con JoikuSpot?
          • ruppolo scrive:
            Re: acXXXXX libero e tablet
            - Scritto da: urrrr
            Proprio non capisco perchè dovrei spendere 100
            euro in più quando con un semplcie "tap" ho
            esattamente la stessa cosa
            O.operché non è la stessa cosa, semplice.
          • lordream scrive:
            Re: acXXXXX libero e tablet
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: urrrr

            Proprio non capisco perchè dovrei spendere 100

            euro in più quando con un semplcie "tap" ho

            esattamente la stessa cosa

            O.o

            perché non è la stessa cosa, semplice.certo che no.. lasciare che i propri dispositivi rimangano castrati e limitati è dovere di ogni buon applefan
  • Medieval Optimum scrive:
    Basta fare film
    l'unica cosa che verrà variata sarà l'obbligo di denuncia presso la questura dei punti di acXXXXX, l'identificazione degli utenti non decadrà
  • ruppolo scrive:
    Buffoni
    e privi di palle.
  • www scrive:
    soluzione banale
    Per accedere a wifi pubbliche basta avere la Pec. Si fa richiesta di un user per accedere e si riceve la password nella propria cartella PEC. Al di là dell'ironia la cosa non permetterebbe anonimato,costringerebbe tutti a fare la pec, ma per scrivere un tale regolamento basta 1 riga e giusto il tempo di votarla in aula.La mia è una provocazione ma con un fondo di buon senso...
    • gnugnolo scrive:
      Re: soluzione banale
      "Legge" e "buon senso" nella stessa frase? ;-) Non fa parte della cultura politica.
      • www scrive:
        Re: soluzione banale
        hai ragione... pero' sarebbe un giusto compromesso tra la voglia di controllo e facilità di utilizzo...
        • gnugnolo scrive:
          Re: soluzione banale
          Io per ora vedo solo millemila rimandi a leggi e leggine che non ho voglia o tempo di andarmi a consultare. Tanto non cambierà nulla per mesi.
    • r1348 scrive:
      Re: soluzione banale
      E il turista giapponese che vuole mandare le foto coi piccioni alla zia di Kyoto che fa, si attacca? Fa la PEC pure lui?
      • gnugnolo scrive:
        Re: soluzione banale
        Vorrai mica che i governanti considerino pure turisti e compagnia bella? ;-) In fondo il turismo è una parte trascurabile dell'economica nazionale, no? Basta trattarli come Pompei ;-) Cmq magari che ora è crollato il lupanare, visti i gusti di silvietto bello... i soldi arrivano:)))
        • Sgabbio scrive:
          Re: soluzione banale
          Poi abbiamo un ministro del turismo che butta via i soldi per far causa ad autori di app per iphone dal tono ironico, invece di curare il turismo del paese.
          • gnugnolo scrive:
            Re: soluzione banale
            A parte il fatto che il min. del turismo doveva esssere abolito da referendum e poi non si sa come è riemerso... tra portale italia.it e rifiuti a Napoli come biglietti da visita non siamo messi benone;)
          • ChristianTN scrive:
            Re: soluzione banale
            - Scritto da: Sgabbio
            Poi abbiamo un ministro del turismo che butta via
            i soldi per far causa ad autori di app per iphone
            dal tono ironico, invece di curare il turismo del
            paese.oltre a credere che il tuo diritto all'anonimato sia assoluto e inalienabile, hai anche poche conoscenze di marketing
          • Sgabbio scrive:
            Re: soluzione banale
            per la serie: Rispondiamo alla pene di cane.Adesso cosa c'entra il diritto all'anonimato (che l'anonimato in defult su internet non esiste...ma molti se ne dimenticano), ma che marketing è buttare i soldi dello stato contro un app semi sconosciuta e innocua su iphone, mentre c'è napoli che sprofonda nell'immondizia, sfigurando tra i turisti, pomei cade a pezzi e Venezia affonda ?
          • ChristianTN scrive:
            Re: soluzione banale
            - Scritto da: Sgabbio
            per la serie: Rispondiamo alla pene di cane.

            Adesso cosa c'entra il diritto all'anonimato (che
            l'anonimato in defult su internet non esiste...ma
            molti se ne dimenticano), ma che marketing è
            buttare i soldi dello stato contro un app semi
            sconosciuta e innocua su iphone, mentre c'è
            napoli che sprofonda nell'immondizia, sfigurando
            tra i turisti, pomei cade a pezzi e Venezia
            affonda
            ?tutto è relativo, ma se parliamo dell'operazione del ministro del turismo, si parla di quella, se poi si deve relativizzare allora è meglio spendere soldi per pompei o per migliorare la sanità?sta bene o non sta bene è un operazione di marketing, poi si può non condividere... per quello che è costata al ministero (cioè una lettera) ce lo si può anche permettere (e sicuramente ha ottenuto l'obiettivo che si parlasse del turismo italiano)... se con il costo di una lettera sistemavi pompei o venezia, non lo so...
          • Sgabbio scrive:
            Re: soluzione banale
            - Scritto da: ChristianTN
            tutto è relativo, ma se parliamo dell'operazione
            del ministro del turismo, si parla di quella, se
            poi si deve relativizzare allora è meglio
            spendere soldi per pompei o per migliorare la
            sanità?Stai facendo un bel minestrone per confondere!
            sta bene o non sta bene è un operazione di
            marketing, poi si può non condividere... per
            quello che è costata al ministero (cioè una
            lettera) ce lo si può anche permettere (e
            sicuramente ha ottenuto l'obiettivo che si
            parlasse del turismo italiano)... se con il costo
            di una lettera sistemavi pompei o venezia, non lo
            so...Non solo non hai capito nulla di quel che ho detto, ma cerchi pure di rivolgermi contro le mie parole :D :D :DQuale razza di operazione di marketing è buttare i soldi al vento per inseguire cose che non ingiuriano nessuno, mentre si lasciano i centri turistici a morire ?
          • ChristianTN scrive:
            Re: soluzione banale
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: ChristianTN


            tutto è relativo, ma se parliamo dell'operazione

            del ministro del turismo, si parla di quella, se

            poi si deve relativizzare allora è meglio

            spendere soldi per pompei o per migliorare la

            sanità?

            Stai facendo un bel minestrone per confondere!ho seguito il tuo adagio, ne usciamo fuori e parliamo dell'operazione in merito? no? allora non ti lamentare



            sta bene o non sta bene è un operazione di

            marketing, poi si può non condividere... per

            quello che è costata al ministero (cioè una

            lettera) ce lo si può anche permettere (e

            sicuramente ha ottenuto l'obiettivo che si

            parlasse del turismo italiano)... se con il
            costo

            di una lettera sistemavi pompei o venezia, non
            lo

            so...

            Non solo non hai capito nulla di quel che ho
            detto, ma cerchi pure di rivolgermi contro le mie
            parole :D :D
            :D

            Quale razza di operazione di marketing è buttare
            i soldi al vento per inseguire cose che non
            ingiuriano nessuno, mentre si lasciano i centri
            turistici a morire
            ?ecco, come sopra, fai minestrone... discorso chiuso per me, è un'operazione di marketing, se vuoi continuare a relativizzare senza parlarne fai pure... ciao
    • Pierpaolo scrive:
      Re: soluzione banale
      Non tocchiamo il tasto PEC. Un'altra scemenza tutta italiana ruba soldi pubblici da dare al "raggruppamento temporaneo di impresa".
      • www scrive:
        Re: soluzione banale
        la mia era un aprovocazione eh? ... l'idea di partenza è usare un qualche mezzo ritenuto affidabile dai governanti per identificare qualcuno... io sono per il wifi aperto senza log...Per i turisti che ne so... magari alla frontiera insieme al visto viene attivato un account temporaneo XD ...
        • gnugnolo scrive:
          Re: soluzione banale
          Magari facendo un esame del DNA e poi per accedere all'hotspot devi inserire la tua sequenza genetica ;-)
        • durabo scrive:
          Re: soluzione banale
          Sì sì... avevo capito il post provocatorio: il mio era un post di "sfogo"... proprio non riesco a digerire la PEC.Per tornare sul tema diciamo che secondo me l'autenticazione la puoi fare tranquillamente tramite carta d'identità elettronica (senza altri cavolate varie o card inutili - vedi tessera sanitaria ancora mai attivata).I turisti? Semplice... quando devono venire in Italia gli fai richiede una carta temporanea (1,2,3 mesi di validità) e la usano alla stessa maniera. Se poi la carta d'identità elettronica diventa europea ti restano fuori solo gli altri del mondo.Che ne dite? Chi si butta con me nel progetto? :-D
  • Esprit scrive:
    Dopo Wikileaks
    Dopo Wikileaks le geniali menti politiche (mondiali) tenderanno a ridurre ulteriormente la facilità di acXXXXX libera alla Rete.I politici italiani, da buoni iper-lecchini, faranno ancora di piu'.Aspettiamoci una Pisanu Bis ancora piu' restrittiva !Assange for Nobel !
    • Sandro kensan scrive:
      Re: Dopo Wikileaks
      - Scritto da: Esprit
      Dopo Wikileaks le geniali menti politiche
      (mondiali) tenderanno a ridurre ulteriormente la
      facilità di acXXXXX libera alla
      Rete.
      I politici italiani, da buoni iper-lecchini,
      faranno ancora di
      piu'.
      Aspettiamoci una Pisanu Bis ancora piu'
      restrittiva
      !Sicuramente andrà peggio, non ci sono dubbi, anzi ci scommetterei cento euro.
      Assange for Nobel !Non male come idea, altro che pubblicizzare i dissidenti iraniani o cinesi, questi sono i premi nobel da assegnare, quelli che ci riguardano da vicinissimo.
      • ChristianTN scrive:
        Re: Dopo Wikileaks
        - Scritto da: Sandro kensan


        Assange for Nobel !

        Non male come idea, altro che pubblicizzare i
        dissidenti iraniani o cinesi, questi sono i premi
        nobel da assegnare, quelli che ci riguardano da
        vicinissimo.nobel in cosa? in hackeraggio?quei "dissidenti" sarebbero in quota ai nobel per la pace, ti sembra che assange abbia fatto questo per la pace?al limite un premio giornalistico, ma anche tale avrebbe dovuto analizzare le interrelazioni e interconnessioni tra i dispacci interni e la politica ufficiale, smascherando un complotto internazionale...finora mi sembra di aver letto gossip che già sapevo... forse qualcuno si era perso che mister B fa feste private in casa sua con presenza di giovani donne? tutto il resto sono chiacchiere, perché pure gli ambasciatori parlano per intuizione, se parlassero per certezza vorrebbe dire che sono ritrovati come attori più o meno attivi a certi festini(o più verosimilmente se avessero partecipato forse non direbbero nulla a tal proposito)
        • Sgabbio scrive:
          Re: Dopo Wikileaks
          Tg1 uccide la mente...
          • ChristianTN scrive:
            Re: Dopo Wikileaks
            - Scritto da: Sgabbio
            Tg1 uccide la mente...a me piace la cioccolato al peperoncino, anche a te?
          • Sgabbio scrive:
            Re: Dopo Wikileaks
            Perchè dire quelle cose su wikileaks è la dismostrazione che non hai nemmeno letto quello che hanno fatto.... mica ci stava solo il berlusca....Come il fatto che anni prima hanno sempre scovato cose poco carine, come i documenti riguardanti le discussioni segrete del ACTA...
          • ChristianTN scrive:
            Re: Dopo Wikileaks
            - Scritto da: Sgabbio
            Perchè dire quelle cose su wikileaks è la
            dismostrazione che non hai nemmeno letto quello
            che hanno fatto.... mica ci stava solo il
            berlusca....

            Come il fatto che anni prima hanno sempre scovato
            cose poco carine, come i documenti riguardanti le
            discussioni segrete del
            ACTA...cmq ti risulta che esista un nobel da potergli assegnare?illuminami sul resto, io non guardo mai tg1, seguo molti servizi e anche dall'estero... persino in Germania, l'hanno chiamato gossip il giorno dopo... se poi arriveranno nuove notizie molto più sconcertanti bene, ne sarei felicecmq a me non sembra che l'11 settembre della diplomazia come aveva previsto il ministro Frattini sia avvenuto...vediamo, forse è ancora presto
  • Massimo Mantellini scrive:
    arrabbiato
    sono piuttosto arrabbiato
    • Lord Kap scrive:
      Re: arrabbiato
      - Scritto da: massimo mantellini
      sono piuttosto arrabbiatoEh, un po' tutti quanti, credo... :-- Saluti, Kap
    • James Kirk scrive:
      Re: arrabbiato
      Mettiamoci il cuore in pace, per quest'anno non se ne farà niente.La liberalizzazione del wifi non s'ha da fare, almeno non prima di aver usato l'argomento in campagna elettorale.
    • gino caruso scrive:
      Re: arrabbiato
      Prendo spunto per fare un commento, rivolto a tutti.La promessa fatta da Maroni mi ricorda tanto la 'munnezza' di napoli.Insomma, parlano tanto, razzolano male e non concludono nulla di nulla.Mi domando solo quando la gente imparerà a non credere più alle favole che raccontano questi signori, perchè loro vivono solo ed esclusivamente con le bugie e le false promesse.Domani esce un libro interessante a proposito di strane collusioni.Non sono un lettore di libri, ma credo proprio che valga la pena di leggerlo. Anche se una mia idea gia me la sono fatta. Da tempo.Forse potrebbe essere un bel regalo di natale per qualche fanatico che crede ancora nelle favole.Saluti.
      • GGG scrive:
        Re: arrabbiato
        - Scritto da: gino caruso
        Domani esce un libro interessante a proposito di
        strane collusioni.Quindi un libro di insinuazioni?
        Non sono un lettore di libri, ma credo proprio
        che valga la pena di leggerlo. Anche se una mia
        idea gia me la sono fatta. Da
        tempo.E quindi che leggi a fare? Hai già la tua idea e sai già che è Giusta e Ponderata.
        Forse potrebbe essere un bel regalo di natale per
        qualche fanatico che crede ancora nelle
        favole.Ah, ecco... vuoi redimere il resto del mondo.Scusa, Maestro...-- GGG
  • banca scrive:
    promesso da ministro
    altro che marinai ahahahah
    • banca scrive:
      Re: promesso da ministro
      - Scritto da: banca
      altro che marinai ahahahahsisi, urbani è stato un famoso precedente..http://it.wikipedia.org/wiki/Legge_italiana_sul_peer-to-peer
Chiudi i commenti